Home / Attualità / Bruciare di tutto
I manifestanti del PAME ad Atene (stampa greca). 8 dicembre
I manifestanti del PAME ad Atene (stampa greca). 8 dicembre

Bruciare di tutto

DI PANAGIOTIS GRIGORIOU

greekcrisis.fr

Sciopero generale, in Grecia, espressione di riti ormai fiacchi, ma sufficienti a spingere Tsipras ad erogare una “mancia” ai pensionati di Grecia, minimo risarcimento rispetto a quanto gli è stato sottratto dal 2011 ad oggi. In Tessaglia ci si prepara all’inverno, e gli albergatori vedono sempre meno prenotazioni: le ONG lo sanno e, su indicazione delle banche locali, vanno da quelli più indebitati e gli propongono vantaggiosi contratti per ospitare i migranti (a spese di chi?). I cittadini raccolgono firme contro il loro arrivo e chi cede non lo dice in giro, ma per quanto si potrà resistere? Le autostrade sono vuote e le mance di Tsipras, per quanto esigue, non sono gradite alla Troika… nuove elezioni all’orizzonte?

Il tempo di un tempo. Tessaglia 1948. Fotografo Takis Tloupas, mostra nel 2016
Il tempo di un tempo. Tessaglia 1948. Fotografo Takis Tloupas, mostra nel 2016

E’ un momento dove si brucia di tutto. Nei villaggi della Tessaglia, come nei quartieri più periferici di Atene, dal crepuscolo fino all’alba così fresca, il fumo e l’odore di legno bruciato rendono l’atmosfera irrespirabile. Questo non è lo stesso … smog che respirano gli abitanti di Parigi. Per tutta la Grecia (escluso, forse, il centro della capitale), il traffico è … in costante riduzione dal 2011. E’ arrivato … il grande cambiamento?

Tangenziale vuota. Grecia centrale, dicembre 2016
Tangenziale vuota. Grecia centrale, dicembre 2016

Giovedi, 8 dicembre è stato anche dichiarato “giorno di sciopero generale” … degno erede delle grandi lotte divenute simboliche, poiché anche gli ultimi pretesti non possono essere difesi, in ogni caso, no, non in quel modo. Alcune migliaia di manifestanti tra Atene e le altri parti svuotate a sufficienza del paese, nessun sciopero (possibile) nel settore privato (ad eccezione dei marinai), una bella giornata … finalmente senza pioggia.

E’ un momento in cui abbiamo davvero bruciato di tutto e la sera dell’8 dicembre, Tsipras ha parlato, tra lo stupore generale, con un discorso a sorpresa in tv annunciando che “in via eccezionale, ci sarà un pagamento immediato di una indennità speciale per i pensionati che ricevono fino a 850 euro di pensione mensile. Alexis Tsipras ha detto che circa 1,6 milioni di pensionati saranno i beneficiari e l’importo di tale indennità speciale sarà inversamente proporzionale alla quantità della pensione ricevuta da parte degli interessati”.

“Quindi, coloro che ricevono pensioni di 800 euro al mese, riceveranno un assegno di un massimo di 300 euro. L’aiuto sarà più consistente tanto più ridotta è la pensione, e in alcuni casi potrà anche superare l’importo (mensile) della pensione stessa. Il budget necessario per finanziare questa misura eccezionale è 617 milioni. Nel frattempo, Alexis Tsipras ha annunciato la sospensione dell’aumento dell’IVA per le isole del nord e l’est Egeo, particolarmente interessate dai recenti flussi migratori”. (stampa greca, ” Kathimerini “9 dic.) … Un regalo?

Nella città di Trikala. Dicembre 2016
Nella città di Trikala. Dicembre 2016
Nella città di Trikala, si aspetta il ... 2017.dicembre 2016
Nella città di Trikala, si aspetta il … 2017 dicembre 2016

 

Nella città di Trikala ... è come se a volte ... Dicembre 2016
Nella città di Trikala … è come se a volte … Dicembre 2016
Il ponte nel 1886 a Trikala. Dicembre 2016
Il ponte nel 1886 a Trikala. Dicembre 2016

Nella città di Trikala si discute tra i venditori di biglietti della lotteria, quasi tutti pensionati. I fatti sono ben noti … e vissuti. Dall’inizio della mémorandocrazia in Grecia (2010), i “governi greci” hanno fatto una dozzina di tagli alle somme percepite come pensioni. I trattamenti sono stati ridotti del 20% e del 50%, senza contare l’aumento delle imposte dirette, IVA (dal 6% al 24% per esempio, e alcuni prodotti di prima necessità).
Il calcolo, per esempio, sulla base del caso di una coppia di pensionati che percepivano ancora nel 2010, 1200 € in pensione mensile totale (in due), la perdita cumulata in termini di reddito è quindi circa 35.000 € in sei anni . Se poi, come è il caso più frequente, questi pensionati devono sostenere finanziariamente i loro figli e nipoti disoccupati si comprende meglio … tutto il simbolismo del “dono” … natalizio di Alexis Tsipras.

Nella città di Trikala, aspettano il 2017, dopo conto alla rovescia elettronico, tipico nel mese di dicembre. C’è un monumento che, a mia memoria, è …unico nel suo genere in Grecia, una statua in bronzo di un bambino installato nel centro di Trikala … che fa pipì dentro un violino. Tuttavia, le giornate sono belle (ma fredde), la maggior parte dei giovani si riuniscono sotto il grande ponte storico, costruito nel 1886 da due ingegneri venuti dalla Francia, altri tempi!

Trikala, in montagna. Dicembre 2016-Greek Crisis Original Photo
Trikala, in montagna. Dicembre 2016-Greek Crisis Original Photo

Trikala, in montagna. Dicembre 2016
Trikala, in montagna. Dicembre 2016

Sulle montagne circostanti la ex Prefettura di Trikala, il conteggio del tempo nel mese di dicembre a volte è un po ‘diverso. La prima neve già caduta, non ha molto segnato gli splendidi paesaggi. Le persone si stanno preparando, locande e taverne sono poco utilizzati, invece, sono tornate alcune (timide) prenotazioni per le vacanze, che portano un po’ di ottimismo all’ambiente.

Niente “rispetto al periodo degli eccessi prima della crisi”, dicono, “Noi ci siamo abituati al cambiamento; i nostri prezzi non possono scendere, i clienti, in tutti i casi greci, o possono pagare o non tornano più, non c’è via di mezzo … “. Non c’è via di mezzo, questo è chiaro … ed è visibile.

Mentre si preparano dolci e decorazioni d’ambiente per uno … ‘stile di vita’ chiaramente indistruttibile, alcuni albergatori segnalano una nuova ansia, che stona con la presunta atmosfera di festa. Recentemente, alcune ONG straniere che si occupano … del destino dei migranti e dei rifugiati in Grecia, hanno (già) visitato le zone di montagna in questo nord della Grecia. Questi … tour operator del meta-mondo europeista e / o del suo … al di là geopolitico, entrano in contatto diretto con gli alberghi della regione, proponendo il noleggio dei loro alberghi, inizialmente per un anno completo, eventualmente rinnovabile.

Nel frattempo, la stampa greca che non pubblica una riga su questi “micro eventi”, evoca invece volentieri le ultime notizie ricevute dalla Commissione europea, che “si augurano” il ritorno …  in Grecia di un gran numero di migranti e rifugiati che i paesi centrali dell’… Eurocampeggio non vogliono … benvenuti a casa … come richiede lo spazio di Schengen.

Montagne Grecia. Dicembre 2016
Montagne Grecia. Dicembre 2016
Il tempo di un tempo. Tessaglia. Fotografo Takis Tloupas,di esposizione nel 2016
Il tempo di un tempo. Tessaglia. Fotografo Takis Tloupas,di esposizione nel 2016

 

Macchina... ferma. Grecia centrale, dicembre 2016
Macchina… ferma. Grecia centrale, dicembre 2016

Gli albergatori delle regioni interessate sono molto preoccupati. Li ho incontrati direttamente, sono spaventati e apertamente divisi (a volte anche all’interno delle stesse famiglie allargate): “Queste persone, ONG straniere, sono apparse qui da meno di un mese. Non vengono per caso, hanno ottenuto le loro informazioni da … … l’amministrazione regionale o dalle banche, sembra. Sì, le banche, perché sanno già relativamente bene qual è la nostra situazione. Essi sembrano essere sufficientemente informati sui debiti di questa o quella struttura, in particolare quando per una particolare azienda del settore sono insormontabili”.

“I nostri sono quindi in trappola. Per alcuni, l’alternativa è tra diventare una sede per migranti oppure cedere l’hotel alla banca, e quindi ai fondi avvoltoio. Oppure lottare per attirare un turismo di qualità … ma in fretta. Che vita! Ad esempio, le ONG propongono di ospitare 100 migranti, quando la capienza dell’hotel lo permette, al prezzo di € 27 / testa al giorno, compresi i pasti. Per un anno intero. Il che significa un fatturato di circa un milione di euro. Gli albergatori sanno che, da un tale tasso di riempimento, si genererebbero un profitto di almeno € 400.000 nel corso dell’anno. In due anni, alcuni di loro avrebbero pagato i loro debiti ‘… Alla fine, vedere la loro strutture danneggiate non sarebbe molto grave, si possono riparare; almeno non sarebbero state ancora demolite.

“In altre regioni, o anche un po’ più lontano, ce ne sono che … hanno ceduto, ma non osano ammetterlo. Per convincerci, le ONG aggiungono dicendo che oltre alle entrate per vitto e alloggio, c’è ancora un business ulteriore da fare con i migranti, attraverso prodotti … derivati. Le schede telefoniche, apparecchi elettronici, rasoi … preservativi. Ci lascerebbero … liberi di organizzarci per queste forniture. Personalmente, ho detto ‘NO’, e nel villaggio abbiamo raccolto la stragrande maggioranza delle firme per non accettare questa gente qui, così diversa e che, soprattutto, una volta qui, si ritroverebbe isolata come in una prigione dorata. Cosa faranno in quei pochi mesi? Quali sarebbero le loro attività? Tra noi, il clima si è riscaldato e alcuni residenti anche minacciato concretamente gli albergatori … traditori. ‘Noi bruceremo l’hotel se accetterete, hanno detto. Inverno caldo e … divertente ” (questa posizione specifica deriva da una testimonianza che risale al dicembre 2016 …).

Grande fienile. Grecia rurale, dicembre 2016
Grande fienile. Grecia rurale, dicembre 2016
Bistrot abbandonato da lungo tempo. Grecia rurale,dicembre 2016
Bistrot abbandonato da lungo tempo. Grecia rurale,dicembre 2016
I manifestanti del PAME ad Atene (stampa greca). 8 dicembre
I manifestanti del PAME ad Atene (stampa greca). 8 dicembre

Sono tempi in cui ci si brucia di tutto e dove si riesce a pensare a un problema solo nel momento in cui si presenta, grazie alla sola fatalità … oggi in opera, cioè quella dei grandi giocatori mondializzanti. I nostri manifestanti ateniesi a manifestazioni, anche quelli del PAME (sindacato del Partito Comunista), hanno un aspetto tetro e rassegnato, il fumo e l’odore di bruciato che emana dalla società greca rendono l’atmosfera irrespirabile (anche senza migranti).

I greci, tuttavia, pensano che Tsipras stia mettendo sul tavolo … del macello le sue ultime carte, poiché Klaus P.Regling, economista tedesco e direttore generale del meccanismo europeo di stabilità (ESM) dichiara già che “Le misure greche annunciate da Alexis Tsipras, sono state decise senza sottoporle all’approvazione delle istituzioni, il che solleva molti interrogativi” (stampa greca del 9 dicembre).

Le elezioni si profilano allora all’orizzonte di un panorama politico che si presenta, in realtà, morto. Quelli di Atene, sia pensionati come miei cugini, sia originari del villaggio, sono  momentaneamente qui solo per rilassarsi per qualche giorno, come si suol dire. Ricaricarsi, si dice… per poi tornare ad Atene con il bagagliaio della loro auto pieno di carne e di prodotti più locali che mai. “Noi non torneremo per Natale di quest’anno. I bambini non vogliono lasciare Atene, e poi l’essenziale è fatto. Partiamo … belli carichi! “.

Tessaglia 1966. Fotografo Takis Tloupas 2016 mostra
Tessaglia 1966. Fotografo Takis Tloupas 2016 mostra

In Grecia, il traffico … si è costantemente ridotto dal 2011. Infine … oggi forse è giunto il grande cambiamento, e i nostri animali adespoti possono quindi contemplare a piacimento … questo asfalto disertato dagli esseri umani. “La Grecia non è realizzabile” già ripeteva l’addetto militare di Sua Maestà, di fronte al nostro grande poeta (e diplomatico) Georges Seferis (1900-1971, uno dei più prestigiosi poeti e scrittori greci, premio Nobel letteratura nel 1963). Lo diceva nel 1946, e oggi ci siamo, questo oggi ha senso ( “Policy Synopsis – II”, 10 maggio 1946, 1983 edizione, Atene).

Non lo ripeteremo mai abbastanza in questi giorni. Come questi estratti del discorso di George Seferis a Stoccolma nel novembre del 1963:

“Faccio parte di un piccolo paese. Si tratta di un promontorio roccioso nel Mediterraneo, che esiste solo grazie all’impegno della sua gente, al mare ed alla luce del sole. Si tratta di un piccolo paese, ma la sua tradizione è immensa. Ciò che lo caratterizza è che questa tradizione si trasmette a noi senza interruzioni. La lingua greca non ha mai cessato di essere parlata. Ha subito alterazioni, come ogni essere vivente. Ma non ha mai avuto interruzioni. Ciò che ancora caratterizza questa tradizione, è l’amore per l’essere umano; la giustizia è la sua regola. Nell’organizzazione della tragedia classica, così precisa, l’uomo che supera la misura deve essere punito dalle Erinni. In più, la stessa regola vale anche per le leggi naturali”.

“Il sole non può superare la misura, ha detto Eraclito, altrimenti le Erinni, ancelle della giustizia, sapranno come ricondurlo all’ordine. (…) In questo mondo che si sta restringendo, ognuno di noi ha bisogno di tutti gli altri. Dobbiamo cercare l’uomo, ovunque esso si trovi.

 

"I nostri animali adespoti contemplano ... l’asfalto disertato dagli esseri umani. Grecia, nel mese di dicembre 2016
“I nostri animali adespoti contemplano … l’asfalto disertato dagli esseri umani. Grecia, nel mese di dicembre 2016

E’ inverno, il momento in cui si brucia di tutto. All’ingresso del bistrot in Tessaglia, i nostri animali … aspettano pazientemente mentre altri, contemplano a piacimento … l’asfalto.

Certo, in questo mondo che si sta restringendo, ognuno di noi avrebbe bisogno di tutti gli altri.

I nostri animali aspettano pazientemente. Tessaglia, dicembre 2016
I nostri animali aspettano pazientemente. Tessaglia, dicembre 2016

Panagiotis Grigoriou

Fonte: www.greekcrisis.fr

Link:  http://www.greekcrisis.fr/2016/12/Fr0559.html#deb

9.12.2016

 

Scelto e tradotto per www.comedonchisciotte.org da FRANZ

 

Pubblicato da Franz-CVM

  • PersicusMagus

    Fratello greco, speriamo…
    Se penso agli imbecilli che mediamente aderiscono al populismo tenderei a essere scettico ma l’astuzia della Storia conosce mille strade.
    Se il mondo cambierà sarà questo altro anno…auguriamocelo con tutto il cuore e nella peggiore delle ipotesi

    Καλή αντάμωση στα Γουναράδικα

    che almeno chi ha le palle avrà il modo di tirarle fuori.

  • il gobbo

    presto saremmo noi a finire così, o almeno siamo sulla buona strada…..