Secondo la Deutsche Bank, l’ ”Età del Disordine” sarà quella che verrà dopo la morte della globalizzazione

di Alfredo Jalife Rahme

Un rapporto schiacciante di Deutsche Bank conferma la prossima fine della globalizzazione e ne denuncia la sostituzione con “l’era del disordine” con otto temi che la faranno da cornice, tra cui spicca l’ascesa della Cina a massima potenza tecno-economica. Invece di una guerra militare tra Stati Uniti e Cina, il rapporto prevede l’aggravarsi della guerra economica.

Un team di Deutsche Bank, guidato da Jim Reid, amministratore delegato e stratega della banca tedesca, immagina The Age of Disorder : A New Age for Economics, Politics and Our Way of Life2.

Nel loro studio del 2020 sul rendimento a lungo termine degli asset, il team in questione giudica che “il mondo è all’apice di una nuova era che sarà caratterizzata principalmente dal disordine con un probabile allentamento della globalizzazione che ha creato una rapida crescita. dell’economia e dei prezzi delle attività negli ultimi 40 anni “.
Lo studio sostiene che l’Età del Disordine è stata accelerata, ma non causata dal coronavirus e che in termini geopolitici, “la tensione tra Stati Uniti e Cina dovrebbe caratterizzare l’Età del Disordine mentre la Cina continua nel suo cammino per ripristinare il suo ruolo storico di potenza economica. globale, preferendo i propri valori a quelli del liberalismo occidentale “.
Così com’è, “uno scontro di culture e interessi si stabilisce di conseguenza, soprattutto quando la Cina si avvicina a diventare la più grande economia del mondo”.

Nel suo studio sull’Età del disordine, il banchiere Jim Reid guarda ai rendimenti degli asset a lungo termine e sostiene cinque super-cicli strutturali che “rimodellano tutto, dalle economie ai prezzi degli asset, alla politica e alla vita. in generale”.

Reid identifica cinque super-cicli negli ultimi 160 anni:

La prima era della globalizzazione (1860-1914): che differisce minimamente dalla tesi fondamentale dell’illustre storico marxista britannico Eric Hobsbawm .
Le grandi guerre e la depressione (1914-1945): il che ci costringerebbe a chiederci, a mio avviso, se le grandi guerre e la depressione costituiscano il corollario della fine della globalizzazione. Oserei anche abbozzare che questo secondo super-ciclo potrebbe essere definito come la Prima era del disordine, nell’arco dei 160 anni proposti.
Bretton Woods e il ritorno a un sistema monetario basato sul gold standard (1945-1971): che si ricorda fu abolito dal presidente Nixon a causa della sua grande spesa militare nella guerra del Vietnam, che innescò il lungo periodo di volatilità e svalutazioni ai quattro angoli del pianeta.
L’inizio della moneta Flat e l’era dell’inflazione degli anni ’70 (1971-1980).
La seconda era della globalizzazione (1980-2020?)
The Age of Disorder (2020? – ????)
Un grave difetto dei sei super-cicli di Reid è che sono economisti / finanziatori ultra-riduzionisti e omettono la matrice operativa della geostrategia, come nel caso della dissoluzione dell’URSS che ha portato all’avvento della seconda era della globalizzazione. di caratteristiche anglosassoni e che riempiva il vuoto ideologico circostante.

Naturalmente, l’Età del disordine, che comporta profondi sconvolgimenti politici e socio-economici, segue la sua sequenza dalla fine della Seconda Era della globalizzazione.
In fin dei conti, Reid deduce che i rialzi dell’antigravità in borsa siano minacciati dall’avvento della Nuova era di disordine che prevede “otto grandi questioni globali”, che evidenzia il deterioramento delle relazioni tra Stati Uniti e Cina, oltre ai livelli debito globale esplosivo, iperinflazione selvaggia e disuguaglianza ancora maggiore di ricchezza e reddito.

Le otto questioni sollevate sono:
Deterioramento delle relazioni USA-Cina e rovesciamento della globalizzazione deregolamentata.
Un decennio di consolidamento o rottura per l’Europa: “nei prossimi 10 anni le opportunità per l’Europa di cavarsela sono diminuite”, mentre “il potenziale per un’ulteriore integrazione è stato aumentato dal recente” Recovery Found” e “divergenze delle condizioni economiche probabilmente aumenteranno ulteriormente e causeranno importanti punti di stress post-COVID “.
Debito ancora più alto e teoria monetaria moderna (MMT) con il denaro diffuso dell’elicottero che diventa la norma. Si ricorda che il denaro dell’elicottero traduce la metafora dell’ex governatore della Banca centrale degli Stati Uniti (la Federal Reserve), Ben Shalom Bernanke, che ha avvertito che avrebbe lasciato cadere enormi quantità di denaro dagli elicotteri per combattere la grave crisi finanziaria del 2008.
Inflazione o deflazione?
Peggioramento della disuguaglianza prima che si verifichi un contraccolpo o un’inversione.
Espansione della divisione intergenerazionale.
Installazione del dibattito sul clima e sue conseguenze
Rivoluzione tecnologica o bolla?: “I prossimi 10 anni mostreranno se la crescita esponenziale del valore delle aziende tecnologiche è valsa la pena” poiché questo può significare “l’inizio di una rivoluzione tecnologica o dimostrare che era il secondo punto bolla -com “.
Il banchiere Reid dà la sua dovuta importanza al dirompente ” divario intergenerazionale ” tra i giovani millennial senzatetto, Gen Y e Gen Z, contro i ricchi Baby Boomers.

Sia la disuguaglianza che il divario intergenerazionale significheranno “un cambiamento nell’equilibrio di potere che potrebbe includere un regime fiscale più severo sulle eredità, una minore protezione del reddito per i pensionati, maggiori tasse sulla proprietà, insieme a maggiori imposte sul reddito. e sulle aziende “per attuare” politiche più ridistributive “.
Il rapporto giudica che la Cina “si sia trovata nel cuore dell’era più recente della globalizzazione”, quindi non va trascurato che oggi cerca il suo storico “ripristino” di un autentico “potere economico globale”, come accaduto all’inizio XIX secolo con la sua partecipazione dal 20% al 30% dell’economia globale in quel momento e che crollò al 4% nell’era coloniale per tornare ora al 16%.

Il problema con questa visione economista ultra-riduzionista è che ignora il possesso di bombe nucleari da parte della Cina di Mao Zedong negli anni ’50 (attraverso un accordo segreto con Mosca), che le ha dato maggiore spazio di manovra per progredire nella sfera del mondo.
Il team di Deutsche Bank conclude e avverte che “l’errore più grande negli anni a venire sarebbe semplicemente quello di estrapolare le tendenze passate”.
Il rapporto prevede che “indipendentemente dal vincitore delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, il divario tra le due superpotenze, Stati Uniti e Cina, si approfondirà, in una guerra economica con tariffe, sanzioni e attacchi nella sfera tecnologica, ma senza scatenarsi una guerra militare tra i due, come spesso accade quando una potenza crescente cerca di sfidare il potere egemonico “, in chiara allusione alla teoria classica molto in voga negli USA sulla Trappola di Tucidide .

Nella teoria del caos , una delle sue caratteristiche all’interno dei sistemi complessi risiede nell’esistenza di frattali (zone d’ordine) nel mezzo del disordine prevalente.

L’impresa dell’umanità sarà trovare i suoi frattali di sopravvivenza per quanti più cittadini possibile: alla ricerca delle sue zone di ordine perdute.

Pubblicato da Tommesh – ComeDonChisciotte.org
Traduzione: Luciano Lago – controinformazione.info
FONTE: https://www.controinformazione.info/secondo-la-deutsche-bank-leta-del-disordine-sara-quella-che-verra-dopo-la-morte-della-globalizzazione/

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
PietroGE
PietroGE
19 Ottobre 2020 7:42

Après moi, le déluge, quindi. Rimpiangerete la globalizzazione, sembra concludere la Deutsche Bank, in realtà è stata proprio la globalizzazione che ha distrutto, con la delocalizzazione della aziende, il finanz-capitalismo e l’immigrazione selvaggia le speranze di un futuro migliore per la prossima generazione di occidentali, facendo credere a schiere di intellettuali, giornalisti e teleutenti che basta il denaro a creare ricchezza. La reazione americana, con il voto a Trump nel 2016 e speriamo nel 2020, sta ad indicare che il punto di rottura, almeno negli USA è già stato raggiunto, vediamo quanto ci metterà l’Europa a capire che sta andando su una strada senza uscita. La Cina ha saputo sapientemente sfruttare la globalizzazione a proprio vantaggio puntando, invece che sul denaro, sul lavoro come mezzo per generare ricchezza. I risultati si vedono.

colzani2
colzani2
19 Ottobre 2020 7:46

Un economista non può capire il disordine. Non è in grado di comprendere i contorni delle formazioni di nubi nel cielo o l’estendersi disordinato dei rami di un albero.
Le società umane nascono nell’armonia del disordine e in quella ci si cullano per decine di migliaia di anni.
Con la proprietà privata poi nasce l’ordine. Le regole, le leggi, le punizioni e la schiavitù.
Quest’ordine non ha più ragione di esistere. Economicamente è insostenibile.
Il disordine che i banchieri temono si chiama libertà.
Non è domani. Non è tra un anno o dieci. Forse un secolo o due.
Il caos sarà la forma socioeconomica delle società future.
Non dobbiamo temerlo.

danone
danone
19 Ottobre 2020 11:42

questi banchieri ce la cantano e ce la suonano, ed è giusto, finchè noi li ascoltiamo e prendiamo in considerazione le loro analisi e i loro scenari.
L’epoca del disordine è presto spiegata..un’era dove il loro vecchio ordine non è più tanto funzionale e c’è bisogno di qualche correttivo nuovo (ipotesi Helicopter money). L’emissione di moneta futura necessariamente dovrà avvenire in forme che non prevedono il debito tout court, pena non poter più stampare e prestare a debito. Non so cosa si inventeranno oltre all’eliminazione del contante e alla moneta digitale..vedremo, niente di buono sicuro.

Inutile prendere in considerazione le analisi politiche di questi usurai, poichè vedono solo i parametri di business, nulla di sociale, culturale, scientifico, antropologico..se sale il loro profitto-controllo-potere, la società è in buon ordine e va alla grande.

emilyever
emilyever
19 Ottobre 2020 15:43

Mi sembra che la Deutsche Bank incarni il fenomeno che in psicanalisi si chiama proiezione: trasferisce fuori di sè tutto il male che incarna, intendo la montagna di derivati da cui sarebbe già stata sepolta senza gli aiuti di stato