Home / Anti-Empire Report / Pirati inglesi sequestrano la nave iraniana Grace1 – L’Iran risponde e prende in ostaggio una petroliera britannica

Pirati inglesi sequestrano la nave iraniana Grace1 – L’Iran risponde e prende in ostaggio una petroliera britannica

MOONOFALABAMA

moonofalabama.org

 

Tre aggiornamenti al fondo

Agli inizi di luglio, gli Inglesi avevano usato la loro base coloniale di Gibilterra per sequestrare la petroliera iraniana “Grace 1” e il suo carico di 2 milioni di barili di petrolio. Il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Iraniane aveva, in seguito, minacciato di adottare misure analoghe contro le navi britanniche. Oggi Gibilterra annuncia che manterrà sotto sequestro la “Grace 1” per un altro mese. Possiamo prevedere che quei piani cambieranno presto.

Sembra che oggi, verso le 16:00 UTC, l’IRGC abbia avuto un colpo di fortuna.

La petroliera britannica “Stena Impero” stava facendo rotta da Fujairah, Emirati Arabi Uniti verso Jubail, in Arabia Saudita.

Leggendo la traccia qui sotto possiamo immaginare che cosa è successo. Proprio quando la nave stava attraversando lo stretto di Hormuz, da est verso ovest, è stata avvicinata dalle motovedette veloci dell’IRGC. La nave ha fatto una brusca virata a sud, verso l’Oman, ma non è riuscita a distanziare i battelli dell’IRGC. E’ stata abbordata. Poi ha rallentato, ha fatto una brusca virata di 180 gradi e ha navigato verso nord. Ora si trova in acque iraniane. L’ultimo segnale AIS (Automatic Identification System) trasmesso è stato captato alle 17:30 UTC circa.

La Stena Impero, IMO 9797400, è una nave cisterna per prodotti petroliferi e chimici battente bandiera britannica. Costruita nel 2018, ha una stazza lorda di 49.682 tonnellate. Il proprietario è la Stena Bulk XIII Cyprus Limited, che è probabilmente controllata dalla società svedese Stena Bulk AB di Goteborg, Svezia. L’operatore è Northern Marine Ltd di Glasgow, Scozia. Le nave batte bandiera britannica.

Il sequestro odierno di questa petroliera è un’altra conseguenza della insensata politica anti-Iraniana di Trump, che i minion britannici sembrano voler sostenere. Gli Stati Uniti stanno cercando di organizzare un servizio di scorta militare per le navi che si trovano nello Stretto di Hormuz. Ma nessun’altro paese vuole aderire:

Gli Stati Uniti stanno avendo grosse difficoltà ad assicurarsi il sostegno dei propri alleati in un’iniziativa volta a rafforzare la sorveglianza delle importanti rotte petrolifere del Medio Oriente, questo a causa dei timori che ciò possa aumentare le tensioni con l’Iran, hanno riferito sei fonti bene informate.

Gli Americani vogliono creare un ‘alleanza dei volenterosi’ che sia in grado di respingere futuri attacchi,” ha detto un diplomatico occidentale. “Nessuno vuole essere su quel percorso conflittuale e partecipare alle pressioni degli Stati Uniti contro l’Iran“.

Una fonte della sicurezza britannica ha detto che scortare ogni singola nave commerciale non è fattibile, un’opinione condivisa da molti altri paesi.

È semplicemente impossibile. Lo Stretto è già troppo affollato“, ha detto un ufficiale asiatico, riferendosi ad un sistema di scorta nello Stretto di Hormuz che misura 21 miglia (33 km) nel suo punto più stretto.

Gli idioti di Londra che avevano dato retta a John Bolton e ordinato il sequestro della nave iraniana sono ora nei guai fino al collo. Era stata una mossa assolutamente stupida. C’è poco che possano fare ora se non rilasciare la ‘Grace 1’. Ma chi, in Gran Bretagna, potrebbe ora dare l’ordine? Theresa May ha praticamente terminato l’incarico e Boris Johnson è ancora impegnato a raccogliere voti per diventare il prossimo Primo Ministro.

Aggiornamento: L’IRGC ha appena confermato di aver assunto il controllo della nave:

La Marina dell’IRGC ha annunciato che la petroliera britannica “Stena Impero” è stata sequestrata venerdì sera in seguito alla violazione dei regolamenti marittimi internazionali durante l’attraversamento dello Stretto di Hormuz.

La petroliera del Regno Unito è stata sequestrata dalle forze della Marina dell’IRGC della prima zona navale su richiesta dell’Organizzazione Marittima e Portuale dell’Iran, nella provincia di Hormozgan, secondo una nota diffusa.

La nave britannica è stata fatta entrare porto e consegnata all’Organizzazione Marittima e Portuale per le pratiche legali e giudiziarie, ha aggiunto.

Aggiornamento delle 19:00 UTC

Un’altra nave sembra aver “violato i regolamenti marittimi internazionali.” La “Mesdar”, IMO 9452672, navigava da est verso ovest attraverso le acque territoriali dell’Iran a nord dell’isola di Abu Musa quando, improvvisamente, aveva virato di 90 gradi e fatto rotta a nord, verso la costa iraniana.

Con una lunghezza di 333 metri e una larghezza di 60 metri, la nave battente bandiera liberiana è una superpetroliera. Ha una stazza lorda di 315.802 tonnellate. La nave proveniva da Lanshan, in Cina ed era diretta a Ras Tanura in Arabia Saudita. L’ultimo segnale AIS dalla nave è stato ricevuto alle 17:30 UTC. Il gestore/operatore e proprietario (?) della Mesdar è Norbulk Shipping Ltd di Glasgow, Scozia.

Aggiornamento delle 20:15 UTC

L’IRGC ha lasciato andare la “Mesdar” dopo averle rammentato le regole di navigazione. La nave ha virato a sud-ovest, continuando sul percorso programmato.

Aggiornamento dal 20 luglio alle 15:30 UTC

L’Iran ora afferma che la “Stena Impero” era accompagnata da una nave militare britannica. Le forze dell’IRGC sono salite a bordo della petroliera calandosi da un elicottero. C’è un video girato all’interno dell’elicottero e del momento dell’abbordaggio osservato da altre imbarcazioni. La cattura è stata troppo veloce perché la nave militare britannica potesse intervenire.

Anche l’esercito britannico, quando aveva sequestrato la “Grace 1,” aveva usato un elicottero per portare a bordo i commandos della marina. L’Iran ora ha dimostrato che può agire allo stesso livello operativo.

Moon of Alabama

Fonte: moonofalabama.org
Link: https://www.moonofalabama.org/2019/07/britain-pirates-iranian-ship-grace-1-iran-responds-takes-british-tanker-hostage.html#comments
19.07.2019
Tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

Pubblicato da Markus

Un biologo, appassionato di montagna e di fotografia, che cerca, come può, di combattere contro i mulini a vento.

16 Commenti

  1. Ottimo.
    Questa è la strada.

  2. Quando ho letto su RT la notizia del sequestro della nave britannica da parte dell’Iran non ne capivo il senso… ora l’ho capito…

  3. Ormai,ameriCANI,inglesi,israeliani,francesi non fanno più paura a nessuno.In altri periodi,sarebbe già iniziata la guerra,ma questa volta a rimetterci,sarebbero loro.

  4. Idioti, è il termine giusto per descrivere questi psicopatici Imperiali che giocano alla guerra, ben nascosti però dietro le loro scrivanie puzzolenti…
    Sono come quel bambinone tonto e manesco che minaccia un piccoletto, solo che il piccino c’ha un revolver in tasca e il bullo deve inghiottire lo spavento e andarsene mogio mogio, altrimenti…
    Glie lo hanno ripetuto più di una volta: Un missile una portaerei, cola a picco con tutto quello che contiene.
    Marinaretti di sua Maestà la rettile,tornate a piratare i negretti,và…come da vostra vecchia tradizione di rapina e omicidio…
    Gli inventori del gioco degli scacchi vi faranno neri, son troppo per voi.

  5. Vincenzo Siesto da Pomigliano

    Al di là di tutto, questo dimostra che, ora più che mai, bisogna rinunciare ai combustibili fossili e il più presto possibile! Solo così si potrà fermare la follia della finanza “anglo-giudaica-americana” e dei paesi cosiddetti civili “occidentali” che basano il loro aberrante tenore di vita sull’uso dei combustibili fossili!!! E solo così potremo rimandare gli arabi a fare i beduini nel deserto!

  6. Mi stupisco dell’ Inghilterra, cosa non si fa per Israele!?…Il minimo è quello di togliere loro le atomiche, poi di far pagare a tutti i sionisti (anche quelli residenti all’ estero) i danni causati a Libia, Iraq e Siria delle primavere colorate.

  7. In Europa si racconta come ufficialmente si cerchino di “salvare gli accordi contro l´ armamento nucleare dell´Iran” non partecipando agli “Embarghi & Sanzioni USA”. Ergo:
    1. Il Regno Unito che, Brexit fermo, ancora fa parte dell´EU, con quale “Diritto” deroga dai trattati vigenti EU, dalle decisioni comuni, e compie azioni di pirateria a Gibilterra?
    2. Che cosa decide l´EU (Tutta) per contrastare, recriminare e sanzionare tali evidenti e criminali abusi? Che cosa fanno Dame & Co. a Bruxelles? Solo Mode-Defilées e Parties?
    3. Se 2. non avesse luogo, quale “sovranità” ha l´EU, se segue decisioni USA (Israele comanda di fatto le decisioni !) contrarie ai propri interessi?
    4. Che cosa ci aspetta diviene attendibile, visto che 70 Mio di persiani non sono strozzabili a piacere, e disperati, ma liberi e ridotti all´esasperazione, prima o poi pretenderanno lo spazio vitale logico e dovuto che non e´ loro negabile? Non sono “primitivi” ma discendenti di assiri e babilonesi che calcolavano orbite planetarie un millennio a.C., e sono stremati!
    5. Perché non dovremmo fornire loro (“La rispettabilità della persona e´intangibile” si legge nelle Costituzioni nazionali in EU) prodotti (Es.medicinali), attrezzature, tecnologie e quant´altro su basi di scambio con il loro petrolio? Siamo tutti al guinzaglio USA come l´UK?

  8. Va tutto bene.
    Ma le motosiluranti quando arrivano?

  9. Ganzi questi iraniani… gli ammmericani hanno trovato pane per i loro denti

  10. Chi non riesce a capire chi non va fatto incazzare durerà poco.

  11. Gli USA non sono riusciti a venire a capo dell’Afghanistan, non sono venuti a capo dell’Iraq, se dovessero trascinare anche l’Iran in guerra pagheranno un prezzo ancora più alto…per quanto riguarda la UE (che subirebbe conseguenze forse ancor più pesanti dal caos che si genererà in quell’area, per ovvi motivi geografici) che dire? Autolesionista all’ennesima potenza, dopo 70 anni totalmente incapace di affrancarsi dalla “protezione” dello Zio Sam, un continente con 500 milioni di abitanti con il peso specifico di una zanzara e con una classe politica composta da personaggi di raro squallore e servilismo. Rischiamo di venir coinvolti in un’altra guerra criminale partorita tra Wall Street, Gerusalemme, Londra e Washington ed anche stavolta i media riusciranno a far credere alla maggioranza che la colpa è tutta dei terribili Pasdaran, dell’intollerante Rouhani (vuoi mettere con il convinto pacifista Netanyahu? A proposito, a quando un sacrosanto nobel per la pace a Bibi?), di Putin, dei sovranisti e idiozie di questo calibro. Mi auguro che Iran, Russia, Cina e altre canaglie del genere abbiano il buon senso che manca completamente dalle nostre parti e la capacità di resistere a queste continue provocazioni, roba che farebbe smoccolare pure il vecchio Giobbe.

  12. Se avessero sequestrato una nave italiana il nostro governo avrebbe chiesto ai sequestratori se ne volevano pure un’altra.

  13. Pare che al sequestro della petroliera abbiano partecipato i russi, se è così è cominciato il regolamento di conti tra Russia e NATO, con l’appoggio della Cina.
    I russi hanno il dente avvelenato per i morti del Donbass, le sanzioni e i soliti infiltrati tipo Navalnj che pochi giorni fa in poche centinaia hanno manifestato a Mosca chiedendo elezioni libere (!), mentre la Cina non vede l’ora di farla pagare alla NATO per i disordini di Hong Kong, basta poi vedere la commissione d’inchiesta proposta dall’agente di Soros Sassoli al parlamento europeo sui rubli ai sovranisti oppure il documento dei parlamentari del congresso USA devoti a Soros a sostegno dei democratici di Kiev (!).
    A fronte di queste roboanti dichiarazioni di carneadi pagati da un vecchio speculatore bislacco manca assolutamente la forza militare e presto le prenderanno un pò dappertutto.

  14. Non ho seguito molto la televisione in questi giorni ma il sequestro della nave inglese era dato a reti unificate. Al contrario, non ho sentito parlare fino a ieri della nave iraniana sequestrata dai “pirati” inglesi a Gibilterra. Grazie quindi a Comedonchisciotte.
    Inoltre, escludendo che il Forein Office ( o come diavolo si scrive), abbia ordinato ai nostri media di tacere, RILEVO una volta di più come siano servi non richiesti i nostri giornalai.
    Per entrare nel merito della questione, Trump continuo a pensare non voglia una guerra con l’Iran, non è il tipo, ma i vari Pompeo e soprattutto la UE, non vedono l’ora di menar le mani. Trump temo che sarà rieletto e mi dispiace perchè, a questo punto, un “chiarimento” lo vorrei anch’io. Che, anche se in Europa ci abito , vorrei veder volar gli stracci e gli straccioni.

  15. Strano, la prima parte dell storia, quella in cui Pirati inglesi sequestrano la nave iraniana Grace1, è totalmente omessa dai media Mainstraeam che informano i lettori unicamente sulla protervia degli iraniani. Io non leggo e tantomeno compro alcun giornale, non ascolto i notiziari TV, tantomeno radio, unica informazione: alcuni siti internet ben selezionati.

Lascia un commento