Home / ComeDonChisciotte / SCENE DI VITA IN AMERICA
12290-thumb.gif

SCENE DI VITA IN AMERICA

FONTE: COBRAF.COM

A proposito del fatto che in italia non si commettono più omicidi (1) (siamo scesi a 500 l’anno che una volta erano 1.500). In America invece rimangono sempre sui 10-12mila omicidi l’anno senza problemi.

Questo video di ieri (2) è meglio di un film, mostra uno poliziotto che ferma uno che sta andando oltre il limite di velocità e gli intima come fanno in America di stare nell’auto mentre si avvicina. L’uomo, che è con tre dei suoi (cinque) figli in auto, invece esce dall’auto e cammina verso l’auto della polizia mettendo una mano nella tasca posteriore e poi improvvisamente si mette a sparare direttamente al poliziotto. Lo vedi sparare e poi ritorna indietro con del sangue nel maglione e si rimette al volante e riparte.
Il poliziotto però era un tiratore migliore perchè lo ha colpito al torace mentre il tizio lo ha ferito solo di striscio. L’uomo è stato trovato dopo mezzo km su l’auto ferma ed era morto per la ferita.

Era un pregiudicato, un ricercato ? No, aveva famiglia, i suoi dicono che non era violento (ma era stato soldato nella riserva vedi sotto) (3). Quello che è difficile capire è come uno che è incensurato e ha cinque figli, di cui tre nell’auto con lui, quando lo fermano per eccesso di velocità cerchi di ammazzare il poliziotto.

Fonte: www.cobraf.com
Link: http://www.cobraf.com/forum/coolpostEconomia.php?topicGroupID=1&topic_id=4226&reply_id=123536153
6.10.2013

NOTE

1) http://cobraf.com/forum/coolpostEconomia.php?topicGroupID=1&topic_id=3011&reply_id=123535712

2) video
3) Vedi articolo originale qui (ndr)

Pubblicato da Davide

  • MassimoContini
  • uomospeciale

    Che c’è da meravigliarsi?
    Si è sempre saputo che quella americana è un società tra la più violente e il libero accesso alle armi da fuoco fa il resto.
    Comunque anche la relativa sicurezza di cui godiamo in Italia è destinata a finire nel giro di qualche anno.
    Milioni di disperati stanno venendo ad invaderci con ogni mezzo
    e provengono da culture dove la vita umana non vale un cazzo.
    Ad esempio In tutta l’Africa, medio oriente, sud est asiatico, e buona parte dell’America latina, è perfettamente comprensibile e fa parte della quotidianità della vita e del vivere il cercare di fare a pezzi a colpi i pietre o di machete un ladro o un rapinatore catturati, ( o anche solo presunti tali) oppure il tentare di bruciarli vivi, (spesso riuscendoci con tutti attorno che incitano e applaudono…) ed anche il tentare di lapidare o di accoltellare in mezza alla strada una donna adultera ( o presunta tale..)……………………..
    Anche lo scaricare tutto il caricatore di una calibro 38 su un tizio che ci ha risposto o guardato male per la strada è la regola ( Brasile 45 mila morti ammazzati ogni anno…) ed anche squartare, decapitare l’arbitro in una partita sotto gli occhi di quasi 5000 persone che applaudono non è nulla di speciale insomma, niente di che….. ( Brasile, prego informarsi e documentarsi)

    Quindi venendo noi invasi ogni anno da decine di migliaia di questi “begli esemplari” che si porteranno dietro dal loro paese sia lo sprezzo per la vita umana, sia la violenza insita nel loro D.N.A finiremo col diventare anche noi, nel giro di una ventina di anni, esattamente come loro.

    E Per chi non ci credesse:

    http://www.liveleak.com/

    oppure:

    http://www.kaotic.com/

    Buona visione.

  • fuocopuro

    Spesso gli ex soldati USA sono sotto pesanti psicofarmaci.

  • uomospeciale

    Semplicistico.
    La realtà è che se uno è disposto a montare un aereo andando dall’altra parte del pianeta per sparare addosso a della gente che non gli ha fatto niente, non ha certo bisogno di imbottirsi di psicofarmaci per andare fuori di testa.
    E’ matto già di suo, punto e basta.
    Una persona normale non va in cerca di qualcuno a cui sparare né su una tangenziale americana, né in Afganistan.

  • vraie

    forse la multa aveva per l’assassino un certo impatto sul proprio bilancio familiare e costituiva un significativo problema generale nello sbarcare il lunario che costituiva a sua volta l’intero orizzonte per lui, essendo indifferente alle ultime tendenze artistiche emerse nelle gallerie di N.T. ecc
    forse il poliziotto non è stato cortese come una dama di carità
    non tutti ammazzano per tale problema
    ma molti hanno tale problema
    LA CULTURA del denaro esiste e i poveri anche

  • vraie

    “E’ matto già di suo” …. si ma “Lui” è stato “creato” dalla politica americana … quindi ci ha messo solo l’involucro fisico per diventare “matto”.
    Gli psicofarmaci forse hanno causato … almeno la scarsa mira nello sparare

  • Aironeblu

    Bisognerebbe chiedere a Provenzano di scioglierli tutti nell’acido questi incivili!

  • Hamelin

    Ottima osservazione.

  • Hamelin

    In effetti il potere Yankee è da sempre fondato sulla Guerra.
    Non condivido gli esempi che riporti tuttavia.
    Dove la povertà e l’ignoranza imperano è piu’ che naturale che le persone si ammazzino come bestie .
    In mancanza di civiltà la legge naturale e l’istinto animale imperano.
    E’ l’uomo essendo l’essere piu’ pericoloso e dannoso del pianeta puo’ fare peggio di qualsiasi altra bestia.

  • Georgejefferson

    Be ma allora e’ facile,basta analizzare il DNA per recludere (o anche estirpare la terra da un male) un “violento a prescindere”.Io sono specializzato in queste cose.Anche nel riconoscere I slavi zingari sporchi (mascherati da trader..ma basta mettergli gli stracci addosso ) come l’articolante che estrae l’aneddoto del “negro” di turno per descrivere la “realta” rivelata.Se mi spedisci un campione del tuo sangue posso rilasciarti il certificato :se scarafaggio speciale oppure pidocchio speciale.Dal DNA si capisce.

  • FreeDo

    Nel resto del mondo, quello che non citi, ci siamo evoluti. Ci fa’ orrore il sangue che cola invece della bava, e allora ci siamo dotati di strumenti molto piu’ “civili” tipo bombe all’uranio impoverito, bombe al fosforo, ma soprattutto droni, che ci consentono distanze abissali da certe “disgustose scene”.

  • lanzo

    Vi ci rode il culo perche’ almeno li’ qualcuno (non camorrista, ma veterano che a torto o ragione ha servito la sua Patria) le palle le ha e mette la vita in gioco contro l’oppressione sbirresca di gente che pesta le casalinghe o vecchietti mentro lo stesso era sotto il fuoco nemico. Avesse avuto un AK… Nelle zone calde di Napule e dintorni i pulizziotti – che provengono dallo stesso brodo di cultura – non e’ che vanno arompere gli zibidei piu’ di tanto, magari si sfogano a Genova con gli studentelli ma state tranquilli che i mafiosi, n’dagretisti, camorristi, dopo la ripresa d’obbligo con il viso coperto – entrambi – che li accomuna in un certo senso…

  • s_riccardo

    Gli americani sono mentalmente violenti e praticamente. Avere una pistola e non usarla è inutile. Meglio è non averla se non vogliamo farci del male.

  • mediterraneo

    Non siamo miiica gli americcani ,che loro possono sparare agli indiani ,fuoco agli indiani!!!! La cantava il vasconazionale ,sempre attuale , solo gli stolti possono pensare che questa nazione possa fare del bene al mondo.

  • yago

    Ai poliziotti qualche volta viene da mandarli all’altro paese , ma chi non è venuto mai in mente di sparare ad un autovelox?

  • uomospeciale

    Fortunatamente di Provenzano in Italia ce ne sono pochi, e quei pochi sono giustamente additati come dei mostri……………….. Giustamente.
    Ma quanti altri “provenzano” , quanti altri criminali veri e propri sbarcano ogni giorno sulle nostre coste?

    Con molti dei paesi di provenienza non abbiamo neppure relazioni diplomatiche né un governo con il quale dialogare, insomma non sappiano nulla di questa gente.
    Niente.
    Sai quanti paesi usano l’emigrazione clandestina in Europa per svuotare le galere locali liberandosi al contempo sia dei costi di gestione dei carcerati, sia di masse di cittadini tendenzialmente violenti e scomodi?

    Parecchi.

  • uomospeciale

    allora te le giro in un altro modo:
    In Italia godiamo “ancora” di uno stato sociale decente, e siamo ragionevolmente sicuri di non essere ammazzati e rapinati per strada, o in casa nostra, ( si badi bene che questa ultima affermazione è sempre meno vera ogni anno che passa..)
    Che vantaggio abbiamo a permettere l’ingresso di milioni di disperati senza nulla, non di rado violenti e famelici come spesso lo sono i poveri?
    Disperati provenienti da paesi dove il valore attribuito alla vita umana è parecchio inferiore a quello che gli riconosciamo noi e che per forza di cose, renderanno la nostra società più povera, più violenta, e più divisa di quanto già non sia, oltre a portare al collasso lo stato sociale?

    In che modo e su quale pianeta misterioso l’ingresso di milioni di accattoni può “arricchire la società italiana ” come dice la Kyenge?

    Se tu hai 100 euro e io zero e facciamo a metà, tu ti ritrovi con 50 euro punto e basta, quindi da qualsiasi parte si voglia girare la faccenda l’ingresso di poveri in un paese che si sta già impoverendo e deindustrializzando di suo, è solo un chiodo in più sulla bara dell’Italia.

    O no?