Ispettore OMS cita in un video esperimenti di manipolazione sui coronavirus a Wuhan settimane prima della “pandemia”

databaseitalia.it

Il video mostra uno scienziato menzionare la sperimentazione del coronavirus nel laboratorio di Wuhan settimane prima della pandemia

Il video girato pochi giorni prima dell’inizio della “pandemia” di coronavirus mostra un attuale ispettore dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) discutere test sui coronavirus modificati su cellule umane e topi umanizzati nell’Istituto di virologia di Wuhan (WIV), solo settimane prima che i primi casi di COVID-19 fossero annunciati nella stessa città di Wuhan.

In un video originariamente girato il 9 dicembre 2019, tre settimane prima che la Commissione sanitaria municipale di Wuhan annunciasse lo scoppio di una nuova forma di polmonite, il virologo Vincent Racaniello ha intervistato lo zoologo britannico e presidente di EcoHealth Alliance Peter Daszak sul suo lavoro presso l’associazione per proteggere il mondo dall’emergere di nuove malattie e prevedere le pandemie. Dal 2014, l’organizzazione di Daszak ha ricevuto milioni di dollari di finanziamenti dal National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti, che ha incanalato al WIV per condurre ricerche sui coronavirus dei pipistrelli.

Nella prima fase della ricerca, che si è svolta dal 2014 al 2019, Daszak si è coordinato con Shi Zhengli, (石正麗), nota anche come “Bat Woman”, presso il WIV per indagare e catalogare i coronavirus di pipistrello in tutta la Cina. EcoHealth Alliance ha ricevuto 3,7 milioni di dollari in finanziamenti dall’NIH per questa ricerca e il 10% è stato convogliato al WIV, ha riferito NPR .

La seconda fase, più pericolosa, iniziata nel 2019, ha coinvolto la ricerca sul guadagno di funzione (GoF) su coronavirus e chimere in topi umanizzati dal laboratorio di Ralph S. Baric dell’Università della Carolina del Nord. I fondi per il programma sono stati ritirati dal NIH sotto l’amministrazione Trump il 27 aprile durante la pandemia.

Al minuto 28:10 dell’intervista podcast, Daszak afferma che i ricercatori hanno scoperto che la SARS probabilmente proveniva da pipistrelli e quindi si sono messi alla ricerca di altri coronavirus correlati alla SARS, trovandone infine oltre 100. Ha osservato che alcuni coronavirus possono “entrare nelle cellule umane” in laboratorio “e altri possono causare la malattia della SARS in modelli murini umanizzati”.

Ha minacciosamente avvertito che tali coronavirus sono “non trattabili con monoclonali terapeutici [anticorpi] e non è possibile vincere contro di loro con un vaccino”. Ironia della sorte, afferma che l’obiettivo della sua squadra era cercare di trovare il prossimo “evento di ricaduta” che avrebbe potuto causare la prossima pandemia, poche settimane prima che i casi di COVID-19 iniziassero a essere segnalati a Wuhan.

Quando Racaniello chiede cosa si può fare per affrontare il coronavirus dato che non esiste un vaccino o una terapia per loro, Daszak al minuto 29:54 sembra rivelare che l’obiettivo degli esperimenti GoF era quello di sviluppare un vaccino pan-coronavirus per molti diversi tipi di coronavirus.

Sulla base della sua risposta, è evidente che poco prima dell’inizio della pandemia, il WIV stava modificando i coronavirus in laboratorio. “Puoi manipolarli in laboratorio abbastanza facilmente.” Quello che ha poi menzionato è diventato il tratto rivelatore della SARS-CoV-2, la sua proteina spike: “La proteina spike guida molto di ciò che accade con il coronavirus, il rischio zoonotico”.

Daszak menziona la collaborazione del WIV con Baric: “e lavoriamo con Ralph Baric all’UNC [University of North Carolina] per farlo”. Come è stato suggerito il SARS-CoV-2 è una chimera prodotta in laboratorio, si parla di inserire la proteina spike “nella spina dorsale di un altro virus” e quindi di fare “un po ‘di lavoro in laboratorio”.

Fornendo prove della creazione di chimere per il bene comune per la creazione di un vaccino, afferma: “Ora, la progressione logica per i vaccini è che, se hai intenzione di sviluppare un vaccino per la SARS, le persone useranno la SARS pandemica, ma proviamo a inserire queste altre malattie correlate e ottenere un vaccino migliore“.

Sulla base delle dichiarazioni di Daszak, sembra che poco prima dell’inizio della pandemia, il WIV stesse effettuando esperimenti GoF con chimere nel tentativo di creare un vaccino. Questi esperimenti sembravano aver incluso l’infezione di topi geneticamente modificati per esprimere la proteina ACE2 umana con queste chimere.

In una presentazione intitolata “Valutazione delle minacce al coronavirus”, che è stata presentata quattro anni prima della pandemia nel 2015, Daszak sottolinea che gli esperimenti che coinvolgono topi umanizzati hanno il più alto grado di rischio. Dimostrando i suoi stretti legami con la WIV, ha anche elencato il laboratorio come collaboratore alla fine della presentazione.

covid

Controverso, Daszak è stato incluso in un team di esperti dell’OMS a cui Pechino ha finalmente permesso di indagare sull’origine dell’epidemia di COVID-19, oltre un anno dopo l’inizio. Scienziati come Richard Ebright, un biologo molecolare della Rutgers University nel New Jersey, condannano la partecipazione di Daszak a causa di conflitti di interesse “che lo squalificano inequivocabilmente dall’essere parte di un’indagine sulle origini della pandemia Covid-19”, ha riferito il Daily Mail.

Alla luce del viaggio dell’OMS a Wuhan, un ricercatore che si chiama Billy Bostickson e i suoi colleghi di DRASTIC (Decentralized Radical Autonomous Search Team Investigating COVID-19) hanno creato una petizione chiedendo che il team investigativo internazionale risponda a 50 domande chiave sul focolaio a Wuhan. Tra le domande c’è una richiesta di accesso al database della struttura e ai record di laboratorio, che dovrebbero risalire a 20 anni fa e includere uno sguardo alle sue procedure di sicurezza, ai rapporti di audit sulla sicurezza e ai rapporti sugli incidenti di sicurezza.

 

Fonte: https://www.databaseitalia.it/ispettore-oms-cita-in-un-video-esperimenti-di-manipolazione-sui-coronavirus-a-wuhan-settimane-prima-della-pandemia/

Fonte originale: https://www.taiwannews.com.tw/en/news/4104828?fbclid=IwAR0u3TRZFaDD6TeKOJSVTfFcOUnFNSt0dBs6kjtR2ySHqn6pyWjJNMaDBjU

Pubblicato il 07.03.2021