Home / Video / ERDOGAN E LE FALSE FLAGS….PER FAR GUERRA ALLA SIRIA
13041-thumb.jpg

ERDOGAN E LE FALSE FLAGS….PER FAR GUERRA ALLA SIRIA

DI TYLER DURDEN
Zero Hedge

Come “Si può scatenare una guerra False Flag con la Siria” sintesi da una delle registrazioni che Erdogan voleva far sparire

UPDATE: “DAVUTOGLU dice che la registrazione è una “DICHIARAZIONE DI GUERRA”

Come si può notare qui, il Primo Ministro Turco Erdogan ha bloccato l’accesso a Twitter prima che cominciassero i rumors su una sconfitta  “spettacolare” già prima delle elezioni di questo weekend . Poi stamattina, in tutta fretta, ha confermato (malgrado la sentenza del tribunale che dichiara illegale il divieto) il blocco all’acceso a YouTube.

Tuttavia, grazie alla magia delle interwebs, siamo riusciti a far trapelare’ il filmato e appare chiaro il perché Erdogan voleva che fosse bloccata/vietata la sua diffusione. La traduzione approssimativa, spiega quello che si presume sia stata una conversazione tra i principali leader militari e politici turchi che parlano di un falso attacco ( false flag) per cominciare una guerra con la Siria.Tra i punti più salienti:

Ahmet Davutolu:“Il Primo Ministro ha detto che nella congiuntura attuale, questo attacco (sulla Tomba di  Suleiman Shah) deve essere inteso come un’opportunità per noi.

Hakan Fidan: Manderò 4 uomini dalla Siria, se è quello che ci vuole. Cercherò un motivo per la guerra    ordinando un attacco missilistico contro la Turchia, possiamo anche preparare un attacco contro la Tomba di Suleiman Shah, se necessario.”

Feridun Sinirliolu: “ La nostra sicurezza nazionale è diventata strumento di politica interna a basso costo per tutti.”

Yaar Güler: “E’ causa diretta  della guerra. Voglio dire, quello che vogliamo fare è qualcosa che scatenerà una guerra.”

…..

Feridun Sinirolu: Ci sono stati importanti cambiamenti nella geopolitica mondiale e regionale che ora possono diffondersi in altri luoghi. L’hai detto tu oggi, e gli altri erano d’accordo Stiamo per cominciare un gioco diverso. Dovremmo essere in grado di vedere quella gente, quelli dell’ ISIL e tutto quel caos intorno a loro, tutte quelle organizzazioni sono aperte ed estremamente facili da manipolare. Il fatto che esista una regione piena di organizzazioni di quel tipo, giustificherà il rischio per la nostra sicurezza vitale. Anche quando andammo nel Nord dell’Iraq, c’era sempre il rischio del PKK che aleggiava. Se consideriamo attentamente i rischi e li soppesiamo bene  Come ha appena detto il generale 

Yaar Güler:  Signore, quando eravano dentro un attimo fa, abbiamo discusso proprio di questo. Apertamente, voglio dire, le forze armate, per Lei, sono uno “strumento” necessario ad ogni passo.

Ahmet Davutolu: Naturalmente. Lo dico sempre al Primo Ministro, in Sua assenza, per dirla in gergo accademico, non si può rimanere in quelle terre senza un potere forte. E senza un potere forte, non ci può essere potere soft.

Qui si può trovare la traduzione completa in inglese

E solo se per caso qualcuno dovesse credere che si tratta di un montaggio, e che Erdogan abbia ragione a proibirlo ……. E’ stato lui stesso ad ammettere che è vero!

Fonte: http://www.zerohedge.com

Link: http://www.zerohedge.com/news/2014-03-27/here-youtube-false-flag-attack-syria-clip-erdogan-wanted-banned

27.03.2014

Il testo italiano di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte ComeDonChisciotte.org  e l’autore della traduzione Bosque.Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • Servus

    Come per la "Fuck off UE" anche qui è lampante la verità del detto: il diavolo fa le pentole ma non i coperchi.

  • astabada

    Intercettazione di tipo "B"

    Le intercettazioni di tipo "A" vengono riportate sui media nostrani, ma i particolari compromettenti vengono volontariamente omessi (gli USA decidono a tavolino chi governera` l’Ucraina) ed occultati dando risalto a particolari insignificanti ("Fuck the EU").

    Un’intercettazione di questo tipo (come quella tra Ashton e il Ministro degli Esteri Estone) e` troppo compromettente, e non verra` riportata affatto.

    Dietro questa (ennesima) intercettazione ci vedo lo zampino della Russia. Il gatto Erdogan e la volpe Davutoglu non hanno saputo resistere dall’interferire (o meglio, dal provare a interferire) in Crimea. La notte in cui il Cremlino ha inviato le sue forze speciali ad occupare gli aeroporti della penisola, si attendeva lo sbarco di un aereo civile turco, che ha invece invertito la rotta facendo ritorno in Turchia. Quale aereo civile carica abbastanza carburante per fare l’intero viaggio due volte?

    Secondo me Mosca ha mandato un avviso. Guardate che siete su una zattera alla deriva in un mare di merda. Non e` il caso di prendersi rischi.