La pianta del buon umore

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

È cominciato il periodo balsamico della MELISSA che in maggio-giugno dà il meglio di sé. Chi è cresciuto in campagna sa che è proprio questo il momento migliore per raccogliere questa pianta erbacea: all’inizio della fioritura, più tardi il suo gradevole profumo muterebbe in un odore sgradevole.

In grado di calmare l’ansia e l’agitazione senza alterare le altre funzioni cognitive (come può fare invece la valeriana), la melissa è conosciuta e apprezzata fin dall’antichità.
Dioscoride, nel suo ‘De Materia Medica’, sostiene che “restituisce la serenità e allontana la tristezza”; Avicenna scrive che “ha la facoltà di rallegrare l’animo e rendere gioioso il cuore”; il grande medico svizzero Paracelso la definisce “elisir di lunga vita” e il Mattioli, nella sua vasta opera, conferma che “possiede la virtù segreta di rallegrare l’animo e allontanare i pensieri negativi”.
All’inizio del Seicento l’ordine monastico dei Carmelitani Scalzi crea la famosa “Acqua anti-isterica”, un’acqua di melissa particolarmente richiesta per le sue proprietà antispasmodiche e sedative.

Si può utilizzare fresca o secca ma, per ottenere il massimo dei benefici, la melissa andrebbe raccolta nelle ore calde del mezzogiorno, in una giornata soleggiata e senza vento, durante il periodo di luna crescente.

Ecco alcuni semplici utilizzi:

INFUSO
2-3 g di foglie in una tazza di acqua non troppo bollente. Lasciare in infusione coperto per dieci minuti. Se ne possono prendere 2- 3 tazze al dì. Sorseggiare quando l’infuso è ancora caldo, meglio se lontano dai pasti. Oltre al recupero del buon umore, è un valido sostegno quando una situazione richiede mente sveglia e nervi calmi (esame, riunione).

BAGNO
Si mettono a macerare per circa mezz’ora 100 g di melissa in 3 litri di acqua bollente, poi si filtra spremendo bene e si aggiunge all’acqua della vasca per un bagno veramente rilassante e rigenerante.

USO ESTERNO
Le foglie fresche possono essere strofinate sulle punture di api e vespe.
Contro le mialgie e i dolori articolari si possono fare delle strofinature con lo ‘Spirito di Melissa’ che si può preparare facilmente lasciando macerare per 15 giorni molta melissa fresca in alcol a 40 gradi. Poi si filtra strizzando bene la pianta e si trasferisce in una bottiglia di vetro ben tappata dove si conserva lontano dalla luce.

Le persone che beneficiano maggiormente di questo dolce rimedio sono quelle di carattere irritabile o particolarmente sensibile che spesso somatizzano l’ansia sotto forma di spasmi in vari distretti dell’organismo (emicrania di origine digestiva, gastrite nervosa, nausea, colite, colon irritabile, dolori del ciclo mestruale, tachicardia, vertigini e ronzio all’orecchio, insonnia).

P.S.
La melissa possiede anche un’attività ipotiroidea. Questo la rende ideale se c’è una tendenza all’ipertiroidismo, ma è da evitare se c’è ipotiroidismo e in caso di trattamento con ormoni tiroidei.
__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x