La politica autodistruttiva degli Stati Uniti nei confronti della Cina mette in pericolo una fragile pace

AVVISO PER I LETTORI: Abbiamo cambiato il nostro indirizzo Telegram. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale ufficiale Telegram .

Di Ian Goodrum, chinadaily.com.cn

Mi dicono che quest’anno si profila una crisi energetica, ma potrebbe esserci una soluzione a cui nessuno ha ancora pensato.

Si potrebbe mettere su un tapis roulant tutti i furiosi passi indietro che i funzionari della Casa Bianca hanno fatto da quando la Presidente della Camera degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha fatto la sua famigerata visita a Taiwan all’inizio del mese. Si potrebbe alimentare l’intero pianeta in poche ore.

In questo lasso di tempo abbiamo visto l’amministrazione del Presidente Joe Biden passare dalla diffidenza per le implicazioni della visita, con lo stesso Biden che ha ammesso che il Pentagono ha detto che non era una grande idea – non proprio una deduzione geniale suggerire che inimicarsi la seconda economia e l’esercito del mondo con un gesto simbolico senza alcun beneficio immaginabile non è, forse, la mossa più saggia – alla difesa ad oltranza, con tanto di denunce furiose della risposta relativamente misurata della Cina alle esercitazioni militari. Ora è giunta la notizia che un’altra delegazione del Congresso si è recata sull’isola e siamo di nuovo su questa giostra impazzita. Che gioia.

Si potrebbe obiettare che sono stati costretti dalla necessità di stare dalla parte dei loro colleghi politici e dal loro fasullo impegno nei confronti di una nozione altamente specifica e selettiva di “democrazia” – chiediamo ad alcuni dei più repressivi alleati di comodo degli Stati Uniti quanto gliene frega di questo concetto – ma questa è la via d’uscita dei codardi. Questi atteggiamenti non arrivano completamente formati dall’etere, ma nascono da azioni concrete e dalla retorica. Entrambe le cose su cui la carica di Presidente degli Stati Uniti, a quanto mi risulta, ha molta influenza.

Ma c’era da aspettarselo. Molto prima che l’invettiva anti-cinese dell’ex presidente Donald Trump diventasse la postura predefinita dei politici americani – i democratici sono sostanzialmente d’accordo con tutto ciò che ha detto sulla Cina, solo che sono meno volgari – l’accerchiamento era la norma. La cordialità degli Stati Uniti è terminata nel preciso momento in cui il Paese ha smesso di essere un lacchè affidabile per i suoi interessi, ovvero il 1° ottobre 1949. Tutto ciò che è cambiato in questo periodo è il modo di approccio, sia che si tratti di tentativi “morbidi” di “evoluzione pacifica” o di espressioni “dure” di potenza militare.

Tuttavia, io e altri abbiamo creduto, certo ingenuamente, che le cose sarebbero potute andare almeno un po’ diversamente un anno e mezzo fa. L’amministrazione Biden ha avuto un’occasione d’oro per riportare indietro le lancette dell’orologio e riportare le relazioni a qualcosa che assomigliasse alla stabilità il giorno stesso del suo insediamento. Una ri-normalizzazione delle relazioni avrebbe fornito non solo un evidente vantaggio geopolitico – alienare il proprio principale partner commerciale non ha grandi effetti sull’economia globale, come stiamo vedendo ora – ma sarebbe stata politicamente giustificabile come ripudio totale delle politiche fallimentari del suo predecessore.

Con la base democratica e il mondo intero che tiravano un sospiro di sollievo alla fine dell’imbarazzante mandato di Trump, Biden avrebbe potuto cancellare tutti i danni del suo predecessore minimizzando le conseguenze. Certo, i falchi della destra e del suo stesso partito avrebbero protestato, ma i repubblicani lo avrebbero sempre dipinto come un burattino di Pechino, qualunque cosa avesse fatto, e la maggior parte dei democratici si sarebbe allineata.

Invece, cos’è successo? Proprio come hanno fatto altri presidenti democratici prima di lui, ha fatto da “codificatore in capo” per le strategie e le narrazioni repubblicane, bloccando un consenso bipartisan che richiederà anni per essere rimosso, se mai potrà esserlo. Entrambi gli antecedenti democratici di Biden, Barack Obama e Bill Clinton, hanno svolto abilmente questo ruolo, con Obama che ha rafforzato lo Stato di sorveglianza e l’avventurismo militare di George W. Bush in Medio Oriente e Clinton che ha pienamente radicato un regime di austerità neoliberale che, tra le altre indegnità, ha cacciato milioni di persone dai sussidi pubblici e incarcerato decine di neri.

Quindi la Casa Bianca di Biden, piuttosto che rompere con l’agenda di Trump per quanto riguarda la Cina, ha scelto di percorrere la stessa strada, assicurando così che il nostro futuro immediato sia pieno di quasi incidenti da far rizzare i capelli e un costante deterioramento delle consuete vie di comunicazione. Nonostante il pressing a tutto campo con cui i funzionari dell’amministrazione hanno cercato di scaricare sulla Cina la responsabilità di questo preoccupante deprezzamento della relazione bilaterale più importante del mondo, non c’è dubbio su chi abbia la responsabilità. La Cina non ha abrogato gli accordi presi nei tre comunicati congiunti. La Cina non ha messo in atto le regolari provocazioni con cui gli Stati Uniti hanno deliberatamente innalzato le tensioni. E di certo la Cina non ha reagito in modo sproporzionato a nessuna di queste istigazioni; al contrario, considerando ciò che rappresentavano queste ultime punture negli occhi, è stata del tutto equilibrata.

Nonostante questi ultimi incidenti e il percorso di escalation apparentemente scelto dagli Stati Uniti, continuo a credere che una riunificazione pacifica sia possibile e ovviamente auspicabile. La storia non è statica. Le tensioni possono essere elevate e la situazione tesa, proprio come dopo le crisi dello Stretto degli anni Novanta. Ma solo pochi anni fa, le relazioni tra gli Stretti erano le migliori da molto tempo a questa parte. Non c’è motivo di pensare che non possano tornare ad esserlo. Anche oggi, centinaia di migliaia di persone provenienti da Taiwan vivono con soddisfazione nella Cina continentale. Hanno cercato un lavoro, un’istruzione o altre opportunità ed evidentemente erano abbastanza soddisfatti da rimanere, avere una famiglia, costruirsi una vita.

Le comunicazioni ufficiali della Cina continentale si riferiscono ancora agli abitanti di Taiwan come “compatrioti”, perché è proprio questo che sono e nessuna ingerenza da parte di attori in malafede di qualsiasi tipo può cambiarlo. Le opinioni vanno e vengono e sarebbe un errore ridicolo pensare che il nostro attuale stato di cose sia permanente. Man mano che l’economia continentale continua a crescere e a svilupparsi, conquistando posizioni sempre più elevate nella catena del valore, un’ulteriore integrazione tra la Cina continentale e Taiwan diventerà sempre più inevitabile. Le circostanze tra cinque anni, per non parlare di dieci o venti, saranno ancora più favorevoli a questo risultato, a meno di tentativi più stridenti di interferenza da parte di esterni.

Il tempo è dalla parte della Cina e gli Stati Uniti lo sanno. Altrimenti perché cercherebbero così tanto di fomentare il conflitto? L’unico modo per fermare questo processo è creare un casus belli per una guerra devastante che isolerebbe la Cina e manterrebbe gli Stati Uniti in pole position come egemone indiscusso.

Non c’è bisogno di giocare a questo gioco. Come in molti altri settori in cui gli Stati Uniti si sono distinti come attori maligni – rinnegando gli accordi per la pace nella penisola coreana, il nucleare in Iran, la sovranità libica, gli impegni sul cambiamento climatico, l’adesione all’OMS e così via – la Cina ha l’opportunità di dimostrare che esiste un’altra strada.

Il mondo ci guarda e sono certo che [la Cina] si dimostrerà all’altezza del compito.

Di Ian Goodrum, chinadaily.com.cn

link fonte:
https://www.chinadaily.com.cn/a/202208/16/WS62faf089a310fd2b29e7260f.html

16.08.2022
Traduzione di Costantino Ceoldo

Pubblicato da Jacopo Brogi per ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
9 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
9
0
È il momento di condividere le tue opinionix