Home / ComeDonChisciotte / SOPRAVVIVERA’ L’EURO FINO AL 2015 ?

SOPRAVVIVERA’ L’EURO FINO AL 2015 ?

PERCHE’ IL COLLASSO DELLA GRECIA RISCHIA DI TRAVOLGERE CON L’ ITALIA TUTTA EUROLANDIA ?

DI MORENO PASQUINELLI
sollevazione.blogspot.com

Sommario:

1. “PIIGS” & Spread
2. Credit default swap (Cds)
3. La minaccia di un nuovo crollo finanziario e il destino di Berlusconi

La Grecia, dopo tre settimane di mobilitazioni contadine, è stata ieri completamente paralizzata dallo sciopero generale dei dipendenti pubblici, riuscito più di quello del 13 dicembre scorso. Per sanare i conti pubblici il governo “socialista” di George Papandreu, insediatosi nell’ottobre scorso, ha approntato un piano di drastici tagli (ma il peggio deve ancora venire) alla spesa pubblica. Gridava un dimostrante: «Non sono stati gli operai che si son presi i soldi, ma i plutocrati. Che li diano indietro loro!». Un delegato sindacale aggiungeva: «E’ una guerra contro i lavoratori e noi risponderemo con la guerra, con una lotta continua, fino a quando il governo non ritirerà i suoi provvedimenti.» I segnali che giungono dalla Grecia confermano le tre tesi basilari su cui da almeno un anno e mezzo noi insistiamo: (1) la crisi che vive il capitalismo occidentale è una crisi epocale, storico-sistemica; (2) essa avrà affetti devastanti facendo saltare per primi gli anelli deboli della catena imperialistica (e la Grecia è uno di questi); (3) la crisi pone fine alla lunga catalessi del conflitto sociale e causerà asprissimi e prolungati scontri sociali.

Nella foto: dimostranti cercano di bruciare una bandiera dell’Unione Europea (Atene – 10.02.2010)PIIGS & Spread

Il Pil della Grecia pesa meno del 3% di quello di Eurolandia, eppure, non appena diffusasi la notizia di un possibile default ellenico, l’Euro è sceso in poche ore ai suoi minimi (quota 1,35 dollari al 8 febbraio), facendo così vacillare, assieme all’economia tedesca (primo paese esportatore) tutta l’Eurozona. Ha ragione il primo ministro Papandreu a denunciare che il gigantesco assalto speculativo al debito sovrano (pubblico) greco è un attacco all’Euro. Così si spiega come, malgrado il Trattato di Maastricht impedisca un “salvataggio ufficiale”, le teste d’uovo della BCE e della Commissione europea abbiano assicurato che “la Grecia non andrà in default”. Ma il prezzo di questo salvataggio lo indica Padoa Schioppa sul Corriere della Sera di oggi: «Eviteremo reazioni a catena, ma Atene dovrà accettare limitazioni di sovranità». In poche parole la Grecia sarà commissariata dalla Banca centrale di Francoforte e perderà anche la parvenza di Stato nazionale sovrano.

Tutti gli analisti convergono tuttavia nell’affermare che il problema non sarà risolto gettando il salvagente alla sola Grecia. L’attacco speculativo sta infatti prendendo di mira la serie di paesi che razzisticamente gli anglosassoni (sulla disastrata condizione del regno Unito diremo più avanti) chiamano PIIGS (maiali), che è l’acronimo che sta per Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna. Se le misure d’emergenza delle autorità monetarie e politiche europee non sortissero alcun affetto duraturo, la crisi Greca potrebbe produrre un effetto domino dalla incalcolabile portata.

I segnali non sono confortanti. I grandi detentori mondiali di denaro, anzitutto i famigerati hedge fund, stanno sbarazzandosi in maniera massiccia dei titoli di stato dei PIGS (per adesso Italia è esclusa) in loro possesso obbligando i rispettivi governi ad alzarne i rendimenti. La Grecia, ad esempio, è riuscita sì a collocare l’ultima emissione dei propri titoli di stato, ma solo offrendo un rendimento annuale del 6,2%. Un tasso molto alto, che finisce per innescare il diabolico meccanismo per cui, pur di onorare i debiti pregressi e contenere il deficit delle finanze pubbliche, lo Stato finisce per indebitarsi sempre di più, avvicinando il rischio di un default.

C’è chi ricorda il 1992, quando, non una cordata di speculatori ma il solo George Soros, scatenò l’attacco contro la sterlina e la lira, innescando la reazione a catena della scommessa al ribasso sulle obbligazioni e i titoli di stato inglesi e italiani. Quello che sta accadendo in questi giorni sembra avere proporzioni ancora più ampie.

C’è un indice che i pescecani della finanza ritengono infallibile, il cosiddetto spread, il differenziale tra i rendimenti di obbligazioni simili (di norma decennali) emessi da paesi differenti. Il bond, il titolo considerato più virtuoso e che fa da parametro, è in Europa quello tedesco. Se il rendimento del bond non-tedesco è maggiore di quello di Berlino, allora vuol dire che gli operatori non si fidano e comprano meno (o vendono del tutto) il titolo non-tedesco. La conseguenza, come dimostra la Grecia, è che il governo deve promettere (e pagare) interessi più alti se vuole piazzare i suoi prestiti durante le aste. Il rendimento più alto che il creditore incassa è il premio per il rischio, il rischio appunto che il debitore non riesca a onorare il debito contratto.

Vediamoli dunque questi spread tra i i debiti dei PIIGS e quello tedesco. Quello greco è volato a ben 405 punti base, mentre il prezzo dei CDS (su cui torneremo più avanti) è oltre i 400 punti. Lo spread tra i titoli decennali tedeschi e quelli spagnoli è a quota 100, quello irlandese si è portato a 174 punti base, quello portoghese è a 155 (ma visto l’inquietante fallimento dell’asta dei bond portoghesi del 3 febbraio la tendenza è alla crescita). L’Italia si sta difendendo come può, lo spread coi bund e i BTp tedeschi è a quota 92.

Per adesso il “maiale italiano” non è investito dalla bufera speculativa. Più solidi sono, rispetto agli altri, i fondamentali economici, in primis la sua struttura industriale, che dimostra, anche grazie ai bassi salari e alla maggior flessibilità dei suoi distretti e all’atomizzazione delle imprese, una notevole capacità di tenuta. Anche i dati del rapporto deficit-Pil mostrano che l’Italia, tra i “maiali”, è quello meno a rischio: contro il 13% della Grecia e l’11,7% della Spagna, il Belpaese oppone il 5,2%. Per adesso, appunto, poiché se la bufera che investe Grecia, Portogallo, Irlanda e Spagna dovesse farsi più minacciosa, nessuno ha dubbi che l’Italia sarebbe anch’essa travolta. Il governo sarebbe a quel punto obbligato, onde evitare la fuga dai titoli di stato italiani, ad alzarne i rendimenti, e finanziano quest’aumento approntando piani draconiani tagli alla spesa pubblica, con le conseguenze sulla stabilità sociale e politica che ognuno può immaginare.

Che ci sia del “marcio in Danimarca”, ovvero che sia in atto un Risiko globale in cui grandi hedge found nonché grandi banche stiano speculando sulla pelle delle nazioni e dei popoli pur di arraffare grandi somme di profitti nel più breve lasso di tempo, è dimostrato dal fatto che mentre si grida al rischio default dei “maiali”, il Regno Unito, il “maialone”, stranamente, non è sotto attacco. Segno evidente che la City è il centro vero e proprio dell’offensiva di aggiotaggio. Il rapporto deficit-Pil è considerato, come si sente dire ogni giorno, l’indice “infallibile” per valutare lo stato di salute di un paese. Peccato che quello inglese sia già al 10,4%! Cioè allo stesso livello di guardia dei PIIGS.

Credit default swap

Per comprendere perché l’umanità è sull’orlo del precipizio, fino a che punto il capitalismo è una macchina scassata con alla sua guida degli avventurieri senza scrupoli, è bene soffermarsi un attimo sui Cds, Credit default swap, che altro non sono se non quei derivati ampiamente responsabili del crollo finanziario del settembre 2008.

Si tratta di contratti con cui un soggetto terzo assume il rischio, dietro lauto pagamento da parte dell’emittente, dell’eventuale insolvenza dell’emittente stesso. In pratica si tratta di polizze assicurative sui bond e sui titoli (ma anche su azioni). Se la quotazione dei Cds su un dato titolo sale, vuol dire che il premio della polizza è più caro, significa insomma che il mercato prezza un maggiore rischio d’insolvenza. Viceversa, se le quotazioni dei Cds scendono, il rischio di default diminuisce.
Esempio: Credito Italiano o la Cassa di Risparmio di Forlì comprano, perché venduti a tassi allettanti, obbligazioni e titoli emessi dalla Grecia, ma dato il rischio di default del paese si proteggono comprando Cds, che saranno pagati ove le obbligazioni non venissero rimborsate. Fatto sta che è il prezzo dei Cds la misura che “il mercato” considera molto precisa del rischio attribuito ad uno Stato o ad una società. Più Cds vengono comprati maggiore è il rischio dei titoli che essi coprono.

Il problema è che coi Cds si può fare anche ben altro, ovvero la pura speculazione, guadagni astronomici a breve. Afferma un analista: «Se vuoi posizionarti corto su un dato emittente (ovvero se vuoi scommettere su un suo peggioramento o al limite sul suo default, ndr), basta comprare Cds (i quali vengono scambiati al pari di tutti le altre diavolerie finanziarie, ndr). Se le condizioni del paese o della società peggioreranno, il prezzo dei Cds salirà e chi li avrà comprati per tempo, li venderà facendo lauti guadagni» (La Stampa del 10 febbraio).
Si può quindi comprare scommettendo su un rialzo dei Cds, fottendosene delle conseguenze sociali che poi affliggeranno la vittima. Quello greco è un caso clamoroso: i Cds sulla Grecia sono passati da 120 punti base in ottobre ai 419 di questi giorni. Così, mentre per gli analisti il rischio reale di default greco si aggira attorno al 2%, osservando l’impennata dei Cds si giunge al 29%. Ci sono insomma forze anonime e tremende che puntano al crollo di questo paese, nonché a trascinare l’Euro nella spirale, proprio allo scopo di intascare le cedole lucrando sulla crisi della moneta europea.

Afferma un trader della City londinese: «In questi giorni abbiamo visto molto attivi sul debito greco molti hedge fund ma anche grandi banche, americane ed europee» (La Stampa, idem), con l’apparente paradosso che le banche che vanno all’attacco della Grecia sono le stesse che gli hanno prestato i soldi solo pochi mesi addietro. Un modo per moltiplicare rapidamente i propri guadagni.

Un altro esempio di come agisca la speculazione l’abbiamo con la Spagna. I titoli di stato spagnoli a dieci anni, tra il primo febbraio e il 4 febbraio, sono passati da 99.79 a 98,99, con un guadagno per chi ha venduto di 80 centesimi per ogni singolo titolo. Una grande banca che avesse comprato 100 milioni di euro di titoli spagnoli, in soli tre giorni, vendendo gli stessi titoli avrebbe guadagnato 800mila euro!
Per dare un’idea delle dimensioni apocalittiche del traffico globale dei Cds basti pensare che secondo recentissime stime il totale dei CDS emessi è pari praticamente al PIL mondiale.

Come stanno le cose per i Cds sull’Italia? Essi sono passati dai circa 20 punti base del novembre 2007 agli attuali 185. Un balzo che attesta come i mercati finanziari considerano l’Italia per nulla estranea al pericolo di un collasso. Ma anche stavolta è il caso di tirare in ballo il Regno Unito. I Cds inglese è passato in pochi mesi dai 5 punti base ai 147, con un aumento forte dall’inizio dell’anno. E neanche Germania e USA se la passano molto bene, visto che i loro Cds sono a 60-70 punti base.

La minaccia di un altro crollo finanziario e il destino di Berlusconi

In un articolo su Il Sole 24 ore del 8 febbraio Vittorio Carlini ci svela come questi Cds, lungi dall’essersi ritirati dal mercato dopo il crollo del settembre 2008, hanno ripreso vigore rischiando di causare un’altra gigantesca bolla, precipitando il capitalismo mondiale nel caos.
Egli mette in evidenza come tali derivati sfuggano ad ogni controllo, un eufemismo per dire che sono concentrati nelle mani di grandi colossi finanziari privati; e che siano scambiati su “piattaforme” opache, cosiddette Over the counter, che è un eufemismo per non dire fuori da ogni controllo.
Infatti cosa si scopre? Che in barba al crollo del settembre 2008 «.. al 30 settembre 2009, negli Stati Uniti, il 96% dei contratti swap (in cui sono ricompresi i Cds) era intermediato da solo cinque banche: JpMorgan, Bank of America, Goldman Sachs, Morgan Stanley e Citigroup. Il dato, pubblicato dall’Office of the comptroller of the currency, è riferito ad un valore nominale di oltre 172 triliardi di dollari. Una cifra incredibile!»

Ecco chi sono i demiurghi che stanno dietro alle grandi manovre finanziarie che stanno squassando l’economia occidentale spingendo interi stati al collasso e interi popoli a subire cure da cavallo. Si tratta non della “mano invisibile del mercato”, bensì di grandi gruppi finanziari-bancari di aggiotaggio, anzitutto anglosassoni, che nella loro folle corsa speculativa si portano appresso tutto il resto della compagnia. Sono questi gruppi che lungi dall’aver cambiato musica dopo il crollo del 2008, hanno ripreso il gioco speculativo dei derivati in grande stile, avvicinando la possibilità di un nuovo e più devastante collasso.

Secondo una vulgata dura a morire, a fronte di questo “capitalismo parassitario” vi sarebbe un “capitalismo buono” o “sano”, che starebbe lottando per avere il sopravvento e sbarazzarsi delle mele marce. Obama, manco a dirlo, sarebbe il campione di questo capitalismo buono. In Italia è addirittura il Ministro Tremonti che ama vestire i panni del paladino del “capitalismo sano” di contro ai “cattivi banchieri”.

In verità l’intreccio indissolubile tra grandi aziende industriali, banche commerciali e banche d’affari, tra speculatori cattivi e “onesti capitani d’industria” è talmente inestricabile che ne viene fuori un’unico, immenso conglomerato capitalistico mondiale, al cui centro c’è Wall Street e il super-imperialismo USA. Un conglomerato certo attraversato dalla lotta tra cosche, dalla spietata battaglia per tenersi a galla. Ma quando tutto il sistema scricchiola esse rassomigliano ai Ladri di Pisa, che litigavano di giorno per rubare assieme di notte: come mostra il caso greco, queste cosche fanno causa comune, non si fanno scrupoli dall’assaltare la diligenza di qualche fondo sovrano. Per di più, il ricorso all’investimento speculativo, al Risiko finanziario, i banchieri e i traders lo fanno spesso solo su commissione. Per non parlare che spesso, proprietari di banche o di gruppi industriali, fanno capo alle stesse confraternite, se non alle medesime persone fisiche.

C’è chi si chiederà: ma con quale intelligenza questi mostri capitalistici portano tali attacchi ai PIIGS, col rischio di ottenere una crisi dell’Eurozona, non escluso l’uscita dall’Euro di diversi paesi? Ma è semplice! Per guadagnare quattrini, senza riguardo alcuno per le conseguenze che questa loro smania può provocare a livello politico e sociale, in questo o quel paese. En passant: il panico che provoca l’avanzata cinese non è che stemperi la pulsione predatoria dei conglomerati finanziari occidentali, anzi, la accentua.
Ci penseranno i governi e gli organismi politici e monetari sovranazionali a correre ai ripari, a trovare soluzioni, a mediare, o ad applicare politiche di austerità per far pagare alle masse dei salariati e ai settori più deboli della borghesia, nonché, come sempre, ai popoli diseredati del “terzo mondo”, i costi, enormi, delle loro scorribande.

Ci pensino i Papandreu, gli Zapatero o i Berlusconi a riscuotere il pizzo sociale, a sanare le casse degli stati nel frattempo razziate da Lorsignori. In fondo questi politicanti non sono che esattori, dei vampiri che quando è necessario debbono dissanguare i popoli per assicurare le indispensabili e periodiche trasfusioni senza le quali il capitalismo non potrebbe funzionare. Se non saranno guerre tra stati a far uscire il Capitale dalla crisi, che siano pure le guerre civili, l’attacco alle masse popolari.

Politiche di durissimi sacrifici attendono dunque anche gli italiani. Il cui risveglio dopo il sogno dell’opulenza e della crescita senza fine, sarà senz’altro doloroso. Se poi all’Italia dovesse accadere, a breve, qualcosa di simile a ciò che sta accadendo alla Grecia, il populismo berlusconiano, quello che meglio di tutti ha incarnato quel sogno, salterà come un birillo, un ramo secco che sarà travolto dalla piena. Il cavaliere si farà da parte o sarà costretto a digerire il piatto che da anni stanno preparando nelle retrocucine: un governo di unità nazionale d’emergenza. Un’Unione sacra, che per conto del regime plutocratico, scaricherà sulla povera gente i costi salatissimi per salvare il salvabile, ovvero per salvare con l’Euro tutto l’edificio di Eurolandia. Noi ribadiamo che siamo solo agli inizi di una crisi epocale, destinata a ferire a morte non solo qualche “maiale” ma tutta l’Unione europea.
Saranno gli eventi a fare spazio ad una soluzione rivoluzionaria, ad un’uscita non solo dalla crisi, ma ad una fuoriuscita dal capitalismo. la cui prima irrinunciabile misura sarà nient’altro che l’annullamento del debito pubblico, fatte salve le fasce sociali più deboli che dovessero avere in tasca qualche migliaio di Euro di titoli di stato.

Moreno Pasquinelli
Fonte: http://sollevazione.blogspot.com
Link: http://sollevazione.blogspot.com/2010/02/sopravvivera-leuro-fino-al-2015.html#more
11.02.2010

Pubblicato da Davide

  • Tao

    PER SALVARE LA GRECIA L’EUROPA TOGLIE I SOLDI AI SUOI CITTADINI

    DI MAURO BOTTARELLI
    ilsussidiario.net

    Alla fine, vinse la paura. Al vertice europeo di oggi – cui parteciperà anche il capo della Bce, Jean-Claude Trichet, di ritorno anticipato da un viaggio in Australia – la Germania darà il via libera al piano di salvataggio della Grecia. Ne sono certi i media tedeschi, tanto che hanno anticipato la notizia in base alla quale il ministro delle Finanze, Wolfgang Schauble, avrebbe subito messo al lavoro i suoi tecnici affinché preparassero a tempo di record la bozza di progetto da presentare oggi in sede comunitaria.

    Le opzioni sul tappeto sono due: un prestito dagli altri paesi europei oppure una risposta istituzionale dell’Unione in quanto tale. Non è un caso che, appena appresa la decisione, l’euro abbia messo a segno il forte apprezzamento sul dollaro nel singolo giorno di contrattazioni da un anno a questa parte. Anche i titoli di Stato greci a 10 anni sono precipitati di 36 punti base toccando il 6,39% in poche ore mentre gli speculatori cominciavano a sentire scottare le dita e si precipitavano a diversificare le loro scommesse scappando dalla Grecia e spostandosi su bond portoghesi, spagnoli e italiani.

    Michael Meister, capogruppo dei Cristiano democratici tedeschi, ha detto chiaramente al Financial Times Deutschland che questa crisi non poteva essere lasciata entrare in una spirale: «La nostra principale priorità è la stabilità dell’euro. Se la Grecia otterrà aiuto, questo avverrà soltanto a condizioni molto chiare e dure e con la promessa di riforme alla radice». Una mossa paradossalmente necessaria ma anche un’arma a doppio taglio, questa scelta tedesca: da un lato potrebbe portare a un collasso della disciplina fiscale all’interno del cosiddetto Club Med e, inoltre, crea un precedente con la crisi irlandese.

    Dublino, infatti, ha combattuto la sua situazione di quasi default tagliando i salari, alzando le tasse, facendo insomma quella che in Italia viene definita “macelleria sociale”, ma non ha ricevuto il becco di un euro dall’Ue: per Atene, invece, pare che sarà diverso. Ma, come anticipavamo qualche settimana fa, Berlino ha scelto di dare il via libera anche perché questa singola mossa cambia drasticamente il carattere stesso del progetto politico legato all’euro: da un lato, infatti, è innegabile che il cosiddetto kickstart è stato dato dal rischio di una crisi in stile Lehman che facesse partire un domino sul debito in tutto il Club Med, capace di portare instabilità sistemica in tutta l’eurozona.

    L’esposizione tedesca nell’area, pur non essendo da incubo, è tutt’altro che trascurabile: 43 miliardi di euro verso la Grecia, 47 verso il Portogallo, 193 verso l’Irlanda e ben 240 verso la Spagna, stando ai dati della Bank of International Settlements. I creditori tedeschi, poi, sono già di per sé molto vulnerabili avendo il più basso capital ratio con aggiustamento di rischio dopo il Giappone. Insomma, rischi di sistema ma anche un’opportunità: dare vita, da subito e in ossequio all’emergenza, agli Stati Uniti d’Europa, con capitale formale a Bruxelles ma politica a Berlino.

    A sancirlo, nei fatti, sarà il summit di oggi. Herman Van Rompuy – l’uomo messo a capo dell’Ue dal Bilderberg Group, nota consorteria internazionale che al di là delle leggende complottistiche punta da sempre al progetto federale europeo, molto gradito anche ad ambienti Usa – ha infatti già firmato una richiesta per la creazione di “un governo economico europeo” che veda spostarsi le responsabilità per la programmazione economica dalle autorità nazionali a un “Ue level” come recita il testo. Con una mossa parallela, il capo della Commissione, il sonnachioso Jose Manuel Barroso, si è affrettato a dire che Bruxelles, attraverso i trattati, ha già i poteri necessari per prendere le redini della politica economica.

    Insomma, gli euroburocrati sono ben contenti di sfruttare l’emergenza Grecia per tagliare fuori popoli e governi dai processi decisionali. Per Barroso, infatti, «la nostra situazione economica e sociale ci impone un radicale cambio dello status quo. E il Trattato di Lisbona ce lo consente». Ora si capisce meglio il ricatto a cui ha dovuto sottostare la traballante Dublino, rivotare il referendum o fare la fine dell’Argentina. E ancora, sempre uno stranamente loquace Barroso, ha tenuto a farci sapere che «la politica economica non è una questione nazionale ma europea. Nessuna moderna economia è un’isola. Quando uno Stato membro non compie le riforme necessarie, ne soffrono tutti».

    Ma, perché un ma c’è sempre, non è affatto detto che quanto deciso oggi sia sufficiente a rimettere in carreggiata la Grecia e l’intera competitività del Club Med. I cittadini greci più facoltosi hanno infatti già spostato qualcosa come 7 miliardi di euro su conti correnti all’estero nel timore di una sorta di misura di emergenza governativa che congelasse i capitali. Un qualcosa che ricorda molto la Tequila Crisis messicana del 1994, quando gran parte dei grossi capitali finirono nei caveau della banche statunitensi.

    Questa politica, però, rischia di minare i depositi base e le riserve delle banche greche, portando come conseguenza un’ulteriore contrazione del debito: c’è, insomma, il rischio di un effetto Northern Rock. Guarda caso, proprio ieri Goldman Sachs ha attuato il downgrade di National Bank of Greece e SPSB: «La Grecia corre un rischio sia a livello di liquidità che di solvibilità. Noi continuiamo a pensare che le banche greche siano ben gestite, ma i problemi che stanno per affrontare sono al di fuori del loro controllo operativo».

    Ancora una volta, una crisi finanziaria e politica eterodiretta. Benvenuti nella nuova Europa federata e senza più sovranità nazionale: senza falsa modestia, qualcuno doveva avvertirvi del cambiamento in atto. Dubito lo faccia la grande stampa, ora speriamo che almeno il rischio di default più imminenti sia scongiurato. Controllare il Chicago Merchantile Exchange potrà essere un buon barometro: vediamo, da venerdì, dove sposteranno le loro scommesse gli speculatori internazionali. Fingers crossed.

    Mauro Bottarelli
    Fonte: http://www.ilsussidiario.net
    Link: http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2010/2/11/FINANZA-Per-salvare-la-Grecia-l-Europa-toglie-soldi-ai-suoi-cittadini/3/66384/
    11.02.2010

  • lucamartinelli

    le scarne e confuse notizie dei trombettieri di regime a proposito delle decisioni degli eurocrati sulla situazione greca sembrano dire che quel povero popolo sudera’ sangue. Poi tocchera’ a noi. ora che tutto funzioni come le bande massoniche pensano è tutto da vedere. i greci si sono mobilitati e gli scioperi stanno paralizzando il paese. quando sara’ il nostro turno noi che faremo? penso che faremo poco. Mi basta infatti ricordare tutto quello che non abbiamo fatto quando Soros attacco’ la lira. Abbiamo subìto, beccandoci una perdita di valore selvaggia e abbiamo continuato come prima, piu’ o meno. nel frattempo potremmo mettere in piedi un movimento politico che si presenti alle prossime elezioni con un programma di poche righe, che preveda il ritorno alla democrazia, alla sovranita’ monetaria, l’uscita dell’Italia dall’ ONU e dalla NATO e poche altre cose che rendano il popolo parte attiva della vita nazionale…..sto sognando?

  • nettuno

    Avviso ai naviganti. Bottarelli per chi lo conosce bene è un abile sofista.
    Se fosse stato una persona seria avrebbe previsto , come molti altri economisti che ,con i parametri di Maastricht, la perdita della sovranità monetaria, una banca centrale privata che può in qualsiasi momento alzare il tasso di cambio senza che nessuno glielo impedisca, la rarefazione della moneta operata della banca centrale , l’apertura al commercio globale con la China, tutto ciò era il preludio di quello che matematicamente sta sucedendo ora. Dica chiareamente il Bottarelli quando usciremo dall’Euro. L’idea della Europa è sta fatta dai massoni finanzieri. L’Europa cosi come è stata concepita E’ UNA TRUFFA. Nella tonnara hanno attirato perfino i paesi dell’est.–http://video.google.com/videoplay?docid=-5980097927427115683# —

    Prepariamoci ad un disastro se Israele , con l’avallo della fedele Merkel e di Sarcosy faranno la querra all’Iran. In tal modo si passerebbe ad una economia di guerra .. rien ne va plus

  • ventosa

    Sogno con te. Questo sistema sballato va demolito, sapendo che purtroppo ci saranno molti feriti, ma sempre meglio di una lunga agonia.
    E il debito pubblico sarà onorato quando, come in ogni famiglia, si sarà riassestato il bilancio, magari fra cinquant’anni.
    Nel frattempo, i creditori, faranno come fanno tutti quegli imprenditori che hanno lavorato e non hanno riscosso i compensi, a causa dell’insolvibilità dei loro clienti: falliscano o rivendano ciò che hanno usuropato strozzando i vari stati. Minchia, che sogno! Non mi svegliate…

  • ventosa

    Già già, dimenticavo la vecchia storia della distruzione, appropriamento, espansione e ricostruzione. Grazie per il reminder.

  • maristaurru

    Alla fine della giostra, il ragno in fondo alla tela aspetta.

    Lo svela il banchiere più astuto quel Padoa Schioppa che, invece di tacere e sorridere come l’accrto prodi del cui Governo faceva parte, ci ha stuzzicato parlando di bamboccioni. Ed oggi svela un retro pensiero della finanza :

    La Grecia va salvata ma il salvataggio non può essere gratis. Lo afferma in un’intervista al Corriere della Sera l’ex ministro dell’Economia, Tommaso Padoa-Schioppa. “Quello che è successo nelle ultime 72 ore – dice Padoa-Schioppa – è la presa di coscienza, soprattutto in Germania, che la Grecia deve essere presa per mano non per un fatto di altruismo ma perché c’è un interesse tedesco (e francese, olandese ecc.) a farlo, a evitare che inizi una reazione a catena”. Per un po’, aggiunge, “il riflesso, anche di personalità illustri, era stato di predicare che ‘se la Grecia si è amministrata male, sia essa a subirne da sola le conseguenze’. Ora ci si è resi conto che lasciare cadere la Grecia non è saggio, come sarebbe irresponsabile lo Stato che lasciasse fallire una sua Regione. Ma attenzione – sottolinea – Nè lasciar naufragare né fare salvataggi gratis: la Grecia deve accettare una limitazione di sovranità”.

    Così disse Padoa Schioppa. ipse dixit

    Insomma, questa gente ha rovinato Paesi, che saranno anche stati poco accorti, ma sono stati ben condotti sull’orlo del baratro dalla finanza creativa del piffero, ed adesso? Adesso tocca a NOI cittadini stringere di più la cinta per pagare le follie della Finanza, sempre ammesso che di follie si tratti e non della volontà di distruggere Nazioni e Stati per farne una bella marmellata da spremere a piacimento.

    FMI e Banche di Investimento ci stanno rovinando, o sbaglio? Ma noi intanto vediamo se possiamo scemenzare un alto poco con le miserie interne, tanto per distrarci un po’ ed affondare prima

  • Allarmerosso

    Così è come certi personaggi “RAGIONANO” .. che dite … possiamo aspettarci qualcosa di buono ?

    ” Questo sistema seppur migliorabile è l’unico possibile. Stop.

    Ora la moneta ha valore perchè alle spalle ha i tioli di stato ok ? Quindi da dove arriverebbe il valore della moneta “senza debito” (quindi senza titoli) ?”

    “Il punto è che se ci fosse moneta gratis (per pochi o per tutti) questa automaticamente perderebbe il suo valore, quindi non è questione di morale o non immorale, è che questo è l’unico sistema possibile.”

    “forse tu non capisci che per avere moneta devi dare contemporaneamente dare qualcosa in cambio, altrimenti quella moneta NON HA VALORE.

    Il primo che stampa moneta (lo Stato) DEVE avere un debito verso la società altrimenti SAREBBE AVVANTAGGIATO RISPETTO A CHI QUELLA MONETA se la deve guadagnare LAVORANDO o dando in cambio un bene reale. Lo capisci pezzo di s****o ?? Sarebbe una DITTATURA! Un’ipotetica moneta emessa senza contropartita (senza titoli)

    1-non avrebbe valore
    2-sarebbe una truffa
    3-non verrebbe accettata da nessuno …. “

  • Allarmerosso

    ma si …. fra un po’ ci sarà il festival di Sanremo e tutti contenti … 🙂

  • Tonguessy

    “il “maiale italiano” non è investito dalla bufera speculativa. Più solidi sono i fondamentali economici… anche grazie ai bassi salari e alla maggior flessibilità”

    Traduco: hanno già abbondantemente speculato (hanno cioè portato già tutto dall’altra parte della barricata) grazie all’ignavia di chi si doveva e poteva opporre.
    La Grecia sta ripercorrendo le orme dell’Egitto e gli scioperi contro l’aumento del pane determinato da speculazioni sul prezzo del grano. Le soluzioni sono due: la CE si prende in carico le speculazioni (ovvero paghiamo noi tutti, ancora una volta, la rincorsa verso la crescita infinita del plusvalore) e la rivolta si seda lì. Oppure la CE non paga, la Grecia si ribella (non sono come noi neanche quando si tratta di “inezie” come Cucchi….hanno proprio un caratteraccio) e fanno pezzi banche e società finanziarie.
    Come pensate vada a finire?
    «Non sono stati gli operai che si son presi i soldi, ma i plutocrati. Che li diano indietro loro!»
    Loro non li daranno MAI indietro: possiamo solo riprenderceli col forcone, come ai bei tempi.
    FORZA GRECIA!

  • maristaurru

    stai affondando il dito nella piaga

  • lucamartinelli

    confesso di non avere capito il suo commento che commentava il mio. di sicuro c’è una inesattezza grossolana: non è lo stato che stampa moneta, mi dispiace. magari fosse lo stato…!!!!!!!! seconda inesattezza storica: non è l’unico sistema possibile. Ce ne sono almeno 6 o 7, grazie a dio. saluti

  • maumau1

    Forza Grecia?
    E noi?
    manco quello possiamo gridare..Forza Italia ,pure di quello ci hanno privato..
    gli italiani sono troppo vigliacchi e paurosi..

    Infine la Grecia verrà salvata perchè Francia a Germania sono indebitati per 100miliardi di euro e poi causerebbe il crollo delle Grecia una enorme speculazione sull’euro..

    Se i politici greci fossero espressione del popolo si limiterebbe ad creare una doppia moneta ed a non pagare più il debito pubblico!
    Non ci vuole tanto,basta dire,è illegittimo,non lo pagheremo!

    Ma dove è quel politico che lo farà ,non c’è!
    Perchè tutti i politici ce li mettono le banche stesse creditrici del debito.

    e senza pena per nessuno avremmo risolto tutti i problemi della Grecia..
    che tranquillamente continuerebbe la sua vita e emetterebbe la sua moneta locale..e l’Euro per l’estero..
    ma non pagherebbe la banca centrale quindi i soldi ce li rimette solo lei e chissenefrega visto che i soldi li ha rubati?

    la soluzione è semplice e senza nessun costo per gli stati
    altro che 170trilioni di cds..è tutta carta senza valore,basta azzerarlo
    e far fallire tutte le banche che li detengono che altrimenti li useranno contro gli stati sovrani con le speculazioni per loro a costo nullo.è solo carta ..

    E’ come quando hai un incubo i cui sei immerso tra mostri..basta un attimo ti svegli e ti rendi conto che era un incubo,cosi’ con questa montagna di carta,basta svegliarsi e dire,per me non vale nulla,non pagheremo la vostra carta fasulla,non può la carta tener prigionieri i popoli come in un incatesimo,un incubo da cui nessuno ci vuol far svegliare e da cui noi ,vigliacci,ignoranti e paurosi,non vogliamo neanche..
    ma forse quando i mostri e l’incubo sarà sempre più spaventevole forse qualcuno inziierà da solo a svegliarsi..

    Ma chiunque di auterevole tirasse fuori questa semplice soluzione sarebbe eliminato in 5 minuti,ci vuole una coscienza di massa,non basta affidarsi al solito eroe,capo,uomo della provvidenza o a personaggi che rischiano si proprio come Jorg Haider e che paga con la vita..senza che molti abbiano capito il perchè è stato ucciso!

    ciao

  • amensa

    faccio una precisazione al bell’articolo di MORENO PASQUINELLI (sono contento che qualcun altro scriva tutte cose perfettamente in fase con quanto scrivo io ) riguardo ai CDS, definiti “arma finanziaria di distruzione di massa”.
    Pasquinelli ha dimenticato di dire due cose importanti a proposito di essi:
    1) non è necessario possedere il titolo per aprire un CDS su di esso.
    2) si possono aprire più CDS, anche per un valore superiore al titolo stesso.
    riguardo alla prima possibilità , facendo un parallelo col mondo assicurativo, è come se io potessi assicurare contro l’incendio,la casa del mio vicino.
    è ovvio che io avrò tutto l’interesse a che essa prenda fuoco, in quanto le perdite le avrà lui mentre io riscuoterò l’assicurazione.
    con la seconda possibilità è come se io potessi , o mediante un contratto unico, oppure mediante più contratti, assicurare la mia casa del valore di 100.000 euro per un importo di 1.000.000 di euro.
    ovvio, anche qui, che avrò tutto l’interesse a che essa prenda fuoco.
    benchè per speculare non è nemmeno necessario arrivare alla distruzione del sottostante, basta l’aumento della percezione del rischio, per far lievitare il costo dei premi, per cui, se in tempi “calmi” ho stipulato una gran quantità di contratti con premi bassi, poi diffondo l’allarme, per cuiin tanti corrono a cercare di assicurarsi, l’aumento del rischio unito all’aumento delle richieste ne fa lievitare i premi, così posso rivendere i miei contratti incassando la differenza.
    chi paga questi “guadagni”?
    i popoli sottostanti, che vedranno crescere gli interessi sia per tutti i prestiti, e quindiil costo del denaro che paghiamo con tutti i beni acquuistati, sia con quanto dovrà esser pagato in tasse per pagare tali interessi sul debito pubblico.
    ora, che proprio dagli USA non parta, e anzi venga contrastata, una riforma che impedisca queste due anomalie assicurative, la dice molto lunga sul come USA e Gran Bretagna stanno facendo pagare ad altre popolazioni i loro disastri economici, essendo essi i due centri maggiori della speculazione finanziaria.

  • backtime

    La bandiera della foto rappresenta solo il capitale bancario e la svendita dei stati venduti dai politici, darle fuoco è un gesto sensato oltre che di giusta ribellione.

  • backtime

    quoto in toto, ma per farlo bisogna mettere in conto anche morire e morire per un valore a me sta bene.

  • Tonguessy

    Ho avuto la furtuna di conoscere un po’ il carattere dei Greci. In quegli anni la Turchia aveva invaso Cipro ed erano pronti in tanti, belli e armati, a fargliela pagare. Si è evitata la guerra aperta per un soffio
    Mentre da noi la gente si da fuoco, si impicca, si lascia vivere, dimostrando una dose sospetta di depressione con tendenze suicide, lì la gente è più incazzata che depressa. Forse ne hanno subite troppe o forse semplicemente non se le bevono come noi. Fatto sta che da noi possono continuare con lo stillicidio (ma per quanto?) mentre lì o si danno una calmata E SUBITO oppure la pagano con gli interessi. Il panorama offre spunti interessanti. Teniamoci aggiornati. La Storia siamo noi, anche se loro la vogliono scrivere.

  • Zret

    Aggiungerei anche l’uscita dall’ONU e la fine dell’operazione scie chimiche.

  • lucamartinelli

    l’uscita dall’ONU l’ho segnalata. d’accordo sulle scie chimiche, anzi d’accordissimo. cmq grazie per il tuo breve commento, perche’ è un piccolo esempio di quello che intendo per democrazia. si discute e se una proposta è valida viene approvata, senza destra e sinistra o nord e sud. saluti