LA MODERNA TEORIA MONETARIA SPIEGATA ALLE MAMME

DI PAOLO ROSSI BARNARD
New Economic Perspectives

Introduzione

Il post che segue propone l’esempio
di come potrebbe essere comunicata alla gente comune che sta là fuori l’enorme complessità della “modern money theory” (MMT) all’interno dei contesti politici e storici. L’abbiamo chiamata la “MMT spiegata alle mamme” proprio per questo motivo.

Questo sforzo non è di poca importanza, dal momento che senza una nuova visione economica e senza il sostegno popolare per la nostra visione dell’economia, non potremo mai avere forza sufficiente per spingere la MMT oltre le barriere del potere politico.

L’autore di questo post è un giornalista italiano e sostenitore della MMT, Paolo Rossi Barnard. Naturalmente non si tratta di un’analisi definitiva e invitiamo i nostri blogger e lettori a esprimere commenti e contributi a questo essenziale sforzo comunicativo.Sappiamo tutti che milioni di persone e di famiglie stanno in questo momento soffrendo inutilmente per le follie dell’attuale dogma economico. Gli deve essere detto che c’è un’alternativa al sistema attuale che può salvare la vita, i risparmi e anche la nazione: si chiama MMT ed è una cosa autorevole, ma questo è stato negato da una ristretta élite di intermediari del potere. La gente comune questo lo deve sapere, perché una volta evidenziò Noam Chomsky, “quando la gente è a conoscenza delle ingiustizie, prima o poi si organizza per impedirle. Lo ha sempre fatto.”

L’MMT spiegato alle mamme

Questo potrebbe cambiare lo stato del vostro benessere e di quello dei vostri figli come mai è avvenuto fino ad ora e riguarda quello che il governo avrebbe dovuto fare per voi, per il lavoro, la casa, il reddito, l’istruzione e la salute. Vi dico perché non lo ha fatto e come si potrebbero cambiare le cose. Oggi è estremamente importante per tutti noi, per la gente comune. Non stiamo sprecando il vostro tempo con delle teorie ridicole. Quello che segue è autorevole, nasce da una ricerca accademica di alto livello. L’abbiamo semplificata per voi.

Ancora una cosa: non siamo politici, non siamo né la sinistra né la destra. Crediamo solo che alla gente dovrebbe essere raccontato che cosa c’è veramente di sbagliato nell’economia, che dovrebbe essere il loro sostentamento. Con il popolo americano la verità funziona.

Chiedetevi: Qual è lo scopo del governo?

La risposta ovvia è quella di governare il paese, d’accordo. C’è altro? Sì, il governo dovrebbe prima di tutto prendersi cura del suo popolo, giovani, lavoratori e anziani, fornendo una buona istruzione, buoni posti di lavoro e delle garanzie quando le persone ne sono prive per una qualsiasi ragione. Questo è quello che veramente dovrebbe fare il governo.

Il governo lo fa?

No. Abbiamo ancora una disoccupazione dilagante, la sottoccupazione, la mancanza dell’assistenza sanitaria per milioni di poveri e di una buona formazione per tantissimi bambini, oltre a tanti altri mali. Lo potrebbe fare il governo fare? Se lo potrebbe permettere?

Sì, facilmente, e noi vi spiegheremo perché.

Quindi, perché il governo non l’ha mai fatto?

Perché le aziende private, le grandi banche e i super-ricchi sapevano che, se il governo avesse utilizzato i suoi poteri monetari (il dollaro USA) per prendersi cura di noi – il popolo -, avrebbero perso. Perso cosa? La fetta più grande della ricchezza nazionale con i suoi privilegi, e anche milioni di lavoratori precari, da utilizzare come manodopera a basso costo per i loro profitti. Infine, avrebbero perso il controllo sulla politica.

Così hanno organizzato una rete di lobby, i grandi media, e soprattutto una miriade di teorie economiche che il governo ha fatto proprie e che lo hanno distolto dalla spesa da destinare a noi tutti. In questo modo i poteri hanno aumentato la fetta
della torta a loro disposizione, ma hanno anche impedito alla stessa torta di crescere: è come se avessero ucciso la gallina dalle uova d’oro e per questo la torta del benessere patrimoniale degli Stati Uniti, alla fine, è semplicemente più ridotta. Sta succedendo questo negli ultimi quarant’anni.

Non si tratta di un complotto, è semplicemente la realtà del potere politico negli Stati Uniti e anche altrove. Vi stiamo dicendo che la disoccupazione e la mancanza del benessere non dovrebbero esserci nell’America moderna. Sono stati usati come strumento politico per impedire ai cittadini di controllare una quota troppo consistente della ricchezza nazionale e del potere politico, con l’aiuto del loro governi.

Basti pensare: se la maggior parte di noi fosse bloccata per tutta la vita nella lotta per la sopravvivenza, non potremmo nemmeno cominciare a pensare di gestire o controllare proprio nulla. Diventeremmo cittadini di serie B, noi non conteremmo niente. E noi non contiamo affatto. Capite ora perché i potenti ci hanno sempre detto che un grande Governo è il male? Certo, è male per loro. Ecco invece ciò che il governo avrebbe potuto fare, quello che potrebbe ancora fare.

In primo luogo, il governo americano

potrebbe retribuire ogni disoccupato con uno stipendio che gli rende

possibile vivere, anche a quelli che attualmente hanno un salario bassissimo.

Ha tutti i soldi del mondo per farlo, perché il nostro governo possiede

il dollaro USA e può pagare qualsiasi salario voglia (sotto vi darò

una semplice spiegazione). Voi chiederete: non questo non provocherebbe

un aumento del già enorme debito pubblico? No, per niente, semplicemente

perché una classe lavoratrice americana ben pagata può creare tanta

nuova produzione, nuove infrastrutture, nuovi investimenti e nuovi servizi

che forniranno più ricchezza nelle tasche degli americani e nelle casse

del suo governo. Si tratta di una spesa pubblica che finirebbe per pagare

in gran parte sé stessa, a beneficio di tutti. Non c’è bisogno d’aver

paura di un debito ingente. In secondo luogo, il governo potrebbe pagare

adeguati servizi per tutti gli americani, vale a dire una copertura

sanitaria universale, una buona istruzione, l’assistenza sociale per

i bisognosi e gli anziani e un buon sistema pensionistico. Di nuovo,

non provocherebbe ulteriore debito a Washington, perché ci renderebbe

di nuovo migliori lavoratori, migliori studenti e anziani meno bisognosi.

In sintesi: saremmo una nazione ancora

più competitiva che crea valore invece di sprecarlo per problemi

sociali gravissimi. E una società dove il senso di sicurezza sostituisce

il dolore e la paura porta a meno mali sociali, a meno disintegrazione

della famiglia, a meno criminalità. Suona bene, vero? Ma il governo

ha davvero tutti questi dollari da spendere per noi? Una risposta molto

semplice. Chiedetevi: chi dà al governo degli Stati Uniti i suoi dollari?

Siamo noi? Possiamo noi cittadini stampare i dollari? No. Possono

le aziende stampare i dollari? No. Possono le banche stampare i dollari?

No. I cittadini, le aziende e le banche possono utilizzare solo i dollari

già esistenti. Non fatevi ingannare: quando leggete di aziende che

hanno fatto fortuna, tutto quello che è successo in realtà è che

una massa di dollari già esistenti si è semplicemente spostata da

tanti luoghi o depositi nelle casse di quelle aziende. In alcuni casi,

nuova moneta è creata da enti privati, ma viene sempre compensata dallo

stesso ammontare di debito privato da qualche altra parte; quindi, non

è stato creato nessun aumento di moneta.

E quando il nostro governo vende i propri titoli e qualcuno li compra avviene la stessa cosa: i dollari già esistenti si spostano da un luogo all’altro. Quindi, chi è colui che crea una nuova emissione di dollari, allora? Solo il nostro governo può farlo. Lo fa presso la Tesoreria e alla Federal Reserve.
Pensate in questo modo: il governo crea dollari mettendo la sua firma
su pezzi di carta (banconote e obbligazioni), oppure sui trasferimenti
di moneta elettronica. Può mai essere a corto della propria firma?
Ha bisogno di prenderli in prestito da qualcun altro? Ha bisogno di tassare la gente per riavere quelle firme che lui ha creato? No,
certo che no.

Quindi, per ricapitolare: il governo crea nuovi dollari, non deve mai prenderli a prestito, non può mai finirli, non ha bisogno di tassare nessuno per questo. E così può usare i suoi dollari per fare qualsiasi cosa voglia, come creare occupazione per tutti noi, educare tutti noi, prendersi cura di tutti noi. E non dimenticate: questa forma di spesa del governo finisce per pagarsi in gran parte da sola, a causa del circolo virtuoso della nuova ricchezza nazionale netta che crea.

E questo non richiede super-tasse per nessuno. In realtà, tutto funziona
proprio come se il governo ci desse più dollari di quanti ne preleva
con la tassazione.

Si combatte anche l’inflazione grazie

a tutte le cose nuove che saranno prodotte e così il governo riuscirà

a smettere di aumentare la sua spesa (oppure ulteriori emissioni di

dollari) quando tutti noi avremo più posti di lavoro.

Quindi, si può chiedere: cosa

è tutta questa frenesia sul debito pubblico e sul deficit?

Debito e deficit

sono il modo normale per mandare avanti un’economia, nella storia americana

sono sempre esistiti e non ci ha fatto mai fallire. Il panico è in

gran parte una manovra architettata dalle élite corporative, dai loro

economisti e dai loro grandi media. Ricorda: dovevano impedire

al governo e ai suoi cittadini di acquisire una fetta troppo grande

della ricchezza nazionale.

Così, fra le altre cose, hanno elaborato

un brillante slogan: il bilancio del governo funziona proprio

come il bilancio delle vostre famiglie, per essere a posto il governo

deve guadagnare più di quello che spende e non deve spendere più di

quanto guadagna. Hanno detto che, così come il debito familiare è

una cosa cattiva, anche quello del governo lo è. Hanno condizionato

tutto questo da un’economia mainstream con le loro persone,

i professori, posizionati in tutte le migliori università e che spesso

sono anche consiglieri del governo. Vi sembra ragionevole, giusto? Sì,

così tanto che ci siamo cascati e il governo ha cominciato a preoccuparsi

del debito e del deficit e ha così tagliato le spese che avrebbero

fatto vivere meglio tutti noi.

E le conseguenze sono state disastrose.

Ma aspettate: vi ricordate che il governo crea i dollari a propria volontà?

Lo può fare una famiglia americana? Certo che no, punto. Ma il governo

e una famiglia possono avere le stesse regole di bilancio? Il debito

della famiglia deve essere pareggiato da dollari che sono guadagnati

da qualche altra parte, di solito con duro lavoro. Voi non coltivate

biglietti verdi nel vostro giardino. E se non si riesce a guadagnarli,

allora siete in guai grossi. Quindi sì, si dovrebbe essere molto attenti

ai debiti. Niente di tutto questo si applica al governo perché, come

abbiamo detto, per ottenere i dollari si deve affidare sempre e solo

su sé stesso e li crea dal nulla, dalla Tesoreria e dalla Federal Reserve.

Pensate: se si potessero creare i dollari per ripagare i debiti, vi

preoccupereste mai dei debiti e del deficit? Ok, avete capito

bene.

È proprio per questo motivo che tutta

questa frenesia per il debito pubblico degli Stati Uniti è solo una

semplice bugia, architettata dalle élite delle grandi compagnie per

raggiungere i propri obiettivi.

E guardate: l’America più ricca

che noi abbiamo mai conosciuto, cioè il sogno americano che è affiorato

dopo la II Guerra Mondiale, aveva un passivo enorme, eppure siamo diventati

una super-potenza mondiale che ha diffuso la sua ricchezza dappertutto,

Europa inclusa.

Questo per quanto riguarda l’isteria

da deficit, in realtà è stato creato per consentire ai conservatori

di eliminare quei programmi sociali che beneficiano l’americano medio.

Dovete capire che questo non è una questione di Repubblicani o Democratici;

entrambe le parti hanno unito le forze per tagliare i programmi in modo

da favorire i loro amici di Wall Street, che pensano sia meglio se si

è poveri e disoccupati.

In conclusione.

Vi rendete conto di quello

che avete appena letto? Sì, la disoccupazione e la sottoccupazione

universale non dovrebbe. Sì, il benessere per tutti è possibile. Sì,

tutto questo sarebbe potuto provenire dalla spesa pubblica a deficit

senza alcun tipo problema. In realtà, a lungo andare potrebbe perfino

rendere l’America più ricca. Pensate a tutte le sofferenze che il sistema

attuale invece genera, il trasferimento di milioni di famiglie dignitose

in tutto il paese. E a quale scopo? Solo per garantire che alcune piccole

élite super-ricche siano in grado di controllare la maggior parte della

nostra ricchezza comune. È scandaloso.

Ecco cosa si può fare per reclamare

ciò che dovrebbe essere nostro. Chiunque lo può fare.

In primo luogo, possiamo cercare di

farvi capire quello che provoca tutto questo per spiegarvi perché

quanto detto prima è davvero possibile e vi daremo le fonti autorevoli

accademiche nel caso in cui lo voleste. Poi la cosa immediata che dovreste

fare è quella di sfidare il vostro rappresentante nel Congresso con

una semplice lettera o e-mail per dirgli/le: “Io e la mia

famiglia siamo per la piena occupazione, per la stabilità dei prezzi,

per un deficit utile alla gente, come qui proposto dall’economista

(l’url del NEP). Aprite una discussione al Congresso, è vitale per

noi, cittadini comuni americani. Altrimenti si potrà scordare del nostro

voto.” Quindi, per ricapitolare: gli americani e le famiglie americane

hanno sofferto inutilmente per decenni per l’avidità di pochi e per

l’ignoranza dei politici, e le cose stanno peggiorando di giorno in

giorno. È ora di fermarli. Costringiamo il governo a fare correttamente

il proprio lavoro.

********************************

Fonte: http://neweconomicperspectives.blogspot.com/2011/06/mmt-explained-to-mums.html

12.06.2011

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MIKAELA

0 0 voti
Article Rating
125 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
ario
ario
20 Giugno 2011 , 7:32 7:32

Minchia, hanno inventato il moto perpetuo. Basta stampare, diciamo, 20.000 usd a persona al mese per avere un popolo di ricchi. Tutti i problemi che assillano milioni di persone potrebbero essere risolti con una bella stampante; che menti brillanti ci sono in giro. Non ho capito però a noi europei che cosa ce ne dovrebbe fregare di questa raccolta di str…onz…ate, visto che noi non usiamo il dollaro. Mah barnard poi ce lo spiegherà e supererà anche gesù quando moltiplicò i pani e i pesci. Grazie paolo, anche per volerci spiegare come diventare cittadini ameri-cani.

andreapound
andreapound
20 Giugno 2011 , 7:37 7:37

Grande Paolo, la plebaglia italiana non ti merita. Dagli States il tuo lavoro sarà sicuramente più utile!!!!

AlbertoConti
AlbertoConti
20 Giugno 2011 , 8:26 8:26

“Possono le banche stampare i dollari? No” E invece sì, le banche americane ed europee creano i 9 decimi del denaro circolante, circolante ieri, oggi, domani, cioè perennemente “in circolazione”, a prescindere dall’interpretazione dei loro bilanci contabili. Il decimo rimanente lo creano le banche centrali, divorziate dal tesoro sia in Europa che in USA, anzi laggiù da molto prima di noi, che stupidamente li abbiamo seguiti. Questo decimo del circolante è cruciale, viene detto “base monetaria”, sotto il diretto controllo volumetrico delle BC. E veniamo al secondo errore conseguente: “il governo crea dollari mettendo la sua firma su pezzi di carta (banconote e obbligazioni), oppure sui trasferimenti di moneta elettronica.” Sulle banconote non c’è la firma del governo, ma della BC, che è tutt’altra cosa dal governo. Sui titoli di stato c’è la firma dello Stato (non del governo) e una parte di queste cifre viene effettivamente conteggiata nel “denaro in circolazione” (bond più liquidi, a scadenza breve). Peccato che questo denaro “di Stato” costi ai contribuenti in interessi passivi, per somme sempre più importanti man mano che il debito pubblico cresce (e man mano quello Stato perde punti nel rating di Moody’s). Viceversa le banconote stampate dalla BC non… Leggi tutto »

borat
borat
20 Giugno 2011 , 8:35 8:35

dispiace un pò sentire queste stupidaggini specialmente su don chisciotte

anche perchè tanti articoli come questi hanno una visione USAcentrica che per noi europei non è sano sposare: per cartià gli usa fanno bene a vedersi al centro di tutto ma per noi è autolesionismo puro (tipo leggere i giornali dell’arabia saudita e vedere come esultano per l’aumento del prezzo del petrolio: buono per loro pessimo per noi)

in questo caso poi la pseudo teoria non è buona per nessuno perchè non tiene conto (a caso):

–>dei limiti dello sviluppo
–>delle asimmetrie nei commerci internazionali
–>delle anomalie nella distribuzione della ricchezza
–>degli indebiti abusi di chi detiene un potere anche piccolo
–>non si capisce inoltre cosa debbano produrre gli americano visto che tutto arriva dalla cina

lanzo
lanzo
20 Giugno 2011 , 8:36 8:36

O beata ingenuita’ ! Tipo: Se ci fosse una “classe lavoratrice ben pagata” ma allora dove troverebbero tutti gli sfigati che si arruolano nell’esercito per “vitto, alloggio, assistenza sanitaria e qualche soldino… sicuri” compresi gli immigrati illegali che arruolandosi possono (se ne escono vivi) ottenere residenza e cittadinanza, infatti credo che il primo caduto in Iraq sia stato un “clandestino” proveniente dal Guatemala !. I morti e disabili dell’esercito da “sostituire” sono tantissimi. I morti militari “statistici” sono una frazione della realta’ – infatti sono considerati ufficialmente morti – solo se morti sul campo, se raccolti in fin di vita e poi morti il giorno dopo in ospedale non fanno statistica, il mutilato non fa statistica, se torni a casa senza braccia o senza gambe, non rientri e si necessita di nuova carne fresca. Kirwan parla di parecchie diecine di migliaia di caduti/grandi invalidi solo per l’Iraq. Se ci fosse la leva, allora si che ci sarebbero vere proteste a livello popolare contro la guerra (tipo VietNam, allora c’era la leva infatti – ma la lezione l’hanno capita ed hanno introdotto il servizio volontario…). Se le classi medie e medio basse stessero bene sarebbe difficile trovare il numero cospicuo di… Leggi tutto »

mikaela
mikaela
20 Giugno 2011 , 9:36 9:36

Da quello che leggo nella traduzione e nella versione in inglese Barnard lo dice chiaramente

In alcuni casi, nuova moneta è creata da enti privati, ma viene sempre compensata dallo stesso ammontare di debito privato da qualche altra parte; quindi, non è stato creato nessun aumento di moneta.

In some cases new dollars are created by private people, but they are always offset by some sort of equally private debt somewhere, so again no net money has come into existence.

Lo fa presso la Tesoreria e alla Federal Reserve.

So, who is it that creates new net dollars then? Only our government can. It does it at the Treasury and at the Fed.

mikaela
mikaela
20 Giugno 2011 , 10:11 10:11

questo articolo e’ stato scritto per un pubblico americano fortemente motivato alla conoscenza di quello che sta’ succedendo nel loro stato.
Il linguaggio e’ stato scelto proprio per far avvicinare un certo tipo di lettore a questo argomento sia di destra che di per sinistra.
I contenuti tecnici sono supervisionati dal capo dell’ universita della facolta’ d’ Economia L:Randal Wray la cui universita’ gode d’ampio rispetto nel mondo accademico per le sue tesi economiche.
Tutti abbiamo letto gli articoli del Professor PhD. Michel Hudson qui su CDC e tutti gli abbiamo dato ragione. Non Capisco perche’denigrare Barnard che ne riporta le stesse teorie in chiave piu’ elementare ,cio’ per le mamme.
Guarda la risposta unica data a tutti i quisiti degli uttenti postata su questo Blog, E’scritta con un italiano un po’ semplice ma e’ meglio di niente.

schiaccia qui [modernmoneytheory.blogspot.com]

warewar
warewar
20 Giugno 2011 , 10:26 10:26

Dato che gli US ogni anno spendono il 14% della propria spesa pubblica (413 mld nel 2010 — http://www.treasurydirect.gov/govt/reports/ir/ir_expense.htm) per i SOLI INTERESSI sul debito, secondo il ragionamento sbagliato di Barnard stampando anche questo 14% di moneta potremmo usare tutti i soldi per far crescere i servizi dello stato.
Purtroppo dopo 7 anni la spesa pubblica sarebbe raddoppiata per la felicità di questi soloni 🙂
E comunque ci dovrebbe spiegare come tutti questi INTERESSI PASSIVI faranno bene alla spesa pubblica (dato che non possono essere utilizzati)

amensa
amensa
20 Giugno 2011 , 10:32 10:32

come faccia chi non ha capito una mazza di come funzioni il sistema monetario a spiegarlo a chicchessia, è un grande mistero.
ma il mistero più interessante è capire perchè comedonchisciotte si ostini a pubblicare i deliri di Barnard.
mi pare ch ePaolo avesse annunciato di non voler più scrivere dopo la serie di eresie accumulate sul “più grande crimine” con tutti i suoi aggiornamenti, ma ricorrere allo scrivere negli USA per permettere a Milaela di tradurlo e ripresentarlo qui, è il massimo della presa in giro.
complimenti.

andreapound
andreapound
20 Giugno 2011 , 11:01 11:01

Io non ho capito una cosa, voi che attaccate sempre Barnard siete “signoraggisti”??? E’ una mia curiosità, grazie.

warewar
warewar
20 Giugno 2011 , 11:06 11:06

il signoraggio primario è una buffonata che ci priva solo di 1-2 mld di euro l’anno. Sono sempre stato d’accordo con Barnard su tutto, ma purtroppo ultimamente dissento sulla sua idea di politica monetaria (politica che inneggia alla crescita infinita in un debito infinito)

Affus
Affus
20 Giugno 2011 , 11:06 11:06

il problema è antico come il cucco. Un tempo l’usura era peccato , estorcere soldi da parte di un privato al cittadino, era peccato e c’era pure la pena di morte nel medioevo e valeva il princiio che lo stato agiva per il bene c…omune non per vessare il popolo. Se lo stato presta i soldi non è immorale perchè lo fa per il bene comune e non per sequestrargli poi la casa . Da quando la stessa chiesa cattolica pratica l’usura non può mica condannare le banche e i privati . Ecco che praticare l’usura è diventato una cosa buona e non piu da condannare .

martiusmarcus
martiusmarcus
20 Giugno 2011 , 11:21 11:21

ci voleva un po’ di barnard, ora che si va nel caldo.

mikaela
mikaela
20 Giugno 2011 , 11:42 11:42

Caro Andrea Mensa , io come mamma grazie a Barnard sono riuscita a capire le teorie del Prof e storico Michael Hudson Randal Ray e tanti altri che lui ha usato come fonte nel piu’ grande crimine e mi sembra che anche tu hai apprezzato nei precedenti aricoli posti su CDC.(rileggiti l’articolo di Hudson ) Ora riesco a capire anche tutto il resto proposto nel loro Forum americano dove per caso e solo per caso ho ritrovato questo articolo di Barnard.Siccome e’ un sito pubblico mi sono presa la briga di tradurlo e inviarlo a CDC che gentilmente lo ha postato con le dovute correzioni fatte da Supervice.Barnard non sa niente e siccome il sito e’ pubblico non devo chiedere il permesso a nessuno. Ora ti chiedo : sei tu in grado di presentare una tesi economica ALTERNATIVA a quella attuale ai nostri Governanti per convincerli che questa situazione economica da loro imposta con la comunita’ europea che ci multa come stato se superiamo l’inflazione. Sei tu in grado di presentare un programma al governo se riuscissimo ad uscire dai tentacoli dell’Euro? Io credo che ormai in qualsiasi angolo dell’Europa stiano Apprezzando il lavoro fatto da tanti economisti d’oltreoceano o… Leggi tutto »

Pai
Pai
20 Giugno 2011 , 12:23 12:23

Della serie come mandare in confusione le mamme e farsi ridicolizzare da tutti gli offertisti (neoliberisti) di questo mondo.
Grazie Barnard!

alvise
alvise
20 Giugno 2011 , 12:36 12:36

@ ario. Cotanto nome, il tuo omonimo Antico Romano si rigirerà nella tomba.Era un pochino più perspicace di te.Informati meglio su quello che succede negli ambiti monetari, sia USA che Europei, forse capirai molte cose.Per quanto non sia sempre d’accordo con Barnard, in questo pistolotto non si è inventato niente. Forse esagera un pò nelle sue personalissime analisi, ma sicuramente hanno del vero, ed in questo caso, guarda un pò, l’ho capito.

alvise
alvise
20 Giugno 2011 , 12:47 12:47

Leggo sempre i tuoi come di altri, gli interventi, e mi meraviglia che tu non abbia sintetizziato con M2″ questa tua frase:

«e una parte di queste cifre viene effettivamente conteggiata nel “denaro in circolazione” (bond più liquidi, a scadenza breve).»
ma è solo un dettaglio non una critica, l’importante è specificare cosa succede con le politche monetarie, cioè una grande truffa.Però molte volte mi sono chiesto; ma se fossero i governi ad emettere denaro, sarebbe meglio? E se scaturisse che no, non è meglio, che facciamo? Si ritorna al baratto?Io penso che il retaggio tramandatoci dal 1694′ non sia di facile soluzione.Penso che dobbiamo tenerci le truffe.

alvise
alvise
20 Giugno 2011 , 12:51 12:51

Si, ma se il debito privato poi lo deve pagare il pubblico, non mi sta bene, vedi le leve fiscali CDS ecc.

alvise
alvise
20 Giugno 2011 , 12:56 12:56

Secondo me Amensa è un iconoclasta per rabbia repressa.Non che abbia sempre torto, però….

mikaela
mikaela
20 Giugno 2011 , 14:08 14:08

Nel forum americano si parla di teoria monetaria economica di uno stato (naturalmente il loro) l’hanno scritto in tutti i lavori che sono riuscita a leggere fino ad ora e nel caso specifico Barnard ne ha solo semplificato i principi. Per spiegare ai lettori i brogli della grande finanza come i (CDS) Credit Default Swap(Immagino ma non so cosa siano realmente) credo che ci sara’ tempo per impararlo io sono un mamma principiante e sto’ iniziando dalla base. Pero’ io non credo che sia compito loro raccontarci tutte le porcheria che fa l’alta finanza perche’ sono in un ambito d’analisi educativa, sono sicura che ci sono tantissimi forum americani dove denigrano i finanzieri che hanno lasciato tanta gente a piedi e se la prendono con il governo per essersi occupato delle loro perdite bancarie per salvare le banche.Ripero sto’ seguendo da poco queste cose e mi piace l’impostazione iniziale di Paolo Barnard e di come si impegna per far capire a tutti come funzionano le cose e mi piace anche il sotegno che gli sta’ dando il mondo accademico economico internazionale. Ps.Per gli approfondimenti tecnici piu’ dettagliati fanno sempre un riepilogo settimanale. Ho messo il link ad un utente piu’… Leggi tutto »

ario
ario
20 Giugno 2011 , 14:24 14:24

premesso che quando rispondi ad un commento non occorre postare @… , meno male che tu l’hai capito, sai io ho provato a spiegarlo a mia mamma e non c’ha capito una beneamata. In ogni caso, come direbbe cetto laqualunque, (e non lo cito a caso)… avimmo alvise o creatore e moneta!!! ma mi faccia il piacere mi faccia.

amensa
amensa
20 Giugno 2011 , 15:13 15:13

cara Mikaela i miei principi li ho già esposti e pubblicati ad esempio su “appelloalpolpolo”. non sono un giornalista pertanto non godo di fama sufficente per comedonchisciotte. per cosa riguarda economisti , premi nobel per l’economia, professori universitari vari, ti faccio presente che solo 8 di loro, sulle migliaia, presenti a livello mondiale , hanno previsto il crollo del 2007…. più io, povero ignorante, che però ha salvato i suoi miseri risparmi. questo è il mio biglietto da visita, più la semplice logica. alla tua domanda di base, c’è una risposta altrettanto semplice. se c’è un debito c’è anche un credito. a controllare la distribuzione dei redditi e della ricchezza c’è lo stato che tutti si ostinano a definire democratico. fosse democratico prenderebbe da dove la ricchezza c’è per pagare i debiti, ma dato che è controllato dalle stesse forze economiche che tengono i crediti, non faranno mai una cosa del genere. fino a quando almeno, la popolazione non si ribellerà, ma non con un voto ogni 5 anni lasciando poi carta bianca, ma con i forconi, e allora vedrai che i debiti come per incanto spariranno. tutte le altre sono semplici fregnacce. poi, se vogliamo capire COME ci hanno… Leggi tutto »

amensa
amensa
20 Giugno 2011 , 15:15 15:15

quando mi dirai come e dove ho torto, potremo anche discuterne…..

amensa
amensa
20 Giugno 2011 , 15:25 15:25

il signoraggio, inteso come valore residuo alla creazione del denaro, semplicemente non esiste.
dato che il denaro “fiat” ( ovvero creato dal nulla) è imprestato, esiste uno stock di credito , ch eperò NON è COMMERCIABILE, ovvero con esso non ci puoi comprare nemmeno un gelato.
poi, bisogna capire cheil denaro NON è ricchezza, ma solo un MEZZO per permettere gli scambi ed accumulare valore.
inoltre occorre anche capire che il denaro può avere due destinazioni, ovvero gli scambi ma anche il risparmio che si traduce in accumulo di valore.
inoltre, dato che il valore del denaro è ricavato semplicemente da un rapporto del tipo valore delle merci e servizi che si possono acquistare/denaro destinato a tali acquisti , allora è facile capire che se il denaro aumenta senza che aumentino i beni, il valore del denaro scende, mentre al contrario se aumenta il numeratore, a parità di denominatore, sale.
tutto ciò, pare che Paolo, non lo abbia ancora capito, pertanto lancia proposte sempre più fantasiose,ma con impatto reale nullo.

AndrewThunder
AndrewThunder
20 Giugno 2011 , 15:44 15:44

Noto, dai commenti dei lettori, la totale ignoranza sull’argomento. Nessuno delle persone critiche nei confronti di Paolo Barnard ha esposto uno, dico, un argomento valido al fine di smentire l’articolo. Prima di parlare a vanvera documentatevi: scrivete a Randall Wray professore di economia all’università del Missouri – Kansas City; se ha tempo vi spiegerà tutto Lui. Questo signore è uno delle persone a cui Barnard si riferisce quando parla di fonti autorevoli. Non sto qui a spiegarVi concetti di economia, quelli li lascio ai professori ma almeno aprite gli occhi. Caspita la Grecia è in ginocchio, il Portogallo e la Spagna sono sulla stessa strada, a seguire ci siamo Noi Italia, e Voi che fate, criticate senza argomenti validi chi cerca di raccontarvi come stanno le cose. Per la cronaca: il ministro Tremonti si appresta a varare una manovra correttiva di 46 Miliardi di Euro per portare l’Italia al pareggio di Bilancio nel 2014. La Grecia invece deve raggiungere il pareggio di bilancio subito no in tre anni, per un importo pari a 110 Miliardi di Euro. Una domanda a tutti i lettori: come mai la Grecia prima dell’Euro non ha mai avuto problemi di Deficit e/o di Debito Pubblico?… Leggi tutto »

maristaurru
maristaurru
20 Giugno 2011 , 15:52 15:52

A me sembra che Barnard cerchi di spiegare alla gente semplice, in parole semplici quello che non si vuole la gente capisca. Certo un sistema iper liberista non lo si sceglie per caso, arricchisce e lo vediamo, a dismisura alcuni ed illude con la speranza di futuri guadagni un certo numero di utili idioti, coloro che sognano una speculazione infinita, alla faccia di che nel mondo grazie alle follie di economisti certo senza scrupoli e probabilmente senza cervello, stanno provocando. Le critiche al lavoro divulgativo di barnard quindi hanno due chiavi di lettura, una non esclude l’altra, la prima: inconsapevole inbecillità di chi non si rende conto di quello che sta succedendo in Europa e di come ciò sia inestricabilmente connesso a quanto è succeso, succede e succederà in America Le seconda è quella che pone la attenzione alla malafede di quanti sanno quanto basta per vergognarsi se non altro di aver scelto vilmente di tacere, o peggio di.. speculare, a questi ultimi spero gli vada molto male, come è assai probabile, ma in fondo è un gioco, no? Vite, morti, fortune bruciate, la necessità di colpevolizzare chi colpevole non è per coprire le porcate, l’inganno, la a vidità, meritano… Leggi tutto »

maristaurru
maristaurru
20 Giugno 2011 , 16:06 16:06

Quanto fattura la vecchia mafia, comunque si, il signoraggio primario rispetto al danno complessivo della moneta a debito, è poca cosa, come è poca cosa quella mafia che vediamo tutti i giorni in Tv, molta cosa è quella nascosta, che trova molti estimatori

andreapound
andreapound
20 Giugno 2011 , 17:02 17:02

Ottimo messaggio!! Sai perché questi criticano aspramente il buon Barnard?? Perché ha fatto crollare a tutti questi il castello di sabbia del signoraggio, che a loro insaputa, tramite questa bufala, fa il gioco dei neoliberisti…

rasna-zal
rasna-zal
20 Giugno 2011 , 18:06 18:06

Che fine ha fatto il commento sulla mamma di Barnard?

Bella prova di come si ribattono le idee…

Ancora lo facciamo bazzicare in questi luoghi l’erudito commentatore?


——————————————————————————————————–


Amensa, il tuo è un copione logoro; dove copione sta per copione e logoro sta per logoro.
mikaela
mikaela
20 Giugno 2011 , 18:32 18:32

Supervice ha trascritto “ L’autore di questo post è un giornalista italiano e sostenitore della MMT, Paolo Rossi Barnard. Naturalmente non si tratta di un’analisi definitiva e invitiamo i nostri blogger e lettori a esprimere commenti e contributi a questo essenziale sforzo comunicativo“ The actual writer of this post is Italian journalist and MMT supporter Paolo Rossi Barnard. Of course this is not definitive, and we invite both our bloggers and our readers to make comments and contributions to this essential communication effort. Io ho tradotto L’autore reale di questo post è un giornalista italiano e MMT sostenitore Paolo Rossi Barnard. Naturalmente questo non è definitivo, e invitiamo i nostri blogger e i lettori di esprimere commenti e contributi a questo essenziale sforzo comunicativo. Come potete notare sia nell’originale in inglese che nella mia traduzione (fatta malissino) non c’e’ scritto da nessuna parte e neanche sottinteso il termine l’analisi non e’ definitiva. Il non definitivo si riferisce a Barnard(se vora’ scrivere altri articoli credo) Credo sia stata una svista di Supervice che ha dato una corretta forma in italiano alla mia traduzione fatta letteralmete, ricca anche di altri termini effficaci per il lettore inglese ma forse intraducibili in italiano corretto.… Leggi tutto »

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 1:58 1:58

Non i governi del momento, ma un Istituzione di stato permanente e dedicata che può anche colloquiare col governo, ma dall’alto della propria indipendenza, votata al controllo del buon stato di salute dell’economia del paese. Questa è una precondizione, che da sola non può garantire un economia sana, ottimizzata sulle esigenze locali e planetarie. Senza una regolamentazione severa del mercato finanziario sarebbe tutto inutile. Quante volte abbiamo visto paesi rovinati dalla speculazione finanziaria proveniente dall’esterno, proprio per mancanza di adeguati controlli e filtri legislativi. Ovviamente altra precondizione è la sovranità del paese, ormai persa completamente nel nostro occidente per l’aggressione del potere finanziario trasnazionale (banche e corporations). I tremendi danni, ancora da verificare nella loro piena potenza distruttiva, inferti alla società da questa aggressione dei grandi capitali non sono più tollerabili per due motivi concorrenti: l’eccessiva sofferenza sociale e la saturazione della sfruttabilità delle risorse naturali ben oltre i limiti della sostenibilità. Perciò anche le truffe verranno a galla, una dopo l’altra, fino a configurare chiaramente una megatruffa globale basata sulla violazione sistematica di principi universali. Tra cent’anni penseranno: che pazzi i nostri nonni a legalizzare i CDS, l’effetto leva, il moltiplicatore monetario, la privatizzazione delle banche!

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 2:12 2:12

“Noto, dai commenti dei lettori, la totale ignoranza sull’argomento.” Io invece noto che non sai leggere, o non sai capire quello che leggi. Non so cosa sia peggio delle due, però almeno astieniti da giudizi infondati.

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 2:17 2:17

” …. quello che non si vuole la gente capisca … ” Forse queste sono le intenzioni, lo spero per il buon Barnard, ma sparando scemenze colossali come fa lui, o chi per esso, si ottiene proprio il contrario delle buone intenzioni, cioè che la gente non capisca, e quindi non reagisca come dovrebbe per tutelare il bene comune. E’ il destino dei cattivi maestri. Meglio tenersi alla larga da loro e usare sempre la propria testa, che da qualche parte la logica la sa sempre trovare.

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 3:06 3:06

Mai sentito parlare di Wall Street? Sono i padroni di FED e Congresso. O pensi davvero che il “governo” rappresenti il popolo americano? Non più di quanto lo rappresenti una telenovelas di infinite puntate. Hanno tanta di quella democrazia che non sanno più come esportarla, poveretti, così si dissanguano a produrre bombe intelligenti.

AndrewThunder
AndrewThunder
21 Giugno 2011 , 3:13 3:13

Per problemi psichiatrici puoi rivolgerti alla USL più vicina.
Scusa se ti ripondo così ma le tue parole sono senza senso.

Buona Giornata.

ESSERRE
ESSERRE
21 Giugno 2011 , 3:48 3:48

Sembra evidente che tu non hai capito nulla o peggio che non vuoi capire anche quando leggi cose scritte in modo semplice e chiaro. Rimani nella tua ingnoranza grassa, ignora tutto e aspetta, si devi solo aspettare che poi alla fine ma prioprio alla fine capirai e allora sara’ tardi ma va bene lo stesso perche’ e’ grazie all’ignoranza che il Vero Potere tratta te e quelli come te come carne da macello.
Per tua informazione sono laureato a Oxford con un Master alla London School of Business due istituzioni inglesi (gli inglesi non hanno mai sposato l’Euro nonostante la Banca d’Inghilterra e’ il maggior azionalista della Banca Europea, fessi sti inglesi non e’ vero?) a questi studi ho unito moltissime letture di libro consultati dal Barnard e ti posso assicurare che ha solo che ragione in cio’ che scrive. Adesso ti lascio al tuo TG1.

Saluti

SR

kenoby
kenoby
21 Giugno 2011 , 3:55 3:55

ciao
volevo segnalarti che paolo, prima di lasciare l italia ha ampliamente argomentato la versione euro di quanto nell articolo.
Trovi tutto su cdc oppure sul suo sito che anche se non piu aggiornato l ha lasciato online per il materiale.
Ti consiglio di iniziare a leggere “il piu grande crimine” che è un saggio scritto dopo un indagine conoscitiva del sistema del denaro.
Poi a seguire vi sono i vari aggiornamenti che sono perlopiu degli articoli.

kenoby
kenoby
21 Giugno 2011 , 3:59 3:59

anche se dall altra parte del globo sono contento che tu non abbia rinunciato alla tua importante opera, mi fa veramente felice.
In bocca al lupo e continua cosi… sempre.

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 4:15 4:15

c.v.d.

daveross
daveross
21 Giugno 2011 , 4:43 4:43

Apprezzamento per CDC che continua a postare articoli di PB, nonostante la cocciutagine della maggior parte dei lettori. Nel senso che, al posto di dibattere sulla sostanza delle idee proposte, si interessano in attacchi personali all’autore.

Paolo, c’è un commento sul NEP che ti suggerisce di adottare un’altra strategia comunicativa per la gente americana, perché, a differenza nostra, hanno una diversa concezione delle finalità dello stato.

Grazie per essere tornato ad esprimerti

alecale
alecale
21 Giugno 2011 , 5:42 5:42

tale madre tale figlia/o percio di che stupirci ???

alecale
alecale
21 Giugno 2011 , 5:54 5:54

vai sulla home page di cdc e leggi cosa dicono le prime due righe . per cui , tu , qui hai torto .

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 6:28 6:28

@ AlbertoC.Qui si sta’ parlando di teoria monetaria spiegato alle mamme(leggasi le persone che non riescono a capire il linguaggio monetario non perche’ sono deficienti). Gente che e’ distratta dai midia, gente che corre dalla mattina alla sera (leggasi farsi il C…o dalla mattina alla sera per sopravvivere),gente che corre e crede ai propri “Paladini che propina la TV perche’ si sente intellettualmente inferiore, (e questo solo ed esclusivamente per colpa dei Paladini),gente intelligente ma che rifiuta per principio entrare nella materia monetaria perche’ troppo impegnata ad approfondire i propri studi (leggasi grandi medici al servizio della ricerca e della scienza). Per tutte queste persone c’e’ la spiegazione settimanale nel forum che riassume tutte le risposte con descrizione ed esempi elementari che anche io sono riuscita a capire. Se tu vuoi insiste esponendo e allargando il discorso per ricevere il plauso l’odience di CDC fallo pure ma io prima di tradurre l’articolo di Barnard ho tradotte le spiegazioni e le ho messe in un blog aperto alla discussione solo ed esclusivamente per far trovare gia’ una traduzione delle spiegazioni data dal “Din” (leggasi, capo economico della facolta)su domande o dubbi.per gli altri utenti dico: Se veramente volete capire ci troverete… Leggi tutto »

skeks81
skeks81
21 Giugno 2011 , 6:43 6:43

Non capisco l’accanimento di alcuni contro Paolo, spero non siano vicende personali a obnubilare quella che dovrebbe essere quantomeno ammirazione per chi si documenta per remare contro un sistema perverso nonostante commetta alcuni errori. Ammiro personalmente Paolo e posso dire di aver letto quasi tutto quello che ha scritto, non condivido molte posizioni da lui assunte e, in primis, la chiave del problema, che non penso sia riconducibile al solo aspetto monetario (che è uno strumento) bensì alle risorse (di cui non tutti possono disporre in termini così esosi e attraverso tenori di vita votati all’eccesso). Il problema principale è che 7 mld di persone non possono accedere a questo stile di vita: il vero problema è il nostro sistema di produzione, basato su petrolio e alti pompaggi di acqua (pensiamo al sistema agroindustriale e ai danni fatti in Usa, Messico, China, India…)… tutti sanno che occorrerà fare sacrifici in questo senso e tornare ad uno stile di vita più confacente alla ciclicità terrestre… faccio un piccolo esempio: in India le coltivazioni di eucalipti e della canna da zucchero hanno irreversibilmente distrutto l’humus di grossi appezzamenti con annesso prosciugamento delle falde… l’acqua ( e chiediamoci il perchè delle privatizzazioni) è… Leggi tutto »

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 7:36 7:36

i professori, posizionati in tutte le migliori università

A tutti:
cancellate questa frase accusatori dalla vostra mente, Barnard non l’ha scritta cosi, nemmeno io l’ho tradotta cosi’

They turned this into mainstream economics through their people sitting as professors in all major universities and often as government top advisers….

leggasi:

attraverso le loro persone sedute come professori in tutte le principali università.

Cioe’ a Mo’ di professori gente che si spaccia per cattedratici.Capito?

Anche questa e un altra svista di Supervice alla mia letterale traduzione che non avrei fatto rilevare se

cosi’ facendo caro Supervice accusi tanti docenti USA di essere al servizio del grande potere, cosa che Barnard non ha fatto assolutamente in questo contesto. di pura analisi

Again thank you.M

RicardoDenner
RicardoDenner
21 Giugno 2011 , 8:03 8:03

Sarà che non sono una mamma..ma ancora continuo a non capirci nulla su questi argomenti…eppure ho anche tentato..ma non c’è niente da fare..la mia mente è calibrata in modo tale da non capirci nulla…come parlare Cinese a un Russo..

Spero che qualcuno ci capisca più di me e operi per il bene di tutti..ma come fidarsi..?

Spero ancora in un bignamino di “economia svelata” per il popolo..chi ci riuscirà sarà il nuovo Imperatore del Mondo…

Albertino
Albertino
21 Giugno 2011 , 8:43 8:43

paolo b. espone le sue idee in maniera molto chiara e persino troppo elementare. molti criticano queste idee e poche volte lo fanno esponendo le loro teorie. però ogni volta che lo fanno, queste teorie sono formulate in maniera complicata, quasi a voler di proposito rendere più difficile il confronto e spostare la discussione su di un piano per “addetti ai lavori”. fatta questa premessa, io credo che il discorso che paolo fa sulla possibilità di uno stato di creare tutto il denaro che vuole, possa andare bene in uno stato del tutto autosufficiente, perchè nel momento in cui io ho bisogno di comperare qualcosa all’ estero (gas, pertrolio, pomodori, ecc.) che valore potrebbe avere il mio denaro che posso creare all’ infinito ? per questo una volta le valute erano ancorate al valore dell’ oro e poi a ben vedere a quello del dollaro e comunque erano concatenate ed interdipendenti tra loro. va bene svincolarsi dall’ euro, sono sotto gli occhi di tutti i deleteri effetti di questa moneta unica, ma poi bisogna trovare un comune parametro di riferimento. voi cosa ne pensate ?

rasna-zal
rasna-zal
21 Giugno 2011 , 9:40 9:40

Barnard sostiene le posizioni degli economisti che si rifanno alle teorie di Keyness, in merito alle transazioni internazionali per l’acquisto di beni e merci, lo stesso Keyness aveva previsto una moneta di unico riferimento che con un funzionamento particolare nei cambi avrebbe favorito solo scambi equi tra nazioni.


Ovviamente questo aspetto del pensiero di keyness è il meno parlato in quanto sappiamo tutti quale è la moneta di riferimento internazionale, c’è chi dice che l’ha imparato a sue spese anche l’ex presidente dell’FMI Strauss-Kahn che – dice – aveva in mente di rispolverare il concetto.

I delatori di Barnard non spiegano mai il loro punto di vista, i peggiori fanno solo accuse ad personam (se non contro la mamma), i più furbi restano volutamente criptici.

ario
ario
21 Giugno 2011 , 10:41 10:41

Bravi bravi, avete trovato un altro santone a cui abbeverare le vostre menti educate a Oxford. Fate ridere, siete voi che sostituite il TG1 con i vari barnard (minuscolo) o icke o manitù e credete di essere migliori degli altri. Personalmente il TG1 mi fà vomitare e non lo guardo da almeno 20 anni… ma pure voi però…

ario
ario
21 Giugno 2011 , 10:42 10:42

esserre, ti manca la elle, quella che nelle società significa limitata.

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 10:46 10:46

ecco Mikaela e sostenitori di Paolo, guardate il primo grafico che troverete qui

http://motherjones.com/politics/2011/06/speedup-americans-working-harder-charts

e forse capirete DOVE vanno prese le risorse per pagare i debiti pubblici.

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 10:50 10:50

quando tu avrai inviato tanti articoli quanti ne ho inviati io senza vederli pubblicati, allora potrai parlare.

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 10:54 10:54

No, si tratta di circa 10 miliardi l’anno. Che sia poca cosa o molta cosa è comunque una violazione grave di un principio naturale. Per verificarlo basta spulciare i bilanci di bankitalia (online) e confrontare al passare degli anni la voce “banconote in circolazione” nel bilancio patrimoniale. Tale quota dovrebbe corrispondere a circa un ottavo della torta europea delle banconote col copyright BCE.

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 10:57 10:57

Hai mai giocato a Monopoli? Più o meno la logica è quella, salvo il fatto che chi gestisce cassa inizialmente (e anche dopo) non è affatto neutrale come nel gioco del Monopoli.

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 11:02 11:02

Io ho cercato di spiegare in modo semplice, chiaro e succinto quale sia l’errore di Barbnard, ma vedo che si trinciano giudizi a vanvera, senza neppure leggere ciò che si critica. Questo è un qualunquismo facile quanto inutile, meglio sarebbe spremersi un po’ le meningi prima di giudicare le idee altrui.

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 11:16 11:16

Barnard dice: “ In sintesi: saremmo una nazione ancora più competitiva che crea valore invece di sprecarlo per problemi sociali gravissimi. E una società dove il senso di sicurezza sostituisce il dolore la paura porta a meno mali sociali, a meno disintegrazione della famiglia, a meno criminalità. “ Dimmi perche’ in uno stato a moneta sovrana non si possono aiutare i suoi cittadini spendendo a deficit visto che facendo un analisi economica abbiamo scoperto che dall esempio Io do a Te e Tu dai a Me i conti tornano. Aggiungi ad ogni voce un ALTO costo per lo stato. Quanto dovra’ spendere ogni volta che si presentera’ il problema da tamponare cioe’ per risolvere questi problemi? Facendo un studio specifico in quest’area si e’ scoperto che a lungo andare i conti tornano in attivo nelle casse del governo a sovranita’ monetaria anzi ne apportera un beneficio Sotto – un piccolo esempio che tanto mi fa riflettere ho visto- quanto-hanno speso in pubblicita’ in passato per raggiungere lo scopo i colossi privati cioe’ le Assicurazioni che stavano perdendo soldi.- Dicasi per la legge contro il fumo che era in vigore sin dagli anni novanta.TASSATIVA. Cioe’ venti anni prima dell’Italia come pure… Leggi tutto »

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 11:30 11:30

Scusa per il “dimmi”Albertino – ho impostato male l’inizio nella risposta perche’ non vedevo il tuo commento in quanto avevo attivato HTML
grazie.

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 11:38 11:38

@mikaela: Del plauso di chicchessia non me ne po’ fregà de meno (alla romana), mentre dell’argomento monetario mi frega assai (perchè sta fregando il mondo intero) e non è colpa mia se il buon Paolo B. è scivolato su questa china, ma proprio con uno scivolone di quelli brutti. Prima di questa sua mania mi piaceva leggerlo e condividevo quasi tutto dei suoi argomenti (tranne il machismo). Qui su CDC ci sono commentatori d’ogni genere, tra cui molti coi quali vale la pena dialogare. Così, quando leggo le Barnard-bufale sulla concezione della moneta (che siano sue o di “luminari” monetaristi americani non mi fa alcuna differenza) non so resistere alla tentazione di accendere un po’ di luce su questo buio che però ammalia gli sprovveduti. Prendo questo stimolo come posivo, e di questo ringrazio il buon Paolo, e te che lo amplifichi. Ad esempio faccio un ulteriore sforzo, ma prego i pazienti lettori di capire per il verso giusto, perchè il mio sforzo didattico è quello di far capire chiunque abbia un po’ di cervello. Così capisco anch’io. — Questa volta partoi dal concetto, non certo mio, di PRESTATORE DI ULTIMA ISTANZA. Un concetto che già nel nome fa capire… Leggi tutto »

AlbertoConti
AlbertoConti
21 Giugno 2011 , 11:52 11:52

“spendendo a deficit” …. ma allora se’ de coccio! Spendere a deficit vuol dire far debiti, e per uno Stato far debiti non solo è un controsenso, è una vera sciagura!!!!

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 11:53 11:53

Ho visto Grazie – non so di che si tratta e non ho tempo ora- ho gia’ letto altre cose da tradurre dal blog

New Economic Prespective qui [neweconomicperspectives.blogspot.com]

Mi e bastato solo guardare le equazioni e i termini e gia’ mi stanno venendo gli occhi fuori dalle orbite :):):)

Qualcuno che studia economia potrebbe darmi una mano per la traduzione esatta in italiano dei termini?

alecale
alecale
21 Giugno 2011 , 12:16 12:16

sta a dire che per vincere non bisogna giocare , o forse sbaglio ?
ciao

AndrewThunder
AndrewThunder
21 Giugno 2011 , 12:28 12:28

Salve AlbertoConti,
ci siamo scambiati già un paio di battute. Le chiudo scusa se sono stato troppo diretto.

Ritornando al discorso economico Lei a DUBBIO cita: >.

Allora non capisco come possa dire certe cose. Può gentilmente rispondere a queste semplici domande:

Che cosa è il deficit?
Che cosa è il debito pubblico?
Cosa è il pareggio di bilancio?
Cosa si intende per spesa corrente di uno Stato?
La differenza tra paese a moneta sovrana e non?
Basilea 3.

Dubito che Lei conosca queste definizioni senza poter accedere a Internet o a un testo di economia.

Gli USA per salvare le banche dal Default il Tesoro Americano ha stanziato circa 2.000 Miliardi di Dollari (Li ha semplicemente stampati dal nulla). Altre fonti parlano di 5.000 o addirittura 10.000 Miliardi di Dollari.

In questa operazione di spesa il Governo Americano ha fatto un debito con chi? Non mi risponda con le banche perché sono quelle che hanno preso i soldi.

Grazie e Buona Serata.

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 12:38 12:38

Alberto

Forse dovresti studiare
– MODERN MONEY THEORY-
un rispettabile ingegnere non fa un risperrabile economista che da piu’ di venti anni studia il problema, vedrai che troverai le risposte ai tuoi dubbi se lo farai e visto che conosci l’inglese ti suggerisco di postare sotto gli articoli nel forum di Randal Wray ogni qualvolta che quello che scrive nell’articolo ti fa sorgere dei dubbi.
( Ci sono anche gli articoli di Michael Hudson)
Vedrai che ti rispondera’

GRAZIE

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 12:50 12:50

@ alberto conti dici :”Denaro fiat a costo zero e interesse zero, che entra subito in circolazione nell’economia fisica del paese” e questo è il punto sul quale sono in completo disaccordo con te. io reputo la perdita di valore del denaro, la tassa più iniqua che uno stato possa imporre alla propria popolazione. perchè è proporzionale e non progressiva e colpisce soprattutto le classi più deboli, quelle che devono lottare per recuperare il potere d’acquisto dei loro redditi, cosa che comunque avviene SEMPRE come conseguenza alla svalutazione. ora, puoi non essere d’accordo, e allora dimmi come interpreti tu il fenomeno dell’inflazione che causa la perdita di valore della moneta. per me avviene quando il rapporto “denaro destinato all’acquisto dei beni e servizi”/ “valore dei beni e servizi”supera l’unità. è vero che tra il denaro creato e quello destinato agli acquisti, non vi è una relazione diretta e univoca, in quanto il risparmio che prima può sottrarre denaro e poi riconsegnarlo al mercato in funzione solo del feeling della popolazione, ne altera assieme al cambio di velocità di circolazione del denaro la corrispondenza diretta, ma su un periodo sufficientemente lungo tale corrisondenza la si riscontra sempre. da qui, immettere denaro… Leggi tutto »

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 12:54 12:54

@ mikaela.
una teoria è valida quando e solo quando riesce a prevedere gli eventi.

non quando riesce a giustificare dottamente perchè ha sbagliato le previsioni

quelli sono ciarlatani.

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 13:01 13:01

se poi tale fenomeno lo associ all’incapacità dello stato di reperire la corretta quantità di risorse in relazione ai propri bisogni, allora siamo al delirio.
ogni stato che si definisca democratico ( ma ho già espresso ripetutamente le mie riserve in merito) elegge i propri governanti, i quali hanno il sacrosanto istinto di compiacere la popolazione assecondando i suoi desideri, nella speranza di essere rieletti.
ecco perchè non sanno fare bilanci in nero.

preferiscono il vantaggio immediato dello spendere, a quello conseguente, ma ritardato, dell’inflazione.

sbaglio ?

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 13:04 13:04

AndrewThunder risponde ad AndreaConti lo rimetto perche’ mi sembra che Andreaconti non l’ha visto.

———————————————————–

Salve AlbertoConti, ci siamo scambiati già un paio di battute. Le chiudo scusa se sono stato troppo diretto. Ritornando al discorso economico Lei a DUBBIO cita: >. Allora non capisco come possa dire certe cose. Può gentilmente rispondere a queste semplici domande: Che cosa è il deficit? Che cosa è il debito pubblico? Cosa è il pareggio di bilancio? Cosa si intende per spesa corrente di uno Stato? La differenza tra paese a moneta sovrana e non? Basilea 3. Dubito che Lei conosca queste definizioni senza poter accedere a Internet o a un testo di economia. Gli USA per salvare le banche dal Default il Tesoro Americano ha stanziato circa 2.000 Miliardi di Dollari (Li ha semplicemente stampati dal nulla). Altre fonti parlano di 5.000 o addirittura 10.000 Miliardi di Dollari. In questa operazione di spesa il Governo Americano ha fatto un debito con chi? Non mi risponda con le banche perché sono quelle che hanno preso i soldi. Grazie e Buona Serata.

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 13:07 13:07

Opps volevo di AlbertoConti scusami Alberto

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 13:18 13:18

Le universita’ Americane vivono anche con i soldi che guadagnano facendo ricerche e studi economici per altri Stati o per le Organizazioni che ne hanno bisogno.

Alla stessa maniera che hanno fatto i Chicago Boys per far arricchire i Finanzieri e le Banche speculative

Quelli hanno imparato come fregare il mondo questi studiano come risolvere i problemi dei Governi affamati da loro in giro per il mondo.

A me non la dai a bere.

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 14:00 14:00

@ mikaela

non voglio darti da bere propprio nulla.

cosa vorrei capissi, è che in questo caso non stiamo parlando degli scopi, che possono anche essere encomiabili o detestabili, che possono avere chi formula una teoria, ma se la teoria risponde o no alla realtà

e la realtà è solo quanto accade, non cosa vorremmo che accadesse. e quindi il metro per misurare la bontà di una teoria è se è in grado oppure no di prevedere gli eventi.

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 14:10 14:10

@ mikaela
dai, non fare errori del genere !!

il QE non è operazione del tesoro americano ma della FED

il tesoro stampa Tbonds li offre sul mercato, e per aumentare la liquidità in un ambiente in cui non vengono chiesti prestiti (operazione che immette liquidità nel mercato), la FED emette denaro con il quale ritira tbonds.
in questo caso, come al solito il creditore è il sistema bancario, impersonato più dalla FED che dalle banche commerciali), mentre il debitore, dopo breve giro , diventa il tesoro , ma solo perchè spende più di quanto incassa, e ha speso per salvare aig, bofa, fanny&freddie, ecc… e quelli sono i soldi ch eandranno a carico dei contribuenti.

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 14:29 14:29

e io che centro ,io ho solo rimesso ben in vista il messaggio di AndrewThunder per farlo vedere ad AlbertoConti

E’ lui che deve rispondere ma se gli stai suggerendo la risposta a me va ben. Ma ho notato che tu e AlbertoConti non la pensate alla stessa maniera Comunque sia io di T-Bond ( treasury-bond o titoli del debito pubblico a lunga scadenza , e tutto il resto non ci capisco proprio niente, ma ci arrivero’.

supervice
supervice
21 Giugno 2011 , 14:34 14:34

Visto che il mio tentativo di risistemare la traduzione di Mikaela non le è stata di particolare gradimento, cerco di emendarmi ripostando la sua, sperando di non sbagliare anche questa volta. Saluti. MMT spiegato alle mamme By Paolo Rossi Barnard Il post che segue propone come esempio di come l’enorme complessità di MMT(modern money theory) nei suoi contesti politici e storici potrebbero essere comunicati alla gente comune là fuori. Lo abbiamo chiamato “MMT spiegato alle mamme”, proprio per questo motivo. Questo sforzo non è di poca importanza, dal momento che a NEP(new economic prespective) riconosciamo che senza un crescente sostegno popolare per la nostra visione di come le economie dovrebbero essere eseguite, non potremo mai riunire sufficiente vapore per spingere MMT attraverso le barriere del potere politico. L’autore reale di questo post è un giornalista italiano e MMT sostenitore Paolo Rossi Barnard. Naturalmente questo non è definitivo, e invitiamo i nostri blogger e i lettori di esprimere commenti e contributi a questo essenziale sforzo comunicativo. Sappiamo tutti che milioni di persone e di famiglie là fuori stanno soffrendo inutilmente in questo momento per la follia dell’ attuale dogma economico.Devono sapere che c’è il risparmio di una vita lavoro da conservare,… Leggi tutto »

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 14:40 14:40

Se la facolta’ esiste ancora dopo tantissimi anni e basa tutto il Programma Universitario solo in quella direzione io credo che hanno avuto gia’ le loro risposte alle loro teorie, altrimenti in un mondo tanto competitivo come quello USA sarebbero gia’ tutti a Spasso. Ti diro’ di piu’

Se io vivessi ancora in USA e se avessi ancora un figlio da mandare all’universita’ gli suggerire di scegliere quella scuola senza ripensarci un attimo.(Sempre se avesse voluto studiare economia naturalmente)

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 14:43 14:43

@ mikaela

ma almeno non confondere il tesoro che è stato, quindi pubblico, col la FED che è privata seppur con concessione pubblica

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 14:53 14:53

Grazie.

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 14:57 14:57

questo è puro e semplice delirio.

premesse quasi corrette, soluzioni fondate su una ipotesi tutta da dimostrare, anzi, che storicamente ha dimostrato il contrario.

vogliamo ridurre a cose più semplici ?

se ci sono dei debiti , devono esserci dei creditori, no ?

bene, le risorse per pareggiare i debiti prendiamole dove ci sono, semplice no ?

ma se chi può fare questa operazione, ovvero il governo, è in mano a coloro che possiedono le risorse, la farà mai tale operazione ?

ovviamente no, almeno fino a che la popolazione capirà che , grazie al numero, potrà ridurre a più miti consigli che ha le risorse, che sono pochi.fine della storia. semplice no ?

le altre sono tutte seghe mentali, frutto della mente malata di un paranoico. punto.

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 15:01 15:01

@ mikaela dai uno sguardo qui:

http://motherjones.com/politics/2011/06/speedup-americans-working-harder-charts

e trai qualche conclusione

operaiomantici
operaiomantici
21 Giugno 2011 , 15:07 15:07

“In alcuni casi, nuova moneta è creata da enti privati, ma viene sempre compensata dallo stesso ammontare di debito privato da qualche altra parte; quindi, non è stato creato nessun aumento di moneta.”

(dando per buona la traduzione)

A parte il fatto che i taluni casi sono circa il 98%, la banca centrale fa la stessa cosa, crea denaro con il prestito, quindi se ho in tasca una banconota da 5 euro, è perché c’è un equivalente debito alla BC. Allora in base alla suddetta frase nemmeno la mia banconota è “aumento di moneta”, quindi nessuno crea denaro, e il denaro non esiste…

Mamme! Oggi tutto il denaro è un debito! Questa è la sciagura!

amensa
amensa
21 Giugno 2011 , 15:29 15:29

@ mikaela

vai in home e leggiti questo articolo, così saprai che non sono il solo a pensarla come la penso.

I RICCHI E IL DEBITO PUBBLICO

buona lettura, e magari, mentre ci sei, passalo anche a Paolo.

mikaela
mikaela
21 Giugno 2011 , 16:49 16:49

Solo per precisare che gli aggiustamenti alla mia sgrammaticata traduzione fatta da Supervice sono ottimi.

Il mio problema e’ con l’italiano non l’inglese, quindi rileggendola ho visto un paio di termini che cosi’ riaggiustati cambiacano il senso al contenuto di quelle due frasi.

Lungi da me disminuire il lavoro importantissimo d’impostazione fatto con gli HTML e tutto il resto.Grazie ancora Supervice.

Diego85
Diego85
21 Giugno 2011 , 18:59 18:59

Concordo con la critica.
Sono le banche centrali a stampare denaro: le banconote sono di proprietà delle banche. Altrimenti lo stato verso chi emetterebbe titoli di debito? Verso se stesso?

ESSERRE
ESSERRE
21 Giugno 2011 , 22:04 22:04

Forse mi manca la elle come Ltd ma ci sta. A te a breve mancachera’ molto di piu’ ma tu questo lo sai e te ne batti il culo in quanto stai tranquillo che il peggio succede sempre ad altri mei a te.

SR

LeoneVerde
LeoneVerde
22 Giugno 2011 , 0:20 0:20

Ti consiglio di guardare loto attentamente lo schema “sector financial balances” che c’è all’interno di questo articolo:

http://neweconomicperspectives.blogspot.com/2011/06/recent-usa-sectoral-balances-goldilocks.html

Si riferisce all’equivalenza di Godley.

Poi c’è questo semplicissimo articolo della Kelton.

http://neweconomicperspectives.blogspot.com/2011/05/what-happens-when-government-tightens.html

LeoneVerde
LeoneVerde
22 Giugno 2011 , 0:27 0:27

Non c’è un limite al debito. Ti puoi indebitare al 99,99%. Il problema è trovare chi te li presta. Lo stato sovrano è l’unica entità che può chiederli a sè stesso: la risposta si o no non dipende da altri. Potrebbe andare all’infinito. Il problema è come spende i soldi. Se è per creare ricchezza e stimolo all’economia o se stampa denaro e lo regala alle banche che aumentano le bolle finanziarie.
Ciao

AlbertoConti
AlbertoConti
22 Giugno 2011 , 2:08 2:08

Che cosa è il deficit? E’ la differenza tra le uscite e le entrate di uno Stato, quando le uscite superano le entrate (gettito fiscale). — Che cosa è il debito pubblico? E’ sostanzialmente la sommatoria dei titoli di Stato emessi e non ancora scaduti, cioè in corso (questo è il grosso, la vera sostanza, poi ci sono dettagli a margine che non cambiano il senso del problema). Si noti che tali titoli sono sempre “al portatore”, quindi commerciabili durante tutto il loro corso di validità, che va dal giorno dell’emissione al giorno della scadenza, quando vengono pagati all’ultimo portatore e purtroppo rinnovati con nuovi titoli che li sostituiscano, visto che se no non ci sarebbero i soldi per pagarli. — Cosa è il pareggio di bilancio? E’ quando entrate e uscite di un anno sono uguali e la loro somma fa zero. Meglio ancora sarebbe un piccolo avanzo di bilancio con cui finanziare future spese impreviste. Ma in questo sistema non accade quasi mai. — Cosa si intende per spesa corrente di uno Stato? La spesa per erogare i servizi normali ed essenziali per la società, come pagare i dipendenti pubblici, i costi della politica, la scuola, la sanità,… Leggi tutto »

istwine
istwine
22 Giugno 2011 , 2:37 2:37

amensa, ci fai una figura pessima se continui su questa strada. leggi le teorie e poi parla, non parlare senza criterio perché non hai credibilità. molti di tali economisti che mikaela cita, hanno scritto delle difficoltà dell’euro e delle sue regole (leggi camicia di forza) ben prima che si avverassero.

e non scrivermi che USA e Giappone ecc ecc son nelle stesse situazioni, perché stai confondendo autoimposizioni ideologiche di stampo neoliberista con regole scritte in costituzione (vedi il divieto di deficit messo a costituzione dalla germania ad esempio) o nel trattato europeo.

istwine
istwine
22 Giugno 2011 , 2:49 2:49

operaio, non confondere debito con passività. in più non ha senso a livello di operazioni intendere BC e Tesoro staccati, in Australia ad esempio il ministro del Tesoro è nel board della BC. dunque non assumiamo che casi particolari siano casi generali.

“Allora in base alla suddetta frase nemmeno la mia banconota è “aumento di moneta”, quindi nessuno crea denaro, e il denaro non esiste… ”

no la traduzione è sbagliata, in quel caso s’intende non è stato creato nessun aumento di asset reali. ovvero la moneta bancaria è creata in maniera endogena, in cui asset/liability cioè attività/passività son sempre a somma zero. (non considerando gli interessi, ma non è un problema, perché questi vengono reimmessi in circolazione per la maggiore)

la moneta ad alto potenziale (leggi base monetaria) è creata a livello esogeno.

ad ogni modo, leggi questi, se capisci l’inglese:

http://bilbo.economicoutlook.net/blog/?p=332
http://bilbo.economicoutlook.net/blog/?p=352
http://bilbo.economicoutlook.net/blog/?p=381

però leggili prima di ribattere e leggili bene, che basarsi sulle spiegazioni del sistema monetario dei libri di macroeconomia, ovvero “la BC aumenta la base monetaria comprando titoli” e quelle cose lì, e poi ricamarci su le idee, non ha senso.

rasna-zal
rasna-zal
22 Giugno 2011 , 3:36 3:36

Io non giudico le tue idee, pero devo dirti caro Alberto, che tu sei molto criptico e poco fruibile per i non addetti, non ti esprimi mai in maniera lineare e non riesco a capire la tua posizione.


Sarebbe difficile per te esporre le tue idee con chiarezza, non dico dalla A alla Z, ma perlomeno per la durata di un argomento.


non ho nulla contro di te, ma non capisco quello a cui aspiri e cosa proponi, né come fare per perseguire tale obbiettivo…


Ciao.
tatotripodo
tatotripodo
22 Giugno 2011 , 3:40 3:40

ma questa mmt è una cavolata. usa le logiche che hanno portato tutti i paesi del mondo ad avere un debito pubblico insostenibile. era proprio nella logica che l’indebitamento produceva ricchezza che i paesi di mezzo mondo si sono indebitati.si pure mezze seghe in economia: iniziamo a stampare dollari così sale l’inflazione e perde valore la carta moneta . risultato? tutti più poveri di prima.
ma voi con tutto il rispetto per le mamme ste fregnacce solo alle mamme le potevate raccontare

istwine
istwine
22 Giugno 2011 , 4:12 4:12

immagino che abbia pronti per noi grafici e serie storiche ad avvalorare le tue idee.

AlbertoConti
AlbertoConti
22 Giugno 2011 , 4:25 4:25

Basta leggere i giornali di tanto in tanto per sapere le ovvietà arcinote sui debiti pubblici. Sulla necessità di approfondimenti, ad es. sulle cause storiche del caso italiano, almeno da Ciampi in poi, concordo. Occorre sapere per dare eprendersi responsabilità.

istwine
istwine
22 Giugno 2011 , 4:54 4:54

alberto, il debito pubblico è un falso problema, lo è solo quando si è convinti che sia un problema, se no, è semplicemente un enorme “risparmio pubblico” in mano a differenti soggetti. in italia ormai il 95% circa (dati bankitalia), del debito pubblico è in mano a istituti bancari. ma è una questione relativa agli ultimi anni, ed è sempre relativa alla situazione macroeconomica (scelte di deficit o surplus, perché i due settori, governativo e non, son legati).

in più l’emissioni di titoli non ha solo ed esclusivamente il ruolo di raccolta fondi, ma anche un ruolo a livello di politica monetaria. ma ripeto, senza leggere la MMT state parlando di aria fritta.

sovranidade
sovranidade
22 Giugno 2011 , 7:01 7:01

E’ molto semplice: il governo americano (cioè IL POPOLO AMERICANO) si è indebitato con la FEDERAL RESERVE BANK che poi sarebbe la banca centrale di emissione che è assolutamente di proprietà PRIVATA ! Il che vuol dire che il governo ha finanziato le perdite delle banche commerciali private americane prendendo in prestito cartastraccia (dollari) dalla FED e girando il “deficit” a tutto il popolo americano che sarà costretto a pagare ancora più “tasse” per ripianare il cd. “debito pubblico” nei confronti della Federal Reserve Bank.

In Italia succede la stessa identica cosa nei confronti della B.C.E. (privata), per la felicità del POPOLO ITALIANO !

Forse è questo che Paolo Barnard non riesce proprio a capire !

sovranidade
sovranidade
22 Giugno 2011 , 7:20 7:20

Il debito pubblico sarebbe “un falso problema” se non ci fossero circa 80 mld di euri di interessi “realissimi” da pagare ogni anno come “servizio al debito”. Spero che questo ti convinca che il debito pubblico è un problema reale…anche tuo !

tatotripodo
tatotripodo
22 Giugno 2011 , 7:57 7:57

questa teoria non tiene conto delle più banali leggi di economia.
è assolutamente ridicola. facciamo prima a tornare all’economia di scambio retta sul baratto almeno non corriamo rischi di ritrovarsi con un sacco di carta straccia in mano!

istwine
istwine
22 Giugno 2011 , 8:02 8:02

le più banali leggi di economia son false e non sei capace di dimostrarle in nessuna maniera perché non c’è nessuna serie storica che a distanza di tempo le conferma. puoi anche provarci, ma non ci sono. anche se cerchi di interpretarle in altra maniera.

AlbertoConti
AlbertoConti
22 Giugno 2011 , 9:53 9:53

Grazie sovranidade, ero stufo di ribattere alle minchiate. E grazie anche a istwine che ne ha sparata una gigantesca, a dimostrazione che di fritto c’è il cervello di chi se le beve, quando sono così grosse e palesi. Quando avremo 2.000 euri di debito pubblico e Moody’s che ci azzanna le chiappe, cioè rendimenti dei BOT a 2 cifre, ci vorranno “manovre finanziarie” da 200 miliardi l’anno solo per pagare gli interessi, se no più nessuno ci compra il debito pubblico e affondiamo peggio della Grecia. Ma chi si affoga nel wine questo non lo vuol sapere, beve per dimenticare ….

AlbertoConti
AlbertoConti
22 Giugno 2011 , 9:57 9:57

Sì, sbagli. L’inflazione non è a scoppio ritardato, l’indebitamento invece è una bomba a orologeria, che consente ai delinquenti di svignarsela (ad es. il “buon” Ciampi sta per salutarci, tra grandi onori suppongo, per raggiunti limiti biologici).

AlbertoConti
AlbertoConti
22 Giugno 2011 , 9:59 9:59

se qualcosa non è chiaro basta chiedere