La sopravvivenza degli Stati Uniti richiede la creazione di crisi in altri Paesi: il caso dell’Ucraina

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

khamenei.ir

Il dottor Fouad Izadi, professore associato di Studi americani presso l’Università di Teheran, sostiene che gli americani hanno bisogno di crisi per sopravvivere. Hanno bisogno di creare crisi per i loro problemi economici e politici e anche per le preoccupazioni in merito alla loro identità. Senza crisi, non possono continuare.

Intervistatore: Nel suo discorso in occasione dell’anniversario dell’investitura apostolica del profeta Muhammad (Mab’ath), l’Imam Khamenei ha sottolineato che gli Stati Uniti sono un regime mafioso politico ed economico e, in conseguenza della loro natura mafiosa, cercano di creare crisi. Negli ultimi cento anni, quali casi o esempi crede confermino questa affermazione dell’Imam Khamenei?

F. Izadi: Esiste una definizione di mafia. La mafia è un’organizzazione criminale che stabilisce le proprie regole e regolamenti all’interno della propria sfera di influenza, e usa poi la violenza nel trattare con chi non segue quelle regole. Essendo un’organizzazione, gli interessi delle persone che fanno parte di questa banda mafiosa sono i criteri per determinare i piani di questa organizzazione mafiosa. Tale è la situazione del regime americano. Se si vuole spiegare come funziona il suo sistema di governo, non si può spiegare meglio di così che dicendo: gli Stati Uniti sono un regime mafioso.

Secondo una ricerca condotta da professori di Scienze politiche negli Stati Uniti, chi guida il governo statunitense e chi vince le elezioni negli Stati Uniti ha bisogno di sostegno finanziario. Lo standard che esiste nelle organizzazioni mafiose, dove fare soldi è della massima importanza, esiste esattamente uguale nella struttura e nel sistema del governo americano. I professori di Scienze politiche negli Stati Uniti hanno constatato che chi spende più soldi dei propri avversari ha una probabilità superiore al 94% di vincere. Ciò significa che se qualcuno spende meno del proprio avversario, ha solo il 6% di probabilità di vincere. Poiché il costo delle elezioni è il criterio per l’ingresso degli individui nella struttura politica, diventa indispensabile che un politico raccolga i fondi necessari. Ecco perché negli Stati Uniti le istituzioni finanziarie e monetarie sostengono i politici.

La Guida della Rivoluzione islamica ha sollevato la questione dei cartelli nel suo discorso in occasione dell’anniversario dell’investitura apostolica del profeta Muhammad (Mab’ath). Questi cartelli raccolgono fondi per i politici americani e in cambio ricevono benefici, spesso sotto forma di benefici finanziari. Se studiate la storia americana, è ben noto che, per quanto riguarda la politica americana prima della Seconda guerra mondiale e all’inizio del Ventesimo secolo, il continente americano è stato gradualmente conosciuto per avere una “diplomazia Gangut”. [Il termine] “Gangut” si riferiva a una nave da guerra ed era una forma di diplomazia americana. Ad esempio, se un’azienda americana cercava di realizzare un profitto in un qualsiasi Paese latino-americano, il cui governo, che era un governo eletto dal popolo, si fosse opposto e non avesse rispettato le sue richieste, il governo degli Stati Uniti, che era affiliato a questi cartelli, avrebbe mandato una nave da guerra in quel Paese e organizzato un colpo di stato o l’avrebbe occupato semplicemente per il beneficio di una compagnia. Questo modo di governare si diffuse in tutto il mondo dopo la Seconda guerra mondiale, anche nel nostro stesso Paese.

Il colpo di stato iraniano del 1953 ebbe luogo per il petrolio, che Mossadeq aveva deciso di nazionalizzare sconvolgendo la compagnia petrolifera britannica. A tempo debito, il malcontento di una compagnia britannica portò gli inglesi, con l’aiuto degli Stati Uniti, a organizzare un colpo di stato in Iran. Una volta attuato il colpo di stato, l’Iran divenne un focolaio di compagnie petrolifere britanniche e americane. Le conseguenze derivanti dal governo dittatoriale dello Scià e dalla situazione che lo Scià creò per il Paese furono determinate solo dal denaro, dal petrolio e dagli interessi delle compagnie americane. Circa altri ottanta Paesi hanno dovuto affrontare problemi simili negli ultimi anni. Vale a dire, gli americani vanno a dominare ma se non ottengono gli interessi che cercano, useranno metodi mafiosi per raggiungere i loro obiettivi. Un esempio di ciò è la crisi in Ucraina, a cui la Guida ha fatto riferimento nelle sue dichiarazioni. Oltre agli americani che hanno organizzato un colpo di stato in Iran usando le truppe dello Scià, negli ultimi anni gli Stati Uniti hanno utilizzato un nuovo metodo in Ucraina organizzando una rivoluzione colorata. Se si guarda al novembre 2013, all’epoca erano stati proposti due pacchetti economici e commerciali al governo ucraino. C’era un pacchetto [proposto] dall’Occidente e un altro dalla Russia.

Il presidente dell’Ucraina era Viktor [Fedorovych] Yanukovich, il presidente eletto. Il governo ucraino a quel tempo confrontò questi pacchetti proprio come avrebbe fatto qualsiasi altro governo, e il pacchetto offerto dalla Russia era molto più allettante, più ampio e più adatto. Il governo ucraino, come qualsiasi altro governo indipendente, scelse il pacchetto che era nel suo interesse nazionale. Fu nel novembre del 2013 che il governo ucraino respinse il pacchetto dell’Occidente e accettò il pacchetto russo. Gli Stati Uniti e i Paesi occidentali attivarono il meccanismo di una rivoluzione colorata in Ucraina. Le organizzazioni apparentemente non governative che effettuavano operazioni finanziare per l’Occidente si radunarono nella piazza principale di Kiev. All’inizio si trattava di piccoli raduni costituiti da una minoranza di persone che non potevano fare nulla contro il governo popolare. Si avvalsero allora di gruppi armati neonazisti e dell’estrema destra e li radunarono nella piazza principale di Kiev. Questi gruppi iniziarono a sparare e molte persone furono uccise per le strade. Per concludere, la Rivoluzione colorata, iniziata nel novembre 2013, raggiunse il suo apice nel 2014 e riuscì a rovesciare il governo del popolo ucraino con gli Stati Uniti a guidare le proteste.

Intervistatore: In effetti, la radice dei problemi dell’Ucraina risiede nelle politiche statunitensi, giusto?

F. Izadi: Naturalmente, ecco perché la Guida della Rivoluzione dice che gli Stati Uniti sono responsabili degli attuali problemi in Ucraina. Quando ciò accadde, il governo, che salì al potere sostenuto da una serie di organizzazioni neonaziste, iniziò ad attaccare la minoranza russofona. In Ucraina, il 30% dei russi vive nella parte orientale del Paese. Dal 2014 fino a due settimane fa, 14.000 di queste persone sono state uccise, e questo è il dato fornito dalle Nazioni Unite. Ci sono quattro milioni di persone che vivono nell’Ucraina orientale, ma l’80 per cento di coloro che sono stati uccisi erano russofoni. Questo è un esempio delle prestazioni di questo governo di destra. E non hanno permesso al popolo russofono di partecipare alle elezioni. Le amministrazioni che sono salite al potere in Ucraina negli ultimi otto anni non avevano alcuna legittimità, perché c’era discriminazione contro le persone russofone e non potevano partecipare alle elezioni. Vale a dire, non tutti gli ucraini hanno partecipato alle elezioni. In quel Paese sono stati perseguiti gli interessi finanziari americani. Ad esempio, il figlio di Biden è diventato membro del consiglio di amministrazione di una compagnia petrolifera e del gas ucraina nonostante non avesse alcuna esperienza nel settore petrolifero e del gas. Tutto questo solo perché gli Stati Uniti sono un regime mafioso.

Solo lo stipendio del figlio di Biden ammontava a $ 80.000 al mese, più del doppio di quello di suo padre, allora vicepresidente degli Stati Uniti. Questi problemi in Ucraina sono stati causati dagli americani. Nel 2015, il governo ucraino firmò un accordo a Minsk per concedere l’autonomia alle parti orientali dell’Ucraina e concordando che non sarebbero più state sotto pressione. Erano presenti: il governo ucraino, l’allora cancelliera tedesca Angela [Dorothea] Merkel, l’allora presidente francese, François [Gérard Georges Nicolas] Hollande, e Vladimir [Vladimirovich] Putin. Sotto la pressione degli Stati Uniti, il governo ucraino non ha attuato l’accordo. Quindi gli Stati Uniti sono i principali responsabili dei problemi dell’Ucraina. Questo perché gli Stati Uniti non solo hanno portato a una rivoluzione colorata, ma non hanno nemmeno permesso al governo ucraino di fare ciò che era a proprio vantaggio. Era decisamente nell’interesse del governo ucraino stringere un accordo con l’altra parte in qualche modo. Dal 2008 gli americani incoraggiano il governo ucraino ad aderire alla NATO, cioè dalla presidenza di George Walker Bush. L’adesione dell’Ucraina alla NATO è diventata un pretesto per la Russia. Loro (l’Occidente) non volevano davvero che l’Ucraina entrasse a far parte della NATO. Anche ieri, Volodymyr [Oleksandrovych] Zelensky si è rivolto al Parlamento europeo chiedendo che l’Ucraina entri a far parte della NATO e dell’Unione Europea, ma gli è stato negato. Questa è stata una delle dichiarazioni dell’Imam Khamenei, in cui ha affermato che gli Stati Uniti abbandonano qualcosa nel momento in cui devono pagare per ciò. I gruppi filo-occidentali in Ucraina credevano nel miraggio che gli americani avevano creato per loro. L’obiettivo principale dietro la storia dell’adesione dell’Ucraina alla NATO non era l’adesione dell’Ucraina alla NATO, piuttosto, desideravano molestare la Russia. I ventisette ministri degli Esteri dei Paesi europei potrebbero votare e firmare che almeno l’adesione dell’Ucraina alla NATO abbia luogo. Ma non lo fanno. Anzi, non possono, perché non vogliono pagare per esso. Il loro obiettivo era solo quello di fare pressione sulla Russia.

Intervistatore: Qual è la sua opinione in merito al resoconto della Guida riguardo alla presenza degli Stati Uniti nella Siria orientale e in Afghanistan e dei suoi crimini lì?

F. Izadi: I problemi che vedete in Ucraina sono stati creati da un governo filo-occidentale. Poiché gli Stati Uniti sapevano di non poter vincere alle elezioni, hanno creato una rivoluzione colorata. Non avrebbero potuto vincere a causa della minoranza russofona e del gran numero di filo-russi in Ucraina, i quali desideravano avere buoni rapporti con la Russia. Se fosse dipeso solo dalla minoranza russofona, essa costituiva solo il 30 per cento e il suo voto non sarebbe stato molto incisivo alle elezioni. Pertanto, gli americani organizzarono un colpo di stato nel 2014 mentre le prossime elezioni presidenziali ucraine si sarebbero dovute tenere nel 2015.  Avrebbero potuto aspettare un anno per portare le loro forze al potere attraverso il processo democratico, ma tenevano d’occhio l’Ucraina e non hanno aspettato un anno. Alla fine, i gruppi politici filo-occidentali sono saliti al potere e hanno commesso gli stessi errori che i gruppi politici filo-occidentali hanno commesso altrove, come in Afghanistan. Si erano fidati degli americani, ma quando gli Stati Uniti avrebbero dovuto aiutarli, li hanno abbandonati a se stessi e sono fuggiti.

Allo stesso modo, gli americani sono fuggiti dall’Afghanistan e non si sono preoccupati di nessuno, nemmeno del proprio personale locale dell’Afghanistan. La stessa cosa è successa in Ucraina. In un rapporto della CNN, si dice che il personale locale abbia scritto una lettera dicendo che nessuno sta dando loro una risposta. Gli americani sono interessati solo a fornire supporto verbale e armi. Il loro obiettivo è uccidere le truppe russe, ma ovviamente non usando i propri soldati. Vogliono usare soldati ucraini. La stessa cosa che ha affermato la signora Clinton e la stessa cosa che hanno fatto in Afghanistan con l’Unione Sovietica, la stanno ripetendo equipaggiando le forze ucraine per colpire la Russia oggi. Allora, qual è il risultato dell’occidentalizzazione in Afghanistan? Miseria, guerra e sfollamento. Lo stesso dicasi dell’Ucraina. Guerra, sfollamento e carneficine sono il risultato dell’occidentalizzazione. L’altra strada che l’Ucraina avrebbe potuto scegliere consisteva nel mettere da parte i gruppi politici filo-occidentali e rafforzare le opinioni del popolo ucraino, ma se gli americani non fossero intervenuti. Non c’era motivo per cui Kiev uccidesse 14.000 persone nell’Ucraina orientale, persone che erano cittadini ucraini. Il loro governo lo fece sotto la direzione e la pressione degli Stati Uniti. Non c’è motivo per un governo di sperare in un miraggio di adesione all’Unione Europea e alla NATO. Se non fosse stato per l’occidentalismo, se avessero prestato attenzione ai fatti, e se non fosse stato per la loro attrazione per l’Occidente e per la loro obbedienza ad esso dopo il colpo di stato del 2014, ora l’Ucraina non si troverebbe in questa situazione. Per questo motivo, la Guida della Rivoluzione islamica dell’Iran ritiene, giustamente, gli Stati Uniti responsabili dell’attuale situazione in Ucraina.

Intervistatore: C’è una discussione tra élite e pensatori americani e non americani negli Stati Uniti sul fatto che gli Stati Uniti siano un governo creatore di crisi e afflitto da crisi?

F. Izadi: Sì, sono stati scritti libri sulla politica estera americana. Il nocciolo della questione è che le osservazioni fatte dalla Guida della Rivoluzione islamica sono state fatte e scritte da esperti di politica estera americana anni fa e questa non è una novità. Queste sono affermazioni comprovate che possono essere trovate scritte in testi accademici indipendenti, i quali affermano che gli Stati Uniti si comportano in questo modo. La soluzione degli Stati Uniti è di creare crisi. C’è un libro intitolato The Shock Doctrine: The Rise of Disaster Capitalism, che descrive come gli americani causano shock. L’Imam Khamenei è attento a non usare parole inglesi nei suoi discorsi, ma questa affermazione ha lo stesso significato di ciò che ha detto nel suo discorso. The Shock Doctrine: The Rise of Disaster Capitalism è un libro scritto da Naomi Klein nel 2007 ed è stato uno dei libri più venduti negli Stati Uniti. È stato nella lista dei best seller del New York Times per settimane ed è stato tradotto in quasi tutte le lingue del mondo.

Il sistema di politica estera statunitense funziona provocando shock. Quando c’è uno shock, c’è una crisi. E quando c’è una crisi, i produttori di armi fanno soldi. Come sapete, sono stati spesi ottomila miliardi di dollari in Afghanistan e in Iraq. Non hanno pagato per il popolo dell’Afghanistan e dell’Iraq. Hanno pagato per le armi, le medesime armi che erano state prodotte dalle loro stesse compagnie. Se non ci sono crisi o guerre, come possono i produttori di armi continuare a fare soldi?! Per anni, americani ed europei hanno detto che avete poche spese militari e dovete spendere almeno il due percento del vostro prodotto nazionale lordo in spese militari. Agli Stati membri della NATO è stato detto che non stavano aiutando la NATO. Fino a quando non hanno creato la crisi in Ucraina, i Paesi europei li hanno ignorati. Ma ora stanno prestando attenzione perché non hanno scelta e hanno intrapreso una strada che sarà sicuramente a loro svantaggio.

A mio avviso, ciò che sta accadendo ora in Ucraina va decisamente a sfavore dell’Europa. Non è nell’interesse dell’Europa entrare in conflitto con il loro vicino, la Russia. E non è nell’interesse dell’Europa pagare costi energetici elevati. Anche questo è un esempio di regime mafioso. Per anni, gli americani hanno detto ai Paesi europei di smettere di usare il gas russo e che loro o i loro alleati avrebbero fornito il loro gas. Tuttavia, non hanno ascoltato gli americani. Ma ora devono, devono ascoltare, perché questa è una preoccupazione finanziaria per loro. Il costo per l’Europa per l’utilizzo delle risorse energetiche americane è molto più alto di quello delle fonti russe. Ma sono costretti e messi sotto pressione. Se guardate al mercato azionario, le società americane hanno visto aumentare i loro valori azionari. La crisi che gli Stati Uniti hanno creato in Ucraina porta vantaggi finanziari agli Stati Uniti. Il caso dell’Ucraina è un buon esempio per comprendere la natura del governo degli Stati Uniti, che è un regime mafioso. Comprendere la politica estera degli Stati Uniti, gli interessi di parte e gli interessi individuali è abbastanza facile nel caso dell’Ucraina.

Biden era in una pessima posizione nei sondaggi americani. Uno dei motivi per cui gli americani hanno creato questa crisi era di richiamare l’attenzione del popolo americano su un’altra parte. E ci sono riusciti, perché ora nei sondaggi la situazione di Biden è migliorata nell’ultima settimana. La posizione di Biden è tale che da un anno a questa parte sta cercando di fare approvare un atto legislativo al Congresso – un Congresso retto dai Democratici – ma senza successo. Ha una posizione fragile tra i politici e nell’opinione pubblica. Hanno deciso di risolvere i loro problemi interni con la crisi che stanno creando in Europa. Gli Stati Uniti stavano perdendo terreno in Europa. Molti leader europei si sono resi conto che gli Stati Uniti stavano crollando ed erano in declino. Hanno cercato di aumentare la loro capacità interna e ridurre i loro legami con gli Stati Uniti.

Ora, con la crisi che gli americani hanno creato e il confronto che hanno creato tra Europa e Russia, gli Stati Uniti possono giocare il ruolo del fratello maggiore dell’Europa. Nel frattempo, solo il popolo ucraino sta perdendo. L’Imam Khamenei ha affermato nelle sue dichiarazioni che l’Iran non è mai a favore della guerra, perché la guerra comporta vittime e le infrastrutture vengono distrutte. Nelle sue dichiarazioni ha menzionato chi è responsabile di aver causato questo problema. Ha usato una frase interessante dicendo che gli Stati Uniti sono creatori di crisi e afflitti da crisi, perché gli americani hanno bisogno di una crisi per sopravvivere. Hanno bisogno di una crisi per la loro economia.  Hanno bisogno di una crisi per le loro preoccupazioni politiche. E hanno anche bisogno di una crisi per creare un’identità per la NATO, perché molte persone si chiedevano a cosa servisse la NATO. L’America può sopravvivere solo con queste crisi. Non può durare senza queste crisi.  Chi crea le crisi? I regimi mafiosi, perché i loro gruppi politici sono opportunisti e aggressori, e in queste organizzazioni si servono gli interessi individuali.

Da khamenei.ir

link fonte originale: https://english.khamenei.ir/news/8896/US-survival-requires-creating-crises-in-other-countries-Case 

traduzione in lingua italiana: https://frontedellaresistenza.ir/2022/03/15/gli-americani-hanno-bisogno-di-crisi-per-sopravvivere/ 

15.03.2022

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
4 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
4
0
È il momento di condividere le tue opinionix