Il miglior epatoprotettore tra le piante officinali

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Sul cardo mariano esiste una cospicua bibliografia perché è una delle piante più usate per curare fin dall’antichità.
I suoi componenti principali sono rappresentati dai flavolignani che vengono isolati sotto forma di una miscela di prodotti di condensazione chiamata silimarina, una sostanza che ha prevalentemente un’azione epatoprotettiva. È in grado, infatti, di proteggere il fegato dai danni di svariati agenti tossici (come per esempio insetticidi, antiparassitari, farmaci), dall’esposizione a solventi e vernici e, soprattutto, dall’avvelenamento da amanita falloide, un fungo che provoca la morte nel 30% delle vittime (si è visto che la silimarina è in grado di annullare l’effetto letale riducendo notevolmente la portata dei danni al fegato fino a 24 ore dopo l’ingestione).

L’azione antiossidante di questa sostanza è in parte anche attribuibile alla sua dimostrata capacità di aumentare i livelli epatici di glutatione tramite un meccanismo al momento ancora non conosciuto. Ma le sono riconosciute anche altre importanti proprietà: capacità di indurre una netta diminuzione delle transaminasi, della gamma GT, della lattico-deidrogenasi e della bilirubina laddove ci siano persone con epatopatia causata da epatite virale (sia tipo A, B, C) o etilica (indotta da alcol).

Alcuni autori evidenziano, inoltre, anche un’azione della silimarina nella diminuzione del colesterolo totale e dei trigliceridi (probabilmente attribuibile a una migliore attivazione del metabolismo epatico) e attualmente sono in corso ricerche sulla sua possibile attività antitumorale (è stata messa in evidenza la possibilità di utilizzarla in chemioterapia a protezione del tessuto epatico rispetto ai danni causati dai farmaci e sembrerebbe utile per prevenire l’insorgenza di forme tumorali a carico di prostata, colon retto e pelle).

Il cardo mariano si può trovare sotto forma di tintura madre, estratto secco, estratto fluido e estratto integrale (che io preferisco perché contiene l’intero fitocomplesso della pianta direttamente biodisponibile).
Meglio assumere lontano dai pasti e, in caso di patologie, confrontarsi sempre con il medico di fiducia.

__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x