Siamo noi i cattivi?

Il sostegno occidentale al genocidio a Gaza significa che la risposta è sì

 

Jonathan Cook – Middle East Eye – 27 dicembre 2023

 

La disperata campagna diffamatoria volta a difendere dei crimini di Israele mette in luce la miscela tossica di menzogne su cui si regge da decenni l’ordine democratico liberale

In un popolare sketch comico britannico ambientato durante la Seconda guerra mondiale, un ufficiale nazista vicino alle prime linee si rivolge a un collega e, in un momento di improvviso – e comico – dubbio su se stesso, chiede: “Siamo noi i cattivi?“.

A molti di noi è sembrato di vivere lo stesso momento, prolungato per quasi tre mesi, anche se non c’è stato nulla da ridere.

I leader occidentali non solo hanno appoggiato retoricamente una guerra genocida da parte di Israele contro Gaza, ma hanno fornito copertura diplomatica, armi e altra assistenza militare.

L’Occidente è pienamente complice della pulizia etnica di circa due milioni di palestinesi dalle loro case, nonché dell’uccisione di oltre 20.000 persone e del ferimento di molte altre decine di migliaia, la maggior parte delle quali donne e bambini.

I politici occidentali hanno insistito sul “diritto di difendersi” di Israele, che ha raso al suolo le infrastrutture critiche di Gaza, compresi gli edifici governativi, e ha fatto crollare il settore sanitario. La fame e le malattie stanno iniziando a colpire il resto della popolazione.

I palestinesi di Gaza non hanno dove fuggire, dove nascondersi dalle bombe di Israele fornite dagli Stati Uniti. Se alla fine gli sarà permesso di fuggire, sarà nel vicino Egitto. Dopo decenni di sfollamento, saranno finalmente esiliati in modo permanente dalla loro patria.

E mentre le capitali occidentali cercano di giustificare queste oscenità incolpando Hamas, i leader israeliani permettono ai loro soldati e alle milizie di coloni, sostenuti dallo Stato, di scatenarsi in Cisgiordania, dove non c’è Hamas, attaccando e uccidendo i palestinesi.

Nel difendere la distruzione di Gaza, i leader israeliani hanno prontamente fatto un’analogia con i bombardamenti incendiari degli alleati su città tedesche come Dresda – apparentemente senza vergognarsi del fatto che questi sono stati riconosciuti da tempo come alcuni dei peggiori crimini della Seconda Guerra Mondiale.

Israele sta conducendo una guerra coloniale di vecchio stampo contro la popolazione nativa, di tipo antecedente al diritto internazionale umanitario. E i leader occidentali fanno il tifo per loro.

Siamo sicuri di non essere noi i cattivi?

Rivolta degli schiavi

L’attacco di Israele a Gaza provoca la repulsione di molti perché sembra impossibile razionalizzarlo. Sembra un’inversione di tendenza. Mette a nudo qualcosa di primitivo e di brutto nel comportamento dell’Occidente, che per oltre 70 anni è stato oscurato da una patina di “progresso”, dai discorsi sul primato dei diritti umani, dallo sviluppo delle istituzioni internazionali, dalle regole di guerra, dalle pretese di umanitarismo.

Sì, queste affermazioni erano invariabilmente false. Vietnam, Kosovo, Afghanistan, Iraq, Libia e Ucraina sono stati tutti venduti sulla base di menzogne. Il vero obiettivo degli Stati Uniti, e dei suoi aiutanti della NATO, era quello di saccheggiare le risorse altrui, mantenere Washington come capobranco globale e arricchire un’élite occidentale.

Ma soprattutto, l’inganno è stato sostenuto da una narrazione generale che ha trascinato con sé molti occidentali. Le guerre dovevano contrastare la minaccia del comunismo sovietico, del “terrorismo” islamico o di un rinnovato imperialismo russo. E come corollario positivo, queste guerre sostenevano di liberare le donne oppresse, proteggere i diritti umani e promuovere la democrazia.

Questa volta nessuna di queste sovrapposizioni narrative funziona.

Non c’è nulla di umanitario nel bombardare i civili intrappolati a Gaza, trasformando la loro minuscola enclave in macerie che ricordano le zone disastrate dei terremoti, ma questa volta [si tratta di] una catastrofe interamente causata dall’uomo.

Nemmeno Israele ha la faccia tosta di affermare che sta liberando le donne e le ragazze di Gaza da Hamas mentre le uccide e le affama. Né finge di essere interessato alla promozione della democrazia. Piuttosto, Gaza è piena di “animali umani” e deve essere “spianata“.

Ed è stato praticamente impossibile far apparire Hamas, un gruppo di poche migliaia di combattenti rinchiusi a Gaza, come una minaccia credibile allo stile di vita dell’Occidente.

Hamas non può inviare alcun tipo di testata in Europa, tanto meno in 45 minuti. Il loro campo di prigionia, anche prima della sua distruzione, non è mai stato il cuore plausibile di un impero islamista pronto a invadere l’Occidente e a sottoporlo alla “sharia”.

In effetti, è stato a malapena possibile parlare di queste ultime settimane come di una guerra. Gaza non è uno Stato, non ha un esercito. È sotto occupazione da decenni e sotto assedio da 16 anni – un blocco in cui Israele ha contato le calorie consentite per mantenere un forte livello di malnutrizione tra i palestinesi.

Come ha notato lo studioso ebreo americano Norman Finkelstein, l’incursione di Hamas del 7 ottobre è meglio compresa non come una guerra ma come una rivolta di schiavi. E come le ribellioni degli schiavi nella storia – da quella di Spartaco contro i Romani a quella di Nat Turner in Virginia nel 1831 – era inevitabile che diventasse brutale e sanguinosa.

Siamo dalla parte delle guardie carcerarie assassine? Stiamo armando i proprietari delle piantagioni?

Gaslighting” di massa

In assenza di una giustificazione convincente per aiutare Israele nella sua campagna genocida a Gaza, i nostri leader devono condurre una guerra parallela contro l’opinione pubblica occidentale, o almeno contro le sue menti.

Mettere in dubbio il diritto di Israele di sterminare i palestinesi a Gaza, scandire uno slogan che chiede che i palestinesi siano liberi dall’occupazione e dall’assedio, volere uguali diritti per tutti nella regione: tutto ciò viene ora trattato come l’equivalente dell’antisemitismo.

Chiedere un cessate il fuoco per impedire che i palestinesi muoiano sotto le bombe significa odiare gli ebrei.

La misura in cui queste manipolazioni narrative non solo sono abominevoli, ma costituiscono esse stesse antisemitismo, dovrebbe essere ovvia, se non fossimo così implacabilmente e accuratamente manipolati dalla nostra classe dirigente.

Chi difende il genocidio di Israele suggerisce che non sono solo il governo e i militari di ultradestra israeliani, ma tutti gli ebrei a volere la distruzione di Gaza, la pulizia etnica della sua popolazione e l’uccisione di migliaia di bambini palestinesi.

Questo è il vero odio per gli ebrei.

Ma la strada per questa operazione di “gaslighting” di massa è spianata da tempo. È iniziata molto prima del livellamento di Gaza da parte di Israele.

Quando Jeremy Corbyn è stato eletto leader laburista nel 2015, ha portato per la prima volta un’agenda antimperialista significativa nel cuore della politica britannica. In quanto convinto sostenitore dei diritti dei palestinesi, è stato visto dall’establishment come una minaccia per Israele, uno Stato cliente degli Stati Uniti di importanza cruciale e perno della proiezione militare dell’Occidente nel Medio Oriente ricco di petrolio.

Era fatale che le élite occidentali ispondessero con un’ostilità senza precedenti a questa sfida alla loro eterna macchina da guerra. Questo sembra essere stato debitamente notato dal successore di Corbyn, Keir Starmer, che da allora si è assicurato di presentare i laburisti come i principali sostenitori della NATO.

Durante il mandato di Corbyn, l’establishment non ha perso tempo nell’elaborare la strategia migliore per mettere il leader laburista definitivamente in difficoltà e minare le sue consolidate credenziali antirazziste. È stato trasformato in un antisemita.

La campagna diffamatoria non solo ha danneggiato Corbyn personalmente, ma ha fatto a pezzi il Partito Laburista, trasformandolo in una marmaglia di fazioni in lotta tra loro, consumando tutte le energie del partito e rendendolo ineleggibile.

Campagna diffamatoria

Lo stesso programma è stato ora utilizzato contro gran parte dell’opinione pubblica britannica e statunitense.

Questo mese una larga maggioranza della Camera dei Rappresentanti ha approvato una risoluzione che equipara l’antisionismo – in questo caso l’opposizione alla guerra genocida di Israele contro Gaza – all’antisemitismo.

I manifestanti che hanno chiesto un cessate il fuoco per porre fine ai massacri a Gaza sono stati definiti “rivoltosi”, mentre il loro canto “dal fiume al mare”, che chiede parità di diritti tra ebrei israeliani e palestinesi, è stato denunciato come un “grido d’allarme per lo sradicamento dello Stato di Israele e del popolo ebraico“.

Ancora una volta, si tratta di un’ammissione involontaria da parte della classe dirigente occidentale che Israele – costituito come Stato ebraico sciovinista e coloniale – non potrà mai concedere ai palestinesi l’uguaglianza o libertà significative più di quanto il Sudafrica dell’apartheid abbia potuto fare per la popolazione nera autoctona.

In un’inversione completa della realtà, l’opposizione al genocidio è stata trasformata dai politici statunitensi in genocidio.

Questa campagna di diffamazione di massa è così distante dalla realtà che le élite occidentali si stanno addirittura rivoltando contro di sé per reprimere la libertà di parola e di pensiero nelle istituzioni in cui si suppone siano fortemente protette.

I rettori di tre importanti università statunitensi – da cui emergeranno i prossimi membri della classe dirigente – sono stati interrogati dal Congresso circa la minaccia di antisemitismo per gli studenti ebrei derivante dalle proteste che nei campus chiedono la fine delle uccisioni a Gaza.

L’ordine di priorità dell’Occidente è stato messo a nudo: proteggere la sensibilità ideologica di una parte di studenti ebrei che sostengono con fervore il diritto di Israele di uccidere i palestinesi è più importante che proteggere i palestinesi dal genocidio o difendere le libertà democratiche di base in Occidente per opporsi al genocidio.

La reticenza dei tre rettori a cedere alle richieste dei politici di eliminare la libertà di parola e di pensiero nei campus ha portato a una campagna per il disimpegno dei loro college e a richieste per il loro lcenziamento.

Una, Elizabeth Magill dell’Università della Pennsylvania, è già stata costretta a lasciare il suo incarico.

Questi sviluppi non sono il risultato di una strana e temporanea psicosi collettiva che ha colpito le istituzioni occidentali. Sono l’ennesima prova di una disperata incapacità di fermare la traiettoria a lungo termine dell’Occidente verso crisi su più fronti.

Sono il segno, innanzitutto, che la classe dirigente si rende conto di essere di nuovo visibile al pubblico come classe dirigente e che i suoi interessi cominciano a essere visti come completamente avulsi da quelli della gente comune. I nostri occhi stanno tornando a vedere.

Il semplice fatto che si possa di nuovo parlare di “insediamenti”, della “classe dirigente” e della “guerra di classe” senza sembrare disconnessi o nostalgici degli anni Cinquanta è un’indicazione di come la gestione della percezione – e la manipolazione narrativa – così centrale per sostenere il progetto politico occidentale dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, stia fallendo.

Le affermazioni sul trionfo dell’ordine liberaldemocratico dichiarate a gran voce alla fine degli anni Ottanta da intellettuali come Francis Fukuyama – o “la fine della storia“, come lui l’ha definita – appaiono oggi palesemente assurde.

E questo perché, in secondo luogo, le élite occidentali non hanno chiaramente risposte alle maggiori sfide della nostra epoca. Stanno annaspando nel tentativo di affrontare i paradossi intrinseci dell’ordine capitalistico che la democrazia liberale aveva il compito di oscurare.

La realtà sta facendo breccia nel rivestimento ideologico.

La più catastrofica è la crisi climatica. Il modello del capitalismo di consumo di massa e di competizione per il gusto di competere si sta rivelando suicida.

Le risorse limitate – soprattutto nelle nostre economie dipendenti dal petrolio – fanno sì che la crescita si riveli una stravaganza sempre più costosa. Coloro che sono stati educati fin dalla nascita ad aspirare a un tenore di vita migliore di quello dei loro genitori non stanno diventando più ricchi, ma più disillusi e amareggiati.

E la promessa di progresso – di società più gentili, più accoglienti e più eque – suona ormai come uno scherzo di cattivo gusto per la maggior parte degli occidentali di età inferiore ai 45 anni.

Un brodo di menzogne

L’affermazione che l’Occidente è il migliore comincia a sembrare, anche al pubblico occidentale, che poggi su fondamenta traballanti.

Ma questa idea si è sgretolata molto tempo fa all’estero, nei Paesi devastati dalla macchina da guerra dell’Occidente o in attesa del loro turno. L’ordine liberaldemocratico non offre loro altro che minacce: esige fedeltà o punizione.

Questo è il contesto dell’attuale genocidio a Gaza.

Come sostiene, Israele è in prima linea, ma non in uno scontro di civiltà. È un avamposto esposto e precario dell’ordine liberaldemocratico, dove le menzogne sulla democrazia e sul liberalismo sono più tossiche e poco convincenti.

Israele è uno Stato di apartheid mascherato da “unica democrazia del Medio Oriente”. Le sue brutali forze di occupazione si mascherano come “l’esercito più morale del mondo”. E ora il genocidio di Israele a Gaza è mascherato da “eliminazione di Hamas”.

Israele ha sempre dovuto nascondere queste falsità con l’intimidazione. Chiunque osi denunciare gli inganni viene tacciato di antisemitismo.

Ma questo programma è suonato grossolanamente offensivo – persino disumano – quando si tratta di fermare il genocidio a Gaza.

Dove porterà tutto questo?

Quasi dieci anni fa, lo studioso e attivista per la pace israeliano Jeff Halper scrisse un libro, “War Against the People”, in cui avvertiva: “In una guerra infinita al terrorismo, siamo tutti condannati a diventare palestinesi“.

Non solo i “nemici” dell’Occidente, ma anche le sue popolazioni sarebbero state viste come una minaccia per gli interessi di una classe dirigente capitalista, che mira al proprio privilegio e arricchimento permanente, a prescindere dai costi per il resto di noi.

Questa argomentazione – che sembrava iperbolica quando l’ha esposta per la prima volta – comincia a sembrare preveggente.

Gaza non è solo la prima linea della guerra genocida di Israele contro il popolo palestinese. È anche una prima linea della guerra dell’élite occidentale alla nostra capacità di pensare in modo critico, di sviluppare modi di vita sostenibili e di chiedere che gli altri siano trattati con la dignità e l’umanità che ci aspettiamo per noi stessi.

Sì, le linee di battaglia sono tracciate. E chiunque si rifiuti di schierarsi con i cattivi è il nemico.

 

Jonathan_CookJonathan Cook è un giornalista britannico pluripremiato. Ha vissuto a Nazareth, in Israele, per 20 anni. È tornato nel Regno Unito nel 2021.
È autore di tre libri sul conflitto israelo-palestinese: Blood and Religion: The Unmasking of the Jewish State (2006). Israel and the Clash of Civilisations: Iraq, Iran and the Plan to Remake the Middle East (2008). Disappearing Palestine: Israel’s Experiments in Human Despair (2008)

Link: https://www.jonathan-cook.net/2023-12-27/baddies-genocide-gaza-answer/

 

Scelto e tradotto (IMC) da CptHook per ComeDonChisciotte

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
43 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
43
0
È il momento di condividere le tue opinionix