Le “soluzioni” indossabili e l’Internet dell’incarcerazione

Seconda parte

 Prima parte

Jeremy Loffredo – unlimitedhangout.com – 20 maggio 2021

 

“Risolvere” le crisi sorvegliando tutto

Inoltre, a causa della crisi della Covid-19, il governo federale ha adattato sia la politica di cura da oppioidi che la politica carceraria per meglio adattarsi alle nuove soluzioni basate sui dispositivi indossabili.

Sotto l’amministrazione Trump, il Federal Bureau of Prisons ha iniziato a dare priorità agli arresti domiciliari per limitare la diffusione della Covid-19 nelle prigioni.  Mentre questi detenuti dovevano tornare in prigione quando “l’emergenza coronavirus” fosse finita, recentemente Biden ha esteso l’emergenza nazionale e l’HHS si aspetta che la crisi duri almeno fino a dicembre.

Inoltre, sempre a causa della crisi della Covid-19, nel 2020 il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti ha modificato i propri regolamenti in modo in modo da rendere adesso attuabile la cura per la dipendenza da oppioidi a distanza. “La pandemia ha reso possibile vedere da casa un operatore abilitato”, ha riportato il New York Times.

Ulteriormente, durante la pandemia l’uso di questi dispositivi indossabili per il monitoraggio della salute è cresciuto di oltre il 35%. “Tutte queste tecnologie di sorveglianza, come molti altri contenimenti della Covid-19, sono state introdotte rapidamente proprio durante la crisi”, ha spiegato il gruppo per i diritti digitali Electronic Frontier Foundation (EFF).

Diverse tecnologie indossabili sono state commercializzate specificamente come risposte alla crisi della Covid-19, con un certo numero di queste focalizzato esclusivamente sul tracciamento della posizione degli utilizzatori sia per il distanziamento sociale che per l’applicazione della quarantena. “RightCrowd” è un cordino che i dipendenti possono indossare per aiutare le aziende a far rispettare la distanza sociale e per il tracciamento dei contatti in ufficio. “SafeZone” è un sensore indossabile che emette una luce quando le persone si trovano a meno di due metri l’una dall’altra, ed è attualmente utilizzato dalla NFL (Northamerican Football League). E, come riportato dalla Electronic Frontier Foundation (EFF), “I tribunali in Kentucky e West Virginia hanno imposto l’uso di cavigliere elettroniche per gli individui che hanno rifiutato di sottoporsi alle procedure di quarantena dopo essere risultati positivi alla Covid-19“.

Eppure, molti dei nuovi dispositivi indossabili di oggi sono in grado di accedere a dati che vanno ben oltre la nostra posizione. L’Oura Ring, un tracciatore per il sonno indossato al dito, monitora la temperatura per prevedere l’insorgenza della febbre nella Covid-19, ed è attualmente utilizzato dalla NBA (Northamerican Basket Association). Halo di Amazon, un braccialetto, sarà presto in grado di rilevare i sintomi della Covid-19. Halo scansiona il corpo e la voce dell’utente, monitora la pressione sanguigna, ed ha il compito di “informare sullo stato emotivo durante il giorno“. E, nel marzo 2020, la FDA degli Stati Uniti ha concesso l’autorizzazione per l’uso di emergenza ai bracciali prodotti da una società chiamata Tiger Tech. Le fasce sono progettate per monitorare il flusso sanguigno e analizzare la frequenza del polso e l’ipercoagulazione, un sintomo di insorgenza della Covid-19.

Il tracciatore biometrico Oura Ring. Fonte: https://ouraring.com/

Un’altra azienda, BioIntellisense, si definisce “pioniera nel campo di dispositivi indossabili di livello medico che permetteranno a medici e infermieri di raccogliere dati da pazienti che si trovano fuori dall’ospedale“. Il suo primo prodotto, il BioSticker, è il “primo dispositivo monouso di monitoraggio continuo dei parametri vitali, approvato dalla FDA, con un’autonomia massima di 30 giorni“. Si tratta di un cerotto progettato per essere indossato sul petto per quello che l’azienda chiama un’esperienza di “acquisizione di dati a distanza senza sforzo“. L’azienda ha ricevuto 2,8 milioni di dollari dal DoD [n.d.T. Department of Defense] nel dicembre 2020 per rendere questi prodotti indossabili disponibili sia per i militari che per la popolazione.

Come ha scritto il New York Times lo scorso novembre, “l’attraente nuova tecnologia Covid è indossabile e ti traccia costantemente“.

La necessità di affrontare la pandemia con qualsiasi mezzo disponibile ha rimosso alcuni degli impedimenti normativi e legislativi relativi all’adozione della telemedicina“, hanno scritto Klaus Schwab e l’economista francese Thierry Malleret nel loro libro “Covid-19: The Great Reset”, pubblicato nel luglio 2020. “In futuro, è certo che più cure mediche saranno fornite a distanza. Ciò accelererà a sua volta la tendenza verso un maggior numero di dispositivi indossabili“, continuano.

L’allineamento di linea politica tra il WEF e l’attuale amministrazione Biden è qui chiaro in questa. L’ex Segretario di Stato John Kerry – l’inviato presidenziale speciale di Biden per il clima – lo scorso dicembre – ha dichiarato risolutamente che l’amministrazione Biden sosterrà il Great Reset e che il Great Reset “avverrà con maggiore velocità e con maggiore intensità di quanto molte persone possano immaginare“.

L’allineamento tra il WEF e il governo federale degli Stati Uniti in questo settore è visibile anche alla FDA. Nel settembre 2020, la FDA statunitense ha lanciato il Digital Health Center of Excellence, con l’obiettivo di “innovare gli approcci normativi per fornire una supervisione efficiente e meno onerosa“.

Il Direttore di questo nuovo progetto della FDA è Bakul Patel, che “guida gli sforzi normativi e scientifici relativi ai dispositivi digitali per la salute presso la FDA dal 2010“, come comunicato dalla FDA.

Come molte figure nel governo federale degli Stati Uniti, Patel ha stretti legami con le industrie che è stato incaricato di disciplinare. Attualmente è a capo del Consiglio di Direzione Scientifica della Medicine Society (DMS), un’organizzazione che esemplifica l’obiettivo della classe dirigente di integrare la tecnologia indossabile nella vita quotidiana delle persone. Il gruppo ha recentemente tenuto un seminario del WEF sul “Wearable Data Trove” e sponsorizzerà una prossima conferenza chiamata “Wearable injectors and Connected Devices”(n.d.T.“Iniettori indossabili e dispositivi connessi”).

Baku Patel della FDA

È possibile dedurre la propensione del nuovo Digital Health Center of Excellence della FDA verso i dispositivi indossabili esaminando l’attività di alcuni dei finanziatori aziendali del DMS, e quindi di Patel – Deloitte, Takeda, Biogen e Pfizer – tutti “partner strategici” del WEF.

Takeda sta portando avanti uno studio pilota su un’app che funziona su dispositivi indossabili commerciali per raccogliere dati cognitivi e comportamentali volti a valutare la depressione nelle persone. Biogen ha recentemente iniziato a collaborare con Apple per “verificare il valore” dei dispositivi indossabili commerciali per raccogliere e trasmettere dati biometrici sulle prestazioni cognitive e l’attività cerebrale al fine di prevedere disturbi futuri.

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha scritto un articolo sul sito del WEF, scrivendo che i dispositivi indossabili sono “pronti a diventare uno strumento prezioso per incentivare un comportamento sano“, e citando gli esempi di lenti a contatto ‘intelligenti’ per gli occhi, cerotti per la pelle, e “orecchini-tracker”.

Bourla ha anche scritto:

“La nostra Divisione Oncologia ha recentemente lanciato un’app gratuita, LivingWith, che aiuta i malati di cancro a connettersi con i propri cari, gestire gli appuntamenti e registrare come si sentono. L’app si sincronizza anche con i dispositivi indossabili di fitness, permettendo ai pazienti di condividere un quadro più completo della loro salute con i medici. E per i pazienti con emofilia, la nostra attività sulle malattie rare ha sviluppato HemMobile Striiv Wearable, un dispositivo per tracciare l’attività e la frequenza cardiaca, e registrare le infusioni e gli episodi di sanguinamento. Informazioni così dettagliate permetteranno davvero agli operatori sanitari di fornire cure personalizzate e anche di dare ai pazienti la possibilità di assumere un ruolo più attivo nella gestione della propria salute.”

Nel 2019, il gigante farmaceutico Pfizer è arrivato a definire la tecnologia indossabile una rivoluzione, tramite un contenuto sponsorizzato su STAT News. L’azienda ha anche collaborato con IBM e Amazon per sviluppare un sistema IoT (Internet of Things) di sensori indossabili che possono misurare gli indicatori del paziente 24h/7gg “con la stessa precisione clinica di un medico che li raccoglie in studio.”

Così, oltre a presentare i dispositivi indossabili mediante programmi rivolti ai detenuti e ai tossicodipendenti, la classe dirigente ha indicato il desiderio di “rendere popolari” i dispositivi indossabili, abbinandoli alla “sanità del futuro“. In “Covid-19: The Great Reset”, Schwab e Malleret scrivono che alla fine, l’uso dell’IA e della tecnologia indossabile farà cadere la distinzione tra sistemi sanitari pubblici e “sistemi personalizzati di creazione di salute“.

 

La servitù digitale come riforma della detenzione

Dato che gli attori dell’industria come Pfizer e Biogen sono in prima linea nella spinta verso i dispositivi indossabili, e che le loro motivazioni sono tradizionalmente fondate sul profitto, è sostanzialmente garantito che la tendenza verso la tecnologia indossabile avrà il suo costo.

Forse il costo più ovvio sarà l’ulteriore degrado della privacy. Senza dubbio, l’adozione di queste tecnologie intensificherà la tendenza dei governi e delle aziende a spiare i cittadini e i consumatori.

Per alcuni, la crisi della salute pubblica in corso ha mitigato gran parte dello stigma negativo intorno alla “tecnologia da indossare”. Come l’analista tecnologico Rajit Atwal ha detto a ZDNET in ottobre, “quello che, in termini di persone che vogliono essere più attive nel monitoraggio della propria salute, può essere stato un mercato per questo in fase pre-Covid, è probabile che sia un mercato potenzialmente più grande post-Covid o anche durante Covid“.

Dai accesso a ciò che sta accadendo all’interno del tuo corpo e del tuo cervello in cambio di un’assistenza sanitaria di gran lunga migliore? Le persone rinunceranno alla loro privacy in cambio dell’assistenza sanitaria“, ha detto Yuval Noah Harari, Professore di Storia spesso presente al WEF, nel 2018. “E in molti luoghi, non avranno scelta“. Tuttavia, due anni dopo, alla riunione annuale del WEF del 2020, Harari ha dichiarato che l’uso di massa dei dispositivi indossabili sarebbe stato un momento “spartiacque” che avrebbe annunciato l’inizio dell’era delle “dittature digitali”.

Fonte: Il documento informativo sull’Internet dei Corpi del WEF

Il potenziale uso improprio dei dispositivi indossabili da parte del settore pubblico e privato ha portato i critici a sostenere che il fascino del monitoraggio della propria salute non dovrebbe sminuire il fatto che i dispositivi indossabili sono essenzialmente dei tracciatori. “Non dovrebbe sembrare normale essere tracciati ovunque o dover dimostrare la propria posizione“, ha scritto la EFF nel giugno 2020.

Dal New York Times:

“Gli esperti di diritti civili e di privacy avvertono che la diffusione di tali dispositivi indossabili di monitoraggio continuo potrebbe portare a nuove forme di sorveglianza che vanno oltre la pandemia – introducendo nel mondo reale lo stesso tipo di monitoraggio esteso che aziende come Facebook e Google hanno istituito online. Avvertono anche che alcuni sensori indossabili potrebbero permettere ai datori di lavoro, alle università o alle forze dell’ordine di ricostruire la posizione delle persone o le reti sociali, raffreddando la loro capacità di incontrarsi e parlare liberamente. E dicono che questi rischi di data-mining potrebbero colpire in modo sproporzionato alcuni lavoratori o studenti, come gli immigrati senza documenti o gli attivisti politici”.

È agghiacciante che questi dispositivi invasivi e non testati possano diventare una condizione per mantenere il nostro lavoro, frequentare la scuola o prendere parte alla vita pubblica“, ha dichiarato al New York Times Albert Fox Cahn, direttore esecutivo del Surveillance Technology Oversight Project.

Inoltre, i dispositivi indossabili che tracciano e contengono i dati sulla salute di una persona portano una minaccia particolare. “Le tecnologie indossabili rischiano di generare un pesante carico di ansia e stigmatizzazione per i loro utenti e di riprodurre le disuguaglianze di salute esistenti“, hanno scritto John Owens e Alan Cribb sulla rivista “Philosophy & Technology” nel 2017. “Le tecnologie indossabili che sottopongono i loro utenti a epistemologie, norme e valori biomedici e consumistici rischiano anche di minare i processi di deliberazione genuinamente autonoma“.

Per di più, i critici dicono che mentre la “incarcerazione digitale” può sembrare un’alternativa desiderabile alla “incarcerazione di massa”, è semplicemente l’incarcerazione con un altro nome.

Come ha scritto l’autrice Michelle Alexander sul New York Times in risposta a simili modelli di ‘e-carcerazione’ che stavano comparendo nel 2018:

“Anche se sei abbastanza fortunato da essere liberato da una prigione di mattoni grazie a un algoritmo del computer, un costoso dispositivo di monitoraggio sarà probabilmente incatenato alla tua caviglia – un dispositivo di tracciamento GPS fornito da una società privata che può farti pagare circa 300 dollari al mese, una tassa di leasing involontaria. Le zone di movimento consentite possono rendere difficile o impossibile ottenere o mantenere un lavoro, frequentare la scuola, prendersi cura dei propri figli o visitare i membri della famiglia. Siete effettivamente condannati a una prigione digitale a cielo aperto, che non può estendersi oltre la vostra casa, il vostro isolato o il vostro quartiere. Un passo falso (o un malfunzionamento del dispositivo di localizzazione GPS) porterà i poliziotti alla porta di casa vostra, al vostro posto di lavoro, o dovunque vi trovino e vi riporteranno in prigione”.

Trovo difficile definire ciò come progresso“, spiega Alexander. “Per come la vedo io, le prigioni digitali sono per l’incarcerazione di massa, quello che Jim Crow era per la schiavitù … Se l’obiettivo è porre fine all’incarcerazione di massa e alla criminalizzazione di massa, le prigioni digitali non sono una risposta. Sono solo un altro modo di porre la questione“.

Alcuni vedono addirittura l’incarcerazione digitale come un sistema peggiore di quello fisico, in termini di privacy. “A prima vista, queste alternative possono sembrare reciprocamente vantaggioso“, ha scritto Maya Schenwar su Truthout. “Invece di svolgersi in un’istituzione infernale, la detenzione avviene “nel comfort della propria casa” (l’immancabile spot americano per qualsiasi cosa). Tuttavia, questo cambiamento minaccia di trasformare la definizione stessa di ‘casa’ in una in cui la privacy, e forse anche il ‘comfort’, sono sottratti dall’equazione“.

In un mondo di monitor elettronici, polizia predittiva, condivisione di dati tra le agenzie, telecamere nascoste e registri, la reclusione si estende non solo oltre le mura della prigione o del penitenziario, ma oltre ogni spazio contenuto“, continua Schenwar. “Nel nuovo mondo dell’incarcerazione, la tua casa è la tua prigione. Il tuo isolato è la tua prigione. La tua scuola è la tua prigione. Il tuo quartiere… la tua città… il tuo stato… il tuo paese è la tua prigione”.

 

Capitalismo degli azionisti della sorveglianza

 

Ancora dalla presentazione di Wearable Data Troves al Global Technology Governance Summit del WEF.

Oltre alle preoccupazioni sulla privacy, un effetto collaterale meno ovvio della “rivoluzione” dei dispositivi indossabili è il suo potenziale per alimentare e spingere la visione più ampia del WEF per il futuro – qualcosa che si definisce capitalismo degli azionisti.

Il WEF è impegnato a “far progredire il capitalismo degli azionisti“, un sistema in cui le società private sono i “fiduciari della società”. (Secondo Schwab, la ragione stessa per cui ha creato il WEF, in primo luogo, è stato “aiutare i leader politici e commerciali ad attuare [il capitalismo degli azionisti]“).

Il modello di Schwab prevede che le società debbano iniziare ad espandere la loro definizione di “valore” indipendentemente oltre i ritorni agli azionisti. Come tale, i dati costituiscono la pietra angolare del “capitalismo degli azionisti”. Affinché le aziende comincino a prendere decisioni che “beneficino la società”, hanno bisogno di metodi di misura completi su quali decisioni si dimostrino “valide”.

Naturalmente, avere persone che vanno in giro indossando una tecnologia con i propri dati di localizzazione, storia medica, parametri vitali in tempo reale, conversazioni orali, stato emotivo attuale e quindi il loro “comportamento” è un sogno che diventa realtà per il modello.

E mentre le parti della popolazione più emarginate, cioè quelle che potrebbero essere rinchiuse per reati di droga negli Stati Uniti, saranno le prime ad essere colpite da questa sorveglianza pervasiva, la rete WEF vede questa come la prospettiva di futuro per tutti noi.

 

Link: https://unlimitedhangout.com/2021/05/investigative-reports/wearable-solutions-and-the-internet-of-incarceration/

Scelto e tradotto da NICKAL88 per comedonchisciotte.org

 

I commenti sono chiusi.