“Preferirei Morire di COVID Piuttosto che di Solitudine” – La Protesta Fuori da una Casa di Riposo

Da pagetwo.completecolorado.com

GREELEY (Colorado) – Sventolando cartelli con scritto: “Preferirei morire di COVID piuttosto che di solitudine” e “Siamo prigionieri nella nostra casa”, i residenti di una struttura di cura hanno inscenato la loro protesta antiblocco lungo una delle strade più trafficate di Greeley, proprio di fronte all’ospedale operativo più grande e più lungo della città.

“Libertà, libertà, libertà”, una signora ha cantato mentre sventolava un cartello con scritto “rivogliamo indietro le nostre famiglie”.

La protesta contro il Dipartimento di Salute Pubblica e Ambiente del Colorado (CDPHE) e i mandati del governatore Jared Polis che non permettono ai residenti delle case di cura di vedere i loro cari, è stata ideata, organizzata e realizzata dai residenti, con la supervisione delle loro infermiere e di altri membri del personale, ha detto l’assistente amministratore di Fairacres Manor Ben Gonzales.

Gonzales ha detto che la struttura ha un consiglio residente che si riunisce mensilmente per discutere delle cose che sono nella mente dei residenti. Di solito discutono degli assistenti, delle cose che vorrebbero fare o offrono suggerimenti, tra le altre cose.

Tuttavia, di recente, hanno sollevato l’idea di protestare contro l’isolamento mentre entrano nel loro ottavo mese senza abbracci, senza sorrisi e senza baci da parte dei loro cari.

“Siamo qui per sostenere i nostri residenti”, ha detto Gonzales. “Se vogliono far sentire la loro voce, hanno dei diritti, proprio come dovremmo averne anche noi. Volevamo essere sicuri che fossero in grado di esprimerli”.

Gonzales ha detto che il personale si è assicurato che i residenti fossero tutti posizionati a sei metri di distanza l’uno dall’altro sull’erba di fronte all’ingresso del North Colorado Medical Center, lungo una trafficata 16esima strada nel centro della città. Indossavano delle maschere e ognuno aveva il proprio membro dello staff nelle vicinanze. Anche le infermiere e il resto del personale erano dotati di tutti i dispositivi di protezione personale necessari per il loro lavoro.

L’amministrazione dell’ospedale, che per caso ha sentito parlare della protesta, ha applaudito i loro sforzi e si è presa il tempo di attraversare la strada.

Una donna, che non era di Greeley, ma che si trovava all’ospedale durante la protesta, ha urlato dall’altra parte della strada “dite loro di farvi uscire di prigione”.

Si è identificata solo come amministratrice di una casa di cura in un’altra comunità. Ha detto di aver visto più morti a causa della depressione tra i suoi residenti dopo la pandemia di quante ne abbia COVID, dando la colpa ai mandati e alle restrizioni più del virus.

“L’isolamento è ciò che uccide queste persone”, ha detto. “È incredibilmente triste che non possano vivere l’ultima parte della loro vita con la famiglia che li circonda”.

Gonzales era d’accordo. Ha detto che anche se le case si stanno preparando per le visite al coperto, dato che il clima si fa più freddo, i residenti non potranno ancora toccare o abbracciare i loro cari.

“Ma questo è ciò di cui hanno bisogno”, ha detto Gonzales. “Hanno bisogno di quel contatto fisico, di abbracciare i loro nipoti”.

Gonzales era d’accordo sul fatto che alcuni dei segni che hanno creato erano difficili da leggere.

“Noi, come membri dello staff, possiamo andare a trovare la nostra famiglia e i nostri cari”, ha detto Gonzales. Quindi, è difficile quando non possono farlo”. Siamo tenuti a rispettare gli standard del governo e del dipartimento della salute dello stato. Ma è molto comprensibile. Mi dispiace per loro. Non riesco a immaginare quello che stanno passando. Quindi è bello poterli sostenere in questo modo. Siamo qui per stare insieme e per sostenerci a vicenda”.

Anche il commissario della contea di Weld County, Scott James, si è fermato alla struttura per dare il suo sostegno alla protesta. Ha detto che gli si spezza il cuore per tutti i residenti di Fairacres e per ogni altra struttura come quella del Colorado.

“Sono membri della più grande generazione”, ha detto James. “La stessa generazione che ha combattuto per rovesciare la tirannia e proteggere le nostre libertà”. Ora a questi membri di quella generazione è stata tolta la libertà con un atto di tirannia da parte di burocrati non eletti. Il governatore e il CDPHE dovrebbero immediatamente lavorare con queste strutture per dare loro un modo per abbracciare i loro cari”.