I militari statunitensi e britannici sono i più grandi inquinatori al mondo

di Leonid Savin

Geopolitica.ru

 

Non è necessario essere un ambientalista professionista per vedere come Washington e i suoi partner del G7 pagano a parole la protezione ambientale. Sentiamo costantemente parlare delle iniziative “verdi” nell’ambito dell’accordo sul clima di Parigi e della necessità di ridurre le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera. Si parla addirittura della necessità di introdurre quote per gli Stati. È logico presumere che se gli Stati Uniti si sono impegnati nelle restrizioni, dovrebbero anche farle in pratica.

Anche il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti si sta concentrando sulle questioni ambientali. Il 7 ottobre 2021, il Pentagono ha emesso il suo “Piano di adattamento al clima” [1].

In risposta alla pubblicazione del documento, i media specializzati negli Stati Uniti hanno notato [2] che “i militari americani dovranno comprendere e anticipare come lo stress climatico influenzerà la stabilità globale, nelle aree del mondo in cui operano oggi e dove potrebbe essere necessario operare domani. I loro pensieri su questa sfida saranno presto pubblicati in una valutazione del rischio climatico. Inoltre, avranno il compito di ridurre le emissioni, aumentare l’efficienza energetica e le energie rinnovabili e integrare i veicoli elettrici. In risposta, pubblicheranno un Rapporto di Sostenibilità e un Piano di attuazione entro la fine dell’anno, dopo la pubblicazione dell’atteso Sustainability Executive Order.”

È stato anche notato [3] che le altre linee di sforzo del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti includono:

  • garantire l’accesso a dati di qualità su clima e ambiente e creare processi decisionali che includano tali informazioni, riducendo i costi e il rischio per le operazioni;
  • addestrare le truppe a resistere a condizioni meteorologiche estreme e garantire che l’attrezzatura possa funzionare a temperature molto alte e molto basse;
  • ridurre il rischio di inondazioni, incendi ed altri disastri naturali sulle installazioni militari valutando continuamente il rischio per le basi e altre strutture;
  • rafforzare la cooperazione con le nazioni partner ed altre agenzie statunitensi che possono aumentare le conoscenze sui cambiamenti climatici, aiutare a costruire la resilienza e ridurre i costi.

Tuttavia, in base al budget dell’anno fiscale 2023, non ci sarà quasi nulla da spendere per i programmi climatici, perché gran parte del denaro aggiunto è destinato a “flussi di investimenti esistenti” come progetti di costruzione militare e acquisizione di attrezzature convenienti.

Nel complesso, il piano del Pentagono si basa su valutazioni abbastanza razionali. In contrasto con la retorica dei leader politici in Occidente, non ci sono appelli emotivi per l’introduzione immediata di “energia verde” o minacce inverosimili riguardo all’uso dell’energia nucleare e dei tipi tradizionali di combustibile. Né si parla di tutela dell’ambiente. L’esercito americano considera semplicemente il possibile cambiamento climatico come una delle sfide a cui deve essere preparato.

Si è già detto [4] che il “Dipartimento della Difesa (DoD) americano ha iniziato a riconoscere che gli attori non statali e le nazioni ostili non sono le uniche o nemmeno le minacce più complesse esistenti, poiché le basi militari e le infrastrutture di supporto sono soggette a uragani più gravi e all’innalzamento del livello del mare in tutto il mondo. Ciò è stato chiaramente evidente quando l’uragano di categoria 5 Michael ha bombardato la base aeronautica di Tyndall in Florida lo scorso settembre, danneggiando gravemente il 95 percento dei suoi edifici e costando 5 miliardi di dollari in riparazioni di aerei. Sono state intraprese diverse iniziative, tra cui la costruzione di dighe intorno alle basi militari vulnerabili alle inondazioni e l’aggiornamento delle politiche sulle malattie legate al calore con misure di prevenzione migliorate e protocolli di trattamento per far fronte all’aumento delle temperature. Le valutazioni del Dipartimento della Difesa, come il Rapporto del 2019 sugli effetti dei cambiamenti climatici al Dipartimento della Difesa e il Manuale sulla resilienza climatica dell’esercito del 2020 rappresentano solo alcuni degli sforzi compiuti dal colossale apparato della sicurezza nazionale degli Stati Uniti per affrontare i sintomi del cambiamento climatico… Le forze armate statunitensi hanno intrapreso i primi passi per affrontare il cambiamento climatico, hanno ancora molta strada da fare per i suoi sforzi di mitigazione e adattamento, oltre a spostare la mentalità strategica verso l’integrazione delle considerazioni sul clima nel processo decisionale militare.”

Nel 2019, l’US Army War College ha pubblicato un rapporto [5] che suggerisce che il cambiamento climatico influenzerà direttamente gli interessi militari. Da un lato, uragani e altri disastri naturali potrebbero causare danni considerevoli alle infrastrutture militari del Pentagono e, dall’altro, l’adattamento delle forze armate di altri Paesi alle nuove condizioni meteorologiche potrebbe dare ai potenziali avversari di Washington un vantaggio competitivo. Innanzitutto, l’esercito americano si riferisce alla Russia e all’Artico.

Nel frattempo, i think tank stanno escogitando ogni tipo di iniziativa come una sorta di cortina fumogena democratica. Ad esempio, il Centro per il Clima e la Sicurezza [6], il cui comitato consultivo comprende molti generali e ammiragli in pensione, sta cercando di dimostrare di essere attivamente coinvolto nelle questioni ambientali e nel controllo dell’inquinamento.

Eppure, dopo l’elezione di Joe Biden a presidente degli Stati Uniti, gli esperti statunitensi si chiedevano [7] ancora se ci sarebbero stati cambiamenti nella politica militare in generale a seguito dell’agenda climatica promossa dai Democratici durante la loro campagna elettorale.

Curiosamente, il rapporto del Pentagono del 7 ottobre è stato pubblicato alla vigilia della 26a Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) che si terrà a Glasgow dal 31 ottobre al 12 novembre.

Allora, cosa sta succedendo davvero? Qual è il ruolo delle forze armate statunitensi nell’attuale cambiamento climatico? La realtà è in netto contrasto con le grandi dichiarazioni fatte dai politici statunitensi.

Nel 2019, il Watson Institute for International and Public Affairs ha pubblicato un documento [8] sull’impatto delle forze armate statunitensi sull’ambiente che contiene informazioni interessanti e dettagliate [9] sull’inquinamento militare statunitense in tutto il mondo.

Citando più fonti, il rapporto afferma che, tra il 1975 e il 2018, le emissioni di CO2 del Pentagono sono state pari a 1.267 milioni di tonnellate. Le emissioni annuali del Pentagono superano di gran lunga quelle dell’industria siderurgica statunitense e le emissioni totali di Paesi come Svezia, Danimarca e Portogallo.

Tra il 2001 e il 2018, le emissioni delle operazioni all’estero sono state pari a 440 milioni di tonnellate.

Le installazioni che supportano le operazioni statunitensi e la capacità di proiezione di energia includono più di 560.000 strutture con oltre 275.000 edifici in 800 basi situate su circa 27 milioni di acri di terra negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Nell’anno fiscale 2017, il Dipartimento della Difesa ha speso 3,5 miliardi di dollari per il riscaldamento, il raffreddamento e la fornitura di elettricità alle sue strutture e, nel 2016, ha speso 3,7 miliardi di dollari. Ogni installazione può produrre emissioni di gas serra. Lo stesso edificio del Pentagono, situato ad Arlington, in Virginia, ha emesso 24.620,55 tonnellate di CO2 nel 2013 [10].

L’esercito, la marina e l’aeronautica degli Stati Uniti consumano all’incirca la stessa quantità di energia.

I dati dettagliati per il 2014 mostrano quale comando ha utilizzato energia e per quale scopo.

Gli scienziati hanno anche calcolato l’effetto combinato delle attività e degli interventi militari statunitensi, tra cui:

  1. Emissioni di gas serra da basi militari e operazioni non belliche;
  2. Emissioni legate alle guerre statunitensi all’estero;
  3. Emissioni dell’industria militare statunitense, per esempio per la produzione di armi e munizioni;
  4. Emissioni causate dal targeting diretto del petrolio, ovvero l’incendio deliberato di pozzi petroliferi e raffinerie da parte di tutte le parti;
  5. Fonti di emissioni di altri belligeranti;
  6. Energia consumata durante la ricostruzione di infrastrutture danneggiate e distrutte;
  7. Emissioni da altre fonti, come sostanze chimiche antincendio ed estinguenti, incluso l’Halon, un gas serra e da esplosioni e incendi dovuti alla distruzione di obiettivi non petroliferi nelle zone di guerra.

Il documento fornisce anche statistiche dettagliate sugli aerei militari: quale modello consuma quanto carburante e produce quante emissioni di CO2.

Vi si afferma: “Le forze armate statunitensi hanno l’opportunità di ridurre i rischi associati ai cambiamenti climatici… riducendo il loro ruolo nella creazione di emissioni di gas serra. Anche se si verificheranno sicuramente un aumento del livello del mare e un’estinzione di massa… le conseguenze più terribili del cambiamento climatico e le minacce e le conseguenze associate alla sicurezza nazionale non sono già state integrate nel sistema. C’è tempo per agire per ridurre le emissioni di gas serra ed è urgente farlo. Se le forze armate statunitensi dovessero ridurre significativamente le proprie emissioni di gas serra, il terribile cambiamento climatico avrebbe causato minacce alla sicurezza nazionale che le forze armate statunitensi temono e prevedono abbiano meno probabilità di verificarsi.”

Il documento del Watson Institute afferma inoltre: “La riduzione dell’uso militare di combustibili fossili sarebbe vantaggiosa in quattro modi. In primo luogo, gli Stati Uniti ridurrebbero le emissioni complessive di gas serra. Ciò mitigherebbe in tal modo il cambiamento climatico e le relative minacce alla sicurezza nazionale. In secondo luogo, ridurre il consumo di combustibili fossili avrebbe importanti vantaggi politici e di sicurezza, inclusa la riduzione della dipendenza delle truppe sul campo dal petrolio, che i militari riconoscono li rende vulnerabili agli attacchi nemici. Se l’esercito americano dovesse ridurre significativamente la sua dipendenza dal petrolio, gli Stati Uniti potrebbero ridurre le risorse politiche e di carburante che usano per difendere l’accesso al petrolio, in particolare nel Golfo Persico, dove concentrano questi sforzi. Terzo, diminuendo la dipendenza degli Stati Uniti dagli Stati ricchi di petrolio, gli Stati Uniti potrebbero quindi rivalutare la dimensione della presenza militare statunitense nel Golfo Persico e rivalutare la loro relazioni con l’Arabia Saudita e altri alleati nella regione. Infine, spendendo meno soldi in carburante e operazioni per fornire un accesso sicuro al petrolio, gli Stati Uniti potrebbero ridurre le loro spese militari e riorientare l’economia verso attività economicamente più produttive.

Questi sembrano suggerimenti ragionevoli, ma l’esercito americano li seguirà? Sono passati due anni da quando il documento è stato pubblicato e non solo l’approccio non è cambiato, ma si è limitato ad una pomposa retorica. Il piano del Pentagono si concentra sulla risoluzione pragmatica dei problemi piuttosto che sullo sviluppo di meccanismi per ridurre effettivamente l’inquinamento. Dopotutto, gli Stati Uniti dovrebbero proprio ridurre le proprie basi militari all’estero, principalmente in Giappone, Corea del Sud e Germania.

A tenere compagnia al Pentagono come uno dei principali inquinatori dell’ambiente sono le forze armate britanniche. Il primo calcolo indipendente del suo genere [11] ha rilevato che il settore militare e industriale del Regno Unito emette annualmente più gas serra di 60 singoli Paesi, come l’Uganda, che ha una popolazione di 45 milioni di persone.

Il settore militare del Regno Unito ha emesso 6,5 milioni di tonnellate di CO2 equivalente nell’atmosfera terrestre tra il 2017 e il 2018. Di queste, il rapporto stima che le emissioni totali dirette di gas serra del Ministero della Difesa del Regno Unito nel 2017-2018 siano state di 3,03 milioni di tonnellate di CO2 equivalente.

La cifra per il Ministero della Difesa è più di tre volte il livello di 0,94 milioni di tonnellate di emissioni di carbonio riportato nel testo principale della relazione annuale del Ministero della Difesa ed è paragonabile alle emissioni dell’industria automobilistica del Regno Unito.

Il nuovo rapporto del dottor Stuart Parkinson di Scientists for Global Responsibility afferma che il Ministero della Difesa britannico sta “ingannando” il pubblico sui suoi livelli di emissioni di carbonio.

L’analisi utilizza anche un metodo diverso per calcolare le emissioni di carbonio delle forze armate britanniche, sulla base della spesa annuale per la difesa, che rileva che l’”impronta di carbonio” totale delle forze armate britanniche ammonta a 11 milioni di tonnellate di CO2 equivalente. Questo è più di 11 volte superiore alle cifre fornite nel testo principale delle relazioni annuali del ministero della Difesa.

Mentre gli Stati Uniti hanno semplicemente taciuto e hanno cercato di non sollevare la questione dell’effetto delle forze armate statunitensi sull’ambiente, il Regno Unito ha deciso di utilizzare la tecnica collaudata dell’orientare i media; cioè: travisare i dati.

Non importa quanto funzionari di alto livello a Washington e Londra parlino della necessità di proteggere l’ambiente: non c’è dubbio che le forze armate statunitensi e britanniche siano, di fatto, la più grande minaccia per l’ambiente del pianeta.

[1]https://media.defense.gov/2021/Oct/07/2002869699/-1/-1/0/DEPARTMENT-OF-DEFENSE-CLIMATE-ADAPTATION-PLAN.PDF

[2]https://www.defenseone.com/ideas/2021/10/pentagons-new-climate-plan-aims-manage-unavoidable/185895/

[3]https://breakingdefense.com/2021/10/with-new-plan-pentagon-embraces-climate-change-fight/

[4]https://smallwarsjournal.com/jrnl/art/preparing-climate-change-worlds-top-militaries

[5]https://climateandsecurity.org/2019/08/army-war-college-the-u-s-military-is-precariously-underprepared-for-climate-change/

[6]https://climateandsecurity.org/

[7] https://inthesetimes.com/article/biden-climate-change-american-militarism-russia

[8] https://watson.brown.edu/costsofwar/papers/ClimateChangeandCostofWar

[9]https://watson.brown.edu/costsofwar/files/cow/imce/papers/Pentagon%20Fuel%20Use,%20Climate%20Change%20and%20the%20Costs%20of%20War%20Revised%20November%202019%20Crawford.pdf

[10] https://www.epa.gov/ghgreporting/ghg-reporting-program-data-sets

[11]https://declassifieduk.org/exclusive-uk-military-and-arms-companies-produce-more-carbon-emissions-than-60-individual-countries/

 

*****************************************************

Articolo originale di Leonid Savin:

https://www.geopolitica.ru/en/article/us-and-uk-military-are-world-biggest-polluters

Traduzione di Costantino Ceoldo

Notifica di
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
clausneghe
clausneghe(@clausneghe)
Utente CDC
6 Novembre 2021 8:55

Una Verità che io a differenza della maggioranza dei beoti ho sempre saputo, e cioè che i militari e le loro folli guerre e giochi di guerra sono i più grandi devastatori del Pianeta con buona pace dei Gretini che credono l’attuale parossismo climatico dipenda dai motorini, dalle bombolette e dal non riciclare i Tampax. Pensate per es. e questa è storia, che già nel 1966 l’URSS fece detonare sull’Artico una mega bomba atomica che per potenza riassumeva tutte le esplosioni della 2 WW comprese le due atomiche lanciate dagli assassini a sangue freddo Americani sui Giapponesi. Una colonna di gas roventi si elevò a ben 65 km, l’onda d’urto arrivò a migliaia di km e una scossa tellurica fece tre volte il giro del mondo. Ed eravamo mezzo secolo fa, figuriamoci ora cosa hanno in mano i devastatori militari di tutte le Nazioni, nessuna esclusa. E fermiamoci a pensare, quali sono i veri mali e pericoli del mondo? Virus fantomatici o ordigni in agguato? Se arriva la guerra cinetica, come tutto sembra indicare, i beoti che credevano di salvarsi la vita con il siero magico che tra l’altro gli viene proposto e fornito dagli stessi personaggi che gestiscono gli… Leggi tutto »

Primadellesabbie
Primadellesabbie(@primadellesabbie)
Utente CDC
Risposta al commento di  clausneghe
6 Novembre 2021 18:48

Claus, negli anni ’50 i francesi facevano i loro esperimenti atomici nel Sahara e, da allora, lo scirocco ci porta una sabbia ‘speciale’.

Se non parlano dell’inquinamento prodotto dagli eserciti siamo sicuri che gli obiettivi non sono quelli che dichiarano.

Rnamessaggero
Rnamessaggero(@rnamessaggero)
Utente CDC
6 Novembre 2021 8:58

Bellissima esposizione dei fatti, tutto intuibile, avere dei dati però fa la differenza. Anni fa sui cieli europei, aerei carichi di bombe atomiche, volavano 24/24, per via del pericolo Russia, poi per fortuna hanno inventato missili affidabili che inquinano come aerei 24/24 ma almeno non li hai sempre sulla testa. I soldati di un tempo vivevano nei campi, venivano reclutati solo in caso di guerra, erano tempi etero. Adesso i militari sono omosessuali, vivono nelle stesse camerate, fanno la doccia assieme, respirano l’ uno la puzza dell’ altro e sono felici. Non è colpa loro, cioè degli omosessuali ma di chi li usa, sia ben chiaro, dal mio punto di vista l’ omosessuale non è tanto quello dei rapporto sessuali tra uomini ma quanto più l’ uomo che gode a sottomettere un altro uomo, potrebbe avere anche dieci mogli e 90 figli, sempre omosessuale rimane. Detto questo, resta il problema di dove mettere tutti i militari se un barlume di razionalità dovesse impossessarsi degli omosessuali al comando, sono tanti, non hanno mai lavorato e hanno problemi di coscienza e tutto l’ apparato indotto militare resterebbe disoccupato. Sono ominidi talmente deviati che hanno dato luogo alle olimpiadi militari, basta andare su… Leggi tutto »

Ultimo aggiornamento 1 mese fa effettuato da Rnamessaggero
clausneghe
clausneghe(@clausneghe)
Utente CDC
Risposta al commento di  Rnamessaggero
6 Novembre 2021 9:08

Tranquillo, se le cose andranno come mi immagino vedrai che presto finiranno arrostiti a tonnellate, i militari che si ritroveranno in una guerra che nessuno vincerà.. Poi, quando e se finirà, nel mondo purificato dal fuoco non ci sarà più posto per gli uccisori di professione, i militari appunto.

4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x