Coronavirus Fact-Check #3: “Il Covid19 è 20 volte più mortale dell’influenza!

Continuiamo la pubblicazione dei lavori di Fact-Checking realizzati da Off-Guardian.org. Qui il primo e il secondo capitolo.

Off-guardian.org

Una statistica che si è diffusa dice che questo nuovo virus è molto più pericoloso dell’influenza, ma la scienza regge?

Fin dai primi giorni dell’attuale pandemia, il paragone che è andato per la maggiore è stato con l’influenza, indicando sia le epidemie storiche, sia le generiche influenze stagionali (termine generico per indicare i virus respiratori) che colpiscono tutto il mondo ogni inverno.

Questo confronto si incontra molto spesso con questa semplice replica:

“Covid non ha nulla a che vedere con l’influenza, è 20 volte più pericolosa!”

Ma è vero?

No, non lo è.

Mentre il tasso di mortalità per influenza generalmente accettato dello 0,1% è venti volte inferiore a quello riportato dai media, che si attesta tra il 2% e il 4%, la ricerca suggerisce che il tasso di mortalità riportato dai media è troppo alto.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato il tasso di mortalità “ufficiale” del Covid19 al 3,4%, mentre gli studi clinici condotti su Sars-Cov-2 hanno stimato il suo effettivo rapporto di mortalità caso per caso intorno allo 0,1%. All’incirca uguale a quello dei normali focolai di influenza stagionale.

Il problema nasce da ciò che gli scienziati e gli statistici chiamano “distorsione della selezione”:

“il bias introdotto dalla selezione di individui, gruppi o dati da analizzare in modo tale che non si raggiunga una corretta randomizzazione, assicurando così che il campione ottenuto non sia rappresentativo”

In sostanza, il modo in cui scegliete il vostro campione può avere un enorme impatto sui risultati del vostro studio.

In questo caso, poiché vengono analizzate solo le persone abbastanza malate da aver bisogno di cure in ospedali o cliniche, solo le persone con sintomi gravi o critici saranno mai contate nelle statistiche.

Il dato dell’OMS, ad esempio, del 3,4% si basa solo sui pazienti che sono stati curati in ospedale.

Ma che dire delle persone che si sono ammalate ma non l’hanno mai segnalato? O che non hanno mai avuto sintomi e quindi non hanno mai saputo di essere infetti?

Gli studi suggeriscono che il 50-80% delle persone infette da Sars-Cov-2 non ha mai avuto alcun sintomo. Molti altri hanno sintomi abbastanza lievi da non aver mai bisogno di cure mediche.

La contabilizzazione di questi casi riduce il tasso di mortalità di un fattore dieci.

I Paesi che hanno effettuato i più ampi studi sulla popolazione – cioè testando sezioni casuali della popolazione che non presentano sintomi – sono la Germania, la Corea del Sud e l’Islanda.

Essi restituiscono tassi di mortalità rispettivamente dello 0,37%, dello 0,6% e dello 0,4%.

Il dottor John Ioannidis dell’Università di Stanford stima un tasso di mortalità compreso tra lo 0,025% e lo 0,65%. Un altro studio, condotto in Giappone, ha riscontrato che il tasso di mortalità è compreso tra lo 0,04 e lo 0,12.

Questi sono entrambi, potenzialmente, nettamente INFERIORI all’influenza stagionale.

In breve: No, il coronavirus non è “20 volte più letale” dell’influenza. La scienza suggerisce che potrebbe essere qualcosa tra il leggermente peggiore e il notevolmente migliore.

Statistiche compilate con l’aiuto di Swiss Propaganda Research. Visitate il loro sito, sono una risorsa eccezionale per trovare fatti, cifre e opinioni di esperti sul Coronavirus.

 

 

Fonte: https://off-guardian.org/2020/04/11/coronavirus-fact-check-3-covid19-is-20x-deadlier-than-the-flu/

Traduzione per Comedonchiscotte.org a cura di Ricardo Donat-Cattin

Pubblicato da Rugge

"Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo" Evelyn Beatrice Hall, The Friends Of Voltaire - "Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero" Anonimo (Il vecchio motto di ComeDonChisciotte)
Precedente COVID-19 non è affatto come l’influenza
Prossimo Lo spieghino: cos’è il Recovery Fund di cui si parla tanto?