Home / ComeDonChisciotte / LO SPAVENTAPASSERI E LA VERA CATASTROFE

LO SPAVENTAPASSERI E LA VERA CATASTROFE

DI PAOLO BARNARD
paolobarnard.info

Angelino Alfano e Joseph Cassano. Ovvero: lo spaventapasseri e la catastrofe, oppure, il fantasma degli idioti e la concretezza del vero male. Poi ci sono Giorgio e Laura. Parto da questi ultimi. Sono due lavoratori italiani (storie vere), licenziato il primo e cassintegrata con azienda in fallimento la seconda, padre separato lui e fidanzata lei. Laura è incinta di due settimane, lo avevano pianificato, ma ora il problema è duplice: manca il reddito sicuro e all’orizzonte sale lo spettro di una vita co.co.pro o peggio, visto che anche il compagno è precario. Questo getta su di lei l’ombra della decisione più tremenda: abortire? La depressione le sta annebbiando l’esistenza, nonostante i suoi 29 anni. Laura affronta oggi un naufragio di speranze prima ancora di averci potuto provare. Giorgio ha guai ancor più seri: un affitto e mezzo da pagare che non può più permettersi, e dunque la scelta forzata è la riunione sotto un unico tetto con l’ex moglie e la figlia. Ma ciò significa il ritorno nella stessa gabbia di due persone che si erano sbranate fino alla rottura, e già allora le conseguenze sulla piccola erano state pesantissime, fa pipì a letto e non parla più. Lo spettro di ulteriori traumi sull’innocente lo angoscia, così come assilla l’ex consorte. Vi si aggiunge la madre di lei che è allettata e necessita della badante, ora impossibile da mantenere. Ogni mattina Giorgio preferirebbe non svegliarsi più, ma a 42 anni è difficile che la natura gli doni quella via d’uscita. Vita e disperazione ordinarie in Italia oggi, sofferenze che scardinano vite umane, rispettivamente a Vicenza e a Rimini.

Angelino Alfano è l’uomo che ha tenuto Berlusconi fuori dalle corti di giustizia, finora. Male, bene, dipende dalle opinioni. Poi c’è Joseph Cassano. E’ l’uomo che ha distrutto la vita di Giorgio e di Laura, del vostro vicino di casa, o di un vostro ex compagno di scuola e dell’azienda in cui lavorava con altri 80 operai, oppure dell’artigiano sotto casa, della famiglia sfrattata ieri nel vostro palazzo, di vostro padre, la vostra forse, quella di moltissimi altri italiani, dei loro figli nel futuro, e assieme a queste vite ne ha distrutte altre che ancora persino devono nascere e che per decenni a venire pagheranno per colpa sua, qui, in Italia, nella vostra città, nella vostra borgata. Poi ci sono i centinaia di milioni di altri disperati, sparsi per il mondo, distrutti da Cassano, ma qui non ci interessano.

Antonio Di Pietro non sa neppure chi sia Joseph Cassano. Marco Travaglio meno che meno. Grillo? Zero, buio. Michele Santoro? Idem. Voi lo sapete? Di Pietro, Travaglio, Grillo e Santoro sanno però alla perfezione chi è Angelino Alfano, ve ne parlano a tamburo battente, strillano che è colui per colpa del quale “La Democrazia è in Pericolo in Italia”, e chiamano all’azione migliaia di italiani per fermarlo. Ora veniamo a Joseph.

Parto dal semplice per andare man mano verso il complesso. Joseph Cassano era il dipendente del gigante assicurativo americano AIG che da solo e in poco tempo ha innescato la più grave catastrofe finanziaria dal 1929, che oggi soffoca il mondo economico globale. Dal suo ufficio di Londra, costui ha orchestrato una truffa finanziaria di tale entità e di tale gravità da aver lacerato, con i suoi contraccolpi in crescita esponenziale, l’intero mantello produttivo del pianeta. Giorgio e Laura ne sanno qualcosa ora.

Cassano dirigeva un ufficio della AIG chiamato AIG Financial Products, sede londinese, con 377 dipendenti. Una inezia d’ufficio, se si pensa che AIG contava 150.000 assunti prima del crack. Ma a Joseph venne l’idea di scommettere qualcosa come 500 miliardi di dollari che non aveva, né li aveva la AIG, vendendo polizze assicurative sostanzialmente scoperte, cioè senza possedere il denaro per poterle eventualmente onorare. Tali polizze assicuravano le banche internazionali contro il rischio che i loro prestiti/mutui potessero rimanere scoperti, cosa che può accadere quando i titolari dei mutui/prestiti per svariati motivi dicono “non abbiamo più una lira da darvi”. In termini tecnici quelle polizze si chiamavano Credit Default Swaps. Cassano pensava: “Vuoi che tutte ste banche vengano tutte insieme a incassare le polizze tutte nello stesso periodo? Impossibile, per cui io intasco i loro soldi e se va male ne dovrò liquidare due o tre al massimo, cioè gli scoperti ordinari”. Joseph Cassano non fece a tempo a finire di pensare quella frase che praticamente tutte le banche del mondo da lui assicurate gli si presentarono in ufficio e gli dissero: “C’è stato un crack in America, qui i debitori non ci danno più un soldo, possiamo incassare le polizze signor Cassano?”. Panico. La AIG scopre così di avere un buco di 500 miliardi di dollari, le banche si ritrovano con scoperti per trilioni di dollari che nessuno gli ripagherà (1 trilione = mille miliardi di $), e cosa fanno? Chiudono i rubinetti del credito. Senza credito le aziende colano a picco, i mercati si fermano, l’economia crolla e i lavoratori pagano col ‘sangue’. Ecco come Giorgio e Laura, a Vicenza e a Rimini, piangono oggi sulla rovina della loro vita e sul naufragio dei loro sogni. Tutto ciò avviene negli ultimi 2 anni.

Torniamo dall’inizio, e fate attenzione, perché la storia che segue vi mostra come lavorano i veri Padroni del Mondo, i veri attentatori alle vostre vite e i veri padroni di Silvio Berlusconi, cioè coloro che nessuno dei ‘paladini’ dell’Antisistema italiano si sogna di combattere, mentre vi fanno perdere tempo dietro a minuzie.

La catastrofe di cui sopra monta, esattamente come monta una tempesta tropicale, in anni non troppo lontani, cioè durante l’era Clinton (1993-2001), quando in America qualcuno pensa che la speculazione finanziaria può rendere molto di più se i governi la piantano di mettere i bastoni fra le ruote degli investitori. Ed è così che un drappello di politici sia repubblicani che democratici ottengono l’approvazione di una legge chiamata Gramm-Leach-Bliley Act, che liberalizza le transazioni finanziarie a scopo speculativo. Gli sponsor della legge sono il repubblicano Phil Gramm e i democratici Robert Rubin e Larry Summers, oggi consiglieri di Obama (sic), nonché Joe Biden, oggi vice-presidente (sic). Clinton la firmò nel 1999. Essa tagliava le ali a un’altra legge USA, la Glass-Steagall, che anni prima aveva voluto mettere un freno alla finanza selvaggia. Dietro le quinte, il lavoro delle lobbies bancarie e assicurative che avevano speso 350 milioni di dollari in finanziamenti ai politici giusti. A quel punto gli uomini di Wall St. e della City di Londra avevano briglia sciolta. Con l’aiuto dei migliori giovani matematici neolaureati, si misero a creare dei prodotti finanziari diabolici, astrusi, ma micidiali, che gli facevano guadagnare milioni di dollari in un battibaleno. Tali prodotti erano, e sono, così complessi che il Financial Times di Londra dovette incaricare Jillian Tet e il suo team di economisti di studiarli, cosa che li impegnò per anni prima di capirci qualcosa. Nel 2006 il presidente della Banca Centrale Europea, Jean-Calude Trichet, aveva già detto anch’egli testualmente “…non li riesco a capire”. Si trattava in maggioranza dei famosi Derivati, cioè prodotti finanziari il cui valore ‘deriva’, o meglio è garantito, dal valore di qualcos’altro. Esempio: vendono un prodotto finanziario a te in Italia dicendoti che ti renderà tot % all’anno. Tu gli dai i soldi, loro incassano, ma non ti dicono che quel prodotto è garantito dal mutuo di un altro tizio che sta a Chicago o a Bangkok, per esempio. Se il tizio di Chicago o di Bangkok paga le rate in regola tutto fila liscio, ma se per disgrazia smette di pagarle? I Derivati sono anche mille altre cose (come i Credit Default Swaps di cui sopra), ma sono sempre scommesse sul valore di qualcos’altro. Sono azzardi scellerati che oggi si sono sparsi per il mondo per un valore totale di… rullo di tamburi… 525.000 miliardi di dollari, tre volte il PIL mondiale, e questo grazie soprattutto al Gramm-Leach-Bliley Act di cui sopra.

Fra questi azzardi finanziari c’erano anche una colossale montagna di mutui dati agli americani senza tanti controlli, chiamati ‘sub-prime’, dati cioè a gente la cui posizione finanziaria era incerta ma che pensava di poter pagare le rate grazie al fatto che in America c’era una bolla immobiliare stupefacente in continua crescita. Cosa vuol dire? Vuol dire che John Smith lavoratore precario comprava una casa con un mutuo ‘sub-prime’ per 250.000 dollari, ma la casa nel giro di sei mesi aumentava di valore (bolla immobiliare) di 30.000 dollari, nel giro di un anno di 80.000, e via dicendo. Mr Smith poteva così sentirsi sicuro di poter ripagare il mutuo con facilità. Riassumendo: le banche USA davano via mutui come noccioline a chicchessia, i signori chicchessia sfruttavano la bolla immobiliare per ripagare i mutui e, attenzione ora, sapete cosa hanno pensato di fare le banche? Hanno pensato di impacchettare tutti questi mutui faciloni (sub-prime) e di vederli in giro per il mondo sotto forma di prodotti finanziari, cioè proprio quei prodotti Derivati di cui sopra (l’esempio di Chicago o Bangkok). Ma come tutte la bolle speculative, anche quella immobiliare americana scoppiò di colpo. Il mercato dell’immobile in America perse vertiginosamente 7 trilioni di dollari, di cui 1 trilione era stato sborsato dalle banche sotto forma di questi mutui scellerati. Eccoci all’AIG. Moltissimi debitori americani smisero di pagare le rate, la banche si trovarono con miliardi di dollari di scoperto, chi nel mondo (cittadini e banche come Unicredit) aveva comprato i derivati garantiti da quei mutui americani si trovò fregato, e quando le banche si rivolsero all’AIG per riscuotere le polizze fasulle di Joseph Cassano tutto andò in pezzi. Inclusa la vita di Giorgio e Laura.

Questa spirale disastrosa, pensate, sta costando all’intero sistema bancario americano e inglese la bancarotta. Cioè, in parole povere, con un buco che supera i 3.600 miliardi di dollari si può dire che i sistemi bancari di USA e GB siano in effetti falliti. Nella sola Inghilterra, una singola banca aveva uno scoperto per un ammontare superiore all’intero PIL nazionale. Le conseguenze nel mondo sono sotto gli occhi di tutti, e dritto in casa vostra oggi. Va fatta qui una prima riflessione: vi rendete conto che i giochi di una manciata di individui che distano dall’Italia migliaia di chilometri possono lacerare le vite degli italiani con una distruttività mille volte superiore a qualsiasi Lodo o processo berlusconiani? C’è qualcuno qui che vi sta mobilitando per difendervi? Nessuno. Perché? Perché a Di Pietro e a Travaglio non gliene frega un accidenti delle famiglie italiane vere, e del pericolo democratico che proviene da disastri del genere. Gli importa solo di quel nugolo di borghesi col deretano parato (dai genitori, spesso) che vanno a formare la maggioranza dei loro elettori/fans, e che fanno la loro fortuna politica/economica. Giorgio e Laura neppure li considerano.

Torniamo ai giochi finanziari scellerati. Gli istituti finanziari internazionali protagonisti di questi crimini facevano anche di peggio. Per esempio il cosiddetto ‘Banner Swapping’. La banca Tizio e la banca Caio si scambiavano 1 miliardo di dollari di Derivati, che come sappiamo avevano valore di carta straccia. Ma entrambe le banche scrivevano sui libri contabili che quello scambio era invece un incasso. Con un ‘incasso’ di 1 miliardo di dollari le azioni di quelle banche schizzavano in alto, e i manager si intascavano dei premi personali favolosi (i bonus). Il fatto poi che tutto questo fosse fasullo, veniva lasciato al futuro, chi se ne importa. Ma nel futuro ci sono le nostre vite di lavoratori, di cittadini, ci sono gente come Giorgio e Laura.

I bonus sono centrali per capire la filosofia politica che sta alla base non solo di questa catastrofe globale, ma anche di tutto il pensiero del Libero Mercato. Essa si riassume così: se io banca/investitore vinco intasco i profitti (i bonus ecc.), se perdo pagano i cittadini (gli Stati). E infatti oggi in tutto il mondo sono i contribuenti che stanno sborsando trilioni di dollari per salvare banche, banchieri, investitori e soci. Un dato: Obama sta elargendo quasi 3.000 miliardi di dollari al mondo finanziario in bancarotta, cioè ai Cassano d’America. Confrontate questo con i miseri 19 miliardi di dollari che il presidente USA ha garantito contro il fallimento della General Motors, dove chi lavora non sono yuppies rampanti con lo yacht a Malibù, ma gente vera con famiglie vere come Giorgio e Laura. Una logica scandalosa. Di fatto, essa si traduce in quelli che l’economista premio Nobel Joseph Stiglitz ha chiamato “gli incentivi perversi” a scommettere col destino di milioni di lavoratori e di cittadini, poiché, ribadisce Stiglitz, i ricchi “intascano enormi profitti se le cose gli vanno bene, ma non pagano nulla se gli vanno male”, infatti chi paga siamo noi tutti. Un altro Nobel dell’economia, Paul Krugman, ha definito tale filosofia “socialismo al limone: le perdite sono dei contribuenti e i profitti sono degli investitori privati”. E sapete come hanno fatto gli squali di Wall St. a ottenere questi indecenti favoritismi che noi tutti paghiamo? In due modi: primo, hanno elargito al buon presidente ‘progressista’ Barack Obama 38,6 milioni di dollari in campagna elettorale nel 2008; secondo gli hanno detto “poiché in questo disastro di Derivati nessuno ci capisce nulla a parte noi che li abbiamo creati, è meglio che non ci affondi, se no affondate tutti con noi”. Italiani inclusi.

E in Italia stanno accadendo cose simili. Perché anche da noi i vostri soldi stanno finendo nelle tasche degli scellerati, o di coloro che, per causa di questi criminali Padroni del Mondo, stanno oggi fallendo nella disperazione di migliaia di famiglie. Nel solo marzo del 2009, il governo di Roma ha stanziato 12,8 miliardi di euro per salvare il settore bancario e quello auto/elettrodomestici. Per darvi le proporzioni, è una cifra quasi identica a quella della finanziaria di quest’anno (13,1 miliardi), con la quale si sarebbe potuto aiutare tutt’Italia, incluso quel 38% delle famiglie italiane in difficoltà nella cui vita il lodo Alfano conta come un peto, e la cui capacità di partecipare alla vita democratica è distrutta quotidianamente dal perenne affanno per arrivare a fine mese.

Ma al peggio non c’è mai fine. Si è appena descritto in termini concreti uno degli agghiaccianti pericoli per le democrazie mondiali (già verificatosi) e per il welfare di milioni di cittadini, che costituisce, assieme a molto altro ahimè, la vera minaccia democratica a noi persone comuni, Italia inclusa, e di fronte a cui gli scandali strombazzati dai ‘paladini’ dell’Antisistema italiano sono minuzie. Viene dunque da chiedersi: cosa si sta facendo per combattere tali pericoli? Casa si è fatto? La risposta è disperante, e di nuovo è materia nascosta a quasi tutti voi e su cui i vostri ‘paladini’ tacciono. Durante l’ultimo G8 all’Aquila, sono state annunciate misure per ridare ordine alla finanza internazionale. Sono palliativi cosmetici. Nella realtà accade questo: il governo americano, che è quello che conta, ha chiamato per ripulire i disastri di questa crisi globale gli stessi personaggi infami che l’hanno creata. Invece di punire gli scellerati investitori, invece di fargli perdere ciò che avevano scommesso sulla nostra pelle, invece di farli fallire e di impiegare il denaro pubblico per la gente in difficoltà, Obama e il suo ministro del Tesoro Timothy Geithner hanno offerto agli Hedge Funds (il peggio degli scellerati di Wall St.) e ad altri gruppi di investitori selvaggi una montagna di denaro facile affinché comprino i debiti delle banche fallite, e cioè quei famosi Derivati carta straccia che anche noi abbiamo comprato. E’ l’ennesima truffa che ci distruggerà il futuro, a New York come a Teramo. Funziona così, e cerco di farla semplice: questi investitori hanno ricevuto da Washington l’85% del denaro necessario per comprare quei debiti, mentre loro ne metteranno solo il 15%. Se i Derivati che comprano dalle banche asfissiate ritorneranno a guadagnare, gli investitori sopraccitati si intascheranno i profitti; se invece rimarranno carta straccia, essi ci rimetteranno solo il 15%, perché l’85% lo ha messo il governo USA (cioè i contribuenti) e non è da restituire (i fondi così regalati si chiamano Non-Recourse Loans). Forse è difficile da capire, ma fidatevi, è così, è il solito “socialismo al limone: le perdite sono dei contribuenti e i profitti sono degli investitori privati”.

Ciò che più importa, però, è che in tale modo si è ricreata una vera Cupola mondiale di investitori privati collusi col governo più potente del mondo, di fatto una colossale impresa zeppa all’inverosimile di questi prodotti finanziari esplosivi, che se esplode di nuovo ci trascinerà tutti in un abisso mai visto nella Storia dell’economia. Di nuovo, al timone di questo ordigno nucleare della finanza impazzita ci sono gli stessi personaggi che hanno causato il presente disastro economico planetario (Summers, Rubin, Liddy ecc.), perché sono gli unici che ne capiscono qualcosa. Noi, i cittadini, e pure i nostri politici, ne siamo esclusi del tutto, anche se le conseguenze di un eventuale nuovo crack, lo ripeto, le pagheremo noi, i nostri figli, il nostro futuro, in ogni singolo atto della nostra vita di comunità, e col ‘sangue’. Per tali motivi, quanto è già accaduto e qui descritto, e quanto sta accadendo, sono la vera minaccia alla democrazia che pende sui nostri capi oggi. Una minaccia agghiacciante, poiché la Storia ci insegna che nulla indebolisce la democrazia dei cittadini come il terrore economico, di cui i Padroni del Mondo sempre approfittano per ledere i nostri diritti. Ne capite la gravità? Capite perché la Società Civile Organizzata italiana, oggi ipnotizzata dai nostri falsi ‘paladini’, dovrebbe accantonare Alfano e occuparsi con ogni sua forza di Cassano? Quando la democrazia è alla fase terminale, esistono priorità urgenti, e gli sbraiti di Grillo, i libri fotocopia di Travaglio e le idiozie per mezzo stampa di Di Pietro non lo sono. L’ossessione contro Berlusconi oggi non lo è. Anzi, ci distraggono dal salvarci la vita.

Paolo Barnard
Fonte: www.paolobarnard.info
Link: http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=122
15.07.2009

FONTI

Gabriel Kolko, Factors in Our Colossal Mess, CounterPunch, 26/11/2006

William Greider, Goldman Sachs Socialism, The Nation, 23/09/2008

Matt Taibbi, Intervista, 25/3/2009, Democracy Now.org

Joseph Stiglitz, A Better Bailout, The Nation, 01/10/2008

New York Times Magazine, Italy Plans Fashion-Industry Bailout, 02-0-2009

Frobes.com, Italian Banking Bailout Kicks Off, 10-03-2009

John Cavanagh, The Rich and the Rest of Us, The Nation, 11/06/2008
Paul Krugman, intervista, Democracy Now.org, 23/03/2009

Jeremy Warner, The Week the Economy Turned Nasty, The Independent, 19/01/2008

Indagine Ipsos, Gli italiani e il risparmio, 06/12/2007

A.K. Gupta, Market Madness, ZMagazine, 14/06/2008

Dominic Lawson, Democrat Fingerprints are all over the Financial Crisis, The Independent, 03/10/ 2008

Robert Sheer, Financial Fascism, The Nation, 24/09/2008

Robert Kuttner & Michael Hudson, intervista, Democracy Now.org, 13/02/2009

The Wall Street Journal, The London Review of Books, The Financial Times, Alternet.org et al.

Pubblicato da Davide

  • gelsomino

    Ma a gente che da secoli truffa impunemente l’umanità col signoraggio cosa gliene può fregare di perdere migliaia di miliardi?
    Niente di nuovo sotto il sole, i politici fanno ciò che vogliono i banchieri e noi facciamo ciò che vogliono questi bastardi.

  • sheridan

    Ottimo articolo, molto efficace e scritto con grande competenza. Peccato che e’ infarcito dalla solita cagnara su Grillo, Di Pietro e Travaglio (ma cosa e’??? un’ossessione????)

    Un’eventuale lettore non molto ferrato sulle questioni finanziarie si farebbe l’idea che Di Pietro dovrebbe dichiarare guerra agli stati uniti anziche’ a Berlusconi, Travaglio dovrebbe svaligiare Goldman Sachs anziche’ occuparsi di Papi e Grillo dovrebbe fare un V-Day a wall street anziche’ tentare di liberare il PD dalla Finocchiaro, da Fassino, da La Torre e da Rutelli.

  • nessuno

    La filosofia di questa catastrofe sta nel potere delle banche di creare denaro dal nulla o denaro elettronico e al potere di poche persone di gestire le regole bancarie e per questo vedasi la composizione della banca dei regolamenti di Basilea dal Basilea 2
    Nessuno però dice che il denaro non può rendere altro denaro
    La carta non può creare altra carta
    Poteva essere un articolo accettabile , anche se , per i temi trattati, non ci dice niente di nuovo visto che tutti i giorni compaiono articoli di chi molto tardivamente ci spiega la crisi , gli attori e le colpe.
    Rimane sempre incomprensibile l’infilarci dietro la solita solfa dei Grillo, Travaglio
    A questo punto penso che se li sogni la notte gli incubi dell’invidia
    E la sfida a FARE lui qualcosa di concreto come radunare i suoi seguaci rimane aperta

  • nessuno

    E la cosa diventa riduttiva, superficiale e mal confezionata un classico di chi si affanna a diversificare su argomenti che poco conosce
    Allora il re dei dissidenti afferma che Joseph Cassano. è il cervello di una colossale truffa, un’altro maddox
    Mentre Maddox si può considerare un indipendente(anche se non è molto vero) Cassano è un dipendente , manager ma dipendente.
    Ora che il manager di un piccolo ufficio di Londra dalla Aig si inventi un cosidetto prodotto finanziario senza il placet dei capi è impossibile
    Allora il sig.Cassano è la solita testa di legno
    Basta leggere Corporate Governance per rendersi conto che ritorniamo sempre agli stessi nomi
    E notevole osservare che: Aig
    Provvede ala assicurazione sanitaria ministri,senatori,diplomatici

    http://www.aig.com/foreign-ministry-benefits_272_118724.html

    Purtroppo non ho il tempo di radiografare questo articolo ma sono convinto che ci sia parecchia fuffa
    Con questo sarebbe solo una critica legittima a un articolo condivisibile ma il dissidente manda tutto in vacca con le solite sparate da invidioso bilioso e allora diventa obbligo far capire che se Grillo 6 Travaglio non scrivono di queste cose perché non ne capiscono lui ne scrive non capendone una mazza e scrive fregnacce

  • Firenze137

    I miei complimenti per la chiarezza, la competenza, la serietà e.. ce ne fossero
    di Paul Barnard che ci spiegano la cose e i retroscena di questi immani “casini” economici con questa oggettività e citando le fonti!

    Invece di denigrare le giuste osservazioni e considerazioni verso il mondo dei “paladini” e l’industria della protesta che fa bella cassa di risonanza e non serve a niente (tranne forse farci divertire e perchè no anche rifettere..) , usiamo magari il passaparola, il viral marketing per far sapere alla rete, ai ns. amici ai parenti – insomma a più gente possibile – come stanno le cose.

    Ogni tanto potete usare anche il telefono e cercare di “infiltrarvi” nelle trasmissioni tipo Zapping ( RAI – Aldo Forbice ) e/o LA Zanzara ( Radio24 – Cruciani) e cercate di dire la verità sul Signoraggio, le Banche, i derivati le assicurazioni e di far sapere agli ascoltatori che magari non navigano sempre su Internet.
    Provateci (io l’ho fatto più volte). Anzitutto una gentile signorina-filtro prima di mettervi in onda vi chiederà di cosa volete parlare. Voi gli direte qualcosa di “collaterale”, ma, una volta in onda, non appena i vostri discorsi vanno in zona “top secret” vi taglieranno !!.

    Non ci beiamo e non ci basti solo di aver postato il nostro bel commentino ( mi ci metto pure io..)
    e di aver dato sfogo alla nostra carica di invettive contro quello che scrive comunque un giornalista – Paul Barnard – che ha una storia, ed un passato degno del massimo rispetto.

    Lui ci ha spiegato delle cose. Abbiamo le fonti. Se non ci crediamo controlliamo. Poi però facciamo qualcosa anche noi.

  • edo

    Concordo.
    Questa crisi offre l’opportunità di vedere dentro il meccanismo della “fabbrica del denaro-debito”, nonostante questo molti preferiscono volgere lo sguardo altrove, alla ricerca di qualcuno a cui attribuire “la colpa”… di cosa?? Anche Barnard è alla ricerca di un Binladen qualsiasi. E meno male che invita gli altri a “svegliarsi”!!

  • Tonguessy

    “Di Pietro, Travaglio, Grillo e Santoro sanno però alla perfezione chi è Angelino Alfano, ve ne parlano a tamburo battente, strillano che è colui per colpa del quale “La Democrazia è in Pericolo in Italia””.
    Fatto sta che anche il CSM boccia il lodo Alfano come anticostituzionale. Banda di dementi irresponsabili anche loro che non hanno a cuore la nostra democrazia? Bah….
    Parliamo adesso di Joseph Cassano. Non lo conoscevo. Ma conosco bene i vari Merton e Scholes cui gli apparatchick di Svezia (gli stessi che premiarono Kissinger con il Nobel per la “pace”) consegnarono loro il Nobel per l’economia nel ’97 per avere inventato i derivati finanziari, madre di tutte le disgrazie attuali. Non importa che il loro Long Term Capital Management (una società finanziaria, naturalmente) perse ben 4,6 miliardi di dollari in meno di 4 mesi nel ’98: ancora adesso quelle equazioni assurde vengono studiate nelle università e applicate negli studi finanziari. Prendersela con Cassano senza inserire lui e la moltitudine di manager e promotori finanziari nella rutilante cultura dell’eccesso e della mancanza di comprensione di quelli che sono i LIMITI DI SISTEMA che anima il mondo scientifico, imprenditoriale e politico mi sembra opera sciocca. Pensate che i derivati al giorno d’oggi rappresentano 20 VOLTE il PIL mondiale (13 solo i CDS): hanno assicurato QUELLO CHE NON C’E’! Cassano è un furbetto di quartiere, dargli TUTTE le colpe di questo disastro è ingeneroso. Esattamente come accusare Alfano di tutti i mali del nostro paese.

  • buzz

    Spiegare quello che è accaduto in termini colloquiali non è facile per nessuno.
    Da un lato abbiamo gli esperti del settore (i quali se sono esperti stanno quasi sicuramente dall’altra parte) che se si mettono a spiegare infarciscono i discorsi di termini tecnici rendendoli incomprensibili ad un profano; dall’altro abbiamo i non esperti (non si può essere esperti di tutto, nella realtà complessa che viviamo!) che fanno uno sforzo per capire e poi cercano di renderlo comprensibili anche ad altri.
    In questo percorso ovviamente qualcosa si perde, per generalizzazione.
    E’ ingeneroso, mettersi a fare le pulci ad articoli divulgativi.
    Di più, fa pensare alla classica metafora del dito e la luna.

    L’importante è che a grandi linee almeno lo scenario rappresentativo della realtà venga svelato un po’ di più. E, francamente, per quello che ne so io, questo articolo lo fa.

    Vero è che nessuno ha mai messo in evidenza con chiarezza la delega che è stata data alle banche di creare dal nulla denaro virtuale, che è poi il meccanismo che crea le bolle immobiliari o fa crescere il mercato dell’auto eccetera… (è lo spettro dello sviluppo quello che inseguiamo, e sta bene a tutti quelli che comandano, cavalcare l’onda) ovvero incentivare i consumi.

    In questo l’articolo pecca, ma non è il solo.

    Anch’io ho pensato ad un filo di ossessione, in Barnard, nel riferirsi ai soliti travaglio, grillo eccetera. Tuttavia, occorre dire che quello che sta avvenendo è che mentre costoro si fanno i loro bei passaggi in tv a “denunciare” le malefatte del nano, nessuno sui media parla di questi livelli.
    Così’ come La Repubblica conduce fiere battaglie anche con colpi bassi e vergognosi per un buon giornalismo, ma si guarda bene dal prendere di mira i veri padroni del mondo.

    In questo senso, smascherare il loro ruolo che a questo punto appare essere come quello del poliziotto buono e quello cattivo… mi sembra non più un’ossessione, ma utile.
    A che pro attaccare Berlusconi, oggi, su un sito come questo?

    A che pro nelle comunità dell’informazione indipendente parlare del Lodo Alfano?
    Ci parliamo addosso da troppo.

  • nessuno

    La denigrazione parte solo e sempre da barnard infatti se ti rileggi non ci sono le invettive che dici ma delle critiche più che lecite e moderate
    Smettila di battere la grancassa non funziona e in molti hanno capito il concertino che si porta dietro barnard
    Detto questo tu che blateri di signoraggio ma non dici verbo sul fatto che il denaro non può e non deve rendere altro denaro
    lo sai che cosi i soldi che hai depositato in banca non ti renderebbero più neanche la miseria che oggi ti rifilano le banche?
    O pensi di levargli il signoraggio e di lascirgli la riserva frazionaria e i prestiti a strozzo che da sempre praticano?
    Il rispetto lo si ottiene se si rispettano gli altri e non mi pare proprio il caso in questione visto che in qualsiasi tipo di commento il tuo boss ci infila sempre invettive immotivate verso altri
    Lui non ci ha spiegato una mazza e di articoli cosi , senz’altro migliori in tutto e scritti da persone che hanno titolo per scriverli, su questo sito ne compaiono tutti i giorni
    Ecco incomincia a spiegarci cosa fai tu tanto per cominciare non imitare barnard
    Spiegaci in pratica cosa fai tu per cambiare le cose
    Sono on line come sei tu avanti spiegamelo quali sono le tue azioni?
    Portarsi dietro la clac e di gente cosi ti rende ancor più sgradevole ma nel tuo livore non lo capisci vero re dei dissidenti?

  • illupodeicieli

    Il fatto è che molte persone, e io sono tra quelle, sono come Giorgio e Laura dell’articolo di Barnard (se fossero come Giorgio Napolitano o Laura Pausini non avrebbero ,credo, quel genere di problema,forse ne avrebbero altri): quindi per noi è prioritario sbarcare il lunario.Capire che cosa ti uccide, che cosa ti impedisce di vivere la vita come vorresti, ti mostra solo che tipo di veleno o di bomba o di killer, ti uccide. A questo punto si aprono altri discorsi: c’è chi ,mentre muori ti accusa e continua ad accusarti dicendo che “tu hai speso più di quello che avevi, ecco perchè…”, ma tu sai che avevi ben poco,come stipendio, e un mucchio di spese (vogliamo dire o ricordare che paghiamo di più dei nostri “fratelli” europei la corrente elettrica ad esempio?) come gli affitti o se sei fortunato il mutuo,la benzina: da dire che anche sul discorso tariffe occorrerebbe chiarire che “non è obbligo di parrocchia adeguarle al resto delle’Ue” ma potrebbero anche essere più basse (dato che gli stipendi ,a parte quelli dei dirigenti statali o delle municipalizzate, sono inferiori);mentre muori ti invitano a cambiare stile di vita, ad adeguarti, a tirare la cinghia, a resistere, a ricorrere alle politiche di assistenza sociale, nella speranza, falsa, che le cose cambieranno. Ti parleranno di decrescita, di ecosostenibilità, ma a te i soldi per comprarti un libro, il tempo per leggerlo, nessuno te li darà.Peggio: ti accuseranno che “sei tu che non lo vuoi” perchè se volessi potresti cambiare, e ti diranno quello che io sono , ossia, “un fallito”. Nella mia dabbenaggine, quando stavo fallendo ho trovato un nuovo lavoro ai mie ex dipendenti: oggi forse mi pento, perchè avrei dovuto trovarmi io ,per primo,un lavoro e poi…
    Oggi la cosa primaria, ancor prima di scendere in piazza è per tanti il lavoro, i soldi per pagare le utenze:e dicono bene che questi ,per Di Pietro o per Alfano, non sono cose primarie; un operaio,credo, non vorrebbe scendere in piazza, ma poter lavorare ed essere pagato il giusto.
    Distratti dai film di Harry Potter e dal calcio mercato o da chi si vanta in tv che la scuola che boccia di più è migliore (magari si è adeguata agli standard europei) certo che i problemi veri non si vedono, e nemmeno le cause: se ci fosse chi conoscendo gli uni e le altre offrisse e prestasse il proprio sapere per risolvere la situazione, non sarebbe una cattiva idea. Il fatto è che non si sa quale sia la soluzione, anche perchè alcuni profetizzano disastri,violenze, stati di polizia,miseria; per altri invece, sarà come ora,alcuni lavoreranno e altri saranno in fila per un piatto di minestra,mentre i soliti saranno ai ricevimenti o in vacanza perenne. Ci saranno alternative? Ora vado a lavorare…in nero.

  • ottavino

    E’ bello poter sapere tutte queste cose e grazie a Barnard che ce le ri-dice. Però ad una analisi più accurata direi: qual’è la vera causa di tutto cio? L’avidità umana, rispondo. E l’avidità è un tema difficile da affrontare. Ci hanno provato anche le religioni ma con scarso successo, soprattutto i “cristiani”, che non hanno mai preso alla lettera il Vangelo quando dice “guarda gli uccelli nel cielo che non seminano e non mietono eppure vivono senza preoccupazioni”….
    Io devo dire che in fondo ho una certa fiducia nell’avvenire. Niente è mio a questo mondo e niente mi porterò nella tomba. Mi sono ritrovato qui in occidente tra i “ricchi”, ma non ho fatto niente per meritarmelo.
    Le cose “accadono” e il mio potere su di esse è relativo. Se crolla tutto e morirò di fame….amen

  • nessuno

    E giusto quello che dici ma c’è di più
    Gli esperti del settore non hanno mai proferito verbo su quello che stava accadendo
    Io mi aspetto che un esperto sia in grado di giudicare se un titolo e tossico o meno
    Se non me lo dice ,sapendolo,vuol dire che è al servizio anche lui come molti
    Allo stato la dietrologia serve a poco il crac c’è si vede lo subiamo e dato che i colpevoli non finiranno certamente in un aula di tribunale(tranne poche teste di legno) ci fosse qualcuno che ci indica la strada per salvare i nostri risparmi prima che evaporino (Argentina docet)
    Il silenzio è assoluto
    Smascherare che i media sono asserviti? Credo che gli utenti di questo sito ne siano consapevoli come chi usa la rete per informarsi
    Sono quelli che si bevono quello che scrivono e vedono(soprattuto) e quelli come li raggiungi fino a che c’è un berlusca che domina tutto l’apparato televisivo sia privato che nazionale e parte della carta stampata mentre il restante è in mano ai banchieri?
    Ognuno parla e scrive per quello che gli compete, Travaglio da sempre fa cronaca giudiziaria con competenza , e la cosa veramente disgustosa sta nel fatto che i continui attacchi vorrebbero dimostrare che quello che scrive sui processi è falso trovami un solo giornalista che abbia scritto che andreotti era colluso con la mafia e il reato è prescritto.
    Travaglio lo ha detto in una intervista fatta a lui da Mannoni che alla sua dichiarazione ha preso subito le distanze
    Allora viene da chiedersi se chi scrive certe cose non solo sia un falso dissidente ma uno al servizio e più passa il tempo e più i dubbi aumentano
    Su Grillo è stato detto e dicono di tutto e di più
    Con una sola mossa ha dimostrato che il PD è veramente PD meno la L perché è identico ovvero un partito azienda dove i “vertici” eleggono manager che devono seguire le linee guida
    La sua provocazione della tessera ha funzionato in questo senso e ha funzionato bene visto il battage di tutti i media e le dichiarazioni dei notabili
    Qualche stolto non sapendo neanche cosa dice l’ha presa per una candidatura al parlamento, ma si sà c’è sempre chi prende fischi per fiaschi
    Stranamente il PDL e le reti associate non cavalcano molto questa notizia ti sei chiesto il perché?
    A mio avviso se l’opposizione diventasse veramente tale di leggi fasulle ne passerebbero pochissime dovrebbero ricorrere sempre e comunque ai decreti legge
    E si potrebbe continuare all’infinito
    Ci parliamo adosso?
    Forse hai ragione anche su questo , sarà una magra consolazione ma ne parliamo
    Buona giornata

  • Galileo

    Bene ComeDonChisciotte, vedo che ci siamo trasformati nel “BAR” sottocasa del signor barnard…che stà succedendo ultimamente che non si legge più un articolo decente? Sembrerebbe che non ci sono notizie secondo voi, ma solo pettegolezzi da bar.

    Avete cambiato linea editoriale?

    Avete perso i traduttori?

    Avete deciso le lotte fra galli attirano più utenti? Si a mo’ del Grande Fratello.

    Non so, forse vi è sfuggito che si è firmato l’accordo per la costruzione del Nabucco?…e così tante altre cose…

  • robyfoto

    Io non capisco questi modi da ultras nei commenti…comunque sia…Barnard, secondo me hai fatto un buon articolo e mi piace questa cosa di prendere un esempio come joseph Cassano per mostrarci le nefandezze dei DIPENDENTI (figuriamoci i Boss), però continuo a non essere d’accordo con gli attacchi alla barricata Grillo Travaglio ecc.; non perchè mi fidi di loro (interessante l’articolo su di loro di Disinformazione.it in cui fra l’altro sei citato) ma semplicemente perchè beneficiano del mio dubbio…sa…io ad esempio ho sempre pensato che tutti questi mali andessero compiuti usando le loro stesse tattiche e infiltrandosi nei loro canali, poi nel momento in cui Grillo usa la Mass ipnosi contro qualcuno gli dite che è un traditore…calma, vediamo dove arriva…sulla storia dei libri a guadagno le chiedo: lei non ha mai stampato niente che le abbia portato lucro?
    Un’altra questione è quella degli obiettivi che secondo lei Grillo e co. sbagliano, però io mi chiedo: come si può arrivare a mettere i bastoni nell’ingranaggio della schiavitù moderna perpetrata attraverso il capitalismo? loro ci tengono a bada dandoci la parvenza della democrazia attraverso i governi, ok bene allora partiamo dal prenderci questi governi…insomma le ripeto, neanche io mi fido di Grillo e co. però devo ammettere che ha un piano forte, non fa solo informazione (importantissima per carità) ma è passato ai fatti ed è importante, non la vedo necessariamente come una cosa sviante dai “Veri problemi”…staremo a vedere…

  • robyfoto

    Io non capisco questi modi da ultras nei commenti…comunque sia…Barnard, secondo me hai fatto un buon articolo e mi piace questa cosa di prendere un esempio come joseph Cassano per mostrarci le nefandezze dei DIPENDENTI (figuriamoci i Boss), però continuo a non essere d’accordo con gli attacchi alla barricata Grillo Travaglio ecc.; non perchè mi fidi di loro (interessante l’articolo su di loro di Disinformazione.it in cui fra l’altro sei citato) ma semplicemente perchè beneficiano del mio dubbio…sa…io ad esempio ho sempre pensato che tutti questi mali andessero compiuti usando le loro stesse tattiche e infiltrandosi nei loro canali, poi nel momento in cui Grillo usa la Mass ipnosi contro qualcuno gli dite che è un traditore…calma, vediamo dove arriva…sulla storia dei libri a guadagno le chiedo: lei non ha mai stampato niente che le abbia portato lucro? Un’altra questione è quella degli obiettivi che secondo lei Grillo e co. sbagliano, però io mi chiedo: come si può arrivare a mettere i bastoni nell’ingranaggio della schiavitù moderna perpetrata attraverso il capitalismo? loro ci tengono a bada dandoci la parvenza della democrazia attraverso i governi, ok bene allora partiamo dal prenderci questi governi…insomma le ripeto, neanche io mi fido di Grillo e co. però devo ammettere che ha un piano forte, non fa solo informazione (importantissima per carità) ma è passato ai fatti ed è importante, non la vedo necessariamente come una cosa sviante dai “Veri problemi”…staremo a vedere…

  • skiz

    L’ossessione forse è la tua.. scusa ma dopo aver letto l’articolo la prima cosa che pensi è grillo e di pietro?
    rileggilo con più calma forse ti suggerirà qualche riflessione in più
    ciao

  • skiz

    E dagli ancora. Ma l’articolo l’avete letto?
    L’unica cosa che avete notato sono le parole grillo, di pietro e travaglio?
    Nessuna riflessione diversa? Nessuno spunto per un commento costruttivo e/o intelligente?
    Vi invito a rileggere di nuovo con più calma e sgombrando la mente da grillo, travaglio e co.
    saluti

  • skiz

    Quoto!
    finalmente un PENSIERO

  • nessuno

    Daccelo tu uno spunto costruttivo e diverso

    Per forza che abbiamo notato le parole Grillo,Di Pietro ,Travaglio che ci azzeccano su un articolo cosi?
    Spiegacelo tu che fai commenti costruttivi/intelligenti
    Grazie

  • skiz

    L’articolo mi ha aiutato a capire certi meccanismi. Secondo me è stupido pretendere che sia esaustivo e che entri nei meandri di quel che sta succedendo.
    E’ una denuncia e una semplificazione fatta per chi – come me – non ha il tempo e le risorse per analizzare a fondo i meccanismi finanziari che governano questo (povero) mondo e sopratutto, per conoscere chi questi meccanismi li crea e li manipola.
    Su Grillo & co secondo me ci sono dei fan un pò troppo accaniti, che rischiano di non vedere alcune cose, secondo me, molto importanti.
    Grillo spara a zero e ha anche ragione; ma sembra il duce: fa proclami, offende, denigra e mai, MAI dialoga. Lui sempre MONOLOGA. Non l’avete notato?
    Non prendiamo per oro colato chi fa la cosiddetta controinformazione, neppure Barnard. Chiediamoci sempre da dove prendono le informazioni e spendiamo un pò di tempo a far ricerche (utili i riferimenti, grazie barnard).
    Io faccio fatica, il tempo è quello che è. Ma preferisco documentarmi su una cosa alla volta piuttosto che credere ad ogni cosa che vien sparata fuori.

    Ad esempio, facciamoci raccontare da Travaglio cosa ne pensa dei palestinesi e dell’occupazione israeliana.
    ciao

  • Cataldo

    Ha ragione Galileo, ormai donchisciotte è una succursale di questo figuro, che ha scoperto l’acqua calda degli interessi bancari sovranazionali, delle mafie dei capitali etc etc, le scopre, però, solo per dire che in fondo B. non è pericoloso, che il pericolo sono gli oppositori di B., etc etc. E’ un gioco al massacro che sta riuscendo. Sui pericoli citati da Bernard più auteroveli precisi e puntuali mi sembrano tanti altri articoli, ma Barnard aggiunge l’asso di bastoni, ovvero che alla radice dei nostri mali c’è l’opposizione a B..
    Barnard a mio avviso è oggi uno dei più pericolosi agit prop in servizio permanente effettivo. Bravo Barnard, hai la pensione assicurata.

  • Cataldo

    Ho riletto l’articolo per bene, e mi confermo nella mia idea, e poi, ormai, appare abbastanza scoperto il meccanismo. Qual’è il salto logico che individua nell’opposizione residua, e residuale, a B, un ostacolo ad affrontare i problemi “altri” che cita ??????
    E’ evidente un salto logico acrobatico. Mi meraviglio che tanti frequentatori di Don CHisciotte, che pure dovrebbero ormai avere un certo callo per alcune faccende, si spoglino del loro senso critico per condividere gli assunti Barnardiani contro l’opposizione.

  • TVeye

    lasciatelo perdere è un gatekepeers di professione, gli piace darsi la zappa sui piedi.

  • skiz

    Replico qui a chi mi chiede, ironicamente, spunti “intelligenti” di cui parlare.
    Bho, io sono ignorante non lo so. Ma vediamo.

    Il primo spunto sarebbe magari rileggere l’articolo senza sentirsi per forza difensori di grillo & co, che magari sanno difendersi (e bene!, e meglio!) anche da soli.

    Il secondo potrebbe essere: cosa si può fare per cambiare questi meccanismi? Ci sono cose che noi “umani” possiamo fare o dobbiamo semplicemente sottostare a tutto ciò?

    Un pensiero piccolo piccolo che mi son fatto, e quindi potremmo chiamarlo “uno spunto” (?), è che magari sarebbe una buona cosa non lasciare i nostri risparmi nelle mani delle banche, che li usano per far queste cose.
    Parlando per me (pochi soldi, quindi non è che con i miei soldi ci facciano granchè) vale il principio. O no?

    Un altro pensiero (spunto??) è che la solidarietà tra “poveri” potrebbe alleviare chi sta in situazioni gravissime come quelle descritte dall’articolo.
    Nel mio quartiere stiamo parlando di istituire un piccolo fondo tra chi ha un lavoro “sicuro” (cioè a tempo indeterminato) per aiutare i precari o chi ha perso il lavoro. E’ solo una via e si parla di poche famiglie, ma a qualcosa speriamo che conti. In più ci sono due famiglie che accoglieranno una coppia che ha perso il lavoro (e quindi l’appartamento) a causa della crisi.
    Se in tutti i quartieri, condomini, scale si facesse una roba del genere.. bho, io sono ignorante forse è una cosa stupida.

    Io non ho toni polemici ma se dico “grillo-sbraitone” e “grillo-imbroglione” qui si arrabbiano tutti? Mi seppellite di insulti?
    Perchè?

    Noto anche che qui si parla tanto e sopratutto si spara a zero su tutto e tutti.. vogliamo raccontare di cose concrete che si stanno facendo?
    Magari scopriamo che questo sito serve a qualcosa.

    Saluti a tutti

    ps: TRAVAGLIO CULO!

  • skiz

    Replico qui a chi mi chiede, ironicamente, spunti “intelligenti” di cui parlare. Bho, io sono ignorante non lo so. Ma vediamo.

    Il primo spunto sarebbe magari rileggere l’articolo senza sentirsi per forza difensori di grillo & co, che magari sanno difendersi (e bene!, e meglio!) anche da soli.

    Il secondo potrebbe essere: cosa si può fare per cambiare questi meccanismi? Ci sono cose che noi “umani” possiamo fare o dobbiamo semplicemente sottostare a tutto ciò?

    Un pensiero piccolo piccolo che mi son fatto, e quindi potremmo chiamarlo “uno spunto” (?), è che magari sarebbe una buona cosa non lasciare i nostri risparmi nelle mani delle banche, che li usano per far queste cose. Parlando per me (pochi soldi, quindi non è che con i miei soldi ci facciano granchè) vale il principio. O no?

    Un altro pensiero (spunto??) è che la solidarietà tra “poveri” potrebbe alleviare chi sta in situazioni gravissime come quelle descritte dall’articolo. Nel mio quartiere stiamo parlando di istituire un piccolo fondo tra chi ha un lavoro “sicuro” (cioè a tempo indeterminato) per aiutare i precari o chi ha perso il lavoro. E’ solo una via e si parla di poche famiglie, ma a qualcosa speriamo che conti. In più ci sono due famiglie che accoglieranno una coppia che ha perso il lavoro (e quindi l’appartamento) a causa della crisi.

    Se in tutti i quartieri, condomini, scale si facesse una roba del genere.. bho, io sono ignorante forse è una cosa stupida.
    Io non ho toni polemici ma se dico “grillo-sbraitone” e “grillo-imbroglione” qui si arrabbiano tutti?
    Mi seppellite di insulti? Perchè? Noto anche che qui si parla tanto e sopratutto si spara a zero su tutto e tutti.. vogliamo raccontare di cose concrete che si stanno facendo? Magari scopriamo che questo sito serve a qualcosa.
    Saluti a tutti

    ps: TRAVAGLIO CULO!

  • AnviL

    Premesso che quoto al 100% l’articolo relativamente alla questioni AIG, CDS e cupola dei bachieri (sapevo già tutto ciò anche se non con tutti questi dettagli, ad ogni modo niente di nuovo sotto il sole), non posso fare a meno di notare nuovamente il livore nei confronti di Grillo, Travaglio e Di Pietro.
    Invito Barnard a darci un taglio ed essere + costruttivo.
    Primo perchè l’autore a quanto pare si ostina a non capire che per combattere la cupola dei banchieri E’ NECESSARIO ESSERE AL GOVERNO DEL PAESE. E per essere al Governo del Paese devi prima buttare fuori chi ci sta già, ossia Berlusconi e i loro amici del PD.
    Ecco perchè Grillo e Di Pietro si accaniscono contro di loro.
    Sarà solo il tempo a dirci se Di Pietro e Grillo sono veramente dalla parte dei cittadini o dalla parte dei banchieri.
    E poi ve li immaginate i telegiornali di regime se Di Pietro e Grillo si accanissero contro la FED o contro Obama???
    Verrebbero fatti passare come dei pazzi, e non avrebbero il seguito che hanno oggi. Bisogna imparare a riconoscere i propri nemici ma prima di tutto il contesto in cui ci si trova… spero che Barnard lo capisca!!

  • IVANOE

    Un mago. Un vero professionista. Una lezione di sano giornalismo italiano.Un titano in confronto alle piccolezze di travaglio, grillo e di pietro.
    E’ vero loro fanno parte di quella nomenclautra che difendono il loro status e la loro setta che è riconoscibile in tutte le aziende statali e private italiane ( quanti figli di operai di gente semplice accede oggi nel nostro paese a cariche di responsabilità nelle nostre aziende ? pochi forse una nano-particella della intelaiatura immeritocratica di certa gente che purtroppo rappresenta il nostro sistema ).
    Comunque bravo Barnard li hai sbranati con il tuo articolo questi psudo-paladini della giustizia tutto fumo e niente arrosto.

  • epicureo99

    Un grande articolo!
    Un personale ringraziamento per un’ottima spiegazione di quanto accaduto e che sta ancora accadendo.

    Quello che veramente non capisco è perchè prendersela con grillo, travaglio, di pietro ecc….
    Non riesco a capirlo……….forse perchè sono gli unici che provano a fare qualcosa, svelare qualcuno degli arcani segreti di una finta democrazia, far venire a galla collusioni tra i poteri….
    Visto che provano a far qualcosa sono responsabili di non affrontare tutti gli argomenti?!?!?!?!
    Perchè non parlano anche di 11 settembre, di cure alternative, del falso atterragio sulla luna, di legalizzazione della marijuana?

    Ha provato lei, Signor Barnard, ad affrontare questi argomenti a voce con qualcuno? con l’uomo medio?
    Non dico che scrivere un bel articolo come questo sia cosa facile, ma spiegarlo alla “casalinga di voghera”, far sì che essa lo capisca e che ne prenda coscienza mi sembra compito molto più arduo.
    Potrebbe forse essere meglio, anche se scontato, buttarsi contro i vari quotidiani e programmi televisivi di approfondimento che hanno completamente disabituato la gente a occuparsi di cose realmente importanti come gli atti del signor Cassano che dall’ombra muove i fili.
    Bisognerebbe farlo uscire da quell’ombra per renderlo visibile e attaccabile……ma sappiamo benissimo tutti che più del 90% delle persone al nome Cassano interromperebbero, direbbero “Chi Antonino?”, si farebbero una risata e cambierebbero discorso.

    Alfano, non è uno spaventapasseri, tanto meno un innocente vittima del sistema….però un obiettivo sul quale sia giusto scagliarsi contro anche se non è il peggio del mazzo, non per questo merita che le sue porcate passino inosservate.

    Non capisco queste critiche reciproche tra chi tenta di fare vera informazione, Grillo e Travaglio ci provano, Di Pietro fa quello che può fare un politico convenzionale (che non è molto) Barnard, Mazzucco, Fini, e tanti altri blogger lo fanno benissimo….non capisco perchè poi devono attaccarsi uno con l’altro.

    Alla fine da questo articolo Giorgio e Laura sono i martiri, Alfano è un innocente, Cassano un economista senza scrupoli e la colpa è di Grillo e Travaglio…..

    C’è già abbastanza gente a dividerci per continuare a comandare…..non dovremmo aiutarli

  • skiz

    Ma grillo ha sembre URLATO il contrario..
    per questo ha lanciato le liste civiche.. solo adesso ha avuto questo trip del PD, che tra l’altro a me puzza proprio.. ma come proprio lui che ha dato i partiti per morti si candida alla presidenza di un partito? bho io sti grillini mica li capisco, pigliano tutto per buono in modo acritico.. hai mai letto i post di commento agli articoli di beppe grillo? non senti l’ODORE dell’adorazione incondizionata dei suoi fan? NON TI SPAVENTA?? sarà, ma io di oratori urlanti alle piazze che non dialogano ma si circondano solo di adulatori ne ho già visti abbastanza. ciao

  • Tibberio

    Sorvoliamo sulla figura di un Joseph Cassano qualunque che (“…solitario nella notte va…”) la fa fuori dal vasetto di nascosto dai vertici (ma dico, ma a 50 o 60 anni suonati ancora si crede alle favolette?)….soprassediamo sul leggerissimo ritardo temporale con cui tu barnard intervieni per spiegarci l’accaduto (in un famoso film si diceva: ” s’e’ svegliatooooo!!!”)…ecco… ma mi puoi spiegare per quale ragione l’attivita’ di denuncia (vera o ipocrita/falsa che sia) svolta dai paladini sopracitati cozzi contro una e piu’ forte e decisiva nei confronti dei Padroni del Mondo? Le due cose non potrebbero procedere una di fianco l’altra?

    P.S:: la prossima volta che vedo una vecchietta urlare e sbraitare dello scippo appena subito le diro’: si VERGOGNI! a stare qui a menarcela con quel ladruncolo da quattro soldi…non fa altro che distorcere le nostre energie ed attenzioni dalla cricca dei vari Rockfeller&co.

    Detto questo. Ecco barnard, dato che i famosi paladini non si interessano di queste cose, che ne dici se ti ritagliassi un tuo spazio su questo argomento? Lasciali perdere “quelli”. Tu va avanti per la tua strada con la tua attivita’ di denuncia dei VERI Padroni del Mondo. Sono sicuro che ne guadagneremmo tutti.
    Con stima.

  • buzz

    Mi ricordo gli anni 70, con la diaspora di tutto ciò che si muoveva alla sinistra del monolitico PCI, in una corsa a chi era più comunista, più rivoluzionario, più leninista/maoista/trotzchista/stalinista laddove esserlo poteva essere un valore o un’infiamia, un insulto.
    Ognuno accecato dall’ideologia e dalla mistica rivoluzionaria, a litigarsi i 4 operai e/o proletari, fino ad arrivare alle sprangate per difendere le zone d’intervento….

    e in fondo, non si vedeva niente di nuovo, Lenin mandò le truppe contro la guarnigione di Kronstadt; Stalin quanti comunisti fece ammazzare mentre Molotov faceva patti con Von Ribbentrop… e potremmo continuare per decine di pagine…

    e parlo della sinistra perchè quella ho visto con i miei occhi… ma sono sicuro che tutto il mondo è paese… nel senso che religioni e/o ideologie tengono gli uomini uniti, ma nel farlo li dividono da altri.
    Tutto ciò che unisce per unire deve allontanare.

    Purtroppo ci parliamo addosso, si, perchè non sappiamo che cristo fare… perché le rivoluzioni non funzionano, e non funziona nemmeno più la presa in giro del voto… e, peggio ancora, è la consapevolezza di sapere come te lo mettono e te lo rigirano dietro e non poter far nulla …
    :-DDD

  • maristaurru

    Caro Barnard

    Sono decenni che in questo paese si rinfocolano, per convenienze varie, asti ed odi. La pigrizia , la mancanza di idee oltre tutto il resto, hanno fatto si che da una e l’altra parte invece di fare politica, si sia preferito piuttosto che fare “politica” ,giocare a palle di fango; qualcuno ha pure barato e nella palla di fango ha nascosto pezzi di vetro e biglie di ferro.. uno spettacolo indecoroso per chi ha un minimo di senso del decoro, bene inteso.

    Ora finalmente qualcuno comincia a rendersi conto dei danni enormi causati al Paese ed agli Italiani negli ultimi decenni, un po’ tardi signori miei.

    E’ un fatto: se creiamo ad arte generazioni di cani rabbiosi, viziati e poco portati al ragionamento, non possiamo quando ci fa comodo toglier loro l’osso di bocca senza rimediare morsi, e latrati ringhiosi.

    Immaginavate che i così detti pseudo intellettuali che si sono pasciuti di finta opposizione, di ragionamenti fasulli “contro”, di fronte al disastro indegno creato ed alle critiche che sempre più in europa e nel mondo colpiscono certi pseudoitaliani, ( anche se ve lo nascondono),avrebbero fatto un passo indietro, avrebbero in qualche modo preso le redini e fatto ragionare le orde create ad arte?

    Ma questa è gente che è stata viziata, osannata, premiata sul nulla, foraggiata di pubblici danari, tutta la loro professione, chiamiamola così, è fondata sulla invettiva gettata a caso , sulla suggestione che crea odi e divisione sociale, perchè quello ai VERI PADRONI serviva e quello i VERI SERVI hanno SERVITO.

    Caro Barnard , temo che ora sia troppo tardi E CHE SIA INGENUO PRETENDERE CHE CHI HA AVUTO VITA FACILISSIMA, e quindi ormai è con le rotelle arrugginite, arrivi ad oliarsele da solo, ripudiando un sistema comodo e premiante, almeno non lo faranno finchè non sbattono il muso.. e a quel punto sarà troppo tardi, è già troppo tardi.

  • Aktarus73

    Parzialmente d’accordo.
    Gran parte del problema è del sistema produttivo che eccede in beni superflui (a dir poco superflui). Lavoriamo in troppi e questo ci obbliga a produrre cose e servizi INUTILI! Chi fa questo mestiere, perderà il mestiere stesso se un potenziale acquirente non guadagna più 100 ma 99 o addirittura ZERO. E’ finita cari … si dovranno ridisegnare le costituzioni … il Lavoro per tutti, in generale il Lavoro sono una favoletta per piccini ormai … sono solo 8 ore regalate !!!

  • nessuno

    Guarda che queste cose le scrivo da tempo
    Ancora prima che incominciasse la crisi dichiarata, quando già c’erano i segnali del crollo avevo scritto di lasciar perdere le azioni, comprare oro o beni immobili e io non sono un economista ma ho un’attività in proprio
    ho contatti con l’estero e i segnali c’erano per chi li voleva vedere
    Continui a ripetere una litania che non trova riscontro; chi spara a zero a chi?
    Ma cosa ci vuoi tutti coperti e allineati?
    Magari agli ordini di barnard?
    Chi ti copre di insulti?
    Se ti vai a rileggere qui l’unico che insulta sei tu
    Travaglio Grillo cosa ci incastrano in tutto questo?
    Solo nei deliri di barnard puoi attribuire anche solo la minima responsabilità a loro
    Quindi spitz che salti fuori dal nulla come tanti quando c’è un post di barnard questa volta hai toppato alla grande

  • 2novembre

    Caro Paolo, ti leggo sempre volentieri ed ho molta simpatia per le tue “battaglie”.
    Non entro nel merito dell’articolo, condivisibile in gran parte.
    Quello che mi preme dirti è che al fine di essere SEMPRE credibili, non bisognerebbe sparare cifre alla cazzo…..ma verificare. C’è sempre qualcuno, come il sottoscritto che magari analizza, tanto per non fare il boccalone.
    Al 2008 il PIL mondiale era di circa 55.000 miliardi di dollari .Ergo la cifra da te indicate di 525.000 non è il triplo del PIL ma circa il decuplo.
    ciao

    ……”Sono azzardi scellerati che oggi si sono sparsi per il mondo per un valore totale di… rullo di tamburi… 525.000 miliardi di dollari, tre volte il PIL mondiale, e questo grazie soprattutto al Gramm-Leach-Bliley Act di cui sopra……..

  • nessuno

    Sei banale e ripetitivo
    Continui a tirare fuori Grillo e poi ti lamenti se gli altri lo difendono
    Scrivi del post due righe e poi parti col pistolotto su Grillo
    Ma chi credi di intortare?
    Se solo adesso arrivi a capire che il mondo è in mano a pochi che hanno in mano la leva finanziaria vuol dire che sei un ufo e questo articolo ti porta solo un episodio degli innumerevoli ben più gravi del tempo passato o attuali
    E poi di travaglio e dei palestinesi?
    E tu saresti il duro e puro sei la solita clac scassata che barnard si porta dietro
    Ma dove vi raccatta nei bar?

  • osva

    Caro Barnard,
    articolo bellissimo e condivisibile.
    non riesco a capire, leggendo altri commenti, come è possibile che ci sia ancora qualcuno che ti accusi di “ingiustificato livore” nei confronti di Grillo, Travaglio e C. Non hanno ancora capito come funziona il gioco: due finti nemici per dividerci e deviare la nostra attenzione e la nostra energia da quello che invece dovremmao fare: non “cambiare” il sistema, ma azzerarlo!

  • nessuno

    barnard paolo in arte il co fondatore di reporter
    Fai veramente pena
    Pensavo avessi incominciato a scrivere d’altro anche se molto tardivamente e su argomenti ritriti ma era pur sempre un cambiamento
    Non solo ci infili le solite delazioni da isterica livorosa su i soliti ma ti fai seguire sempre da un clac scassata e da cloni
    Hai voglia a comprar chiavette il trace route porta sempre li lo hai capito che sei totalmente fasullo si o no?

  • barlavento

    Continuo ad apprezzare i tuoi articoli,questo specialmente perchè riesce a dare una visione del mondo della macro-economia, in una forma semplice e di facile comprensione per tutti i lettori. Però (eh-eh…c’è sempre un però nella vita) mi devo associare ai vari commentatori precedenti sul fatto che sempre ci metti in mezzo Grillo, Travaglio, Di Pietro……..ma fammi un po’ capire: CHE CAZZO TE NE FREGA DI LORO!!!!! Ti stanno sulle balle, non li considerare. Perchè mi devi fare sempre venire in mente le parole di andreotti ” che parlino pure male di me, l’importante è che parlino di me”. OLVIDALOS CHAVAL!!!!!!!!!

  • Cornelia

    Paolo, ma davvero, davvero pensi che noialtri imbecilli e “grillini” non si sia mai sentiti nominare i CDS, che non si segua DA MESI in Rete il vero motivo della crisi, che non si sia già approfondito ogni aspetto del trappolone finanziario in cui ci siamo cacciati?
    Davvero, sarà che sei abituato all’informazione televisiva, ma ci prendi tutti per dei beoti che guardano solo il TG? Comincia con l’avere rispetto per chi sta in Rete, e dimostralo abilitando i commenti sul tuo blog, invece di pontificare lasciandoci senza possibilità di replica come si fa in TV.
    Inoltre, ci stai servendo come colpevole di una crisi globale un dipendente di una finanziaria. Mi suona come la storia di Osama che mette le bombe da solo. Tutta colpa di Cassano, mettiamolo in galera, e tutto si risolverà. Ehi: non siamo idioti, mi tocca ripetertelo.
    E se sei tanto un grande giornalista coraggioso, molto meeeglio di Travaglio, allora abbi il coraggio di lanciare un j’accuse a questo schifoso fallimentare sistema economico-finanziario. Oppure hai paura?

    …Paura di finire come Grimaldi, che ha le palle davvero, eh?

  • nessuno

    Scusa ma Grimaldi è un giusto barnard un fallito

  • nessuno

    Il punto è questo:
    Te lo dici da solo e se non riesci a capirlo quando prendi il caffè con paoluzzo il pazzo fattelo spiegare da lui

  • AnviL

    Ti rispondo punto su punto:
    Grillo non ha alcun interesse a fare il segretario del PD e ad entrare in politica, questo l’ho sentito con le mie orecchie in + di una intervista. La mossa del PD va inquadrata in una sua strategia di destabilizzazione del partito che personalmente condivido in quanto mette in evidenza le contraddizioni interne del partito stesso e la sua totale inadeguatezza a rappresentare quella fetta di popolazione che non si riconosce nel Berlusconismo.
    E’ in parte anche vero quello che dici riguardo i Grillini: c’è una parte di queste persone che supporta incondizionatamente Grillo, io personalmente lo supporto finchè ritengo si muova su un sentiero che condivido. Non devi dimenticare però che è Grillo stesso che esorta e invita coloro che lo seguono a usare la propria testa per formarsi un’opinione, soprattutto usando la rete, e dovresti sapere benissimo che Grillo è una delle voci della rete (anche se è una voce forte), ma non è la sola e mai lo sarà, prova ne è il fatto che stiamo qui a commentare articoli che, tra le altre cose, criticano lo stesso Grillo!

  • nessuno

    Un grazie sincero a Anvil che ha fornito una spiegazione perfetta
    Ora vediamo se c’è qualcuno che si permette di dire che il post di anvil contiene ingiurie o altro

  • ranxerox

    Toh, stavolta Nessuno mi ha spiazzato. Ne sono contento. Grande Fulvio

  • nessuno

    Perché cosa pensavi di me scrivilo che sono vanesio come barnard
    Se uno scrive giuste può essere di tutti i colori che vuoi ma sono cose giuste e Fulvio con il bassotto ( lo ha ancora) per me è sempre stato un mito e lui si che ne ha fatte di nbattaglie in rai mica come il dissidente

  • skiz

    Aggressivo eh? Io duro e puro? “clac scassata”, non sono termini che riconosco dall’italiano, se puoi spiegare che significano.. Barnard non lo conosco se non per i suoi scritti e servizi di report. Report, sai quel programma che guardi ad occhi sgranati ogni domenica sera..?
    “arrivi adesso” che c’entra? Se avessi 13 anni quando dovrei capire le cose del mondo? Io continuo a tirar fuori Grillo solo come risposta ad altri che ne parlano (o difendono). Guarda meglio. Non credo di “intortare” nessuno semmai scrivo post. I bar non li frequento, tu? “scrivi del post due righe” non ne comprendo il significato. Confermi che sia Italiano? Cioè, lingua italiana? Parlane stasera al meetup dei grillini del tuo paese.

  • skiz

    Siamo sempre sull’aggressivo eh su questo sito. http://www.disinformazione.it/beppe_grillo.htm. Ciao

  • skiz

    Finalmente si può discutere! Sono d’accordo con quello che dici anche se personalmente ho avuto una brutta esperienza in un meetup, ancor prima di frequentarlo “di persona” ma nei primi approcci ai forum, un paio d’anni fa. E’ un pò come qui, alla prima critica tutti a sbranarti e a darti del leccapiedi di questo o di quell’altro. Ci sono cose positive e non sto qui a negarlo, ma questo clima aggressivo mi lascia molto perplesso. E lo stesso Grillo si pone in questo modo. Non credo sia un caso (la casaleggio associati di comunicazione ne sa a pacchi..). Per il fatto della strategia, bhè se lo dici tu lo prendo per buono a me pare un modo per saltar sul carrozzone. Alla fine, per tornare al punto: secondo me l’articolo non era indirizzato “contro” grillo travaglio ecc ma era un dire: attenzione perchè i motivi di ciò che sta accadendo sono da cercarsi altrove. Poi barnard con travaglio ha un conto aperto e quindi bisogna preder con le molle quando gli dà contro. ciao

  • buzz

    una cosa:
    tu dici: “i nostri risparmi nelle mani delle banche, che li usano per far queste cose”.

    I loro giochi, le banche, è da tempo che non li fanno più con i nostro risparmi. Non ne hanno bisogno, in realtà.
    E’ paradossale, me ne rendo conto, ma è così. Loro, i giochi, li fanno con i nostri debiti.
    I soldi che ti prestano vanno in bilancio come crediti. E sulla base di quei crediti, possono fare altri prestiti.
    Ma quando tu prendi un mutuo per 200.000 euro, vedi forse (tranne rari casi) 4000 fogli da 500 passare? Vedi un assegno. Che va al venditore. E il venditore cosa fa? lo porta in una banca.
    In ogni movimento che viene effettuato la banca guadagna. Ma quei “soldi” non sono mai usciti realmente. Anzi, di più, non sono mai esistiti. La banca ha tutto l’interesse che le transazioni siano tante, e che siano d’importi elevati, perché più sono elevati più guadagna e più può ampliare il suo giro d’affari. Così concede mutui. Anche a chi è dubbio che possa pagare. Ma più concede mutui, e più c’è disponibilità ad acquistare, e più aumenta questa, più sale il prezzo. Ed ecco allora le varie bolle, che portano i prezzi delle case a salire vertiginosamente (per fare l’esempio delle case).
    Persino uno stupido capisce che questo castello di carte spericolato è destinato prima o poi a crollare, ma che importa?
    Ognuno ha il suo interesse affinché vada avanti.

  • 2novembre

    solo per la precisione..

    il PIL mondiale a fine 2008 era di 55000 miliardi di dollari.

    Quindi se le cifre indicate sono “realistiche ” e non sparate alla c…zo,
    525.000 miliardi di dollari sono il decuplo del pil mondiale, non il triplo.

  • barlavento

    ho fatto il conto: tra commenti e risposte i tuoi interventi a questo articolo di Barnard sono stati ( per il momento) 12. Fermo restando che è tuo diritto farne 500.000 se ti aggrada, non sarebbe molto meglio che cercassi di fissare un appuntamento con Barnard e giocartela direttamente con lui. Non te la prendere a male ma dai l’impressione di essere ossessionato da questa persona. Ma che ha fatto… ti ha ubriacato la ragazza ed ha abusato di lei!!!?? ( dai non ti incazzare sto scherzando…….)

  • Truman

    Intanto metto un link:

    Gas, accordo per il Nabucco [it.peacereporter.net]

  • Truman

    « Siamo impegnati in un gioco in cui non possiamo vincere. Alcuni fallimenti sono migliori di altri, questo è tutto. »

    (George Orwell)

  • anarchia

    Paolo condivido. Ma è la storia di sempre. Già migliaia di anni fa Socrate si poneva il problema: perchè solo troppo poche anime sono partorienti mentre la maggior parte no? Siamo animali, evoluti ma sempre animali. E come tutti gli animali siamo vincolati ai nostri istinti di base che oscillano tra individualismo e socialità(= ottenere un vantaggio individuale derivante dall’unione delle forze in determinate situazioni!). E’ la nostra indole, non possiamo farci niente. Per questo i popoli non si sono mai ribellati e probabilmente non si ribelleranno mai. Non è naturale per noi umani acquisire una coscienza collettiva. Solo un leader, un singolo individuo con carattere carismatico ha la possibilità di trascinare le masse. E se anche riesce a scatenare una rivoluzione, una volta preso il comando si comporta come gli stessi spodestati. La storia lo insegna, Orwell anche. Così è stato e così probabilmente lo sarà per sempre. L’unica possibilità concreta è la lotta per la sopravvivenza: cercare di diventare come i berluska&co. gli eventi decideranno i vincitori. Per gli altri… solo i sogni e le speranze.
    Si può distruggere questo sistema? Ovviamente no! Perchè è lo specchio di noi stessi, della nostra natura. Tolto un Cassano di mezzo ce ne sarebbe un’altro pronto a prendere il suo posto…e poi un altro ancora…ed un altro…e così via.Il mondo va come deve andare.

    PS: ma se il berluska non fosse stato baciato dalla sorte e facesse ancora il cantante sulle navi (un simpatico nanetto vecchietto cantante) lo odiereste ancora? Se uno dei tanti sconosciuti bambini che ogni anno muoiono di fame in Africa un giorno diventasse un dittatore vi farebbe ancora così pena? Non sono gli eventi a definire un uomo buono o cattivo. Gli eventi danno solo delle possibilità agli umani. E’ la nostra indole animale che poi decide x noi. L’occasione NON fa’ l’uomo ladro: semplicemente l’occasione da’ la possibilità all’uomo di comportarsi secondo sua natura, cioè da ladro!!!

  • nessuno

    Re: LO SPAVENTAPASSERI E LA VERA CATASTROFE (Voto: 1)
    di barlavento il Giovedì, 16 luglio @ 08:45:40 CDT
    (Info Utente | Invia un Messaggio)
    ho fatto il conto: tra commenti e risposte i tuoi interventi a questo articolo di Barnard sono stati ( per il momento) 12. Fermo restando che è tuo diritto farne 500.000 se ti aggrada, non sarebbe molto meglio che cercassi di fissare un appuntamento con Barnard e giocartela direttamente con lui. Non te la prendere a male ma dai l’impressione di essere ossessionato da questa persona. Ma che ha fatto… ti ha ubriacato la ragazza ed ha abusato di lei!!!?? ( dai non ti incazzare sto scherzando…….)

    E con questo sono 13
    Incazzarmi e perché mai poi con un genovese…
    Se a te danno dell’idiota e quant’altro a babbo morto, e se quello che ti insulta è il re degli idioti cosa fai?
    Forse tu porgi l’altra guancia io no
    In quanto a giocarmela con barnard l’ho invitato a un confronto sul forum
    non credo sia il caso di un confronto personale e non perché abbia timore di lui è che sono un onesto imprenditore incensurato e vorrei rimanerlo
    Buona giornata

  • g10rdan0

    Non credo intenda dire questo.

    Eccezion fatta per il modo -l’attacco frontale alle sue “ossessioni”- in questo articolo, come negli altri più “lievi” dei mesi e degli anni scorsi, comuni anche ad altri giornalisti, Barnard dice: gli scandali di Berlusconi, una volta deposto questo signor Tycoon (presunto) mafioso e una volta risolti, non cambieranno nè la vita dei cittadini italiani, nè quella degli europei, nè quella dei cittadini americani.

    Tra le righe di questi articoli, si può leggere un interrogativo enorme, che recita press’a poco così: dato che Berlusconi -e la politica americo-dipendente italiana ed europea- è il raffreddore che affligge la democraticità del nostro paese, perchè chi si fa “paladino” (che brutto termine!) della democraticità del nostro paese continua ad occuparsi di lui, quando il cancro che ne minaccia la sopravvivenza è evidentemente altro?!

    O almeno io leggo e capisco questo. Posso sempre sbagliare.

  • nessuno

    Andreotti dixit :”A pensar male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina. …”
    Grillo & Travaglio sono una spina nel fianco di berlusconi, se potesse li farebbe uccidere e non è detto che con le sue conoscenze o tramite l’amico dell’utri non tenti il colpaccio.
    Però sarebbe una cosa troppo grossa il casino sarebbe infinito.
    Ha provato con Facci as creditarli ma questi oltre ad essere epidermicamente antipatico a molti(porello) scrive per il giornale quindi non credibile in assoluto per i fans di Travaglio & Grillo.
    Allora si deve trovare uno che sia addentro al mondo della controinformazione e magari che si proclami anche vittima del sistema e che magari abbia del risentimento verso i due.
    Metterlo a stipendio foraggiarlo non è un problema per il berlosco ha compartecipazioni in case editrici, amicizie, conoscenze, può dare una svolta a una vita a un miserabile fallito che si presti alla bisogna.
    Chi meglio di paolo barnard corrisponde alla descrizione?
    Qualsiasi cosa scriva barnard ci mette dentro li strali per Grillo & Travaglio alla fine sono sempre loro i complici di qualsiasi misfatto.
    Posso capire che abbia del risentimento verso i due e posso capire che scriva uno ,due ,tre volte degli strali su di loro
    ma se ogni cosa che scrive ce li infila dentro allora delle due una: o è uno psicopatico maniaco o è pagato per denigrare.
    L’altra cosa singolare è che ad ogni post di barnard compare una clac di personaggi che si scagliano su chiunque contesti lo scritto di barnard.
    Non sto parlando di me io mi diverto da matti a vederli sbroccare ma di utenti normali che esprimono garbatamente e educatamente dubbi su quanto barnard ha scritto.
    E questo è sotto gli occhi di tutti non me lo sono inventato.
    Mi domando questa clac che lo segue sono tutti compagni di merende oppure è gente che riceve dei benefit oltre alle chiavette per il collegamento.
    E se questo è vero vuol dire che barnard ha delle ottime disponibilità di danaro.
    Che siano i suoi libri i suoi articoli o è a stipendio da qualcuno?
    Non ci vorrà molto per scoprire se sono solo “fantasie mie” ho è la trucida realtà.

  • nessuno

    Io sto facendo una faticaccia a compilare un dossier sugli scrtti pro e contro barnard e nessuno se lo fila

    Sfida a barnard & randazzo [www.comedonchisciotte.org]

  • valis

    Un articolo ben scritto, documentato, e soprattutto senza
    inutili traversie è questo: https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&thold=-1&mode=flat&order=0&sid=5763 [www.comedonchisciotte.org]

     

    Quello di Barnard mi sembra una brutta copia condita con le
    sue solite invettive e con le sue considerazioni del tipo so-tutto-io.

    Capisco che gli articoli di Barnard facciano aumentare a
    dismisura i commenti, ma mi chiedo se all’aulmento dei commenti-cagnara
    corrisponda realmente un aumento dei lettori di ComeDonChisciotte.

  • BarnardP

    Bravooooo! Almeno due o tre persone in sto paese ancora usano la loro testa. Grazie, Banard

  • nessuno

    Aspetta aspetta…
    Qui c’è da confrontare perché se scopro che è un copia/incolla c’è da divertirsi
    Non credo che CDC perda di autorevolezza pubblicando articoli di barnard
    E’ proprio della filosofia del sito di permettere ad ognuno di scrivere il proprio pensiero.
    E i commenti cagnara sono conseguenti non per niente il cagnaroso sono io
    Buona serata

  • ventosa

    Caro Barnard, non ho molto da ridire sulla tua analisi, che comunque su questo sito è stata trattata decine di volte e da diversi osservatori anche internazionali. Io però vengo da una famiglia di cultura operaia e contadina e mi hanno insegnato che “co’ le chiacchiere nun se magna”.
    Mi fai capire una volta per tutte da dove dovremmo partire per addrizzare la baracca? Io ti seguo (E ti ringrazio), come tutte le persone che mi permettono di arricchire il mio bagaglio di informazioni, ma alla fine della raccolta dei dati, della loro elaborazione… CHE FACCIAMO?
    Non hai, finora indicato un modo, una strada percorribile, nulla. Obietterà qualcuno che non tocca a te, che fare comunque un servizio di informazione è di per se molto utile. Però se tu hai già deciso che per te la vita non riserverà sorprese, che il destino è segnato e che non resta che atterrire di fronte all’imponenza dei poteri occulti(Neanche troppo, ormai), qua c’è un sacco di gente che reagisce ogni giorno della propria vita. E dove può fare qualcosa di costruttivo, se non sul territorio in cui vive? E se siamo ormai stretti nella tenaglia di questo neanche troppo strisciante bipartitismo e qualcuno offre (Attenzione, non impone!) un sentiero da cui ripartire, non foss’altro una ventata di aria nuova(Se peggiore o migliore, si vedrà), perchè attaccarli senza fornire un’alternativa? Una, ti prego, dammene una.
    Nel frattempo i loro dipendenti non fanno chiacchiere, ma accelerano
    ( http://www.ilmessaggero.it/articolo_app.php?id=20009&sez=HOME_ECONOMIA&npl=&desc_sez=).
    Con immutata stima, Ciao.

  • Galileo

    Nessuno…nessuno mi può giudicare nemmeno tu….chi è che cantava questa strofa qui?

    Magari fosse un copia incolla….si che ci si diverte.

    Sono d’accordo con quanto espresso da valis, ed è sotto gli occhi di tutti, in quanto anch’io penso che questo genere di commenti non porti a niente, a meno che non si voglia aumentare il numero di utenti (cosa più che giusta) ma “utenti” (a volte utonti) non significa qualità e tantomeno “lettori”, poi magari vendiamo il sito e ci facciamo i soldi…giustissimo.

    Barnard…una birra al tavolo 13…per favore…bella fresca..

  • rosarossa

    ..oh ma entrerà o no nella zucca della gente che Morto un berlusconi se ne farà un altro e morto un grillo se ne farà un altro?

    ..il concetto è una questione di principio. Finchè a interporsi tra la massa del popolo e il Mal/Governo di turno vi saranno persone come Travaglio e Grillo che dicono solo le verità che comodano, vi sarà sempre il pericolosissimo processo in cui l’opinione comune della gente verrà illusa che esiste qualcuno che stà dando contro al sistema.

    Ma Cristo Santo lo capite o no, in primis per Travaglio che lui non sta dando contro al Sistema che ci sta inculando giorno per giorno, ma sta reggendo un anti-sistema che fà campare una fazione piuttosto che un’altra.

    E’ in evitabile per Barnard, se vuole essere coerente, sottolineare come gli intellettuali e giornalisti dell’anti-sistema di oggi (vedasi Grillo, Gabanella, Massimo Fini) sia più pericolosi del Sistema stesso. Poiché dicono le verità (indiscutibili per altro) ma senza denunciare la cruda realtà del terrorismo israeliano, del signoraggio, del denaro creato dal nulla, che sono i punti su cui regge anche uno sfigato come Berlusconi e Company…

    Che cosa mi rappresenta dire: e allora cosa bisognerebbe fare, attaccare Obama o le banche in america? Intanto bisogna dire tutta la verità e non solo quella che comoda. Punto. Secondo potrebbe anche essere che sia Travaglio che Grillo che Barnard non possano fare proprio un bel niente.. poiché è la gente che deve ribellarsi e non gli intellettuali CRISTO!!

    E Barnard in questo frangente sta denunciando questo problema di mistificazione dei finti Anti-sistema che di Anti non hanno proprio un bel niente..

    Ma lo si vuole capire o no una buona volta?!!!!

  • ranxerox

    A(Grillo e c.) sta sulle palle a B(Barnard e c.) come B sta sul cazzo a C(Nessuno e c.). Se la matematica non è un’opinione gli è un bel casino. Io opto comunque per l’opinione (non sono ferrato in matematica).

  • barlavento

    Non ho capito quella del genovese, me la spieghi?

  • nessuno

    non sei tu che ti sei indignato per i camalli?
    E poi ti sento da come parli
    hi.hi.hi (che sarebbe uno sghignazzo

  • nessuno

    Va tutto bene tranne la & c allegata al mio nome
    Sono solo io
    Non mi associo mai a nessuno
    Vecchio detto siculo ” cu ave soci ave patruni “non sò se sia giusto comunque “chi ha soci ha padroni”
    you understand?

  • tzeentch

    Articolo un “poco” fuori tempo , ben strutturato per supportare la tesi del sig. Barnard sui paladini dell ‘antisistema . Ma vorrei ricordarle che Beppe Grillo oltre alla battaglia sul ddl Alfano si è battuto per la causa dei no tav , lo scorporo delle reti da telecom , il tentativo di privatizzare l ‘ acqua , lo scippo del tfr tramite i fondi pensione , tango bond , bond parmalat e altro, secondo lei queste cause non hanno inciso sulla vita reale delle persone ? Poi avrà sostenuto delle battaglie opinabil ( almeno secondo me ) sulla rivoluzione in Iran ad esempio , poi sta a noi separare il grano dal loglio . Sarebbe da imbecilli quando si è sotto tiro dei mezzi d ‘ informazione parlare di nwo o di signoraggio perchè darebbe il destro ad una campagna di denigrazione che farebbe sicuramente presa sul senso comune della gente classificandolo come un mentecatto . Travaglio fa il cronista giudiziario venga contestato sul suo lavoro e non sulle sue posizioni personali pro Israele o perchè va a trans , sono posizioni personali che non mi permetto di giudicare almeno finchè non ne fa un libro o un dibattito pubblico . Di Pietro non pervenuto . Comunque a quando un articolo senza il diabolico trio ?

  • ventosa

    Parla per te! C’è ancora un sacco di brava gente, fortunatamente, a questo mondo, che non si vende per nessun prezzo! E’ che 100 brave persone non fanno il rumore che fa un disonesto, altrimenti la partita sarebbe già bella e chiusa.
    Animo, ragazzi, non fatevi contagiare dai disfattisti!

  • barlavento

    vedi a volte pensiamo di dedurre ed invece stiamo solo presumendo….y tu ahora mismo acaba de demostrarlo. Tio, no te has enterao de na’!!!!!!

  • myone

    Dire che e’ il sistema berlusconi e’ grave;
    la sinistra ne ha fatto di cotte e di crude, magistrati compresi.
    Diciamo che chi va al comando, ha i favoritismi della legge,
    ma anche questo non e’ vero, perche’ quando erano al comando le sinistre, berlusconi e’ sempre stato perseguitato.

    La legge e’ la mafia vera e propia, quando si stacca dal suo lavoro, quando e’ di parte,
    e diciamolo senza paura, quando fa sempre il gioco a favore delle solite caste
    piu’ si va in su e piu’ si conta, e piu’ si e’ protetti.

    La legge, e’ una botte piena di regole, che si pescano a caso e a senso,
    quando si sa’ dove prenderle, e che fanno il favore piu’ o meno grande, all’ interessato,
    a seconda di chi e’, da chi e’ protetto, che rappresenta, e fuori da questi contesti
    da quanti soldi ha e se puo’, plagiare tutto il palinsesto.

    Perche’ anziche’ una revisione del processo, legge alla mano e fatti alla mano,
    non si sbatte in galera un magistrato, un giudice, un avvocato, assistiti compresi?

  • slump

    Barnard dimostra di avere la fissa per Travaglio, Grillo & C. — probabilmente una sana invidia lo rode…

    Quanto al resto, su Cassano e compagnia, nulla che già non si sapesse — solo che bisogna stare molto attenti a NON personalizzare ciò che è accaduto o sta accadendo, a non cadere nel moralismo spicciolo dei “furfanti e mestatori”. Cassano da solo non fa nulla (neanche nella Samp!) figuriamoci a certi livelli. Così come una singola azienda non fa nulla se non in un certo contesto e, ripetiamolo in coro, IN UNA CERTA SITUAZIONE POLITICA. Che è poi la “semplice” disposizione di chi comanda e di chi, volente o nolente, ubbidisce.

    La vera risposta a tutto ciò, che Barnard non sfiora neppure e tanti tacciono per convenienza, è in primo luogo POLITICA, non economica e tantomeno moralistica — ma chi sa più cosa vuol dir “politica”?

  • BarnardP
  • BarnardP

    Sei fra i pochissimi che ha capito le cose. Grazie, Barnard

  • BarnardP

    Cassano è citato come simbolo di vero pericolo vs Alfano che è un nulla. Era questo il senso. B.

  • BarnardP

    Grazie della segnalazione, un refuso, ma i toni sono sbagliati. Un refuso in un pezzo pieno di dati non significa sparare cifre alla cazzo. Datti una regolata. B.

  • BarnardP

    Ho spiegato il perché degli attacchi ai ‘paladini’ qui http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=121. Barnard. Ciao B.

  • anarchia

    tutti abbiamo un prezzo. Come diceva il saggio aristotele tanto tempo fa l’uomo non è autarchico, non basta a se stesso, per questo è un animale sociale e deve spesso lottare, scendere a compromessi, abnegare se stesso per soddisfare i suoi bisogni.
    esempi banali: se tu hai un figlio disoccupato che pur essendo bravo e preparato non riesce a trovare lavoro ed hai la possibilità di raccomandarlo magari per un posto pubblico che fai? te lo tieni a casa sperando che forse un giorno vincerà un concorso per meriti?
    se rischi di perdere la casa dove vivi in affitto perché non puoi garantire le rate mensili ed il politico della tua città ti aiuta in cambio di un voto che fai?
    se tu o un tuo caro (moglie/marito/figlio/parente/amico) ha una brutta malattia o ha bisogno di un trapianto e tu conosci un pezzo grosso nel settore sanitario che fai, non ci provi a salvarlo?
    io non me la prendo coi potenti cattivi che comandano il mondo e ce lo mettono in quel posto ogni giorno che passa..perché so’ che sono come me, te e tutti gli altri. Non esistono i buoni ed i cattivi, non si possono separare le persone come si faceva una volta a scuola. Non ha senso. Non ha senso prendersela col sistema ne coi potenti, perché semplicemente siamo fatti così. Se eliminiamo i Rockefeller, i Berlusconi,i Rothschild… altri prenderanno il loro posto. e allora che facciamo, li sterminiamo uno ad uno finché non ci estinguiamo?
    Abbiamo istinti e bisogni e tendiamo naturalmente a soddisfarli pena la sofferenza. E nessuno vuole soffrire. In fondo siamo tutti epicurei. e per questo anarchici.Non credi che ognuno cerchi di fare quello che vuole? altrimenti a che servirebbero le forze dell’ordine?
    Il mondo va come deve andare, immaginare scenari diversi vuol dire solo essere sognatori.
    Joseph Cassano? Uno come tanti che ha cercato di fare i propri interessi.
    Chi non cerca nel proprio lavoro di andare sempre più avanti?
    In fondo a chi non piace comandare? E’ naturale. e lo si ritrova in tutte le aggregazioni animali. c’è sempre un capo che comanda ed ha la vita migliore su gli altri esemplari del branco. e noi siamo animali, non alieni.
    Poiché un tema ricorrente nei commenti è su Grillo mi chiedo: quando fu allontanato dalla tv per quella bellissima ma infelice barzelletta sui socialisti, perché il popolo non ha protestato? Perché gli italiani non sono scesi nelle piazze? E perché lui ora dovrebbe interessarsi così tanto a chi se n’è lavato le mani quando lui ebbe il problema? Per solidarietà? amore? compassione? altruismo? o cosa?
    E’ mia personale opinione che se un domani tu dovessi diventare presidente/ssa del consiglio, faresti le stesse cose che hanno sempre fatto tutti.
    Non sono un disfattista, sono un realista che lotta per ritagliarsi il suo spazio vitale giorno dopo giorno.

  • BarnardP

    Hai ragione da vendere e fai cose concrete. Ignora certi stolti. Vai avanti per la tua strada. Barnard

  • myone

    Saro’ sincero. Vista la faccia in foto, pensavo si trattasse della sentenza del giovane laziale e di spaccarotella.
    D’ impulso ho scritto sotto quello che ho scritto, senza leggere l’ articolo.
    Poi mi venivano altre considerazioni in merito a quello che pensavo e non all’ articolo stesso, che non ho letto.
    Ritorno qui per dire altre cose, sul fatto spaccarotella, e leggo veramente l’ articolo….. ops, altro tema.

    Sono d’ accordo punto su punto con Barbard. Anzi…. complimenti.
    Anche se dici le medesime cose che pensiamo e sappiamo, ma le sintetizzi meglio,
    e le evidenzi pure chiaramente.
    Non capisco perche’ sei etichettato come ti etichettano, qui, in tanti post.

    …………….. forse leggono come me la prima volta.

    …. cio’ non toglie, che la faccenda di spaccarotella, con 5 versioni diverse date ai giudici
    e 4-5- testimonianze contro, che lo videro mirare e sparare ad altezza macchina,
    lo mette come rappresentante della legge contro i delinquenti, e quindi, favorito in una sentenza che lo fa risultare, algi atti di pagare, innocente.

    Cosi si dimostra questo fatto, con tutto il contesto piccolo o grande mondiale o quotidiano,
    e il commento sebbene era fuori luogo, calza alla meraviglia.

    Nessuno dice la verita’, nessuno inquisisce, nessuno procede, nessuno informa.
    Ne destra ne sisnistra ne tizio ne caio ne senprogno.

    C’e’ una massa di obesi purulenti fermentati e infettati.

    Dire il vero…. e’ condannarsi.

  • BarnardP

    Ho spiegato il perché degli attacchi ai ‘paladini’ qui http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=121.

    Per fermare la cupola non si va al governo, perché una volta là si è finiti. La Storia ci insegna che la stanza dei bottoni ti divora (Mandela docet purtroppo, Obama ancor di più). L’unico modo è formare una società civile organizzata che dal BASSO constringa il potere a cambiare. Anche questo ce lo insegna la Storia. Ma i ‘paladini’ fanno sì che questo non avvenga. Leggi sopra.

    Ciao B.

  • BarnardP

    Grazie, ciao B.

  • BarnardP

    Ho spiegato il perché degli attacchi ai ‘paladini’ qui http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=121. Barnard. Ciao B.

  • BarnardP

    Ho spiegato il perché degli attacchi ai ‘paladini’ qui http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=121. Barnard. Ciao B.

  • BarnardP

    Ho spiegato il perché degli attacchi ai ‘paladini’ qui http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=121. Barnard. Ciao B.

  • BarnardP

    Al mondo non ci sono solo gli informati come te. Ci sono anche gli altri. Sono anni che denincio i grandi giochi di potere, informati. B.

  • BarnardP

    Sono 10 anni che scrivo la via da percorrere, devi informarti. La trovi in sintesi alla fine di questo http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=61 B.

  • anarchia

    La vera risposta è semplicemente nella nostra natura. tutto qui.

  • BarnardP

    Ho spiegato il perché degli attacchi ai ‘paladini’ qui http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=121. Inoltre ti sfugge che Grillo ha sì sfiorato alcuni dei temi capitali e sovranazionali, ma non va mai alla fonte, non colpisce mai i veri responsabili. Sta sempre sugli esecutori italiani e mai sui mandanti. E’ come arrestare i picciotti e non toccare mai Provanzano. Ciao B.

  • Earth

    Sapevo gia’ tutto, ma mancava un bell’articolo che raggruppassare i punti piu’ importanti senza troncare niente, da passare ai conoscenti, inoltre mi fa molto piacere che ha preso un argomento che non fa parte della sua specializzazione, questo e’ il comportamento che voglio in un giornalista, che si documenti e informi poi noi, non come travaglio che in alcuni video di youtube si vede rispondere a delle domande sul signoraggio, non sono un laureato in economia arrivando addirittura ad offendere per una domanda, invece io mi aspetto che una domanda ad una persona di cultura debba rispondere perlomeno con ipotesi tramite ragionamenti della sua esperienza anche se poi risultassero sbagliati, ma poi… se una domanda e’ intrigante… dov’e’ finito lo scoop giornalistico?? Dopo anni che sto dietro al signoraggio ho scoperto che e’ sbagliato, ma cio’ non deve negare il fatto di discuternete o di un totale silenzio mediatico… Mi piace anche il fatto che continua a citare chiedendo il conto ai grandi distrattori di massa quali grillo e travaglio, ma sono fiducioso che se ci fossero stati altri avrebbe fatto lo stesso. Il perche’ ha fatto bene e’ presto detto, le persone tendono a dimenticarsi delle cose un po’ troppo in fretta, e’ ottimo che ci sia qualcuno che non ci faccia dimenticare. Ma la questione che ancora non capisco appieno e’ perche’ per alcune persone e’ piu’ facile di altre svegliarsi dalla finzione in cui viviamo (che posso intuire) ma soprattutto quali tecniche utilizzare per velocizzare questo processo con chi e’ chiuso in questo mondo immaginario.

  • mikaela

    Quella che leggo e’ una triste storia di realta’ italiana, trovo questa Considerazione scritta magistralmente (proprio perche’ scritta da un reporter which fight fo freedom and denounce the violations of the human rights almost all over the world che si guarda intorno a 360gradi e non da uno che scrive sul Sole 24 ore)per essere capita da tutti e non solo dagli addetti ai lavori.
    Grazie Barnard

  • mikaela

    legga questi due link sono due ricerche fatte da un utente molto ma molto attento………………………………..
    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=17305
    https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=16782

  • nessuno

    Perché ci odiano e edito dalla Bur-Rizzoli

    rizzoli vuol dire berlusconi!!!!
    A tirar le file si arriva sempre al dunque…
    Io non ho gli investigatori privati che ha barnard tipo il bubbone nazionale
    ma farò le dovutele indagini.
    Lo sapevo!!!
    C’è del marcio in Danimarca!!!!!!!!!!

  • berotor

    Caro Barnard, condivido tutto, ma proprio tutto quello che dici nell’articolo sopra citato, ma ti devo quotare:
    “Mettere da parte le differenze che separano i nostri gruppi che formano il Movimento, cioè rinunciare ai nostri individualismi per un fronte comune, unico, compatto, disciplinato, implacabile di attivisti al lavoro ovunque, sempre, con linee guida universali […]”
    Perché allora vedi così negativa la figura di un Grillo? Io non sono un suo fan, ma non mi sembra così distante dalle tue posizioni. L’ho sentito tante volte criticare l’isteria del sistema consumistico, lo sciacallaggio delle banche, ecc. non è affetto da berlusconofobia come altri, e difatti sputtana tutto il baraccone.
    Perché vedi negativamente la figura di un Fini (Massimo)? Avrai letto il Manifesto di Movimento Zero http://www.movimentozero.org/index.php?option=com_content&task=view&id=2&Itemid=3 , può darsi che non conbaci perfettamente con le tue idee, ma è un ottimo inizio, o no?
    Hai presente La nave dei folli, un racconto allegorico di T. Kaczynski? (se non l’hai mai letto: http://www.inventati.org/anarkids/nave.html ) Ecco, descrive perfettamente la nostra situazione.

  • berotor

    (Avevo postato un messaggio simile più su ma mi ero sbagliato, l’ho anche cambiato. Chiedo scusa)
    Caro Barnard, in una tua risposta a un commento più su, hai postato il link a un tuo articolo http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=61 :condivido tutto, ma proprio tutto quello che dici in questo tuo pezzo, ma ti devo quotare:
    “Mettere da parte le differenze che separano i nostri gruppi che formano il Movimento, cioè rinunciare ai nostri individualismi per un fronte comune, unico, compatto, disciplinato, implacabile di attivisti al lavoro ovunque, sempre, con linee guida universali […]”
    1. Perché allora vedi così negativa la figura di un Grillo? Io non sono un suo fan, ma non mi sembra così distante dalle tue posizioni. L’ho sentito tante volte criticare l’isteria del sistema consumistico, lo sciacallaggio delle banche, ecc. non è affetto da berlusconofobia come altri, e difatti sputtana tutto il baraccone. Sempre più su, in risposta ad un altro commento, quasi mi rispondi e dici:
    “Grillo ha sì sfiorato alcuni dei temi capitali e sovranazionali, ma non va mai alla fonte, non colpisce mai i veri responsabili. Sta sempre sugli esecutori italiani e mai sui mandanti. E’ come arrestare i picciotti e non toccare mai Provanzano.”
    A parte che come giustamente diceva l’utente tzeentch, Grillo è sotto tiro costante e non potrebbe (in futuro chissà) permettersi certe bordate contro i “mandanti” perché sarebbe facilmente accusato quantomeno di follia e massacrato. Quindi deve per forza limitarsi e usare dei mezzi, magari anche subdoli, se vuole avere l’appoggio delle masse: è una questilone di linguaggio, di strategia e di dialettica. Non può salire sul palco e dire: “Dobbiamo uscire dal capitalismo! Abbattere la banca mondiale! Siamo degli schiavi!” (Oddio l’ho sentito dire delle cose molto simili a dire il vero…). Avrebbe l’appoggio entusiasta degli utenti di CDC, magari, e con quello ci si fa le pippe… Nella terminologia buddhista si parla di upaya, gli “abili mezzi” per far comprendere il messaggio buddhista a seconda dell’interlocutore ( http://en.wikipedia.org/wiki/Upaya ). Se si vuole veicolare un messaggio così rivoluzionario come il tuo, sbatterlo in faccia alla gente potrebbe non essere una buona tecnica, che ne dici? Se tu dai uno schiaffo a una persona per svegliarla, quello magari si incazza e ti restituisce il ceffone. Mi pare che sia proprio quello che ti sta succedendo.
    2. Perché vedi negativamente la figura di un Fini (Massimo)? Avrai letto il Manifesto di Movimento Zero http://www.movimentozero.org/index.php?option=com_content&task=view&id=2&Itemid=3 , può darsi che non conbaci perfettamente con le tue idee, ma è un ottimo inizio, o no?
    Hai presente La nave dei folli, un racconto allegorico di T. Kaczynski? (se non l’hai mai letto: http://www.inventati.org/anarkids/nave.html ) Ecco, descrive perfettamente la nostra situazione.

  • berotor

    “[…] questo e’ il comportamento che voglio in un giornalista, che si documenti e informi poi noi, non come travaglio che in alcuni video di youtube si vede rispondere a delle domande sul signoraggio, non sono un laureato in economia arrivando addirittura ad offendere per una domanda […]”
    Se ti riferisci a questo video http://www.youtube.com/watch?v=w1XLJYy_BhQ allora non so davvero se stai scherzando. Se io fossi stato Travaglio sarei andato ben oltre l’offendere. Il comportamento di Travaglio è stato ben più che ineccepibile.
    Travaglio è ignorante in economia monetaria e lo ha candidamente detto, è una colpa? Io, di laureati in tuttologia non ne ho mai visti (o forse se ne vedono troppi…).

  • BarnardP

    Grazie degli apprezzamenti. In breve: Grillo ha sulla sua bilancia 2 pregi e 200 difetti, sono troppi. Poi anche lui pedala furiosamente sia l’odio per Berlusconi sia la cultura del guru di se stesso, che come ho scritto ne L’Informazione è Noi non fa altro che disabilitare le masse invece che potenziarle. Poi è screditato da ogni parte, Casaleggio, censure sul blog, silenzio su Censura Legale, dice balle, raglia contro e favore a casaccio, è un miliardario immobiliare ipocrita, è soprattutto fuori di sé. Le sue campagne principali sono diversivi di una stupidità disarmante, e anche lui monopolizza forze enormi che potrebbero invece dedicarsi a salvare l’Italia dai veri pericoli. No good.
    Non vedo negativamente Fini, gli ho posto questioni imbarazzanti, ma come sempre non rispondono sti guru. Sono tutti della stessa pasta, alla fine. B.

  • Tonguessy

    Esiste una sostanziale differenza tra simbolo e matrice. Cassano come Alfano sono simboli dell’indifferenza verso la gente comune e dell’attenzione verso le elites. La matrice che muove tutto questo è culturale e trova il proprio radicamento in fatti concreti (non simbolici) quali, appunto, il nobel per l’economia del 97 ed i libri che si studiano alla Bocconi o presso le altre facoltà di economia. Vale la pena di ricordare che senza questi due (tra tanti) aspetti non ci sarebbero stato il Cassano che resta solo un caporale capace di interpretare in modo perfetto quindi perverso gli ordini della corporazione

  • Tonguessy

    Mi dispiace ma ha ragione Skizz: tutto quello che dici funziona SOLO perchè esiste la riserva frazionaria (il 2% rimane in cassa, il resto si volatilizza come dici tu). Se però NOI TUTTI ritirassimo i nostri risparmi dalle esangui casse delle banche queste sarebbero in seria difficoltà perchè quel 2% non basta a coprire minimamente dei fabbisogni immediati e dovrebbero richiedere dei pagamenti per ritrovare il 2& in cassa, innescando una catena pericolosa. Ricordati le code alla Northern Rock. Basta il 2% !

  • buzz

    ma si, questo lo so!
    infatti uno dei primi provvedimenti che prendono in caso di crisi è il blocco dei depositi bancari.
    quello che intendevo è che molti hanno una visione delle banche come:
    – io porto i miei risparmi
    – loro me li tengono al sicuro e mi danno un piccolo interesse
    – poi i miei soldi li prestano (a loro rischio e pericolo)
    – il loro guadagno è sull’interesse che applicano detratto quello che danno a me

    detto semplicisticamente, è ovvio, ma questa è la visione di massima…della funzione delle banche.

    ci tenevo a spiegare che da tempo non è più così.
    tutto qua.

  • Earth

    Veramente io avevo in mente quell’episodio li si ma anche un altro, http://www.youtube.com/watch?v=Lcc1gmrXD94&feature=related, dove travaglio risponde senza dare possibilita’ di ribattere o comunque fargli altre domande su quell’argomento per metterlo in difficolta’ in base alle sue risposte, niente ha parlato solo lui con la gente che lo applaudiva come zombie che non sapevano manco di cosa parlasse… Se io faccio una domanda mi aspetto una risposta sincera, difatti se in un argomento che non conosco poi uno mi aggiunge, queste persone in pratica si rubano i soldi, io mi aspetto che risponda: io non conosco l’argomento come ho detto prima, ma se e’ cosi’ come dici tu e’ una pessima vicenda… Invece no, continua a dire non so niente come dire lasciami stare che non ne posso parlare, perche’ non ne puoi parlare? Infine quando gli ha dato una risposta e le cose le sapeva eccome se le sapeva, ha denigrato il complottista solamente perche’ l’ha seguito, dal senso, io non so niente diceva negli altri video poi in questo ha risposto e’ una vaccata, io mi chiedo allora perche’ non ha risposto subito? Ha dovuto chiedere il lasciapassare prima? Troppe cose strane, per una persona libera non credi? Ma visto che legittimi il comportamento di travaglio, io ti chiedo, Barnard non e’ un giornalista finanziario, ha sbagliato a scrivere questo articolo?

  • nessuno

    Bravo ma sei bugiardello
    usted entiende?

  • cinthia

    Caro Paolo, ma tu non credi che per fare qualcosa bisogna iniziare a cambiare il micro sistema per poi raggiungere il macro?

    Voglio dire, per sperare di cambiare l’intero sistema politico economico mondiale, se non cominciamo a far prendere coscienza alle persone dei problemi più immediatamente visibili e riconoscibili, se non cerchiamo la strada della partecipazione attiva, della presa di coscienza e della responsabilità personale iniziando dalle piccole cose, come potremo mai affrontare i macro-sistemi?

    Ora, se un popolo come il nostro non ha più (o forse non ha mai avuto chiara?!) una coscienza politica che lo metta in condizioni di scegliere e operare un cambiamento attraverso gli strumenti di lotta; se ha perso quasi completamente la misura del vivere comune, dimostrandosi opportunista e cieco, come potrà mai occuparsi di cambiare il mondo non riuscendo a vedere oltre il proprio piccolo orto?!
    Io condivido in pieno la tua analisi, anche e soprattutto nei confronti di quelli che chiami “paladini dell’antisistema”, ma l’errore (non so se in malafede, ma credo di si) di questa gente che predica l’indignazione non è tanto nei contenuti, secondo me, quanto nelle forme che non sono mai utili ed adeguate ad una reale opposizione civica consapevole, quanto al consolidamento del proprio carisma e del proprio successo e popolarità.
    Utile è chi ti fa scoprire e ti insegna ad usare gli strumenti per costruire una tua coscienza delle cose.
    Dannoso è chi si sostituisce alla tua coscienza mostrandoti che puoi avere fiducia nelle sue cause giuste (che sono anche le tue) e quindi affidarti. Grillo forse è l’unico che ha spinto verso l’impegno civico in prima persona, piuttosto che verso la rappresentanza, ma con dei metodi decisamente discutibili che poi forse gli sono anche un po’ scivolati di mano. Bisogna avere giusta misura e metodo anche in questo, predicare la comunione d’intenti e l’impegno personale non è la stessa cosa che spingere al protagonismo egocentrico, anche se all’apparenza di superficie sono atteggiamenti confondibili, nella sostanza sono posizioni antitetiche.

    Io non nutro molte speranze per il semplice ed innegabile fatto che il mondo (occidentale) è un’accozzaglia di nevrotici fuori controllo a partire dalla base fino al vertice e ritorno. Forse la spinta al cambiamento verrà, come sempre nella storia, da quei popoli con esigenze meno complesse e più pressanti; questi non sono spinti verso la crescita e l’evoluzione, bensì semplicemente verso un necessario miglioramento delle condizioni materiali, necessario, ma decisamente a scadenza limitata.
    E se si lasceranno guidare da quella parte di popolazione più borghese, acculturata e nevrotica, saranno fottuti. Come sempre.

  • rosarossa

    ho letto attentamente.. che dire?

    ..su http://WWW.luogocomune.net a nome Calvero, su quel Forum, nel menù “altre cospirazioni” ho aperto una discussione titolata: la cospirazione di Travaglio & co.
    ho trovato fosse una provocazione molto valida, e sicuramente è risultata interessante..
    ha ricevuto in un sol giorno già molte letture e risposte ma..

    ..ma vien voglia di gettare la spugna

  • ventosa

    Paolo, è una bella strategia, però mi sfugge il collegamento con la sua attuabilità:
    – Studiare di conseguenza una comunicazione immensamente abile per attirare l’attenzione del mondo della GENTE COMUNE.

    – Studiare i metodi per rendere la comunicazione gradevole ma penetrante.

    – Diffonderci nei luoghi della gente comune, implacabili, pazienti, tutto l’anno, per tentare di creare un consenso opposto a quello oggi dominante usando quei metodi attentamente studiati.

    – Essere molto ben finanziati, cioè cercare e ingaggiare sponsor ‘illuminati’ capaci di vedere il vantaggio di lungo termine di un mondo più giusto.

    Ho isolato questi quattro punti, consecutivi tra loro. Puoi farmi capire il piano di attuabilità del quarto punto, dal quale dipendono i precedenti?
    O hai già individuato dei personaggi interessati al progetto?
    Francamente mi sembra una chimera.
    Saluti

  • ventosa

    Il tuo discorso, filosoficamente, non fa una grinza, come gli esempi da te riportati come specchietto. Non vivo nel paese dei balocchi, ho avuto momenti difficili e so perfettamente cosa vuol dire scendere a compromessi. Prova però a mettere da parte (Ti ricordi la curva di Gauss, si studiava alle superiori) una minima parte di personaggi, ricchi e potenti ed un’altra, più corposa, ma globalmente esigua, di persone che hanno bisogno di aiuto e per questo disposte al compromesso. La parte “cicciotta” è composta da gente che, chi più chi meno, non ha bisogno di scendere a compromessi, ma lo fa perchè è meno faticoso che costruire, lavorare, perchè potrà permettersi degli agi, perchè non ha tempo da perdere, ecc. Bene, forse sono malato di ottimismo cronico, ma io credo che su questa gente si può lavorare, oggi ne prendi uno, domani un’altro, ecc. Non sto sognando, lo faccio tutti i giorni, mi hanno preso per il culo, ma mi sono tolto delle belle soddisfazioni e, credimi, “se prima eravamo in due acantare l’ully- gully”… Non so quanto tempo ci vorrà, se ci riusciremo, se vivrò abbastanza per vedere dei cambiamenti, però qualche mattoncino lo stiamo mettendo.
    Vedremo…

  • barlavento

    Vedo che lo hai nel sangue la voglia di fare polemica,ti sbagli io non sono genovese. Con questo ho finito giacchè non ho voglia di entrare in polemica su delle stronzate, lascio a te l’ultima parola…….per te è sicuramente un dovere averla sempre.

  • Tonguessy

    “dimostralo abilitando i commenti sul tuo blog” lo potresti anche dire a Grillo che ha bloccato un mio intervento su una sua frase delirante del tipo “i buddisti si lasciano uccidere pur di non far del male”, il tutto ovviamente riferito ai fatti del Tibet. E’ risaputo che la storia del buddismo tibetano sia fatta dai più grandi latifondi dell’epoca, dai più grandi soprusi che un uomo possa fare su un suo simile etc… Quindi direi che hai ragione a chiedere a Barnard di aprirsi alle critiche, ma direi che per equanimità sarebbe bene che anche Grillo facesse lo stesso, non trovi?

  • Tonguessy

    Il saggio aristotele? Quello che diceva che le donne hanno dei denti in meno degli uomini e non si prese mai la briga di guardare in bocca a sua moglie? Quello che diceva che il moto dei gravi in questo “basso” mondo è rettilineo? O quello che aveva inventato il sillogismo che dice: “L’italiano medio ama gli sport. Il cricket è uno sport. Quindi l’italiano medio ama il cricket”?

    Alla fine ho solo un cosiglio da darti, se permetti. Se veramente credi a tutto quello che hai scritto perchè non cambi il tuo nick?

  • Tonguessy

    “D’ impulso ho scritto sotto quello che ho scritto, senza leggere l’ articolo.”

    Lo fai sempre per principio?

  • tersite

    condivido articolo e commento…io sono per le V-hours, quotidiane, una al giorno

  • sheridan

    E gia’,
    qui non si riesce a vanire a capo di berlusconi, dell’utri, gasparri, calderoli e giovanardi e ci dovremmo porre come obbiettivi Bernanke, Paulson, Gheitner, Rockfeller e Rothshild.
    Insomma si pretenderebbe di spiegare il signoraggio o i CDS alla signora Maria sperando pure che ci capisca qualcosa.
    Altro che derivati, sarebbe gia’ un successone riuscire a impedire di fare le centrali nucleari. Prova a parlare di AIG e CDS a forzuti e padanari vedi che chiamano il 118.
    Tenere un po i piedi per terra no e’????

  • Earth

    Ti invito a guardare i video che sono linkati in basso in questa pagina e se hai tempo di leggere anche il resto per capire cosa sia effettivamente il meetup che segue grillo ——– https://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=Forums&file=viewtopic&t=16782

  • anarchia

    E’ vero!!! ha ragione nessuno!
    Il libro di Barnard è edito da Bur-Rizzoli=Rcs MediaGroup!
    tratto da wikipedia:


    Consiglio di amministrazione [modifica]

    Presidente onorario: Cesare Romiti
    Presidente: Piergaetano Marchetti
    Vicepresidente: Gabriele Galatieri di Genola
    Amministratore delegato: Antonio Perricone
    Amministratore:Claudio De Conto
    Amministratore:Giorgio Fantoni
    Amministratore:Franzo Grande Stevens
    Amministratore:Alessandro Pedersoli
    Amministratore:Carlo Pesenti
    Amministratore:Renato Pagliaro
    Amministratore:Corrado Passera
    Amministratore:Raffaele Augusti
    Amministratore:Roberto Bertazzoni
    Amministratore:Virginio Rognoni
    Amministratore:Paolo Merloni
    Amministratore:John Philip Elkann
    Amministratore:Diego Della Valle
    Amministratore:Jonella Ligresti
    Amministratore:Andrea Moltrasio
    Amministratore:Berardino Libonati


    Anche Barnard (come tutti gli altri) si fa sfamare dagli stessi che poi, a chiacchiere, critica.
    eppure esistono case editrici certamente meno “sporche” di questa.
    E vvabbè! In fondo questo non fa che confermare i miei interventi… 😉

  • mikaela

    Approfitto di questo tuo primo commento per inserire un link di un grande lavoro scritto da Barnard nel 2001, sicuramente aiutera’ il lettore di CDC a capire meglio le critiche di Barnard nei confronti di Grillo & C.
    http://www.paolobarnard.info/mondo.php……
    PER UN MONDO MIGLIORE presentazione ……

    “Per Un Mondo Migliore”, il lungo documento che segue, fu la mia risposta/appello ai Movimenti all’indomani del primo Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre nel 2001. Fu poi aggiornato nel 2004 dopo la seconda vittoria presidenziale di G. W. Bush negli USA.

  • Tonguessy

    Quoto e aggiungo: non è che per caso anche Barnard sia un gatekeeper, che faccia cioè il gioco del divide et impera così caro alle elites? Ok, gli altri attraggono masse di disillusi e li tengono buoni, basta che al lunedì mattina si trovino al posto di lavoro e facciano quello per cui sono (sotto)pagati. Ma il divide et impera lo vogliamo considerare o no?

  • tania

    non capisco come tu possa definire “…FARE qualcosa di concreto..” il “..radunare i suoi seguaci…” , cioè non capisco a cosa servirebbe .
    Ho letto alcuni tuoi commenti ed effetivamente , come dici tu , è oggettiva l’eccessiva attenzione che Barnard mostra verso i Grillo , i Travaglio ecc. ma non credo che lo faccia perchè gliene venga in tasca qualcosa , e anche se in questo modo fosse riuscito a vendere una cinquantina di copie in più del suo “perchè ci odiano” …. bè , credo sia stato un bene e non un male .
    Sarai d’accordo anche tu che l’unica cosa per “…FARE qualcosa di concreto..” sia invece l’informazione – ovviamente intendo l’informazione sui problemi strutturali del sistema – e Barnard non si pone affatto come unica “voce” di questa informazione , ma ne fa semplicemente una questione di metodo .
    Quindi forse solo in questo caso andrebbe benissimo dire che il fine giustifica i mezzi : e quindi anche se questo mezzo (sfruttare la notorietà di Travaglio) fosse calcolato , va benissimo purchè si faccia uscire dalle tenebre più gente possibile.
    A meno che tu non creda che sia più importante indirizzare la massa verso il lodo Alfano o le escort e dall’altra parte non informare sulla tragedia palestinese o sull’imperialismo commerciale .

  • myone

    … no, solo per istinto

  • berotor

    ciao, scusa il ritardo. Brevemente: probabilmente Travaglio, nel filmato che mi hai linkato, dopo aver riconosciuto la persona che gli ha posto le domande, non avrà ritenuto l’interlocutore all’altezza (eufemismi a iosa…) e gli ha risposto per le rime. Tale interlocutore si era già dimostrato in precedenza un vero rompipalle, uno che non ha nessuna voglia di discutere o di fare domande, ma intende solo provocare. Detto chiaramente, il personaggio è insopportabile: infarcito di cazzate prese senza alcun criterio da internet, si crede un paladino della verità ed emula le gesta di un reporter d’assalto stile “Report”, ma in realtà coi suoi modi petulanti e le sue domande capziose è tale e quale a quelle feccie degli “inviati” di striscia la notizia.
    Se davvero il mondo è sotto il giogo del “signoraggio” e se tutti noi siamo condizionati dalle “scie chimiche”, quindi sui contenuti della questione, non mi esprimo, ma sul fatto che Travaglio non abbia alcuna voglia di rispondere al tizio, bè, la mia comprensione è totale. Quindi , si, come dici tu, in questo caso legittimo il comportamento di travaglio.
    Qualsiasi giornalista può scrivere ciò che vuole, se si ritiene capace di farlo, quindi Barnard non ha certo sbagliato a scrivere questo articolo. Io però non posso pretendere che un giornalista scriva cio che io ritengo debba scrivere. Se Travaglio non parla del doping nel ciclismo, che faccio? lo tempesto di domande sull’eritropoietina e lo accuso di essere un servo delle case farmaceutiche perché non ne parla?! Follia.