Home / Attualità / Censura e Legge marziale in Italia

Censura e Legge marziale in Italia

FONTE: CORVIDE (BLOG)

Caro diario,
Lo stato corporazionista si prepara a mantenere con la forza il potere nell’inferno urbano – formato da mega citta’  brutali e anarchiche, piene di bande di giovani disoccupati , da sottoproletari irrequieti, organizzazioni criminali e bande di hacker.
Non e’ il futuro. Sta accadendo ora, sotto gli sguardi degli Zombidioti Italioti.

Cominciamo da oltre oceano, l’esercito americano si prepara a combattere nelle metropoli, che devono prima essere svuotate dei civili e successivamente ripulite. Lo rivela the intercept, che e’, grazie a un FOIA, recentemente venuto in possesso di un video ad uso di propaganda interna dell’esercito USA.
Nel  l’esercito americano descrive

“criminal networks,” “substandard infrastructure,” “religious and ethnic tensions,” “impoverishment, slums,” “open landfills, over-burdened sewers,” and a “growing mass of unemployed.” The list, as long as it is grim, accompanies photos of garbage-choked streets, masked rock throwers, and riot cops battling protesters in the developing world. “Growth will magnify the increasing separation between rich and poor,

Festa cittadina a colpi di Beretta

Americanate?
Dopo 10 anni di assenza mi sono recato in Italia e passeggiando per le strade ho visto città occupate militarmente. La chiamano Operazione Strade Sicure. Ma da cosa ci devono proteggere esattamente?
La soldatessa nella foto di apertura e’ armata di un fucile automatico ARX 160 che spara 700 colpi al minuto. Si tratta della stessa arma che il nostro esercito impiegherebbe contro i Russi o i Talebani.
Ora, a chi crede alla propaganda che i soldati sono li a proteggerci dallo spauracchio dell’ISIS, consiglio di cambiare canale.
I soldati sono li per mantenere il controllo sociale, usando la forza contro la plebe inferocita dal collasso economico e sociale.
Durante la Festa della patrona di Catania, di Sant’Agata, ho visto schierati mezzi corazzati anti sommossa.

Non bastano le armi

Ma secondo i padroni dell’universo, il dissenso deve essere ucciso prima che possa divenire cinetico: in tutto il mondo occidentale la campagna che criminalizza le idee diverse, equiparandole a tradimento, se non peggio si e’ trasformata in proposte di legge.
Anche in Italia vi e’ una proposta in tal senso.
dall’articolo del Saker Italia:

L’impianto del progetto di legge si basa sostanzialmente su tre articoli:

Art. 1: € 5.000 di multa per chi pubblica “attraverso piattaforme informatiche” (quindi non organi di stampa ufficiali: la chiameremo clausola salva Goracci) notizie “false, esagerate, tendenziose, che riguardino dati o fatti manifestamente infondati o falsi”. Capito? L’”esagerazione” e la “tendenziosità” diventano reati. Sull’”antipatia” stiamo lavorando… ah già. Sull’antipatia non si può o finisce dentro tutta la maggioranza parlamentare.

Art. 2: € 5.000 di multa e minimo 12 mesi di reclusione  anche per “chiunque… svolga una attività tale da recare nocumento agli interessi pubblici o da fuorviare settori dell’opinione pubblica, anche attraverso campagne con l’utilizzo di piattaforme informatiche”. Montepremi raddoppiato (€ 10.000 e due anni di reclusione) per le campagne volte a “minare il processo democratico, anche a fini politici” (chi sa quali altri fini ci dovrebbero essere per minare il processo democratico… fare colpo sulla fidanzata?).

Art. 4: obbligo di comunicazione al Tribunale e di pubblicità della identità del responsabile del sito, ovvero il soggetto poi destinatario delle attenzioni di cui agli art. 1 e 2 (senza esclusione della responsabilità di eventuali autori terzi).

Un blogger come questo corvide, che crei “pubblico allarme” parlando di Collasso sociale e terza guerra mondiale  è passibile di reclusione non inferiore a 12 mesi.
Le Elite occidentali, incluse quelle Italiane, hanno gia’ fatto tutti i passi necessari -secondo loro- per contrastare quel collasso che sara’ negato e definito conspiratorio fino a quando ci spareranno addosso.

 

Fonte: http://corvide.blogspot.it

Link: http://corvide.blogspot.it/2017/02/censura-e-legge-marziale-in-italia.html

16.02.2017

Pubblicato da Davide

  • silvano

    La battaglia ha inizio signori miei….o noi o loro! Intanto per tutti i TG il problema è la Raggi

  • Germano Freni

    I ragazzi sono disperati
    questi sono i numeri…..
    http://www.usdebtclock.org/index.html

  • SanPap

    Edward Hopper torna a Roma
    Storie di solitudine urbana.
    http://cultura.biografieonline.it/automat-hopper/

  • gianni

    aggiungiamoci che nelle citta del nord l ‘ aria e ‘ irrespirabile

  • clausneghe

    Da Blogger posso dire che è durata sin troppo la manna per noialtri che ci arrischiamo a “spogliare il Re”. A scrivere in modo “diversamente abile”.
    C’era da aspettarselo questo colpo rancoroso del Potere che però almeno indica che diamo fastidio. Prima ti ignorano poi ti deridono alla fine ti combattono, ma noi vinceremo.
    Fa specie ma non troppo che abbiano usato la traditrice Gambaro per portare avanti questo disegno di censura Orwelliana. Grillo ha, a sua insaputa, allevato nidi di vipere nel suo hotel 5*…
    Personalmente con il mio Blog, ho già subito una censura, anzi una minaccia proveniente da ambienti con sede in via Socrate a Milano…
    Avevano inscenato una rissa verbale piena di offese mortali sui commenti ad un articolo con video sul Donbass. Commenti che non c’entravano nulla con l’articolo.
    A farla breve ho cancellato i commenti, chiuso la possibilità di commentare e infine ho smesso di scrivere. Troppi rischi per nulla. Ogni tanto mi rammento della misteriosa scomparsa di un amico di Rete, Franco Caddeo, Frankad su Luogocomune, e stringo i pugni ma contro un nemico invisibile è dura.
    Se vogliono vengono a prenderci tutti e chi ci difenderà?

    • Fabrizio Bertuzzi

      non avete spogliato nessun Re ma solo I pupazzi che il Re mette sul teatro.
      tranquilli, ha infiniti rimpiazzi…

  • Ronte

    Le troppe regole sanciscono il fallimento di uno Stato.
    In teoria lo Stato dovrebbe fungere da intermediario con la società, ma diventa oppressivo allorchè le interconnessioni che reggono una comunità si sfilacciano a tal puto da rendere la rottura probabile.
    In tempo di crisi oramai sistemica il potere avverte il pericolo del malcontento (al momento silente) e cerca con ogni mezzo di prevenire una qualche rivolta. Come? Prima di tutto nel soffocare i centri nevralgici dai quali potrebbero partire eventuali scosse (mondo del lavoro e studentesco), burocratizzando e ricattando. Poi usando la vecchia strategia del ‘dividi e comanda’ sgretolando e riducendo ai minimi termini la società: incutere terrore e paura (una volta la chiamavano strategia della tensione), e qui si va dal ‘rombo di tuono’ islamico, al vicino di casa pericoloso, all’exstracomunitario da rispedire a casa, ai luoghi di aggregazione fuori dalle righe, alla meningite, alla campagna antifumo, e mille altri pretesti.
    Tutto fa.
    Però la corda è quella, e potrà reggere alla lunga? Sarà sufficiente il militare sotto casa o per strada a manganellare qualsiasi dissenso, addirittura lo studente di 14 anni? Basterà l’illusionismo televisivo a tenere a bada per sempre la gente?
    Vedremo…

    • Holodoc

      In Italia le troppe regole è sempre stata la regola… paese e nazione fallito fin dalla sua nascita.

      • Ronte

        Forse se qualcuno (Togliatti) non avesse fermato la ‘Resistenza’ le cose sarebbero andate diversamente…

    • Lupis Tana

      ronte, se pensiamo che sono andati in casa di un 16enne per un po’ di mariajuana…, la finanza deve andare a casa di tipi alla berlusca oppure fare qualcos’altro oppure aiutare le persone che sono in difficoltà con le tasse, altro che un 16enne. la gente vuole sempre più militari.
      l’europa invece di fare leggi giuste ti manda l’esercito. siamo messi molto male.

      saluti tan lup

      • Gino

        Come si è spesso visto anche recentemente i vertici dei Carabinieri e della GdF sono stati coinvolti in vari tipi di inchieste.
        E’ chiaro che se in questo paese c’è una evasione fiscale endemica e patologica le forze dell’ordine preposte sono certamente co-colpevoli.

        Quando la ricchezza è in grandissima parte nelle mani di pochissimi, non è troppo difficile capire CHI è il vero evasore(evasori). Ma alla fine, per fare scena, si becca sempre il tizio che non fa lo scontrino, che sicuramente è colpevole ma non è certamente la vera causa del vero problema.

  • Holodoc

    Il potere ha usato benissimo la carta Internet, come una gigantesca trappola per topi.
    Dapprima ci hanno regalato la libertà di parola assoluta e la possibilità di raggiungere direttamente ogni persona in ogni parte del pianeta senza alcun filtro (fattore utile tra l’altro per accelerare la mondializzazione). E questo mezzo ha funzionato così bene che tutti i nostri rapporti sociali, amicizie, lavoro e anche movimenti di protesta ormai dipendono da esso.

    Hanno atteso pazientemente che tutti i topi entrassero nella trappola, e ora che il momento è arrivato la fanno scattare. ZAC! Tutti dentro! E tutti controllati dal Grande Fratello.

    Riguardo alla storia dei militari armati fino ai denti, li ho visti anch’io alla stazione di Firenze: è solo scena: un Humvee e 2 parà in assetto di guerra fanno più colpo di 100 in uniforme d’ordinanza.

    • Fabrizio Bertuzzi

      tutti caduti nella rete pensando di essere in un luogo libero invece il 99% delle volte si finisce a parlare delle cose che hanno mandato in onda sui media del potere.
      siamo un branco di gossippari, ignoranti e presuntuosi.

  • fastidioso

    Beh, l’articolo 4 mi piace.
    Per lo meno so chi seguire per avere informazioni censurate e fuori dal coro dei prostituti intellettuai, “presstituti” , come li chiama Fulvio Grimaldi :-)))

  • il gobbo

    la gambaro, questa “Giuda” in gonnella,spero che il non rimpianto Giuda dei
    tempi andati non si offenda, questa gambaro dicevo è stata una serpe in seno
    ai 5s (un grazie di cuore a Grillo che se continuava ad occuparsi di comiche
    era meglio per tutti) proprio costei che deve tutto alla rete, adesso è in prima fila
    per eliminarla, ma francamente possiamo lasciarglielo fare? Possiamo permettere
    che un triste(e brutta donna) personaggio ci riporti indietro di venti anni?
    Da parte mia lo zainetto tattico e l’elmetto sono pronti !
    Meglio un giorno da leoni che cento anni da pecora…

    • Gino

      ma 50 da orsacchiotto no?