Aria calda in cambio di denaro sonante – Gli Europei preferiscono il GNL russo a quello americano

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

John Elmer
johnhelmer.net

Nel 2019, quando Ursula von der Leyen (immagine di copertina) era stata nominata, come candidata della Germania, alla guida della Commissione Europea, i politici tedeschi del suo stesso partito l’avevano descritta privatamente come troppo stupida e forse anche troppo corrotta per rischiare di averla in corsa per la carica di Cancelliere dopo l’uscita dalla scena politica di Angela Merkel. Fonti militari tedesche affermano che la von der Leyen era stata il ministro della difesa più stupido a memoria d’uomo.

Dall’inizio della guerra, dal mese di febbraio, la von der Leyen non aveva mai detto un briciolo di verità, almeno fino al 30 novembre, quando aveva annunciato che i caduti nell’esercito ucraino avevano superato i 100.000 e che tra i civili erano morte più di 20.000 persone. Nel giro di poche ore questi numeri erano stati rimossi dal resoconto pubblico del suo discorso. L’ammissione della Von der Leyen implicava che il bilancio di guerra per l’Ucraina, tra morti e feriti, fosse superiore alle 300.000 unità e che la somma delle vittime militari e civili avesse già raggiunto il mezzo milione. La Von der Leyen stava confermando le stime russe e contraddicendo la propaganda del regime di Kiev.

A settembre la von der Leyen aveva annunciato il suo sostegno ad un prezzo massimo per le importazioni di gas russo da gasdotto e di gas naturale liquefatto (LNG). Il mese scorso aveva dichiarato che l’Unione Europea era “pronta a partire” con un tetto al prezzo del petrolio russo importato.

Tuttavia, il commercio europeo e asiatico di gas e petrolio non solo contraddice le affermazioni della von der Leyen, ma dimostra anche di trarre vantaggio dalle sue pubbliche menzogne. Nel mercato del gas ci sono nuove prove che dimostrano come i governi francese, olandese e belga stiano permettendo l’acquisto di volumi record di GNL russo importato e la riesportazione, con profitto, di questo gas in altri Stati europei, compresa la Germania. L’arbitraggio – cioè il profitto derivante dall’acquisto di GNL russo al prezzo di vendita russo e dalla successiva rivendita a prezzo maggiorato ai consumatori europei – è così redditizio che i Cinesi stanno dirottando verso l’Europa i volumi di GNL da loro stessi acquistati.

Olga Samofalova, analista del mercato energetico presso Vzglyad , ha scritto ieri di come i mercati stiano sconfiggendo le sanzioni.

Fonte

 

L’EUROPA VIENE SALVATA DAL GNL RUSSO, NON DA QUELLO AMERICANO

1 dicembre 2022
Testo: Olga Samofalova

Mentre le forniture di gas dalla Russia [via gasdotti] sono sotto stretto controllo, l’Unione Europea (UE) sta tranquillamente acquistando sempre più volumi del secondo tipo di gas russo, il gas naturale liquefatto (GNL). I costi europei per l’importazione del GNL russo sono saliti a livelli record, come ha scoperto Bloomberg. Come mai la Russia ha iniziato a fornire più gas naturale liquefatto all’Europa e, soprattutto, perché gli stessi Europei non vedono nulla di terribile in tutto questo?

Come sapete, Bruxelles ha imposto un embargo sul carbone russo e un embargo sul petrolio che entrerà in vigore tra una settimana. Alcuni Paesi hanno rifiutato la fornitura di gas tramite gasdotti; altri hanno lasciato che i problemi tecnici e burocratici dei “Nordstream” facessero il loro corso. Sostengono di non essersi accorti della distruzione dei gasdotti Nordstream 1 e 2 o del fatto che l’Ucraina non ha risentito della situazione attuale, tanto da ripristinare i volumi di gas in transito attraverso il proprio territorio.

Allo stesso tempo, secondo Bloomberg, nel 2022, i costi europei per l’importazione di GNL russo sono saliti ad un livello record. Quest’anno, l’UE ha aumentato l’acquisto di GNL dalla Russia di circa il 40%. Da gennaio a settembre, l’UE ha speso la cifra record di 12,5 miliardi di euro (13 miliardi di dollari) per il GNL russo, cinque volte di più rispetto all’anno precedente. Si tratta di un boccone amaro per molti Paesi del blocco, che avevano imposto dure sanzioni al Cremlino per privarlo dei fondi necessari a condurre le operazioni militari in Ucraina, scrive l’agenzia di stampa occidentale.

Fonte

 

Fonte

Come mostrano i dati di monitoraggio del traffico marittimo, quest’anno la crescente domanda da parte di Paesi come Francia e Belgio ha contribuito a rendere la Russia il secondo fornitore di GNL dell’Europa nord-occidentale. Al primo posto c’è il Qatar, che tradizionalmente fornisce GNL alla regione europea. Attualmente, nell’Europa nord-occidentale arriva molto più GNL russo che americano, anche se erano stati gli USA a promettere che avrebbero salvato gli Europei con il loro gas, dopo il blocco delle forniture provenienti dai gasdotti russi.

Va detto che Belgio, Paesi Bassi e Francia fanno arrivare il GNL russo, ma poi lo distribuiscono in tutta Europa. Tra i Paesi europei, solo il Regno Unito e gli Stati baltici hanno smesso di acquistare il GNL russo.

Il GNL russo continuerà ad affluire in Europa e la maggior parte dei Paesi europei è felice di chiudere un occhio, afferma Anne-Sophie Corbeau, ricercatrice presso il Center for Global Energy Policy della Columbia University. Poiché l’UE si trova di fronte ad una vera e propria carenza fisica di gas naturale, ciò comporta non solo un costo elevato della risorsa, ma anche una riduzione dell’attività industriale e, di conseguenza, della loro richiesta di energia.

Ci sono due impianti di GNL nel nord-ovest della Russia. Si tratta di Portovaya e Vysotsky LNG di Gazprom. Tuttavia, si tratta di impianti di piccole dimensioni; il primo è entrato in funzione solo quest’autunno. Di conseguenza, l’impianto principale che attualmente rifornisce l’Europa è Novatek Yamal LNG. Inizialmente, l’impianto Yamal LNG era stato progettato per rifornire l’Asia, soprattutto la Cina. E, fino al 2022, i volumi principali di Novatek erano stati effettivamente destinati a questa regione.

Perché quest’anno la situazione è cambiata così tanto?

Innanzitutto, per la prima volta, è stato il mercato europeo, e non quello asiatico, a diventare il mercato premium per il gas. Fino al 2022, i prezzi del gas in Europa erano sempre stati più bassi di quelli asiatici. “Ora è tutto il contrario, quindi la crescita delle forniture russe di GNL si spiega con il fattore economico o commerciale,” afferma Igor Yushkov, uno dei principali esperti del Fondo nazionale per la sicurezza energetica ed esperto dell’Università Finanziaria presso il governo della Federazione Russa.

Il secondo punto è che per il trasporto del gas da Yamal LNG all’Asia esistono restrizioni dovute al ghiaccio. “Non appena termina il periodo utile per la navigazione sulla rotta polare, il GNL può essere spedito solo in Europa. Quando il mercato premium era quello asiatico, in inverno spesso accadeva che il GNL di Yamal venisse spedito in Europa con una nave metaniera di classe ghiaccio [certificata per la rotta polare], poi ricaricato su una metaniera convenzionale e quindi fatto arrivare in Asia attraverso il Canale di Suez,” spiega Yushkov. Ma quest’anno tutto il GNL libero dal mercato viene aspirato non dalla Cina, ma dall’Europa.

Pertanto, anche in estate, quando Novatek Yamal aveva avuto l’opportunità di trasportare ad est il GNL attraverso la rotta polare, i volumi principali erano stati comunque destinati al mercato europeo per motivi economici,” aggiunge Yushkov.

La terza ragione è l’aumento complessivo della capacità dell’impianto Yamal LNG, dove quest’anno tutti e quattro gli stadi di liquefazione funzionano a pieno regime. La capacità progettuale è di circa 16,5 milioni di tonnellate, ma, entro la fine dell’anno, si produrrà molto di più, circa 20 milioni di tonnellate.

È degno di nota il fatto che quasi 16 milioni di tonnellate siano state contrattualizzate e impegnate con contratti a lungo termine dai clienti firmatari. Ma il gas che l’impianto produce in eccesso rispetto a questi volumi non è oggetto di contratto ed è destinato al mercato spot. Il proprietario di Yamal LNG, Leonid Mikhelson, ha dichiarato che l’azienda guadagna più da queste eccedenze, che ammontano a circa 4 milioni di tonnellate, che dalla vendita per contratto di tutti gli altri 16 milioni di tonnellate.

Questo è facilmente spiegabile. I contratti a lungo termine erano stati firmati quando i prezzi del GNL erano significativamente più bassi di quelli attuali. Chi aveva acquistato il GNL russo utilizzando questi contratti si trova ora in una posizione molto favorevole. Ma Novatek sta già vendendo il “surplus” ai prezzi spot, che sono molto più elevati.

Fonte

Anche la società cinese CNPC, che ha un contratto con Novatek, vende parte di questo GNL sul mercato europeo, agendo da intermediario,” dice Yushkov. Stiamo parlando del fatto che per una società cinese è assai redditizio rivendere il GNL russo agli Europei e ottenere un margine favorevole sulla differenza tra il prezzo di acquisto (previsto dal contratto) e il prezzo spot a cui gli Europei lo acquistano.

Il consumo di gas in Cina è diminuito, in primo luogo, a causa dei lockdown di quest’anno. In secondo luogo, a causa dell’aumento del consumo di carbone. In un momento in cui l’agenda ambientale europea è passata in secondo piano la Cina ha aumentato la propria produzione di carbone e ha incrementato le importazioni dalla Russia a prezzi per lei interessanti.

Pertanto, la crescita delle forniture di GNL russo all’Europa si spiega con i fattori economici. Ecco perché l’UE sta aumentando tranquillamente i suoi acquisti e non lo considera un problema, mentre nei circoli politici europei si parla continuamente dei gasdotti russi e della necessità di liberarsene.

Secondo Bloomberg, in Europa la quota di gas russo da gasdotto è diminuita dal 30% nel 2021 al 10% nel 2022. Al contrario, la quota di GNL nelle forniture russe all’Europa è ora vicina al 50%.

Gli Europei non percepiscono il GNL come una sorta di gas nazionale. Verso il GNL non hanno lo stesso atteggiamento negativo che hanno nei confronti del gas da gasdotti. Forse tutto ciò è dovuto alla demonizzazione di Gazprom che va avanti da più di un anno. Questo perché finora il gas dei gasdotti è sempre arrivato dalla Russia e da Gazprom, mentre il GNL era stato inizialmente percepito come il gas che avrebbe salvato tutta l’Europa dal gas russo,” afferma Yushkov.  All’inizio, gli Stati Uniti avevano pubblicizzato il loro GNL come la salvezza per l’Europa. In altre parole, la percezione europea è tutta una questione di pubbliche relazioni e di titoli giusti sui media, che hanno aiutato ad instillare nell’inconscio collettivo, pubblico e politico, la distinzione tra “gas buono” e “gas cattivo.”

Fonte

 

Bloomberg ha riportato l’impennata degli acquisti cinesi “scontati” di GNL russo.

Allo stesso tempo, Yushkov osserva che, in linea di principio, gli Europei non hanno rifiutato il gas russo, ad eccezione di alcuni Paesi. Questo nonostante i politici europei abbiano parlato di voler ridurre la quota di gas russo e, tra qualche anno, di abbandonarla del tutto. Tuttavia, i problemi sono sorti a causa della mancata consegna di questo gas attraverso i gasdotti. Le ragioni, come sapete, sono ben note e diverse.

Il gasdotto Yamal-Europa è stato chiuso dai Polacchi dopo la nazionalizzazione della quota di Gazprom nella società che gestisce il gasdotto. L’Ucraina ha rifiutato di accettare il gas attraverso la stazione di pompaggio di Sokhranovka, per cui è rimasta solo quella di Sudzha.

Secondo il contratto, dovrebbero passare attraverso l’Ucraina 109 milioni di metri cubi al giorno e, per ora, il flusso è due volte e mezzo inferiore – 42 milioni di metri cubi. Il flusso verso la Germania attraverso Nord Stream-1 si era gradualmente interrotto a settembre a causa delle sanzioni legate alla manutenzione delle turbine. Il flusso attraverso Nord Stream-2 non era mai stato attivato a causa della sospensione della certificazione, e poi entrambi i gasdotti erano stati fatti esplodere  nelle acque apparentemente sicure dell’Europa, proprio di fronte alle forze NATO. L’Europa sarebbe felice di acquistare il gas russo attraverso i gasdotti, ma non c’è alcuna possibilità, ritiene Yushkov. I canali sono stati completamente tagliati.

John Elmer

Fonte: johnhelmer.net
Link: https://www.deepl.com/it/translator
02.12.2022
Scelto e tradotto da Markus per comedonchisciotte.org

John Helmer è il corrispondente estero di più lunga data in Russia e l’unico giornalista occidentale a dirigere un proprio ufficio indipendente da singoli legami nazionali o commerciali. Ha creato il suo ufficio per la prima volta nel 1989 e oggi è il decano della stampa estera in Russia.

 

 

 

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
42 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
42
0
È il momento di condividere le tue opinionix