I vaccini Covid non proteggono dall’infezione, inutile e ingiusto concedere privilegi ai vaccinati

Di Will Jones
lockdownsceptics.org

Creare una società a due livelli, in cui le libertà e le opportunità dipendono dal fatto di aver ricevuto o meno un nuovo vaccino (non completamente testato o autorizzato) e dover rivelare questo fatto agli estranei, non è mai stato un approccio valido dal punto di vista delle libertà civili. Ma man mano che cresce l’evidenza che i vaccini non prevengono l’infezione o la trasmissione, va a rotoli anche la presunta necessità medica alla base questo nuovo apartheid sanitario.

I vaccini Covid, in teoria, sarebbero dovuti servire a proteggere i vulnerabili dalla forma grave della malattia e dalla morte, dopo di che la vita sarebbe potuta tornare alla normalità. Ad un certo punto, però, è emersa una nuova idea: che tutti (compresi i bambini) dovessero essere vaccinati, non per proteggere loro stessi (il loro rischio è basso) ma per fornire un’ulteriore protezione ai vulnerabili. Allo stesso modo, si è arrivati all’idea che i completamente vaccinati, proprio perchè non più in condizione di trasmettere il virus, dovrebbero avere delle libertà che i non vaccinati non hanno.

Sta diventando sempre più chiaro che questa idea è inappropriata e che i vaccini non prevengono significativamente l’infezione o la trasmissione, in particolare [quella] derivante dalle nuove varianti. Ieri [05 luglio 2021], Lockdown Sceptics ha riportato i nuovi dati provenienti da Israele, i quali mostrano che, nell’attuale ondata di Covid, l’efficacia del vaccino Pfizer nei confronti dell’infezione è scesa al 64% rispetto al 94% del mese precedente. (L’efficacia contro le malattie gravi conseguenti all’infezione si è attestata al 93%). Public Health England ha già riferito che l’efficacia del vaccino AstraZeneca è scesa al 60% contro la variante Delta. Anche queste nuove, e più basse, cifre potrebbero comunque essere sopravvalutate, dato che Israele riferisce che il 55% dei nuovi casi sono in persone completamente vaccinate e, dato che il 60% del Paese è completamente vaccinato, questo suggerisce che i vaccini stanno facendo ben poco per prevenire l’infezione (una stima dell’efficacia del vaccino, su queste cifre grezze, darebbe solo il 18,5%).

Ci sono state anche grandi epidemie in Paesi intensamente vaccinati, come Bahrain, Seychelles, Maldive e Cile.

Per rimarcare il concetto, Swiss Doctor ha evidenziato un caso in cui “un Israeliano vaccinato aveva contratto la variante indiana a Londra, aveva infettato un’altra persona vaccinata in Israele, che, a sua volta, aveva infettato un’altra persona vaccinata, che aveva infine infettato circa 80 studenti ad una festa di liceo”.

Per alcuni, l’idea che i vaccini non impediscano l’infezione o la trasmissione non è una sorpresa. Come ha scritto Peter Doshi sul BMJ in ottobre, i trial non erano stati progettati per stabilire una cosa del genere. Inoltre, i vaccini non producono anticorpi IgA mucosali [n.d.T. immunoglobuline], che hanno dimostrato di avere un ruolo cruciale nel combattere le prime fasi dell’infezione.

È ora che i governi abbandonino l’idea che la vaccinazione sia in grado di fornire una protezione significativa contro l’infezione o la trasmissione, e quindi anche qualsiasi idea di vaccinare le persone per proteggere gli altri, o di conferire privilegi ai vaccinati, anche per i viaggi internazionali, come se non diffondessero più il virus.

I governi dovrebbero chiarire che la vaccinazione è puramente per protezione personale, e quindi anche una scelta personale, che comporta un rischio personale. Non c’è nessun obbligo sociale a vaccinarsi per proteggere gli altri, nessun beneficio nel vaccinare i bambini, e nessun motivo per limitare le libertà e le opportunità dei non vaccinati o imporre loro sacrifici extra come la quarantena.

Alcuni sosterranno che questo “fallimento” dei vaccini significa che abbiamo bisogno di continuare ad imporre comunque restrizioni, forse a tempo indeterminato. In effetti, la cosa più allarmante è che il SAGE [n.d.T. Scientific Advisory Group for Emergencies] sembra crederci. Nei verbali di aprile, pubblicati questa settimana, i consulenti scientifici dichiarano: “Saranno necessarie misure di riferimento continuativo e un prolungato cambiamento comportamentale a lungo termine per controllare una recrudescenza delle infezioni”.

Il governo ha già ammesso che i lockdown locali (o livelli) possono dare origine a nuove varianti che eludono i vaccini e di aver mantenuto i poteri di emergenza proprio per questo motivo.

Ma questa è la conclusione sbagliata. Quella corretta è che vaccinando i vulnerabili abbiamo fatto il possibile per proteggerli. Infatti, imponendo restrizioni a tutta la società per oltre un anno, siamo andati al di là di ciò che è ragionevole imporre alla gente, nella speranza di fornire una qualche protezione aggiuntiva ad alcune persone. Ora che sono state vaccinate dobbiamo tornare alla normalità e porre fine allo stato di emergenza, porre fine a tutte le restrizioni sia di legge che di orientamento, a tutte le restrizioni sui viaggi internazionali, e cessare tutte le minacce di imporre nuovamente restrizioni a livello nazionale o locale. Ora che è chiaro che i vaccini non prevengono significativamente l’infezione o la trasmissione dobbiamo porre fine a tutte le ipotesi di privilegi speciali per i vaccinati e all’obbligo di essere vaccinati per proteggere gli altri.

I vaccini sono imperfetti, ma dobbiamo renderci conto che abbiamo raggiunto il limite di ciò che poteve essere ragionevolmente fatto per proteggere le persone – anche se dovremmo certamente mettere più impegno nel trovare e approvare opzioni di trattamento efficaci, specialmente farmaci economici e riproposti, come l’ivermectina e la fluvoxamina, proprio come avremmo dovuto fare fin dall’inizio. Possiamo sviluppare iniezioni di richiamo per nuove varianti ma, come i vaccini antinfluenzali, queste avranno probabilmente un’efficacia limitata e non è ragionevole continuare ad imporre restrizioni, mentre aspettiamo che arrivino [queste nuove iniezioni di richiamo].

È tempo di accettare che abbiamo fatto tutto ciò che è ragionevolmente possibile, e anche di più, per proteggere i vulnerabili e tornare a vivere nuovamente come un popolo libero.

Will Jones
Fonte: https://lockdownsceptics.org/
Link: https://lockdownsceptics.org/2021/07/06/as-evidence-grows-that-vaccines-do-not-protect-against-infection-the-case-for-granting-privileges-to-the-vaccinated-collapses/
06.07.2021

Scelto e tradotto da NICKAL88 per comedonchisciotte.org

Notifica di
25 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Tipheus
Utente CDC
17 Luglio 2021 12:43

Ineccepibile. L’unico limite è che presuppongono che il fine dei vaccini sia combattere una malattia. Certo, se prendiamo sul serio quel che si dice, si possono obiettare le ragioni di questo articolo. Ma il vaccino non serve per la malattia, ma per il green pass, che è fine non mezzo.

emilyever
Utente CDC
17 Luglio 2021 15:16

Sul fatto che “vaccinando i vulnerabili abbiamo fatto il possibile per proteggerli” avrei qualche dubbio, vedi contagiati e morti per covid di anziani nelle Rsa di tutto il mondo, per esempio

Mario Poillucci
Utente CDC
17 Luglio 2021 15:38

Prossimamente: ”occhi bianchi sul pianeta terra” e, contemporaneamente ”io sono leggenda” remake del primo!!! Una schifo ripugnante e intollerabile quello che stanno facendo, orchestrando, tramando, realizzando con immoralità da ripulire con le armi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  Mario Poillucci
18 Luglio 2021 18:52

Ma la cosa piu’ triste e’ sentire tanta gente dire che il green pass e’ sacrosanto e che il vaccino dev’essere obbligatorio. Con cittadini di questo genere, il Potere non ha bisogno di psicopolizia. I nemici sono tra noi (e non se ne rendono neanche conto)

Violetto
Utente CDC
17 Luglio 2021 17:33

semplicemente andavano vaccinati gli anziani e i soggetti a rischio.
Andavano tirate fuori le cure e bisognava lasciare che tutti gli altri si contagiassero cosi da immunizzarsi naturalmente, curando chi si aggravava eccessivamente.

Sarebbe gia finita a maggio.

Si stanno affannando a far si che non finisca…sostanzialmente.

Ultimo aggiornamento 2 mesi fa effettuato da Violetto
Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
18 Luglio 2021 18:57

E quei prc (distribuire vocali a piacere) non ricordo se Rockefeller o Schwabe, avvertono gia’ che c’e’ in arrivo una “pandemia peggiore”. Visto che non hanno la boccia di vetro, ci fanno capire apertamente che sono loro a programmare e spargere questa roba. E che i governi sono loro complici. O li avrebbero gia’ fatti arrestare per crimini premeditati contro l’umanita’.

Predator.999
Utente CDC
17 Luglio 2021 17:33

Ma è un titolo idiota, l’obiettivo non è la pseudovaccinazione, ma l’eliminazione di quante più persone possibili.
Ogni mezzo è buono allo scopo.
Quando, tra qualche tempo, inizieranno a cadere come mosche trattate con un insetticida, anche l’idiozia si ridurrà, semplicemente perchè la maggioranza sopravvissuta sarà composta da quelli che hanno rifiutato il trattamento.
Basta aspettare, pazientemente.

Ultimo aggiornamento 2 mesi fa effettuato da Predator.999
BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  Predator.999
18 Luglio 2021 3:39

“Basta aspettare, pazientemente”.
Ci avevo pensato anch’io, e mi piacerebbe crederlo. Ma è possibile che abbiano messo in atto questa operazione solo per poi ritrovarsi alle prese con una popolazione in maggioranza pensante e decisamente ostile, non controllabile? Troppo bello per essere vero. Ci offrirebbero l’opportunità di saldare finalmente i conti. Anche perché tra i morti ci sarebbero un sacco di militari e poliziotti, e i sopravvissuti potrebbero pure decidere di fargliela pagare.
Il vaccino è senza dubbio un’arma biologica, ma il piano potrebbe essere più complesso di una rapida mattanza, e devono avere qualcosa in serbo anche per i disobbedienti, sennò sarebbero sceMi.
Bisogna stare sereni, ma preparati al peggio.

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
18 Luglio 2021 19:00

Ma soprattutto preparati. Una Norimberga-2 non gliela togliera’ nessuno (anche se personalmente preferirei una Francia 1789)

oriundo2006
Utente CDC
Risposta al commento di  Divoll
2 Agosto 2021 10:31

Siete troppo teatrali e ottimisti…dopo tutto l’essenziale è svelare il loro Piano e sconfiggerlo. La fase I ci vede facilmente vincitori, loro stessi ci hanno dato le armi per venirne a capo…quanto alla fase II quando verrà lo sarà dopo infinito dolore e morti e avvelenamento progressivo e irriversibile del nostro genoma. Perchè questo già avviene col virus ingegnerizzato, con questo o il prossimo o chissà quale ancora. Chi sopravviverà non avrà tempo per imbastire processi nè cantar vittoria.
Saremo tutti perdenti in un mondo devastato.

Individualista
Utente CDC
17 Luglio 2021 18:43

‘I vaccini sono imperfetti’ suona un po’ come: le azioni umanitarie di esportazione della democrazia hanno qualche tara.

Ultimo aggiornamento 2 mesi fa effettuato da Individualista
Bertozzi
Utente CDC
17 Luglio 2021 21:18

Quando sento o leggo le parole “proteggere i vulnerabili” “proteggere i più fragili” metto mano alla pistola.

Mario Poillucci
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
17 Luglio 2021 22:10

io preferisco AK47! Non vedo l’ora di usarlo nuovamente, te lo giuro!!!

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  Mario Poillucci
18 Luglio 2021 1:02

Si respira questa tua voglia!

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
18 Luglio 2021 19:01

Contagiosa…

Violetto
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
18 Luglio 2021 8:03

Vuoi uccidere i piu fragili?

é piuttosto ovvio che anche con la annuale influenza ci sono soggetti più fragili.

é una cosa talmente ovvia e banale che il tuo fastidio é ridicolo come la maggior parte dei tuoi commenti.

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
18 Luglio 2021 13:41

“metto mano alla pistola” è una citazione che ovviamente non hai capito, come non hai capito il commento e come non capisci un sacco di cose data la tua scarsa cultura e arguzia e malcelata malafede; la differenza è che invece gli altri l’han capito e han capito il tuo gioco di infiltrato da mo’; violetta cara sei saltata fuori qui appena è uscito il covid guarda il caso e in molti ti abbiamo fatto tana subito e abbiamo capito il tuo gioco sporco di finto alternativo(basta leggere l’incipit del tuo commento:”semplicemente andavano vaccinati gli anziani e i soggetti a rischio…” Buongiorno dottor.Vespa! Buongiorno dott Bassetti! A quando un’ospitata di Violetta al Tg1?) e ogni giorno qualcuno in più se ne accorge e ti sgama… se i miei commenti non ti piacciono non li leggere ed evita di rispondere – tu con questo sito e con la gente che lo anima non hai niente a che fare -che io, come molti qui, i tuoi li scorro via via veloce come quelli della ex lady dody o del corriere della sera. Baci!

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Bertozzi
Violetto
Utente CDC
Risposta al commento di  Bertozzi
18 Luglio 2021 18:33

da quello che scrivi capisco che tu si che hai cultura e hai capito tutto, scambiandomi per un troll….

purtroppo anche tra la controinformazione e i cosiddetti “risvegliati” è pieno di ottusi e questa è la causa di tutti i mali.
grazie di esistere

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Violetto
Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
18 Luglio 2021 19:02

Scambiando?!

Bertozzi
Utente CDC
Risposta al commento di  Violetto
18 Luglio 2021 20:04

Grazie degli insulti è un onore! Eh un troll… magari! Magari! Non ti preoccupare per te come altri aspettiamo tranquilli sulla riva del fiume di CDC (la capirai questa? Mah…).

Maurizio
Utente CDC
17 Luglio 2021 23:57

Ci sono state anche grandi epidemie in Paesi intensamente vaccinati, come Bahrain, Seychelles, Maldive e Cile.

Questi paesi erano “zero covid” prima che iniziassero con le inculazioni di vaccino.

Tutto il resto è noia.

È talmente assodato ormai che i vaccini non hanno nessun effetto sulla trasmissione che nemmeno bisognerebbe soffermarcisi più di tanto… se non con certi idi0ti.

L’altro giorno sentivo una c0gliona conduttrice radiofonica affermare che lei “ha diritto di sapere chi è vaccinato e chi no”, perché la nostra demente “vicino a un novax nemmeno ci si vuole sedere”. Ecco, a questa gente mono neurone auguro le peggio reazioni avverse, non la morte ma qualcosa di peggio tipo la paralisi.

È con loro che bisogna combattere ormai, ed è quello che “loro” volevano.

AlbertoConti
Redazione CDC
Risposta al commento di  Maurizio
18 Luglio 2021 20:09

“vicino a un novax nemmeno ci si vuole sedere”

Ha perfettamente ragione, è una brava cittadina che pensa agli altri! Io nocovidvax ringrazio e ricambio il favore. Anzi propongo il vero covidpass, quello rilasciato esclusivamente ai non vaccinati. Tutti gli altri si chiudano in casa, essendo altamente nocivi alla società sana.

Maurizio
Utente CDC
Risposta al commento di  AlbertoConti
19 Luglio 2021 9:42

Ma la cosa bella è che il co-conduttore, non vaccinato per scelta, risponde “allora che ci fai seduta qui accanto a me“. 🙂

E lei “… no vabbè, intendevo in luoghi affollati, tipo al cinema a teatro“, un’arrampicata sugli specchi che manco spiderman.

piero deola
Utente CDC
18 Luglio 2021 12:44

I criminali che ci governano fingono di volerci salvare da un virus che non c’è con un vaccino che non è un vaccino ma un’arma di distruzione di massa ma nello stesso tempo sono così preoccupati della nostra salute che proibiscono ai medici onesti di curarci a casa spendendo poco o nulla e risolvere il problema in pochi giorni. Se tale classe politica non va arrestata e processata per tentata strage significa che la magistratura complotta con i criminali e che il popolo italiano non viene difeso neppure da quello che crediamo presidente della repubblica che si chiama Mattarella.

Divoll
Utente CDC
18 Luglio 2021 18:50

L’ennesimo divide et impera

25
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x