Home / Attualità / I Neocon sabotano i negoziati commerciali di Trump – Il CFO di Huawei tenuto in ostaggio per ricattare la Cina

I Neocon sabotano i negoziati commerciali di Trump – Il CFO di Huawei tenuto in ostaggio per ricattare la Cina

FONTE: MOON OF ALABAMA

La CNN riporta che, presto, si prevedono le dimissioni del capo di gabinetto della Casa Bianca John Kerry. Sono già girate voci simili prima, ma questa volta la notizia potrebbe essere vera. Il che è un male per Trump e per la politica americana. Kerry è un dei pochi contropoteri al consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton. In sua sostituzione verrà probabilmente messo chiunque Bolton sceglierà. Questo sposterà ancor di più il controllo delle politiche di Trump nelle mani dei neoconservatori.

È stato Bolton che una settimana fa ha intenzionalmente danneggiato le relazioni degli USA con la Cina.

Il dipartimento di giustizia USA ha organizzato per il Canada l’arresto del direttore finanziario di Huawei, Meng Wanzhou, per presunte violazioni delle sanzioni USA riguardo all’Iran. Il caso non riguarda le sanzioni recentemente imposte da Trump, ma piuttosto uno presunto scontro con le sanzioni in regime prima dell’accordo sul nucleare con l’Iran. I dettagli sono ancora sconosciuti.

Meng Wanzhou è figlia del fondatore e principale proprietario di Huawei, Ren Zhengfei, e si stava preparando per essere il suo successore. La compagnia è estremamente ben considerata in Cina. È uno dei suoi gioielli e, con 170,000 impiegati e 100 milioni di dollari di entrate, un importante attore politico.

L’arresto nel primo dicembre è avvenuto mentre il presidente Trump negoziava con il presidente Xi della Cina riguardo agli accordi commerciali. Trump non era a conoscenza dell’arresto imminente ma Bolton ne era informato:

Mentre il dipartimento di giustizia USA ha informato la Casa Bianca dell’imminente arresto, al Sig. Trump non è stato detto. E il fatto non è venuto fuori durante la cena col Sig. Xi.

Il consigliere per la sicurezza nazionale del Sig. Trump, John R. Bolton, ha detto su NPR (National Public Radio, n.d.T) che lui sapeva dell’arresto in anticipo, …

Bolton sicuramente avrebbe dovuto informare Trump prima della sua cena con Xi, nella cui Bolton prese parte, ma non l’ha fatto.

Era una trappola. L’arresto è uno schiaffo in faccia pubblico alla Cina e a Xi personalmente. Non verrà lasciato senza risposta. Qualsiasi cosa Trump abbia concordato con Xi ora è inutile. John Bolton ha intenzionalmente sabotato i colloqui e le relazioni tra USA e Cina.

Huawei è un fabbricante cinese di dispositivi per telecomunicazioni. È il leader mondiale nella tecnologia 5G wireless che sostituirà a breve le reti wireless che conosciamo oggi tramite una molto più alta capacità di gestione dati , una più veloce risposta e molte altre funzionalità .

Dopo che Huawei fu fondata nel 1987, copiò la tecnologia da Cisco e altri fabbricanti americani. Oggi è una potenza tecnologica a tutti gli effetti. È una dei massimi inventori nel campo del 5G e nel corso degli ultimi anni ha archiviato migliaia di brevetti correlati. Il suo successo nel campo è stato genuinamente conquistato con le proprie forze:

Col 5G, le compagnie cinesi hanno cominciato a sviluppare know-how presto. Huawei ha investito 600 milioni di dollari nella ricerca sul 5G dal 2009, in accordo col portavoce della compagnia, e si è impegnata con altri 800 milioni per quest’anno. La compagnia sta testando l’apparecchiatura 5G con operatori di telecomunicazioni europei inclusi BT, Deutsche Telekom e Vodafone.

A partire dall’inizio del 2017, il 10% dei 1450 brevetti essenziali per le reti 5G erano in mani cinesi, in accordo con gli analisti e con Jefferies che ha scritto che si prevede che questa cifra cresca. Quel numero include la proprietà intellettuale dei diritti detenuti da Huawei, un’altra azienda manifatturiera cinese ZTE, e altri.

La percentuale di Huawei in brevetti 5G è aumentata ulteriormente da allora. Al giorno d’oggi è l’unico vero fornitore di 5G che può costruire una rete completa.

La compagnia è ancora dipendente dai chip fabbricati in Singapore, Taiwan e negli Stati Uniti. Ma Huawei e altre aziende cinesi stanno già investendo nella loro tecnologia per fabbricare questi chip. Progettano di utilizzare i processori a 7 nanometri che solo poche altre compagnie al mondo sono in grado di fornire. Huawei sta investendo anche in quantum computing.

L’arresto del 1° dicembre di Meng Wanzhou e di altri incidenti nello stesso giorno ha dato vita ad interessanti teorie cospiratorie nell’internet cinese (via Peter Lee):

Red @OmeletteRed – 19:09 utc- 6 Dec 2018

https://twitter.com/OmeletteRed/status/1070757115088855040

Una grande spiegazione del Rapimento Huawei, scritto da un compagno nel conflitto Deng Gang. Ci potrebbero essere molti aspetti da chiarire nello scioccante arresto in Canada, su ordine degli USA, del CFO di Huawei e legittimo erede Meng Wanzhou.

Le fonti cinesi hanno riunito i seguenti fatti:

  • Aprile 2017: un direttore del gigante tecnologico cinese Huawei ha personalmente scortato un famoso scienziato nato a Shangai, Zhang Shoucheng dall’hotel di quest’ultimo a Shenzhen. Jackson e Wood, professori di fisica alla Stanford University, con Zhang erano in citta per presenziare ad un summit sull’IT.
  • Settembre 2018: Prof. Zhang riceve una premio per la fisica in Europa, uno dei suoi molti. Il suo lavoro nella fisica quantistica ci si aspetta rivoluzionerà l’industria globale dei semiconduttori. Yang Zhenning, il primo scienziato cinese a vincere il premio Nobel per la fisica (1957), ha predetto che Zhang sarà il prossimo.
  • 1° Dicembre, 2018: Prof. Zhang e Meng Wanzhou sono attesi ad una cena in Argentina, dove il G20 avrà luogo.
  • 1° Dicembre, 2018: Durante il viaggio, Meng viene arrestata nel transito dal governo canadese.
  • 1° Dicembre, 2018: Prof. Zhang cade da un palazzo negli Stati Uniti e trova la morte, presunto suicidio. Si dice che soffrisse di depressione, aveva 55 anni.
  • 1° Dicembre, 2018: Un incendio scoppia nella notte in un’industria dell’olandese ASML, azienda leader nella produzione di litografia a ultravioletti estremi (EUVL). La EUVL è cruciale per la produzione della prossima generazione di semiconduttori, per cui le compagnie americane e cinesi insieme alla coreana Samsung stanno facendo a gara per essere le prime a portarle sul mercato. Il massimo esponente cinese di fabbricazione di semiconduttori SMIC ha ordinato tecnologia EUVL del valore di 120 milioni di dollari da ASML, per fissare la commessa all’inizio del 2019. Dopo l’incendio, ASML ha annunciato  che si aspettano ritardo nella spedizione dei suoi prodotti, soprattutto nell’inizio 2019.

Il Prof. Zhang era anche un finanziatore. Era uno dei soci finanziatori di un fondo di investimento con base nella Silicon Valley start-ups che investe principalmente in tecnologie ancora in fase iniziale. Danhua Capital, conosciuta anche come Digital Horizon Capital, detiene quote in start-up della Silicon Valley che lavorano sull’intelligenza artificiale, cyber security e droni. Danhua è sostenuta da Zhongguancun Development Group, un’entità di proprietà dello stato, fondata dal governo di Pechino. La compagnia è sotto scrutinio del Comitato sugli Investimenti Esteri negli Stati Uniti d’America (CFIUS) il quale sospetta che il suo obiettivo sia rubacchiare know-how americano e trasferirlo in Cina.

La famiglia di Zhang dice che la sua morte non ha niente a che fare con la tensione USA-Cina.

Al servizio di spionaggio e ai militari americani non piace la Huawei. Non possono più “hackerare” così facilmente i dispositivi che vende. Convincere Cisco o altre compagnie americane a lasciare back door nei loro dispositivi è abbastanza semplice. Si può sempre minacciare la dirigenza o il comitato amministrativo di queste compagnie con indagini fiscali o tramite qualche altra losca attività. Il che non è così semplice per una compagnia localizzata in Cina. Richiede la NSA a altri sforzi dispendiosi per raggiugere quell’obiettivo:

L’agenzia per la sicurezza nazionale (NSA) violò Huawei diversi anni fa con l’impegno a indagare le sue operazioni e i legami con le agenzie di sicurezza e militari cinesi, e per creare delle back door in modo da permettere all’ agenzia per la sicurezza nazionale di navigare nelle sue reti in giro per il mondo ogni volta che i dispositivi Huawei fossero usati.

Gli Stati Uniti stanno facendo pressione su diversi Paesi per non usare i dispositivi Huawei. Sostengono che il governo cinese potrebbe usarlo per spiarli. Questo pensiero è nato ovviamente quando le spie hanno guardato a quello che stavano facendo loro stessi. Australia, Nuova Zelanda e Giappone hanno già concordato di estromettere Huawei. Oggi, anche il commissario tecnico della UE Andrus Ansip  ha messo in guardia sull’uso di Huawei. Ansip è stato il primo ministro del protettorato USA in Estonia in precedenza. È conosciuto per essere una talpa americana e non è preso troppo sul serio:

La Germania, nel frattempo, ha detto che si oppone all’esclusione di qualsiasi azienda manifatturiera per la costruzione pianificata delle reti mobili 5G.

Meng Wanzhou, il CFO di Huawei arrestato, avrà l’udienza per la cauzione oggi (7 dicembre, l’udienza è stato aggiornata per lunedì alle 13.00, n.d.T.) in Canada. È possibile che dovrà lottare contro la sua estradizione negli Stati Uniti. Essere in piena conformità con le sanzioni USA è difficile e Huawei  potrebbe davvero non averlo sempre fatto . Quindi ancora, le accuse degli Stati Uniti riguardo alle sanzioni possono sempre essere costruite su aria fritta.

Le sanzioni non sono di sicuro la vera motivazione del perché Meng Wanzhou è sotto attacco. La Casa Bianca ha perfino ammesso ciò.

Meng Wanzhou è stata presa in ostaggio per essere usata come leva nei colloqui commerciali in Cina. La “leva” potrebbe anche essere usata per spingere Huawei a dare accesso all’NSA alle back door dei loro dispositivi. Questo è in stile con la politica attuata coi pirati somali o il principe saudita. La spietatezza di questo ricatto è da togliere il fiato. Queste misure estreme fanno parte del tipico comportamento neocon. La politica estera di Trump  è gestita dei neoconservatori e ancora stanno creando, come quando hanno preparato il terreno per invadere l’Iraq con false informazioni, un danno enorme:

Melania aveva ragione quando disse ad un intervistatore in Africa che suo marito è circondato da nemici all’interno della sua amministrazione. Queste sono persone che si sono opposte durante la sua campagna elettorale del 2016 o che ne hanno aderito con l’aspettativa di trovare lavoro nell’amministrazione Trump e in entrambi i casi avevano capito che un presidente non abituato a pensare seriamente ad altro che ai suoi affari può essere manipolato o ingannato nel perseguimento della loro agenda personale piuttosto che la sua o quella dei “deplorables”.

Queste persone sono demoni che cercano un ruolo sempre più egemone e dominante per gli Stati Uniti nel mondo. Sono veri e propri imperialisti di razza mai visti dal tempo di McKinley e la guerra filippino-americana.

Bolton, Pompeo, il suo nuovo aiutante Mary Kissel, dozzine e dozzine di avanzi di globalisti di Obama, e gente che trova il modo rozzo di fare di Trump disgustoso, stanno tutti indebolendo l’amministrazione dall’interno e Trump non fa nulla a riguardo.

Trump è competente in materia di politiche finanziarie, riforme normative e negoziati commerciali? Io penso che lo sia, ma sta permettendo ai neocon di distruggere la possibilità di relazioni politiche razionali in Europa e medio Oriente.

… e con la Cina.

William Barr è appena stato nominato come Procuratore Generale. Ha già occupato quella posizione durante l’amministrazione G.W.Bush e crede in un “esecutivo unitario”, dittatura e potere esecutivo. Kelly sta lasciando. Bolton e Pompeo sono le orecchie di Trump e lo manipoleranno facendo scegliere uno dei loro amici per rimpiazzare Kelly. Il Segretario della Difesa Mattis sarà il prossimo ad essere cacciato. Quando tutte le persone selezionate da Bolton saranno operative, la politica estera degli Stati Uniti diventerà anche più radicale di quanto già lo sia.

Prendere in ostaggio il CFO di una delle più importante compagnie della Cina per acquisire il controllo della sua tecnologia e come leva per i negoziati commerciali è già una misura estrema che a lungo termine avrà effetti distruttivi  sulle relazioni tra USA e Cina. Immagina cos’altro potrà essere fatto quando quel poco rimasto di legale e decente nella politica estera degli Stati Uniti verrà completamente buttato via.

 

Fonte: www.moonofalabama.org

Link:  https://www.moonofalabama.org/2018/12/neocons-sabotage-trumps-trade-talks-huawei-cfo-taken-hostage-to-blackmail-china.html#more

7.12.2018

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da QUOKKAS

 

 

 

Pubblicato da Davide

5 Commenti

  1. Vincenzo Siesto da Pomigliano

    Si sapeva già che negli USA esiste un potere parallelo a quello legale che agisce e controlla nell’ombra: la massoneria neocon, per l’appunto, che scalpita per avere l’ egemonia totale nel mondo!
    Questa situazione non potrà che portare ad una guerra aperta tra le superpotenze! Le condizioni ci sono tutte. Solo che i neocon la cercheranno di fare sul territorio degli altri. Occhio!

  2. La cosa comincia a preoccuparmi seriamente forse è il caso di costruirsi un bunker nucleare.
    Perché la strada che si sta prendendo è molto pericolosa e non posso credere che questi tizzi pensino che la teoria del primo colpo funzioni e il nemico loro non reagisca o sia completamente annichilito e distrutto.

  3. Di fatto è un atto di guerra. A differenza dell’ articolista non so se Trump sapesse o non sapesse…comincio a dubitare che il giochino sia poliziotto buono – poliziotto cattivo…

  4. “tecnologia 5G wireless che sostituirà a breve le reti wireless che conosciamo oggi”

    Non è esatto. La tecnologia 5G si aggiungerà alle reti wireless che conosciamo oggi, sovrapponendosi ad essa per un periodo di tempo indefinito, a tariffe maggiori.

    Già oggi abbiamo colline, grattacieli, condomini, lampioni, ecc. adornati di antenne per saturare l’ambiente in cui viviamo di onde elettromagnetiche, con sovrapposizione di reti wind-infostrada, vodafone, 3, TIM, ecc. ecc. Ogni appartamento ha la sua rete casalinga wifi che 24 h al giorno satura non solo l’ambiente domestico ma l’intero condominio, così gli utenti pagano ognuno il proprio canone, mettendo password per impedire ai vicini di utilizzare il proprio wifi, che si somma a quello di tutti gli altri. Neanche nel metro si è più wifi free, come tutti ben possono osservare utilizzandolo per spostarsi in città “senza inquinare”!!!

    A questa follia consumistica si sommerà quella mille volte più potente e pervasiva del 5G, con frequenze aumentate in condizioni mai testate sulla salute e integrità degli organismi biologici, a cominciare dal nostro corpo e dal nostro cervello, che già riceve l’insulto della modificazione funzionale del pensiero stesso, senza la benchè minima preparazione e difesa. Sto dicendo che al rincoglionimento per mezzo internet si somma il danno biologico a livello delle stesse cellule di cui siamo fatti.

    Nell’articolo qui sopra si denunciano gli enormi interessi finanziari e geopolitici che ruotano attorno all’impiego di massa di tale tecnologia, forieri di conflitti gravissimi e pericolosissimi per il genere umano, ma mai quanto l’uso sconsiderato di nuove tecnologie impiegate senza la minima precauzione per la salute e la stessa sopravvivenza umana.
    Si investono cifre colossali nella ricerca dei risultati più performanti mentre si censurano gli studi indipendenti sulle conseguenze biologiche delle tecnologie stesse.

    Tra la guerra nucleare Cina-Russia verso USA e complici e la guerra verso la biosfera che ci da la vita cosa è peggio? Tra americani e cinesi cosa possiamo aspettarci riguardo al principio di precauzione in caso d’ignoranza della biologia di cui siamo parte?

    • Zazà la Superscimmia

      Non sono un tecnico, ma una cosa la so bene: quando accendo il wifi in casa mia, dopo un po’ sento un senso di fastidio e oppressione alla testa. Una volta ho dimenticato il wifi acceso per un paio di giorni, e ho passato due notti interamente in bianco, proprio a causa di quella sensazione fastidiosa. L’ho detto a qualche tecnico e mi hanno sempre riso in faccia dicendo che il wifi è niente in confronto al bombardamento a cui siamo continuamente sottoposti. Io resto comunque del mio parere. Ci sono persone più sensibili, altre meno, ma sono sicuro che la tecnologia wireless e soprattutto l’uso intenso del cellulare non fanno certo bene alla salute. Un giorno ci diranno, come è già avvenuto per amianto e sigarette, che si trattava di tecnologie dannose alla salute. Io lo so già per esperienza personale.