I pericoli a lungo termine dei farmaci mRNA sperimentali

Dr. Joseph Mercola
articles.mercola.com

“Cominciamo con un esperimento mentale: se esiste un difetto di progettazione ingegneristica e nessuno lo misura, può [una cosa del genere] danneggiare le persone o ucciderle davvero?” scrive un utente di Twitter di nome Ehden [1]. Continua poi discutendo un aspetto trascurato dei vaccini Covid mRNA, qualcosa chiamato “ottimizzazione dei codoni,” che, in teoria, garantirebbe risultati inaspettati. Ehden spiega [2]:

“Cercare di indurre l’organismo a generare proteine è difficile per molte ragioni. Una di queste è il fatto che quando si cerca di far passare le informazioni sulle proteine attraverso i ribosomi che elaborano quel particolare codice e sintetizzano la proteina, [l’operazione] può essere molto lenta o può bloccarsi durante il processo.

Fortunatamente, gli scienziati hanno trovato un modo per superare il problema, operando sostituzioni al codice genetico: per sintetizzare la proteina, invece di usare il codice genetico originale cambiano alcune lettere nel codice, in modo da ottimizzarlo. Questo procedimento è noto come ottimizzazione dei codoni.”

I vaccini COVID usano l’ottimizzazione dei codoni

Un codone consiste di tre nucleotidi, e i nucleotidi sono gli elementi costitutivi del DNA. Un articolo dell’agosto 2021 in Nature Reviews Drug Discovery aveva affrontato l’uso dell’ottimizzazione dei codoni nel modo seguente [3]:

“L’open reading frame [quadro aperto di letttura] del vaccino mRNA è il componente più importante perché contiene la sequenza codificante che verrà poi tradotta in proteina.

Anche se l’open reading frame non è malleabile come le regioni non codificanti, può comunque essere ottimizzato per aumentare la traduzione senza alterare la sequenza proteica, sostituendo i codoni usati raramente con codoni più comuni che codificano lo stesso residuo aminoacidico.

Per esempio, l’azienda biofarmaceutica CureVac AG ha scoperto che i codoni dell’mRNA umano hanno raramente A [Adenina] o U [Uracile] in terza posizione e ha brevettato una strategia che sostituisce A o U in terza posizione nel quadro aperto di lettura con G [Guanina] o C [Citosina]. CureVac ha usato questa strategia di ottimizzazione per il suo candidato SARS-CoV-2 CVnCoV …

Anche se la sostituzione dei codoni rari è una strategia di ottimizzazione attraente, deve essere usata con giudizio. Questo perché, nel caso di alcune proteine, il tasso di traduzione più lento dei codoni rari è necessario per il corretto ripiegamento della proteina.

Per massimizzare la traduzione, la sequenza dell’mRNA [nativo] incorpora tipicamente nucleosidi modificati, come la pseudouridina, la N1-metilpseudouridina o altri analoghi nucleosidici. Poiché tutti gli mRNA nativi includono nucleosidi modificati, il sistema immunitario si è evoluto per riconoscere l’RNA non modificato a filamento singolo come un segno distintivo dell’infezione virale.

In particolare, l’mRNA immodificato [non nativo] è riconosciuto dai recettori di riconoscimento del modello, come il recettore Toll-like 3 (TLR3), TLR7 e TLR8, e il recettore del gene I (RIGI), che è inducibile dall’acido retinoico. I recettori TLR7 e TLR8 si legano nell’mRNA a regioni ricche di guanosina o uridina e innescano la produzione di interferoni di tipo I, come IFNα, che possono bloccare la traduzione dell’mRNA.

L’uso di nucleosidi modificati [nell’mRNA sintetico], in particolare l’uridina modificata, ne impedisce l’inattivazione da parte dei recettori di riconoscimento del modello, permettendo livelli sufficienti di traduzione in grado di produrre quantità profilattiche di proteine.

Entrambi i vaccini Moderna e Pfizer-BioNTech SARS-CoV-2 … contengono mRNA con nucleosidi modificati. Un’altra strategia per evitare il rilevamento da parte dei recettori di riconoscimento del modello, sperimentata da CureVac, utilizza l’ingegneria della sequenza e l’ottimizzazione dei codoni in modo da ridurre il numero di uridine, aumentando il contenuto di GC dell’mRNA vaccinale.”

Molte di queste informazioni erano già state trattate nella mia intervista con Stephanie Seneff, Ph.D. e Judy Mikovits, Ph.D. Non è più possibile leggere l’articolo ma il video è qui in fondo. Questo studio è stato pubblicato molto dopo la nostra intervista e, semplicemente, conferma ciò che la Seneff e la Mikovits avevano scoperto nella loro ricerca.

Secondo Ehden, il 60,9% dei codoni nell’mRNA del vaccino COVID è ottimizzato, equivalente al 22,5% dei nucleotidi, ma non specifica di quale vaccino stia parlando o da dove esattamente provengano i dati.

Che tutti i vaccini COVID a base di mRNA stiano, in un modo o nell’altro, usando l’ottimizzazione dei codoni è comunque chiaro. Un articolo del luglio 2021 [4] sulla rivista Vaccines valuta e commenta in modo specifico i vaccini mRNA di Pfizer/BioNTech e Moderna, notando che:

“La progettazione dei vaccini mRNA di Pfizer/BioNTech e di Moderna utilizza diversi tipi di ottimizzazione … I componenti mRNA del vaccino devono avere un 5′-UTR per caricare i ribosomi in modo efficiente sull’mRNA e dare inizio alla traduzione, una ottimizzazione dei codoni per un’efficiente elongazione della traduzione e un codone di stop ottimale per un’efficiente terminazione della traduzione.

Sia il 5′-UTR che il 3′-UTR a valle dovrebbero essere ottimizzati in funzione della stabilità dell’mRNA. La sostituzione dell’uridina con la N1-metilpseudourinina (Ψ) complica alcuni di questi processi di ottimizzazione perché Ψ è meno selettiva rispetto a U. Le diverse ottimizzazioni possono entrare in conflitto tra loro e potrebbe essere necessario fare dei compromessi.

Metto in evidenza le somiglianze e le differenze tra i vaccini mRNA di Pfizer/BioNTech e Moderna e discuto il vantaggio e lo svantaggio di ciascuno di essi per facilitare il miglioramento dei vaccini futuri. In particolare, sottolineo alcune ottimizzazioni nella progettazione dei due vaccini mRNA che non sono state eseguite correttamente.”

Cosa può andare storto?

Uno punto fondamentale dall’articolo di Nature Reviews Drug Discovery [5] citato sopra è che la sostituzione dei codoni rari “deve essere usata con giudizio,” perché i codoni rari possono avere tassi di traduzione più lenti e un tasso rallentato è effettivamente necessario per prevenire un incorretto ripiegamento [misfolding] della proteina.

A (adenina) e U (uracile) in terza posizione sono rari, e nei vaccini COVID queste A e U sono state sostituite con G (guanina) o C (citosina). Secondo la Seneff, questo scambio si traduce in una quantità di proteina spike 1.000 volte maggiore di quella prodotta dall’infezione virale vera e propria.

Cosa potrebbe andare storto? Beh, praticamente tutto. Lo ribadiamo, l’iniezione induce [una produzione di] proteina spike a livelli mai visti in natura (anche nel caso che il SARS-CoV-2 sia una chimera artificiale “potenziata”) e la proteina spike è la parte tossica del virus, responsabile degli effetti tossici del virus, come i disturbi della coagulazione ematica, i problemi neurologici e i danni cardiaci.

Quindi, aspettarsi che un vaccino COVID non produca questo tipo di effetti sarebbe piuttosto ingenuo. I cambi di codone potrebbero anche provocare un misfolding della proteina, il che è ugualmente una cattiva notizia. Come spiegato dalla Seneff nella nostra precedente intervista:

“Le proteine spike che questi vaccini mRNA stanno producendo … non sono in grado di andare nella membrana, e penso che questo potrebbe incoraggiarle a trasformarsi in pericolose proteine prioniche. Poi, in caso di infiammazione, ci potrebbe essere un potenziamento dell’alfa-sinucleina [una proteina neuronale che regola il traffico sinaptico e il rilascio di neurotrasmettitori].

Quindi, l’alfa-sinucleina verrà attivata dalle proteine spike mal ripiegate, e la cosa si trasformerà in un pasticcio all’interno delle cellule dendritiche nei centri germinali nella milza. E queste cellule impacchetteranno tutta questa robaccia in esosomi e li rilasceranno. Poi, [questi esosomi] viaggeranno lungo il nervo vago fino al tronco encefalico e causeranno patologie come il morbo di Parkinson.

Quindi, penso che questa sia una configurazione completa per il morbo di Parkinson … Anticiperà il momento in cui qualcuno, già con una propensione al Parkinson, inizierà a soffrirne.

Probabilmente indurrà l’insorgenza del Parkinson anche in persone che, in primo luogo, non l’avrebbero mai avuto, specialmente se continueranno a fare il vaccino tutti gli anni. Ogni volta che si fa un richiamo, si avvicina sempre di più la data in cui si manifesterà il Parkinson.”

Disfunzione immunitaria e riacutizzazioni virali

Altre minacce significative sono la disfunzione immunitaria e la riacutizzazione di infezioni virali latenti, cosa di cui la Mikovits aveva già messo in guardia. Nella nostra precedente intervista, aveva notato:

“Usiamo il poli(I:C) [un agonista del toll-like receptor 3] per segnalare alla cellula di attivare la via dell’interferone di tipo I, e poiché [la proteina spike prodotta dall’organismo in risposta all’iniezione COVID] è un involucro sintetico innaturale, non viene attivato il poli(I:C) e non si sta [attivando] la via dell’interferone di tipo I.

È stata bypassata la cellula dendritica plasmacitoide che, combinata con IL-10 e comunicando con le cellule B regolatrici, decide quali sottoclassi di anticorpi produrre. Quindi, sarà stata bypassata la comunicazione tra la risposta immunitaria innata e quella adattativa. Ora viene a mancare la segnalazione dei recettori endocannabinoidi …

Negli ultimi 30 anni, gran parte del lavoro del Dr. [Francis] Ruscetti e mio è stato quello di dimostrare che non c’è bisogno di un virus trasmissibile infettivo, pezzi e frammenti di questi virus sono anche peggio, perché attivano anche segnali di pericolo. Agiscono come segnali di pericolo e modelli molecolari associati al patogeno.

Quindi, in modo sinergico, attivano quella cascata infiammatoria delle citochine che manda fuori controllo la risposta immunitaria. Non riesce a tenere il passo con la mielopoiesi [la produzione di cellule nel midollo osseo]. Quindi si assiste ad un passaggio dalle cellule staminali mesenchimali alle cellule staminali ematopoietiche regolate dal TGF-beta.

Questo significa che potreste vedere disordini emorragici causati da entrambi i processi. Non potete costruire abbastanza autopompe da mandare a spegnere il fuoco. La vostra risposta immunitaria innata non può arrivarci e quello che avrete ottenuto sarà solo un totale disastro del vostro sistema immunitario.”

Ora stiamo vedendo rapporti di infezione da herpes e herpes zoster dopo somministrazione dei vaccini COVID-19 e questo è esattamente ciò che ci si può aspettare se il percorso dell’interferone di tipo I è disabilitato. Tuttavia, questa non è la fine dei vostri potenziali problemi, perché queste coinfezioni potrebbero accelerare anche altre malattie.

Per esempio, gli herpes virus sono sospettati di essere la causa scatenante sia dell’AIDS [6] che dell’encefalomielite mialgica [7] (sindrome da fatica cronica o ME-CFS). Secondo la Mikovits, queste malattie non compaiono finché i virus di diverse famiglie non si associano e i retrovirus eliminano il percorso dell’interferone di tipo 1. A lungo termine, la campagna di vaccinazione di massa COVID potrebbe gettare le basi per una futura recrudescenza di una vasta gamma di malattie croniche debilitanti.

I vaccini COVID sono ottimizzati in modo appropriato?

Come notato nell’articolo di Vaccines citato in precedenza, l’ottimizzazione dei codoni nei vaccini di Pfizer e Moderna potrebbe causare dei problemi [8]:

“Poiché nei mammiferi le cellule ospiti attaccano l’RNA esogeno non modificato, [nell’mRNA sintetico dei vaccini] tutti i nucleotidi U sono stati sostituiti da N1-metilpseudouridina (Ψ). Tuttavia, Ψ è meno selettiva di U nell’accoppiamento delle basi e può accoppiarsi non solo con A e G, ma anche, in misura minore, con C e U.

Questo è probabile che aumenti la lettura errata di un codone da parte di un tRNA con grado similare di affinità. Quando il nucleotide U nei codoni di stop viene sostituito da Ψ, aumenta la probabilità di una lettura errata di un codone di stop da parte di un tRNA con grado similare di affinità.

Tali eventi di readthrough [*] non solo diminuirebbero il numero di proteine immunogeniche, ma produrrebbero anche una proteina più lunga di destino sconosciuto con effetti potenzialmente deleteri …

I progettisti di entrambi i vaccini hanno considerato CGG come il codone ottimale nella famiglia dei codoni CGN e hanno ricodificato quasi tutti i codoni CGN in CGG … Molteplici evidenze suggeriscono però che CGC è un codone migliore di CGG. I progettisti dei vaccini mRNA (specialmente mRNA-1273) hanno scelto un codone sbagliato come codone ottimale.”

Il documento sottolinea anche l’importanza che l’mRNA dei vaccini venga tradotto in modo accurato e non solo efficace, perché se vengono sintetizzati gli aminoacidi sbagliati, questo può confondere il sistema immunitario e impedirgli di identificare i bersagli corretti.

L’accuratezza è importante anche nella terminazione della traduzione, e qui si tratta di selezionare i codoni di stop corretti. I codoni di stop (UAA, UAG o UGA), quando sono presenti alla fine di una sequenza di codifica dell’mRNA, segnalano la fine della sintesi proteica.

Secondo l’autore, sia Pfizer che Moderna hanno selezionato codoni di stop assolutamente non ottimali. “UGA è una cattiva scelta per un codone di stop e UGAU nei vaccini mRNA di Pfizer/BioNTech e Moderna potrebbe essere ancora peggio,” dice.

Quali problemi di salute possiamo aspettarci di vedere più di frequente?

Anche se la varietà di malattie di cui possiamo prevedere un aumento come risultato di questa campagna di vaccinazione è assai ampia, è comunque possibile fare alcune previsioni generali. Abbiamo già visto un aumento massiccio dei disturbi della coagulazione ematica, infarti, ictus e anche di miocarditi.

Nel lungo termine, la Seneff crede che vedremo un aumento significativo del cancro, un’accelerazione delle malattie simili al Parkinson, della malattia di Huntington, di tutti i tipi di malattie autoimmuni e dei disturbi neurodegenerativi.

La Mikovits sospetta anche che molti svilupperanno malattie croniche e debilitanti e moriranno prematuramente. A più alto rischio considera coloro che sono stati asintomaticamente infettati con XMRV e gammaretrovirus da vaccini convenzionali contaminati. La vaccinazione COVID potrebbe anticiparne la morte paralizzando la funzione immunitaria. “I bambini plurivaccinati sono bombe ad orologeria,” aveva detto la Mikovits nell’intervista del maggio 2021.

Quali sono le opzioni?

Anche se tutto questo è molto problematico, c’è speranza. Dal mio punto di vista, credo che la cosa migliore che si possa fare è rinforzare il sistema immunitario innato. Per farlo, bisogna diventare metabolicamente flessibili e ottimizzare la dieta. Assicurarsi che il livello di vitamina D sia ottimizzato tra 60 ng/mL e 80 ng/mL (da 100 nmol/L a 150 nmol/L).

Raccomando anche un’alimentazione limitata nel tempo, nel senso che bisognerebbe consumare tutti i pasti della giornata in una finestra di sei-otto ore. Mangiare con una limitazione temporale regolerà anche l’autofagia, che può aiutare a digerire e rimuovere le proteine spike. Evitare tutti gli oli vegetali e i cibi lavorati. Concentrarsi su cibi biologici certificati per ridurre al minimo l’esposizione al glifosato.

Anche la sauna-terapia può essere utile. Regola le proteine da shock termico, che possono aiutare a ripiegare le proteine mal ripiegate. Inoltre [le proteine da shock termico] evidenziano le proteine danneggiate e le indirizzano alla rimozione.

Dr. Joseph Mercola

[*] Il readthrough del codone di stop è il processo che permette al ribosoma di passare attraverso il codone di terminazione nell’mRNA e continuare la traduzione fino al successivo codone di stop nello stesso frame di lettura. N.D.T.

Riferimenti:

articles.mercola.com
07.09.2021
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org.

Notifica di
54 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Pfefferminz
Utente CDC
9 Settembre 2021 20:17

“Cosa potrebbe andare storto? Beh, praticamente tutto.”

Molto rassicurante.

gnorans
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
9 Settembre 2021 20:51

E’ l’unica cosa che ho capito di tutto l’articolo 🙂

clausneghe
Utente CDC
9 Settembre 2021 21:23

Io di quel che dicono questi “scienziolati” che parlano di codoni e altre astruserie varie non credo a una parola.
Mi sembrano degli apprendisti stregoni che non sanno nè cosa stanno facendo e nemmeno il perchè..
Fatemi vedere il “corona virus” ma che non sia quella palla verde con le proboscidine che sembra disegnata da Disney..
Fatemelo vedere una volta sto maledetto vairus, che sono come S.Tommaso e non vi credo.

Bimbonanni
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
9 Settembre 2021 21:41

Fatemi vedere il “corona virus” ma che non sia quella palla verde con le proboscidine che sembra disegnata da Disney.

Google –> “coronavirus microscope”

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Bimbonanni
9 Settembre 2021 23:46

e chi te lo garantisce che quelli fotografati sarebbero virus? Il fatto è che virus e vescicole cellulari sono indistinguibili, sotto ogni qualsiasi aspetto, ad eccezione del fatto che le vescicole sono indubbiamente ‘strumenti’ delle cellule eucariote, mentre i virus invece sono soltanto costruzioni ‘a la Pasteur’ (pericolosissimi (?) microbi …)

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da Gino
Astronauta
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
10 Settembre 2021 14:27

Avete mai visto prima virus fotografati prima di essere isolati? E’ un lavoro di marketing becero.

IlContadino
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
10 Settembre 2021 6:57

Pensa che io nemmeno credo alla foto della pallina maculata d’azzurro che ci fanno vedere dallo spazio!
Che grande bluff, sto grand giramento di palle e nemmeno sai se esistono, e come S. Tommaso, toccare per credere…due le ho trovate;-)

Gino
Utente CDC
9 Settembre 2021 22:29

Ma ‘sto Mercola ha mai sentito parlare di piegatura (forma) delle proteine? Ovvero, del fatto che due proteine costituite da identica sequenza di atomi, se hanno forma differente non sono la stessa proteina: una delle due sarebbe degenere; e molto probabilmente se inoculata il sistema immunitario la considererebbe tossica; dalla sua forma (e conseguenti oscillazioni) dipenderà come essa risuonerà; ovvero, come essa interagirà con il campo elettromagnetico dell’ambiente cellulare e/o extracellulare. Costruire proteine con stessa identica forma di quelle altrimenti costruite dai ribosomi è difficilissimo; anche poiché quelle costruite dai ribosomi sono delicatissime; all’esterno dell’ambiente cellulare tenderebbero a disgregarsi; quelle costruite dai ribosomi normalmente verranno utilizzate all’interno dell’ambiente cellulare.
A me pare che ‘sto Mercola sia rimasto alla chimica di Lavoisier …

Divoll
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
9 Settembre 2021 22:55

Ma lo studio presentato non e’ di Mercola.

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Divoll
9 Settembre 2021 22:59

Appunto.

« “Poiché nei mammiferi le cellule ospiti attaccano l’RNA esogeno non modificato »
(cosa possa significare “non modificato” non mi è del tutto chiaro; presumo serva solamente come eufemismo, in sostituzione di “RNA non sintetico”).

« Nel lungo termine, la Seneff crede che vedremo un aumento significativo del cancro, un’accelerazione delle malattie simili al Parkinson, della malattia di Huntington, di tutti i tipi di malattie autoimmuni e dei disturbi neurodegenerativi. »

mi è comunque abbastanza chiaro che ambedue le citazioni andrebbero riferite alle ‘angosciose’ problematiche che sono tipiche dei doctor Faust più prometeici; ovvero alle problematiche di chi pretenda di vicariare la Natura oltre il limite del plausibile e del lecito. Per come la vedo io, le attuali conoscenze al riguardo dei meccanismi della biochimica cellulare sono tuttora affatto insufficienti.
(Nella mitologia greca Prometeo fu il titano che rubò il fuoco agli dei per regalarlo agli umani. Quello di Prometeo è uno dei molti miti che i greci utilizzarono per definire la Hybris (la tracotanza che già ai loro tempi caratterizzava tipicamente gli umani; ovvero, i loro doctor Faust ante litteram)

Holodoc
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
10 Settembre 2021 5:28

Intende che per fare sintetizzare alle cellule umane la proteina spike non possono usare il codice originale del virus ma lo devono “tradurre” in qualcosa di più simile al DNA umano, altrimenti la cellula comprende che si tratta di qualcosa a lei estraneo e lo ignora. Questo e altri compromessi ed errori fanno capire che in realtà si tratta di fabbriche di tossine, altro che vaccini!!!

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
9 Settembre 2021 22:57

Beh, a dire il vero ne parla qui “e un tasso rallentato è effettivamente necessario per prevenire un incorretto ripiegamento [misfolding] della proteina” e qui “Quindi, l’alfa-sinucleina verrà attivata dalle proteine spike mal ripiegate”. Infatti, leggendo, ho pensato a te, che già avevi accennato al fenomeno della “piegatura delle proteine”. 😉

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
9 Settembre 2021 23:25

è un fatto che Mercola focalizza sui codoni; mentre, a mio parere, se invece avesse capito cosa c’è in ballo veramente, allora avrebbe focalizzato sulle proteine sintetiche, e oltretutto anche irrigidite; poiché, se le facessero con esattamente le stesse sequenze degli RNA, sarebbero troppo fragili; e comunque in ogni caso sarebbero proteine che non avrebbero la stessa piegatura di quelle altrimenti prodotte dai ribosomi, all’interno dell’ambiente cellulare.
La differenza non è affatto banale, poiché non è una differenza pertinente ai soli ‘vaccini’ a mRNA; bensì ad ogni qualsiasi altro farmaco realizzato mediante proteine sintetiche (come, ad esempio, nel caso dei nuovi monoclonali …)

Holodoc
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
10 Settembre 2021 5:34

Non c’entra niente con gli anticorpi monoclonali. Quelli vengono sintetizzati in laboratorio già pronti ed iniettati nel sangue, qui invece si riprogramma la cellula per produrre proteine che alla meno peggio ricordano quella virale (se va bene) con alto rischio (praticamente la certezza) che vengano prodotti anche una quantità di veleni incogniti.

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Holodoc
10 Settembre 2021 23:17

« qui invece si riprogramma la cellula per produrre proteine »

a me piacerebbe poter apprendere qual tipo di riscontri vi sarebbe dell’ipotetico fatto che dell’mRNA sintetico inoculato nel sistema linfatico di un qualsiasi mammifero, in un qualche esperimento sarebbe poi effettivamente entrato all’interno di una sua qualsiasi cellula. Quali conferme vi sarebbero, di ‘sto presunto ed ipotetico fatto? Vorrei però riscontri di tipo banalmente ed esclusivamente empirico; e non invece altrimenti costruiti, a tavolino, sulla scorta di una lucrosa moderna ideologia.
Magari un solo e molto misero fatterello empirico basterebbe.
Magari poi cambio idea.
Magari poi smetterò di sospettare, e credere, che così come oramai è certo nel caso dei virus, anche tutta ‘sta ulteriore indecente sarabanda ideologica, architettata sulla scorta di molecole sintetiche indebitamente chiamate “proteine”, nient’altro sarebbe che becera propaganda.
Infatti, secondo il mio modesto e attuale punto di vista, oggigiorno, non potendo fare altro, giocoforza ebbero a limitarsi a suonarsela e cantarsela: propaganda!

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
11 Settembre 2021 0:27

“Quali conferme vi sarebbero, di ‘sto presunto ed ipotetico fatto?”

La produzione di anticorpi IgG e IgA alcuni giorni dopo l’iniezione del vaccino per te non è una prova del fatto che i nanolipidi contenenti mRNA (oppure gli adenovirus vettori) entrano nelle cellule e sintetizzano le Spike.
E le reazioni avverse, come la formazione di microtrombi, potrebbe essere considerata una prova indiretta?

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
11 Settembre 2021 3:48

Gli igG e gli igA non sono anticorpi specifici; anche poiché di specifici non ne esistono. Ne ho già accennato in altri mie interventi. Di seguitoi mi limito a riproporre alcune citazioni: 1. « Gli anticorpi non sembrano svolgere alcun ruolo distinguibile nella prevenzione e nel controllo delle infezioni. Recenti studi indicano qualcosa di cui molti scienziati e medici parlano da molti anni, ovvero che gli anticorpi da soli non sono in grado di combattere le infezioni e non sono un indicatore della presenza di immunità. Questo è il motivo per cui questi scienziati sono scettici sulla capacità dei vaccini di prevenire le malattie. » 2. « tu me lo devi testare con quella proteina e contemporaneamente con 4 o 5 cose diverse. Allora, se si attacca solo alla proteina e non alle altre 4 o 5 cose diverse, puoi dire che è specifico; altrimenti è chiaro che reagisce a quella proteina lì ma se ci metti un pezzo di escherichia coli reagisce anche con quello; se ci metti un pezzo di cellula tumorale reagisce anche con quello, e così via. Quindi, questa cosa di non fare mai i controlli è un’altra farsa della scienza moderna, e va contro qualsiasi… Leggi tutto »

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
11 Settembre 2021 12:11

Grazie, Gino, della dettagliata risposta che mi fa conoscere un altro modo di guardare alle cose.

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
11 Settembre 2021 3:55

la formazione di microtrombi è un sintomo tipico dell’amiloidosi … l’amiloidosi è tipicamente causata dai residui della distruzione di proteine degeneri

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Holodoc
11 Settembre 2021 0:00

E perché mai BigPharma ancor non si è infilata anche nel businisse alimentare?
Stampando in 3D le più pregiate proteine alimentari, seppure sintetiche, ma in quantità perfino magari quasi illimitate, oltre a far tantissime e facilissime palanche, addirittura fregiarsi poi potrebbe dell’aver finalmente anche risolto il problema della fame nel mondo…
Ma forse non lo fanno perché già saremmo in troppi…
O forse invece perché fin troppo facile sarebbe poi constatarne il bluff?

(le così dette ‘proteine’ sintetiche, nel caso venissero ingerite, verosimilmente sarebbero assai poco nutrienti, anche poiché probabilmente finirebbero tutte dritte dritte nel cesso. Il problema sembra invece dover essere perfino drammatico, nel caso esse vengano altrimenti immesse nel sistema linfatico)

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da Gino
Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
11 Settembre 2021 0:31

“E perché mai BigPharma ancor non si è infilata anche nel businisse alimentare?”

A me risulta che in Israele sono già a buon punto nella creazione della carne artificiale, solo che costa 20 euro al chilo contro i 5 – 8 euro di quella naturale. Forse è solo questione di tempo.

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
11 Settembre 2021 3:58

da ragazzo mi ci vollero molti anni prima di capire che con l’intelligenza artificiale « sono già a buon punto » mi stavano bellamente prendendo per il naso …

Gino
Utente CDC
Risposta al commento di  Gino
11 Settembre 2021 4:16

(o per la nasa? anche la NASA sono oltre 50 anni che mette in pratica questo stesso giochino …)

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da Gino
Pfefferminz
Utente CDC
9 Settembre 2021 23:24

Adesso capisco perché esistono così tanti brevetti, anche della proteina Spike, come aveva riferito il dott. David E. Martin in una strepitosa intervista. Si tratta di “ottimizzazioni”, si toglie una guanina di qua, si aggiunge una citosina di là e voilà un nuovo brevetto.
Non mi stupirebbe se i vaccini Pfizer e Moderna immessi sul mercato non fossero tutti uguali, ma avessero “ottimizzazioni” diverse, al fine di stabilire quale sia la pozione ottimale.
Rattrista apprendere quali potrebbero essere gli effetti a lungo termine dei vaccini genici, ora che più di metà della popolazione è stata vaccinata, ma non sono mancati gli scienziati che già un anno fa mettevano in guardia sui sieri magici.

Holodoc
Utente CDC
10 Settembre 2021 5:39

Avevo già letto il thread originale su Twitter che è corredato anche da chiare illustrazioni che facilitano la comprensione del testo.
Con questi sieri genici si è veramente voluto giocare a fare Dio pretendendo di costruire una cattedrale con sabbia, paletta e secchiello.

Astronauta
Utente CDC
Risposta al commento di  Holodoc
10 Settembre 2021 14:33

Hanno solo.giocato al piccolo chimico e con la gente di basso livello di ora hanno avuto successo.Pochi anni fa le letterine del dna gli scienziatoni le ritenevano spazzatura.
Non sono nemmeno in grado fi capire che la natura non fa nulla che.non serva.
Ora pensare che possono modificare qualcosa che non conoscono la possono da da bere a pochi. Non si spertichino in spiegazioni ai “poveri mortali” solo per confonderli ancora di piu.

Gio
Utente CDC
10 Settembre 2021 6:57

Ok, ho letto l’articolo, ma è come spiegare analiticamente a un bambino l’effetto della cinetica di combustione sulla sua epidermide quando sarebbe meglio dirgli ahò fijo mio, se tocchi er foco te bruci.

IlContadino
Utente CDC
10 Settembre 2021 7:25

Credo il vaccino, in coppia con la volontà di torturare i giovani nella scuola-inferno, sia voluto per due scopi principali, uno ahimé non lo conosco, il tempo sarà rivelatore, l’altro è quello di creare una profonda spaccatura tra le genti. Si sta creando una divisione sempre più netta, una scissione che avviene anche sul piano psicologico. Un nuovo mondo fatto di due categorie di persone: chi tende al rispetto e alla sottomissione all’autorità, chi invece la mette in dubbio e si fida più del proprio pensare e non accetta la visione preconfezionata. Inutile dire che le menti libere, che volano al di qua del muro di recinzione, hanno il diritto, ed il dovere, di unirsi e confrontarsi.
Se il vaccino fosse stato vecchia maniera molto probabilmente la scissione non ci sarebbe stata, hanno spinto molto su questa cosa, l’hanno voluta, prendiamone atto, ringraziamo e guardiamoci negli occhi…hanno suonato, che sia già arrivato Danone?!

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  IlContadino
11 Settembre 2021 1:31

“Inutile dire che le menti libere, che volano al di qua del muro di recinzione, hanno il diritto, ed il dovere, di unirsi e confrontarsi.”

Esattamente. Ne ha parlato oggi al Corona-Ausschuss l’avvocato Winfried Schmitz. Dice che dobbiamo cambiare le nostre abitudini, ad esempio non fare più acquisti da chi ha fatto pubblicità alle vaccinazioni ed è in qualche modo associato al Wordl Economic Forum. Dobbiamo metterci in contatto gli uni con gli altri per organizzarci in una rete di autosufficienza e divertirci fra di noi.
https://youtu.be/GGuu9WVd-cw
(a partire dal minuto 25, con la traduzione simultanea in inglese)

lazarovici
Utente CDC
10 Settembre 2021 8:05

Molti di noi (anche mia moglie) sono costretti a vaccinarsi. Chi non lo fa perde il lavoro. Pochi possono permettersi di vivere di rendita, i più vivono del proprio lavoro. Allora sono importanti i consigli di ottimizzare la vitamina D (forse basta stare all’aperto il più possibile), mangiare poco ed evitare i cibo spazzatura, cibarsi in uno spazio massimo di 8 ore. Cerchiamo di essere realisti e di limitare i danni.

emilyever
Utente CDC
Risposta al commento di  lazarovici
10 Settembre 2021 16:19

Scusa, mi interessa,anche se non riguarda l’articolo, ma potresti spiegarmi meglio perchè cibarsi in uno spazio massimo di 8 ore?

lazarovici
Utente CDC
Risposta al commento di  emilyever
11 Settembre 2021 14:50

leggi sopra, ti cito il pezzo
Raccomando anche un’alimentazione limitata nel tempo, nel senso che bisognerebbe consumare tutti i pasti della giornata in una finestra di sei-otto ore. Mangiare con una limitazione temporale regolerà anche l’autofagia, che può aiutare a digerire e rimuovere le proteine spike. Evitare tutti gli oli vegetali e i cibi lavorati. Concentrarsi su cibi biologici certificati per ridurre al minimo l’esposizione al glifosato.

Enrico Fila
Utente CDC
10 Settembre 2021 9:33

La parte tecnica dell’articolo, riguardante la analisi del vaccino Pfizer ( di questo si tratta, posso confermarlo di persona), risulta corretta ma solo in parte. Ci sono alcune imprecisioni: 1) Il codone di stop UGA, viene spesso utilizzato dai virus ad Rna naturali, come del resto avviene nello stesso Sars-Cov-2. Nel vaccino Pfizer sono stati utilizzati due informazioni di stop consecutive UGA UGA probabilmente per essere certi che il ribosoma interrompa la fabbricazione proteica. 2) A (adenina) e U (uracile) in terza posizione non incidono in nessun modo nella stabilità del filamento rna, e cioè nella sua capacità di recodifica. Lo sono i codoni finali CAA AAA AAA AAA AAA AAA 3) il 1-methyl-3′-pseudouridylyl (Ψ), è stato utilizzato per ingannare le difese citoplasmatiche, ma non mi risulta che abbia un legame più debole rispetto ad U, le ricerche scientifiche pubblicate al riguardo, sostengono l’esatto opposto. 4) Le implicazioni suggerite, sugli eventuali effetti collaterali a lungo termine, mi lasciano un pò perplesso. Resta comunque corretta l’ipotesi della formazione di entità prioniche, dovute ad una errata trascrizione da parte del tRna, ma trattandosi di errori casuali non ne vedo una reale pericolosità. L’autore, inoltre, non mette in evidenza la possibile e probabile… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da Enrico Fila
AnnaReds61
Utente CDC
10 Settembre 2021 11:08

L’articolo parla del ruolo delle proteine spike, tralasciando l’altra arma killer introdotta con i sieri, cioé l’ossido di grafene. C’è però da dire che gli articoli che parlano del ruolo nefasto di quest’ultimo, tralasciano di parlare di spike. Così come raramente si fa cenno agli altri composti non propriamente innocui introdotti: penso al glicole polietilenico (PEG), ma anche altri componenti quali metalli e, sembra, anche un batterio. Inoltre pare anche da articoli su riviste “ufficiali” che l’ipotesi che l’mRNA possa modificare permanentemente il DNA non sia così peregrina… Per sintetizzare, chi si è iniettato il siero come la giriamo avrà serie conseguenze, se non prestissimo, nel medio – lungo periodo, dando quindi ragione alle catastrofiche previsioni di Deagel. C’è chi sostiene di non aver potuto che accettare per mangiare. Capisco, ovviamente. Resta che costoro devono essere messi a conoscenza che mangeranno per non molti anni ancora, far loro credere che vitamine o digiuni orari possano risolvere o allungare l’insorgenza di qualche malanno grave mi sembra pietismo ridicolo: ti sei sparato sulle tempie, non puoi tornare indietro, e sull’arma ci sono solo le tue impronte. Se hai 60 anni o oltre magari potrai ammalarti e morire più o meno in una… Leggi tutto »

oriundo2006
Utente CDC
Risposta al commento di  AnnaReds61
10 Settembre 2021 19:29

grazie…potresti dirci qualcosa sulle ‘conoscenze antiche’ ? Io come molti, sono devastato dal vedere come persone da me amate si siano vaccinate con estrema e folle leggerezza, solo per conformarsi agli altri. Prego incessantemente che le conseguenze preconizzate in questo ed altri articoli non debbano essere inevitabili…

gix
Utente CDC
10 Settembre 2021 12:19

Testo di difficile comprensione per chi, come me, non ha le basi necessarie per interpretarlo, anche se ritengo che nemmeno la maggioranza dei medici, compresi quelli addetti all’inoculazione ne sappia molto di più. Ciononostante, il senso generale è sempre lo stesso, non si sa cosa potrà accadere d’ora in poi a chi ha ricevuto il siero. Mi piacerebbe però cominciare a ragionare su dati un pò più concreti, ovvero su una reale valutazione di eventuali esami di laboratorio relativi alla composizione di questi sieri. Sapere cosa c’è dentro con certezza, potrebbe portare l’informazione su livelli un pò più realistici, non solo per gli esperti, ma anche per noi. Di sicuro, una volta capito cosa c’è dentro veramente, ovvero le componenti in percentuale effettiva, compresa la presenza eventuale di grafene e parassiti killer, gli esperti saranno in grado di dire cosa può venirne di buono o di mortale dalle combinazioni possibili di tutti questi elementi. Qualcosa a livello di esami di laboratorio si è già visto, si sa che in Giappone hanno bloccato uno di questi sieri per presenza di metalli (uno dei primi fatti concreti di rilevanza mondiale), ma finora mi pare si vada avanti per deduzioni. Personalmente non immagino… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 15 giorni fa effettuato da gix
inyourarms
Utente CDC
10 Settembre 2021 13:54

E’ quasi un anno che iniettano questa merda e nessuno è ancora riuscito a fare un’analisi ufficiale, prima il grafene “era roba per complottisti” ora è un dato di fatto: è presente in questi sieri.
L’ADE (rinforzato da ogni booster) può l’essere l’effetto scatenante in cui a breve migliaia di persone possano essere buttate nelle fosse comuni.
Chi ha un sistema immunitario più forte (giovani) può salvarsi ma deve “destreggiarsi” tra miocarditi, pericarditi, altri effetti gravi, malattie auto-immuni scatenate, una roulette russa ad ogni booster.
Si salveranno sempre i soliti, ricchi, chi vive di rendita, chi vive con le pensioni dei genitori. Purtroppo tutti gli altri sono destinati a giocare d’azzardo.

Astronauta
Utente CDC
Risposta al commento di  inyourarms
10 Settembre 2021 14:38

Resta il fatto conclamato che TUTTI I VACCI NATI fra tre anni “sentiranno gli effetti”.Dopo otto anni la situazione sara peggiore, se ci saranno.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  inyourarms
11 Settembre 2021 0:47

In Germania hanno iniziato ad iniettare la terza dose ad anziani di case di riposo, malgrado la commissione preposta alle vaccinazioni, Stiko, non abbia ancora dato il suo benestare. È stato un disastro, ci sono stati decessi, rianimazioni e aggravamenti dello stato di salute dei degenti, tanto che una sezione dell’Ordine dei medici è intervenuta con una circolare.
Fonte (in tedesco): https://t.me/AllesAusserMainstream/11285
Nel caso descritto nella lettera dell’Ordine dei medici, su 90 vaccinazioni booster ci sono stati: 1 decesso, 2 rianimazioni e 9 gravi malattie cardiopolmonari.

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da Pfefferminz
Astronauta
Utente CDC
10 Settembre 2021 14:24

I vaccinati hanno firmato una carta dove sono stati informati delle conseguenze dei vaccini o no?

Adesso si devono prendere le conseguenze dell intruglio che altri hanno fatto senza fiatare.

La presunta sanita che sventola i vaccini come unica arma per il ricovero in ospedale,si trovera ospedali intasati per mille altre malattie a cui non sapranno far fronte.
E questo dimostra che il diavolo fa le.pentole ma non i coperchi.

oradaria
Utente CDC
Risposta al commento di  Astronauta
10 Settembre 2021 20:04

Non so che dire, lei non si accorge che è speculare a chi afferma che il vaccino salverà il mondo dal covid.
L’articolo riporta speculazioni su speculazioni che lei prende per oro colato.
La mancanza di empatia e COMPASSIONE ucciderà la civiltà di cui ci sentiamo paladini.
Il morbo prende tutti e purtroppo ravviso sempre di più gli stessi connotati intolleranti e poco razionali anche tra chi vorrebbe presentarsi come difensore del giusto.
Nessuno può sapere cosa accadrà ai vaccinati in futuro. Perchè si deve per forza sperare in una punizione bio-divina?

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
10 Settembre 2021 20:49

Lei ha assolutamente ragione, anche se empatia e compassione sono merce rara in qualunque civiltà.
Credo che pochi “sperino” in una punizione dei vaccinati, che perlopiù sono vittime di inganni o ricatti. Personalmente spero invece in una punizione esemplare di politici, giornalisti ed “esperti” cialtroni che hanno partecipato scientemente a questo crimine. In quanto ai mentecatti che ci odiano sui social, ammetto che se ci restano secchi non me ne può fregare meno, ma in realtà nessuno può sapere cosa riserva il futuro, né a loro né a noi.

Astronauta
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
10 Settembre 2021 21:04

Il futuro è il frutto delle azioni del presente.

i vaccinati si puniscono da soli. Se avessero capito che il vaccino poteva nuocere alla salute e lo hanno fatto lo stesso, non vole vano punirsi?
se invece nessuno glielo ha detto è un altro discorso…
Oltretutto parlano erroneamente di vaccino mentre gli iniettano una terapia genica. Qualcuno glielo dice questo?

Siamo all apice della menzogna e quindi nel momento che qualcuno, come in un incantesimo, incanta tutti nel cambiare il senso delle parole come amore, compassione, altruismo.
Ma se ci fossero uomini che non si lasciano prendere in giro tutto questo non sarebbe stato possibile.

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da Astronauta
BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  Astronauta
11 Settembre 2021 1:44

“Il futuro è il frutto delle azioni del presente.”

Certamente. Mi riferivo al fatto che nessuno di noi sa quando verrà la sua ora, e non sappiamo con certezza nemmeno quale sia il vero scopo dei “vaccini” e quale sarà il destino dei vaccinati. Detto questo, è ovvio che farsi inoculare un intruglio sperimentale prodotto dai peggiori criminali della terra nel contesto di una sfacciata campagna di manipolazione e intimidazione, non è sicuramente una buona idea, e chi l’ha fatto dovrà assumersene inevitabilmente la responsabilità.
A titolo personale, provo compassione solo per i bambini che sono stati vittime di genitori inqualificabili.

oradaria
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
11 Settembre 2021 9:23

Per chi sbraita sui social contro i non vaccinati provo compassione. Questi sono oppressi da moltissimi anni sono affetti da profonde frustrazioni e forse chi poteva aiutarli a comprendere il loro stato non ha fatto nulla. In questo sito ci sono molti illuminati. Dove eravate dieci anni fa?

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
12 Settembre 2021 3:44

“Illuminati” non saprei. Diciamo non ottenebrati dalla propaganda. Questo sito mi piace perché attrae persone che ragionano con la propria testa, ed anzi offrono spesso contributi notevoli alla riflessione. Perché sono così, anziché sbraitare sui social? Chi le ha “aiutate”? Dov’erano prima?
Nel mio piccolo, sempre stato contro questo sistema, come tanti altri: ma restiamo una minoranza. Se la maggioranza vota per il PD, o per Berlusconi, se gli stanno bene personaggi come Conte, Draghi ecc., si merita di pagarne le conseguenze: giustizia divina, o selezione naturale, a seconda del punto di vista.
Non provo compassione per loro. Perché dovrei? Forse che noi siamo immuni da frustrazioni? Hanno avuto le nostre stesse opportunità di coltivarsi e riflettere, ma è più comodo seguire il branco… E non dubiti che applaudirebbero il governo il giorno in cui dovesse perseguitare chi non intende sottomettersi.
Tuttavia, non desidero loro alcun male, mi sono indefferenti. Semmai, mi preoccupo per le molte persone che rendono questo mondo un posto migliore.

Ultimo aggiornamento 13 giorni fa effettuato da BrunoWald
Astronauta
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
10 Settembre 2021 20:59

Ma forse è lei che ha letto l articolo e lo ha capito attribuendo a me, che non l ho capito,prenderle per oro colato.
Non si puo strillare adesso che manca l empatia e la compassione quando chi metteva in pratica sia l una che l altra era considerato alla stregua di un cretino fuori dal.mondo.
Il.morbo prende chi deve prendere e nemmeno la peste ha preso tutti, chissa perche.Invece di imparare dal passato qui si diventa perfettamente non umani pensando che il corpo umano sia stato inventato ieri mostrandosi del tutto non umani inserendo nell organismo pattume pensando di modificarlo come se fosse un gioco e che tutti, con dna diversi, avessero avuto benefici.
Tutti sanno quello che accade ai vaccinati in futuro non molto lontano.
Se poi non lo si vuole sapere e si resta ciechi non si dica che.non si sa.

La punizione non è bio divina ma karmica.
Nessun dio viene giu a dar vaccini.Il vaccino se lo inventano gli uomini per autopunirsi a causa del karma che hanno accumulato.

oradaria
Utente CDC
Risposta al commento di  Astronauta
11 Settembre 2021 9:19

“Tutti sanno quello che accade ai vaccinati in un futuro non molto lontano” : ribadisco che lei si basa su dati incerti e su previsioni non ancora verificabili.
Se non dovesse esserci alcuna ecatombe rimarrebbe deluso?
Non siamo meccanismi e ciò che viene previsto si basa su una visione meccanicistica del nostro corpo.
Personalmente credo che la nostra mente sia il miglior antidoto a molti malesseri e che sia in grado di proteggerci da molti pericoli.
Alcuni si sono vaccinati per motivazioni decisamente nobili. La loro mente e il loro spirito li proteggerà.

Astronauta
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
11 Settembre 2021 10:40

“Tutti sanno quello che accade ai vaccinati in un futuro non molto lontano” : ribadisco che lei si basa su dati incerti e su previsioni non ancora verificabili.

Ma certo, va bene che lo scienziatone de sti c….. si metta in tv a dire quanto è buono il vaccino, senza alcuna prova perche sperimentale, senza alcun contradditorio ma chi sostiene che invece è nocivo e da il lasso di tempo in cui lo stesso agisce sul corpo “si basa su dati incerti”

E via a manipolare le parole i concetti e anche il buon senso.
Lei è in mala fede perche pensa che sia un bene il vaccino ma se ne guarda bene dal dirlo, asserendo che ci spno decisioni nobili bel vaccinarsi, cosa del tutto falsa.
La mente e lo spirito sono gia inquinati nel pensare di vaccinarsi.
Meglio sarebbe che, se ci fosse spirito, l opera divina del corpo umano la rispettassero come sacra, e allora sarebbero veramente “nobili”.

Ultimo aggiornamento 14 giorni fa effettuato da Astronauta
Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
11 Settembre 2021 11:36

Gentile oradaria, osservi per cortesia il grafico che allego: https://t.me/kenjebsen/5356 In Israele, il numero dei decessi dopo la terza dose di vaccino è schizzato in alto all’improvviso. Io continuo ad augurarmi che tutte le previsioni nefaste siano sbagliate, ma non è giusto neanche chiudere gli occhi davanti alla realtà. Scienziati come il Prof. Bhakdi sono abbastanza sicuri che i vaccinati avranno difficoltà quando il loro organismo dovrà affrontare i virus stagionali. Se cercano di mettere in guardia l’opinione pubblica, Bhakdi e la moglie Katharina Reiss, lo fanno perché hanno studiato a fondo l’argomento, da quando è scoppiata l’epidemia non hanno fatto altro che studiare e visionare tutti gli articoli scientifici pubblicati. Inoltre sono in contatto con moltissimi altri medici e scienziati a livello internazionale, ad esempio con gli iniziatori della dichiarazione di Great Barrington. In Germania, gli attivisti del Corona-Ausschuss che fanno capo al dott. Fuellmich, per far fronte alla situazione prevista, hanno comprato un ospedale da attrezzare per curare i danneggiati da vaccino. Al momento vengono organizzati ambulatori medici specializzati che funzioneranno, fino a che l’ospedale sarà pronto. Se poi non si ammala nessuno, tanto meglio. Io sarò la prima persona a felicitarmene. Sono d’accordo con lei che la… Leggi tutto »

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  oradaria
11 Settembre 2021 12:17

“La mancanza di empatia e COMPASSIONE ucciderà la civiltà di cui ci sentiamo paladini.”

Concordo. Empatia è la chiave per superare la spaccatura che si è venuta a creare fra vaccinati e non vaccinati.

“Ridi e il mondo ride con te, piangi e piangerai da solo”

BrunoWald
Utente CDC
Risposta al commento di  Pfefferminz
12 Settembre 2021 4:59

Credo che in realtà la spaccatura non sia fra vaccinati e non vaccinati, ma fra chi è abituato a riflettere e chi invece segue il branco. È sempre esistita e non è superabile.
L’empatia è molto importante, come la capacità di ridere, amare, gioire. Nel mondo reale però esiste anche il nemico, la “volontà ostile”, come gli ultimi mesi hanno dimostrato.

Pfefferminz
Utente CDC
Risposta al commento di  BrunoWald
12 Settembre 2021 11:00

“Credo che in realtà la spaccatura non sia fra vaccinati e non vaccinati…”

Tutti i miei amici, tranne uno, si sono fatti vaccinare, e non erano persone che seguivano il “branco”. Erano persone con le quali si poteva ragionare, perlomeno in parte. Il rifiuto della vaccinazione deve aver selezionato una o più caratteristiche psichiche che ancora mi sfuggono.

Gli “irrecuperabili” dovrebbero essere il 30% circa, persone con le quali è inutile discutere. Accanto ad un 30% di risvegliati, il 40% dei vaccinati ha dei dubbi o li avrà, forse.

Pfefferminz
Utente CDC
11 Settembre 2021 1:42

https://principia-scientific.com/international-team-of-scientists-confirm-presence-of-toxins-in-covid-jabs/
(articolo in inglese)

Un team internazionale di scienziati conferma la presenza di tossine nei vaccini Covid.

54
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x