Tolosa, centri vaccinali vandalizzati: assist alla repressione?

Nella notte tra lunedì 16 e martedì 17 agosto, un centro di vaccinazione è stato vandalizzato a Saint-Orens-de-Gameville (Haute-Garonne), vicino a Tolosa. Cinquecento dosi distrutte: il danno maggiore è alle proteste, non a Big Pharma

fonte ouest-france.fr

Le notizie che arrivano dalla Francia sono indice di reale esasperazione sociale, ma è doverosa la consapevolezza che gli atti di violenza sono il più facile assist che si può fare ad un establishment sovranazionale in cerca di motivi per aumentare sorveglianza e repressione. Per questo, non si può essere solidali con certe azioni che hanno l’unico risultato di arrecare un danno irrilevante a Big Pharma, ai suoi lobbisti e ai suoi pupazzi, dandogli il grande vantaggio di poter presidiare le strutture sanitarie con la polizia: un tassello in più verso la polizia sanitaria.

Marco Di Mauro

Un centro di vaccinazione Covid-19 vicino a Tolosa è stato vandalizzato nella notte tra lunedì 16 e martedì 17 agosto. 500 dosi di vaccino sono state distrutte.

«Non è stata rinvenuta sul posto alcuna scritta o rivendicazione», ha detto all’AFP il sindaco di Saint-Orens-de-Gameville (Haute-Garonne), Dominique Faure.

«Si tratta di vandalismo classico: tavoli e sedie sono stati rotti, così come due schermi di computer», ha detto, aggiungendo che il sistema di allarme utilizzato nella sala comunitaria trasformata in centro di vaccinazione non aveva funzionato.

Cinquecento dosi di vaccino sono state anche distrutte sul posto, secondo una fonte vicina all’indagine.

Il municipio sporge denuncia

La procura di Tolosa ha dichiarato all’AFP che una denuncia è stata presentata dal municipio del comune. L’indagine è stata affidata alla sezione di ricerca della gendarmeria di Tolosa e alla brigata di ricerca di Villefranche-de-Lauragais.

Il centro di vaccinazione dovrebbe riprendere le sue attività “prima della fine della settimana”, spera Dominique Faure.

Gérald Darmanin «condanna fermamente» il danno, ha detto il ministero dell’interno all’AFP.

L’11 agosto, Gérald Darmanin aveva già invitato i prefetti a rafforzare la “sorveglianza” dei centri di vaccinazione e delle farmacie, bersaglio di ripetuti atti vandalici durante le proteste contro la generalizzazione del lasciapassare sanitario.

Periodo di forte mobilitazione

Questi atti di vandalismo si inseriscono in un contesto di forte mobilitazione contro una “dittatura sanitaria” messa in atto dal governo, secondo gli oppositori della tessera sanitaria e della vaccinazione obbligatoria degli operatori sanitari.

Diverse decine di migliaia di persone hanno manifestato ogni sabato nelle ultime cinque settimane.

All’inizio di agosto, i locali dell’Ordine degli Infermieri di Tolosa sono stati vandalizzati con scritte anti-green pass. A luglio, un incendio doloso ha distrutto una tenda che ospitava un centro di vaccinazione a Urrugne (Pyrénées-Atlantiques) e un altro è stato vandalizzato a Lans-en-Vercors (Isère), con scritte anti-vaccino sull’edificio.

blank
Notifica di
3 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
3
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x