Home / Notizie dall'Europa / Operation Temperer – il Regno Unito probabilmente instaurerà la legge marziale entro un anno

Operation Temperer – il Regno Unito probabilmente instaurerà la legge marziale entro un anno

DI BRANDON SMITH

alt-market.com

Dopo l’attentato di Manchester solo due settimane fa ho avvisato i miei lettori che la ripetizione di tali attacchi sta assuefacendo il pubblico, quello europeo in particolare. Non è raro ora che gli attacchi vengano dimenticati in una settimana. I fiumi di notizie sono una grande distrazione e, naturalmente, talvolta questi eventi stessi svolgono tale funzione.

In un recente puntata del “Morning Joe” di MSNBC, il conduttore della BBC Katty Kay ha detto :

“L’Europa si sta abituando ad attacchi del genere, Mika. Dobbiamo, perché non saremo mai in grado di eliminare completamente questo pericolo…”

Questo atteggiamento è piuttosto indicativo della mentalità vittimista della cultura europea. In Europa, molti (non tutti) sembrano godere di una giornaliera routine di auto-flagellazione. Molti secoli di feudalesimo hanno abituato il continente. Dopo tutto, i britannici pagano ancora tasse per mantenere la famiglia reale. Penso anche che la Brexit potrebbe far erroneamente pensare a noi americani che gli inglesi stiano virando verso valori conservatori. Da un lato credo che esista un forte impegno a proteggere la sovranità britannica, dall’altro sembra che il singolo ne abbia abbandonato tutte le speranze.

Nell’Europa continentale il cittadino che prova disprezzo di sé è stato ben sfruttato dall’élite globalista. In particolare, la grande paura tra gli europei liberali è un ritorno al fervore nazionalista, che loro credono abbia generato l’ascesa del Terzo Reich (ho scritto vari articoli che illustrano il coinvolgimento dell’élite corporate e bancaria nel finanziamento e nella fornitura di tecnologia vitale ai nazisti prima e durante la seconda guerra mondiale). È questa “colpa” di associazione con l’eredità nazista che ha lasciato l’Europa vulnerabile alla manipolazione dell’altra estremità dello spettro politico – la parte socialista/marxista.

È questa concezione che ha permesso ai globalisti di portare a forza milioni di immigrati musulmani in UE, attraverso politiche di frontiera aperta, senza adeguate procedure di verifica. La maggioranza degli europei che avevano capito questa politica aveva paura di dire alcunché e di essere etichettati come “fascisti”.

La più grande minaccia non è solo il condizionamento della popolazione ad accettare l’invasione culturale. Bensì ciò che inevitabilmente accadrà tra poco – l’apatia di una nazione sulla scia della prossima legge marziale.

La settimana scorsa, un gruppo di tre musulmani ha travolto dei pedoni con un furgoncino bianco, poi se ne è uscito brandendo un coltellaccio attraverso un’affollata zona di Londra. Questo è solo uno dei tanti attacchi che hanno colpito l’Europa da quando il programma Cloward-Piven di trasferimento di musulmani ha permesso a milioni di “rifugiati” di entrare nell’UE. Il fumoso gruppo terroristico dell’ISIS da allora ha rivendicato la responsabilità.

In risposta, il primo ministro Theresa May ha dichiarato “enough is enough” e ha chiesto una revisione della strategia antiterroristica. La polizia di Londra è stata invitata ad adattarsi alle nuove condizioni, pattugliando le strade fortemente armata ed usando elicotteri di sorveglianza con l’aiuto di unità speciali.

NOTA – Dopo aver finito questo articolo domenica,  ho trovato questa citazione della May di martedì:

“Dovremmo fare ancor di più per limitare la libertà e i movimenti dei sospetti terroristi: questo anche quando abbiamo sufficienti prove per sapere che sono una minaccia, ma non sufficienti per perseguirli in tribunale”.

“E se le leggi sui diritti umani si frappongono, cambieremo quelle leggi…”.

Lo spiegamento di  oltre 5.000 soldati britannici in posizioni strategiche da parte di Theresa May fa parte di un piano stabilito nel 2015 chiamato “Operation Temperer”. Questo prevede la diffusione di truppe all’interno del confine britannico in risposta a “forti minacce terroristiche”. In sostanza, è un programma di legge marziale che agisce in modo incrementale, piuttosto che apertamente. Una volta implementata, Temperer sarà difficile da invertire. Come i capi militari britannici hanno avvisato quando l’operazione è stata esposta pubblicamente, le truppe non verrebbero messe a riposo fino a che la minaccia terroristica non verrà “ridotta”, lasciando la definizione del “livello di minaccia” aperta ad un’interpretazione piuttosto ampia.

L’operazione Temperer è al momento in pieno svolgimento, dato che i servizi di polizia chiedono aiuto militare. Il primo ministro l’ha imposta, sostituendo in numerose località gli ufficiali con unità militari in pattuglia. Questa è quindi “legge marziale”? Forse non proprio, ma ci va molto vicino. Questo è il modo in cui la tirannia viene comunemente implementata; non tutta in una volta, ma un mattoncino alla volta.

In primo luogo, vorrei sottolineare che la May ha introdotto tali misure dopo i fatti di Manchester, e non sembrano aver fatto molto per impedire l’ultimo attacco a Londra. In secondo luogo, vorrei anche evidenziare che le elezioni generali del parlamento britannico sono tra pochi giorni, ed è molto probabile che gli ultimi attacchi solidifichino l’attuale premier e la sua base Brexit. La tempistica è piuttosto interessante…

Molti nel Movimento della Libertà potrebbero dire che questa è una buona cosa; che finalmente gli inglesi potranno invertire l’invasione culturale forzata di una massa musulmana incompatibile. Io invece dico che è tutto parte del piano.

Come ho sostenuto sin dall’inizio del voto Brexit lo scorso anno, stiamo assistendo a forse la più grande psy-op di quarta generazione nella storia. I globalisti hanno deliberatamente modificato le condizioni: le nazioni, quelle europee in particolare, o verranno travolte da un’ideologia straniera, senza essere protette dai propri governi, o dovranno rispondere con difficili contromisure. Vale a dire, gli europei dovranno fare una falsa scelta tra il multiculturalismo o vivere sotto legge marziale.

A mio avviso, il Regno Unito è stato destinato a quest’ultima misura, il che ha perfettamente senso se si capisce il game plan dei globalisti.

Brexit e, per estensione, Trump sono stati permessi. Nonostante le illusioni di alcuni nel movimento libertariano, il “deep state” è perfettamente posizionato per approfittare di entrambi gli eventi. Non si sono opposti affatto. Perché? Perché vogliono distruggere il nazionalismo, pensano a lungo termine.

Il Regno Unito sembra essere in prima fila. Gli attacchi terroristici stanno aumentando, May ha già iniziato Operation Temperer e gli attacchi sono continuati comunque. La soluzione che presenteranno sarà ancor più esercito, non meno. È mia previsione che dopo un anno di continui attacchi, l’intero UK sarà in piena legge marziale. Il governo potrebbe non definirlo apertamente così, ma è quello che sarà.

Mentre personalmente aborro le società musulmane nel loro disprezzo delle libertà individuali, vedo un’inquietante tendenza che si sviluppa dall’altro lato della moneta. Le nazioni occidentali hanno ogni diritto a difendere i propri confini, negando l’immigrazione da qualsiasi parte per qualsiasi motivo e deportando immigrati clandestini e/o con legami dimostrabili con gruppi terroristici. Tuttavia, la linea che non deve essere attraversata, ma che probabilmente sarà attraversata, è perseguire persone solo perché hanno particolari ideologie.

Anche se la maggior parte della gente non considera automaticamente tutti i musulmani come potenziali terroristi, la tentazione sarà travolgente e i nostri governi la spingeranno. Una volta entrati nel mondo del “thought crime”, non si torna più indietro.

Tutto ciò dipingerà i movimenti conservatori/nazionalisti come mostruosi agli occhi delle generazioni future. Insegneranno loro che i globalisti “avevano avvertito il mondo” sui pericolosi populisti “razzisti” e sui gruppi alt-right, e a guardare cosa è successo quando questi sono andati al potere; hanno vaporizzato l’economia (vedere i miei precedenti articoli sul capro espiatorio Trump) e hanno cacciato innocenti solo per le proprie ideologie. La mia paura è che i movimenti conservatori verranno guidati ad un tale livello di follia in nome della sicurezza che renderanno effettivamente i globalisti “i buoni ragazzi” a confronto.

Quale è quindi la soluzione? Beh, guardate le scelte concesse al popolo britannico: accettare il multiculturalismo senza domande o avere una stato di polizia sacrificando la libertà personale. Non ci sono altre opzioni disponibili?

Che ne pensate invece se: i cittadini ESIGONO il ritorno del loro diritto alla difesa personale e la legalizzazione della proprietà di armi da fuoco per coloro che non hanno precedenti penali? La vera soluzione è che i cittadini britannici devono iniziare a difendersi da sé, non consegnando il loro paese alla militarizzazione perché disarmati ed impauriti.

Accadrà? Non penso. Ma vorrei sottolineare che c’è chiaramente un’altra strada ben migliore delle due citate.

Ancora una volta, credo che il Regno Unito cadrà sotto legge marziale entro un anno. A meno che la gente non faccia qualcosa ADESSO, cadranno in un regime totalitario. E, a lungo termine, aiuteranno solo quei globalisti che il movimento Brexit in particolare ha cercato di combattere. Lo faranno calpestando l’immagine del nazionalismo e della sovranità usando la filosofia della sicurezza fornita dal governo: e così il globalismo, l’antitesi offerta, sembrerà piacevole e tollerabile a ripensarci.

 

Brandon Smith

Fonte: http://alt-market.com

Link: http://alt-market.com/articles/3204-operation-temperer-uk-will-likely-institute-martial-law-measures-within-a-year

Traduzione per www.comedonchisciotte.org di HMG

Pubblicato da Davide

  • redfifer

    Il rimedio del minchione PAGA SEMPRE PANTALONE

    Quando basterebbe mettere le Marine europee a guardia del Mediterraneo per non fare entrare più nessuno e le Guardie Nazionali a gettare a mare coloro che sono entrati con inganno.

    In Italia la stessa fine deve fare buonisti, PD, Vaticano e Mafie varie fanno la stessa fine di: coloro che sono entrati con inganno, in quanto è con l’inganno che hanno approfittato della gente, senza per questo dire loro con che tipo di gente avrebbero dovuto poi relazionarsi.

  • PietroGE

    Questo autore dimentica che l’immigrazione in Europa non è stata una calamità naturale, è stata programmata e imposta contro il volere dei popoli europei, quindi la soluzione del problema terrorismo islamico è non far entrare più islamici in Europa e mandar via quelli che già ci sono. Ovviamente, prima bisogna sconfiggere coloro che li fanno entrare e gli danno pure la cittadinanza.
    Dare armi ai cittadini, come chiede lui, significa accettare il fatto che lo stato democratico è fallito e che quindi ognuno si difenda come può. A questo punto la polizia e l’esercito a cosa servono? Se la democrazia fallisce spetta alle forze armate garantire l’ordine e togliere di mezzo coloro che a forza di immigrazione hanno distrutto il Paese.
    Purtroppo l’ideologia mondialista acceca ancora la parte sinistra dello spettro politico europeo il quale deve ancora digerire il fatto che il multiculturalismo è fallito. Basta vedere le dichiarazioni sullo ius soli in Italia. Attenzione però perché l’elettorato è diventato volatile come non mai e potrebbe votare, una volta raggiunto il limite di sopportazione, in modo massiccio a sostegno di coloro che oggi vengono criminalizzati come razzisti e nazisti anche se difendono solo la loro identità e l’identità del loro popolo. Con i mondialisti poi, si faranno i conti.

    • VanderZande

      Non mi sembra che all’autore sfugga che l’immigrazione selvaggia sia stata pianificata. Certo e’ che gli sfuggono alcune implicazioni della cosa. Il punto secondo me e’ proprio questo. Sono stati loro a farli entrare, ma la soluzione non puo’ essere quella che tu prospetti, ovvero cacciare via la massa di migranti , e la ragione e’ che a fare questo dovrebbero essere le stesse persone che li fanno entrare. Il cane che si morde la coda.
      Hanno creato l’emergenza per trasformare l’ Europa, non solo il Regno Unito, in un inferno sotto il controllo di polizia ed esercito.
      Cercano gia’ di fare la guerra all’informazione indipendente, in modo da poter, il piu’ presto possibile, imporre l’unico pensiero permesso, il loro.
      Con la scusa dell’ emergenza, della crisi, la paura imposta di nemici esterni ed interni, eroderanno fino al massimo possibile le nostre liberta’, di espressione, di pensiero, di associazione, di manifestazione del dissenso, di movimento.
      La presenza sul territorio europeo di una massa enorme di persone in cerca di un modo per arrivare a fine mese fara’ scendere drammaticamente i salari e peggiorare le condizioni di lavoro di chi un posto ce l’ha.
      Il fatto che i governi si dovranno in qualche modo occupare anche della grande quantita’ di gente che un lavoro non lo trovera’ portera’ ad una ulteriore riduzione dei servizi forniti dallo stato: sanita’, istruzione, pensioni di anzianita’ e invalidita’.
      E qui arrivo a quello che non mi piace di questo articolo. La soluzione, secondo l’autore, e’ permettere alla popolazione di armarsi. Stiamo scherzando? Non penso proprio che chi ci ha precipitati in questo casino ci voglia in grado di difenderci da alcunche’.
      Se hai l’impressione che qualcuno ti stia muovendo guerra, il primissimo passo da fare per tentare di salvare la pelle e’ INDIVIDUARE IL NEMICO.

      • PietroGE

        Il nemico è già individuato e non sono le masse islamiche o in generale del terzo mondo che sono arrivate in Europa SONO COLORO CHE LI HANNO FATTI ENTRARE. Ora se la conclusione di questa operazione epocale è lo stato di polizia e la legge marziale, la prima domanda da porsi è riuscirà a garantire la sicurezza? A mio parere no. E non è solo la mia opinione, è anche quella di molti commentatori i quali, come dice l’articolo ammettono che contro questo tipo di terrorismo, o meglio di insurrezione (per ora) a bassa intensità, non c’è difesa. La ragione per cui non esiste difesa risiede nella cultura/identità religiosa degli immigrati islamici e nel fatto che coloro che decidono di praticare alla lettera la loro fede ( i cosiddetti “radicalizzati”) nuotano come pesci in mezzo alla palude. Se non si prosciuga questa palude non solo non si risolverà mai il problema, ma si rischia l’esplosione sociale e la guerra razziale/religiosa. Qualcuno ha già notato che in alcuni Paesi europei la situazione di convivenza tra autoctoni e immigrati islamici e come una polveriera pronta ad esplodere. Basta una bomba in una moschea invece dell’auto lanciata sui fedeli e salta tutto in aria. La proposta, inaccettabile, dell’autore è una indicazione della disperazione intellettuale di chi non sa più che pesci pigliare.

        • VanderZande

          Forse mi sono spiegata male. Il nemico e’ ovviamente chi sta facendo entrare le masse islamiche. Il nemico e’ quello che vuole uno stato di polizia. Il nemico e’ quello che e’ in grado di imporre uno stato di polizia piu’ tutto il resto di cui ho detto. Il nemico e’ al livello dei nostri governi.
          Dal momento che tu queste cose le hai capite, perche’ ti chiedi se “uno stato di polizia riuscira’ a garantire la sicurezza”? Non c’entra assolutamente niente, perche’ non e’ il suo scopo. Della sicurezza non gli puo’ importare di meno, e’ solo la scusa con la quale viene imposto il controllo alla popolazione.
          Importa a noi. Ma noi ce la dovremo cavare da soli.

          • PietroGE

            Scusa ma il contratto sociale tra stato e cittadino prevede che il cittadino riconosce il potere e l’autorità dello stato e paga le tasse. In cambio lo stato garantisce la sua sicurezza e i servizi essenziali. Perché dovrei continuare a pagare le tasse se poi devo difendermi da solo. Lo stato deve garantire la sicurezza dei cittadini in ogni modo e se il pericolo viene da gente che è immigrata qui, deve rimandarla indietro. Se è lo stato che vuole imporre con la forza lo stato di polizia senza neanche garantire la sicurezza allora deve essere rovesciato con la forza.

          • VanderZande

            Adesso ci siamo.

          • Tizio8020

            Dal momento in cui il denaro è diventato “Fiat”, le tue tasse a loro non servono proprio!!!!
            La BCE può creare dal nulla tutto il “denaro” che vuole, lo sta già facendo con il QE.
            L’obbiettivo è solo quello di imporsi, eliminare la “democrazia” e in definitiva sopprimerci.
            Solo ed esclusivamente lotta per il potere.

      • Lupis Tana

        l’unico, dico L’UNICO modo per fare una rivoluzione senza colpo ferire, o il minimo, è prendere le televisioni, tutte, – col mutismo mediatico compreso anche i giornalai pressstitute, – il gioco è fatto… gli italiani senza tv sono morti. e noi dobbiamo approfittarne… solo che ci vorrebbe un capo, eh sembra facile ma non lo è. t l

  • Adriano Pilotto

    Dopo la “quinta colonna” si assisterà alla nascita della ” sesta colonna”?
    Questo articolo è leggibile come fiancheggiamento, sul lato destro, del terrorismo e di chi lo gestisce.

  • Nicolass

    ormai i migranti vanno a prenderli a casa… gli danno appena il tempo di fare i bagagli con quei quattro stracci che possiedono e gli mettono in mano un biglietto per il traghetto di solo andata… le pseudo associazioni umanitarie fanno il resto.

    • Lupis Tana

      gli mettono in mano anche un pò di soldi e un telefonino, così per farli sembrare più occidentali,
      in più le associazioni disumanitarie, con i nostri soldi,contro i nostri interessi, stanno facendo il lavoro sporco per conto di soros e company. alè che andiamo bene. t l

      • Tizio8020

        Quoto anche te.

      • televisione falsa

        Questo perché su tutto contano solo i soldi …andiamo male

  • Hito

    Da notare la differenza tra Virginia Raggi (sindaco di Roma) e Sadiq Kahn (sindaco musulmano di Londra); A Roma tutto ciò che capita è colpa della Raggi, a Londra tutto ciò che capita è colpa della May (premier britannica e non “piddina”). Sadiq Kahn è esentato da qualsiasi critica a prescindere…

    • Gianfranco Attanasio

      Verissimo…ma Sadiq Kahn e’ Zadoq Cohen…non so se mi spiego…Virginia Raggi dovrebbe cambiare almeno il cognome, per essere ‘accetta’…

      • Tizio8020

        Dal momento che la Cina si sta comprando tutto, suggerisco alla signora sindaca di Roma di cambiare il suo cognome in “Laggi”.
        Poi, se continueranno ad acquistare tutto, potremo sempre cambiare il nome della città eterna in “Loma”.

  • GioCo

    Da una religione monoteista come quella mussulmana, era relativamente facile tirarci fuori l’ISIS: Non che le altre religioni siano meno belliciste, ma di sicuro quella islamica è (tra quelle più diffuse) la più carrozzata per opporsi al profitto, alla speculazione e tutte le altre splendide conquiste di libertà vigilata demoniocratica di cui non riusciamo proprio a fare a meno in occidente. Nemmeno volendo. Perchè loro (le conquiste) “non vogliono” fare a meno di noi.

    Detto questo, non si può spremere un utile udiota al consumo “ad eternum”, anche se sarebbe utile e desiderabile per chi spreme. Prima o poi si arriva alla buccia. Poi?
    Spremuto lo spremibile il poi è dettato da una sola possibilità: caos. Non molto, vero?
    Allora bisogna pensare qualcosa e in fretta, prima del caos, dato che le cose evolvono mentre che pensi, mica ti aspettano! Ma in fretta si pensa sempre male. Anzi “il Male”. Quindi? Si fottano gli spremuti. Tanto non servono più … eh, però come si fa? Mica poi si può andare lì e dire che la festa è finita. Qualcuno ci ha provato, come Agnelli nel lontano ’90 (http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1990/07/01/agnelli-ora-ammette-ormai-la-festa.html ). Fidatevi, se foste al loro posto colti da un istante di VERA filantropia, come Paolo sulla via di Damasco, scoprireste vostro malgrado che non è una buona idea farsi Martire. Sull’ordine dei decimi di secondo immagino fareste marcia indietro.

    Quindi? Quindi non resta che fare un caos fausullo, prima del caos vero, perché sia un caos pilotabile. Cioè fasullo. In questo caos non è che tutto è falso, tutto è falsificato! Così non ci si capisce più niente e nel trambusto chi di dovere fa quello che deve in tutta tranquillità. Cioè fa pulizia di bucce.

    • Tizio8020

      Perdonami: hai scelto l’esempio sbagliato!
      Subito dopo la dichiarazione dell’Avv. Agnelli, caso strano, vennero varati gli “incentivi alla rottamazione”, ben 3.000.000 £ per ogni veicolo rottamato.
      Chiaramente, con tanto regalo, le Case non facevano una sola Lira di sconto!!!
      Tutto denaro transitato direttamente dalle casse dello Sttao a quelle dell’Avv.Agnelli!!!

  • giorgio peruffo

    Sembra che Francia, Inghilterra e Germania non sappiano come fermare gli attentati dell’ISIS.
    Butto lì una proposta, e se provassero a non finanziarlo più?

    • Mario Poillucci

      Mi raccomando, non dimentichi anche gli americanacci, quelle buone pezze con la stella di davide, i bifolchi arricchiti sauditi e neppure gli italioti di tutto, di più fuorchè ”brava gente” come millantato in un datato film retorico che più retorico non si può! ”Ci sono più cose fra cielo e terra di quante ne possano immaginare il filosofi, Orazio!!” (Amleto). Coma mai in italietta niente? Tutto tace?? Perchè i nostrani servizi di ”intelligence” sono più intelligenti e capaci? Ma quando mai!! La ”porta” Italia non si tocca, per il momento! I mat. i gent. i nap. i renz. le bold. e tutto il combinato disposto politico-affaristico gestito dal criminale soros ed altre laide canaglie sovraintende e gestisce alla faccia nostra incapaci di coagularsi e giustiziarli come sarebbe imperativo categorico!! Ma vuol mettere! Ci sono problemi ben più importanti: belen le porta oppure no? Negli spogliatoi della iuve si sono pestati oppure no? Le vacanze estive, viaggi, movida, spinelli, rave party, escort in abbondanza, sottili disquisizioni sul sesso anale ecc., questi sono i veri problemi! Vedrà, a breve, stato di polizia, vietata ogni manifestazione, quattro persone che parlano di fatti loro integrano adunata sediziosa ecc.ecc.ecc! E’ ciò a cui vogliono arrivare e, noi, zitti e muti altrimenti arrivano subito forze del disordine in tenuta antisommossa, mortacci loro!!! Va bene, mi sono sfogato e, adesso, prima di dedicarmi ad i miei animali ed alla campagna, tiro a segno presso poligono di tiro! Penseranno mica di essere armati solo loro, gli ingenui!

      • giorgio peruffo

        Un paio di giorni fa parlando con un ex moscovita vissuto da qelle parti durante l’era Breznev. Gli ho detto che, secondo me, erano più liberi i russi allora che gli europei oggi. Per darmi conferma ci ha messo meno di un secondo.

  • Ronte

    Per descrizione storica e risposta a….’l’altra estremità dello spettro politico, la parte socialista/marxista’…faccio presente che quell’intento non ha avuto modo di svilupparsi data la scesa in campo del farabutto Stalin, che soppiantando gli insegnamenti di Marx, stravolge il contenuto comunista contaminando il resto del mondo (Cina, Germania, Italia, Francia ecc.)

    La speranza di una democratizzazione della UE è la ripetizione su scala continentale dell’illusione della riforma impossibile del capitalismo. Una unione di Stati capitalisti unicamente interessati a partecipare alla spartizione del mondo dopo la fine dell’URSS, nel nuovo mercato globale. Tutte le principali destre reazionarie continentali cavalcano il sentimento antieuropeo in funzione però di una continuità delle politiche di rapina e dell’offensiva dominante ai diritti sociali, sindacali e democratici del movimento operaio europeo come di tutti gli oppressi.
    In una fase storica segnata dall’ascesa di Donald Trump, col pieno di retorica nazionalista a coprire nuovi tagli ai diritti, ogni cedimento alle sirene del Sovranismo e Nazionalismo, la borghesia in ogni Stato arruola i propri lavoratori contro i lavoratori di altri paesi, in una competizione mondiale di tutti contro tutti. I sacrifici che prima erano richiesti nel nome della globalizzazione e del libero scambio, ora sono invocati sempre più nel nome della Patria e della Nazione. Ma a pagare sono sempre gli stessi, i lavoratori. E a guadagnarci , i capitalisti e i loro profitti.
    Ciò che è assente e da costruire è una politica del movimento dei lavoratori che sappia dare una direzione rivoluzionaria, che sappia porre la questione degli Stati uniti socialisti d’Europa. E perciò: indipendenza politica e programmatica tanto dall’UE quanto dalle borghesie nazionali, e la consapevolezza della centralità della questione del potere.

  • televisione falsa

    Perlomeno così l’Europa avrà i soldati in casa la guerra in casa e non andrà a rompere i coglioni all’estero ad ammazzare gente innocente

    • VanderZande

      Temo che una cosa non escluda affatto l’altra. Anzi, quando ci imporranno il regime che gli comoda, non avranno piu’ bisogno di giustificare le loro porcate all’estero, perche’ saremo troppo occupati a cercare di cavarcela a casa nostra. Quello che mi fa piu’ rabbia, pero’, e’ che ho avuto occasione di parlare con gente che lavora in Polizia, Esercito, e Guardia di Finanza. Non sono tutti stupidi, e molti vorrebbero cambiare le cose. Ma purtroppo lo stipendio li’ e’ sicuro, e hanno paura. Mi chiedo se arriveranno mai a considerare insopportabile quello che gli viene imposto.

      • televisione falsa

        Si è chiaro, la gente va dove c’è lo stipendio dove ci sono i soldi ognuno pensa a sé stesso ed è per questo che siamo in questa situazione, tra l’altro penso che qua in Italia fra qualche anno fare il poliziotto o il carabiniere sarà molto rischioso con tutti i disoccupati e i migranti che ci saranno riversati per le strade

  • televisione falsa

    È chiaro che gli attentati Isis in Europa li fanno l’ Elite occidentale che hanno in mano anche la televisione che usano per terrorizzare continuamente la popolazione, vogliono la legge marziale in Europa militarizzare l’ europa con uno Stato poliziesco così non si potrà più manifestare per niente perché sanno che la crisi peggiorerà la disoccupazione peggiorerà l’immigrazione peggiorerà e presto ci saranno rivolte sociali , così l ‘ elite occidentale si farà trovare pronta per le rivolte