Il Culto Covidiano – La Setta degli Adepti al Nuovo Totalitarismo Globale

C.J. Hopkins

Unz.com

Uno dei tratti distintivi del totalitarismo è la conformità di massa a una narrazione ufficiale psicotica. Non una normale narrazione ufficiale, come la “Guerra Fredda” o la “Guerra al Terrore”. Una narrazione ufficiale totalmente delirante che ha poca o nessuna connessione con la realtà e che è contraddetta da una preponderanza di fatti.

Nazismo e stalinismo sono gli esempi classici, ma il fenomeno si osserva meglio nei culti e in altri gruppi sociali sub-culturali. Verranno in mente numerosi esempi: la famiglia Manson, il People’s Temple di Jim Jones, la Chiesa di Scientology, Heavens Gate, ecc., ognuno con la propria narrazione psicotica ufficiale: Helter Skelter, il comunismo cristiano, Xenu e la Confederazione Galattica, e così via.

Guardando dal punto di vista della cultura dominante (o indietro nel tempo nel caso dei nazisti), la natura delirante di queste narrazioni ufficiali è evidente per la maggior parte delle persone razionali. Ciò che molti non riescono a capire è che per coloro che ne sono preda (che si tratti di singoli membri di una setta o di intere società totalitarie) tali narrazioni non si identificano come psicotiche. Al contrario, si sentono del tutto normali. Tutto nella loro “realtà” sociale rielabora e riafferma la narrazione, e tutto ciò che la sfida o la contraddice viene percepito come una minaccia esistenziale.

Queste narrazioni sono invariabilmente paranoiche, ritraendo la setta come minacciata o perseguitata da un nemico malvagio o da una forza antagonista da cui solo l’incontestabile conformità all’ideologia della setta può salvare i suoi membri. Non fa molta differenza se questo antagonista è la cultura mainstream, i teatani del corpo [gli “spiriti infestanti” secondo scientology, ndt], i controrivoluzionari, gli ebrei o un virus. Il punto non è l’identità del nemico. Il punto è l’atmosfera di paranoia e isteria che la narrazione ufficiale genera, che mantiene i membri della setta (o la società) conformi.

Oltre ad essere paranoiche, queste narrazioni sono spesso internamente incoerenti, illogiche, e… beh, completamente ridicole. Questo non le indebolisce, come si potrebbe sospettare. In realtà, aumenta il loro potere, in quanto costringe i loro aderenti a cercare di conciliare la loro incoerenza con l’irrazionalità, e in molti casi con la totale assurdità, per rimanere in buoni rapporti con la setta. Tale riconciliazione è ovviamente impossibile, e fa sì che la mente dei membri della setta vada in cortocircuito e abbandoni ogni parvenza di pensiero critico, che è proprio quello che vuole il leader della setta.

Inoltre, i capi delle sette cambiano spesso radicalmente queste narrazioni senza una ragione apparente, costringendo i membri della setta a rinunciare bruscamente (e spesso addirittura a denunciare come “eresia”) le credenze che erano stati costretti a professare in precedenza, e a comportarsi come se non ci avessero mai creduto, il che provoca un ulteriore cortocircuito delle loro menti, fino a quando alla fine rinunciano anche solo a cercare di pensare razionalmente, e si limitano a fare da pappagallo a qualsiasi sciocchezza insensata di cui il capo della setta si riempia la testa.

Inoltre, le sciocchezze senza senso del leader della setta non sono così assurde come possono sembrare all’inizio. La maggior parte di noi, incontrando tali sciocchezze, suppone che il capo della setta stia cercando di comunicare, e che ci sia qualcosa di molto sbagliato nel suo cervello. Il capo della setta non sta cercando di comunicare. Sta cercando di disorientare e controllare la mente dell’ascoltatore. Ascolta Charlie Manson che “rappa”. Non solo a quello che dice, ma a come lo dice. Notate come sparge pezzettini di verità nel suo flusso di sciocchezze liberamente associate, e il suo uso ripetitivo di cliché pensanti, descritti da Robert J. Lifton come segue:

“Il linguaggio dell’ambiente totalista è caratterizzato dal cliché pensante. I problemi umani più ampi e complessi sono compressi in frasi brevi, altamente selettive, dal suono definitivo, facilmente memorizzabili e facilmente esprimibili. Diventano l’inizio e la fine di ogni analisi ideologica”. – Riforma del pensiero e psicologia del totalismo: Uno studio sul “lavaggio del cervello” in Cina, 1961

Se tutto questo ti suona familiare, bene. Perché le stesse tecniche che la maggior parte dei leader delle sette usano per controllare le menti dei membri dei loro culti sono usate dai sistemi totalitari per controllare le menti di intere società: Controllo del Milieu, linguaggio carico, scienza sacra, richiesta di purezza e altre tecniche standard di controllo della mente. Può succedere a praticamente qualsiasi società, così come a chiunque può cadere preda di una setta, se nelle giuste circostanze.

Sta succedendo alla maggior parte delle nostre società in questo momento. È in corso di realizzazione una narrazione ufficiale. Un racconto ufficiale totalitario. Un racconto ufficiale totalmente psicotico, non meno delirante di quello dei nazisti, o della famiglia Manson, o di qualsiasi altra setta.

La maggior parte delle persone non riesce a vedere che sta accadendo, per la semplice ragione che sta accadendo a loro. Sono letteralmente incapaci di riconoscerlo. La mente umana è estremamente resistente e inventiva quando viene spinta oltre i suoi limiti. Chiedete a chiunque abbia lottato con la psicosi o abbia preso troppo LSD. Non riconosciamo quando stiamo diventando pazzi. Quando la realtà cade completamente a pezzi, la mente crea una narrazione delirante, che appare “reale” quanto la nostra realtà normale, perché anche un’illusione è meglio del terrore del caos totale.

Questo è ciò su cui contano i totalitari e i leader delle sette, e che sfruttano per impiantare le loro narrazioni nella nostra mente, e perché i veri e propri rituali di iniziazione (in contrapposizione ai rituali puramente simbolici) iniziano ad attaccare la mente del soggetto con il terrore, il dolore, la stanchezza fisica, le droghe psichedeliche, o qualche altro mezzo per cancellare la percezione della realtà del soggetto. Una volta raggiunto questo obiettivo, e la mente del soggetto inizia a cercare disperatamente di costruire una nuova narrazione per dare un senso al caos cognitivo e al trauma psicologico che sta subendo, è relativamente facile “guidare” quel processo e impiantare qualsiasi narrazione si voglia, supponendo di aver fatto i compiti a casa.

Ed è per questo che tante persone – persone che sono in grado di riconoscere facilmente il totalitarismo nei culti e nei paesi stranieri – non riescono a percepire il totalitarismo che sta prendendo forma ora, proprio davanti ai loro volti (o, meglio, proprio dentro la loro mente). Né possono percepire la natura delirante della narrazione ufficiale del “Covid-19”, non più di quanto quelli della Germania nazista fossero in grado di percepire quanto fosse delirante la loro narrazione ufficiale della “razza superiore”. Queste persone non sono né ignoranti né stupide. Sono stati iniziati con successo a un culto, che è essenzialmente quello che è il totalitarismo, anche se su scala sociale.

La loro iniziazione al Culto Covidiano è iniziata a gennaio, quando le autorità mediche e i media aziendali hanno acceso La Paura con proiezioni di centinaia di milioni di morti e foto false di persone che cadevano per strada. Il condizionamento psicologico è continuato per mesi. Le masse globali sono state sottoposte a un flusso costante di propaganda, isteria fabbricata, speculazione selvaggia, direttive contrastanti, esagerazioni, menzogne ed effetti teatrali pacchiani. Isolamento. Ospedali da campo d’emergenza e obitori. Il personale del servizio sanitario nazionale che canta e balla. Camion della morte. Le unità di terapia intensiva che traboccano. Bambini morti per Covid. Statistiche manipolate. Squadre di sicari. Maschere. E tutto il resto.

Otto mesi dopo, eccoci qui. Il responsabile del programma di emergenza sanitaria dell’OMS ha sostanzialmente confermato un IFR dello 0,14%, all’incirca uguale all’influenza stagionale. Ed ecco le ultime stime sul tasso di sopravvivenza del Center for Disease Control:

  • Età 0-19 … 99,997%
  • Età 20-49 anni … 99,98%
  • Età 50-69 … 99,5 %
  • Età 70+ … 94,6%

L’argomento “scienza” è ufficialmente terminato. Un numero crescente di medici ed esperti medici sta rompendo le righe e spiegando come l’attuale isteria di massa sui “casi” (che ora comprende persone perfettamente sane) sia essenzialmente una propaganda senza senso, ad esempio, in questo segmento su ARD, uno dei grandi canali televisivi tedeschi mainstream.

E poi c’è l’esistenza della Svezia, e di altri paesi che non stanno al gioco con il racconto ufficiale del Covid-19, che si fa beffa dell’isteria in corso.

covid - persone in strada svezia vs resto del mondo
“Quando cerchi disperatamente di pretendere che il mondo sia afflitto da un virus apocalittico. Poi la Svezia ti smonta lasciando ognuno vivere la propria vita normalmente”

 

Non ho intenzione di continuare a demistificare la narrazione. Il punto è che i fatti sono tutti disponibili. Non da siti web di “teorici della cospirazione”. Dai punti vendita tradizionali e dagli esperti di medicina. Dal Centro per il Fottuto Controllo delle Malattie.

Il che non ha alcuna importanza, non per i membri del Culto Covidiano. I fatti non contano per i totalitari e i membri del culto. Ciò che conta è la fedeltà al culto o al partito.

Il che significa che abbiamo un problema serio, quelli di noi per i quali i fatti contano ancora, e che hanno cercato di usarli per convincere i cultisti covidiani che si sbagliano sul virus… per andare avanti otto mesi a questo punto.

Se da un lato è fondamentale continuare a riportare i fatti e a condividerli con quante più persone possibile – cosa che sta diventando sempre più difficile a causa della censura dei media alternativi e social – dall’altro è importante accettare ciò con cui abbiamo a che fare. Ciò con cui abbiamo a che fare non è un’incomprensione o un’argomentazione razionale su fatti scientifici. È un movimento ideologico fanatico. Un movimento totalitario globale… il primo del suo genere nella storia dell’umanità.

Non è un totalitarismo nazionale, perché viviamo in un impero capitalistico globale, che non è governato da Stati-nazione, ma piuttosto da entità sovranazionali e dallo stesso sistema capitalistico globale. E così, il paradigma del culto/cultura è stato invertito. Invece del culto che esiste come isola all’interno della cultura dominante, il culto è diventato la cultura dominante, e quelli di noi che non si sono uniti al culto sono diventati le isole isolate al suo interno.

Vorrei poter essere più ottimista, e magari offrire una sorta di piano d’azione, ma l’unico parallelo storico che mi viene in mente è come il cristianesimo abbia “convertito” il mondo pagano… il che non è di buon auspicio per noi. Mentre siete seduti a casa durante il blocco della “seconda ondata”, potreste voler rispolverare quella storia.

———

Fonte: https://www.unz.com/chopkins/the-covidian-cult/

Pubblicato il 13 Ottobre 2020

Traduzione per Comedonchisciotte.org a cura di Riccardo Donat-Cattin