L’isola di Capri contro il Green Pass

Gli isolani, isolati dagli ultimi provvedimenti del governo che hanno interrotto la continuità territoriale, insorgono contro le discriminazioni.

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale "Ultime Notizie".

Ieri sulle vetrine di decine di negozi dell’isola di Capri sono apparsi dei manifesti molto critici rispetto alla decisione del governo di impedire alle persone prive di green pass di potersi recare nei negozi per acquistare beni – secondo Draghi – non di prima necessità. “Discriminare è una vergogna” la frase più utilizzata.

Inoltre gli esercenti del comune di Anacapri hanno esposto un manifesto con un cuore rosso fiammante poggiato su due mani aperte con la scritta sovrastante “Love Pass, un mondo senza discriminazioni”.

Chiara anche la posizione del patron di Capri Watch – azienda molto conosciuta in Italia e nel mondo per la caratteristica di utilizzare i simboli e i colori dell’isola nei tanti modelli di orologi della linea – Silvio Staiano, che fuori ai suoi negozi ha affisso un cartello con su scritto:

“Nel negozio come accade da ben 58 anni sono benvenuti tutti i clienti e ancora no al Green Pass, no alle discriminazioni, no alle leggi ‘razziali’. Discriminare chi entra in un negozio è una vergogna”.

Massimo A. Cascone, 02.02.2022

Fonte: https://www.ansa.it/campania/notizie/2022/02/01/green-pass-capri-dice-no-discriminare-e-una-vergogna_ce0a5f9a-5b64-4d4b-882e-87e8c251727c.html

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix