Home / Attualità / E ne rimasero due: Angela Merkel e Mario Draghi

E ne rimasero due: Angela Merkel e Mario Draghi

DI FEDERICO DEZZANI

federicodezzani.altervista.org

Si deteriora, giorno dopo giorno, il quadro generale in Europa: senza la morfina iniettata dalla Banca Centrale Europea, i mercati finanziari sarebbero in preda a convulsioni peggiori del 2012. L’amministrazione Trump si è saldata con le forze e populiste europee e, sebbene da Washington siano piovuti duri attacchi contro la Germania ed i suoi saldi commerciali record, persino i nazionalisti tedeschi, i falchi della CDU-CSU, viaggiano sulla stessa lunghezza d’onda della Casa Bianca. In questo nuovo contesto solo due superstiti del vecchio establishment liberal, Angela Merkel e Mario Draghi, oppongono ancora resistenza al processo di euro-dissoluzione. Difficilmente riusciranno però a salvarsi dalla manovra a tenaglia messa in campo dalla Casa Bianca e dal “gruppo di Coblenza”.

Coblenza all’attacco, con la benedizione di Donald Trump

Le tensioni dentro l’eurozona hanno raggiunto il livello di guardia: il mercato europeo dei capitali è congelato, il denaro in fuga verso “l’area marco”, il settore bancario dell’Europa meridionale vacilla, le finanze pubbliche in evidente stress, le agenzie di rating declassano senza sosta i titoli di Stato. Molti investitori scommettono ormai sull’implosione della moneta unica. La cancelliera Angela Merkel, il proconsole europeo dell’oligarchia finanziaria, annuncia una contromossa, il colpo d’ala per uscire dal pantano in cui sta sprofondando l’euro: l’Europa a due velocità, ossia un nocciolo di Paesi che procede con l’integrazione fiscale e politica. Tesoro unico, bilancio comune, dissoluzione dei Parlamenti nazionali in un’entità sovranazionale: dopotutto l’euro, un banale regime a cambi fissi calato su un’area monetaria non ottimale, non è stato studiato proprio per questo obiettivo? Strappare i massonici Stati Uniti d’Europa con una lancinante crisi economia e finanziaria?

Titola il Financial Times: “Merkel insists on two-speed Europe”1:

We need more Europe. We don’t only need monetary union, we also need a so-called fiscal union. And most of all we need a political union – which means we need to gradually cede powers to Europe and give Europe control.”

L’unione monetaria non basta, dice la cancelliera: per uscire dalle sabbie mobili della crisi finanziaria, servono l’unione fiscale e politica. Bisogna, in sostanza, cedere più sovranità all’Europa. È musica per le orecchie del milieu finanziario-politico che ha scommesso tutto sulla federazione del Continente: alla Cancelliera Federale, gongolano soddisfatti, siede una preziosa alleata che segue con cura il copione. Sono gli stessi che si affrettano a firmare il Manifesto per gli Stati Uniti d’Europa promosso dal Sole 24 Ore2: Romano Prodi, Antonio Tajani, George Osborne, Jacques Delors, Joschka Fischer, etc. etc.

Bene, ma siamo nel febbraio 2017?

No, il quadro appena descritto, compreso l’articolo del Financial, risale al giugno 2012: quasi cinque anni fa, cinque anni in cui Mario Draghi ha pronunciato il suo “whatever it takes”, i Btp hanno subito una raffica di declassamenti, le sofferenze bancarie in Italia sono esplose, la Grecia è stato ad un passo dall’abbandonare l’euro, la presidenza Hollande è nata ed è morta, l’eurozona è sprofondata nella deflazione, la BCE ha varato l’allentamento quantitativo attirandosi le ire di Berlino ed i “populismi” sono cresciuti fino a conquistare percentuali maggioritarie dell’elettorato. Parlare nuovamente di “Europa a due velocità”, corrobora la tesi di Karl Marx che la storia si ripeta sempre due volte: la prima in tragedia e la seconda in farsa.

Ridicola è anche la reazione di quegli stessi personaggi che cinque anni anni fa firmarono il manifesto del Sole 24 Ore (a sua volta travolto dal dissesto finanziario a dalle inchieste per falso in bilancio), terrorizzati dall’idea di essere risucchiati dal cesso della storia insieme alla moneta unica ed ai palazzi di Bruxelles. Intervistato dalla Repubblica, Romano Prodi ha così commentato l’ennesima proposta di “un’Europa a due velocità” avanzata dalla Merkel3:

Trump e Le Pen sono i due volti dello stesso pericolo: non capisco come mai non si siano ancora sposati. E finora non era arrivata nessuna reazione. Questa è la risposta che aspettavo, anche se avrei preferito che nascesse da un più ampio dibattito politico. Finalmente la Germania sembra cominciare ad assumersi quel ruolo di leadership che non aveva mai voluto esercitare. Va bene così”.

Ma davvero qualcuno crede ancora che un manipolo di Paesi volenterosi decida nel 2017, dopo quasi sette anni di eurocrisi, di fondersi in una federazione? Probabilmente non ci crede neppure Romano Prodi, considerato che altri illustri tecnocrati illuminati hanno già gettato la spugna nel corso del 2016: “Juncker: Basta parlare di Stati Uniti d’Europa, la gente non li vuole”4, “EU chief Tusk slams utopian illusions of united Europe”.5

L’eurozona è oggi dilaniata dalle forze centrifughe e se sui mercati regna un relativa calma è solo grazie alla morfina iniettata da Mario Draghi, al ritmo di 80 €mld al mese: è un oppiaceo, che lenisce il dolore ma non risolve le cause della malattia. Considerato che l’allentamento quantitativo è stato prorogato per tutto il 2017, è ormai evidente che la moneta unica non cadrà sotto i colpi degli assalti speculativi, ma sotto quelli della politica. Anzi, ad essere più precisi, cadrà vittima di una precisa strategia politica: una manovra a tenaglia, progettata dall’amministrazione Trump e dalle forze nazionaliste europee per liquidare i superstiti dell’establishment liberal e, con loro, l’Unione Europea e la moneta unica.

È nata infatti una tacita, ma ben visibile, alleanza delle forze “populiste” americane ed europee contro l’élite finanziaria mondialista: non sbaglia Romano Prodi quando definisce Trump e Le Pen come “due volti dello stesso pericolo”, perché rappresentano effettivamente una declinazione della stessa corrente politica, quella dei movimenti nazionali che insorgono contro l’oligarchia liberal e le sue istituzioni: le Nazioni Unite (vedi i tagli ai finanziamenti operati da Trump), le agenzie sovranazionali che predicano il cambiamento climatico, la Chiesa di Jorge Mario Bergoglio, i paladini dell’immigrazione indiscriminata, la NATO, l’Unione Europea e la sua colonna portante, la moneta unica.

Il neo-presidente non può certo presentare una formale dichiarazione di guerra alle istituzioni di Bruxelles, ma tutte le azioni sinora intraprese vanno il quel senso: il duro attacco sferrato dall’amministrazione Trump contro la Germania, accusata di macinare esportazioni record ai danni degli altri membri dell’eurozona e degli USA stessi, sfruttando l’euro debole, equivale a mettere nel mirino le due figure chiave dell’impalcatura europea, la cancelliera Angela Merkel ed il governatore della BCE Mario Draghi, senza le quali l’euro si sarebbe già dissolto da almeno due anni. L’una, infatti, è stata la garante politica dell’integrità dell’eurozona, respingendo a suo tempo l’ipotesi di una Grexit caldeggiata dai falchi tedeschi, l’altro ha invece “sedato” l’eurocrisi iniettando massicce dosi di liquidità e svalutando l’euro, attraverso quell’allentamento quantitativo osteggiato sempre dai falchi tedeschi.

Si noti come i “duri” tedeschi, capeggiati da Wolfgang Schaeuble, siano in perfetta sintonia con la retorica di Trump (“Germania, Schaeuble torna all’attacco contro la Bce di Draghi: Cambiare politica ultraespansionistica”6), perché entrambi lavorano, neppure troppo velatamente, per lo smantellamento dell’eurozona per come è configurata oggi. Schaeuble viaggia sulla stessa lunghezza d’onda dell’amministrazione Trump anche su altro dossier che sta tornando alla ribalta in questi giorni, il salvataggio della Grecia: i falchi tedeschi, sempre in opposizione ad Angela Merkel, si oppongono a qualsiasi riduzione del debito pubblico greco, invitando la Grecia ad abbondare l’euro per alleviare il fardello del debito (“Schaeuble Rules Out Greek Debt Cut as Violation of EU Rules”7) e si pongono così sulle stesse posizioni dell’amministrazione Trump. Il probabile, futuro, ambasciatore americano degli Stati Uniti presso la UE, “l’euroscettico” Ted Malloch, si è infatti anch’esso espresso a favore di un’uscita di Atene dalla moneta unica (“Ted Malloch: Greece would be better off outside the eurozone”8), definendo come un inutile e doloroso spreco di tempo il tentativo di evitare la Grexit.

Ad un’analisi più approfondita, la politica europea dell’amministrazione Trump non è quindi un “attacco alla Germania”, ma l’ennesima prova di un’alleanza tra la Casa Bianca e le forze nazionaliste (compresi i falchi della CDU-CSU) contro gli ultimi esponenti superstiti dell’establishment liberal, caduti i quali si spianerebbe la strada alla dissoluzione della moneta unica e dell’Unione Europea.

Il fulmineo e misterioso vertice svoltosi alla cancelliera di Berlino il 9 febbraio tra Angela Merkel e Mario Draghi, vertice nel quale i due avrebbero discusso “sul futuro dell’Europa”,9 è il disperato tentativo di coordinamento tra due sopravvissuti, che studiano come coprirsi le spalle a vicenda di fronte all’attacco concentrico: nazionalisti tedeschi, populismi europei ed amministrazione Trump. Il titolo de la Stampa è più azzeccato che mai: “Vertice in cerca di alleanza tra Merkel e Draghi”. Al termine dell’incontro, la cancelliera ha dovuto addirittura rimangiarsi l’ipotesi dell’Europa a due velocità lanciata appena pochi giorni prima: già, perché procedere verso la creazione di nocciolo di Paesi federati, presuppone almeno due o più volontari. Ma chi potrebbe seguire la cancelliera Merkel nel febbraio del 2017 in quest’impresa?

Certamente nessuno di quei Paesi che si avvicinano alle elezioni, promettendo ottimi risultati al “gruppo di Coblenza”: ci riferiamo a quei movimenti nazionalisti che il 21 gennaio, all’indomani dell’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca, si sono ritrovati nella città tedesca per lanciare la loro sfida congiunta all’Unione Europea (gli amanti dei retroscena ricordino che Coblenza fu la base dei monarchici francesi dopo la Rivoluzione del 1789, rivoluzione coordinata da quegli Illuminati che avevano la propria base a Francoforte…). Al vertice delle forze populiste hanno presenziato Matteo Salvini, Frauke Petry, Geert Wilders e Marine Le Pen.

Con quale Paese la cancelliera Angela Merkel potrebbe quindi procedere verso la creazione di una federazione europea? Con la “germanica” Olanda? Molto difficilmente, considerato che il populista Partito della Libertà è dato in testa ai sondaggi ed ha promesso di indire un referendum sulla permanenza nell’Unione Europea. Oppure con l’altra metà del “motore franco-tedesco”, quella Francia dopo il Front National è il primo partito e la “populista” Marine Le Pen avrà gioco facile a sconfiggere al ballottaggio il candidato della banca Rothschild, Emmanuel Macron?

Ci sono pochi dubbi sulla dinamica dell’eurozona all’indomani della vittoria di Marine Le Pen, tanto che il suo consulente economico, Bernard Monot, ha già svelato il piano da attuare nelle ore successive al voto del 7 maggio10:

  • immediata convocazione di un vertice europeo d’emergenza;
  • sostituzione dell’euro con un paniere di valute, paragonabile al vecchio ECU;
  • libera fluttuazione del “nuovo franco” fino ad massimo del 20% rispetto al paniere;
  • ridenominazione del debito pubblico in franchi;
  • abolizione della legge del 1973 per riportare la Banca di Francia sotto il controllo del Parlamento e successiva politica monetaria espansiva per stimolare l’economia.

Intervistato dalla BBC, il sullodato Ted Malloch (il cui solo nome ha scatenato la reazione isterica delle istituzioni europee quando la Casa Bianca ha ventilato di nominarlo ambasciatore presso la UE) ha asserito che l’euro potrebbe implodere nei prossimi 18 mesi11.

Previsione più che realistica, considerata la manovra a tenaglia (“siamo di fronte ad un doppio attacco coordinato: dall’estero e dall’interno” ha detto Romano Prodi) studiata dall’amministrazione Trump e dal “gruppo di Coblenza” per liquidare gli ultimi due bastioni dell’establishment liberal in Europa: l’Unione Europea ed il suo corrispettivo militare, la NATO. Gli stessi centri di potere, per inciso, che avrebbero preferito la vittoria di Hillary Clinton e la conseguente escalation militare con la Russia, pur di sopravvivere.

Gli ultimi due superstiti dell’oligarchia atlantica, Mario Draghi ed Angela Merkel, serrano i ranghi, giurandosi reciproca fedeltà in vista dell’assalto finale: chiusa la tenaglia, non ne rimarrà in piedi nessuno.

 

 

Federicio Dezzani

Fonte: http://federicodezzani.altervista.org

Link: http://federicodezzani.altervista.org/ne-rimasero-due-angela-merkel-mario-draghi/

11-02.2017

Pubblicato da Davide

  • Divoll79

    Purtroppo, ne rimangono ben piu’ di due. C’e’ ancora Schulz (dio ci scampi dal suo cancellierato), c’e’ Renzi (travestito da Gentiloni), c’e’ la (non-in-galera) Lagarde e c’e’ l’incognita del nuovo presidente francese…

  • antifemminismoragusa

    vediamo che succede, teniamoci forte

  • Toussaint

    Sembra Dan Brown nel “Codice da Vinci”. Manca solo la colonna sonora. Deve aver ascoltato il mio consiglio, è meglio se scrive romanzi. Oppure sceneggiature di film. Non manca nemmeno la pisciatina fuori dal vaso. Il QE della BCE, non se ne fosse accorto, è stato ridotto a 60 miliardi/mese (non 80).

    Simpatico anche il titolo. Sembra tratto da Skyfall, il penultimo film di James Bond. Javier Bardem che dice a Daniel Craig: “alla fine ne resteranno solo due”. Solo che lì uno muore, qui invece moriranno tutti e due. Sì, ma dalle risate. La Merkel, oltretutto, probabilmente non sarà più nemmeno Cancelliere. Dovrebbe succederle Martin Schulz.

    Nemmeno tanto originale, il nostro Dezzani. Propone l’abusatissima citazione di Marx, quella che la storia si ripete sempre due volte. La prima in tragedia, la seconda in farsa. Quello che stiamo vivendo, in effetti, non è una tragedia bis, è una farsa. Contento lui.

    Quanti hanno già sentito parlare della “quinta operazione” di Kolakowsky, comunque, un’idea più precisa dovrebbero già essersela fatta. Nelle quattro operazioni tradizionali prima si inseriscono i fattori e poi si ottengono i risultati. La quinta operazione, invece, funziona così: prima si stabilisce il risultato e solo dopo si inseriscono i fattori. Se poi questi non esistono si possono sempre inventare. Che c’è di male?

    L’eurozona comunque finirà, si tranquillizzino i lettori di CdC. Quando, però, ancora non lo sa nessuno. Non sono sicurissimo, invece, che finiranno la Nato e l’UE. Profondamente riformate sì, ma che l’America lasci tutti con la briglia sciolta non ci credo molto. Staremo a vedere. Ammirevole, in conclusione, la granitica determinazione della redazione a proporci il Dezzani. Forse perché fa audience. Come un cantante pop. Vabbè … vado a vedere che succede a Draghi e alla Merkel, stretti come sono nella morsa fra Trump e il Gruppo di Coblenza.

  • marco schanzer

    Si , ma chi glielo dice a queste , venerabili o venerabilissime , e RICCHISSIME , C A R O G N E ?

  • Gino

    Non sono mai d’accordo con questo tipo di descrizioni degli accadimenti. NOn voglio offendere nessuno ma le trovo ridicole e infantili e di conseguenza fuorvianti.
    Ho in mente una certa idea del potere e mi resta sempre oltremodo difficile credere che a certi livelli decisioni che influenzano miliardi e miliardi di capitali dipendano da “persone”.
    Non posso credere che la gestione della BCE dipende da come Mario Draghi la vuole dirigere, non posso credere che le sorti dell’Eurozona dipendano da Merkel e Draghi come se loro fossero i potenti. Proprio no. Il potere lo hanno I MILIARDI! Che siano persone o multinazionali o piu facilmente intere lobby.
    Non potrò mai credere (tanto per fare un esempio) che l’intera lobby dei farmaci (cioè varie multinazionali stramiliardarie) abbiano meno potere di Draghi che di fatto potere non ne ha!!!
    Non potrò mai credere che sono due persone (ma anche di piu se volete) che dettano le regole
    Qui si parla di malavita, si parla di mafie si parla di assassini. Questo è il mondo!
    Chi comanda davvero sono BANDE criminali sopra il potere legislativo, che decide le regole legislative e piu miliardi hai sposti piu pesi.

    QUeste descrizioni leggere, fantasiose, da FILM sviano dalla terribile verità che non si vuole vedere e chiudono il panorama sulle istituzioni e i loro dirigenti come se tutto fosse “normale”.

    • Giovanni_D

      E’ vero. quasi tutti sono portati a guardare il dito e non la luna. Siamo alla base di una piramide del potere che ci schiaccia e non ci permette di vedere chi si trova ai vertici a pilotare. A malapena riusciamo ad accorgergeci dei manovratori manovrati che stanno al piano superiore al nostro. Di soluzioni “normali” al problema non ne vedo proprio, c’è solo da credere che avverrà un cambiamento incontrollato, che si comincia a intravedere nell’evoluzione coscienziale della base, che scombinerà tutto in maniera inaspettata. Io sono ottimista.

      • Gino

        io no. preferisco il realismo! 😉

    • Pedro colobi

      Si, credo anch’io che sia così ma, sembra anche che sia sorta una visione differente del mondo tra i grandi poteri che pilotano la politica mondiale, o almeno dell’occidente, e in questo momento stanno prevalendo i poteri dell’economia reale sui i poteri finanziari. Che appoggia Trump sembra siano questi poteri.

  • Toussaint

    Per quanti volessero accedere ad un report decisamente più serio sull’incontro Merkel-Draghi, consiglierei l’articolo di cui al link seguente, su Orizzonte 48 – http://orizzonte48.blogspot.it/2017/02/incontro-draghi-merkel-ma-lart130-tfue.html#comment-form

    INCONTRO DRAGHI-MERKEL: MA L’ART. 130 TFUE E’ IN DESUETUDINE APPLICATIVA?

    Interessante l’ultimo paragrafo, che riporto integralmente:

    “””Ma questo è lo stesso identico concetto espresso da Schauble, che ipotizza la Grexit solo dopo essersi assicurato che i soldi dell’ESM e della trojka abbiano messo al sicuro i crediti bancari tedeschi, prospettando che l’uscita, cioè il default, ovvero il taglio concordato del debito greco, comunque accompagnato dalla svalutazione della neo-dracma, siano a carico di chi ha contribuito all’ESM … cioè noi (che avevamo posizioni creditorie trascurabili, a differenza dei francesi, verso la stessa Grecia)”””.

    L’Italia contribuisce allo ESM per il 17,8 %. E poi dobbiamo sentirci dire che i contribuenti tedeschi non vogliono pagare i debiti degli altri. Purtroppo, e al contrario, sono i nostri contribuenti a dover ripagare i loro crediti andati a male.