Incanalare le energie verso la rivoluzione: consigli pratici e divertenti

Di Raffaele Varvara per ComeDonChisciotte.org

Dapprima “Kissinger”, l’app che ti permette di baciare la persona che ami anche se non è lì con te. Kissinger è un dispositivo che si applica sullo smartphone e che ti permette di trasmettere un bacio a distanza simulandone il contato fisico con le vibrazioni del vostro dispositivo. Il dispositivo è dotato di sensori che ti permettono di ricevere ed inviare segnali simulando un vero e proprio bacio. L’app si puo’ utilizzare tramite WhatsApp, Telearma o Facecam e, una volta installata, basterà solo lasciarsi andare…(1)

Poi, l’architetto italiano Cosimo Scotucci che ha ideato “Physx”, il primo modello dinamico di social distancing. Finora, per garantire le distanze di sicurezza tra le persone, si è optato per soluzioni statiche, come nastri adesivi sui pavimenti dei luoghi pubblici. Physx utilizza invece una fibra elastica, rialzata di 50 cm da terra, in grado di generare delle “zone sicure” colorate di un metro e mezzo attorno alle persone, quando queste la calpestano. Zone che si spostano con le persone e definiscono le distanze da mantenere durante l’interazione con altri individui. “L’obiettivo è realizzare un prodotto libero da diritti così che le aziende di tutto il mondo possano svilupparlo e aiutare nella lotta al contenimento del virus”, ha dichiarato Scotucci (2).

In queste invenzioni, di questi geni contemporanei, si consuma l’asservimento totale delle nostre energie creative e artistiche alla dittatura sanitaria e più in generale alla cultura neoliberista imperante. E pensare che l’invenzione del nostro connazionale si ispira alla teoria della relatività di Einstein, con la differenza che il genio tedesco aveva messo al servizio dell’umanità le sue scoperte rivoluzionarie, mentre questi nuovi geni mettono al servizio del capitalismo le loro trovate distopiche. Peccato che nell’ invenzione del modello di distanziamento sociale dinamico, c’è un piccolo-grande limite: l’architetto italiano non ha escogitato il modo per le ricoprire di questa membrana, tutte le strade delle nostre città; caso che richiama alla memoria la gag del comico pugliese Uccio De Santis, in Mudù, alle prese con la goffa invenzione di un gancio salvavita!

Tutto quello che facciamo è al servizio del sistema neoliberista. Anche quando…pensate un po’, andiamo in bagno! La carta igienica senza rotolo è da qualche anno la novità nel campo dei produttori del settore. Per riempire lo spazio vuoto del rotolo, hanno inventato un altro piccolo tubetto di carta, estraibile dal buco del rotolo principale (3)

Dei geni!

Per sperimentare questa idea, si sono riuniti i migliori esperti di marketing per capire come sbancare la concorrenza nel settore della vendita della carta igienica.

Ve li vedete tutti lì attorno a un tavolo a spremere le meningi per farsi venire fuori le idee? Vi immaginate voi o vostro figlio dopo una laurea in scienze della comunicazione, a mettere al servizio di una multinazionale, del mercato e della concorrenza, le risorse mentali per ideare…un nuovo rotolo di carta igienica!

Poi ci sono altrettante menti illustre che si riuniscono per ideare come esaltare sul mercato il prodotto tramite la pubblicità.

In pratica si, ci sono persone che studiano il modo migliore per rimbambirci tutti!
Siamo totalmente assorbiti in questa idea di mondo che non ci sono più nè spazi, nè tempi, nè risorse culturali da mettere a disposizione per “il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese” (Art. 3 di quella “Cosa” su cui hanno giurato già da traditori).
In conclusione, il fenomeno della dissipazione delle energie cognitive, intellettive, culturali, artistiche, creative non è limitato a pochi, bensì è un fenomeno che investe ciascuno di noi nella misura in cui non incanaliamo, in ogni istante, tutte le nostre energie psicofisiche su come pensare, progettare e praticare la liberazione prima dalla dittatura sanitaria, poi dall’ UE e infine dalla NATO.  Una passeggiata insomma! Ma si deve iniziare, ora, pazientemente, a creare un blocco sociale di vera opposizione. Per questo obiettivo, oggi dobbiamo cominciare a conoscerci, a connettere tutti i fuochi di resistenza. Non sprechiamo le energie in altro che non sia parlarci, confrontarci, scambiarci i numeri, vederci preferibilmente dal vivo, metterci in connessione, ascoltarci l’un l’altro così da costruire una rete parallela a quella di internet, o meglio, hitlernet, viste le continue censure. Una rete intesa come squadra di gente consapevole, valida, empatica e solidale. Continuiamo a tessere questa rete, finchè non ci incontreremo in una rete unica; con queste reti bisogna moltiplicare azioni sui territori con l’obiettivo di sconfiggere la paura, creare consapevolezza e cavalcare l’indignazione. Sabato 27 febbraio riversatevi nelle piazze contro il colpo di stato attuato per mezzo del governo Draghi da parte delle oligarchie finanzcapitaliste.
Rianimare e ampliare la massa critica: non sprecate energie all’infuori di questo!

 

 

1. https://www.spyit.it/arriva-lapp-che-ti-permette-di-limonare-con-chi-vuoi-a-distanza-video/?fbclid=IwAR3oDmtuHX0Nw9F6iOmJZVMYA7Q8eJBj7Kh-JiG3hQAaw7hE8s-OYU4bKD4

2.https://amp-video.repubblica.it/amp/tecno-e-scienze/architetto-italiano-inventa-modo-per-rimanere-a-distanza-zone-colorate-che-si-spostano-con-la-persona/375465/376079

3.https://consumatori.e-coop.it/la-prima-carta-igienica-ecologica-perche-senza-tubo-e-coop/#:~:text=Ecologica%2C%20a%20tutto%20risparmio%20e,del%20rotolo%20per%20altri%20strappi.