La guerra di Putin

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

 

Gilad Atzmon – The Unz Review – 13 marzo 2022

 

Putin non è un generale, un militare. È un leader modernista, un maestro di spionaggio e uno stratega addestrato che capisce che la guerra è una continuazione della politica con altri mezzi (Clausewitz). Di conseguenza, se vogliamo cogliere le motivazioni di Putin, dovremmo evitare di cercare di valutare la campagna militare della Russia in termini di “obiettivi militari rigorosi”. Dovremmo invece guardare alla campagna militare come a uno strumento politico che è destinato a mobilitare un cambiamento geopolitico globale e regionale e su una scala gigantesca.

È chiaro che l’esercito di Putin sta facendo del suo meglio per evitare vittime civili. Usa tattiche d’assedio in opposizione alla barbara dottrina americana dello ‘Shock and Awe’. Inoltre, l’esercito russo si impegna pesantemente per non smantellare l’esercito ucraino. Invece circonda le città e sta tagliando fuori l’esercito ucraino nell’est e nel sud del paese. L’esercito russo ha smantellato la capacità dell’Ucraina di riorganizzarsi, per non parlare di contrattacco. Gli analisti militari occidentali hanno concordato che una chiara prova della crescente incapacità dell’esercito ucraino è che l’esercito ucraino non è riuscito a danneggiare seriamente il convoglio russo di 60 km. sulla strada per Kyiv, nonostante il fatto che il convoglio sia rimasto fermo per più di 10 giorni. Nelle ultime 24 ore, la Russia ha chiarito all’Occidente che qualsiasi fornitura militare occidentale all’Ucraina sarà trattata come un obiettivo militare legittimo. In altre parole, l’esercito ucraino d’élite dell’Est è ora una forza militare defunta; può difendere le città, può montare attacchi di guerriglia sulla logistica militare russa allungata, ma non può raggrupparsi in una forza combattente che possa modificare il campo di battaglia.

L’esercito di Putin, come concordano gli esperti militari, gode di un’enorme potenza di fuoco. Non è un segreto che l’artiglieria russa è una forza mortale e non c’è nessuna forza che possa eguagliarla in tutto il mondo. La logica militare di questo è chiara. L’URSS non si è mai fidata della qualità e della lealtà dei suoi soldati. Mentre contava sull’impatto di massa dei soldati, il loro puro numero, ha anche inventato i mezzi, la tecnologia, le tattiche e la dottrina per vincere la battaglia da lontano in preparazione dell’arrivo delle masse. Fu l’artiglieria rossa a battere la terza armata del Reich. Allo stesso modo, spianare le città nemiche è qualcosa per cui l’URSS e la Russia moderna sono famose. La Russia gode di questo potere, ma si è astenuta, finora, dal dispiegare questa capacità in Ucraina. La Russia ha mostrato questa capacità piuttosto che dispiegarla. Secondo gli analisti militari, la Russia non ha nemmeno iniziato a utilizzare la sua superiore potenza aerea, a parte assicurare la sua totale superiorità aerea sull’Ucraina.

La tattica dell’esercito russo è stata quella di fare pressione nelle periferie delle città, dimostrando la potenza militare russa e poi aprendo corridoi per i convogli umanitari. E questo è il trucco. La Russia sta creando un flusso di rifugiati verso Ovest. A causa del divieto del governo ucraino agli uomini dai 18 ai 60 anni di lasciare il paese, stiamo parlando di donne e bambini. Finora ci sono circa 2,5 milioni di rifugiati ucraini, ma questo numero potrebbe aumentare drammaticamente. E la domanda è: la Germania sarà felice di accettare un altro milione di rifugiati che non sono una forza lavoro? E la Francia e la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, il Canada, tutti quei paesi che hanno spinto Zelensky e l’Ucraina in una guerra ma sono stati veloci a lasciare il popolo ucraino al suo destino?

Prima o poi, Putin crede, l’Europa accetterà tutta la sua lista di richieste e toglierà l’elenco delle sanzioni, e potrebbe anche compensarlo per le sue perdite sulle vendite di petrolio, tutto in un disperato tentativo di fermare lo tsunami di rifugiati ucraini. Quando le armi si saranno raffreddate, molti ucraini potrebbero effettivamente preferire rimanere in Germania, Francia, Gran Bretagna e Polonia. Questo porterà, almeno nella mente di Putin, a uno spostamento demografico nell’equilibrio etnico a favore dei gruppi etnici russi in Ucraina. Nel contesto di tale spostamento, Putin sarà in grado di dominare la situazione nel suo stato vicino con mezzi politici e persino democratici.

Il piano di Putin non è nuovo. Ha già avuto successo in Siria.

Quando l’Occidente ha capito che la Siria era in marcia verso l’Europa, è stato molto veloce a permettere a Putin di vincere la battaglia per Assad a spese dell’egemonia americana in Medio Oriente. Putin ora dispiega fondamentalmente le stesse tattiche. Potrebbe essere crudele o addirittura barbaro, ma stupido o irrazionale certamente non lo è.

La domanda principale è come è possibile che la nostra élite politica e mediatica occidentale sia all’oscuro delle mosse di Putin e della Russia? Com’è possibile che nessun analista militare occidentale riesca ad unire i puntini e vedere attraverso la nebbia di questa orribile guerra? La ragione è ovvia: di questi tempi nessuna persona dotata vede una potenziale carriera nel servizio militare o pubblico. Le persone dotate preferiscono il mondo aziendale, le banche, l’alta tecnologia, i giganti dei dati e dei media. Il risultato è che i generali e gli esperti di intelligence occidentali non sono molto dotati. La situazione della nostra classe politica occidentale è ancora più deprimente. Non solo i nostri politici sono quelli che non erano abbastanza dotati per cimentarsi sul percorso aziendale, ma sono anche unicamente immorali. Sono lì per realizzare i piani più sinistri dei loro padroni globalisti e lo fanno a nostre spese.

Ho pochi dubbi che un politico esperto come Angela Merkel avrebbe lasciato che la situazione in Ucraina degenerasse in un disastro globale. Lei, come Putin, è stata adeguatamente addestrata per il suo lavoro, comprendendo la profonda distinzione tra strategia e tattica. Lei, come Putin, è stata addestrata a pensare cinque passi avanti. Per quanto posso dire, non c’è nessuno in Occidente che capisca Putin, che possa leggere la sua mente. Invece attribuiscono al leader russo caratteristiche psicotiche nel disperato tentativo di nascondere la profondità della situazione tragica e senza speranza che l’Occidente ha inflitto a se stesso e all’Ucraina in particolare.

Nel frattempo Putin sta prendendo le misure più spettacolari per proteggere la sua vita e il suo regime. Noi in Occidente lo troviamo “ridicolo”, ma Putin sa molto bene che l’unico modo in cui l’Occidente può affrontare la propria incapacità è quello di eliminare lui e il suo regime in un modo o nell’altro.

 

Link: https://www.unz.com/gatzmon/putins-war/

 

Scelto e tradotto da Arrigo de Angeli per ComeDonChisciotte

 

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
19 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
19
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x