Racconti di veterani di guerra dell’Ucraina

Kiev ha saccheggiato gli aiuti statunitensi, sprecato i soldati, messo in pericolo i civili e perso la guerra

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

 

Lindsey Snell e Cory Popp – The Grayzone – 18 Agosto 2022

 

Le armi vengono rubate, gli aiuti umanitari vengono rubati e non abbiamo idea di dove siano finiti i miliardi inviati a questo Paese“, ha denunciato un ucraino a The Grayzone.

In un video inviato via Facebook a luglio, si vede Ivan* in piedi accanto alla sua auto, un SUV Mitsubishi dei primi anni 2010. Dal lunotto posteriore esce del fumo. Ivan ride e fa scorrere la fotocamera del suo telefono lungo tutto il veicolo, indicando i fori di proiettile. “Il turbocompressore della mia auto è morto“, ha detto, orientando il telefono verso la parte anteriore del veicolo. “Il mio comandante dice che dovrei pagare per ripararlo da solo. Per poter usare la mia auto in guerra, devo comprare un nuovo turbocompressore con i miei soldi“.

Ivan gira la telecamera verso il suo viso. “Beh, voi fottuti membri del parlamento, spero che vi scopiate a vicenda. Diavolo. Vorrei che foste al nostro posto“, dice.

Il mese scorso, i parlamentari ucraini hanno votato per concedersi un aumento di stipendio del 70%. I documenti indicano che l’aumento è stato permesso e incoraggiato dai miliardi di dollari e di euro di aiuti che sono stati versati dagli Stati Uniti e dall’Europa.

Noi, i soldati ucraini, non abbiamo nulla“, prosegue Ivan. “Le cose che i soldati hanno ricevuto per usarle in guerra provengono direttamente dai volontari. Gli aiuti che vanno al nostro governo non ci arriveranno mai“.

Ivan è nell’esercito dal 2014. Attualmente è di stanza nella regione del Donbas, dove ha il compito di utilizzare piccoli droni di largo consumo per individuare le posizioni russe da colpire con l’artiglieria. “Ci sono così tanti problemi in prima linea ora“, dice. “Non abbiamo una connessione a Internet, il che rende il nostro lavoro praticamente impossibile. Dobbiamo guidare per ottenere una connessione con i dispositivi mobili. Ve lo immaginate?“.

Un altro soldato dell’unità di Ivan ci ha inviato un video di se stesso da una trincea vicino al fronte nel Donbas. “Secondo i documenti, il governo ci ha costruito un bunker qui“, dice. “Ma come vedete, sopra le nostre teste ci sono solo pochi centimetri di una copertura di legno, che dovrebbe proteggerci dai bombardamenti dei carri armati e dell’artiglieria. I russi ci bombardano per ore e ore. Abbiamo scavato queste trincee da soli. Abbiamo due AK-47 tra 5 soldati, e si inceppano continuamente a causa della polvere.

Sono andato dal mio comandante e gli ho spiegato la situazione. Gli ho detto che è troppo difficile mantenere questa posizione. Gli ho detto che capisco che si tratta di un punto strategicamente importante, ma la nostra squadra è distrutta e non c’è nessun soccorso per noi. In 10 giorni, 15 soldati sono morti qui, tutti a causa di bombardamenti e schegge. Ho chiesto al comandante se potevamo portare dell’attrezzatura pesante per costruire un bunker migliore e lui ha rifiutato, perché ha detto che i bombardamenti russi avrebbero potuto danneggiare l’attrezzatura. Non gli importa che 15 dei nostri soldati siano morti qui?“.

Se provaste a spiegare ad un soldato americano la situazione che i soldati ucraini stanno affrontando, penserebbe che siete pazzi“, dice Ivan. “Immaginate di dire a un soldato americano che stiamo usando le nostre auto personali in guerra, e che siamo anche responsabili di pagare le riparazioni e il carburante. Ci compriamo da soli i giubbotti antiproiettile e gli elmetti. Non abbiamo strumenti di osservazione o telecamere, quindi i soldati devono sporgere la testa per vedere cosa sta arrivando, il che significa che in qualsiasi momento un razzo o un carro armato possono staccargliela“.

Illya*, un soldato di 23 anni di Kiev, dice che la sua unità sta affrontando le stesse condizioni in un’altra parte della regione del Donbas. Si è arruolato nell’esercito ucraino poco dopo l’inizio della guerra. Ha una formazione in informatica e sapeva che tale competenza era molto richiesta. “Se avessi saputo quanto inganno c’era in questo esercito e come tutto sarebbe stato per noi, non mi sarei mai arruolato“, dice. “Voglio tornare a casa, ma se fuggo rischio la prigione“.

Illya e gli altri soldati della sua unità non hanno armi e protezioni. “In Ucraina le persone si imbrogliano a vicenda anche in guerra“, ha detto. “Ho visto portare via le forniture mediche che ci erano state donate. Le auto che ci hanno portato in posizione sono state rubate. E in tre mesi non siamo stati sostituiti con nuovi soldati, anche se ormai avremmo dovuto essere rilevati tre volte“.

Un cartellone invita la popolazione a denunciare i “collaboratori russi”.

Samantha Morris*, medico del Maine, si è recata in Ucraina a maggio per cercare di contribuire alla formazione medica dei soldati. “La prima volta che ho attraversato il confine dalla Polonia, ho dovuto nascondere le mie forniture mediche sotto materassi e pannolini per evitare che venissero rubate“, ha raccontato. “Le guardie di frontiera sul lato ucraino prendono le cose e ti dicono: “Ci servono per la nostra guerra”, ma poi rubano gli oggetti e li rivendono. Onestamente, se non si consegnano le donazioni a mano ai destinatari, gli oggetti non arriveranno mai“.

Morris e alcuni altri medici americani hanno iniziato a tenere corsi di formazione a Sumy, una città di medie dimensioni nel nord-est dell’Ucraina. “Abbiamo stipulato un contratto con il governatore di Sumy, anche se tutto ciò che ci hanno fornito sono stati i pasti e l’alloggio, e l’alloggio consisteva nel dormire nella stessa università pubblica in cui tenevamo i corsi di formazione“, ha raccontato la Morris. “Il governatore di Sumy aveva un amico, un uomo d’affari locale, e ha chiesto che questo uomo d’affari fosse aggiunto al contratto come ‘collegamento’ tra noi e la città di Sumy. Come intermediario, avrebbe ricevuto una percentuale del contratto. I nostri avvocati hanno cercato di negoziare l’esclusione dell’uomo d’affari dal contratto, ma il governatore di Sumy non ha voluto cedere. Alla fine abbiamo firmato il contratto per poter tenere i nostri corsi di formazione“.

Nei due mesi trascorsi in Ucraina, Morris racconta di essersi imbattuta in furti e corruzione più volte di quante ne possa contare. “Il medico capo della base militare di Sumy ha ordinato forniture mediche da e per l’esercito in diversi momenti e ha visto sparire completamente 15 camion di forniture“, ha raccontato. I kit di primo soccorso militare che aveva intenzione di dare ai soldati una volta terminato il suo programma di formazione sono stati rubati. Giorni dopo ha visto gli stessi kit in vendita in un mercato locale.

Ho ricevuto una telefonata da un’infermiera dell’ospedale militare di Dnipro“, ha ricordato Morris. “Mi disse che il direttore dell’ospedale aveva rubato tutti gli antidolorifici per rivenderli e che i soldati feriti che venivano curati lì non avevano alcun sollievo dal dolore. Ci ha pregato di consegnarle a mano i farmaci antidolorifici. Ha detto che li avrebbe nascosti al presidente dell’ospedale per farli arrivare ai soldati. Ma di chi ci si può fidare? Il direttore dell’ospedale stava davvero rubando i farmaci, o stava cercando di ingannarci per darle i farmaci per il dolore da vendere o usare? Chi lo sa. Tutti mentono“.

Le attrezzature militari protettive e le forniture mediche da combattimento donate hanno inondato i mercati online dell’Ucraina. I venditori sono attenti a nascondere le loro identità, spesso creano nuovi account per ogni vendita e sono disposti a evadere gli ordini esclusivamente per posta. “Abbiamo trovato in vendita su siti web elmetti corazzati forniti come aiuto dagli americani “, dice Ivan. “Sapete, all’interno dell’elmetto sono scritte la classe di protezione e la marca. Abbiamo visto questo marchio prima e abbiamo capito che gli elmetti erano quelli che ci erano stati dati come aiuto. Alcuni di noi hanno cercato di contattare i venditori per organizzare un incontro, in modo da poter dimostrare che stavano vendendo aiuti rubati, ma erano sospettosi e hanno smesso di risponderci“.

Ivan dice di aver sentito parlare di furti di armi donate dai Paesi occidentali, ma ha sottolineato che diversi soldati della sua unità condividono un unico AK-74. “Non saprei dire come si fa a sapere che le armi sono rubate. Non saprei come rubano le armi, perché le armi non arrivano mai ai soldati ucraini“, dice. “E se ci stessero dando qualcosa di più di piccoli missili e fucili, se ci stessero dando ciò di cui abbiamo effettivamente bisogno per combattere la Russia, sarebbero armi troppo grandi per essere rubate“.

Un veicolo dell’esercito ucraino sulla strada per Dnipro.

“Non credo che vogliano farci vincere”: Gli ucraini si burlano degli aiuti occidentali

 

Ivan non è ottimista sulle possibilità dell’Ucraina di vincere la guerra. “Non rimarrà un Donbas“, ha detto. “I russi lo distruggeranno, o lo controlleranno tutto, e poi si sposteranno a sud. E ora, così com’è, direi che l’80% dei civili che sono rimasti nel Donbas sostengono la Russia e fanno trapelare tutte le nostre informazioni sulla posizione“.

Quando gli chiedo se pensa che gli Stati Uniti e i Paesi europei vogliano davvero che l’Ucraina vinca la guerra, Ivan ride. “No, non credo che vogliano che vinciamo“, ha dettdiceo. “L’Occidente potrebbe darci armi per renderci più forti dei russi, ma non lo fa. Sappiamo che la Polonia e i Paesi baltici vogliono che vinciamo, al 100%, ma il loro sostegno non è sufficiente“.

È ovvio che gli Stati Uniti non vogliono che l’Ucraina vinca la guerra“, ha dice Andrey*, un giornalista ucraino di Mykolayiv. “Vogliono solo rendere debole la Russia. Nessuno vincerà questa guerra, ma i Paesi che gli Stati Uniti stanno usando come un parco giochi perderanno. E la corruzione legata agli aiuti di guerra è sconvolgente. Le armi vengono rubate, gli aiuti umanitari vengono rubati e non abbiamo idea di dove siano finiti i miliardi inviati a questo Paese“.

Andrey è particolarmente sconcertato dalla mancanza di servizi forniti agli ucraini sfollati all’interno del Paese. “Non è un mistero che tutti vogliano andare in Europa“, ha detdiceto. “C’è un centro per rifugiati vicino a Dnipro, per esempio, e gli sfollati possono rimanere lì solo per tre giorni. E ci sono 45 o 50 persone in una grande stanza aperta con un bagno e una minuscola cucina. Condizioni orribili. Quindi, dopo i tre giorni, se non hanno soldi, vestiti, niente, vengono cacciati e non hanno altra scelta che tornare alle loro case in zone pericolose. Dobbiamo chiedere al nostro governo dove sono finiti tutti i soldi degli aiuti, quando i nostri soldati non hanno ciò di cui hanno bisogno e i nostri civili non hanno posti sicuri dove stare“.

 

I giornalisti stranieri coprono la triste realtà con illusioni trionfalistiche

Prima dell’inizio della guerra, Andrey ha trascorso diversi anni a raccontare la corruzione e i politici disonesti in Ucraina. Dopo che un’inchiesta su un funzionario del governo di Odessa ha portato a minacce di morte contro la moglie e la figlia piccola, Andrey le ha mandate a vivere con dei parenti in Francia. “L’Ucraina è una democrazia, giusto? Quindi il governo non fa pressione su di te in modo ufficiale. Prima si ricevono telefonate che ti intimano di smettere. Poi ti offrono del denaro per smettere. E poi, se ti rifiuti di farti comprare, devi essere pronto a subire un attacco.”

Il vero giornalismo è pericoloso qui“, prosegue, “da quando è iniziata la guerra, abbiamo queste nuove star del giornalismo che ogni giorno scrivono: “Putin è cattivo, i soldati russi si comportano molto male… oggi l’esercito ucraino ha ucciso 1.000 russi e distrutto 500 carri armati russi”. Ottengono un milione di follower su Twitter perché mentono, e questo non è vero giornalismo. Ma se scrivi della corruzione nelle Forze Armate e hai degli esempi reali… non sarai famoso e sarai nei guai“.

Andrey ha iniziato a lavorare come fixer, organizzando interviste e traduzioni per i giornalisti stranieri che si trovano in Ucraina per coprire la guerra. “Ho lavorato con una dozzina di giornalisti di diversi Paesi europei“, dice. “Tutti loro sono rimasti scioccati. Hanno lasciato l’Ucraina sconvolti. Hanno detto che non potevano credere alla situazione qui. Ma questo shock non è stato riportato in nessuno dei loro articoli sulla guerra. I loro articoli dicevano che l’Ucraina è sulla strada della vittoria, il che non è vero“.

 

Un cartellone pubblicitario di propaganda al Battaglione Azov a Kramatorsk.

Soldati e volontari ucraini confermano che le Forze armate ucraine mettono in pericolo i civili

A luglio abbiamo pernottato in un hotel di Kramatorsk e ci siamo preoccupati nel vedere che tra gli ospiti dell’albergo c’erano soldati neonazisti del battaglione Azov. Il 4 agosto, Amnesty International ha pubblicato uno studio che rivela che dall’inizio della guerra, a febbraio, le forze ucraine hanno messo in pericolo i civili stabilendo basi in scuole e ospedali e utilizzando sistemi di armamento in aree civili, il che costituisce una violazione del diritto internazionale.

Amnesty International intende ora “rivalutare” il suo rapporto, in risposta alla massiccia protesta dell’opinione pubblica dopo la sua pubblicazione, ma i soldati ucraini e i volontari stranieri hanno confermato che le forze armate ucraine mantengono una forte presenza nelle aree civili. “Le nostre basi sono state costruite per lo più in epoca sovietica“, dice Ivan. “Quindi ora la Russia conosce le nostre basi dentro e fuori. È necessario distribuire i soldati e le armi in altri luoghi“.

Un ex militare statunitense che si fa chiamare “Benjamin Velcro” è stato un combattente volontario della Legione Internazionale di Difesa Territoriale dell’Ucraina, l’unità ufficiale delle Forze Armate ucraine per i volontari stranieri. Ha trascorso cinque mesi in varie parti dell’Ucraina e racconta che la presenza di soldati in aree civili era un fatto comune.

Ogni volta che sento che la Russia ha bombardato una scuola, faccio spallucce“, dice il combattente straniero americano. “Perché ho presidiato una scuola. Questo è un dato di fatto. La scuola non aveva bambini al suo interno, quindi non è che stessero mettendo in pericolo dei bambini. Quindi basta che l’Ucraina dica: “Ah! Hanno colpito una scuola!”. E questo si traduce in una facile narrazione mediatica da parte loro“.

Come Ivan, anche Velcro è pessimista sulle possibilità dell’Ucraina di vincere la guerra. “Voglio con tutte le mie forze che l’Ucraina vinca questa guerra. Voglio che l’Ucraina recuperi i suoi confini precedenti al 2014. Ma penso che sia possibile? No. Non si può sostenere per sempre una guerra con il finanziamento collettivo“.

 

*Alcuni soggetti intervistati hanno chiesto di essere citati con nomi falsi per proteggersi da potenziali pericoli.

 

Link: https://thegrayzone.com/2022/08/18/ukraine-veterans-us-aid-soldiers-war/

 

Scelto e tradotto (IMC) da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
7 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
7
0
È il momento di condividere le tue opinionix