Proposta di legge sulla vaccinazione obbligatoria in Danimarca ritirata dopo le proteste pubbliche

Avrebbe dato alle autorità il potere di far trattenere la polizia e di vaccinare quelli che si rifiutano.

Paul Joseph Watson – Summit News – 16 novembre 2020

 

In Danimarca una proposta di legge che avrebbe dato alle autorità il potere di vaccinare forzatamente le persone contro il coronavirus è stata ritirata dopo nove giorni di proteste pubbliche.

La “legge sulle epidemia” avrebbe dato al governo danese il potere di emanare misure di quarantena obbligatorie contro chiunque fosse stato infettato da una malattia pericolosa, ma è stata la parte sulle vaccinazioni a causare il più grande clamore.

“L’Autorità sanitaria danese sarebbe in grado di definire i gruppi di persone che devono essere vaccinati per contenere ed eliminare una malattia pericolosa”, riferisce il Local.

“Le persone che rifiutano quanto sopra possono – in alcune situazioni – essere obbligate, tramite detenzione fisica, con l’aiuto della polizia”.

Tuttavia, dopo nove giorni consecutivi di proteste, la nuova proposta di legge è stata ritirata.

Un video dalla Danimarca.

Altro video.

Con un vaccino contro il coronavirus in vista, i governi di tutto il mondo stanno considerando quali misure punitive adottare contro chi si rifiuta.

La scorsa settimana abbiamo evidenziato come sia Ticketmaster che le compagnie aeree stiano considerando di vietare alle persone l’accesso ai locali pubblici e di volare, se non possono provare di essere vaccinate.

Così, mentre le proteste pubbliche possono impedire alle autorità di effettuare vaccinazioni forzate, le persone che si rifiutano di farsi vaccinare possono trovarsi nell’impossibilità di godere di qualsiasi tipo di vita sociale, di utilizzare i mezzi pubblici o persino di trovare un lavoro.

https://summit.news/2020/11/16/forced-vaccination-law-in-denmark-abandoned-after-public-protests/

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte