Il ruolo della Germania nella formazione e nello sviluppo della NATO (1949-2004)

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Di Natalia Laevskaya, geopolitika.ru

Lo studio della politica estera della Repubblica Federale di Germania è spiegato dal fatto che questo paese è il principale motore economico in Europa, membro del G-7 e del G-20 e il più importante partner statunitense nella NATO. La Germania rimane il membro più “pesante” dell’UE, non solo finanziariamente, ma anche geopoliticamente, il che, ovviamente, non può che influenzare lo sviluppo dell’Unione Europea e darle il tono. Sulla base del suo potenziale, la Germania si sta impegnando per svolgere un ruolo sempre più attivo sulla scena mondiale, come confermato dalla sua volontà di prendere il posto di un membro permanente del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

L’intero corso dell’integrazione europea nella storia del dopoguerra era direttamente connesso con lo sviluppo della Germania – dapprima con con l’obiettivo di incorporarlo in istituzioni paneuropee per garantire garanzie di sicurezza europea, in seguito questo paese ha agito come un sostenitore coerente dello sviluppo e dell’approfondimento dell’integrazione europea all’interno dell’Unione Europea. Questo è esattamente il modo in cui la Germania vede la tutela dei propri interessi nazionali combinando razionalmente la politica di sicurezza nazionale ed europea.

Dopo l’unificazione, la Repubblica Federale di Germania ha acquisito una nuova qualità: l’aspetto geopolitico era l’espansione del territorio del paese e la sua posizione al centro dell’Europa, il rafforzamento del potere economico e l’aumento della popolazione. Inoltre, come ha affermato i professori Pavlov N. V. e Novikov A. A., l’unificazione del paese ha tracciato la linea finale sotto la soluzione della cosiddetta “questione tedesca”: l’abolizione dei diritti e delle responsabilità speciali delle quattro potenze in relazione alla Germania nel suo insieme, il ripristino di diritti illimitati la sovranità della politica estera e l’imposizione di una serie di obblighi giuridici internazionali in materia di politica di sicurezza e rispetto dello status quo territoriale in Europa.

Come risultato dell’unificazione della Germania, la sua posizione nell’arena politica mondiale è cambiata in modo significativo. L’unificazione del paese è stata seguita da un cambiamento nel suo contesto di politica estera (per la prima volta nella sua storia, la Germania è circondata da stati amici, con i quali ha risolto tutte le controversie territoriali e firmato trattati di confine), un cambiamento nella sentenza gabinetto e ponendo nuovi accenti nella politica estera.

Dalla sua nascita nel 1949 e per oltre quarant’anni, la NATO è stata lo strumento più importante dei paesi occidentali nella loro opposizione al sistema socialista, uno dei pilastri del mondo bipolare. Nel 1955 entrarono in vigore gli Accordi di Parigi, che includevano la RFG nell’alleanza. Dopo il crollo del Patto di Varsavia, e poi dell’URSS, la NATO ha affrontato la necessità di ricercare nuovi compiti, nuova legittimità e un nuovo significato per la sua esistenza. Pertanto, è iniziato il processo di trasformazione della NATO.

Convenzionalmente, si possono individuare le seguenti direzioni in cui si è sviluppato il processo di trasformazione della NATO: lo sviluppo della strategia militare; l’espansione del blocco; la creazione di nuove strutture come il NACC e poi l’EAPC; la riorganizzazione della struttura militare degli eserciti dei paesi partecipanti.

Il passo più decisivo verso la formazione di una “nuova” NATO è stato il concetto strategico di alleanza, adottato al vertice tenutosi a Washington il 23 e 24 aprile 1999. Nella sua essenza, questo concetto era una strategia militare di coalizione per il periodo tra la fine del XX e l’inizio del XXI secolo.

La caratteristica principale della nuova strategia della NATO era lo stretto collegamento delle azioni politiche con le azioni delle Forze Armate Unite (JAF) del blocco, comprese quelle al di fuori della zona di responsabilità della NATO. Il documento non menziona il mandato del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per tali azioni, il che è contrario alla lettera e allo spirito del diritto internazionale.

Al vertice NATO di Praga il 21 novembre 2002. Fu adottata la Dichiarazione, in base alla quale iniziò una riorganizzazione su larga scala delle strutture militari della NATO e degli eserciti dei suoi paesi membri, che aumentò notevolmente l’efficacia dell’alleanza come blocco militare.

La posizione di alcuni eminenti scienziati tedeschi che si opposero all’espansione è interessante. Ritenevano che l’espansione della NATO a est non avrebbe portato maggiore sicurezza a nessuno.

Al contrario, se l’Occidente decide di rafforzare uno dei due principali attori della Guerra Fredda, allora la possibilità di costruire un sistema di sicurezza su vasta scala, veramente democratico, basato sulla cooperazione e sul partenariato, può essere considerata completamente persa.

I politici e gli scienziati che hanno ricoperto questi incarichi hanno assegnato all’OSCE il ruolo principale nella formazione di un sistema di sicurezza europeo comune. Così, il noto politico tedesco Egon Bahr ha scritto dell’OSCE come di “un modello di sicurezza europeo, adatto anche a Stati che non possono o non vogliono aderire né alla NATO né all’Unione Europea”. La tesi che “l’allargamento della NATO da sola non può avviare uno sviluppo favorevole del processo di stabile integrazione europea… molto probabilmente, il successo dipende dalla possibilità di formare reciprocamente processi politici interconnessi”, tra cui la riforma della NATO e il miglioramento della OSCE si nota, ha condiviso G. Erler La crisi irachena ha rivelato contraddizioni nelle relazioni euro-atlantiche che esistevano in forma latente da tempo. Sono state tracciate linee di divisione non solo tra Stati Uniti ed Europa, ma anche all’interno della NATO e dell’Unione Europea. Tuttavia, non si dovrebbe esagerare l’allontanamento dei leader della RFG, così come della Francia, dalla politica di George W. Bush. Pochi mesi dopo le dichiarazioni critiche contro gli Stati Uniti, le parti si sono riconciliate. La “solidarietà atlantica” ha messo radici piuttosto profonde nel corso del mezzo secolo della sua esistenza, e ciò non poteva che avere un impatto multilaterale sull’intera attività di politica estera dei principali Stati europei. Tuttavia, dopo gli eventi dell’11 settembre 2001, e ancor più dopo il 2002-2003, è diventata evidente la necessità di un’ulteriore trasformazione dell’alleanza. Pochi mesi dopo le dichiarazioni critiche contro gli Stati Uniti, le parti si sono riconciliate.

La lotta contro le nuove minacce, in primo luogo il terrorismo internazionale, è un compito molto sfaccettato, che le forze e le strutture della NATO nella loro forma attuale non sono in grado di risolvere.

Pertanto, durante il periodo di Cancelliere di G. Schroeder, la Germania ha insistito su una maggiore indipendenza dell’Europa militarmente e politicamente, ritenendo giustamente che un tale approccio avrebbe rafforzato il sostegno europeo alla NATO, evitandone l’eccessiva “OSCE-izzazione”.

Il nuovo cancelliere Angela Merkel ha individuato come priorità le relazioni transatlantiche, correlando ancora una volta la politica estera della Germania principalmente con le azioni degli Stati Uniti. L’arrivo al potere in Francia della mentalità filoamericana H. Sarkozy ha permesso ai leader francese e tedesco di evitare significativi disaccordi con gli Stati Uniti su questioni di politica estera. Allo stesso tempo, il problema della formazione di un’identità europea si è intensificato, poiché sia la Francia che la Germania si sono concentrate proprio sullo sviluppo delle relazioni transatlantiche, principalmente nell’ambito della NATO.

Tuttavia, lo sviluppo di queste relazioni non è stato così semplice come potrebbe sembrare a prima vista. Le contraddizioni esistenti nelle relazioni transatlantiche, il peso della Germania nella NATO e nel mondo portano al fatto che la RFT e gli Stati Uniti hanno opinioni completamente diverse su alcune questioni chiave della politica mondiale. Queste divergenze si sono manifestate in modo più completo durante la preparazione dei paesi della NATO per il vertice di Bucarest e durante la sua tenuta. Alla vigilia del vertice, la Germania ha subito, infatti, pressioni senza precedenti da parte degli Stati Uniti, che hanno chiesto al governo tedesco di quasi raddoppiare il contingente della Bundeswehr in Afghanistan a 6,5mila persone. Ma il requisito principale era che la Germania inviasse queste forze aggiuntive nelle regioni meridionali.

«In Afghanistan, la solidarietà della NATO si sgretola al primo segno di pericolo», ha affermato J. Lindley French, esperto militare presso l’Accademia della difesa olandese. «Non ha senso pianificare operazioni complete in tutto il mondo se nessuno è disposto a condividere l’onere. Il grosso delle truppe tedesche è poco più che polizia stradale pesantemente armata».

Il contingente della Bundeswehr controlla le regioni settentrionali del paese, è il terzo per numero e ammonta a 3240 persone (dopo le 19 mila statunitensi e le 7,75 mila britanniche), e il rappresentante della RFT è a capo del comando regionale nel nord.

Il 29 gennaio 2008, il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti R. Geite ha inviato il suo collega tedesco F. J. Jung una lettera che, secondo il quotidiano S, era “formulata in modo insolitamente rigoroso”. Il segretario generale della NATO Jaap de Hoop Scheffer ha anche chiesto l’espansione della sfera di responsabilità della Bundeswehr in Afghanistan. Ha osservato che la Germania, in quanto uno dei principali paesi ISAF, sta svolgendo un lavoro esemplare nel nord dell’Afghanistan, ma è necessario che tale lavoro venga svolto in altre aree. Ha sottolineato che si sforzerà di garantire che i singoli paesi revochino il più possibile le restrizioni ai loro mandati. Il 10 marzo, il Segretario generale della NATO ha visitato Berlino, dove ha incontrato il cancelliere A. Merkel, il ministro della Difesa F. J. Jung, nonché con i membri delle commissioni per gli affari esteri e la difesa del parlamento tedesco. In una riunione del personale comandante della Bundeswehr, ha dichiarato, che tra alleati uguali non può esserci una situazione del genere “quando alcuni paesi stanno combattendo, mentre altri sono impegnati nella risoluzione postbellica”. Questa dichiarazione è seguita dopo che A. Merkel ha sottolineato alla conferenza della Bundeswehr a Berlino che non ha senso discutere su quale parte dell’Afghanistan sia più pericolosa. A suo avviso, anche il nord dell’Afghanistan non è sicuro, inoltre, la Bundeswehr fornisce assistenza, se necessario, agli alleati che si trovano in una situazione difficile nel sud dell’Afghanistan.

Solo nel marzo-aprile 2008, due importanti attacchi terroristici sono stati effettuati contro soldati della Bundeswehr nel nord dell’Afghanistan vicino alla città di Kunduz e lungo la strada da Mazar Sharif a Kunduz. Inoltre, i bombardamenti sui campi della Bundeswehr e l’indebolimento delle auto di pattuglia sono diventati più frequenti.

A seguito della discussione a Berlino, è stata presa una decisione poco convinta, secondo la quale un gruppo regionale di consiglieri di 50 persone ha iniziato a operare nel centro amministrativo della provincia settentrionale afghana di Takhar, Talokan. Questo gruppo fa parte della squadra di ricostruzione militare-civile di stanza a Kunduz. Il suo compito è studiare la situazione nella provincia di Takhar per il successivo dispiegamento di un’altra squadra di recupero regionale (due di queste squadre operano già nel nord dell’Afghanistan a Kunduz e Faizabad). Si prevede inoltre di inviare un’unità di combattimento della Bundeswehr di 250 persone nelle province settentrionali. La formazione aggiuntiva dovrebbe svolgere le funzioni di una forza di reazione rapida, inclusa la scorta di convogli di merci e la distruzione di basi militanti. In tal modo, il numero del contingente della Bundeswehr nella composizione aumenterà a 3,5mila persone. La Germania si è opposta all’ingresso nella NATO di Georgia e Ucraina.

Anche la Francia l’ha sostenuta in questo. A. Merkel ha spiegato la sua posizione in un discorso a una riunione del personale di comando della Bundeswehr: «Credo che gli Stati che sono attualmente coinvolti in conflitti interni e regionali non possano richiedere l’adesione alla NATO», ha detto il cancelliere. «La NATO è un’alleanza di stati uniti da comuni interessi di sicurezza, non stati preoccupati dei propri problemi interni». Inoltre, ha sottolineato Merkel, i governi di questi paesi devono ottenere il sostegno di “una parte significativa della popolazione locale, e non solo dell’élite politica”.

Un’altra questione controversa è stata il dispiegamento di sistemi di difesa antimissile statunitensi nei paesi CEE. Molti paesi dell’Europa occidentale, compresa la Germania, si opposero. Si propone invece un sistema di difesa antimissile europeo, alla cui realizzazione potrebbe partecipare anche la Russia. Il vertice della NATO tenutosi il 24 aprile 2008 non è stato solo “il più difficile”, ma, forse, il più infruttuoso. Le contraddizioni e le divergenze nelle posizioni degli alleati americani ed europei nella NATO non potevano essere eliminate, la soluzione di questioni controverse è stata rinviata “per dopo”, il che permette di parlare della sua “indecisione storica”.

Oggi, quasi 20 anni dopo il crollo del sistema bipolare, la NATO non ha trovato una ragione oggettiva per la sua esistenza, non ha sviluppato completamente un sistema unificato di metodi per attuare la sua politica, riconosciuto da tutti i paesi membri dell’alleanza. Una pubblicazione ha scritto: “Oggi, la principale causa di tensione all’interno dell’alleanza è diventata l’ambiguità sui suoi compiti attuali”. I processi di espansione hanno messo in secondo piano i problemi dello sviluppo, ma questi ultimi non per questo sono diventati meno significativi. È probabilmente prevedibile che nelle odierne condizioni geopolitiche in rapido cambiamento, la NATO sarà alla ricerca della propria identità per molto tempo a venire. La Germania ha un ruolo chiave da svolgere qui.

Tuttavia, ora la NATO ha trovato il significato della sua esistenza nella russofobia. Per ora, questa rimane la tendenza attuale.

Di Natalia Laevskaya, geopolitika.ru

15.02.2023

Fonte originale: https://www.geopolitika.ru/article/rol-germanii-v-stanovlenii-i-razvitii-nato-1949-2004

Traduzione di Alessandro Napoli: https://nritalia.org/2023/02/16/il-ruolo-della-germania-nella-formazione-e-nello-sviluppo-della-nato-1949-2004/

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
16 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
16
0
È il momento di condividere le tue opinionix