L' UNICA CHANCE

AVVISO PER I LETTORI: ComeDonChisciotte continua a subire la censura delle multinazionali del web: Facebook ha chiuso definitivamente la nostra pagina a dicembre 2021, Youtube ha sospeso il nostro canale per 4 volte nell'ultimo anno, Twitter ci ha sospeso il profilo una volta e mandato ulteriori avvertimenti di sospensione definitiva. Per adesso sembra che Telegram non segua le stesse logiche dei colossi Big Tech, per cui abbiamo deciso di aprire i nostri canali e gruppi. Per restare aggiornato su tutti gli ultimi nostri articoli iscriviti al nostro canale Telegram.

DI PIETRO CAMBI
crisis.blogosfere.it

Mi dispiace, perchè l’unica chance di una transizione ordinata e non sanguinosa alla terza repubblica ( o quel che sara’, ehm) ce la stiamo giocando in questi mesi. Nessuno pensi che da noi non possa succedere quel che e’ rapidamente successo in Tunisia.
Sarebbe un grave errore, e sarebbe, dato il contesto storico, una affermazione eccezionale che va contro gli ultimi secoli di storia, anche italica.
Richiederebbe insomma una misura di ottimismo davvero eccezionale e prove straordinarie a sostegno.

Cosi stando le cose coloro a cui è dato il compito di riportare ad un minimo di decenza e progettualità la politica, cosi escludendo automaticamente tutti queli che NON sono genericamente indicati come “radicali” dai media, farebbero bene a costruire un programma all’altezza delle sfide che abbiamo davanti.
Giustappunto un programma “radicale”.Cosi non è, segnatamente, e non ci resta che, nel nostro piccolo, essere testimoni ne passivi ne silenziosi ma proattivi dei nostri difficili tempi.
Il segno, più di qualunque chiacchiera, l’hanno dato i lavoratori di Mirafiori.
Quando la maggioranza delle persone arriva al punto di mettere sul piatto il posto di lavoro, pur di non cedere all’ennesimo ricatto, vuol dire che è davvero con le spalle al muro ed ha già capito che, comunque vada, l’attuale situazione non offre alcuna ragionevole speranza di futuro per le persone normali.

Quando questo succede, ci metta secoli o millenni a succedere, l’esito storico è sempre lo stesso, sotto tutti i cieli ed in tutti i contesti.

Il trepido confronto con gli anni di piombo da parte dei nostri pavidi “decisori” fa capire cosa succede a non studiare né conoscere né, sopratutto COMPRENDERE la storia.

Se la conoscessero/comprendessero avrebbero dovuto ricordarsi di uno scambio di battute famoso:

« C’est donc une révolte ?»
« Non, Sire, c’est une révolution!»

E si sarebbero dati un poco più da fare, al di fuori delle seratine del bunga bunga.

Pietro Cambi

tratto dal’’articolo Cronache dal basso impero
19.01.2010

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
10 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
10
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x