I pericoli a lungo termine dei farmaci mRNA sperimentali

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Dr. Joseph Mercola
articles.mercola.com

“Cominciamo con un esperimento mentale: se esiste un difetto di progettazione ingegneristica e nessuno lo misura, può [una cosa del genere] danneggiare le persone o ucciderle davvero?” scrive un utente di Twitter di nome Ehden [1]. Continua poi discutendo un aspetto trascurato dei vaccini Covid mRNA, qualcosa chiamato “ottimizzazione dei codoni,” che, in teoria, garantirebbe risultati inaspettati. Ehden spiega [2]:

“Cercare di indurre l’organismo a generare proteine è difficile per molte ragioni. Una di queste è il fatto che quando si cerca di far passare le informazioni sulle proteine attraverso i ribosomi che elaborano quel particolare codice e sintetizzano la proteina, [l’operazione] può essere molto lenta o può bloccarsi durante il processo.

Fortunatamente, gli scienziati hanno trovato un modo per superare il problema, operando sostituzioni al codice genetico: per sintetizzare la proteina, invece di usare il codice genetico originale cambiano alcune lettere nel codice, in modo da ottimizzarlo. Questo procedimento è noto come ottimizzazione dei codoni.”

I vaccini COVID usano l’ottimizzazione dei codoni

Un codone consiste di tre nucleotidi, e i nucleotidi sono gli elementi costitutivi del DNA. Un articolo dell’agosto 2021 in Nature Reviews Drug Discovery aveva affrontato l’uso dell’ottimizzazione dei codoni nel modo seguente [3]:

“L’open reading frame [quadro aperto di letttura] del vaccino mRNA è il componente più importante perché contiene la sequenza codificante che verrà poi tradotta in proteina.

Anche se l’open reading frame non è malleabile come le regioni non codificanti, può comunque essere ottimizzato per aumentare la traduzione senza alterare la sequenza proteica, sostituendo i codoni usati raramente con codoni più comuni che codificano lo stesso residuo aminoacidico.

Per esempio, l’azienda biofarmaceutica CureVac AG ha scoperto che i codoni dell’mRNA umano hanno raramente A [Adenina] o U [Uracile] in terza posizione e ha brevettato una strategia che sostituisce A o U in terza posizione nel quadro aperto di lettura con G [Guanina] o C [Citosina]. CureVac ha usato questa strategia di ottimizzazione per il suo candidato SARS-CoV-2 CVnCoV …

Anche se la sostituzione dei codoni rari è una strategia di ottimizzazione attraente, deve essere usata con giudizio. Questo perché, nel caso di alcune proteine, il tasso di traduzione più lento dei codoni rari è necessario per il corretto ripiegamento della proteina.

Per massimizzare la traduzione, la sequenza dell’mRNA [nativo] incorpora tipicamente nucleosidi modificati, come la pseudouridina, la N1-metilpseudouridina o altri analoghi nucleosidici. Poiché tutti gli mRNA nativi includono nucleosidi modificati, il sistema immunitario si è evoluto per riconoscere l’RNA non modificato a filamento singolo come un segno distintivo dell’infezione virale.

In particolare, l’mRNA immodificato [non nativo] è riconosciuto dai recettori di riconoscimento del modello, come il recettore Toll-like 3 (TLR3), TLR7 e TLR8, e il recettore del gene I (RIGI), che è inducibile dall’acido retinoico. I recettori TLR7 e TLR8 si legano nell’mRNA a regioni ricche di guanosina o uridina e innescano la produzione di interferoni di tipo I, come IFNα, che possono bloccare la traduzione dell’mRNA.

L’uso di nucleosidi modificati [nell’mRNA sintetico], in particolare l’uridina modificata, ne impedisce l’inattivazione da parte dei recettori di riconoscimento del modello, permettendo livelli sufficienti di traduzione in grado di produrre quantità profilattiche di proteine.

Entrambi i vaccini Moderna e Pfizer-BioNTech SARS-CoV-2 … contengono mRNA con nucleosidi modificati. Un’altra strategia per evitare il rilevamento da parte dei recettori di riconoscimento del modello, sperimentata da CureVac, utilizza l’ingegneria della sequenza e l’ottimizzazione dei codoni in modo da ridurre il numero di uridine, aumentando il contenuto di GC dell’mRNA vaccinale.”

Molte di queste informazioni erano già state trattate nella mia intervista con Stephanie Seneff, Ph.D. e Judy Mikovits, Ph.D. Non è più possibile leggere l’articolo ma il video è qui in fondo. Questo studio è stato pubblicato molto dopo la nostra intervista e, semplicemente, conferma ciò che la Seneff e la Mikovits avevano scoperto nella loro ricerca.

Secondo Ehden, il 60,9% dei codoni nell’mRNA del vaccino COVID è ottimizzato, equivalente al 22,5% dei nucleotidi, ma non specifica di quale vaccino stia parlando o da dove esattamente provengano i dati.

Che tutti i vaccini COVID a base di mRNA stiano, in un modo o nell’altro, usando l’ottimizzazione dei codoni è comunque chiaro. Un articolo del luglio 2021 [4] sulla rivista Vaccines valuta e commenta in modo specifico i vaccini mRNA di Pfizer/BioNTech e Moderna, notando che:

“La progettazione dei vaccini mRNA di Pfizer/BioNTech e di Moderna utilizza diversi tipi di ottimizzazione … I componenti mRNA del vaccino devono avere un 5′-UTR per caricare i ribosomi in modo efficiente sull’mRNA e dare inizio alla traduzione, una ottimizzazione dei codoni per un’efficiente elongazione della traduzione e un codone di stop ottimale per un’efficiente terminazione della traduzione.

Sia il 5′-UTR che il 3′-UTR a valle dovrebbero essere ottimizzati in funzione della stabilità dell’mRNA. La sostituzione dell’uridina con la N1-metilpseudourinina (Ψ) complica alcuni di questi processi di ottimizzazione perché Ψ è meno selettiva rispetto a U. Le diverse ottimizzazioni possono entrare in conflitto tra loro e potrebbe essere necessario fare dei compromessi.

Metto in evidenza le somiglianze e le differenze tra i vaccini mRNA di Pfizer/BioNTech e Moderna e discuto il vantaggio e lo svantaggio di ciascuno di essi per facilitare il miglioramento dei vaccini futuri. In particolare, sottolineo alcune ottimizzazioni nella progettazione dei due vaccini mRNA che non sono state eseguite correttamente.”

Cosa può andare storto?

Uno punto fondamentale dall’articolo di Nature Reviews Drug Discovery [5] citato sopra è che la sostituzione dei codoni rari “deve essere usata con giudizio,” perché i codoni rari possono avere tassi di traduzione più lenti e un tasso rallentato è effettivamente necessario per prevenire un incorretto ripiegamento [misfolding] della proteina.

A (adenina) e U (uracile) in terza posizione sono rari, e nei vaccini COVID queste A e U sono state sostituite con G (guanina) o C (citosina). Secondo la Seneff, questo scambio si traduce in una quantità di proteina spike 1.000 volte maggiore di quella prodotta dall’infezione virale vera e propria.

Cosa potrebbe andare storto? Beh, praticamente tutto. Lo ribadiamo, l’iniezione induce [una produzione di] proteina spike a livelli mai visti in natura (anche nel caso che il SARS-CoV-2 sia una chimera artificiale “potenziata”) e la proteina spike è la parte tossica del virus, responsabile degli effetti tossici del virus, come i disturbi della coagulazione ematica, i problemi neurologici e i danni cardiaci.

Quindi, aspettarsi che un vaccino COVID non produca questo tipo di effetti sarebbe piuttosto ingenuo. I cambi di codone potrebbero anche provocare un misfolding della proteina, il che è ugualmente una cattiva notizia. Come spiegato dalla Seneff nella nostra precedente intervista:

“Le proteine spike che questi vaccini mRNA stanno producendo … non sono in grado di andare nella membrana, e penso che questo potrebbe incoraggiarle a trasformarsi in pericolose proteine prioniche. Poi, in caso di infiammazione, ci potrebbe essere un potenziamento dell’alfa-sinucleina [una proteina neuronale che regola il traffico sinaptico e il rilascio di neurotrasmettitori].

Quindi, l’alfa-sinucleina verrà attivata dalle proteine spike mal ripiegate, e la cosa si trasformerà in un pasticcio all’interno delle cellule dendritiche nei centri germinali nella milza. E queste cellule impacchetteranno tutta questa robaccia in esosomi e li rilasceranno. Poi, [questi esosomi] viaggeranno lungo il nervo vago fino al tronco encefalico e causeranno patologie come il morbo di Parkinson.

Quindi, penso che questa sia una configurazione completa per il morbo di Parkinson … Anticiperà il momento in cui qualcuno, già con una propensione al Parkinson, inizierà a soffrirne.

Probabilmente indurrà l’insorgenza del Parkinson anche in persone che, in primo luogo, non l’avrebbero mai avuto, specialmente se continueranno a fare il vaccino tutti gli anni. Ogni volta che si fa un richiamo, si avvicina sempre di più la data in cui si manifesterà il Parkinson.”

Disfunzione immunitaria e riacutizzazioni virali

Altre minacce significative sono la disfunzione immunitaria e la riacutizzazione di infezioni virali latenti, cosa di cui la Mikovits aveva già messo in guardia. Nella nostra precedente intervista, aveva notato:

“Usiamo il poli(I:C) [un agonista del toll-like receptor 3] per segnalare alla cellula di attivare la via dell’interferone di tipo I, e poiché [la proteina spike prodotta dall’organismo in risposta all’iniezione COVID] è un involucro sintetico innaturale, non viene attivato il poli(I:C) e non si sta [attivando] la via dell’interferone di tipo I.

È stata bypassata la cellula dendritica plasmacitoide che, combinata con IL-10 e comunicando con le cellule B regolatrici, decide quali sottoclassi di anticorpi produrre. Quindi, sarà stata bypassata la comunicazione tra la risposta immunitaria innata e quella adattativa. Ora viene a mancare la segnalazione dei recettori endocannabinoidi …

Negli ultimi 30 anni, gran parte del lavoro del Dr. [Francis] Ruscetti e mio è stato quello di dimostrare che non c’è bisogno di un virus trasmissibile infettivo, pezzi e frammenti di questi virus sono anche peggio, perché attivano anche segnali di pericolo. Agiscono come segnali di pericolo e modelli molecolari associati al patogeno.

Quindi, in modo sinergico, attivano quella cascata infiammatoria delle citochine che manda fuori controllo la risposta immunitaria. Non riesce a tenere il passo con la mielopoiesi [la produzione di cellule nel midollo osseo]. Quindi si assiste ad un passaggio dalle cellule staminali mesenchimali alle cellule staminali ematopoietiche regolate dal TGF-beta.

Questo significa che potreste vedere disordini emorragici causati da entrambi i processi. Non potete costruire abbastanza autopompe da mandare a spegnere il fuoco. La vostra risposta immunitaria innata non può arrivarci e quello che avrete ottenuto sarà solo un totale disastro del vostro sistema immunitario.”

Ora stiamo vedendo rapporti di infezione da herpes e herpes zoster dopo somministrazione dei vaccini COVID-19 e questo è esattamente ciò che ci si può aspettare se il percorso dell’interferone di tipo I è disabilitato. Tuttavia, questa non è la fine dei vostri potenziali problemi, perché queste coinfezioni potrebbero accelerare anche altre malattie.

Per esempio, gli herpes virus sono sospettati di essere la causa scatenante sia dell’AIDS [6] che dell’encefalomielite mialgica [7] (sindrome da fatica cronica o ME-CFS). Secondo la Mikovits, queste malattie non compaiono finché i virus di diverse famiglie non si associano e i retrovirus eliminano il percorso dell’interferone di tipo 1. A lungo termine, la campagna di vaccinazione di massa COVID potrebbe gettare le basi per una futura recrudescenza di una vasta gamma di malattie croniche debilitanti.

I vaccini COVID sono ottimizzati in modo appropriato?

Come notato nell’articolo di Vaccines citato in precedenza, l’ottimizzazione dei codoni nei vaccini di Pfizer e Moderna potrebbe causare dei problemi [8]:

“Poiché nei mammiferi le cellule ospiti attaccano l’RNA esogeno non modificato, [nell’mRNA sintetico dei vaccini] tutti i nucleotidi U sono stati sostituiti da N1-metilpseudouridina (Ψ). Tuttavia, Ψ è meno selettiva di U nell’accoppiamento delle basi e può accoppiarsi non solo con A e G, ma anche, in misura minore, con C e U.

Questo è probabile che aumenti la lettura errata di un codone da parte di un tRNA con grado similare di affinità. Quando il nucleotide U nei codoni di stop viene sostituito da Ψ, aumenta la probabilità di una lettura errata di un codone di stop da parte di un tRNA con grado similare di affinità.

Tali eventi di readthrough [*] non solo diminuirebbero il numero di proteine immunogeniche, ma produrrebbero anche una proteina più lunga di destino sconosciuto con effetti potenzialmente deleteri …

I progettisti di entrambi i vaccini hanno considerato CGG come il codone ottimale nella famiglia dei codoni CGN e hanno ricodificato quasi tutti i codoni CGN in CGG … Molteplici evidenze suggeriscono però che CGC è un codone migliore di CGG. I progettisti dei vaccini mRNA (specialmente mRNA-1273) hanno scelto un codone sbagliato come codone ottimale.”

Il documento sottolinea anche l’importanza che l’mRNA dei vaccini venga tradotto in modo accurato e non solo efficace, perché se vengono sintetizzati gli aminoacidi sbagliati, questo può confondere il sistema immunitario e impedirgli di identificare i bersagli corretti.

L’accuratezza è importante anche nella terminazione della traduzione, e qui si tratta di selezionare i codoni di stop corretti. I codoni di stop (UAA, UAG o UGA), quando sono presenti alla fine di una sequenza di codifica dell’mRNA, segnalano la fine della sintesi proteica.

Secondo l’autore, sia Pfizer che Moderna hanno selezionato codoni di stop assolutamente non ottimali. “UGA è una cattiva scelta per un codone di stop e UGAU nei vaccini mRNA di Pfizer/BioNTech e Moderna potrebbe essere ancora peggio,” dice.

Quali problemi di salute possiamo aspettarci di vedere più di frequente?

Anche se la varietà di malattie di cui possiamo prevedere un aumento come risultato di questa campagna di vaccinazione è assai ampia, è comunque possibile fare alcune previsioni generali. Abbiamo già visto un aumento massiccio dei disturbi della coagulazione ematica, infarti, ictus e anche di miocarditi.

Nel lungo termine, la Seneff crede che vedremo un aumento significativo del cancro, un’accelerazione delle malattie simili al Parkinson, della malattia di Huntington, di tutti i tipi di malattie autoimmuni e dei disturbi neurodegenerativi.

La Mikovits sospetta anche che molti svilupperanno malattie croniche e debilitanti e moriranno prematuramente. A più alto rischio considera coloro che sono stati asintomaticamente infettati con XMRV e gammaretrovirus da vaccini convenzionali contaminati. La vaccinazione COVID potrebbe anticiparne la morte paralizzando la funzione immunitaria. “I bambini plurivaccinati sono bombe ad orologeria,” aveva detto la Mikovits nell’intervista del maggio 2021.

Quali sono le opzioni?

Anche se tutto questo è molto problematico, c’è speranza. Dal mio punto di vista, credo che la cosa migliore che si possa fare è rinforzare il sistema immunitario innato. Per farlo, bisogna diventare metabolicamente flessibili e ottimizzare la dieta. Assicurarsi che il livello di vitamina D sia ottimizzato tra 60 ng/mL e 80 ng/mL (da 100 nmol/L a 150 nmol/L).

Raccomando anche un’alimentazione limitata nel tempo, nel senso che bisognerebbe consumare tutti i pasti della giornata in una finestra di sei-otto ore. Mangiare con una limitazione temporale regolerà anche l’autofagia, che può aiutare a digerire e rimuovere le proteine spike. Evitare tutti gli oli vegetali e i cibi lavorati. Concentrarsi su cibi biologici certificati per ridurre al minimo l’esposizione al glifosato.

Anche la sauna-terapia può essere utile. Regola le proteine da shock termico, che possono aiutare a ripiegare le proteine mal ripiegate. Inoltre [le proteine da shock termico] evidenziano le proteine danneggiate e le indirizzano alla rimozione.

Dr. Joseph Mercola

[*] Il readthrough del codone di stop è il processo che permette al ribosoma di passare attraverso il codone di terminazione nell’mRNA e continuare la traduzione fino al successivo codone di stop nello stesso frame di lettura. N.D.T.

Riferimenti:

articles.mercola.com
07.09.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org.

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
54 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
54
0
È il momento di condividere le tue opinionix