Home / ComeDonChisciotte / PER NON DIVENTARE UNA PERIFERIA DI UN SUPERSTATO DI TECNOCRATI

PER NON DIVENTARE UNA PERIFERIA DI UN SUPERSTATO DI TECNOCRATI

DI GERRY ADAMS
ilmanifesto.it

Ieri l’Irlanda è andata alle urne per approvare (o bocciare) il fiscal compact

Dove sta andando l’Europa ? Nelle scorse settimane ci sono state elezioni in diversi stati europei. Gli elettori in Gran Bretagna, Italia, Grecia, Germania e Francia sono stati tutti chiamati alle urne. L’attenzione dei media si è concentrata soprattutto sui risultati in Francia e l’elezione di un presidente socialista, François Hollande, e sulla Grecia, dove i partiti di governo hanno visto il loro consenso crollare drasticamente.Per molti versi le elezioni in Francia e in Grecia sono stati un referendum sulla politica di austerità che il presidente francese Nicolas Sarkozy e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno sostenuto e imposto con successo all’Unione europea negli ultimi due anni: l’austerità ha perso! La sconfitta di Sarkozy e di altri partiti e governi conservatori è la prova che la marea sta cambiando in molti paesi europei. Da quando la crisi economica ha afferrato alla gola l’Europa, i governi conservatori che dominano l’Ue hanno perseguito politiche di austerità. Nel mese di marzo si è approvata l’introduzione di un Trattato di Austerità (Fiscal Compact). Il risultato di questa adesione ideologica all’austerità è stato l’acuirsi della crisi economica e bancaria in Europa. I debiti statali sono aumentati, i servizi pubblici sono stati brutalmente ridotti, la disoccupazione è aumentata vertiginosamente così come la povertà.

Nel sud dell’Irlanda tutto questo è stato forse più evidente che altrove. Dal 2008 ci sono stati cinque bilanci di austerità e tagli pari a oltre 24 miliardi e mezzo di euro. Le previsioni governative di crescita per l’economia sono state di volta in volta ridimensionate. In quello stesso periodo lo stato irlandese ha visto il suo deficit dell’erario pubblico – che l’austerità avrebbe dovuto tagliare – raddoppiare da 12,7 miliardi nel 2008 a 24,9 miliardi di euro nel 2011.

Allo stesso tempo le conseguenze sociali e umane delle politiche di austerità perseguite dal governo sono state gravi. Quasi il 15%, o mezzo milioni di cittadini, sono senza lavoro, l’emigrazione è ancora diffusa; tagli enormi sono stati inflitti alla sanità e all’istruzione e ad altri servizi pubblici; nuove tasse hanno contribuito ad aumentare il disagio delle famiglie.

I cittadini comuni sanno meglio dei governi d’Europa e degli spin doctors dell’austerità che non esistono scorciatoie per uscire dalla recessione. Imporre pesanti tagli ai servizi pubblici, riducendo i salari e il welfare e imporre nuove tasse sulle famiglie a reddito basso e medio durante la recessione non fa che peggiorare la recessione stessa.

È abbastanza evidente che l’austerità non funziona. I risultati delle elezioni in tutta Europa sono la prova che tra i cittadini c’è una nuova consapevolezza: i cittadini oggi sfidano e combattono le politiche di austerità. I cittadini stanno espellendo, con il loro voto, quei politici e partiti che perseguono l’austerità.

Il 31 maggio i cittadini irlandesi avranno la loro possibilità di votare in un referendum. La scelta davanti a loro è quella di sostenere l’austerità, inserendola nella Costituzione, o di votare No e quindi unirsi al crescente movimento che in Europa sta chiedendo la fine dell’austerità e nuovi investimenti in crescita e occupazione.

Con la marea popolare in Europa che chiede posti di lavoro e cercando di non essere espulso dalla crescente opposizione all’austerità, Fine Gael, Labour e Fianna Fáil hanno riscoperto l’importanza di una strategia per il lavoro e per la crescita. Monsieur Hollande è ora la moda del mese per tutti e tre i partiti che inciampano uno sull’altro per essere i primi a dichiarare il loro sostegno per la sua posizione. Alcuni addirittura sostengono che stavano dicendo tutto questo prima di lui!

I cittadini non si lasceranno ingannare da tutta questa retorica. La verità è che, prima di una successione di vertici Ue, il Sinn Féin ha esortato il governo a garantire che la crescita e l’occupazione fossero al centro di ogni successivo accordo. Ma il governo ha respinto questo approccio. Al contrario ha scelto di sottoscrivere un trattato come il Fiscal Compact che bloccherà questo stato nelle politiche di austerità per gli anni a venire e vedrà il governo lasciare una buona parte di sovranità fiscale in mano ai burocrati in Europa.

Secondo l’accordo della Troika il governo e il Fianna Fáil hanno concordato un piano di salvataggio che impegna il governo a 8,6 miliardi di euro di tagli ulteriori nei prossimi tre anni. In base al Trattato di Austerità il lavoro di ridurre il disavanzo strutturale allo 0,5% comporterà ulteriori tagli di 6 miliardi di euro. Inoltre, lo stato ha accettato di dare fino a 11 miliardi di euro al Meccanismo Europeo di Stabilità.

Da dove pensa il governo di tirare fuori questi soldi? Finora non l’ha detto. Di pari importanza è la direzione politica che il Trattato di Austerità sta prendendo. Il direttore della Banca centrale europea, Mario Draghi, l’ha precisato a Barcellona. Draghi ha illustrato la sua visione per l’Europa dei prossimi dieci anni. Ha detto: «Vogliamo avere una unione fiscale. Dobbiamo accettare la delega della sovranità fiscale dai governi nazionali a qualche forma di autorità centrale».

Ciò significa che il governo irlandese ha scelto di percorrere un cammino che porterà l’Europa a decidere quale sarà il nostro regime fiscale, quanto i cittadini pagheranno di tasse e quanto verrà pagato, in termini di welfare, ha chi ha bisogno.

I cittadini irlandesi vogliono davvero essere una provincia di un super stato europeo dove dei tecnocrati – gli stessi che hanno preso una serie di decisioni sbagliate per l’Europa negli ultimi anni – potranno decidere per i cittadini irlandesi senza dover rispondere di quelle decisioni? Dunque, dove stiamo andando? L’austerità è in ritirata, ma i governi conservatori in tutta Europa, e Enda Kenny, Eamon Gilmore e Micheál Martin, rimangono ideologicamente fedeli all’austerità. Il referendum il 31 maggio è un opportunità per i cittadini irlandesi di dire basta e non più austerità. Votare No significa votare per il lavoro e gli investimenti.

Gerry Adams*
Fonte: www.ilmanifesto.it
30.05.2012

Vedi profilo su it.wikipedia.org/wiki/Gerry_Adams

Pubblicato da Davide

  • andyconti

    Potranno resistere fino all’ultimo, ma prima o poi questi tecnocrati dovranno cedere.

  • Tanita

    Questi banchieri, che stanno riducendo l’Europa in rovine nel loro delirio di creare un megagoverno unico totalitario, che hanno creato un’unione monetaria gestita da un Sistema di Banche centrali tutte private, che sono la causa dei mail che subisce oggi il popolo europeo, dovrebbero finire in galera, altro che cedere loro ulteriore sovranità.

  • Tao

    Dublino sdogana il fiscal compact: con un brivido fino all’ultimo sull’affluenza, l’Irlanda avrebbe approvato il referendum con un margine di oltre il 60 per cento, secondo quanto hanno detto alla Reuters fonti del governo confermando le attese della vigilia. “Possiamo dire che il sì ha vinto con almeno il 60 per cento”, ha detto una fonte, in trepida attesa dopo che i dati sulla partecipazione al voto si erano fermati intorno al 50 per cento, meno del 59 per cento che aveva votato sul trattato di Lisbona. Gli irlandesi erano andati al voto col contagocce. A nove ore dall’apertura dei seggi (le urne hanno chiuso alle 22), solo il 15-20 per cento degli irlandesi si era pronunciato, con un aumento degli elettori verso fine giornata. La conta dei voti comincia oggi alle 9 con il risultato atteso in giornata e una percentuale dei votanti sotto il 50 per cento, secondo gli osservatori, avrebbe passare una notte insonne al governo irlandese e al partito del si. Se il referendum fosse stato respinto “sarebbe un salto nel vuoto”, ha commentato Maire Geoghegan-Quinn, commissario europeo per la ricerca e la scienza, che è irlandese: “Il si è la certezza, il no è la terra di nessuno”. Favorevole al passaggio del fiscal compact era anche la comunità degli affari che teme in una vittoria del no un messaggio capace di dissuadere il ritorno degli investimenti stranieri in Irlanda: in un segnale che un minimo di stabilità é tornata nell’ex Tigre Celtica, i dati di oggi hanno mostrato che i depositi nelle banche irlandesi sono saliti del 14 per cento. Nulla nel giorno del voto era dato per scontato: dopo tutto l’Irlanda ha già respinto due euro-trattati, Nizza e Lisbona.

    Anche se i sondaggi dimostrano che il referendum non è diventato un test per le politiche di austerity decise dal governo guidato da Enda Kenny, gli oppositori (il Sinn Fein di Gerry Adams e alcuni sindacati) hanno cercato di fare leva sulla rabbia e sul senso che l’Irlanda non è più in controllo del suo destino. “Il fiscal compact è cattiva economia per Dublino e per l’Europa”, aveva detto Aaron McDaid, uno studente di 32 anni che teme di restare totalmente disoccupato quando il prossimO anno finirà il dottorato di ricerca. E con il 20 per cento degli elettori che alla vigilia del voto ancora indecisi, e con le cifre della disoccupazione tuttora ferme al 14 per cento, il governo Kenny non poteva escludere completamente una spiacevole sorpresa.

    Alessandra Baldini
    Fonte: http://www.ansa.it
    1.06.2012 (h.8.44)

  • nuovaera89

    L’Irlanda ha detto si al fiscal compact, loro almeno hanno avuto la possibilità di dire si o no, noi nemmeno quella! riguardo alle elezioni, andrei con calma e la smetterei di inneggiare al cambio radicale con l’arrivo di Hollande o di Grillo in Italia, la vera rivoluzione e stata in Grecia, ma anche li staremo a vedere!
    Questi tecnocratici ci hanno ingabbiati con l’euro, facendoci perdere la sovranità monetaria e con i vari trattati, ci hanno tolto il potere costituzionale, è questo quello che devono sapere i cittadini, se vogliamo evitare una mattanza dobbiamo informarci e STUDIARE per poter rivoltarci a questi criminali!

    Grande articolo.