Home / ComeDonChisciotte / Grecia 2020: terra di conquista

Grecia 2020: terra di conquista

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.org

Gennaio per la Grecia è iniziato come mese delle ultime feste, come la Teofania (la nostra Epifania) ed il suo rito della Benedizione dell’acqua, ma ben presto gli avvenimenti hanno riportato i greci alla dura realtà. L’elezione del nuovo Presidente della Repubblica, la signora Sakellaropoúlou, ex presidente del Consiglio di Stato, nota per avere “salvato”, in quella veste, due memoranda e pure l’accordo sulla Macedonia del Nord da “pericolosi” ricorsi, non fa che confermare che gli invasori hanno trovato molti volonterosi carnefici del proprio paese pronti a servirli, e ad attendere fedeli la loro ricompensa. Intanto, la Turchia si annette, via accordo con il sedicente presidente libico Al Serraj, pezzi di mare sotto il controllo greco, mentre il governo Mitsotakis tace e si affida – senza dichiararlo – ai successi dell’altro contendente, Haftar, ed ai suoi trascorsi alle scuola di guerra ad Atene, sperando che se ne ricordi, quando sarà il momento. Intanto, nell’ultima parte del mese, sono avvenute massicce proteste in molte isole, ormai allo stremo a causa della massiccia presenza di immigrati, il cui numero – pur largamente sottostimato dalle autorità – è ormai paragonabile a quello degli abitanti. I diritti dell’uomo (interpretati “alla Soros”) ormai sono usati contro il popolo. E non mancano quelli che, come in ogni guerra, approfittano della situazione: bar, taverne, alberghi dove alloggiano e passano il tempo quelli delle ONG, e i proprietari dei terreni dove si costruiscono i campi, pagati a peso d’oro dalle stesse ONG.

 

Da “Anno delle… noccioline!” – pubblicato Lunedì 6 gennaio 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

Noccioline dalla regione. Tríkala, gennaio 2020

Le vacanze stanno per finire. Il 6 gennaio è l’Epifania, la Teofania per i paesi ortodossi, più la neve dalla periferia di Atene a Creta. L’ormai leggendaria attrazione della città di Tríkala in Tessaglia Occidentale chiude i battenti fino a dicembre. Nel frattempo, i prodotti locali, tra cui le famose e… meritevoli noci di Tríkala, saranno ancora disponibili sul mercato. Il 2020, già un anno piuttosto… folle, se giudichiamo da alcune, diciamo così, azioni inaugurali che minano ulteriormente l’attuale sistema geopolitico.

(…)

Una sala dell’ex hammam ottomano ospita attualmente una mostra temporanea dedicata al meccanismo di Anticythera, la prima antica calcolatrice analogica per il calcolo delle posizioni astronomiche. Si tratta di un meccanismo in bronzo composto da decine di ruote dentate, unite e disposte su più piani, ed è l’unico nel suo genere, i cui frammenti sono stati trovati nel 1901 nel relitto di una Siracusía, una nave mercantile lunga 100 metri, la più grande nave dell’antichità romana. Il naufragio è datato al I secolo a.C., vicino all’isola di Anticythera, tra Citera e Creta. Questo meccanismo ad ingranaggi, il più antico conosciuto, in realtà è il primo “laptop” della storia, è conservato nel Museo Archeologico Nazionale di Atene.

Mostra del Meccanismo Anticitera, Tríkala, gennaio 2020

Tessaglia in… festa. (…) Sicuramente si visita il famoso “mulino”, e si visitano anche i monasteri della regione, perché oltre alle famose Meteore, ce ne sono tante altre nelle vicinanze, quelle che giustamente sfuggono all’ondata turistica e rimangono così autentiche perché le Meteore sono state trasformate in musei nel corso degli anni.

Questi altri monasteri, fortemente legati alla popolazione locale, ricevono i loro visitatori. Piccoli e grandi momenti di scambio tra monaci e fedeli, (…) durante la discussione che precede la loro partenza. La suora che li riceve spiega che ci vive da 52 anni e che il suo monastero non ospita più i fedeli per la notte a causa delle intemperanze [degli stessi]. “Negli ultimi anni, molte persone si sono comportate come turisti, facendo rumore di notte e persino disturbando i nostri momenti di riposo e di preghiera, questo è il nostro mondo di oggi, vedete.

Gli altri monasteri, legati alla popolazione locale. Regione di Tríkala, gennaio 2020

I festeggiamenti di fine anno si avvicinano alla fine, e oggi è l’Epifania. “Quella che viene chiamata abusivamente – secondo i teologi – l’Epifania ortodossa è in realtà la celebrazione della Teofania, la memoria del battesimo di Cristo nel fiume Giordano. (…)

In questo giorno si svolge la tradizionale cerimonia di benedizione dell’acqua, in una chiesa o su una riva della Grecia. In tutto il Paese, i Pope si imbarcano su una barca o dalle rive, recitano benedizioni per ringraziare il cielo del dono dell’acqua. In seguito, prendono la croce, alla quale è attaccato un rametto di basilico, e la gettano in acqua. I giovani si tuffano per trovare la croce. Una volta che l’hanno recuperata, la consegnano al sacerdote, colui che la cattura per primo sott’acqua diventa, naturalmente, l’eroe del giorno, o addirittura del nuovo anno.

Tranne che in questa Teofania del 2020 il tempo è terribile, pioggia e neve stanno spazzando il paese, e la navigazione è addirittura limitata a causa di forti venti di forza 9 a 11 sulla scala Beaufort. Il comune dell’isola di Póros, per esempio, vicino al Peloponneso, ha appena annunciato che durante la cerimonia del mattino, la croce non sarà gettata in mare da una barca come al solito, ma dalla riva a causa del tempo, stampa locale, 6 gennaio 2020.

(…) L’anno inizia ed è quindi… la sua festa. Nella città di Tríkala il mercato locale offre sempre la sua frutta e verdura di stagione di qualità molto migliore che ad Atene secondo i visitatori. (…)

Natale e Teofania nel villaggio, più prosaicamente è soprattutto la felicità della nostra Mimì di Crisi greca, dall’alto dei suoi 16 anni ha trovato le gioie del giardino.

Il paese è sotto la neve, ma ci stiamo riscaldando come meglio possiamo. Un grande grazie agli amici di questo blog. Grazie in anticipo per il vostro sostegno! La nostra campagna di sostegno ha raggiunto il suo obiettivo nel dicembre 2019, contiamo su di voi per andare fino in fondo… alla fine di gennaio 2020 e, se possibile, anche dopo e a lungo termine. Nuovo… anno!

Mimi di Greekcrisis nel villaggio. Regione di Tríkala, gennaio 2020

———————————————-

Da “Bella vernice!” pubblicato Sabato 18 gennaio 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

(…)

Vernice subdola, vernice che si trova ovunque(…). Sotto la sua lucentezza, in dieci anni la cosiddetta “crisi greca” abbonda di innovazioni… di vernice in vernice. I greci nella loro maggioranza silenziosa e dolorosa, eccetto quelli delle classi agiate, ricordano ancora il suo momento inaugurale, sotto il criminale politico George Papandreou. “Il momento è arrivato”, ha detto in quel lontano giorno del 23 aprile 2010.

(…) “I nostri partner faranno il necessario per fornirci un porto sicuro dove poter rimettere a galla la nostra nave e per inviare ai mercati il messaggio che l’Unione Europea non sta giocando e che sta proteggendo l’euro”, la truffa del secolo.

(…) Pávlos, un medico in pensione, sta assaporando la fine della sua sigaretta e con essa la fine del suo mondo, per non dire del nostro.

“Presto finalmente lascerò questa terra, basta sacrifici. Addio bastardi, addio traditori, addio maledetti. Politici disonesti, presi dai Rothschild e i Sóros, la Black Rock e i Goldman Sachs. Voi realizzate i loro piani, (…) Voi consegnate la Grecia a Erdogan, ora questo accordo marittimo tra Turchia e Libia non è altro che una forma di occupazione e di guerra in mare consegnata a noi. (…) È come ai tempi dell’assassino Kissinger, la cosiddetta Colomba della Pace, quando nel 1974 i nostri politici avevano definitivamente tradito Cipro, sempre gli stessi, il vecchio Karamanlis prima dopo i colonnelli. Democrazia di merda!”

Visita del maresciallo Khalifa Haftar ad Atene. Stampa greca del 17 gennaio 2020
Khalifa Haftar e il suo tweet con la bandiera greca. Stampa greca del 17 gennaio 2020
Kissinger secondo la visione greca. Atene, anni ’80

Il presidente turco Erdogan ha firmato, come sappiamo, a fine novembre, il suo accordo marittimo illegale con il suo burattino in Libia, Faïez Sarraj, capo del governo libico riconosciuto dalle potenze, che “dà” alla Turchia l’accesso alle zone economiche in Grecia e a Cipro. Secondo i media greci, “il governo Mitsotákis sarebbe stato informato di questo accordo in vista, ma non ha fatto nulla, nulla di visibile, e ci si chiede allora perché tale inerzia”, radio 90.1, Lámbros Kalarrýtis trasmette, settimana del 7 gennaio.

Ankara ha, inoltre, fatto propria la causa del cosiddetto governo libico, riconosciuto nel conflitto che lo oppone alle forze del maresciallo Khalifa Haftar, signore della guerra nella parte orientale del Paese, sostenuto dall’Egitto, dagli Emirati Arabi Uniti e dalla Russia. Dettaglio… ma sempre [parte] della storia, Khalifa Haftar, così come buona parte del suo staff, sono ufficiali in parte addestrati alla Scuola di Guerra di Atene, spesso parlano greco e forse in qualche modo sposano le posizioni greche nella vicenda, le stesse posizioni, diciamo, che i politici greci avrebbero dovuto difendere.

In una visita a sorpresa ad Atene, Khalifa Haftar è stata ricevuto da Kyriákos Mitsotákis venerdì 17 gennaio, e ora la stampa greca coglie l’occasione per sottolineare “il ritorno della Grecia alla geopolitica della regione”. Il signore della guerra libico non ha mancato di dichiarare che “l’accordo firmato tra Erdogan e Sarraj è nullo perché il governo di Sarraj non è rappresentativo del paese”, stampa greca del 17 gennaio.

Nel suo programma su 90.1 FM, Lámbros Kalarrýtis capisce che per fare meglio, la Grecia avrebbe potuto ufficialmente contestare la legalità dell’accordo Erdogan – Sarraj all’ONU prima del 17 gennaio, lo ha fatto davvero? Theodore Kariótis, un accademico degli Stati Uniti, ha affermato in un articolo pubblicato di recente che “in assenza di mappe ufficiali greche, soprattutto davanti alla Corte internazionale di giustizia dell’Aia, sono le mappe che la Turchia sta preparando dal 1974 quelle che probabilmente saranno convalidate”, stampa greca del 16 gennaio.

Per Pávlos, il nostro medico in pensione, (…) “Vedo bene, e presto, il momento in cui scoppierà la guerra, e sentiremo le sirene suonare. Le nostre isole nell’Egeo orientale saranno poi attaccate da questa Turchia bulimica e noi dovremo reagire, speriamo in ogni caso. La questione allora è solo fino a che punto una tale guerra sarà al 100%, o solo all’80%, una partita truccata, solo per far accettare la pillola della contrazione territoriale del Paese ai greci (…) Poi i media andranno a magnificare l’attuale Presidente del Consiglio di Stato, scelto da Mitsotákis per prendere il posto dell’attuale Presidente della Repubblica. Un’altra vergogna e una di troppo, è un cane da guardia, utile all’occupazione. Che San Nicola protegga noi e i suoi marinai…”.

Kateríni Sakellaropoúlou, 63 anni, futuro Presidente. Stampa greca, gennaio 2020

(…) Come promemoria, le realtà omicide di oggi lasciano pochi dubbi. Sakellaropoúlou è il magistrato che ha convalidato i primi due protocolli del Memorandum imposto dalla Troika, così come la rapina organizzata dall’alto, svuotando i fondi pensionistici e di previdenza sociale. Secondo gran parte della stampa greca, lei è prima di tutto questo rigido giudice greco, il cui nome è legato alle più dolorose scelte di memorandum che tanto hanno influito sulle condizioni di vita dei greci. E’ anche il magistrato che ha respinto con molta cortesia le denunce delle associazioni di cittadini contro l’accordo macedone di Tsípras del 2018, imposto, come sappiamo, da Berlino, dalla NATO e da Sóros e dai loro valletti ad Atene, tra cui il cugino di Mitsotákis, Antigone Libéraki, presidente del consiglio di amministrazione dell’ONG di Sóros “Solidarity Now” per la Grecia.

Va notato che la nomina di Sakellaropoúlou a capo del Consiglio di Stato sotto la guida di SYRIZA, solo pochi mesi prima dell’avvento della questione macedone nella sua versione del 2018, non sarebbe stata casuale. Al contrario, poiché partecipa a pieno titolo a questo teatro di compagni, tuttavia indispensabile per realizzare il … compito assegnato. Sakellaropoúlou, le cui decisioni e persino il cui comportamento sono energeticamente compatibili con… Berlino e Sóros, sarebbe stata anche in qualche modo ricompensata per i suoi servizi.

Per inciso, Sakellaropoúlou ha favorito la società canadese Eldorado Gold per le miniere di Chalkidikí, respingendo l’appello degli abitanti, in una zona ormai diventata terra bruciata, stampa greca del 17 gennaio 2020.Tsípras, Mitsotákis, Libéraki, Sakellaropoúlou combattono tutti la stessa battaglia, e a rischio di non sbagliare, direi che Sakellaropoúlou sarebbe l’ennesima scelta tra Berlino, Bruxelles e Sóros… Democrazia di merda!

Quindi niente va al… club dei mediterranei. Sakellaropoúlou alla presidenza del nulla imposto, e Haftar ricevuto da Mitsotákis, si sta recando a Berlino per partecipare alla conferenza internazionale sulla Libia. La Grecia, paese molto preoccupato dalle recenti azioni di Erdogan, non è nemmeno invitato dalla Merkel e dagli altri… simpatici organizzatori, mentre l’Algeria e il Congo, per esempio, sono invitati. I politici dell’eterna Germania, come la portavoce di Berlino Ulrike Demer, che è stata fedele a se stessa fin dal primo Reich, mettono in discussione anche ironicamente l’insistenza dei giornalisti: “Oh sì, non abbiamo invitato la Grecia, non vogliamo esprimerci pubblicamente sul perché e sul come abbiamo preso questa decisione”, ha dichiarato la stampa greca negli Stati Uniti il 15 gennaio 2020.

(…)

Quelli delle classi agiate a volte nuotano in mare, tuttavia, tutti gli altri, ci riscaldiamo come possiamo, perché il più delle volte in Grecia restiamo in inverno senza riscaldamento centralizzato. Mimi, per esempio, sta diventando ancora una volta il più grande fan dei radiatori elettrici.

Altrove, i felini adespoti godono del sole con una certa comodità, presunta dall’uomo. Bei colori, bella vernice.

Felino che approfitta del sole. In Attica, gennaio 2020

—————————————————–

Da “Rivogliamo le nostre isole” – pubblicato Domenica 26 gennaio 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

Un paese costellato di isole, dove il mare è azzurro e le spiagge sono di sabbia fine. Un Paese anche con dei fardelli molto imponenti, per non dire imposti. Già la cosiddetta politica di austerità, o così si dice, la sua occupazione e il suo smembramento a tutti i livelli con il pretesto del presunto debito, insieme a una pressione fiscale sbalorditiva, spinge sempre più la sua gente nella povertà, nella disoccupazione cronica, nella partenza all’estero di quasi 700.000 greci, per trascinare infine la popolazione nella delusione collettiva e nella depressione. E non è ancora finita. La crisi migratoria, o, come viene anche chiamata, l’invasione organizzata dai sostenitori della globalizzazione, ha raggiunto nelle ultime settimane una soglia critica. Nelle isole greche del Mar Egeo orientale, il numero totale di migranti, soprattutto musulmani, supera già in alcuni punti la popolazione greca e cristiana della popolazione indigena, quindi c’è un’esplosione, e noi ci siamo.

Questa settimana i consiglieri regionali, i sindaci e le associazioni locali hanno organizzato la loro più importante giornata della città morta. Tutte le attività sono quindi cessate a Lesbo, Chios e Samos, con tutti gli abitanti praticamente vestiti di nero in segno di lutto, dimostrando di gridare ancora una volta… l’ovvio: “Rivogliamo le nostre isole”. Perché questa è la base della democrazia e, prima di tutto, della sovranità dei popoli, perché sono i padroni dei loro territori ed è su questi territori che la loro organizzazione politica, sociale, economica, culturale e simbolica viene poi sostenuta a lungo termine.

(…) Per una volta, la stampa internazionale in lingua francese, compresa l’AFP, ha coperto l’evento, anche se solo in modo incompleto, come la “Russia Today” in lingua francese, principalmente attraverso il rapporto di Aris Messínis sotto il titolo “Rivogliamo le nostre isole: migliaia di greci manifestano contro la presenza dei migranti”, era giunto il momento.

 

“I dimostranti del porto di Mitilene, la principale città dell’isola greca di Lesbo, chiedono il ritiro del campo di migranti di Mória il 22 gennaio 2020. Migliaia di greci hanno protestato il 22 gennaio sulle isole dell’Egeo che ospitano i più grandi campi di migranti, chiedendo l’immediata partenza di migliaia di richiedenti asilo. Migliaia di abitanti hanno manifestato il 22 gennaio nei porti di Lesbo, Samos e Chios, vicino alla Turchia, sventolando molte bandiere greche, chiedendo l’immediata partenza di migliaia di richiedenti asilo”.

Rivogliamo le nostre isole. Lesbo, gennaio 2020, stampa greca.
Rivogliamo le nostre isole. Lesbo, gennaio 2020, stampa greca.

“In queste isole è stato osservato anche uno sciopero generale di 24 ore, con la chiusura di negozi e servizi pubblici. Lo slogan principale di questa giornata di azione è stato: Rivogliamo le nostre isole, rivogliamo le nostre vite. Sull’orlo dell’asfissia, il campo di Mória sull’isola di Lesbo, le cui squallide condizioni sono denunciate dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati – UNHCR – e da molte ONG per i diritti umani, ospita più di 19.000 richiedenti asilo per una capacità di 2.840 persone.- Non si può uscire di notte, la gente viene accoltellata. La situazione è drammatica anche a Samos, dove 7.500 migranti si trovano nel campo di Vathy, con una capacità di 650 persone, alle porte della città”.

“A Chios, il centro di accoglienza e alloggio Vial è destinato a 1.000 persone, ma quasi 5.000 richiedenti asilo vivono in condizioni altrettanto squallide. A novembre, il governo ha annunciato la creazione di nuovi campi, per più di 5.000 persone ciascuno, nelle cinque isole dell’Egeo che insieme ospitano quasi 42.000 migranti, Lesbo, Chios, Samos, Kos e Leros. Ma i funzionari locali sono fortemente contrari, chiedendo che la capacità dei centri sia limitata a 1.000 persone”.

“La Grecia in prima linea nei flussi migratori A Lesbo, in particolare, la violenza tra i richiedenti asilo è frequente. Due sono stati pugnalati a morte nel campo di Mória a gennaio. Una donna afgana di 18 anni è in ospedale, tra la vita e la morte dopo essere stata pugnalata a morte questa settimana. Inoltre, tre richiedenti asilo si sono suicidati nelle ultime settimane nei centri di detenzione in Grecia. Non si può uscire di notte, la gente viene accoltellata”, ha detto uno dei manifestanti all’AFP al porto di Mitilene a Lesbo. La Grecia è stata in prima linea nella crisi migratoria del 2015, anno in cui il Paese ha visto transitare 850.000 persone verso l’Europa centrale. E l’anno scorso è diventata di nuovo la porta d’ingresso principale per i migranti in Europa”.

“Nel 2019, l’UNHCR ha registrato più di 59.700 arrivi in Grecia via mare e più di 14.800 via terra, principalmente attraverso il confine con la Turchia. Ciò rappresenta un totale di 74.600 arrivi nel 2019. Più di 3.000 nuovi migranti sono entrati in Grecia dall’inizio del 2020, la metà dei quali via mare, secondo l’UNHCR.

Rivogliamo le nostre isole, rivogliamo le nostre vite, attraverso l’amministrazione regionale. Lesbo, gennaio 2020, stampa greca
Rivogliamo le nostre isole, Lesbo, gennaio 2020, stampa greca

 

 

Va da sé che la situazione è molto peggio di quanto descritto nel rapporto “Russia Today”. Innanzitutto nei numeri. Secondo le stime “dall’alto”, il numero di migranti stabilitisi in Grecia che si sono fatti strada con la forza attraverso i confini aperti, illegalmente e impunemente, negli ultimi due o tre anni, è stimato in ben oltre 630.000 persone, secondo il Ministro delle Migrazioni, il Syrizísta Dimítris Vítsas (marzo 2019, stampa greca). Questa è anche l’opinione del mio amico B., un accademico di geopolitica in Tracia e un acuto osservatore dei nostri tempi tristi.

“Sono circa un milione, quelli che sono arrivati dal 2015, e a questo ritmo di quasi 200.000 all’anno, in meno di dieci anni diventeremo una minoranza nel nostro Paese. Il problema è tanto culturale quanto civile, l’Europa deve capire che è in pericolo di morte e noi qui siamo in prima linea, tutto qui”. Perché, oltre alle isole, c’è anche il confine tra Grecia e Turchia in Tracia, che è stato volutamente trasformato in un setaccio, in un momento in cui lo stesso confine tra Bulgaria e Turchia rimane impenetrabile, ed è Berlino che lo decide, per non nascondere nulla all’evidenza della politica attuale.

(…) i deputati di Mitsotákis, trovano sempre più difficile recitare le loro poesie apprese nei seminari sotto la gentile collaborazione degli spiriti e degli altri servitori di Sóros nella versione locale. Quando, per esempio, il parlamentare del distretto di Karditsa è venuto a spiegare davanti agli abitanti del villaggio di Palamas in Tessaglia che “l’arrivo dei migranti è quasi un fenomeno meteorologico, per cui è impossibile controllare le frontiere”, i Palamióti hanno subito risposto, sottolineando che “come per caso, le frontiere terrestri e marittime della Bulgaria sono perfettamente controllate e monitorate”. Si parla di allestire un campo per migranti vicino alla città e in una zona industriale… abbandonate dopo la crisi, il che alla fine irrita ancora di più gli abitanti. “Noi, cioè il nostro comune, abbiamo offerto questo terreno all’allora Banca statale per gli investimenti nel 1980 per creare una zona industriale e commerciale, in modo che i nostri figli potessero lavorare. Voi politici avete distrutto i posti di lavoro, i nostri figli sono andati in Germania o altrove e adesso volete imporci una popolazione musulmana qui, beh, la nostra risposta è no. E non crediamo alle tue belle parole quando dici che questi migranti saranno in un campo chiuso e che qui non ci sarà alcun impatto sulle nostre vite. Sappiamo che la situazione finirà come a Lesbo, a Mória, insopportabile”, (stampa locale a Karditsa, Tessaglia, gennaio 2020).

Reazione locale all’insediamento dei migranti. Palamás in Tessaglia, gennaio 2020.

Ad Atene, però, il presidente della pseudo-repubblica è stato appena eletto il compatibile Sóros, Katerina Sakellaropoúlou, seguace di una Grecia la cui popolazione è stata sostituita e che è apertamente nemica della sua patria. La Pravda’ della sezione francese degli gnostici uniti, ovvero Le Monde’, sa di cosa parla: in Grecia, una donna eletta per la prima volta alla presidenza della Repubblica. Ekateríni Sakellaropoúlou è laureato in diritto costituzionale e in diritto ambientale e ha sostenuto i rifugiati, le minoranze e le libertà civili”.

Non sosterrà in nessun caso i greci, accetterà e addirittura promuoverà la loro sostituzione da parte dei migranti musulmani, e mentre farà a pezzi le sciocchezze climatiche fobiche inflitte dagli gnostici del globalismo per far dimenticare la loro presa teratologica sul destino e sulla ricchezza dei popoli, eternizzerà poi l’occupazione troiana e tedesca in Grecia, come ha già fatto in qualità di giudice.

Il nuovo secolo è ormai alle porte. I risultati di Sakellaropoúlou in materia di diritti umani, ad esempio, fanno eco molto accuratamente alle recenti dichiarazioni di Mitsotákis secondo cui la Grecia è “un paese multiculturale che i migranti miglioreranno a loro modo”, (ottobre 2019, stampa greca). C’è puzza di Sóros su ogni piano.

Come sottolinea Jean-Louis Harouel nel suo saggio “I diritti umani contro il popolo”, (…) In nome dei diritti umani, ogni individuo presente sul territorio di un paese europeo può moltiplicare le rivendicazioni e le azioni legali, in linea di principio contro lo Stato di quel paese, ma in realtà contro il gruppo umano del paese interessato”.

“L’applicazione dei diritti individuali, un tempo concepiti per proteggere un popolo dagli eccessi di autorità dei suoi governanti, diventa pericolosa per quel popolo quando i membri di altri popoli si riversano massicciamente sul suo territorio. Essi utilizzano il principio di non discriminazione, che è alla base della religione dei diritti umani, per far prevalere la loro morale e i loro valori a scapito di quelli del Paese ospitante, lavorando così per sconfiggerlo, per trasformarlo in un altro Paese”.

(…) . Ciò che il report di “Russia Today” e il rapporto AFP non hanno voluto mostrare da Lesbo, ad esempio, sono le dichiarazioni pubbliche rilasciate da Konstantínos Moutzoúris, Presidente della Regione nelle isole dell’Egeo settentrionale, in occasione del grande raduno popolare di Lesbo.

“C’è un piano per sostituire la nostra popolazione, che è il piano dell’uomo d’affari Sóros. (…) Vogliamo che la deterrenza diventi finalmente la regola per i potenziali migranti. La patria è in pericolo. Non mi interessa cosa dicono i trattati internazionali”, stampa greca, 23 gennaio 2020.

(…) Una piccola parte della popolazione beneficia certamente della presenza di migranti. Le osterie di ouzo sono continuamente piene fino a traboccare. I loro clienti sono gli arabi e gli olandesi che lavorano per le ONG, così come gli uomini di FRONTEX che passano ore nelle loro giornate nelle taverne, mentre gli aerei militari turchi fischiano sopra le teste degli abitanti. Tremila stanze sono state affittate a questi uomini e donne delle ONG, mentre i nostri studenti faticano a trovare un alloggio. I supermercati, soprattutto quelli di proprietà dei tedeschi si fanno …i bagni in oro.”

“I terreni agricoli che circondano l’insediamento di Mória sono affittati per una quantità impressionante di denaro alle ONG per espandere … l’insediamento dei migranti”. Tuttavia, tutto questo riguarda solo pochi, un piccolo numero. Il governatore regionale è ben consapevole del fatto che la stragrande maggioranza è seriamente colpita nella sua vita. Egli comprende che le nostre isole, quella zona sensibile del Mar Egeo settentrionale, sono sotto occupazione. Perché tutti sanno che basterebbe una scintilla per trasformare le nostre isole in un inferno nel giro di poche ore”.

—————————————————-

Da “Cloaca fangosa” pubblicato Venerdì 31 gennaio 2020

ARTICOLO ORIGINALE QUI

 

Distribuzione di una ciotola calda piena di pasta. Atene, gennaio 2020

(…) Nulla viene mai acquisito… tranne l’impoverimento, e nessuno nota più la distribuzione di una ciotola calda piena di pasta che i volontari stanno distribuendo assiduamente nel centro di Atene. Negli stessi luoghi, i tavolini sono già pieni, perché la storia si fa come fin dall’alba dei tempi, [con] crescenti disuguaglianze, anche “normalizzate”.

Le terrazze del caffè sono piene. Atene, gennaio 2020

(…) ricorderemo quel lontano aprile 1967, che fu il periodo in cui il regime dei colonnelli fu istituito in Grecia. Dopo quel maledetto 21 aprile, il grande poeta ed ex diplomatico Seferis, non pubblicherà più nulla nel suo Paese dove, secondo le sue stesse parole, “la libertà è imbavagliata”. Fu solo nel marzo del 1969 che uscì dal suo silenzio per rilasciare ai giornalisti stranieri una dichiarazione in cui accusava il regime di “condurre la nazione ad un precipizio” quando “tutti i valori spirituali che siamo riusciti a mantenere in vita, al costo di mille dolori, saranno inghiottiti in questa pozza fangosa”; questa dichiarazione suscitò una grande sensazione in quel momento.

(…) Allo stesso tempo, il Premio Nobel per la Letteratura del 1963 declinò la prestigiosa posizione della cattedra “Charles Eliot Norton” all’Università di Harvard, e non cambiò idea. “Se non hai libertà di parola nel tuo paese, non la trovi in nessuna parte del mondo. Voglio restare con la mia gente per condividere gli alti e bassi del loro destino”, scrisse al preside della rinomata università.

(…)

Nel 2020, la città di Atene è considerata prima di tutto una forma di capitale, i suoi visitatori cinesi indossano maschere spray e, d’altra parte, nessuno presta attenzione alle migliaia di senzatetto. Questo è vero tanto quanto le ristrutturazioni di edifici spesso interi battono i record storici; dietro le loro belle facciate si cela la più grande spoliazione di immobili in Grecia dall’altra occupazione, quella degli anni Quaranta.

Il governo Mitsotákis sta rompendo le ultime e altrettanto deboli serrature che impediscono il sequestro delle principali residenze da parte delle banche e dello Stato, diverse migliaia di sequestri sono quindi programmati a partire da quest’anno 2020, così… promettente. Le banche, così come la Germanocrazia europeista, vietano il riacquisto da parte dei cittadini dei loro debiti; così viene venduto il patrimonio immobiliare greco, offerto a meno del 10% del suo valore a fondi rapaci stranieri.

Ciò che scandalizza ancora di più i poveri indigeni del paese di Zeus è che il pirata finanziario Sóros annuncia la sua intenzione di investire lì… affinché i migranti che la Turchia riversa in Grecia come pure i coloni manipolabili possano essere adeguatamente ospitati, (stampa greca novembre 2019). È noto che la guerra non è altro che la continuazione della politica con altri mezzi, compresi i flussi migratori generati o manipolati.

Senzatetto. Atene, gennaio 2020

(…) Sia Atene che la Grecia sono cambiate così tanto in questi dieci anni bui. Le grandi manifestazioni si sono fermate, ma la gente si suicida ancora, come nei primi anni della crisi, e… le terrazze dei caffè sono spesso piene. In questo nuovo ordine, i greci vengono gradualmente spogliati delle loro proprietà, soprattutto immobiliari, mentre la… capitale di Atene viene offerta come mai prima d’ora agli “investitori”.

Il suo centro storico si sta trasformando in un luogo di svago per i visitatori e in un dormitorio Airbnb, e questa trasformazione è percepibile nei suoi progressi settimana dopo settimana. I negozi e le altre bancarelle che erano già chiuse quando il 40% dei piccoli negozi sono stati distrutti tra il 2010 e il 2015 vengono ora trasformati esclusivamente in ristoranti e caffè. Questa potrebbe essere la cucina del futuro…

Nuovo catering. Atene, gennaio 2020

(…)

Perché i nostri cari adespòti regnano come signori agli ingressi dei negozi ancora tradizionali del centro città, della storia che si fa e che si sbottona, secondo loro.

I nostri cari adespoti. Atene, gennaio 2020

TRADUZIONE per www-comedonchisciotte.org A CURA DI FRANZ-CVM

Pubblicato da Franz-CVM

Parabancario, sindacalista di base, osservatore critico dei fenomeni socio-economici, con ambizioni di analisi sistemica. Traduttore della crisi greca per missione sociale perchè al tempo della "dittatura della narrazione" l'informazione è tutto. In cerca del tempo per diventare ciò che sono. @ferre_franz - https://cosivailmondo.wordpress.com
Precedente Coronavirus e razzismo
Prossimo Pompeo in Eurasia alla ricerca di nuovi alleati contro la Russia

3 Commenti

  1. Ok però non capisco perché i greci non scendano in piazza come i francesi…(lo so, non lo fanno nemmeno gli italiani ma i greci sono stati massacrati e insultati come in una guerra…)…

  2. La Grecia è perduta, finita, morta,questo è un bollettino di guerra di una guerra ormai persa che ogni tanto viene pubblicato qui . Non c’è speranza per loro e credo che anche noi ci siamo incamminanti su quella via ,gli rimane l’emigrazione o le catene a casa loro niente altro purtroppo.

  3. Una precisazione ; il meccanismo crono astrale non è l’unico ritrovato , un altro si trova al museo di Olbia ove rinvenuto .
    http://www.follett.it/2008/10/antikythera-era-la-piu-antica-ora-non-piu/

Lascia un commento