IBM era collusa con Hitler, ora fa i passaporti vaccinali

 

Dr. Joseph Mercola – 9 settembre 2021

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato l’8 aprile 2021, ed è stato aggiornato con nuove informazioni.

 

In un’intervista con Steve Hilton di Fox News, il 28 marzo scorso, l’ex consigliere di Clinton e autrice Naomi Wolf ha avvertito che i passaporti obbligatori Covid-19 segneranno la “fine della libertà umana in Occidente” (1), (2):

“Passaporto vaccinale suona come una bella cosa, se non si capisce cosa possono fare quelle piattaforme”, ha detto. “Sono [il] CEO di una società tecnologica e lo capisco. Non si tratta del vaccino, non si tratta del virus, si tratta dei vostri dati.

Una volta che questo si diffonde, non si può scegliere se far parte del sistema o no. Quello che la gente deve capire è che è possibile caricare qualsiasi altra funzionalità su quella piattaforma, senza alcun problema. Può essere fusa con il tuo account Paypal, con il tuo denaro digitale.

Microsoft sta già parlando di fonderla con i piani di pagamento. La tua rete può essere risucchiata. Ti geolocalizza ovunque tu vada. La tua storia di credito può essere inclusa. Tutta la tua storia medica e sanitaria può essere inclusa.

Questo è già successo in Israele, e sei mesi dopo, gli attivisti di laggiù ci stanno dicendo che è diventata una società a due livelli e che, in pratica, loro sono ostracizzati e sorvegliati continuamente. È la fine della società civile, e stanno cercando di diffonderla in tutto il mondo.

È assolutamente molto più di un pass vaccinale … Non posso sottolineare abbastanza che ha il potere di spegnere o di accendere la tua vita, per permetterti di impegnarti nella società o essere emarginato”.

 

La storia dimenticata di IBM

Wolf sottolinea anche l’orribile storia di IBM (3) il cui Digital Health Pass legherà i nostri ID biometrici ai nostri dati sanitari attraverso la sua app per smartphone. Questo “pass per la salute” ci garantirà o ci negherà l’accesso a spazi pubblici ed eventi, in base al nostro stato di vaccinazione.

Questa è essenzialmente la versione moderna del sistema a schede perforate – il precursore dell’inserimento digitale sui computer – che IBM ha sviluppato per il regime nazista, che permise di creare un censimento degli ebrei e di altri indesiderabili, che potevano poi essere identificati, tracciati e ordinati in gruppi destinati all’incarcerazione o allo sterminio.

Senza mezzi termini, la tecnologia IBM facilitò il genocidio della popolazione ebraica da parte del Terzo Reich, e la leadership IBM aiutò e favorì il regno del terrore nazista con piena consapevolezza di ciò che stava facendo.

Mentre è difficile capire come ad un’azienda che giocava un ruolo così integrante nel genocidio sia stato permesso di sopravvivere dopo la fine della guerra, è ancora più difficile capire perché le sia stato affidato la creazione dello stesso tipo di sistema decenni dopo.

Non c’è bisogno di un cappello di carta stagnola per chiedersi se IBM potrebbe essere stata scelta di proposito per il compito di creare un sistema di “tessera sanitaria”, per la semplice ragione che lo scopo del sistema stesso è quasi identico a quello utilizzato nella Germania nazista. IBM ha anche una relazione con la CIA (4) che ha una storia di abusi di controllo mentale e programmi di assassinio (5).

 

IBM ha giocato un ruolo strategico nell’Olocausto

La collusione di IBM con il Terzo Reich non è un segreto, e IBM non ha mai negato nemmeno i dettagli più incriminanti del suo coinvolgimento nell’olocausto. Nel 2001, Edwin Black, uno storico e autore investigativo, ha pubblicato il libro “IBM and the Holocaust” (IBM e l’Olocausto) (6), in cui ha descritto in dettaglio il ruolo centrale dell’azienda in questa tragedia criminale.

Il libro si basava sulla documentazione ottenuta dagli archivi di sette paesi diversi. Nel 2012, Black ha ottenuto un’altra cassa di corrispondenza che ha rivelato come IBM fosse a conoscenza di ciò che accadeva nei campi di concentramento nazisti. In un articolo del febbraio 2012 su HuffPost, Black ha scritto (7):

“I documenti recentemente rilasciati espongono più esplicitamente i dettagli del ruolo centrale di IBM nell’Olocausto – tutte e sei le fasi: identificazione, espulsione dalla società, confisca, ghettizzazione, deportazione e anche sterminio.

Inoltre, i documenti espongono con chiarezza cristallina il coinvolgimento personale e la microgestione del presidente IBM Thomas J. Watson nella co-pianificazione e co-organizzazione della campagna di Hitler per distruggere gli ebrei …”

Il fatto che Watson ricevesse una commissione dell’1% su tutti i profitti ottenuti dagli affari dell’azienda con i nazisti può aiutare a spiegare la sua smania di assumere un ruolo così attivo in questo macabro affare. Black continua:

“La nuova ‘edizione ampliata’ [di ‘IBM e l’Olocausto’] contiene 32 pagine di corrispondenza interna IBM mai pubblicata prima, memo del Dipartimento di Stato e del Dipartimento di Giustizia, e documenti dei campi di concentramento che riportano graficamente le operazioni di IBM e ciò che sapevano durante i 12 anni del regime di Hitler …

Tra i documenti appena pubblicati e i materiali d’archivio ci sono: la corrispondenza segreta del 1941 che istituisce la filiale olandese di IBM per lavorare in tandem con i nazisti, l’approvazione personale del presidente della società Thomas Watson per il rilascio, nel 1939, di speciali macchine alfabetizzatrici IBM per aiutare ad organizzare … la deportazione degli ebrei polacchi, così come i codici IBM dei campi di concentramento, compreso il codice IBM per la morte per camera a gas.

Tra le foto appena pubblicate delle schede perforate c’è quella sviluppata per lo statistico che riferiva direttamente a Himmler e Eichmann”.

 

IBM colpevole di genocidio

Come spiegato da Black, il censimento della popolazione e l’identificazione degli ebrei furono gestiti direttamente da IBM, prima nella sua sede centrale di New York, e poi attraverso filiali in Germania, Polonia, Olanda, Francia, Svizzera e altri paesi europei. La sede centrale di IBM dirigeva anche le attività di una filiale olandese incaricata di identificare e liquidare gli ebrei in Olanda.

“Particolarmente potenti sono le copie appena rilasciate dei codici dei campi di concentramento IBM”, scrive Black (8). “IBM ha mantenuto un sito cliente … praticamente in ogni campo di concentramento per smistare o elaborare schede perforate e tracciare i prigionieri. I codici mostrano la designazione numerica di IBM per i vari campi …

Vari tipi di prigionieri erano ridotti a numeri IBM, con il 3 che significava omosessuale, il 9 per antisociale e il 12 per zingaro. Il numero IBM 8 designava un ebreo. Anche la morte dei detenuti era ridotta a una cifra IBM: 3 rappresentava la morte per cause naturali, 4 per esecuzione, 5 per suicidio, e il codice 6 designava il “trattamento speciale” nelle camere a gas.

Gli ingegneri IBM dovettero creare codici Hollerith per differenziare un ebreo che era stato fatto lavorare a morte da uno che era stato gassato, poi stampare le schede, configurare le macchine, addestrare il personale, e mantenere continuativamente i fragili sistemi ogni due settimane, sul posto, nei campi di concentramento”.

Un memorandum particolarmente degno di nota venne dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che nel dopoguerra lanciò un’indagine federale sui rapporti di IBM con il regime di Hitler. Il memorandum, scritto da Howard J. Carter, l’investigatore capo della Sezione di Guerra Economica, ai suoi superiori, recitava:

“Quello che Hitler ci ha fatto con la sua guerra economica, lo ha fatto anche una delle nostre stesse società americane… Quindi IBM è complice dei nazisti … L’intera cittadinanza mondiale è ostacolata da un mostro internazionale”.

 

Black aggiunge (9):

“È importante ricordare che Thomas Watson e il suo colosso aziendale erano colpevoli di genocidio. Il trattato sul genocidio, articolo 2, definisce il genocidio come ‘atti commessi con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso’.

Nell’articolo 3, il trattato afferma che tra gli “atti [che] saranno punibili”, ci sono quelli della sottosezione (e), cioè la “complicità nel genocidio”.

Per quanto riguarda chi deve essere punito, il trattato specifica gli autori nell’articolo 4: “Le persone che commettono genocidio o qualsiasi altro atto elencato nell’articolo 3 sono punite, che si tratti sia di governanti costituzionalmente responsabili, funzionari pubblici o privati”. International Business Machines, e il suo presidente Thomas J. Watson, hanno commesso un genocidio secondo qualsiasi standard”.

 

L’informazione organizzata massicciamente come mezzo di controllo sociale

Come notato nell’introduzione di Black al suo libro, “IBM and the Holocaust: The Strategic Alliance between Nazi Germany and America’s Most Powerful Corporation” (10), al tempo dell’ascesa al potere di Hitler, il mondo non era consapevole che “l’informazione organizzata in modo massiccio” era “arrivata a diventare un mezzo di controllo sociale, un’arma di guerra e una tabella di marcia per la distruzione di gruppo”.

Oggi, non possiamo essere accusati di non capire che la raccolta massiccia di dati può essere e viene utilizzata per manipolare le società in tutto il mondo.

Pertanto, sarebbe follemente ingenuo pensare che i certificati vaccinali digitali, legati ai nostri ID biometrici, alle banche, alle storie di credito e ai dati sanitari non finirebbero per essere usati come uno strumento di controllo sociale e un’arma per la distruzione di gruppo.

Come sottolinea Black, se non fosse stato per IBM e la sua tecnologia informatica, Hitler, come altri tiranni prima di lui, non avrebbe avuto altrettanto successo nel suo piano per eradicare gli ebrei. Hitler ricevette anche un aiuto da altre parti inaspettate:

“Nel mondo alla rovescia dell’Olocausto, professionisti dignitosi erano le truppe d’avanguardia di Hitler. I funzionari di polizia trascuravano il loro dovere in favore della protezione dei cattivi e della persecuzione delle vittime.

Gli avvocati pervertirono i concetti di giustizia per creare leggi antiebraiche. I medici profanarono l’arte della medicina per perpetrare orribili esperimenti e persino scegliere chi era abbastanza sano da lavorare fino alla morte – e chi poteva essere mandato nella camera a gas in modo economicamente vantaggioso”, scrive Black (11).

“Scienziati e ingegneri svilirono la loro vocazione superiore per escogitare gli strumenti e le ragioni della distruzione. E gli statistici usarono la loro poco conosciuta ma potente disciplina per identificare le vittime, proiettare e razionalizzare i benefici della loro distruzione, organizzare la loro persecuzione, e persino verificare l’efficienza del genocidio”.

 

Permetterai che ti trasformino in un mostro?

Il filosofo e statista irlandese del diciottesimo secolo Edmund Burke una volta disse: “L’unica cosa necessaria per il trionfo del male è che gli uomini buoni non facciano nulla” (12). In altre parole, le persone buone devono raccogliere i loro mezzi e rifiutarsi di seguire istruzioni che sospettano essere dannose o che sanno che porteranno a fini malvagi.

Sfortunatamente, come dimostrato nell’esperimento Milgram del 1962, descritto in un blog su internet intitolato “Will You Obey the Criminal Authoritarians?” la maggior parte delle persone semplicemente esegue gli ordini quando vengono dati da un’autorità percepita. “Stavo solo seguendo gli ordini” è stata infatti la scusa tipica durante i processi di Norimberga che seguirono la fine della seconda guerra mondiale.

Quella scusa non sarà sufficiente questa volta, quindi quasi tutti, a questo punto, hanno probabilmente bisogno di impegnarsi in qualche riflessione intima preventiva per orientare la propria bussola etica in preparazione di ciò che potrebbe venire dopo.

Non ho dubbi che i mesi e gli anni a venire metteranno alla prova la vostra etica e umanità, e avere un quadro chiaro della storia recente – come il più grande genocidio della storia moderna sia stato effettivamente attuato e portato avanti usando la tecnologia informatica – può essere una guida preziosa che può aiutarvi a evitare gravi errori di giudizio.

 

Il ruolo centrale dell’informatica nell’olocausto

Nell’introduzione del suo libro, Black riassume il ruolo chiave dell’informatica IBM nell’olocausto (13):

“Quando Hitler salì al potere, un obiettivo centrale dei nazisti era quello di identificare e distruggere i 600.000 ebrei della Germania. Per i nazisti, gli ebrei non erano solo quelli che praticavano il giudaismo, ma quelli di sangue ebraico, indipendentemente dalla loro assimilazione, dai matrimoni misti, dalla pratica religiosa o anche dalla conversione al cristianesimo.

Solo dopo che gli ebrei erano stati identificati potevano essere presi di mira per la confisca dei beni, la ghettizzazione, la deportazione e infine lo sterminio. Cercare tra generazioni di registri comunali, ecclesiastici e governativi in tutta la Germania – e più tardi in tutta Europa – era un compito di indicizzazione incrociata così monumentale da richiedere un computer. Ma nella Germania del 1933 non esisteva alcun computer.

Quando il Reich dovette organizzare una campagna sistematica di privazione economica degli ebrei, e più tardi iniziò il massiccio spostamento degli ebrei europei dalle loro case ai ghetti, ancora una volta, il compito era così immane che richiedeva un computer. Ma nella Germania del 1933 non esisteva alcun computer.

Quando la Soluzione Finale cercò di trasportare in modo efficiente gli ebrei fuori dai ghetti europei lungo le linee ferroviarie e nei campi di sterminio, con tempi così precisi che le vittime erano in grado di camminare fuori dal vagone e dentro una camera a gas in attesa, il coordinamento era un compito così complesso che anche questo richiedeva un computer. Ma nella Germania del 1933 non esisteva alcun computer.

Tuttavia, un’altra invenzione esisteva: la scheda perforata IBM e il sistema di smistamento delle schede – un precursore del computer. IBM, principalmente attraverso la sua filiale tedesca, fece del programma hitleriano di distruzione degli ebrei una missione tecnologica che l’azienda perseguì con un successo agghiacciante.

IBM Germania, utilizzando il proprio personale e le proprie attrezzature, progettò, eseguì e fornì l’indispensabile assistenza tecnologica di cui il Terzo Reich di Hitler aveva bisogno per realizzare ciò che non era mai stato fatto prima – l’automazione della distruzione umana …

Ero ossessionato da una domanda la cui risposta è sfuggita a lungo agli storici. I tedeschi avevano sempre gli elenchi dei nomi degli ebrei. Improvvisamente, uno squadrone di SS dal volto torvo irrompeva in una piazza della città e affiggeva un avviso che richiedeva a coloro che erano elencati di riunirsi il giorno dopo alla stazione ferroviaria per essere deportati all’Est. Ma come facevano i nazisti ad avere gli elenchi? Per decenni, nessuno lo ha saputo. Pochi hanno chiesto.

La risposta: le operazioni di censimento di IBM Germania e simili tecnologie avanzate di conteggio e registrazione delle persone. IBM fu fondata nel 1898 dall’inventore tedesco Herman Hollerith come società di tabulazione dei censimenti. Il censimento era la sua specialità. Ma quando IBM Germania formò la sua alleanza filosofica e tecnologica con la Germania nazista, il censimento e la registrazione assunsero una nuova dimensione.

IBM Germania inventò il censimento razziale – elencando non solo l’affiliazione religiosa, ma la linea di sangue che andava indietro di generazioni. Questa era la passione nazista per i dati. Non solo per contare gli ebrei, ma per identificarli.

La registrazione delle persone e dei beni era solo uno dei molti usi che la Germania nazista trovò per i selezionatori di dati ad alta velocità. L’allocazione del cibo era organizzata intorno ai database, permettendo alla Germania di affamare gli ebrei.

La manodopera in schiavitù era identificata, tracciata e gestita in gran parte attraverso schede perforate. Le schede perforate facevano persino funzionare i treni in orario e catalogavano il loro carico umano. Le ferrovie tedesche … trattavano direttamente con l’alta dirigenza a Berlino. Dehomag manteneva impianti a schede perforate nei depositi dei treni in tutta la Germania e, alla fine, in tutta Europa”.

Usando semplicemente 2.000 tabulatori automatici pre-computer, il Terzo Reich era in grado di identificare, ordinare, tracciare e catturare in modo efficiente gli ebrei di ogni tipo in diversi paesi. Ora andiamo avanti veloce fino ad oggi, dove virtualmente ad ogni persona sul pianeta sono stati trafugati i dati personali, ora per ora, giorno per giorno, anno per anno.

Decenni di dati sono catalogati e incrociati in modi che probabilmente non possiamo nemmeno immaginare. Secondo voi, quanto sarebbe efficiente un olocausto moderno da parte di aspiranti dittatori, usando le tecnologie di oggi? Vi lascio a rifletterci.

 

IG Farben, un altro sostenitore del genocidio

Finora, nessuna azienda di Big Tech ha giurato di vietare che le sue tecnologie siano usate in un tentativo di ripetere l’Olocausto, e questo include IBM, che ha giocato un ruolo centrale in esso.

In un articolo del Village Voice del 2002 (14), Black ha affrontato questa lacuna, sottolineando che mentre IBM ha rifiutato di discutere il suo ruolo nel regime di Hitler, altre aziende, come il conglomerato mediatico tedesco Bertelsmann e Ford Motor hanno almeno avuto il coraggio di correggere le loro storie aziendali, ammettendo di (e scusandosi per) aver sponsorizzato Hitler.

Mentre la tecnologia ha giocato un ruolo determinante nell’Olocausto, anche i leader dell’industria chimica e farmaceutica lavoravano con Hitler. Uno dei più importanti era l’azienda chimica e farmaceutica tedesca IG Farben, che aveva un complesso di fabbriche vicino a Monowitz (il campo di lavoro per schiavi ad Auschwitz) e che in realtà ospitava le strutture dell’IBM.

La IG Farben usava gli schiavi del campo di Monowitz e la tecnologia IBM per tenerne traccia. “I sistemi di Monowitz erano personalizzati per la codifica specifica di cui la Farben aveva bisogno per elaborare i dati delle migliaia di lavoratori schiavi che lavoravano e morivano lì”, spiega Black (15). L’archivista di Auschwitz Piotr Setkiewicz ha inoltre detto a Black (16):

“L’ufficio Hollerith della IG Farben a Monowitz usava le macchine IBM come sistema di informatizzazione delle risorse di lavoro civile e di schiavi. Questo dava alla Farben la possibilità di identificare persone con certe abilità, principalmente abilità necessarie per la costruzione di certi edifici a Monowitz”.

Naturalmente, la IG Farben era anche nel business dei prodotti farmaceutici, e i prigionieri di Auschwitz furono usati per orribili esperimenti medici nella struttura della compagnia (17).

Seppure i dirigenti della IG Farben furono processati dopo la guerra, le loro sentenze furono leggere. Solo per fare un esempio, Fritz Ter Meer, un dirigente di alto livello accusato di schiavitù e omicidio medico di massa, scontò soltanto tre dei sette anni della sua condanna, e dopo il rilascio divenne presidente del comitato consultivo della Bayer.

Alcuni hanno ipotizzato (18) che la ragione per cui se la sono cavata così a buon mercato sia stata la loro connessione con altre figure potenti, come John Rockefeller, fondatore della Standard Oil e una delle menti dietro la creazione di Big Pharma (19). In realtà esisteva una società Standard Oil IG Farben e, senza i combustibili fossili della Standard Oil, la IG Farben non avrebbe potuto produrre fertilizzanti o combustibili sintetici. Come notato da Jon Rappoport (20):

“Si potrebbe dire che, dopo la guerra, l’emergente colosso farmaceutico globale era una reincarnazione del modello Farben: il profitto prima della sicurezza; la sperimentazione medica letale oltre ogni limite legale; l’uso di farmaci/vaccini come mezzo di controllo.”

 

IBM collabora con Moderna

IBM ha stretto una partnership con il produttore del vaccino Covid-19 Moderna e, insieme, stanno producendo tessere digitali del vaccino per tracciare gli individui vaccinati in tempo reale. Un programma pilota è già stato avviato nello stato di New York (21), (22), (23), (24).

Secondo un comunicato stampa (25), IBM e Moderna “esploreranno le tecnologie, tra cui l’intelligenza artificiale, la blockchain e il cloud ibrido” per “supportare una gestione più intelligente del vaccino Covid-19“. In breve, la partnership mira a facilitare la condivisione dei dati tra “governi, fornitori di assistenza sanitaria, organizzazioni di scienze biologiche e individui“, ma questi dati non sono limitati ai dati sanitari.

Come riportato da Raul Diego in un articolo di Mint Press News del 10 marzo 2021 (26) altre “applicazioni multiple blockchain ledger” che vengono sfruttate includono i servizi Blockchain Transparent Supply e Food Trust di IBM, che condivide l’approvvigionamento alimentare e i dati della catena di approvvigionamento, e il suo servizio di elaborazione dei pagamenti transfrontalieri Blockchain World Wire.

Considerando come tipi simili di dati (ma molto meno voluminosi) siano stati utilizzati per realizzare il genocidio di Hitler, abbiamo davvero bisogno di iniziare a pensare a come tutti questi dati raccolti e condivisi oggi potrebbero essere usati male. Anche se non se ne parla molto, anche la raccolta di dati genetici è una parte integrante di questo programma (27), (28) che apre ad ogni sorta di spiacevole possibilità.

 

IBM è una presenza potente anche nelle forze dell’ordine

 

Al momento, in Israele, l’obbligo dei certificati vaccinali ha portato alla creazione di una società a due livelli in cui gli individui non vaccinati sono ostracizzati e non possono entrare in certi luoghi pubblici come bar, ristoranti, alberghi ed esercizi pubblici.

Sebbene in questo momento, negli Stati Uniti, i passaporti vaccinali sono volontari a livello federale, diverse contee e stati hanno già lanciato i propri a livello regionale, o li stanno prendendo in considerazione. IBM sta anche guardando al suo passaporto sanitario come ad un modello per quello che prevede sarà obbligatorio in futuro.

Secondo il leader del mercato pubblico e federale di IBM, Steve LaFleche, i pass cesseranno di essere volontari “una volta che le linee guida e i regolamenti del governo costringeranno il settore privato a imporre la loro attuazione” (29). Come notato da Diego (30):

“Convenientemente, la forte presenza di IBM nel settore delle forze dell’ordine, come uno dei più grandi fornitori di tecnologie di profilazione digitale e di sistemi di polizia IA nel mondo, potrebbe anche aiutare a superare qualsiasi ostacolo che Moderna potrebbe affrontare tra le persone riluttanti al vaccino”.

Quando si guarda al quadro generale, IBM è il migliore e il peggiore candidato per il lavoro di creare passaporti vaccinali. Nel suo passato c’è un pregresso di abilitazione al genocidio abusando dei dati dei censimenti (che erano la sua attività originale) e creando tecnologie per identificare, tracciare e catturare individui in base a parametri specifici come la discendenza e l’affiliazione religiosa.

Hanno anche usato la loro tecnologia per identificare le aree di produzione alimentare di cui vivevano gli ebrei per farli morire di fame, e ora stanno progettando di sfruttare i loro servizi Blockchain Transparent Supply e Food Trust che condividono l’approvvigionamento alimentare e i dati della catena di approvvigionamento, e il suo servizio di elaborazione dei pagamenti transfrontalieri Blockchain World Wire. Come potrebbe essere usato male tutto questo?

Solo attraverso l’esposizione e l’esame di ciò che è realmente accaduto, il mondo della tecnologia può finalmente adottare il ben noto motto: “Mai più.” ~ Edwin Black

Per avere un’idea, basta guardare i servizi che IBM ha reso alla Germania nazista. Quando si disseziona la storia dell’IBM e la si paragona al suo ruolo attuale nella pandemia Covid-19, è virtualmente impossibile non giungere alla conclusione che sono perfettamente attrezzati per portare avanti una perfetta ripetizione dell’Olocausto, ma su una scala inimmaginabile e con un’efficienza ineguagliabile.

L’unica differenza è che non aiuterebbero a dar la caccia ad un profilo nazionale, religioso o razziale specifico. Per cominciare, daranno la caccia ai dissidenti dei vaccini. Dopo di che, non si sa quale possa essere il gruppo target. Ma qualsiasi cosa sia, saranno in grado di identificarli e rintracciarli con facilità e quasi senza sforzo.

Come notato da Black nell’introduzione al suo libro, “Solo attraverso l’esposizione e l’esame di ciò che è realmente accaduto, il mondo della tecnologia può finalmente adottare il ben noto motto: Mai più” (31) Dobbiamo farlo, e raggiungere un consenso globale [sul fatto] che semplicemente non permetteremo una ripetizione della storia.

Un piccolo punto luminoso brilla in mezzo a tutta questa oscurità: il governatore della Florida Ron DeSantis, che il 29 marzo 2021 ha annunciato (32) che emetterà un ordine esecutivo per proibire ai governi locali e alle imprese di richiedere certificati vaccinali.

“È assolutamente inaccettabile che il governo o il settore privato impongano l’obbligo di mostrare la prova del vaccino per partecipare semplicemente alla [vita della] società normale”, ha detto.

Anche se, nell’agosto scorso, un giudice federale ha bloccato l’ordine esecutivo, DeSantis chiede all’assemblea legislativa della Florida di elaborare un provvedimento che gli permetta di trasformarlo in legge. Si spera che tali leggi vengano messe in atto e che altri stati seguano l’esempio.

 

IBM e Bill Gates

Nel caso in cui non lo sappiate, Bill Gates nei primi anni ’80 fu responsabile di aver fornito all’IBM il sistema operativo DOS per i suoi allora nuovi personal computer, il che ha dato il via alla massiccia esplosione della tecnologia informatica. Me lo ricordo abbastanza bene. Ho avuto il mio primo PC clone IBM intorno al 1985.

Il motivo per cui questo è importante è che, alla fine, l’hardware del computer è diventato una merce e il software e la fonte della maggior parte dei ricavi della tecnologia. Le strategie nefaste di Gates alla fine lo hanno portato a diventare l’uomo più ricco del mondo. Quel mantello ora si sposta tra Jeff Bezos di Amazon e Elon Musk, CEO di Tesla Motors.

Tuttavia, l’attuale capitalizzazione di mercato di IBM è di 110 miliardi di dollari, mentre quella di Microsoft è 10 volte tanto, oltre 1 trilione di dollari. Così, mentre IBM ha una storia chiaramente sordida che risale alla seconda guerra mondiale, la minaccia probabilmente più seria è Gates stesso, che è in gran parte responsabile dell’ingegneria e del profitto di questo intero gioco Covid di trasferimento di ricchezza attraverso la sua partnership strategica con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, come abbiamo ampiamente dettagliato in articoli precedenti.

È interessante notare come IBM stia ripetendo il suo egregio contributo allo sterminio di milioni di ebrei in Germania, ma questo può impallidire di fronte alle probabili conseguenze non volute dei piani di Gates, che probabilmente supereranno di gran lunga le vite perse nella Germania nazista. Dobbiamo fare tutto il possibile per assicurarci che non abbia successo. Troppo duro? Allora vi suggerisco di leggere l’articolo di Gary Barnett su Lew Rockwell, in cui afferma (33):

Lo sterminio delle società attraverso il genocidio e il democidio si ottiene in molti modi, dalla guerra, dalla fame forzata, dalla distruzione psicologica, dall’imprigionamento di massa, dalla sterilizzazione, dagli agenti chimici, dalle bombe, dalle armi nucleari, e ora l’uccisione sarà dovuta alla “vaccinazione”.

Sicuramente sto scherzando direte voi, ma non è così, poiché si cerca l’uccisione indiscriminata di centinaia di milioni o miliardi di persone in tutto il mondo per mano dei potenti.

Alcuni lo chiamano controllo della popolazione, altri lo chiamano depopolamento, ma è semplicemente un omicidio di massa pianificato a beneficio delle agende di pochi. Lo strumento usato per raggiungere questo obiettivo è il veleno tossico non testato, sperimentale, che altera la mente, che cambia i geni, chiamato “vaccino” Covid-19, ed è la più recente arma di distruzione di massa.

Molti stanno avendo effetti orribili a causa di queste iniezioni, e molti altri stanno morendo. Alcuni stanno morendo immediatamente dopo aver fatto questa iniezione, alcuni stanno morendo dopo poche ore o giorni, altri dopo poche settimane, e gli effetti a lungo termine a questo punto sono praticamente sconosciuti (in quasi tutti i casi i media negano l’associazione).

È come se la gente fosse sorda, muta e cieca quando si tratta di logica, visto che questa afflizione falsamente dichiarata chiamata Covid, che presumibilmente ha un tasso di sopravvivenza del 99,98%, viene trattata come una pandemia mortale, e la ‘cura’ raccomandata è un ‘vaccino’ che uccide molti di più della truffa del falso virus creato appositamente”.

Link: https://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2021/09/09/how-did-ibm-enable-the-holocaust.aspx?ui=59ed2e7639939da92ff0e3fd8a4becd1e38e467e8312fec7760fac1ab9753aaf&sd=20210422&cid_source=dnl&cid_medium=email&cid_content=art3HL&cid=20210909&mid=DM988371&rid=1259646969

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

Notifica di
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
BrunoWald
Utente CDC
11 Settembre 2021 2:42

Fanno tenerezza: pretendono di combattere contro un mostro, pur essendo imbevuti della sua propaganda.

Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
11 Settembre 2021 9:26

E inchinati alla sua maestà.

Negli anni ’70, le aziende della Penisola non hanno esitato a conferire i loro segreti più gelosamente custoditi (metodi e criteri di produzione, bilanci veri, elenchi dei clienti), mettendo da parte la strategica discrezione difesa da generazioni, agli “esperti” dell’IBM che s’installarono a caro prezzo in ogni stabilimento assieme ai loro ordigni, in una gara a digitalizzare che sembrava la sfida a chi ce l’ha più lungo (…ho visto cose che voi umani…).

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da Primadellesabbie
Rnamessaggero
Utente CDC
Risposta al commento di  Primadellesabbie
11 Settembre 2021 10:46

Mi tocca pensare all’ eccellenza italiana Olivetti e la fine che hanno fatto i primi pc .

Primadellesabbie
Utente CDC
Risposta al commento di  Rnamessaggero
11 Settembre 2021 11:49

E alla fine che ha fatto Mario Tchou e, forse, lo stesso Adriano.

Comunque oramai è di dominio pubblico che era stato dato l’ordine, forte e chiaro, di lasciare perdere quel settore.

Rnamessaggero
Utente CDC
11 Settembre 2021 9:49

Sicuramente tutto vero , se passa questa logica di giudizio , dobbiamo condannare tutti i produttori di coltelli da cucina , essendo questi utilizzati per gli omicidi domestici e non . E i produttori di armi sarebbero più che condannabili per genocidio indipendentemente dalla bontà che manifestano nel vivere quotidiano . I buoni dovrebbero reagire… non fa una piega , un buono che ha reagito è stato Iosif Vissarionovič Džugašvili , per me è sempre un moderato ma non tutti la pensano in questo modo . Il regime in cui siamo è economico e la legge è quella della domanda e della offerta , troppi esseri umani al mondo , come troppi ebrei in Germania , l’ oro vale molto pur non essendo buono da mangiare ma è scarso , quasi raro e non deteriora se tenuto lontano dal mercurio . La polizia stradale che multa un automobilista perché ha messo una ruota oltre la riga di mezzeria , esegue un ordine , non gli interessa che il conducente , in una famiglia con tre figli è l’ unico che porta a casa un salario . Dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fior : in questa società… Leggi tutto »

PietroGE
Utente CDC
11 Settembre 2021 11:26

-Secondo me si stanno ponendo le basi per un risarcimento ( ‘pizzo’) miliardario a favore dei ‘soliti noti’. La scheda perforata come parte del ‘male assoluto’. Poi bisognerà chiedere soldi a chi produceva acciaio, poi a chi produceva elettricità, poi anche ai contadini che producevano il mangiare per mantenere in vita il male assoluto ecc. ecc. La solita storia.
-Certo che sentire gli ebrei protestare contro il green pass perché produce apartheid è notevole. Chissà cosa ne pensano i palestinesi nel campo di concentramento di Gaza.

6
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x