Home / Attualità / Igor catturato dagli spagnoli. Se ne vantano gli italiani

Igor catturato dagli spagnoli. Se ne vantano gli italiani

DI MASSIMO BORDIN

micidial.it

Igor il Russo – che però è serbo con cognome di origine ungherese e che si chiama Norbert Feher – è stato catturato in Spagna. La Procura di Bologna e il Ministro degli Interni italiani rilasciano commenti trionfalistici.

Secondo il ministro Minniti la cattura sarebbe infatti il frutto di un’attività investigativa che è partita dall’attività di indagine dell’Arma dei carabinieri. Di recente in Spagna c’era stato un reparto del Ros che aveva segnalato alla Guardia Civil il possibile luogo dove si poteva nascondeva Norbert Feher.

Il fatto di cronaca nera ha curiose implicazioni geopolitiche, che a noi interessano sempre molto. E’ infatti importante capire, al di là della propaganda del Ministro Minniti, per quali motivi il caso di Igor  è sfuggito di mano alle autorità italiane e perchè il nostro modo di rapportarci con “il male” finisce sovente per essere completamente inefficace e pretestuoso. Questo stesso modo di ragionare ci danneggia ovviamente anche in campo economico e la dice lunga su come noi italiani affrontiamo il male, cioè con gli strumenti deboli e tra loro contraddittori, col relativismo ed il moralismo.

Tra i primi in Rete quando scoppiò il caso proponemmo una provocazione, e senza sapere nulla della biografia del famoso ricercato: “scommettiamo che Igor il Russo non è russo?”, scrivemmo. E infatti, poco dopo si seppe che era un serbo, che non era un militare, e che proveniva dalla ex Jugoslavia. Il travisamento giornalistico dei fatti ha influenzato enormemente le indagini. Basti pensare che per diverso tempo, le ricerche si sono concentrate su Budrio, cittadina del primo omicidio, e sulle pianure acquitrinose circostanti. I giornalisti scrissero che era un esperto di tecniche di sopravvivenza e che poteva nascondersi sott’acqua, respirando con le cannucce e cacciando animali e animaletti. Da qualche parte ricordo di aver letto addirittura i tempi tecnici di una simile soravvivenza. Chi scriveva che Igor poteva vivere all’adiaccio per un mese, chi molto di più. Dopo giorni di appostamenti, immagini dall’elicottero sulla pianura romagnola, ed interviste ai terrorizzati cittadini di Budrio, veniamo ora a sapere che il nostro uomo era in Spagna. Perchè le indagini si sono concentrate sulla Romagna? Semplice, perchè l’opinione pubblica ed i politici, solleticati dalla stampa, sostenevano questo, anche in virtù di qualche imbeccata partita dalla Procura nei primissimi tempi della fuga. In questo Paese si sta portando avanti una forte campagna mediatica contro le fake news. Per quale motivo? Semplice, perchè gran parte dei media italiani hanno la coda di paglia e accusano il nuovo fronte informativo proveniente dalla Rete, dei loro difetti. I giornali italiani sono pieni zeppi di fake news, e si lavano la coscienza imputando ad altri le tendenze lassistiche e sensazionalistiche.

Lo ripetiamo nel caso ci fosse qualche fesso mainstream all’ascolto:

Igor si chiama Igor? No.

E’ russo? No

E’ un militare? No

Si nascondeva in Romagna? No

E allora, di grazia, chi è che scrive fake news? quelli che scrivono per la stampa ufficiale o la controinformazione internettiana?

Lo ripetiamo a scanso di equivoci: se pensate che un bandito si nasconda in Romagna, lo cercherete in Romagna.

L’equivoco di base, cioè che fosse russo, deriva dalla russofobia che permea l’Europa, e da lì sono partiti tutti gli equivoci. Come Putin e come tutti i russi dei film hollywoodiani, Igor doveva essere cattivo e freddo. Un cinico, un cyborg crudele. Si dai, insomma, un russo. Ve lo ricordate “ti spiezzo in due”? Un tipo così, ma nascosto a Bologna e dintorni con la fascia da Rambo attorno alla testa ed in grado di cibarsi di insetti e teste di serpente.

Ma c’è anche un secondo motivo per il quale Igor è sfuggito alle autorità italiane: i carabinieri che lo incrociarono, durante la fuga per il secondo omicidio, non erano nelle condizioni per sparare al ricercato senza rischiare. I militari dunque si limitarono a tenerlo d’occhio aspettando ulteriori rinforzi. Questo quanto emerge dall’annotazione di polizia giudiziaria firmata all’una della stessa notte dai tre militari. Non sono mai state chiarite alla stampa le motivazioni dettagliate di questo “livello di rischio”. E allora con una provocazione lanciamo la nostra ipotesi. Forse, in questo Paese, il diritto non si è sviluppato per risolvere i problemi, ma eslcusivamente per l’autotutela. In Spagna Igor ha venduto cara la cattura, uccidendo 3 uomini.

Ora in Emilia Romagna possono stare tranquilli, ma dovremo avere ancora un forte timore: che la Spagna conceda l’estradizione a Cialtronia.

 

Massimo Bordin

Fonte: http://micidial.it/

Link: http://micidial.it/2017/12/igor-catturato-dagli-spagnoli-ne-vantano-gli-italiani/

15.12.2017

Pubblicato da Davide

36 Commenti

  1. uomoselvatico70 uomoselvatico7

    il punto è che la fedina penale di Igor era già tutto un programma BEN PRIMA che arrivasse ad uccidere tutti i poveri cristi che ha poi potuto ammazzare indisturbato:

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/igor-russo-arrestato-spagna-conflitto-fuoco-1474463.html

    Ma che schifo di paese è un paese dove un rapinatore violento recidivo e pluri pregiudicato, viene lasciato libero dopo una manciata di anni in totale spregio sia del comune senso della giustizia, che del dolore delle vittime?

    Anche in questo caso come in parecchi altri le vittime sia italiane che spagnole sono state uccise più dalle leggi di uno stato vergognoso ( l’Italia..) che da “Igor russo”

    Perché se non lo sapete in Italia non bastavano gli indulti, gli sconti, le amnistie, la legge gozzini, la sospensione condizionale della pena, l’affido in prova ai servizi sociali, ecc ecc ecc……No. Abbiamo pure quell’altra prelibatezza giuridica chiamata:
    “continuazione del reato” fatta su misura di delinquente, e pensata per far ridurre i costi dei processi e dei detenuti..

    In pratica uno commette 500 rapine e lo beccano?
    No problem! Lo condannano per una soltanto, e solitamente al minimo della pena prevista cosi da assicurare la libertà al criminale nel nel più breve tempo possibile, e ridurre i costi della detenzione e dei processi….

    E le altre 499 rapine? E le centinaia di vittime e dei loro parenti che il criminali ha fatto soffrire?

    VADANO A FARSI FOTTERE QUESTO DICE LO STATO ITALIANO perché c’è la “continuazione del reato”….capito?
    Sono si 500 rapine, ma per lo stato italiano fanno tutte parte di uno stesso ed unico reato.

    In pratica si viene condannati per una sola delle 500 suddete rapine…. non sia mai,che il povero criminale debba farsi troppa galera.

    Bello no?…

    Mica come nei paesi civili dove se picchi un tizio, gli rubi la macchina, con quella vai a fare una rapina, la polizia ti insegue ,fai in conflitto a fuoco, e poi ti arrestano non esci mai più di galera……..Ma proprio MAI PIÙ’…. Perchè ti becchi 40-50 anni come ridere e te li fai tutti fino all’ultimo, SEMPRE..

    Perché ti danno 4 anni per furto d’auto + 6 anni per aggressione + 15 anni per rapina a mano armata + 6-7 anni per porto d’armi abusivo + 20-25 anni per lo scontro a fuoco con la polizia, sempre che ovviamente la polizia non ti fa più buchi di uno scolapasta.

    Nei paesi civili non ci sono rapinatori seriali e assassini plurirecidivi a piede libero con decine di precedenti e centinaia di crimini impuniti sul gobbo, come da noi…

    Perché se fai 3/4 rapine quando ti beccano ti seppelliscono in carcere,letteralmente.
    Per sempre.
    E questo solo quando ti va molto bene, quando non fai resistenza altrimenti ti becchi un decina di pallottole in fase di arresto e amen.

    Fossi nei panni della Spagna chiederei conto al governo italiano delle 3 vittime spagnole per concorso in omicidio.
    Perchè “Igor il russo” è solo UNO dei reponsabili.
    Gli altri sappiano tutti chi sono.

    • L’Italia è responsabile delle 3 vittime in Spagna, senza se e senza ma.
      quando metteremo fine a questi atti criminali dei nostri sgovernanti…
      perché lasciare liberi i criminali, anche dopo vari crimini o atti vandalici commessi

      è un po’ criminale anche chi fa le leggi… chi le applica e chi non sorveglia, e chi gli dà man forte, avvocati compresi.
      averre pietà e umanità è una cosa, un’altra è fregarsene del vivere civile tra persone civili. pena di morte per i giudici corrotti, per i politici ladri e corrotti e giornalai falsi collusi. t l ps. avercene di uominiselvatici, ciao

    • E’ uno dei problemi che si creano quando per anni ed anni in parlamento siedono delinquenti abituali, nel loro lavorio per tenere fuori dal carcere i correi hanno creato questo sistema.

  2. Difficile l’estradizione, dopo tre morti su quel territorio…ma non è questo il punto. Anche la gestione della cattura in Italia può essere criticabile, ma, così a occhio, non sembra che anche gli Spagnoli abbiano brillato per efficienza nelle operazioni. L’aspetto più importante però di vicende come questa, è ormai senza dubbio la loro gestione a livello mediatico, con un apparato Tv, stampa, e quant’altro possibile, che, una volta individuato un bersaglio, spara a vanvera senza preoccuparsi nemmeno più di non contraddire se stesso. Accade ormai con tutti i fatti di cronaca che il sistema decide di seguire: è talmente forte la smania di sfruttare le vicende per convincere la gente riguardo a questioni meno evidenti (tipo efficienza della giustizia e delle forze dell’ordine, governo rapido e decisionista ecc..), che non è importante se vengono rese pubbliche ricostruzioni che non reggono ad un minimo di riesame logico. Almeno i vecchi regimi, nel dubbio, le notizie non le davano proprio.
    C’era un tizio, un tale avvocato Canzona, il cui nome avrebbe già dovuto mettere in guardia tutti, che fino a qualche tempo fa imperversava sui giornali e persino in tv. Pare che fosse considerato l’inventore delle notizie bufala, che in effetti si peritava di riversare con accuratezza a tutti i giornali e le tv in crisi di astinenza da notizie. Nella maggior parte dei casi questo signore spacciava notizie assurde e senza senso, tipo suore multate perché andavano a 180 allora dal Papa, oppure gatti eredi di fortune milionarie, e cose del genere. Non è nemmeno detto che questo tizio non sia stato una specie di troll, un mestierante pagato per riempire i giornali di notizie tali, invece che, come si potrebbe pensare, un soggetto un po’ esibizionista e mentalmente instabile. Ma che stampa è (e che potere è) quella che ha bisogno di riempire i propri spazi di materiale del genere?

  3. Bisognerebbe farlo leggere alla Boldrina, questo lucido e conciso pezzo.
    Ma dubito che ella, la Boldra, sia in grado o in voglia di recepire…

  4. Sarebbe interessante sapere come abbia potuto arrivare in Spagna, attraversando si presume la Francia, procurarsi le armi, il denaro necessario, vestiti e tutto il resto. Senza amicizie importanti non è assolutamente possibile ma , se le aveva a quel livello, perchè ha commesso piccoli furti per sopravvivere in Romagna ? Troppi misteri e troppe incongruenze da credere tutte insieme. Comunque bella notizia perchè capita a fagiolo per oscurare i terribili sviluppi della vicenda di 16 anni addietro, la morte di Serena Mollicone, sembrerebbe che gli assassini facciano parte delle “forze dell’ordine”.

    • beh abile era abile, soprattutto nel travestirsi, per quello che si è visto era un camaleonte. per il resto i 3 morti scagionano in parte i cauti e forse paurosi carabinieri.
      secondo me a parte alcuni punti dell’articolo, la vicenda è più plausibile di tante altre.

  5. Da gombloddista convinto dico: E’ stata un psy op. in italiano una operazione psicologica, portata avanti da quelle forze eredi di Gladio che esistono eccome se esistono.
    Lo scopo era il “dagli al Russo” e proprio in Romagna una volta gemellata con i Soviet….

    • il barista 70enne di budrio l’aveva quasi fregato, era stato solo disattento all’ultimo. se non mi sbaglio..se questi sono i livelli del complotto..comunque a pensar male non si sbaglia quadi mai

  6. Beh evidentemente “Igor” in Italia aveva legami coi servizi…

    • Pensi che sia una opinione peregrina? Non credo proprio! In italietta quando vedi una divisa devi chiederti: ma questo starà dalla parte dei cittadini, della legalità, della giustizia oppure un simpatizzante, sostenitore sodale di ”bella gentuccia istituzionale” troppo spesso indistinguibile da malavita organizzata, servizi contorti e deviati, delinquenti e condannati che contaminano sedi istituzionali in tutto il paese? Siamo un paesaccio ridicolo e gestito da incapaci per chi guarda da altra nazione ma intollerabilmente fetido e da bonificare con le armi valutando, riscontrando, constatando dal suo interno! La cosa è drammaticamente insostenibile e tempo non basti il voto per risolvere la faccenda!!

  7. Se l’AUDI S6 che sfrecciava in autostrada due anni fa (se ricordo bene) a velocita folle, avesse sconfinato in Spagna sono sicuro che con una SEAT li avrebbero presi. Qui invece con le ALFA venivano seminati. Comunque non se ne seppe più nulla come arrivarono dal nulla cosi sparirono nel nulla. Che FIGURACCIA DA GANDULA

    • forse su un audi s6 non ci sei mai salito, provala in concessionario e scopri che devi avere la nuova tesla per seminarla, l’inefficenza stava piuttosto nelle telecamere e posti di blocco

      • In poche parole lei ha preso il mio scritto x affermazioni vere, le faccio presente che le mie sono solo affermazioni paradossali, che una SEAT possa stare al passo di un AUDI R6 be allora siamo a posto. Il mio era solo il paradosso sulla cattura di Igor preso dai Spagnoli e noi x mesi abbiamo messo in campo migliaia di poliziotti e ce lo siamo fatto scappare

        • ahhahahh ho preso per vero che pensassi che ci fosse una qualunque macchina in dotazione alle forze di polizia in grado di stare dietro a quel tipo di macchina, non certo la seat cabrio.. in quanto a Igor direi che hanno pure fatto bene a fare impantanare i militari etc senno li pagavi per stare al caldo davanti al pc.. mesi è un altra esagerazione, nell uno e nell’altro caso è facile parlarne dietro la tastiera. tutto sommato le vedo più positive di quello che sembrerebbero.. a parte il l”igor” e il “Russo” che sottolinea l’articolo.. forse non si considera quanto sia problematica l’italia in sè a livello dì criminalità.. facile dire in Austria o Germania son più bravi.. se vai a vedere la nostra criminalità esportata là non riescono minimamente a debellarla, infatti camorra, ndrangeta dalla spagna a Londra sono i gruppi più forti e meglio inseriti.. studia meglio

        • Beh…c’è Seat e Seat. La Leon Cupra R ha 300 CV. A quel punto conta molto di più il “manico” del pilota.

  8. uaahhaaahhh bella questa!

  9. Nulla da eccepire.
    Aggiungo soltanto che, come al solito, dopo aver fatto la figura da peracottari cercando per mesi in un posto dal quale Igor si era allontanato da un pezzo, adesso Minniti, i Carabinieri e tutta la compagnia di giro si fanno belli per una cattura – a carissimo prezzo – il cui merito è ESCLUSIVAMENTE della Guardia Civil e delle Autorità Spagnole. Estradizione? PER L’AMOR DEL CIELO! Con la Magistratura Miserabile che ci ritroviamo il buon Igor sarebbe nuovamente in circolazione nel giro di pochissimi anni: per la Nostra Sicurezza è molto meglio che Igor rimanga in Spagna.
    E poi:
    “c’è anche un secondo motivo per il quale Igor è sfuggito alle autorità italiane: i carabinieri che lo incrociarono, durante la fuga per il secondo omicidio, non erano nelle condizioni per sparare al ricercato senza rischiare. I militari dunque si limitarono a tenerlo d’occhio aspettando ulteriori rinforzi”.
    Anche la Guardia Civil non era evidentemente “nelle condizioni per sparare al ricercato senza rischiare”; infatti sono morti due militari. Le cui famiglie possono ringraziare sentitamente l’Arma dei Carabinieri per NON aver fatto il proprio dovere e che adesso, senza vergogna alcuna, si fa bella col sedere – ma soprattutto col SANGUE – degli altri. Del Sette, se avesse un briciolo di Dignità, dovrebbe andare a nascondersi sotto terra: ma costui non sa manco il significato della parola “Dignità”.

    Igor deve rimanere in Spagna: è GIUSTO che resti in Spagna. E oltretutto è meglio così anche dal punto di vista della nostra Sicurezza.

    • Cit: “Del Sette, se avesse un briciolo di Dignità, dovrebbe andare a
      nascondersi sotto terra: ma costui non sa manco il significato della
      parola “Dignità”.”
      Se il sunnominato avesse dignità, non occuperebbe abusivamente la poltrona come invece sta facendo!

  10. La polizia italiana aveva informato quella Spagnola che l’uomo poteva essere a Malaga a spacciare droga. Invece era in una zona scarsamente popolata a Teruel,da tutt’altra parte. Ha ferito due persone(proprietario e fabbro) che erano andate per forzare la serratura di un casolare dove si nascondeva,senza sapere se c’era qualcuno. Successivamente due Guardia Civil con un contadino esperto delle zone sono andati a cercarlo,spensando fosse uno di una banda che aveva fatto rapine nella zona. Gli ha sparato senza dargli tempo euccisi,nonostante i poliziotti indossassero il giubbotto. Poi è fuggito su un pick up verde con la divisa di uno di loro e le armi. Lo hanno trovato molto distante che dormiva a 200 metri dalla vettura,con la quale aveva fatto un incidente. Non si sapeva se dormiva perchè aveva sonno o per i postumi dell’incidente. Un arresto quasi casuale.

  11. Anche se esistono leggi che permettono questo, vedo che ci sono giudici che le applicano e giudici, che usando il buon senso non le applicano.

  12. uma domanda ma l’esercito e tutto il circo erano ancora alla ricerca in quelle zone ?

  13. Giusto per la cronaca, anche gli spagnoli lo chiamano Igor el Ruso:
    Así fueron las ocho horas de huida de Igor el Ruso
    http://www.heraldo.es/noticias/aragon/2017/12/16/asi-fueron-las-ocho-horas-huida-igor-ruso-1214174-300.html
    Insomma, niente da fare, bisogna dargli una nuova nazionalità.

  14. Cosa dovrebbe dire un ministro degli esteri nella repubblica delle banane!?!? Esattamente quello che ha detto! Io vivo a Bologna periferia est a pochi chilometri dall’accaduto, non mi sto a soffermare sul dispiegamento di forze messe in campo per catturare Igor…sembrava di stare in un paese del Sud America martoriato dalla guerra civile per intenderci…e tutto per scoprire che le occasioni di catturare il fuggitivo c’erano state ma per via della pericolosità non si era agito in tal senso….roba da film comico! Per circa un mese e mezzo hanno tenuto una zona vasta della pianura padana completamente militarizzata cercando un pregiudicato che probabilmente era fuggito da li parecchio tempo prima! Poi l’epilogo spagnolo…nell’immensa figuraccia cha abbiamo fatto non catturando Igor nel nostro territorio, aggiungiamo un maldestro tentativo da parte della politica di prendersi un parziale merito nell’averlo fatto in terra altrui…siamo proprio una barzelletta di paese!

  15. Igor si chiama Igor? No.

    E’ russo? No

    E’ un militare? No

    Si nascondeva in Romagna? No

    Eh, ma allora han preso la persona sbagliata!!!

  16. E così ci hanno apparecchiato in tavola il tormentone natalizio.

    Contenti?

    Chissà come ricambieremo?

  17. N.B.: ANIS AMRI fatto secco fuori la stazione di Sesto San Giovanni nulla interposita mora!
    IGOR, invece, controllato a distanza per strane motivazioni prive di fondamento e validità! Uno spiegamento di forze strano e sospetto per la necessità! Gli sparavano in testa et voilà, sceneggiata conclusa! Invece hanno militarizzato il territorio, Salento more, e perchè? Di certo sapevano benissimo che il mascalzone era già uccel di bosco (su di un autobus di ”pellegrini”?). Quindi? Ergo? In ultima analisi? Cosa nascondevano, proteggevano, occultavano, deviavano, depistavano? A pensar male si commette peccato (ma io sono fiero di essere un peccatore impenitente) ma si indovina quasi sempre!!! State tranquilli che, prima o poi, verrà fuori la solita maialatamascolzonata italiota!!!!!

    • mi pare che anche alla germania un attentatore terroristico sfuggi per venir ucciso da un occasionale incontro con un poliziotto italiano in lombardia…
      credo che tra straordinari e primi le molte forze dell’ordine impegnate nella cattura di Norberto alias Igor coprano ampiamente le temute insicurezze di tre impiegati in divisa che non hanno proceduto all’arresto una volta individuato e l’hanno pure perso di vista. chi deve dimettersi non sono i tre cc che l’hanno visto non catturato e non seguito fino all’arrivo dei famosi rinforzi, ma chi ha selezionato le forze dell’ordine, chi li ha preparati, chi li ha diretti e chi ha dato loro direttive esecutive degne di una burocrazia ministeriale e fiscale piuttosto che di un efficiente corpo addestrato. con la tecnologia che ci spia i conti in banca ci segue col cellulare in ogni negozio dove andiamo e siamo stati, basterebbero un pò di punti di sorveglianza sparsi collegati per radio a squadre di assalto specializzate, senza tanti inseguimenti sgommanti a sirene spiegate ecc. comunque io che non arrivo a fine mese non saprei come fuggire senza lasciare tracce senza soldi ecc. figuriamoci andare in un paese straniero con un’altra lingua cibo costumi ecc. questo ha addirittura trovato lavoro in spagna come spacciatore ! è chiaro che dietro di lui qualcuno doveva esserci, qualcuno vuol dire qualcuno che dal suo comportamento ci ha guadagnato. il fornitore di droga prima gli utenti poi. tutti gli speculatori per i propri interessi sindacali o politici ancora. i giornali come avvoltoi e sciacalli pure. tutti questi sulle spalle dei morti e della famiglie delle vittime spagnole e italiane.ma chi di noi non conosce u parente o un amico o un collega che hanno un parente un amico o un collega che conosce uno che ha vinto il concorso nei cc? o nei vv.uu.? o nell’esercito? e sa in cuor suo che quello prima di vincere il concorso non avrebbe saputo fare nulla, è grasso quasi obeso, è psicologicamente poco affidabile per posti di responsabilità ecc.ecc. bene pensate a quelli che conoscete dentro i ministeri e uffici pubblici che hanno vinto il concorso. e allora d che vi lamentate? un Norberto ogni tanto è l minimo che ci può capitare, meglio comunque dei razzi palestinesi sulle città israeliane o dei borbandamenti notturni e diurni di israele sulla palestina o cisgiordania. il nostro è ancora un bel paese dobbiamo solo riprendere il controllo della società e isolare socialmente i soggetti che non contribuiscono al suo progresso. con il voto? pure. con l’ostracismo di chi anche solo proferisce frasi offensive del prossimo o dello stato e della legge? pure. comportandoci bene noi in prima persona? sopratutto. io sono amm.re di condomini e è vero tutto quello che si pensa degli amm.ri,ma voi avete pagato puntuale la rata? ecco se non hai pagato la rata di condominio sei come i cc. che hanno visto e non fermato e poi perso Noberto. ti sei rimesso al tempo e al grosso degli altri condòmini/stato nazioni ecc. hai ottenuto il tuo piccolo vantaggio, non hai pagato subito e hai goduto di acqua luce ecc.ecc. hai accampato scuse l’assemblea non mi tornano i conti per 30 euro e 2 centesimi e quindi non ti pago 1000 euro di arretrati fin tanto che ecc.ecc. esattamente come tutti quelli che avrebbero dovuto fare e non hanno fatto, che avrebbero potuto fare meglio e non hanno fatto.

  18. E’ ovvio che questa e’ roba da servizi, non si sa quanto deviati ma certo uno che ammazza cosi’ e’ uno che pensa di avere le spalle ben coperte, ricorda tanto la storia della uno bianca…chissa’ chi e’ realmente questo Igor e quale fosse realmente il suo compito in italia…tutta roba gia vista, gladio, strategie della tensione ecc…ecc…..poveri noi, il passato non ci insegna proprio nulla…