A 75 anni, la NATO è ancora utile?

Oltre tre decenni dopo la fine della Guerra Fredda, l'Alleanza incoraggia comportamenti perversi e pericolosi nei suoi Stati membri.

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

 

James W. Carden – The American Conservative – 3 aprile 2024

 

Settantacinque anni fa, il 4 aprile 1949, i ministri degli Esteri di 12 Paesi europei e nordamericani si riunirono a Washington e firmarono il Trattato del Nord Atlantico che istituiva la NATO.

Con la guerra che infuria nell’Europa orientale e le richieste di alcuni alleati della NATO di inasprirla, è necessario affrontare questioni impopolari ma critiche riguardo alla storia dell’alleanza, alla sua continuazione e alla sua espansione, nonché alle sue ramificazioni per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. In effetti, diversi articoli di fede relativi ai successi e all’indispensabilità della NATO si rivelano, a un esame anche superficiale, molto discutibili, se non del tutto sbagliati.

Mentre le critiche all’alleanza sono di fatto proibite nella Washington di oggi, all’epoca della sua fondazione alcuni eminenti pensatori di politica estera americani, come Walter Lippmann, avvertivano che:

una grande potenza come gli Stati Uniti non ottiene alcun vantaggio e perde prestigio offrendo, anzi, spacciando le sue alleanze a tutti e a ciascuno. Un’alleanza dovrebbe essere una moneta diplomatica forte, preziosa e difficile da ottenere“.

Si potrebbe sostenere che la NATO era già obsoleta alla fine del suo primo decennio. Il grande storico ungherese-americano John Lukacs ha sostenuto che, a metà degli anni Cinquanta, i sovietici (dopo Stalin e dopo Beria) stavano battendo in ritirata dal centro dell’Europa. Nel 1954-55, accettarono, secondo le parole di Lukacs, un “ritiro reciproco” in Austria, aprendo la strada alla neutralità di quel Paese nella Guerra Fredda.  Nel giro di un anno i sovietici rinunciarono alla loro base navale in Finlandia (che da allora avrebbe goduto anch’essa dello status di neutralità, cioè fino all’anno scorso) e ricucirono i legami con la Jugoslavia di Tito. Secondo Lukacs, il 1956:

fu il punto di svolta della guerra fredda. Forse anche la sua fine, se per “guerra fredda” si intende la prospettiva diretta di una guerra effettiva tra le forze armate americane e russe in Europa“.

In assenza di sistemi di alleanze concorrenti, la guerra fredda avrebbe potuto concludersi decenni prima. Certamente l’incorporazione della Turchia nell’alleanza nel 1952 e la successiva decisione di collocarvi i missili Jupiter con armamento nucleare non contribuirono a favorire la pace e la stabilità tra Est e Ovest. Anzi, contribuirono a gettare le basi per la crisi dei missili nucleari [a Cuba] dell’ottobre 1962.

Cionondimeno, la decisione di continuare ed espandere l’alleanza fu presa a soli 24 mesi dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica. Per Clinton, l’impulso all’espansione proveniva dalla politica interna piuttosto che dalle esigenze di sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Come ha recentemente osservato l’ambasciatore Jack Matlock:

“La vera ragione per la quale Clinton ha deciso di farlo [l’espansione della NATO] è stata la politica interna. Ho testimoniato al Congresso contro l’espansione della NATO, dicendo che sarebbe stato un grande ‘errore’; quando sono uscito da quella testimonianza, un paio di persone che stavano osservando mi hanno chiesto: ‘Jack, perché ti stai battendo contro questo?’ E io ho risposto: ‘Perché penso che sia una cattiva idea’. Hanno detto: ‘Senti, Clinton vuole essere rieletto. Ha bisogno della Pennsylvania, del Michigan, dell’Illinois’…”.

Come molti all’epoca sapevano, il progetto era pieno di rischi. Ma nella Washington di trent’anni fa, si poteva avere un vero dibattito sui meriti di una o dell’altra politica estera senza essere etichettati come “fantocci” [manovrati da] stranieri o “apologeti” russi. In quegli anni, molti membri dell’establishment di Washington, non ultimi i senatori Daniel Patrick Moynihan e John Warner, manifestarono le loro obiezioni al progetto espansionistico.

Un gruppo di obiettori era guidato dalla nipote del Presidente Dwight Eisenhower. Nel 1997, la stimabile Susan Eisenhower pubblicò una lettera aperta nel tentativo di convincere Clinton a riconsiderare la rotta scelta. Definendo l’espansione della NATO un “errore politico di proporzioni storiche“, i 50 firmatari della lettera, tra cui i falchi di lunga data Paul Nitze e Richard Pipes, gli importanti senatori democratici Bill Bradley e Sam Nunn, e intellettuali come David Calleo e Owen Harries, avvertivano:

In Russia, l’espansione della NATO, che continua a essere osteggiata da tutto lo spettro politico, rafforzerà l’opposizione non democratica, indebolirà coloro che sono favorevoli alle riforme e alla cooperazione con l’Occidente e porterà i russi a mettere in discussione l’intero accordo post-Guerra Fredda.”

Più o meno nello stesso periodo, un articolo di Sherle Schwenninger del World Policy Institute osservava:

L’espansione della NATO minaccia di creare tensioni e conflitti nel cuore dell’Europa centrale e orientale che altrimenti non esisterebbero… L’amministrazione Clinton giustifica l’allargamento della NATO in parte come uno sforzo per evitare un nuovo vuoto di sicurezza nell’Europa centrale, ma anche se rimuove alcuni Paesi dalla competizione tra Est e Ovest, non fa che aumentare l’intensità potenziale della rivalità su altri, come gli Stati baltici e l’Ucraina.”

Chi di noi ha avuto la fortuna di conoscerlo e di lavorare con lui sapeva che Sherle aveva una speciale preveggenza, e i suoi avvertimenti di allora non facevano eccezione.

Oggi, i difensori della NATO si chiederanno senza dubbio: ma dopo l’invasione russa dell’Ucraina, la NATO è più che mai necessaria per tenere l’Europa al sicuro dall’orso russo?

Non proprio.

In primo luogo, come l’illustre politologo John Mearsheimer e altri hanno instancabilmente sottolineato, ci sono poche prove che Putin voglia tutta l’Ucraina, e ancor meno che voglia più proprietà immobiliari in Europa orientale. Pensiamo davvero che la Russia voglia assumersi l’onere di sostenere tre quarti di milione di pensionati polacchi? O sprecare altro sangue e tesori in quella che sicuramente sarebbe una feroce resistenza di guerriglia in Galizia? Il fatto è che alla Russia mancano sia i mezzi che la volontà di stabilire un’egemonia politica, economica e territoriale sul continente. Le argomentazioni contrarie si basano, per essere gentili, su un’incomprensione degli obiettivi della sicurezza nazionale russa. Il filosofo politico francese Emmanuel Todd (meno educatamente) ritiene che l’idea che la Russia abbia l’Europa nel mirino sia frutto di “fantasia e propaganda“.

La verità è che la Russia“, come scrive Todd nel suo nuovo libro La Defaite de la Occident (La sconfitta dell’Occidente), “con una popolazione in calo e un territorio di 17 milioni di chilometri quadrati, lungi dal voler conquistare nuovi territori, si chiede soprattutto come potrà continuare a occupare quelli che già possiede“.

Quindi, chiamiamo la NATO per quello che è: un’alleanza inutile che rappresenta un pericolo per il vero interesse di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. La NATO incoraggia i nostri partner a viaggiare a sbafo; incoraggia la sconsideratezza da parte di Stati clienti strategicamente insignificanti ma selvaggiamente bellicosi; incoraggia un comportamento incredibilmente autolesionista da parte di quelle nazioni che vogliono entrare a farne parte; incoraggia e contribuisce a consentire agli Stati Uniti di intromettersi in Medio Oriente e in Nord Africa dove non abbiamo praticamente nulla da fare.

Lo spettacolo è andato avanti per troppo tempo. Sicuramente 75 anni di NATO sono sufficienti – e otto decenni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, è ormai tempo che l’Europa si arrangi da sola.

 

James W. Carden è redattore di The American Conservative ed ex consigliere del Dipartimento di Stato americano.

 

Link: https://www.theamericanconservative.com/at-75-has-nato-outlived-its-use/

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
25 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
25
0
È il momento di condividere le tue opinionix