Home / ComeDonChisciotte / L'ASSASSINO PIU' AMATO DAI MEDIA

L'ASSASSINO PIU' AMATO DAI MEDIA

DI HARAMLIK

Immagino sia superfluo specificare che, da queste parti, non ci si unirà all’orwelliano coro di santificazione di Sharon come uomo di pace.
Immagino sia inutile anche spiegare perché: i motivi sono evidenti a chiunque segua la tragedia del popolo palestinese con un minimo di cognizione di causa ed onestà. Gli altri, si arrangino, ché qui si è stanche.
Credo nella responsabilità individuale: se un cittadino maggiorenne e con diritto al voto decide di abbeverarsi alla fonte della propaganda e di consegnarsi a mezzi di informazione manipolatori e distorcenti come i nostri, faccia pure. Essere bovi è una scelta come un’altra.
Ho già letto in giro perle come: “Sharon ha comunque ordinato il ritiro delle truppe dai Territori Occupati”. Degno risultato di tanta informazione, direi, e certo opinione diffusa in tutta Italia: se andassimo a intervistare la gente sui tram e nei supermercati, sai quanti si direbbero convinti che questo è ciò che veramente è successo? Che davvero Sharon ha ordinato il ritiro dai Territori?
Un mondo folle.Lo si è detto, lo si è ripetuto, c’è mezzo mondo che si sgola: “No. Sharon ha tolto 7000 coloni dalla Striscia di Gaza, trasformata in regione liberamente bombardabile, e li ha per lo più spediti ad aggiungersi ai 440.000 coloni dei ben più ampi Territori Occupati di Gerusalemme est e Cisgiordania. Attraverso uno spaventoso muro più volte dichiarato illegale da qualsiasi organismo internazionale, ha poi annesso ad Israele l’80% delle sue altrettanto illegali colonie e il 40% di pura e semplice terra palestinese, compresa di sorgenti d’acqua che vanno a destinarsi, ovviamente, all’agricoltura israeliana. Ha intrappolato 237.000 palestinesi dentro il muro e ne ha messi fuori altri 160.000. Tutti loro destinati, dentro o fuori dal muro, a vivere tra torri di guardia e filo spinato. Questo è ciò che è successo.”
Fiato sprecato.
Sotto la direzione d’orchestra di prodigiosi mezzi d’informazione tra cui brillano per zelo gli italiani, il cittadino medio occidentale è convinto che Sharon abbia “ordinato il ritiro delle truppe dai Territori Occupati.”
Prodigioso.

Prodigioso, poi, per modo di dire: l’assoluto capovolgimento della realtà che va in onda in Palestina è reso possibile dal più banale dei motivi: che i palesinesi sono arabi, e gli arabi non ci piacciono. Non ci sono simpatici. Sono più simpatici gli israeliani, li immaginiamo più “come noi”.
Questo è tutto.
Banale razzismo, a sostegno della migliore macchina propagandistica dell’universo mondo. Altro che Hollywood.
Sinergia perfetta.

Mentre Sharon, inshallah, si prepara ad essere finalmente giudicato da un tribunale meno condizionabile di quelli terreni, qui si ha voglia di ricordare piccoli episodi. Dettagli.

Una festa al Cairo, dove c’era la corrispondente RAI di un paese che non mi va di citare. E sospira, lei, e mi racconta di avere lavorato in Palestina per molti anni. Fino a quando Mimum, guarda caso, non l’ha rimossa perché “troppo filopalestinese” e sostituita con un collega più compiacente.
Si perde il posto, a raccontare l’altra faccia delle cose.

O il mio ingenuo stupore a Gerusalemme vecchia, la prima volta che ci andai, quando ancora non sapevo nulla e me le bevevo serenamente anch’io, le balle che ci raccontavano.
Sei nella zona araba della città vecchia e ti muovi a fatica, tra stradine strettissime piene di botteghe e di gente. E, nel mezzo di un budello, i soldati israeliani 24 ore su 24, a rallentare e ostacolare il passaggio, a mostrare manganelli e mitra tra una bottega e una pasticceria: c’è la casa di Sharon, lì.
O meglio: una casa di Sharon.
In cui Sharon non vive, non ha mai vissuto e non vivrebbe mai: la tiene lì per il gusto di esporre i simboli di Israele nel cuore del quartiere musulmano, presidiati da un’inutile postazione militare piantata in mezzo a un vicolo di passaggio, e tu devi passare piano, a fatica e sotto la bandiera.
Così, per sfregio.
Senza altro fine che quello di piazzare l’ennesima tracotante provocazione, l’ennesima inutile complicazione nella vita dei palestinesi che hanno sempre vissuto lì.
E cercare, con il tempo, di mandarli via.

La vita degli sfortunati “vicini di casa” di Sharon è descritta nell’ultimo paragrafo di
questo link.
O qui.
Ed è che l’arte di dispensare al prossimo uno stillicidio di malvagità gratuita vita natural durante, in Israele, raggiunge livelli realmente sopraffini.
“Ci vuole fantasia”, pensavo. Un livello di cattiveria medio non basta.

Credo che Ariel Sharon sia stato, come persona, un essere realmente spiacevole.
Scrissi, tempo fa, di un suo ritratto in Volti di Israele, di Avishai Margalit.

Leggendo il capitolo dedicato a Sharon, si apprende che:

* Dopo la guerra del ’56, il vice di Sharon, Yitzhak Hoffi (futuro generale e capo del Mossad, attualmente amministratore della Compagnia israeliana dell’elettricità) dichiarò ai servizi segreti che Sharon soffriva di paranoia e aveva bisogno di cure psichiatriche.
In effetti, il comando militare ne fermò l’ascesa nell’esercito e lo spedirono per un anno in Inghilterra.

* Torna in patria e sua moglie si schianta in macchina.
Gli amici di famiglia considerano l’incidente un suicidio: la moglie aveva appena scoperto che Sharon aveva una relazione con sua sorella minore, Lily, con la quale si sposa poco dopo.
Dopodichè muore suo figlio di 11 anni, Gur.
Era a casa assieme a un amichetto, trovarono un fucile di Sharon e partì un colpo.
Sharon accusò l’altro bambino di avere ucciso volontariamente, e costrinse il ragazzino e la madre (che era la vedova di un pilota) ad abbandonare casa e città e a fuggire.

* Nel 1970, quando faceva il comandante a Gaza, per fare stare buoni i palestinesi faceva così: ordinava che i genitori o i parenti dei bambini colti a lanciare pietre venissero espulsi dai Territori (illegalmente) occupati e mandati nel deserto con una borraccia e un po’ di pane azzimo.
Si vede che l’idea gliel’aveva data la Bibbia.

* E’ stato definito un ‘pericolo per la democrazia’ sia da Golda Meir che da Begin.
E per dirlo loro…

* Un ufficiale dei paracadisti racconta che Sharon, faceva questo bel discorso strategico: “Immaginate di voler prendere la collina X, ma il governo vi autorizza a prendere solo la collina Y. Voi, naturalmente, prendete la collina Y, poi mandate un reparto in ricognizione alla collina X, per assicurarvi che “sia tutto a posto”. Il reparto “cade sotto il fuoco nemico” della collina X, voi notificate al governo che il reparto è in pericolo e chiedete l’autorizzazione per soccorrerlo. E così, finalmente, potete attaccare e prendere pure la collina X.”
E questa è la storia di tutta la carriera di Sharon.

* Dopo Sabra e Chatila, quando venne rimosso dal ministero della Difesa, cominciò a sentirsi più perseguitato del solito.
L’autore del libro lo definisce “pazzo, cattivo e pericoloso”.

Chissà.
Cattivo e pericoloso, certamente sì.
“Pazzo”, di questi tempi, non significa nulla. Siamo in un momento storico in cui la personalità paranoide è politicamente vincente e i libri della Fallaci sono best-sellers. Discorsi ed azioni che sarebbero parsi deliranti solo 10 anni fa, oggi godono di consenso sociale.
Astuto, sicuramente.

La brutalità dei soldati israeliani che controllavano la “casa di Sharon” nella Gerusalemme araba aprì il mio primo viaggio in quella città e inaugurò il processo della mia presa di coscienza su quanto accadeva in Medio Oriente.
Ne avrei vista altra, di brutalità, come tutti: credo che sia impossibile passeggiare per Gerusalemme anche un solo giorno senza vedere soldati che picchiano palestinesi.
Sono tornata altre volte, in Israele, e ci ho portato mia figlia.
Mi raccontava, poco tempo fa, che ciò che più le è rimasto impresso di quel viaggio è, manco a dirlo, la scena del pestaggio di un palestinese in strada.
Più delle mura della città, più del Santo Sepolcro, del Muro del Pianto, della Moschea della Roccia, di Al-Aqsa.
Più dello Yad Vashem e della nostra ricerca di nomi italiani e spagnoli tra gli ulivi che ricordano i Giusti.
La violenza del presente.

Con Sharon si è chiuso il mio ultimo viaggio in Israele
.
Eravamo appena tornati da Gerusalemme quando lui, circondato da uno schieramento di soldati, fece la famosa “passeggiata” derisoria sulla Spianata delle Moschee.
Scoppiò la II intifada, poi la carneficina, l’assedio ad Arafat.
Tutto l’orrore degli ultimi anni.
La distruzione.

Per me, la perdita definitiva del mio senso dell’innocenza da straniera, del desidero – sempre più disperato – di equidistanza. E della speranza, certo.
Persi il passaporto con tutti i suoi timbri israeliani.
Ne ebbi un altro, su cui oggi spiccano due anni di permesso di residenza in Egitto. Volevo essere libera di viaggiare in Medio Oriente. Dare le spalle a Israele, alla distruzione e all’orrore.
Non tornarci più.
Non dargli più una lira, i centesimi di una cartolina.
Finito.

Sono capitata in Medio Oriente 12 anni fa, al solo scopo di conoscere Israele.
Per poi scoprire che mi ero sbagliata, che ciò che era importante conoscere era proprio il Medio Oriente, invece. Quello che non mi avevano mai raccontato. E ho cominciato a conoscerlo da lì.

Mi ha cambiato la vita, Israele. Se non avessi visto i Territori, non sarebbe successo.
Ho capito che quel lutto era anche mio, che la distruzione di un intero pezzo di mondo distruggeva anche un pezzo di me.
Muore la Palestina e muore la storia, muoiono paesaggi, tradizioni, ulivi e deserti, popoli.
La nostra umanità, muore. La mia. In cambio di muri e filo spinato, protervia e razzismo, bugie.
Uno scempio infinito, inarrestabile.
Irrimediabile.

E per cosa, poi.
Manco fossero immortali, loro.
Gli assassini, dico.

Haramlik
Fonte: http://www.ilcircolo.net/lia/
5.01.05

Pubblicato da Davide

  • giorgiovitali

    QUESTO TESTO ECCEZIONALE SI COMMENTA DA SOLO, TUTTAVIA….chi ha dimestichezza con le domande fondamentali della Storia si chiede ( si è sempre chiesto ) per quale ragione la solita Inghilterra ( o meglio: la sua classe dirigente ) decise, un certo giorno, di creare un ” focolare” ebraico in terra di Palestina. La spiegazione è tutta qui, in questo articolo. Gli inglesi ( la classe dirigente anglosassone ) sapeva quel che faceva e, soprattutto, conosceva l’ indole ed il carattere di coloro che avrebbero abitato quei luoghi. I nuovi coloni. Nuovi perchè più moderni di quelli ” vecchi”: ugualmente spietati ed ugualmente aguzzini. Ma nuovi anche perchè capaci di gestire con maestria ( oltre all’ uso di ben attrezzate Corti Inquisitorie ) gli strumenti dell’ indottrinamento mediatico a copertura psicologica dei propri misfatti. Dai tempi di Balfour il Mediterraneo non è stato più un mare a libera circolazione. Siamo tutti, Noi rivieraschi mediterrane, sotto costante attacco. GVi

  • illupodeicieli

    ciò che ci viene propinato attraverso i media è diverso: in gergo si direbbe che ,agli israeliani, si “liscia la coda”. tuttavia vorrei sapere se sono tutti come Ariel Sharon gli israeliani, oppure no. Come ho appreso che ,per fortuna, non tutti gli americani sono come Bush e c’è anche opposizione alle sue angherie (anche se non è certo l’opposizione dei democratici quella a cui faccio riferimento io) tuttavia ciò che temo è l’orgoglio di una nazione. credersi come gli israeliani popolo eletto, della serie “noi siamo i migliori e quindi abbiamo sempre ragione”, è molto pericoloso … e non solo per gli israeliani.
    temo altri popoli ,come gli americani ad esempio, o anche in europa, che possano arrogarsi il diritto di dire agli altri ciò che è giusto e ciò che no. e quando si passa dalle parole ai fatti…. i risultati sono sotto gli occhi di tutti (tv e media permettendo).

  • marko

    Sono certo che esistano israeliani che dissentono dalla politica di Sharon. Purtroppo è difficile mantenere i nervi saldi in mezzo a cotanti opposti estremismi.

    Ringrazio DonChishcotte per questo articolo che depura un po’ l’aria di idolatrazione per questo macellaio che circola negli ultimi giorni sui media nostrani.

  • carlo

    Esprimo anch’io i miei complimenti all’autrice di questo pezzo. E’ sinceramente uno dei migliori che ho avuto occasione di leggere negli ultimi tempi.

  • assodipicche

    L’autrice ha dato corpo ai sentimenti di indignazione e orrore che tutti proveremmo se non totalmente turlupinati dai media e dai guitti che ci govenano con in testa il nostro ministro degli esteri che da postfascista si è riscoperto amico di Israele;mossa peraltro assolutamente conseguente!!!!!!
    fabio s.