Tutto quadra quando ci si rende conto che vogliono ucciderci

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Mike Whitney
unz.com

“È ora evidente che questi prodotti nel flusso sanguigno sono tossici per gli esseri umani. È necessaria una sospensione immediata del programma di vaccinazione e, allo stesso tempo, un’analisi di sicurezza indipendente per indagare la piena portata dei danni, che, secondo i dati dello Yellow Card del Regno Unito comprendono tromboembolia, malattia infiammatoria multisistemica, soppressione immunitaria, autoimmunità e anafilassi, così come il potenziamento anticorpo-dipendente (ADE).”  Tess Lawrie, Consulenza sulla medicina basata sulle evidenze.

“La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti.”  Efesini 6:12

Domanda – I vaccini mRNA sono stati testati sugli animali?

Risposta – Sì.

Domanda – Le prove sugli animali hanno avuto successo?

Risposta – Sì e no.

Sì, gli esperimenti sui topi hanno mostrato che una bassa dose di vaccino induce una robusta risposta anticorpale nei confronti dell’infezione.

Ma, no, gli anticorpi non sono stati in grado di attaccare la proteina spike di un diverso ceppo virale.

Domanda: non sono sicuro di cosa significhi? Vuol dire che il vaccino fornisce una protezione limitata dal virus originale (Wuhan), ma non necessariamente dalle varianti?

Risposta: è vero, ma è un po’ più complicato di così perché, quando il virus muta, gli anticorpi che hanno aiutato a combattere il virus originale possono effettivamente aumentare l'”infettività” della variante. In altre parole, gli anticorpi generati dal vaccino possono cambiare schieramento e aumentare la gravità della malattia. In poche parole, possono farti ammalare di più o ucciderti. Gli scienziati lo sanno da molto tempo. Leggete questo estratto da un documento di ricerca del 2005:

“Un vaccino contro un ceppo potrebbe peggiorare l’infezione con altri ceppi ….

Nello studio, Gary Nabel del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, aveva iniettato nei topi la proteina spike di un virus della SARS isolato da un paziente umano infettato all’inizio del 2003. Avevano poi raccolto gli anticorpi prodotti dagli animali. In esperimenti di laboratorio, avevano dimostrato che questi anticorpi non erano in grado di attaccare la proteina spike di un ceppo diverso di SARS, isolato da un paziente infettato alla fine del 2003….Il team aveva poi verificato se gli anticorpi avrebbero attaccato le proteine spike di due ceppi di SARS isolati dagli zibetti, gli animali che avrebbero originariamente trasmesso il virus all’uomo. In questo caso, avevano trovato indizi sul fatto che gli anticorpi erano effettivamente in grado di incrementare la capacità del virus di infettare le cellule….

I risultati mostrano che il virus cambia nel tempo, così che il ceppo dell’epidemia originale potrebbe essere molto diverso da quello di un’epidemia successiva. “Questo è un virus che non sta fermo e dobbiamo tenerne conto,” dice Nabel.

Ciò solleva la possibilità che un vaccino contro un ceppo del virus della SARS potrebbe rivelarsi inefficace contro altri ceppi. Peggio ancora, un vaccino contro un ceppo potrebbe addirittura aggravare un’infezione con il virus della SARS degli zibetti o di un’altra specie. “È chiaramente una preoccupazione,” afferma Nabel.

Questo non sarebbe il primo caso in cui l’esposizione ad un ceppo di un virus può peggiorare l’infezione di un altro.” (“Caution raised over SARS vaccine”, Nature)

Domanda: sono ancora confuso. Può riassumere quello che stanno dicendo?

Risposta – Certo. Stanno dicendo che gli scienziati sanno da quasi due decenni che i vaccini mirati esclusivamente ad un’unica proteina sono destinati a fallire. Stanno dicendo che la proteina spike è altamente adattabile ed è capace di cambiare la sua forma per sopravvivere. Dicono che i vaccini mirati alla proteina spike produrranno inevitabilmente varianti che eluderanno gli anticorpi generati dal vaccino. Dicono che focalizzando l’attenzione del vaccino alla sola proteina spike, le aziende farmaceutiche hanno fatto in modo che anticorpi precedentemente utili facessero dietrofront, permettendo al virus di entrare nelle cellule sane, replicarsi a volontà e provocare malattia o morte. Stanno dicendo che l’attuale messe di vaccini sta, di fatto, perpetuando la pandemia. E, dato che, negli ultimi 16 anni, la scienza è stata chiara, possiamo aggiungere un’altra osservazione, cioè che l’attuale approccio alla vaccinazione di massa non è né casuale, né raffazzonato né inaspettato. È intenzionale. I responsabili della campagna di vaccinazione stanno deliberatamente ignorando la scienza per sostenere uno stato di crisi permanente. La scienza viene manipolata per raggiungere un obiettivo politico.

Domanda – Penso che lei stia esagerando, ma vorrei tornare alle prove sugli animali invece di discutere di politica. Come probabilmente sa, i resoconti dei media non coincidono con la sua analisi, infatti, tutti gli articoli dei media mainstream dicono che gli esperimenti sugli animali erano stati un grande successo. Ecco un breve trafiletto che ho trovato oggi a conferma di quello che dico:

“…la vaccinazione di primati non umani con il vaccino mRNA ha indotto una robusta attività neutralizzante del SARS-CoV-2 e, in particolare, una rapida protezione nelle vie aeree superiori e inferiori….” (Covid-19, NIH.gov)

Domanda – Vuole forse dire che gli autori stanno mentendo?

Risposta – No, non stanno mentendo. È solo che non stanno dicendo tutta la verità e bisogna conoscere tutta la verità per poter prendere una decisione informata. I vaccini forniscono una certa protezione (temporanea). Questo non lo mettiamo in dubbio. Scatenano anche una forte risposta immunitaria. Non mettiamo in dubbio neanche questo. Ma che differenza fa? Lasciatemi spiegare: Diciamo che hai un brutto raffreddore e prendi un nuovo farmaco che pensi possa alleviare il fastidio. E, effettivamente un’ora dopo aver preso la pillola, miracolo, la congestione e il mal di testa sono completamente spariti. È fantastico, vero? Sbagliato, perché quello che non sai è che il farmaco contiene stricnina ad effetto retard che ti uccide tre giorni dopo. È ancora del parere che sia stata una buona idea assumere quel farmaco?

Naturalmente no. E la stessa regola si applica a questi vaccini che, in effetti, aumentano gli anticorpi e forniscono una certa “immunità” fugace. Ma possono anche uccidere. Non pensa che questo dovrebbe essere preso in considerazione nella sua decisione? Tenga presente che la gente muore 3, 4, 5 settimane dopo l’inoculazione, senza alcun preavviso. Molti di loro avrebbero potuto anche essere pieni di anticorpi, ma sono comunque morti. Riesce a vedere il problema?

Domanda – Ok, ma c’è ancora la questione degli esperimenti sugli animali. I media dicono che le aziende farmaceutiche hanno eseguito gli esperimenti sugli animali e che hanno avuto successo. Lei non è d’accordo?

Risposta – Non hanno avuto successo e i “fact checkers” che sono stati assunti per screditare i critici dei vaccini, come me, hanno deliberatamente distorto i risultati dei test. Per esempio, ecco un tipico articolo da “fact checker” intitolato “COVID-19 vaccines did not skip animal trials because of animal deaths pubblicato da Reuters. Eccone un estratto:

“I post che affermano che i produttori del vaccino COVID-19 avrebbero saltato i test sugli animali a causa della morte degli animali in quegli stessi test sono falsi. Pfizer-BioNTech, Moderna e Johnson & Johnson, che hanno ottenuto l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti, hanno tutti condotto prove sugli animali e non hanno avuto problemi di sicurezza significativi da segnalare.”

Sembra rassicurante, vero? Ma poi dicono:

“A causa dei vincoli temporali e dell’urgenza di trovare un vaccino per la COVID-19, Moderna e Pfizer hanno ricevuto l’approvazione per condurre contemporaneamente test sugli animali e le prove iniziali sugli esseri umani, invece di completare del tutto le prove sugli animali prima di passare ai test sugli esseri umani. Questo, tuttavia, non significa che i test sugli animali siano stati saltati o che la sicurezza dei vaccini sia stata compromessa.”

Vediamo se ho capito bene: Le aziende farmaceutiche avevano così tanta fretta che avevano condotto i loro esperimenti minimalisti sugli animali contemporaneamente a quelli sull’uomo (cosa senza precedenti) e poi avevano velocemente recapitato risultati alla FDA, in modo che [i loro vaccini] potessero essere omologati e approvati con un’autorizzazione per l’uso d’emergenza?

È così che è andata? Certo che è così.

Ma se [i test] erano stati fatti in fretta e furia in un paio di mesi, allora i “fact checkers” stanno tacitamente ammettendo che non ci sono dati di sicurezza a lungo termine.

E non ci sono dati di sicurezza a lungo termine, né c’è alcun tentativo di confutare i risultati dei precedenti esperimenti in cui i furetti, i topi e altri animali erano morti dopo la somministrazione di vaccini mRNA. Non lo negano, semplicemente lo ignorano, come se nasconderlo sotto il tappeto facesse sparire tutto. Ecco un estratto del documento di ricerca a cui Reuters fa riferimento nel suo articolo:

“Abbiamo dimostrato che i vaccini candidati… rispettivamente, inducono forti risposte immunitarie antigene-specifiche nei topi e nei macachi….Entrambi (i vaccini) hanno protetto i macachi di 2-4 anni dalla minaccia di infezione con il SARS-CoV-2 e c’è stata una ridotta rilevazione di RNA virale nei macachi immunizzati rispetto a quelli che avevano ricevuto la soluzione salina.” (Nota: abbiamo già riconosciuto che i vaccini producono una forte risposta immunitaria. Qui c’è di più:)

“I titoli GMT (Geometric Mean Titer) degli anticorpi neutralizzanti erano diminuiti entro il giorno 56 (35 giorni dopo la dose 2), coerentemente con la fase di contrazione; tuttavia, erano rimasti ben al di sopra del GMT del quadro serico umano. La durata dello studio non era stata abbastanza lunga per valutare il tasso di declino durante la fase di plateau della risposta anticorpale”. (“BNT162b vaccines protect rhesus macaques from SARS-CoV-2”, Nature)

Riesce a capire cos’era successo? Il test era durato solo 56 giorni, infatti nessuna delle prove sugli animali aveva superato i 56 giorni. Ci pensi un attimo. La ragione per cui nelle prove predenti gli animali erano morti è perché erano stati esposti ad una versione mutata del virus (selvaggio) che, alla fine, li aveva uccisi. Ecco come funziona l’ADE (antibody-dependent enhancement). Non succede da un giorno all’altro e non succede in 56 giorni. Ci vuole molto più tempo perché una versione mutata del virus emerga e reinfetti l’ospite. Le aziende farmaceutiche lo sanno. Non sono stupide. Quindi, il fatto che gli animali avessero espresso una forte risposta immunitaria è completamente irrilevante. Lo sappiamo che avevano espresso una forte risposta immunitaria. Sappiamo anche che erano morti alcuni mesi, dopo quando era emerso un ceppo diverso del virus. In conclusione: La produzione di anticorpi non significa che un farmaco sia sicuro.

Lo scopo ovvio di questi test [affrettati] era quello di portare i vaccini al traguardo prima che qualcuno capisse cosa stava succedendo. È la stessa ragione per cui le aziende farmaceutiche hanno eliminato il gruppo di controllo dai loro studi sull’uomo dopo che i vaccini avevano ottenuto il via libera dalla FDA. Subito dopo la conclusione degli studi [a breve termine], le persone nel braccio placebo [degli stuti a lungo termine] erano state autorizzate a farsi vaccinare.

Perché avrebbero fatto una cosa del genere? Perché avrebbero dovuto vaccinare persone che, volontariamente, avevano acconsentito a fare da cavie per il bene della salute pubblica, solo per essere vaccinate immediatamente dopo, eliminando così ogni possibilità di scoprire quali avrebbero potuto essere i problemi di sicurezza a lungo termine? Non ha senso, vero?

Date un’occhiata a questo breve estratto dal British Medical Journal, dove i ricercatori sono altrettanto sconcertati:

“Le aziende (farmaceutiche) dicono di avere l’obbligo etico di uscire dalla sperimentazione in doppio cieco, in modo che [anche i volontari del gruppo di controllo] possano ricevere il vaccino. Ma alcuni esperti temono una “disastrosa” perdita di informazioni critiche se anche ai volontari del braccio placebo di una sperimentazione venisse somministrato il farmaco…

Anche se la FDA ha concesso ai vaccini l’autorizzazione per l’uso di emergenza, per ottenere l’approvazione completa sono necessari due anni di dati di follow-up. I dati sono ora probabilmente scarsi e meno affidabili, visto che attualmente i test vengono, a tutti gli effetti, condotti non in cieco.

Il rappresentante dei consumatori Sheldon Toubman, avvocato e membro del comitato consultivo della FDA, ha detto che Pfizer e BioNTech non hanno dimostrato che il loro vaccino previene la Covid-19 grave. “La FDA dice che tutto ciò che possiamo fare è ipotizzare una protezione dalla forma grave della Covid; abbiamo bisogno di sapere che [il vaccino] è in grado di fare una cosa del genere,” ha detto.

Ha respinto le affermazioni secondo cui, sulla base dell’esperienza con altri vaccini, sei settimane di follow-up sarebbero sufficienti per accertare la sicurezza [di un farmaco]. ‘Sei settimane potrebbero non essere sufficienti per questo nuovo tipo di vaccino [mRNA] completamente nuovo e non testato,’ ha detto Toubman.

Toubman vorrebbe che tutte le aziende fossero obbligate a seguire gli stessi standard e dice che non dovrebbe essere permesso loro di inventarsi le proprie regole su come e quando far uscire uno studio dal doppio cieco. Ha detto a The BMJ che, anche se era “molto ottimista” sui vaccini, “mandare all’aria la sperimentazione” eliminando il gruppo di controllo “stabilirà, di fatto, uno standard per tutte le sperimentazioni future sui vaccini.” E questo, ha concluso, “è pericoloso.” (“Covid-19: Should vaccine trials be unblinded?” The British Medical Journal)

Le piace la frase: “mandare all’aria la sperimentazione”? Pensa che sia una descrizione corretta di ciò che le aziende farmaceutiche hanno fatto?

Sì, lo è.

E quale possibile motivo avrebbero avuto le aziende farmaceutiche per far saltare le prove? Vedo solo due possibilità:

  1. Pensano che il loro vaccino sia così fantastico che salverà la vita di molte delle persone nel gruppo placebo.

2. Si aspettano che un’alta percentuale di persone nel gruppo vaccino si ammali gravemente o muoia, quindi vogliono nascondere l’evidenza del danno legato al vaccino.

Quale delle due?

Conosce la risposta. Tutti quelli che assistono a questa farsa conoscono la risposta.

Domanda – Ok, andiamo al sodo: I vaccini sono sicuri o no?

Risposta – No, non sono sicuri. Il modo in cui decidiamo se un farmaco è sicuro o meno è quello di sottoporlo ad una rigorosa sequenza di test e prove cliniche. Dopo i test, i dati vengono passati a medici, statistici, chimici, farmacologi e altri scienziati che esaminano i dati e fanno le loro raccomandazioni o critiche. Questo non è successo con i vaccini Covid, infatti, tutti i normali standard e protocolli sono stati sospesi in nome dell'”urgenza.” Molti però credono che l'”urgenza” sia stata creata per far passare vaccini che non sarebbero mai stati approvati per i loro propri meriti. Tutto quello che dovete fare è guardare i dati sulle lesioni da vaccino (VAERS) e vedrete che questo è l’intervento medico più letale di tutti i tempi e, nonostante questo, gli esperti di salute pubblica, i media e il governo continuano a vantare che sono “sicuri ed efficaci.” È un’assurdità e le aziende farmaceutiche sanno che è un’assurdità ed è per questo che rifiutano ogni responsabilità per le persone che verranno uccise da queste “iniezioni di un veleno-mortale.”

Sapete cosa succede nel vostro organismo dopo che vi è stato iniettato uno di questi vaccini “basati sui geni”?

Una volta che il vaccino entra nel flusso sanguigno, penetra nelle cellule che rivestono i vasi sanguigni, costringendole a produrre le proteine spike, che sporgono nel flusso sanguigno come milioni di microscopiche punte. Queste spike attivano le piastrine del sangue che, a loro volta, innescano la coagulazione ematica, seguita subito dopo da una risposta immunitaria che distrugge le cellule infette, indebolendo così il sistema vascolare ed esaurendo la produzione di linfociti killer. In questo modo, il vaccino lancia un duplice attacco ad un’infrastruttura critica dell’organismo, causando danni diffusi ai tessuti in tutto il sistema circolatorio e lasciando il sistema immunitario meno capace di respingere future infezioni.

Ora, se pensate di poter vivere a lungo e felicemente senza un sistema circolatorio funzionante, allora niente di tutto questo importa. Ma se siete abbastanza intelligenti da capire che devastare il proprio sistema vascolare è la corsia preferenziale per il cimitero, allora probabilmente capirete che iniettarsi queste “iniezioni di un veleno mortale” è veramente una pessima un’idea.

A proposito, è una vera forzatura definire “vaccini” queste ibride iniezioni. Hanno tanto in comune con un vaccino tradizionale quanto un pitone con un tavolino da caffè.

Niente. L’appellativo “vaccino” è stato scelto per rafforzare la fiducia del pubblico, tutto qui. Fa parte di una strategia di marketing. Non c’è nessuna reale somiglianza [con un vero vaccino]. La maggior parte della gente ha fiducia nei vaccini e li vede come un fulgido esempio di successo medico. Le aziende farmaceutiche volevano sfruttare questa fiducia e usarla per i loro scopi. Ecco perché l’hanno chiamato “vaccino” invece di “terapia genica,” un termine che descrive più accuratamente ‘cosa fa’. Ma, come abbiamo detto, è solo una strategia di marketing.

Vi siete mai chiesti come mai le aziede farmaceutiche siano state in grado di lanciare i loro vaccini a poche settimane di distanza l’una dall’altra? Un’impresa notevole, non credete? Soprattutto considerando che lo sviluppo di un vaccino richiede tipicamente dai 10 ai 15 anni. Come pensate che ci siano riusciti? Ecco un estratto da un articolo che fornisce qualche informazione sull’argomento:

“Il virus responsabile dell’epidemia iniziata a Wuhan, in Cina, era stato identificato il 7 gennaio. Meno di una settimana dopo, il 13 gennaio, i ricercatori di Moderna e del NIH disponevano di una possibile sequenza [genica] per un vaccino mRNA contro di esso, e, come la società aveva scritto nei documenti inviati al governo, “c’eravamo mobilitati per la produzione clinica.” Il 24 febbraio, il team aveva inviato le fiale da uno stabilimento a Norwood, Mass, al National Institute of Allergy and Infectious Diseases, a Bethesda, Md, per una sperimentazione clinica pianificata volta a testare la sua sicurezza”. (“Researchers rush to test coronavirus vaccine in people without knowing how well it works in animals”, Stat)

Capito? “Il virus si era diffuso a Wuhan… il 7 gennaio e, meno di una settimana dopo, Moderna aveva già una possibile sequenza genica per un vaccino mRNA contro di esso?

Davvero? È la stessa Moderna che aveva giocato con la tecnologia mRNA per oltre un decennio senza essere mai riuscita portare con successo un vaccino sul mercato?

Sì, proprio la stessa azienda. Qui c’è di più:

“Il 24 febbraio, il team aveva inviato le fiale da uno stabilimento a Norwood, Mass.”
Caspita! Un altro miracolo Covid! C’è da rimanaere sbalorditi a guardare queste aziende che sfornano i loro “farmaci delle meraviglie” a velocità da record.

Tenete a mente che c’è un’alta probabilità che il virus sia stato creato dall’uomo (in altre parole, è un’arma biologica) e che le persone implicate nel finanziamento e nella creazione di quest’arma biologica siano anche strettamente allineate con le grandi aziende farmaceutiche che hanno prodotto l’antidoto a tempo di record, con decine di miliardi di dollari di profitti per un farmaco sul quale non sono stati eseguiti test affidabili sugli animali, di cui non si hanno dati sulla sicurezza a lungo termine e che non ha un’approvazione normativa formale.

Quindi lo chiederò di nuovo: Non suona tutto un po’ sospetto?

È davvero così difficile vedere i contorni di un’agenda politica? Dopo tutto, le aziende farmaceutiche non stanno forse lavorando con le agenzie di regolamentazione, che stanno lavorando con i funzionari della sanità pubblica, che stanno lavorando con i media, che stanno lavorando con i politici corrotti, che stanno lavorando con le agenzie di intelligence, che stanno lavorando con i miliardari globalisti impiccioni, che stanno lavorando con le gigantesche società di private equity che supervisionano l’intera operazione tirando i fili giusti quando occorre?

Sembra proprio di sì.

E gli sconvolgenti cambiamenti sociali che abbiamo visto nell’ultimo anno non hanno più a che fare con una più ampia campagna tipo terra bruciata lanciata dalla “classe dei parassiti” contro il resto dell’umanità che con un virus abbastanza blando da uccidere soprattutto persone anziane e fragili con molteplici condizioni di salute sottostanti?

Giusto, di nuovo. In effetti, molti, fin dall’inizio, hanno notato le crepe nell’artificio pandemico, così come molti hanno sottolineato che il virus-meme è solo la maschera dietro la quale i parassiti continuano a portare avanti il loro progetto di ristrutturazione globale. In breve, è tutta una questione politica; una nuda e cruda politica da Nuovo Ordine Mondiale, che non fa prigionieri.

Lei ha sollevato un certo numero di questioni sugli esperimenti sugli animali, ma nessuna sulla biodistribuzione e gli studi di farmacocinetica che erano stati fatti allo stesso tempo. Come mai?

Domanda: non sapevo ce ne fossero. I media ne hanno parlato?

Risposta – No, non l’hanno fatto. Li hanno completamente ignorati, anche se gli studi sono stati realizzati da Pfizer e forniscono informazioni essenziali su come il contenuto del vaccino si distribuisce nell’organismo, in quali quantità e per quanto tempo. Sapendo come il farmaco è distribuito, è possibile fare ipotesi ragionevoli sul suo effetto sugli organi e sui vari tessuti. In altre parole, questi studi hanno un valore inestimabile. I Doctors for Covid Ethics hanno fatto una ricerca approfondita su questi studi e hanno scritto un rapporto intitolato “Il vaccino mRNA della Pfizer: farmacocinetica e tossicità.” Ecco alcuni estratti che aiutano a capire i pericoli dei vaccini:

“Come per qualsiasi farmaco, una considerazione chiave per la tossicità dei vaccini COVID mRNA è dove esattamente si distribuiscono nell’organismo e per quanto tempo vi rimangono. Tali questioni, l’oggetto di studio della farmacocinetica, vengono di solito analizzate a fondo durante lo sviluppo del farmaco. Gli studi iniziali sulla farmacocinetica e anche sulla tossicità sono condotti sugli animali… questo documento ha implicazioni di vasta portata: dimostra che Pfizer – così come le autorità che erano state informate di questi dati – doveva essere  a conoscenza dei gravi rischi di eventi avversi post vaccinazione anche prima dell’inizio degli studi clinici. Ciononostante, gli stessi studi clinici di Pfizer non sono riusciti a monitorare nessuno dei rischi clinici chiaramente evidenziati da questi dati e le autorità di regolamentazione non sono riuscite a far rispettare standard adeguati di supervisione. Questo doppio fallimento ha causato il danno più grave nei confronti del pubblico….

Cosa fanno presagire i dati di Pfizer sugli animali per gli effetti biologici negli esseri umani?

Rapida comparsa della proteina spike nella circolazione ematica.

Tossicità per gli organi con alti tassi di assorbimento previsti, in particolare la placenta e le ghiandole mammarie durante l’allattamento

La penetrazione in alcuni organi potrebbe essere più alta con il vaccino reale che con questo modello a luciferasi….

Il rapido ingresso del modello di vaccino nella circolazione significa che dobbiamo aspettarci che la proteina spike venga espressa nel torrente ematico, in particolare dalle cellule endoteliali. Abbiamo visto prima che questo innescherà la coagulazione del sangue attraverso l’attivazione diretta delle piastrine e, cosa più importante, anche attraverso l’attacco immunitario alle cellule endoteliali ….

Riassunto

I dati di Pfizer sugli animali presagivano chiaramente i seguenti rischi e pericoli:

coagulazione ematica post vaccinazione, potenzialmente in grado di causare attacchi cardiaci, ictus e trombosi venosa

grave danno alla fertilità femminile

grave danno agli infanti allattati al seno

tossicità cumulativa dopo iniezioni multiple.

Con l’eccezione della fertilità femminile, che, ovviamente, non può essere valutata nel breve periodo di tempo in cui i vaccini sono in uso, tutti i rischi di cui sopra hanno avuto una tragica conferma dopo il lancio di questi prodotti; sono tutti riportati nelle segnalazioni ai vari registri degli eventi avversi. Questi registri contengono anche un numero considerevole di rapporti su aborti e feti nati morti dopo la vaccinazione, rapporti che avrebbe dovuto richiedere un’indagine urgente.
….
Di particolare preoccupazione è l’eliminazione molto lenta dei lipidi cationici tossici. In persone iniettate ripetutamente con vaccini mRNA contenenti questi lipidi… questo potrebbe dar luogo ad una tossicità cumulativa. C’è una reale possibilità che i lipidi cationici si accumulino nelle ovaie. Il grave rischio implicito per la fertilità femminile richiede la più urgente attenzione da parte del pubblico e delle autorità sanitarie.

Poiché i cosiddetti studi clinici sono stati condotti con tale negligenza, i veri studi si stanno verificando solo ora, su vasta scala e con risultati devastanti. … L’interruzione di questo esperimento fallito è attesa da tempo. Continuare o addirittura rendere obbligatorio l’uso di questo velenoso vaccino e l’imminente concessione della piena approvazione sono crimini contro l’umanità.” (“The Pfizer mRNA vaccine: pharmacokinetics and toxicity”, The Doctors for Covid Ethics)

Non pensa che le persone abbiano il diritto di sapere cosa il governo vuole iniettare nei loro corpi? Non pensa che abbiano il diritto di sapere come questo influenzerà il loro sistema immunitario, i loro organi vitali e la loro salute in generale? Non pensa che abbiano il diritto di decidere in piena autonomia quali farmaci prendere e quali rifiutare?

Costringere qualcuno ad assumere un farmaco contro la sua volontà, non è solo sbagliato. È anti-americano. Questo è il motivo per cui la gente dovrebbe considerare il rifiuto dell’obbligatorietà vaccinale come una questione di principio. È un attacco alla libertà personale, al fondamento del nostro sistema costituzionale. È un principio per cui vale la pena morire.

Per quanto riguarda la campagna di vaccinazione di massa, è il progetto più maniacalmente genocida mai concepito dall’uomo. Semplicemente, non c’è modo di calcolare le sofferenze e le morti a cui stiamo andando incontro per aver dato fiducia a persone le cui politiche sono ovviamente plasmate unicamente dal loro odio per l’umanità. Come ha detto il microbiologo tedesco Dr. Sucharit Bhakdi:

“Alla fine, vedremo malattie e decessi generalizzati in persone che, normalmente, avrebbero avuto una vita meravigliosa davanti a loro.”

È una grande tragedia.

Mike Whitney

Fonte: unz.com
Link: https://www.unz.com/mwhitney/it-all-makes-sense-once-you-realize-they-want-to-kill-us/
17.10.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
95 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
95
0
È il momento di condividere le tue opinionix