Trovate microplastiche nel sangue umano, l’allarmante studio che lo prova

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

Le microplastiche sono ormai onnipresenti nell’ambiente in cui viviamo e nella catena alimentare con i problemi che ne conseguono, non è una novità. Adesso, però, è appena uscito uno studio  che è stato condotto dall’Università di Vrije, ad Amsterdam, nei Paesi Bassi e pubblicato sulla rivista Environment International che, per la prima volta, le ha identificate e quantificate nel sangue umano.

È una notizia preoccupante. Il sangue irriga gli organi del corpo ed è la via di trasporto dell’ossigeno, dei nutrienti e, a questo punto, potenzialmente anche delle particelle di plastica verso altri tessuti e organi. Gli autori scrivono, infatti, esplicitamente: È scientificamente plausibile che le particelle di plastica possano essere trasportate agli organi attraverso il flusso sanguigno.”
Si legge, inoltre, nello studio: “La dimensione, la forma, la chimica della superficie e la carica di una particella governano le sue interazioni con i sistemi biologici, inclusa la formazione di una corona proteica sulla superficie della particella. È probabile che alcune si vadano a localizzare nelle cellule immunitarie, mentre altre possano aderire a proteine, particelle lipidiche, all’endotelio vascolare o ad altre particelle di plastica.”

Il contatto con le microplastiche avviene attraverso ingestione, inalazione o anche attraverso la pelle. Sono i ricercatori stessi a elencare tutte le potenziali vie di esposizione:Fonti nell’ambiente di vita che entrano nell’aria, nell’acqua e negli alimenti, ma anche prodotti per la cura della persona che potrebbero essere ingeriti (es. PE nel dentifricio, PET nel lucidalabbra), polimeri dentali , frammenti di impianti polimerici, nanoparticelle polimeriche di rilascio di farmaci (ad es. PMMA, PS), residui di inchiostro per tatuaggi (ad es. particelle di acrilonitrile-butadiene stirene).”

Infine gli autori dello studio precisano che non si conosce attualmente il tempo di permanenza di queste microplastiche nel flusso sanguigno.” Inoltre: “Resta da determinare se le particelle di plastica sono presenti nel plasma o sono trasportate da tipi di cellule specifiche”. E concludono con una domanda: “Se le particelle di plastica presenti nel flusso sanguigno sono effettivamente trasportate dalle cellule immunitarie, tali esposizioni possono potenzialmente influenzare la regolazione immunitaria o la predisposizione a malattie a base immunologica?”.

Appare urgente approfondire con ulteriori studi, tanto più che il problema delle microplastiche è crescente e che l’esposizione non risparmia nessuno, compresi neonati e bambini (che sono ancora più vulnerabili alle sostanze chimiche rispetto agli adulti).

__

VB

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x