L’ 1‰ dei più ricchi si sono arricchiti più del 50% dei più poveri

DI SHIVALI BEST

Daily Mail.co.uk

 

Dal 1980 ad oggi l’ 1‰ più ricco del mondo ha aumentato la propria ricchezza tanto-quanto la metà del mondo dei più poveri.

Un rapporto ha rivelato che, negli ultimi 35 anni, chi detiene l’1‰ della ricchezza globale si è arricchito tanto quanto la metà più povera del mondo.

Questo Rapporto Mondiale sulla Disuguaglianza spiega in dettaglio il divario crescente tra ricchi e poveri.

I ricercatori ritengono che le politiche portate avanti dalla UE siano più utili per ridurre la disuguaglianza e la povertà globale.

Secondo il rapporto negli ultimi 35 anni, l’elite composta dal 1‰ ha aumentato la propria ricchezza  tanto-quanto la metà del mondo composta dai più poveri.

Nella Foto: Jeff Bezos, oggi la persona più ricca del mondo con $98.6 miliardi di dollari.

PERCHE’  LA DISUGUAGLIANZA E’ TANTO ALTA?

Negli anni ’80, l’elite composta dall’ 1% si prendeva quasi il 10% della crescita del reddito sia negli USA che in Europa Occidentale.

Nel 2016 si era arrivati al 12% in Europa occidentale, ma è più che raddoppiato (20%) negli Stati Uniti.

I ricercatori hanno detto che questa impennata della disuguaglianza negli USA è dovuta alle “enormi disuguaglianze nell’istruzione” ed ad un sistema fiscale che diventa sempre meno progressivo.

In Europa occidentale il declino della progressività delle imposte è stato minore che negli USA e le politiche in materia di retribuzioni e della istruzione sono state più favorevoli per i ceti con redditi bassi e medi.

Il  World Inequality Report si è basato sul lavoro di un team di oltre cento ricercatori provenienti da più di  70 paesi, includeva il più illustre degli economisti francesi Thomas Piketty e si è avvalso di un enorme data-base per combinare statistiche economiche e risultati di  sondaggi effettuati in tutto il mondo. Hanno scoperto che una rapida crescita in alcuni paesi in via di sviluppo – come Cina e India  – ha fatto sì che, in questi ultimi decenni, la metà più povera della popolazione mondiale abbia visto aumentare significativamente il proprio reddito.

Ma nel frattempo la classe media è stata schiacciata.

“Negli ultimi decenni, la disuguaglianza del reddito è aumentata in quasi tutti i paesi, ma a velocità diverse, il che fa pensare che le istituzioni e le politiche messe in atto siano state importanti nel plasmare queste disuguaglianze” hanno affermato i ricercatori.

Hanno verificato che liberalizzazioni del mercato e privatizzazioni hanno portato a un aumento delle disuguaglianze in Russia, Cina e in India, ma a ritmi diversi a seconda della velocità con cui si sono sviluppate le singole economie in ogni paese.

Warren Buffet is the third richest person in the world    Bill Gates is the second richest person in the world

Nelle foto Warren Buffet (sin.) e Bill Gates (dx) attualmente il numero due e tre nella lista degli uomini più ricchi.

Ma hanno anche trovato  che “la differenza nei livelli di disuguaglianza tra l’Europa Occidentale e USA è arrivata a livelli particolarmente estremi, infatti negli anni ’80 le disuguaglianze erano piuttosto simili, mentre la situazione è radicalmente diversa”.

Come dicevamo negli anni ’80 l’1%  dei più ricchi si arricchiva accaparrandosi quasi il 10% del reddito prodotto in entrambe queste aree, ma nel 2016 si è arrivati al 12% in Europa Occidentale ed è più che raddoppiato (20%) negli Stati Uniti.

The top one per cent of earners captured nearly 10 per cent of the income in both areas in 1980. In 2016 it had climbed to 12 per cent in Western Europe but had more than doubled to 20 per cent in the United States

Uno sguardo al Futuro

Il team di studiosi ha guardato al futuro ed ha immaginato vari scenari strategici.

Se il mondo dovesse seguire la politica come si è sviluppata negli  USA, l’1% vedrà crescere la sua quota di reddito globale da poco più del 20% nel 2016 al 28% entro il 2050 e,  di conseguenza, il 50 % dei più poveri vedrebbe la sua quota scivolare da poco meno di un decimo del reddito globale a circa il 7%.

Quindi anche se con questa politica la divergenza diventa meno drammatica, la disuguaglianza continua comunque a crescere.

“In alternativa, se nei prossimi decenni tutti i paesi seguiranno una traiettoria più moderata di disuguaglianze – come quella messa in atto in Europa negli ultimi decenni – la disuguaglianza di reddito globale può ridursi, nel qual caso potrebbero anche esserci progressi sostanziali nella riduzione della povertà globale” hanno detto gli esperti.

Secondo il rapporto  il reddito medio annuo per adulto percepito dal 50% della popolazione mondiale passerebbe da 3.100 euro nel 2016 a 4.500 euro nel 2050 seguendo la politica economica USA.

Ma seguendo la politica della UE si arriverebbe a un importo quasi triplo: 9.100 euro.

I ricercatori hanno detto: “L’elite dell’1‰ (circa 7 milioni di persone) dagli anni ’80 ha guadagnato, rispetto alla crescita mondiale, quanto ha guadagnato la metà più povera della popolazione adulta mondiale.”

 

The researchers said the spike in inequality in the United States was due'massive educational inequalities' and a tax system having become less progressive. In Western Europe there was less decline in the progressivity of taxes, and wage-setting and educational policies were more favourable to lower and middle-income groups

****

GLI UOMINI PIU’ RICCHI DEL MONDO 
Nome Valore ( in miliardi )
Jeff Bezos £73.4 billion/$98.6 billion
Bill Gates £67.5 billion/$90.7 billion
Warren Buffet £63.2 billion/$84.9 billion
Amancia Ortega £58.8 billion/$79.0 billion
Mark Zuckerberg £54.7 billion/$73.5 billion
Carlos Slim Helu £46.5 billion/$62.4 billion
Bernard Arnault £46.1 billion/$61.9 billion
Larry Ellison £41.2 billion/$55.3 billion
Larry Page £38.9 billion/$52.3 billion
Sergey Brin £338 billion/$51.0 billion

I ricercatori hanno consigliato di prevedere un aumento della progressività nei sistemi fiscali, cosa che  contribuirebbe a ridurre anche gli incentivi per aggressivi  accumuli di ricchezza ed hanno anche sollecitato la creazione di un registro globale delle proprietà delle attività finanziarie, in modo da  “poter  infliggere forti colpi all’evasione fiscale, al riciclaggio di denaro e all’aumento delle disuguaglianze”.

In 2016, the share of total national income accounted for by just that nation’s top 10 per cent earners was 37 per cent in Europe, 41 per cent in China, 46 per cent in Russia, 4 per cent in US-Canada, and around 55% in sub-Saharan Africa, Brazil, and India. In the Middle East, the world’s most unequal region according to our estimates, the top 10% capture 61% of national income

Gli autori del rapporto hanno riconosciuto che la disuguaglianza economica è, in certa misura inevitabile, ma avvertono “che se l’aumento delle disuguaglianze non viene adeguatamente monitorato e affrontato, può generare vari tipi di catastrofi politiche, economiche e sociali”.

 

Fonte: http://www.dailymail.co.uk

Link: http://www.dailymail.co.uk/sciencetech/article-5178289/To-fix-inequality-look-EU-style-policies-study.html

14.12.2017

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

Potrebbe piacerti anche
blank
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix
()
x