Cinque passi nel delirio

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

di Nestor Halak

ComeDonChisciotte.org

Che fortuna!

Qualche giorno fa, in un negozio sento la seguente conversazione tra due donne di mezza età: “Sai che è successo per capodanno a mio figlio? Doveva andare al cenone da amici: naturalmente tutti vaccinati eh! Comunque, per prudenza, si sono fatti il tampone prima, e sia lui che la moglie sono risultati positivi e si sono dovuti chiudere in casa in quarantena”. “Davvero? Ma stanno male? Hanno chiamato il dottore?” “No, per avere non hanno nulla, stanno benissimo, ma il dottore gli ha ordinato di non uscire di casa per dieci giorni e poi fare il test molecolare per vedere se possono uscire” “Quindi niente capodanno?” “Eh no! Però è stata una gran fortuna. Pensa cosa poteva succedere se non avessero fatto il test!”

Funerali covid.

Mi telefona un amico per avvisarmi che il marito di una comune amica è morto in nottata (no, niente covid, stranamente si può morire anche di altro). Ci mettiamo d’accordo per andare al funerale dove ci presentiamo debitamente mascherati. Il morto era persona importante, per cui la chiesa è affollata e sulla porta c’è un giovane di quelli che frequentano le parrocchie a smistare il traffico. “Dentro solo col pass” ci dice. Il mio amico mostra il telefonino, farei altrettanto, ma il telefonino l’ho lasciato a casa, e poi non ho neanche il pass. Mi dispiace per il morto, ma mi viene una gran voglia di dire al baciapile cosa può farci con la sua chiesa qui davanti a tutti, ma poi mi coglie come un’ispirazione e gli rispondo: “va bene, resto fuori, ma non ditelo a Cristo, lui i lebbrosi li abbracciava”.

Deliri

Leggo la risposta dell’Istituto Superiore di Sanità alla domanda fatta da La Verità se è vero che vengono conteggiati come morti per covid tutti coloro che, anche in passato, sono stati trovati positivi al tampone: ”è una malattia ancora in fase di studio (…), non si conoscono bene le conseguenze a lungo termine di questo virus, ed i pazienti contagiati, seppur negativizzati, potrebbero morire dopo diverso tempo comunque per i danni causati dal Coronavirus”. Inoltre,“non è certo che i pazienti risultati negativi al tampone abbiano poi totalmente debellato il virus. Il monitoraggio di chi è stato paziente Covid continua anche sul lungo periodo, perché il virus potrebbe fare danni a lungo termine”. Mi chiedo: se facessimo lo stesso ragionamento per quanto riguarda gli effetti collaterali dei vaccini, si potrebbe mai escludere che qualcuno, purché morto, sia morto per le conseguenze dell’inoculazione? Mettiamo che un vaccinato muoia in un incidente automobilistico: non potrebbe essere il vaccino causa della morte per aver comportato il rallentamento dei riflessi e non aver consentito al poveraccio di frenare in tempo?

Parola del signore

Parola di Draghi: “ l’appello a non vaccinarsi è un appello a morire, sostanzialmente. Non ti vaccini, ti ammali, muori. Oppure fai morire: non ti vaccini, ti ammali, contagi, qualcuno muore”.“Il certificato verde uno strumento per consentire agli italiani di continuare le proprie attività con la garanzia di non trovarsi tra persone contagiose. E’ uno strumento che da serenità, non che la toglie”. “Il green pass non è un arbitrio, ma la condizione per tenere aperta la propria attività, senza vaccinazione si deve chiudere tutto di nuovo”. Eh già, senza vaccinazione ti fanno chiudere: si tratta di pagare la protezione. Ragazzi, si sente che non siamo di fronte al solito politico da strapazzo, ma ad una mente superiore che sa e pensa cose che noi umani neppure possiamo immaginare. Quelle che pronuncia sono frasi eterne, un giorno le insegneranno sui libri di scuola. Propongo da subito un libretto da tasca con I Pensieri del Presidente per poterli sempre avere a portata di mano.

Emergenza!

Bollettino covid del 2 gennaio 2022: nuovi positivi 141.262, morti 111. In altre parole, dei 2.204 morti registrati mediamente in Italia in un giorno di gennaio, 111 sono stati trovati positivi ad un test poco affidabile che rileva la presenza di decine di virus respiratori. Più famigliarmente e meno precisamente, si potrebbe sospettare che 111 tra quelli che sono morti avevano il raffreddore. Dove sta l’emergenza? Certo che se riduciamo a 1.000 i posti letto nel paese, a 100 gli infermieri e a 10 i posti in terapia intensiva, l’emergenza è assicurata. Forse sbaglio qualcosa. Proviamo a riassumere: i vaccini funzionano bene, il 90% delle persone è vaccinato, però siamo ancora in emergenza e quindi bisogna fare ancora più vaccini. Dato che funzionano. Ma se per caso non funzionassero, come potremmo scoprirlo? Non dall’emergenza, evidentemente, che c’è anche se funzionano. Allora l’emergenza non c’entra coi vaccini? Non è facile capire. Da mal di testa!

Nestor Halak

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
56 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
56
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x