Home / Notizie dall'Italia / Trionfo inimmaginabile! Ed è la fine del premier sbruffone

Trionfo inimmaginabile! Ed è la fine del premier sbruffone

DI MARCELLO FOA

Il Cuore Del Mondo

Un risultato così netto era inimmaginabile e questa volta i sondaggi hanno sbagliato per eccesso di prudenza. Il NO non soltanto vince, trionfa con margini di distacco che, secondo gli exit poll, sono abissali.

Ed è estremamente significativo che la partecipazione alle urne sia stata molto alta. Questo è stato autenticamente, un voto popolare, che non lascia spazio ad interpretazioni e ad ambiguità.

Gli italiani hanno bocciato una riforma costituzionale che, se fosse stata approvata, avrebbe incrinato alcuni dei principi fondanti della democrazia e della Repubblica. E  contestualmente hanno bocciato irrevocabilmente un premier, Matteo Renzi, che poco meno di tre anni fa si era presentato come uno straordinario innovatore ed era considerato da molti come l’unica vera speranza per l’Italia, che però con il trascorrere del tempo ha mostrato il suo vero volto, quello di un premier sbruffone, voltagabbana, convinto di poter ingannare e illudere tutti con la sua straordinaria ma illusoria parlantina. Un “bomba”, come lo chiamavano i suoi compagni di classe.

Per un po’ gli italiani gli hanno dato ascolto, persino fiducia ma quando le promesse, gli annunci roboanti sull’Italia che riparte, sulla disoccupazione che scende, sui “rosiconi” che perdono, non trovano riscontri nella vita di ogni giorno, quella fiducia si è trasformata dapprima in perplessità, poi in diffidenza e nei casi estremi in vero e proprio odio.

La prospettiva di dare a un premier di questa risma poteri che non hanno paragoni nelle democrazie occidentali  è risultata intollerabile alla stragrande maggioranza degli elettori. E il fatto che Renzi si sia impegnato in prima persona con la foga di un gladiatore e facendo ampio ricorso a una propaganda che è risultata sovrastante e martellante rende ancor più cocente e significativa la sua sconfitta.

E’ un no alla riforma, è un no alla persona. Matteo Renzi, politicamente, è finito.

Gli italiani, invece, si associano al messaggio già formulato con forza dai britannici scegliendo la Brexit e dagli americani eleggendo Donald Trump. E non solo perché ancora una volta le intimidazioni e lo spin attraverso i media tradizionali è risultato inefficiente. Le vecchie regole della propaganda e della manipolazione per influenzare e intimidire i popoli, non sono più efficienti come un tempo.

Gli italiani hanno detto no all’establishment e alle élite transnazionali ed europee che hanno governato la globalizzazione, l’Europa e di fatto anche l’Italia, limitandone la sovranità e la possibilità di cambiare.

Gli italiani, come gli americani e come i britannici, vogliono un vero cambiamento, vogliono tornare padroni del proprio destino. Questa sì è una rivoluzione.

 

Marcello Foa

Fonte: http://blog.ilgiornale.it

Link: http://blog.ilgiornale.it/foa/2016/12/04/inimmaginabile-ed-e-la-fine-del-premier-sbruffone/

4.12.2016

Pubblicato da Davide

  • PersicusMagus

    Forse è proprio l’inizio di una rivoluzione.

  • PietroGE

    Secondo me gli italiani hanno votato con l’occhio sui problemi del Paese e hanno bocciato un governo incapace, eterodiretto, bombastico negli annunci e misero nelle riforme e nella sostanza di governo. Si sono accorti che il Paese è su un piano inclinato e che sta scivolando verso una condizione da terzo mondo. Inutile dire che tentare di risollevarlo non sarà un compito facile per nessuno.

  • Primadellesabbie

    Momento buono per porre assedio pacifico, ma massiccio e deciso a Montecitorio e chiedere elezioni?

  • antifemminismoragusa

    non vogliono capire che tutti quelli che fanno approvare i matrimoni gay sono buttati nel cesso della storia ( e comunque queste leggi pedopornografiche le cancelleremo COSTI QUEL CHE COSTI, il parlamento può fare IL POPOLO PUO’ DISFARE! )

    • WM

      La devi piantare di ripetere lo stesso commento in più articoli. Grazie

      • antifemminismoragusa

        o caca

  • PersicusMagus

    Intanto il dollaro guadagna lo 0,85 ancora prima dell’apertura in Europa.

    • PersicusMagus

      E il dollaro arriva a guadagnare l’1% PRIMA dell’apertura in Europa.
      Ragazzi, credo che sia arrivato il momento di trovare rifugio finché siamo in una fase tutto sommato neutrale.
      Ma durerà poco perché nel 2017 questa stasi artificiale in fondo ancora comoda è destinata a finire.
      Non subito, non proprio domani mattina, almeno credo, ma se succede quello che è prevedibile che succeda sarà un massacro.
      Alla faccia delle signorine universitarie che dicevano che si esce dall’euro e non succede niente.
      È inevitabile l’uscita o meglio il crollo ma credere che le rivoluzioni avvengano senza lacrime e sangue è solo una pia o ipocrita speranza.

      Ma tanto la gente non capisce…continueranno a chiacchierare di immigrazione, di nobile civiltà europea annacquata dal meticciato, di politiche keynesiane che risolvono tutto riportandolo “a come era prima, che si stava tanto bene”.
      Quando finisce uno Yuga non è uno scherzetto però come spettacolo vale la pena…

      In America per esempio gli Atlantidei memori del “passaggio” precedente sembrano molto divisi su che posizione prendere.

      Poi magari mi sbaglio…boh…

      • natascia

        Bisogna vedere per chi sarà il massacro….. Le classi inferiori, medie e lavoratori dipendenti sono forgiate.

  • AlbertoConti

    Abbiamo corso un grande rischio, ma è andata bene. Resta un 40% d’inconsapevoli a sostenere il “vero potere”, che vacilla ma non scompare di certo e diventa ancor più pericoloso. Il destino è ancora tutto da (ri)scrivere.

    • Mylan Key

      il Si e’ stato dei piddioti, degli statali e affini e dei creduloni e ignoranti

      • AlbertoConti

        A milano quasi il 65% di sì, come nella City col remain. I “piddioti” sono anche molti parassiti finanziari che difendono i loro 30 denari. Che merda!

  • Mario Vincenti

    Articolo che condivido al cento per cento tranne un solo punto: Renzi aveva da tempo pronto un piano b, sapeva che avrebbe potuto perdere, magari non con scarto cosi’ ampio. E’ chiaro che ora il suo ruolo nel pd e’ terminato, ora credo si appresti a varare il famoso “Partito della nazione”, un partito di centro che raccolga il voto dei moderati, assieme a personaggi tipo Tosi, Passera, Montezemolo, un partito che sia la voce del mondo finanziario, della confindustria e dei poteri forti. Un partito insomma che tenti di tenerci soggiogati alla Merkel e all’Europa.

    • Camillo

      Un partito dei masochisti? 😉

      • Mario Vincenti

        Un partito dei poteri forti che attragga voti dei moderati e che possa fungere da ago della bilancia: questo e’ il progetto, che a me personalmente fa schifo, ma che potrebbe avere successo.

    • Nicolass

      farebbe meglio a ritirarsi a vita privata non lo voterebbe più nessuno

      • Mario Vincenti

        Sai Renzi ha sempre un certo appeal nei confronti dei moderati e dei filoeuropeisti sfrenati, io penso che aspiri ad avere circa un dieci per cento e ad essere l’ago della bilancia. Nel pd lui e’ finito del resto, non ci sono discussioni.

  • Mylan Key

    VOGLIO DIRE DUE PAROLE SUL REFERENDUM. HA APPENA FINITO DI CIANCIARE
    L’ INDEFINIBILE . E dico che sensazione mi hanno fatte le sue parole. Ho la stomatite.
    1)Prima parte del discorso ha fatto gli onori al voto e si e’ lavato la
    faccia diplomaticamente, modello grandi della storia. Che significa,
    faccia da ……. E’ entrato da salvatore ed e’ uscito da eroe e pure da martire .
    2)Ha osannato i veri italiani del cambiamento e della vera Costituzione
    del SI , eroi e vittime , soppressi dal populismo ( detto tale e quale )
    , e li rimanda alla nuova vittoria prossime elezioni . ( Se ci saranno e
    gli italioti sono ancora beoni e itaglioni )
    3) Si e’ incensato sulle innumerevoli leggi fatte e scritte , fatte e scritte , fatte e
    scritte , fatte e scritte , fatte e scritte , e che sono il peso del suo
    sudore e della / delle troika/e IT pd e &, e si e’ profumato del
    contributo sociale apportato, sopratutto verso gli ultimi e verso il
    giusto4) Si dimette, ma rimane , lascia il mandato al Mattarello ,
    ma ha sfilato una serie di appuntamenti Italiani e Internazionali che li
    ha portati fino al 2018 , con tanto di responsabilita’ in prima persona
    5) Ha ringraziato cani e porci, italiani del si non populisti,
    moglie, figli, parenti e amici, e fratelli di tutto il mondo, come fosse
    in fase di trapasso a santita’ e opere di bene postume.
    6) Solo loro hanno fatto , gli altri, distruggono e non propongono nulla che serve
    al paese, perche’ solo la farina del suo sacco lievita ed e’ buona , e
    il male e’ la zizzania.

    ==== BENE. Non ha parlato di elezioni ,
    lasciando la mina in mano a un presunto altro governo tecnico, il che
    sarebbe inizio di guerra politica e civile. / Non ha parlato che di
    diritto e di manifestazione popolare a votare ci si va’ con Mattarello
    Porcellum o altra legge, che discussa, sarebbe ancora guerra a paralisi
    parlamento e governo. /
    E SOPRATUTTO, NON HA CONFESSATO IL SANTO , DEI MALI FATTI E FATTI SUBIRE,
    DELLATRESCA DEL SI VERA A FIRMA LASCITO COSCIENTE DEL SI DEL TUTTO ALLA TRESCA FINANZIARIA POTERE DEBITO , ALLE BALLE DETTE PROMESSE E MANCATE, AI SOLDI RUBATI ALLA GENTE PER LE LORO BANCHE, DEL DATO CHE IN PARTE E’ GIA’ STATO PRESO IN ALTRE STRADE, E DEL MANCATO CONTENZIOSO CON LA FRODE EUROPEA, E DEL MEA CULPA DELLA SUA RISMA PARTITICA E GOVERNATIVA CRIMINALE A GIRO PER IL MONDO A GENOCIDI E PLATEALMENTE COOPERANTE IN OGNI ZONA DI GUERRA CON INDUSTRIA BELLICA AUTORIZZATA A GENOCIDI DOVE LORO PRENDONO TANGENTI E SONO COLLUSI. E DELLA SCHIFEZZA UMANA E AFFARISTICA SULLE SPALLE DI OGNI ITALIANO DELLA PIAGA IMMIGRAZIONE A CAOS E DESTABILIZZAZIONE DEL PAESE.
    bla bla bla , e mi fermo qui altrimenti tiriamo fuori la cronologia del tutto . Avete capito si .

    CONCLUSIONE : RIMANE COSTITUZIONALMENTE OLTRE CHE NON ELETTO, che e’ poca cosa, UN MISERABILE MISTIFICATORE, UN MEGALOMANE, UN ESSERE DI QUALITA’ SCADUTA, UN INFANTILE PIFFERAIO CHE FA’ RIBREZZO SU UN PAESE DI MILIONI DI UMANI A DOPPIA FACCIA , UN IMBONITORE VENDI FROTTOLE DA BARACCONE, E UN BORGHESE SO’ TUTTO IO E VOI NON SIETE UN …… E HA I MEDIA CHE GLI DANNO VISIBILITA’ . Va bhe’ e’ democrazia , dicono il sistema, e pure
    Lui lo dice. Loro hanno rappresentato la democrazia . I NO , NO .

    EPOI . Facendo zappin su tutte le reti, i NO della coalizione stanno sul
    chi va’ la’, quelli di berlusconi attaccano perche’ pensano di
    ritornare, i NO alleati non populisti marcano esclusivamente la
    sconfitta e chiamano elezioni, E IL MOVIMENTO E’ ESPRESSO ESCLUSIVAMENTE
    SULLA BATTUTA DI GRILLO : adesso comincia il trenino, e inquadravano
    qualche centinaio di persone dei sindacati che vogliono elezioni e
    pulizia di tutti, manifestando davanti al parlamento.
    = Se ci saranno le elezioni, la vittoria con tanto di programma elettorale, deve
    essere schiacciante e determinante, a come uscirne ed entrarne in
    questo futuro caos. E questa risma di impediti e di complicati sulle sorti di un paese, deve proprio sparire.
    LIBERTA’ COSTITUZIONE SOVRANITA’ GIUSTIZIA PARITA’ deve essere il fare .
    Non ci sono altre soluzioni. Siamo come nell’ arca di Noe’, tutti , o entriamo da questa porta, o il tutto ci spazzera’ via .

    PS= Che roba. Vespa aveva la febbre. Al limite dell’ infarto. Ha vinto il
    NO, che ne sara’ di noi, delle banche,. del governo, delle istituzioni,
    dei rapporti internazionali, con l’ Europa, e chi andra’ per noi che
    andremmo a finire nelle mani dei piu’ abietti e incapaci ?
    Questa e’la para che attanaglia tutto e tutti di loro. Scomparire . Andare in
    mezzo alla gente. Vivere come vivono tanti, e guardare il mondo dal
    verso giusto , la paura di subire anziche’ far subire, e di essere
    trattati alla pari , nel e con il giusto .
    NON PENSATE, NON E’ FINITA, E’ APPENA COMINCIATA REALMENTE, QUI E ALTROVE NEL MONDO . Le placche statiche secolari, si stanno smuovendo.
    E a suon di terremoti, gli scontri usciranno, e le crisi piomberanno .
    O si prende in mano il bandolo di tutta la matassa e la si sgroviglia, o vedremo che sara’.
    Quando si accende la luce, il buio scompare. Questo e’ il messaggio.
    Ma se si rompe la lampadina, si naviga ancora nel buio. E la luce del buio e’ tanta.
    ===== Vediamo se riusciamo ad avere voce in Italia, in Europa, e nel Mondo =====
    Questo e’ il tutto: Esagerato ? No, e’ il minimo della dignita’, per esistere e sussistere.
    Il mondo ha bisogno di parole vere e di fatti veri . ( buttiamola e’ doverosa ) .

    • WM

      Milan, se un commento non si pubblica immediatamente, è inutile ripeterlo 100 volte e cambiargli la formattazione.
      Se non si pubblica subito vuol dire che contiene troppi links o parole chiave che devono essere revisionate da un amministratore, quindi, stai buono ed aspetta che sia pubblicato, senza continuare a reinviarlo.
      Grazie

      • Mylan Key

        ma le repliche le ho cancellate. mi dispiace che non leggano. se siete capaci da li, mi fate un favore. nessun link

      • Mylan Key

        2à scritto- e poi, l’ ho passato su ogni tipo di blok notes e word, non c’ era nulla da fare.

  • Nicolass

    l’enfant prodige della politica italiana era in realtà un bimbo minkia.. meno male che gli italiani se sono accorti…. ritorni nell’oblio lui e la sua spocchia spocchiosa

    • AlbertoConti

      meno di tre anni rispetto ai soliti 20 è effettivamente un risultato promettente. La fame aguzza l’ingegno? Sperem …

      • Primadellesabbie

        Un’ipotesi.
        Durante la caduta di costumi provocata dal berlusconismo la TV ha sviluppato un potere di influenza incredibile, anche tenuto conto del grande impatto che ha abitualmente. Restituire a Fede la sua dimensione, e farne percepire la pochezza umana, ha avuto un certo effetto e, unito alla sottaciuta ma inesorabile demitizzazione del ticoon, aiuta i sempliciotti a vedere questa tipologia di leader guai-a-chi-non-ci-crede con occhi un tantino disincantati, complice anche la stagnazione.

  • SanPap

    e tre, ora tocca alla Francia.
    Vogliono sostituire il “sociale” con il “privato”, ma il “privato” costa di più del “sociale”; hanno commesso l’errore di toglierci i mezzi per permetterci il “privato”, risultato non abbiamo più il “sociale” e non ci possiamo permettere il “privato”: un gigantesco rifiuto è il minimo che ci si doveva aspettare. Altro che risultati imprevedibili

    • Mylan Key

      E che fa’ la differenza, e’ la moneta potere carta e numeri sulla tastiera , sulle regole del vivere e delle Costituzioni, rovesciate a frode e rapina rubando beni , risparmi e vita della gente, e con l’ aggravante del corrompere pensieri morale e intelligenza mistificando come fossimo dei cretini, e il peggio, lo seminano nel mondo dove hanno gia’ destinato milioni di persone a sangue e miserie , arrivando persino a toccare il tasto rosso atomico, DOVE IL TUTTO ANCORA RIMANE.

    • Primadellesabbie

      Difficile che in Francia, come negli US, passi una donna a questi livelli.
      In questi Paesi le signore hanno grandi spazi, ma anche limiti invalicabili.

      Vedremo.

  • Mylan Key

    Il NO piu’ eclatante e’ stato dei Vicentini, che l’ hanno preso duro e sono ancora in standby
    Guardavo la cartina d’ Italia a Si e NO, e le regioni piu’ votate al SI , guarda a caso,
    sono la Toscana e l ‘ Emilia Romagna , solo loro . Incredibile il colore rosso SI del Trentino , regione autonoma. Hanno paura di entrare in Italia ? .

    • Holodoc

      Io ho parenti vicentini che all’epoca delle europee adoravano Renzi. Meno male si sono svegliati dal torpore.
      Sono costernato invece dei miei conterranei toscani, dove il Sì ha vinto persino nei comuni dove il PD e i renziani erano stati sconfitti alle amministrative.
      Che schifo!!!

    • natascia

      Il no dei vicentini è legato alla mazziata regalata loro dalla Volpe Banca Popolare di Vicenza in accoppiata con il gatto BlackRock: uno dei territori-locomotiva d’Italia derubato e messo in ginocchio senza che nessuno al governo si fosse ridestato dal torpore sospetto. Non so cosa si aspettassero da questo territorio.

  • clausneghe

    Benone.
    Altro che fino al 2018.
    Pinguino pantegato uscito malauguratamente dalle malsane melme dell’Arno, puoi gentilmente tornartene donde sei venuto..
    E portati via anche quell’indegno coro di taglia Boschi da strapazzo assortiti.
    Andatevene al Diavolo, che è ora.
    Ciao.

  • Nicolass

    dispiace solo per l’esito delle elezioni in Austria… stavolta i brogli hanno avuto successo

  • Scimmia

    articolo perfetto

  • Lupismacadam

    Diamo a Crozza quel che è di Crozza.
    La vittoria del NO e la salvezza della carta non la dobbiamo ai vari Berlusconi, Salvini, Meloni, Grillo, Bersani, che non l’hanno fermata quando era in parlamento.
    E neppure al popolo italiano fatto dalle vecchiette che volevano votare NO ma alla fine si sono spaventate che “portasse a un Trump italiano” .
    NO, lo dobbiamo a Crozza che venerdì dopo venerdì ci ha chiarito chi era il Bomba e l’ha distrutto.
    Il giorno dopo Nessuno lo ringrazia ma dovremmo essergli grati.

    • michele pacini

      Hai ragione ..penso esattamente la stessa cosa…e qualche merito anche a ‘la gabbia’..Mentana sei proprio uno zerbino

  • Apollonio

    Il Rottamatore è stato rottamato dagli Italiani, i quali si sono accorti che più di rottamazione si trattava di semplice e aggressiva occupazione del potere da parte dei suoi..!

    ora però si vedono troppi vincitori …! specialmente tra i nani della politica italica.

  • fastidioso

    Chi sta bene, col culo al caldo, come si suol dire, ha votato SI, vedasi Milano, la zona bene di Genova…ai Parioli com’è andata ? Qualcuno lo sa ?

  • ndr60

    “Matteo Renzi, politicamente, è finito”. Mi pare che Foa sia troppo ottimista. In Italia, la politica è come il maiale: non si butta via nulla. E dopo Renzie, verrà qualche altro burattino eterodiretto dalla troika, con lo stesso programmino bocciato a furor di popolo. Perché di una cosa possiamo essere sicuri: questi non si riposano MAI.