Home / Attualità / Ragazze, qualsiasi cosa succeda, domani…

Ragazze, qualsiasi cosa succeda, domani…

DI PEPE ESCOBAR

facebook.com

Ragazze, qualunque cosa succeda,  domani voi potrete raccontare al mondo che cosa significa vivere una esperienza spettacolare come partecipare ad un esercizio di disobbedienza civile di massa.

In poche parole, tutto il dramma è cominciato da quella nano-entità del mediocre PP di Rajoy – un franquista de mierda – che ha chiesto alla Corte Costituzionale spagnola di dichiarare illegale una dichiarazione di autogoverno approvata da un referendum legale.

Il  Fatto: più del 70% dei catalani vuole tenere un referendum legale per risolvere questo problema. Il franquista de mierda però preferisce di no – perché questo gli porterà più voti da tutti gli altri spagnoli.

 

Pepe Escobar

Fonte: www.facebook.com

Link

30.09.2017

Pubblicato da Davide

49 Commenti

  1. Cito
    “Ragazze, qualunque cosa succeda, domani voi potrete raccontare al mondo che cosa significa vivere una esperienza spettacolare come partecipare ad un esercizio di disobbedienza civile di massa.”

    Bravo, la prima volta che leggo una cosa seria di PE.
    Questo è il referendum di domani, disobbedienza civile di massa ossia quella cosa contro la quale il potere ha solo una risposta suicida: la repressione violenta.
    Altrimenti, se è intelligente, accetta e si fa indietro.

    Non so se l’indipendenza catalana faccia comodo all’UE come dicono alcuni che evidentemente hanno informazioni riservate o ai russi come dicono altri.
    So solo che se anche noi in Italia capiamo che la disobbedienza civile di massa è la strada vincente quel primo di ottobre diventerà una data storica per tutta l’Europa.

  2. Questo é una macchietta in Spagna, ma…

    “Ask the people!”

    https://www.youtube.com/watch?v=EbFhlfnJep0

  3. “un franquista de mierda” direi che oggi si spreca, tra Balasso ed Escobar, un ottimo, e sempre più carente, concime naturale….al quale và riconosciuto il contributo dato allo sviluppo della razza umana…………. sin dagli albori, con le singole discese in campo umane, la produttività agricola ne ha avuto ingenti ed evidenti benefici………quindi eviterei l’uso improprio, almeno in questo caso, del concime….o quantomeno aspettiamo di capire cosa sta succedendo in Catalogna (che a me parea essere una verdura come la cicoria, ma come al solito sbagliavo) parrebbe, alcuni siti complottisticimissimi ne parlano, anche comprovando la teoria, che dietro l’indipendenza catalognica, ci siano i soliti saggi di Sion, non ci sarebbe Soros, in altre faccende affaccendato (altre rivoluzioni colorate) ma il disegno sarebbe lo stesso, destabilizzare, indebolire e dividere alla romana (dividi ed impera)………il fine, non credo sia difficile da intuire e come al solito, giustifica i mezzi………restiamo cauti ed anche preoccupati, al momento mi pare la cosa migliore da fare.

    • @ton1957:disqus
      ..cosa sta succedendo in Catalogna (che a me parea essere una verdura come la cicoria, ma come al solito sbagliavo)..

      Non dirmi che pensavi fosse la moglie dello Scalogno, 🙂

  4. Ma gliel’hanno spiegato ai Catalani che se ottengono l’indipendenza il Barça dovrà abbandonare LaLiga e che non avranno più la soddisfazione di vederlo giocare contro l’Atletico o il Real o le altre squadre decenti spagnole???

    • In teoria sarebbe nella stessa condizione della squadra del Principato di Monaco, che partecipa alla Ligue 1 anche se il Principato è uno stato sovrano. Però, visto che non ci sono squadre sufficienti per fare un campionato, credo che abbiano fatto una deroga.

  5. In Spagna TUTTE le regioni (comunidades) sono autonome e si trattengono tra il 70 e l’80% dei propri danari. Nella Comunidad de Cataluña si parla catalano, oltre allo spagnolo. Le insegne, i segnali stradali, le lezioni nelle universitá (maggior parte dei docenti), i cartelloni pubblicitari sono tutti in catalano. Da Madrid non c’é nessuna imposizione a Barcellona in materia economica, welfare, istruzione (si studia catalano come da noi l’italiano e lo spagnolo come lingua straniera), cultura, ecc. Quello che sta facendo Rajoy é ció che deve fare ogni capo di stato che si rispetti: difendere l’integritá della Nazione.
    …ed é infinitamente meglio essere un franquista de mierda che un comunista del caxxo.

    • Concordo. Se la Catalogna dovesse staccarsi dalla Spagna si aprirebbe in Europa un vaso di Pandora foriero, temo, di gravi ed estesi disordini.
      Cosa che l’Europa ora per come é messa economicamente non può permettersi. Mi auguro possa prevalere il buon senso e non lo scontro.

      • Verissimo

      • In Spagna stanno rischiando un altro 1936, la guerra civile all’epoca cominció proprio cosí…

      • siete abituati (indotti a credere) che lo Stato sia intoccabile, ma i confini non sono decisi da Dio, ma dagli uomini. Ed è molto meglio essere FEDERATI (tanto, con libertà di viaggiare, niente dogane, globalizzazione e internet,moneta comune anche se da riformare…) che stare controvoglia in una Nazione dove il capo dello Stato è ancora il “Re” … “per volere divino, ah ah aha ah. “Nazione” intocabbile poi solo quando conviene, farci invadere da milioni di giovani maschi africani e quasi tutti islamici invece è giusto e doveroso. Senza questa fissazione si starebbe molto meglio e si sarebbero evitate tante guerre. Il Kosovo , diventato a maggioranza albanese (purtroppo per i Serbi, con tasso di natalità inferiore rispetto a quelli) si è voluto staccare ? ok.. La Crimea, con 82% di russi, e sempre stata russa finchè l’ucraino Krushov, pensando fosse un pacco, la regalò abitanti compresi alla sua Ucraina nel 1954, si è voluta staccare per non convivere con nazisti ucraini (che li odiano pure),e sono caxxi di Obama o della Merkel ? la nazione artificiale Belga, dove sono metà olandesi e metà francesi, potrebbe un giorno sparire , per ricongiungersi a Olanda e Francia ? non sono cavoli di Gentiloni… l’Alto Adige, VERO NOME SUDTYROL, volesse tornare dopo un secolo ad Austria, cui è stata strappata con la guerra più stupida cui abbia mai partecipato l’Italia ? se ne vadano, amici come prima. Nessun vaso di Pandora

    • Finalmente leggo qualcosa di intelligente. Complimenti

    • peggio di un franchista di merda c’è solo un fascista schifoso. E non sta molto meglio chi non sa neanche di cosa sta parlando. Dire che da Madrid non c’è nessuna imposizione è veramente aprir bocca per far uscir la puzza. L’integrità della nazione che la difenda restituendo i diritti e i soldi che ha rubato ai cittadini di tutta Spagna.

    • La signora del primo video parla di “Valenciano”… ma Valencia non è in Catalogna…

      • Siamo evidentemente in Catalogna, la signora dice, polemicamente, all’intervistatrice che le ha posto qualche domanda, che risponderà solo in castigliano e a domande rivoltele in castigliano, poi dice che é di Valencia, conosce il valenciano, ma ribadisce orgogliosamente che vuole parlare il castigliano.

  6. L’ennesimo esempio della politica della “impopolarità obbligatoria” che diventa populista se e solo se è quella che invece fa successo.

    Sembra che i politici atlantisti stiano facendo a gara per apparire peggiori possibile e sembra che in questo sport ce la mettano davvero tutta.
    Oggi Rajoy è in “pole position” ma immagino che non terrà a lungo il testa a testa con Macron, Merkel, May o anche solo l’incredibile Boris Johnson, più incredibile dell’incredibile Hulk (che già era discretamente incredibile come fumetto) anche se è un incredibile “giallino paglia” e non verde.
    Non cito il nostro perché così insignificante da ricordare dolorosamente Fantozzi ma in versione seria, per ciò è meglio sorvolare.

    Però una domanda rimane e da quanto sta storia del voto indipendentista è iniziato non riesco a schiodarmela dal cervello: ma perché Rajoy non gli fa fare tutto quello che vogliono e poi se ne infischia come sempre e per tutto il resto? Porca miseria, questi fanno e disfano di tutto, da diritti inalienabili basilari per compiacere speculatori economici dalla moralità di un vampiro, alla partecipazione a guerre mondialmente sputtananti con grande scioltezza ma quando si parla di un referendum paiono diventare alieni, ma perché? Sarà che dopo Crimea e Brexit ste azioni hanno iniziato a procurare attacchi di panico incontrollato alle controparti mercantili? No, perchè politicamente non vedo il problema di gestire la faccenda all’italica solita maniera, cioè la versione “tarallucci e vino” del “politicamente corretto” inglese in voga “almeno” dai bei tempi di Bretton Woods.

  7. Ma cosa c’è di tanto bello nell’indipendenza della Catalogna? Giustamente il governo si oppone. Per quale motivo dovremmo parteggiare per un’esperienza ‘spettacolare’ di disobbedienza di massa?

  8. Per quanto sia giusto questo referendum e spero che vinca la volontà popolare… alla lunga se ne pentiranno amaramente

  9. Non vi preoccupate per il Barcellona, patiti del calcio (della serie…quanto guadagnano le star sportive mi cambia la vita), il Barcellona, per la gioia dei ‘pitecantropi dagli occhi salamuti’, faranno come il Monaco che gioca in Francia: continueranno a giocare in Spagna.

    • E cosa te lo fa supporre?
      San Marino, pur essendo un piccolo staterello, ha un suo campionato ufficiale UEFA.
      Gibilterra ha un suo campionato. Inghilterra, Scozia, Galles, e Irlanda del Nord, pur facendo tutte parte del Regno Unito, hanno il loro campionato.

      Per quale motivo una Catalogna indipendente non dovrebbe avere il suo campionato?

      • Dipenderà eventualmente da accordi bilaterali. Le federazioni britanniche sono quattro dall’inizio della pratica del gioco del calcio, e quando si iscrissero alla FIFA (dalla quale erano autonome) ottennero, caso unico al mondo, di mantenere il diritto a rimanere separate fra di loro. Comunque, nonostante l’esistenza di un campionato del Galles, la più forte compagine gallese, lo Swansea, è iscritta alla federazione inglese e gioca in Premier League.Ugualmente nonostante si giochi un campionato nella Repubblica di S. Marino, esiste una squadra, il San Marino Calcio, iscritta alla fed. italiana e che gioca, mi pare, in serie D

        • Bisogna vedere se la federazione spagnola avrà interesse ad avere il Barcellona tra i suoi iscritti, cosa che non credo sarebbe così scontata.

          • Si certo, anche se per il business una Liga senza il “clasico” varrebbe non dico la metà, ma molto meno di ora.

  10. Mi sa che Pepe ha fatto la Popo fuori dal vasino.

  11. Articolo penoso. Che piaccia o meno, il referendum è illegale.
    La democrazia in Spagna è stare nell’alveo delle leggi e della costituzione, sulla quale anche i governanti catalani hanno giurato (e rischiano grosso).
    Per ottenere democraticamente la secessione ci vogliono delle modifiche costituzionali.

    • le leggi e la costituzione in Spagna sono state fatte durante la transizione, quando ancora il potere era in mano ai golpisti franchisti. più illegale di così…

    • Hai mai notato che le situazioni legali, prima di divenire tali sono state inesorabilmente considerate illegali?

      L’Italia dicono sia stata fatta a partire dall’azione, non certo legale, di mille giovanotti.

      Una buona lezione introduttiva ad una facoltà di diritto lo spiegherebbe per bene.

      • “Hai mai notato che le situazioni legali, prima di divenire tali sono state puntualmente considerate illegali?”
        Si, li chiamano colpi di Stato.

        “Quelle, tra le azioni illegali, che hanno la forza di imporre i loro principi in modo durevole, divengono legittime.”
        Vengono legittimate dagli altri Stati, cioè riconosciute. Non divengono legittime da sole.
        Non basta dichiararsi indipendenti, ci vuole un riconoscimento internazionale per esserlo di fatto.

        “L’Italia dicono sia stata fatta a partire dall’azione, non certo legale, di mille giovanotti.
        Diverso é il caso di Al Capone.”
        L’Italia è nata dalla brutale invasione del Regno di Sicilia da parte del Regno piemontese.
        I mille giovanotti ( un Isis ante litteram) erano mille delinquenti guidati da un deliquente internazionale, che alle loro spalle avevano l’esercito inglese pronto ad intervenire.
        Al Capone era della stessa risma, e aveva una sua legge, non riconosciuta.

        “Una buona lezione introduttiva ad una facoltà di diritto lo spiegherebbe per bene.”
        Sono d’accordo, ne aggiungerei una di Storia

        La vicenda catalana sta facendo emergere il fenomeno dell’infantilismo politico, cooè credere che basti frignare, sbraitare, strillare come i bambini per ottenere uno status, ritenuto legittimo, senza considerare i modi e i percorsi per ottenerlo pacificamente e democraticamente e le conseguenze che comporta ottenerlo con un abuso.
        L’esempio dell’Italia è evidente, unificata da inglesi e comorristi (i mille giovanotti) e poi ” liberata” da americani e mafiosi, è oggi una società malata e corrotta.

        • E allora?

          Se, come dici:

          “L’Italia è nata dalla brutale invasione del Regno di Sicilia da parte del Regno piemontese.
          I mille giovanotti ( un Isis ante litteram) erano mille delinquenti guidati da un deliquente internazionale, che alle loro spalle avevano l’esercito inglese pronto ad intervenire.”
          e ancora:
          “L’esempio dell’Italia è evidente, unificata da inglesi e comorristi (i mille giovanotti) e poi ” liberata” da americani e mafiosi, è oggi una società malata e corrotta.”

          Vorresti ricavarne che l’Italia non esiste?
          Va bene, curiosa posizione.

          Ricordo che il diritto é una cosa, con una storia, un pensiero, dei codici, ecc., le tue o mie opinioni, giudizi o propensioni sono un’altra.

  12. Di quale “indipendenza” si parla, visto che comunque nessuno mette in discussione il giogo dell’UE e dell’Euro? Separasi dallo stato nazionale per restare comunque nell’UE è ridicolo.

  13. Pur senza prendere esplicite posizioni le burocrazie UE attendono con ansia l’archiviazione dello stato spagnolo ed il destino neo-iugoslavo.

    Se le autonomie catalane prevedono lingua e polizia regionale, non si comprende l’essenza franchista dello stato spagnolo.
    Fra un presunto franchista ed una signora no global (porta-voce del potere locale) che eleva ad opera d’arte la sconcezza di pisciare per terra, preferirò sempre il primo.
    Meglio il tercio di Castilla ed il Cristo della buena morte al porcume cosmopolita della movida barcellonese.

    Questo Pepe Escobar sembra il nipote di Slavoj Zizek.

    rdk

  14. Il referendum pare atto ad distruggere gli equilibri interni, già deboli, il Spagna. Rahoy farà di tutto per impedire le urne. Spero che non scorra sangue, altrimenti la guerra civile sarebbe inevitabile, con il rischio che il tutto si estenda a macchia di leopardo.

  15. Ed adesso come temevo si muovono anche altri: i Bretoni
    French Bretons rally for own self-determination & in solidarity with Catalonia
    https://www.rt.com/news/405173-brittany-nantes-catalonia-solidarity/

    Speriamo almeno che il mio condominio non chieda la secessione da Milano.

  16. Comunque vadano le cose, approfittiamo dell’attualità per leggere questa paginetta, ispirata dagli avvenimenti storici di quella parte del Nostro Continente, dei quali tratta uno dei tanti scritti della mai abbastanza ricordata Simone Weil:

    http://www.libreidee.org/2017/10/quando-barcellona-sfido-i-carnefici-in-nome-della-liberta/

  17. Il referendum è illegale come dichiarato dalla Corte Costituzionale, massimo organo di un Paese Civile.
    Stavolta Escobar l’ha fatta proprio fuori dal vasino. E di tantissimo.

    • Anche un’eventuale referendum da noi per uscire dall’Europa sarebbe illegale, o una decisione politica in quel senso?

      Certamente sì, abbiamo firmato dei trattati.

      Quello no, perché l’Euro ci fa male, e poi chi ha firmato é un traditore!

      E lo decidi tu, quando ci sono le ragioni per fare una cosa o non farla e come farla?

      E la famosa e tanto celebrata “volontà popolare”?

      Sediamoci, resettiamo il nostro scalcinato io, deponiamo il berretto di posteggiatore abusivo che invoca la legalità, e cerchiamo di imparare qualche cosa da avvenimenti che coinvolgono il ‘sentire’ di altri.

      • Beh, è opinione non proprio peregrina e con un certo seguito, che quei trattati che hanno firmato siano incompatibili con la nostra Carta Costituzionale. Quindi l’UE si può contestare proprio in nome della legalità costituzionale
        Un esempio dei tanti pareri in questo senso:
        http://www.pensierocritico.eu/files/doc_37310.pdf

        • Vedi, nel fatto che stiamo commentando é impegnata la volontà, vedremo quanto omogenea, e la forza di un popolo nell’impresa di ottenere l’indipendenza dalla Spagna e dalla monarchia, con i modi che hanno scelto, il tempo dirà se saranno state scelte efficaci.

          Alcuni scrivono segnalando insistentemente che colgono l’aspetto illegale dell’azione intrapresa, c’é chi si spinge a dare istruzioni indicando la strada corretta che i catalani avrebbero dovuto seguire, secondo loro.

          Vuoi che mi metta a definirli inadeguati, impreparati, immaturi, ignoranti, presuntuosi, petulanti, affrettati, superficiali, limitati e via continuando?
          Non intendo farlo per molte ragioni.

          Allora cerco di far notare che quello che a loro sta a cuore, usando i sistemi che ritengono di dover pretendere oggi dai catalani, se applicato ai loro obbiettivi li rende inesorabilmente non raggiungibili, se ma lo fossero.

          La tua segnalazione non fa che rafforzare il mio punto di vista.

          L’opinione che citi ed alleghi, non importa se peregrina o no, rimarrà tale, nel cassetto di chi la ha stesa fino a quando un popolo omogeneo, non scenderà in strada, con una scusa o l’altra (qui il referendum) per rendere realizzabile ciò a cui solidalmente ambisce.

          Ma una folla di posteggiatori abusivi, disabituati ed incapaci di cogliere l’essenza dei fatti che si svolgono sotto il loro naso, intenti a sventolare ben alto, ad ogni occasione, il cartellino giallo, di cui si sentono depositari, emblema supremo della loro saccenza, ha già realizzato, con ciò, le sue ambizioni.

  18. A detta di molti amici spagnoli, i secessionisti catalani al potere sono dei leghisti che fingono di essere di sinistra, e la secessione ha interessi meramente economici. A me sembra che tanti fessi che si fanno affascinare da qualsiasi cosa puzzi di rivoluzione, non importa se colorata, eterodiretta o funzionale al potere, si siano fatti nuovamente gabbare. Sentiamo che dice Saviano, e conosceremo la verità, cioè l’esatto contrario delle sue menzogne 🙂

    • I tuoi amici spagnoli ovviamente sono dei catalani, vero?

      E di grazia, lo stato spagnolo che ha portato il suo popolo nella UE…che li ha sbattuti nell’euro che notoriamente significa averli messi intenzionalmente in balia di un potente paese straniero come la Germania…che hanno implementato delle politiche di austerità che hanno ridotto il lavoro a una forma appena migliore di schiavitù…quello a quale tipo di fessi piace?

      Sai, se lo stato centrale si fosse opposto ai diktat della Troika, magari…invece li ha accettati e li ha imposti al suo popolo…però se tu sei d’accordo con l’austerità, con l’euro e con le politiche di svilimento del lavoro applicate dallo stato centrale spagnolo che ha venduto il suo popolo alle oligarchie internazionali che governano la UE…è comunque una opinione da rispettare.

      • Se proietta qualcosa su di me, credo anche di intuire cosa, nonostante non mi lusinghi essere oggetto di proiezioni di uno sconosciuto, posso dirle che sono d’accordo con lei. Per il resto, si, parlo di amici spagnoli di Barcellona, che mi hanno semplicemente riferito ciò che ho detto.
        La situazione è molto complessa, e invidio sinceramente la sua sicumera.
        Cordialmente.

        • Attenzione che hai proiettato tu su di me e non viceversa (tipico), sotto ti spiego.
          Sui profili psicologici degli sconosciuti si rischia spesso di dire delle sciocchezze.
          Però non hai specificato quali sarebbero le tue intuizioni e ti sei saggiamente coperto.

          Per quanto riguarda il merito:

          1) purtroppo ti sbagli sulla mia sicumera perché sto scrivendo da molto tempo che la questione catalana è molto complessa e non è facile prendere una posizione precisa

          2) purtroppo tu hai “proiettato” su di me attribuendomi la “tua” “eccessiva sicumera” e non viceversa.
          Infatti hai dato testualmente del “fesso” (“fesso”) a chi, cito:

          “si fa affascinare da qualsiasi cosa che puzzi di rivoluzione”.

          Quindi non solo sicumera ma anche sprezzante (“fessi”) fino a un ostentato disgusto (“puzzi”). Posso provare a intuire le radici di questo atteggiamento?
          Eventualmente in altra sede ma temo di non sbagliarmi.

          3) la questione catalana però, nonostante la sua complessità ha dei punti fermi e sono le “modalità” in cui un popolo, per ragioni sue sulle quali non ha senso sindacare almeno in prima battuta, si sta ribellando a una autorità centrale.
          Se vogliamo liberarci dal giogo di una oligarchia internazionale che ci costringe nella gabbia della UE (e su questo credo che siamo dalla stessa parte) dkvremmo considerare con molta attenzione queste modalità sia intese come prassi che come motivazioni profonde che riescono a unire una comunità.

          Se vuoi c’è un forum dove possiamo discutere senza dover essere troppo sintetici.
          Fammi sapere se sei iscritto e se ti interessa apriamo un thread per parlarne.

          • Va bene caro, spero mi perdonerà se evito di leggere fino in fondo il lungo commento e le do ragione direttamente. Buona giornata.

          • A parte gli scherzi sono d’accordo con lei in pieno sull’analisi della UE. Per quando riguarda la Cataluna, mi limiti a riferire ciò che alcuni amici di Barcellona mi hanno detto. Per il resto ne so davvero poco, ma noto una generalizzata infatuazione per la causa catalana. Infatuazione che in quanto condivisa dai vari Saviano ecc. trovo precipitosa e sospetta. Grazie per lo scambio e buona serata.

          • Grazie a te per avere letto.
            Attenzione a scrivere “Cataluna” che è in castigliano e di questi tempi potrebbe sembrare una presa di posizione.

            PS: i greci che avrebbero tanto bisogno di una secessione da Bruxelles hanno fatto un referendum…e poi sono rimasti…
            I catalani invece sembra che vogliano andare fino in fondo.
            Chi dei due in quanto popolo che si ribella finisce per creare problemi alla UE?
            Perché avrai notato che Bruxelles alla fine ha sostenuto Madrid…

            E asteniamoci dai “fessi” e dalle “puzze” che fa tanto Casa Pound e non è da te (almeno mi pare…).