Sessualità e confini

Questo caso di studio è un estratto del libro “Foundations of International Relations” (Londra, 2022, Bloomsbury) di Stephen McGlinchey.

www.e-ir.info

Di Rosie Walters

Traduzione di Costantino Ceoldo per ComeDonChisciotte.org

 

Gli Stati del Nord globale sono spesso pronti a proclamare il loro sostegno ai diritti LGBTQ+ a livello internazionale e ad ammonire gli Stati che non li rispettano. Ma, in alcuni casi, il trattamento riservato ai migranti LGBTQ+ suggerisce che hanno ancora un po’ di strada da fare prima di essere all’altezza degli ideali che sposano. Molti governi pongono la cosiddetta “condizionalità gay” alle donazioni di aiuti agli Stati del Sud globale, imponendo loro di porre fine ai divieti sull’omosessualità e alla persecuzione delle persone LBGTQ+ per poter ricevere aiuti. È una mossa che risuona con le idee coloniali di portare la civiltà e i valori liberali ai popoli del Sud globale (Kahlina e Ristivojecić 2015).

La teoria queer offre utili spunti in questo senso. La “condizionalità gay” stabilisce un binario semplicistico tra l’Occidente e il resto, tra i valori moderni, civilizzati e liberali e l’omofobia superata e barbarica. Eppure, gli studiosi del Sud globale notano l’ironia del fatto che in molti Stati ex colonizzati, le leggi che vietano l’omosessualità sono state redatte dalle stesse potenze del Nord globale che ora cercano di costringerle a ritrattare (Chankia et al. 2013). Ad esempio, mentre l’omofobia istituzionalizzata in alcuni Stati africani viene spesso presentata come il risultato di valori tradizionali e culturali risalenti a secoli fa, gli atteggiamenti attuali verso la sessualità sono stati pesantemente influenzati e modellati dal cristianesimo predicato dai missionari coloniali. La “condizionalità gay” potrebbe essere vista come un esempio di una lunga storia di Stati del Nord globale che violano la sovranità degli Stati del Sud tentando di imporre politiche e legislazioni, cambiare atteggiamenti e norme sociali, questa volta come condizione per aiuti a cui non possono permettersi di rinunciare (Velasco 2019).

Nonostante il Nord globale affermi di proteggere i diritti dei gruppi minoritari, quando le persone LGBTQ+ provenienti da Stati del Sud globale cercano sicurezza dalle persecuzioni nel Nord globale, raramente hanno successo. Ad esempio, nel Regno Unito nel 2009, circa il 73% di tutte le richieste di asilo presentate da richiedenti asilo per qualsiasi motivo sono state respinte nella fase iniziale del processo decisionale, ma per le richieste presentate da lesbiche e gay che dichiaravano di temere di essere perseguitati nel proprio Stato a causa della loro sessualità, il tasso di rifiuto nella fase iniziale era tra il 98 e il 99% (Giametta 2017). Anche in questo caso, ciò sfida i discorsi lineari e semplicistici che vedono il Nord globale come un luogo sicuro e tollerante per le persone LGBTQ+, libero dal pericolo e dall’intolleranza del Sud.

A differenza di coloro che chiedono asilo a causa della loro etnia, religione o opinioni politiche, i richiedenti asilo LGBTQ+ devono affrontare un doppio onere della prova. In primo luogo, devono dimostrare allo Stato ospitante che le persone LGBTQ+, in quanto gruppo, non sono sicure nel loro Stato di origine e, in secondo luogo, devono dimostrare di essere loro stessi un membro di quel gruppo. Questo processo può essere estremamente invasivo e può esporli all’omofobia istituzionalizzata e all’ignoranza sulle identità LGBTQ+. Negli Stati Uniti sono stati documentati casi in cui i giudici dell’immigrazione hanno inizialmente negato la richiesta di asilo a uomini gay perché non sembravano effeminati. Ad altri è stato chiesto di fornire lettere di testimonianza di ex amanti, anche se questi ultimi vivevano ancora in uno Stato in cui l’omosessualità è un reato – e quindi scrivere una lettera del genere li avrebbe messi a rischio (Gross 2018). Spesso, il fatto di aver vissuto la propria vita fino a quel momento in uno Stato in cui l’omosessualità è illegale significa che i richiedenti asilo LGBTQ+ hanno poche prove del loro orientamento sessuale a sostegno della loro domanda, poiché (per prendere a prestito un termine comune) hanno vissuto “nascondendosi nell’armadio”. Allo stesso modo, se una persona trans ha vissuto tutta la vita in uno Stato in cui le persone trans sono perseguitate, è molto improbabile che abbia effettuato la transizione e che sia in grado di mostrare “prove” della propria identità di genere.

Mentre i tassi di accettazione delle domande di asilo di uomini gay e donne lesbiche sono bassi, quelli delle richieste di asilo di persone bisessuali sono ancora più bassi. Anche in questo caso, l’omofobia istituzionalizzata e le idee sbagliate sulla bisessualità determinano una mancanza di comprensione delle esperienze di questo gruppo e dei pericoli che corre. Un richiedente asilo bisessuale potrebbe aver vissuto fino ad ora come eterosessuale per evitare i pericoli che il “coming out” come bisessuale potrebbe causare nel suo Stato di origine. Trasferendosi in un nuovo Stato per vivere finalmente la propria vera identità, per definizione, non ha prove né del proprio orientamento sessuale né delle persecuzioni subite in patria. C’è anche la percezione che possano facilmente tornare nel proprio Stato e continuare a vivere come eterosessuali, ignorando il trauma che questo causerebbe loro e il pericolo che correrebbero se la loro vera identità venisse scoperta. Alcuni richiedenti asilo bisessuali scelgono quindi di fare domanda di asilo come gay o lesbiche, ma devono poi affrontare la conseguenza che, se ottengono il permesso di rimanere nella nuova patria scelta, se in futuro volessero sposare un membro del sesso opposto, potrebbero essere arrestati per frode ed espulsi (Gross 2018).

Le donne lesbiche e bisessuali sono particolarmente svantaggiate dal dover dimostrare la propria sessualità durante una richiesta di asilo, perché la persecuzione che subiscono è spesso di dominio privato. Anche in questo caso, il binomio pubblico/privato è importante. Mentre l’immagine tipica della persecuzione è quella di una persona molestata in pubblico o minacciata di arresto, in molti contesti del mondo in cui l’omosessualità è illegale, le norme sociali conservatrici confinano anche le donne nella sfera domestica, come è stato sottolineato in precedenza. Il pericolo per loro non è quindi rappresentato dallo Stato, ma piuttosto dal marito o dai membri della famiglia che possono agire con violenza se scoprono il loro orientamento sessuale. Queste donne avranno poche prove per dimostrare i pericoli che hanno affrontato, se non nei loro ricordi e nei loro racconti. Gli stessi Stati che predicano l’uguaglianza LGBTQ+ a livello internazionale deportano regolarmente queste donne in Stati dove rischiano la morte, perché non comprendono la persecuzione che potrebbero subire nella sfera privata a causa della loro sessualità.

In questo caso, analizzare gli eventi da una prospettiva di teoria queer o postcoloniale, e guardare oltre i discorsi lineari e semplicistici come moderno/tradizionale, sicuro/non sicuro e pubblico/privato, ci permette di vedere come le pretese degli Stati del Nord globale di promuovere i diritti delle persone LGBTQ+ nel mondo possano servire a mascherare le violazioni dei diritti delle persone LGBTQ+ del Sud globale da parte di quegli stessi Stati.

Di Rosie Walters

Fonte: https://www.e-ir.info/2023/11/28/sexuality-and-borders/

Traduzione di Costantino Ceoldo per ComeDonChisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
28 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
28
0
È il momento di condividere le tue opinionix