Home / Attualità / Il colpo di stato è compiuto. Trump è finito

Il colpo di stato è compiuto. Trump è finito

DI TOM LUONGO

tomluongo.me

Se c’è una cosa che mi hanno dimostrato le ultime 48 ore, è questa: Donald Trump non sarà a lungo Presidente degli Stati Uniti. Il colpo di Stato nei suoi confronti è stato ultimato.

Lo spiegherò in modo molto semplice. Leggete i punti e provate a capirne il senso.

1 Le bugie del Deep State si stanno smascherando grazie all’ intelligenza collettiva di Internet e alla nostra capacità di sintetizzare i dati in tempo reale.

2 L’avvelenamento di Skripal e l’ultimo attacco chimico siriano hanno un aspetto comune: in entrambi i casi i funzionari governativi rilasciano giudizi e compiono azioni frettolosamente, prima che le indagini investigative ufficiali possano smentirli.

3 Trump ha fatto arrabbiare tutte le stanze del potere su entrambe le parti dell’Atlantico da quando è diventato Presidente.

4 Trump è stato una seria minaccia ai membri del Deep State e dello Shadow Government che si sono rivelati dei criminali per evitare di perdere il potere.

5  Trump deve essere neutralizzato. Ma su questo punto si è fallito, vedi il taglio delle tasse, la deregulation, gli ordini esecutivi contro l’Obamacare, il TPP e il TTIP:

5.1) Il presidente sta attaccando il solido e storico sistema di Wall Street e della City di Londra attraverso la retorica della guerra commerciale contro la Cina e l’Unione Europea.

5.2) La narrazione della collusione della Russia è fallita. Le indagini di Mueller hanno superato il limite della fantasia.

6  I rapporti tra Trump, Jinping e Putin si stavano calmando, con la conseguenza di un clima mondiale più pacifico, dal Nord Corea al Medio Oriente. Questo non favorisce i poteri consolidati a Washington, New York, Londra, Riyadh e Beirut.

7  Il progetto di distruggere la Siria, che tira avanti da ormai vent’anni, da quando fu rovesciato il regime del padre di Bashar Al Assad, rischia seriamente di fallire. John Bolton è uno degli architetti di questo progetto disastroso.

8  I tweet azzeccati di Trump dopo che gli ultimi attacchi annunciati suonavano falsi.  La scelta delle parole è stata tutta sbagliata. Giusti i toni.

9 Gli ultimi tweet di questa mattina, allo stesso modo. “Il gas uccide gli animali?” Chi sta scrivendo queste cose adesso? Un bambino delle elementari?

10 Questi tweet saranno usati come “prove” contro Trump nelle sue eventuali dimissioni o in un suo ritiro dall’incarico.

11 Devono revocare il suo documento storico reso pubblico contro l’intervento in Siria, come annullare le sue intenzioni di lasciare la Siria “molto presto”.

12 Trump non avrebbe mai scritto le sue intenzioni militari in quel modo, vedi Al-shairat, MOAB. Lo ha fatto capire chiaramente.

13 Questi tweet ed eventi passati costituiranno la base per l’accusa contro di lui di non essere adatto al suo ruolo di Presidente.

14 Dopo che gli U.S. e la coalizione di Obama e David Cameron non è riuscita nel 2013 a svelare i crimini di guerra e che la realtà dell’attacco a Douma è rivelata, e cioè che non sono state armi chimiche, Trump sarà criticato per i suoi giudizi affrettati.

15 Trump è il Comandante-in-Capo. I suoi comandanti miliari gli gireranno le spalle in un battito di ciglia e tutto ciò sarà usato come prova di una sua insanità mentale.

16 I titoli dei giornali ci stanno preparando a questo. Il partito repubblicano a questo punto è spaccato, alcuni ormai sperano apertamente in una sua disfatta.

17 All’annuncio di risposta in Siria Trump sembrava sconfitto. Non sembrava lui. E’ finito.

18 La realtà è che lui non sta prendendo queste decisioni. Queste decisioni sono state prese per lui e, come ogni presidente, è costretto a venderle come sue.

19 Se Trump resiste, la sua famiglia muore. La sua azienda distrutta. Oppure può andare avanti fare quello che può e dopo quattro anni lasciare il suo incarico in disgrazia.

20 E sarà criticato per tutto questo.

Ve l’ho detto mesi fa, quando avete fatto il patto col diavolo, in questo caso i Neoconservatori, a vostro rischio e pericolo. Quando Trump cambiò rotta sull’Afghanistan, allora si riuscì a mettere una pezza. Adesso gli sarà concesso, come a tutti i Presidenti, di giocare ai margini delle politiche interne, ma il treno della politica estera non sarà fatto deragliare.

Questo è ciò che alimenta l’Impero. Questo è il gioco. E gli eventi degli ultimi quattro giorni vi dimostrano come stanno le cose.

 

Tom Luongo

Fonte: https://tomluongo.me/

Link: https://tomluongo.me/2018/04/11/the-coup-is-complete-trump-is-done/

11.04.2018

 

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di A.B

Pubblicato da Davide