Il caso di Armita Geravand e la nuova propaganda anti-Iran dell’Occidente

DONA A COMEDONCHISCIOTTE.ORG PER SOSTENERE UN'INFORMAZIONE LIBERA E INDIPENDENTE:
PAYPAL: Clicca qui

STRIPE: Clicca qui

Armita Garawand, 16 anni, è attualmente ricoverata in ospedale a Teheran: secondo la propaganda nostrana, terminale servile di quella dell’anglosfera che imperversa quasi ovunque, l’adolescente sarebbe stata picchiata dalla polizia in metropolitana e ridotta in fin di vita, perché non indossava il velo.

Ma secondo l’analisi che segue, basata su fonti e riscontri in loco, le cose potrebbero essere andate diversamente.

Buona lettura.

Factbox: Il caso di Armita Geravand e la nuova propaganda anti-Iran dell’Occidente

presstv.ir

I media occidentali mainstream sono di nuovo all’opera con lo stesso modus operandi e lo stesso odioso obiettivo: utilizzare una giovane ragazza iraniana come strumento nei loro torbidi giochi contro l’Iran.

In precedenza, si trattava di Mahsa Amini, una donna iraniana di 22 anni, la cui morte a metà settembre dello scorso anno, per cause naturali come attestato dai referti medici, è stata oggetto di polemica da parte dei media occidentali.

Ora è il turno di Armita Geravand, una ragazza di 16 anni di Teheran che è collassata in una stazione della metropolitana domenica 1 ottobre. È diventata un nuovo strumento di propaganda occidentale contro l’Iran.

L’obiettivo rimane lo stesso, come l’anno scorso: fomentare disordini civili e rivolte nella Repubblica Islamica e spingere il progetto di ‘cambio di regime’ dei governi occidentali, in particolare degli Stati Uniti.

Le notizie pubblicate nei giorni scorsi dai principali media occidentali illustrano come queste organizzazioni mediatiche siano diventate un’estensione del complesso militare-industriale statunitense.

Cosa è successo alla stazione della metropolitana?

Secondo testimonianze e video resi pubblici, tra cui i filmati delle telecamere a circuito chiuso, la studentessa di 16 anni è entrata nella stazione della metropolitana di Shohada, nella parte orientale di Teheran, insieme alle sue amiche.

Fatemeh, una compagna di classe e amica intima di Armit che era presente al momento dell’incidente, ha raccontato ai media locali che sono arrivate alla stazione della metropolitana e tutto era normale come sempre. Ascoltavano musica, parlavano e ridevano molto, ha spiegato, smentendo la versione dei media occidentali.

Mahla, un’altra compagna di classe e amica di Armita, ha raccontato di aver raggiunto le due ragazze nell’area di attesa pochi minuti dopo il loro arrivo, e le tre hanno aspettato il treno per andare a scuola.

Quando il treno è arrivato, le ragazze si sono affrettate ad entrare nel vagone e Mahla è entrata per prima, seguita da Armita e poi da Fatemeh. Pochi istanti dopo essere entrata nella metropolitana, Armita è collassata, proprio sulla porta.

Fatemeh, che era dietro Armita, l’ha presa per le mani e Mahla per le gambe e, con l’aiuto di diverse altre passeggere, l’hanno portata rapidamente fuori dal vagone e l’hanno adagiata sul pavimento della piattaforma della metropolitana, dove hanno cercato di rianimarla.

Pochi minuti dopo, è arrivata un’ambulanza e, grazie agli sforzi degli agenti della metropolitana e di una signora che probabilmente era un’infermiera, Armita è stata rianimata e trasferita in ospedale in ambulanza.

Quali sono le notizie false ?

I media occidentali, tradizionalmente ostili all’Iran, e i cittadini sui social media hanno immediatamente diffuso la bufala secondo cui Armita sarebbe stata brutalmente picchiata dalla polizia in metropolitana per aver indossato un abbigliamento inappropriato.

Il canale Sky News, citando un cosiddetto “gruppo per i diritti umani”, ha affermato che Armita è stata “aggredita fisicamente” dalla polizia perché non indossava l’hijab, è stata trascinata fuori dal treno e ha riportato “gravi ferite”.

Il canale ultraconservatore Fox News ha riferito che la 16enne è stata “picchiata fino al coma” dalla polizia iraniana “per non aver rispettato le regole di abbigliamento sull’hijab”.

Independent ha riferito che è stata “gravemente ferita dopo essere stata affrontata da agenti della polizia morale femminile” in una stazione della metropolitana di Teheran, entrando poi in coma.

Ci sono state anche notizie false sulla “detenzione violenta” della madre di Armita, che hanno citato un famigerato gruppo con sede in Norvegia, formato da elementi anti-Iran e finanziato da Stati occidentali.

Queste notizie prive di fondamento si sono diffuse a un ritmo vertiginoso, poiché la maggior parte dei canali di informazione, dei giornali e delle agenzie di stampa negli Stati Uniti e in Europa le hanno pubblicate senza una verifica di base dei fatti.

Lo stesso vecchio esercizio di propaganda, ripreso in modo aggressivo anche dai media in lingua persiana con sede nel Regno Unito e negli Stati Uniti (propaganda anti-Iran), ha cercato di provocare gli iraniani contro il governo.

Nonostante le prove disponibili, tra cui i filmati delle telecamere a circuito chiuso, le fake news e la disinformazione hanno conquistato le prime pagine dei giornali di tutto il mondo, in un revival di come gli eventi della fine dello scorso anno sono stati coperti dai media occidentali.

Queste organizzazioni mediatiche hanno basato i loro resoconti sulle dichiarazioni rilasciate da sedicenti “attivisti” e “gruppi per i diritti umani” con sede nei Paesi occidentali, che vengono pagati per sputare veleno anti-Iran.

Manipolazione del video CCTV

Tra le manipolazioni e le distorsioni che i media ostili occidentali hanno portato avanti, l’esempio più evidente è stata la distribuzione di un video abbreviato e inconcludente dalla stazione della metropolitana.

Il filmato completo pubblicato dai media iraniani, tra cui Press TV, mostrava un gruppo di ragazze in attesa alla stazione della metropolitana, che entrano nella metropolitana mentre si ferma alla stazione di Shohada, e subito Armita si accascia, dopodiché si vedono le sue amiche che la portano fuori.

Nel filmato abbreviato e modificato condiviso nella web-sfera occidentale, la parte iniziale in cui entrano in un vagone della metropolitana è stata intenzionalmente tagliata, per cui inizia con Armita che cade e viene tirata fuori da un vagone, lasciando gli spettatori a chiedersi che cosa sia effettivamente successo prima.

In altre parole, questa manipolazione del video apre lo spazio per la menzogna di sottofondo, secondo la quale le ragazze sono state avvertite dalla pattuglia di vigilanza circa l’abbigliamento inappropriato prima di entrare in un vagone della metropolitana, nonché per un’altra menzogna, secondo la quale Armita sarebbe stata picchiata all’interno della metropolitana.

Queste due menzogne dei media anti-iraniani sono state fornite da “testimoni che desiderano rimanere anonimi” o da “fonti informate”, che è un espediente per indicare testimoni fittizi, già visti in numerosi casi.

Il video completo della sala d’attesa della metropolitana, così come le riprese con più telecamere dell’intera stazione, smentiscono tutte le bugie, non mostrando alcuna polizia vicino alle ragazze, né alcuna discussione o attacco fisico.

Il video mostra anche chiaramente che Armita è collassata entro un secondo dal suo ingresso, e un tempo così breve esclude la possibilità che sia stata “duramente picchiata” all’interno del vagone.

Quando le sue amiche la tirano fuori dal vagone e cercano di riportarla in stato di coscienza, nel video completo è evidente che non c’è alcuna interazione fisica, verbale o visiva tra loro.

Nelle dichiarazioni ai media, le ragazze hanno negato che qualcuno le abbia avvertite o aggredite, e i loro genitori hanno anche affermato che dopo aver esaminato le prove non hanno visto nulla che indicasse una discussione o un conflitto prima o dopo l’incidente.

I media ostili anti-Iran le hanno definite “testimonianze forzate”, una pratica propagandistica comune per le dichiarazioni che non si conformano alla loro narrazione distorta.

Alcuni media occidentali hanno riferito che i telefoni cellulari della famiglia sono stati confiscati e che la madre di Armita è stata arrestata, anche questo senza prove e negato dai funzionari iraniani.

Inoltre, la chiamata di emergenza registrata dalla sua amica rivela che Armita ha perso conoscenza all’interno della metropolitana, senza menzionare alcuna aggressione fisica.

Tutti i vagoni non sono dotati di telecamere e gli agenti di sicurezza non sono sempre presenti nelle stazioni, ma sicuramente non lo sono mai all’interno dei vagoni, come ben sanno i viaggiatori della metropolitana.

Voci sull’ospedale Fajr

Il fatto che Armita sia stata trasferita all’ospedale Fajr di Teheran ha dato adito a speculazioni infondate sul fatto che le autorità governative stessero cercando di nascondere qualcosa sull’incidente.

I media filo occidentali hanno sottolineato che l’ospedale era stato isolato da personale di polizia che cercava di impedire alle persone di entrare.

In seguito, quando è diventato chiaro che la presenza di forze in uniforme era normale, trattandosi di un ospedale militare, hanno iniziato a chiedersi perché Armita fosse stata portata in un ospedale di massima sicurezza.

Il motivo per cui è stata portata in quell’ospedale è semplice: è l’ospedale più vicino al luogo in cui è avvenuto l’incidente, a 1,6 km a est di Piazza Shohada, in via Piroozi, a meno di due fermate di metropolitana.

Un’altra versione propagandistica è che Maryam Lotfi, giornalista del quotidiano in lingua persiana Shargh Daily, sia stata arrestata e torturata dalla polizia per aver cercato di fare un reportage dall’ospedale.

Lotfi si era recata in ospedale senza preavviso e ha chiesto i dati medici privati di Armita, cosa ritenuta irregolare e ingiustificata, per cui il personale dell’ospedale ha chiamato la sicurezza.

La donna è stata interrogata brevemente dal personale di vigilanza e poi è stata rilasciata. Le notizie di “arresto e tortura” fanno parte della grande campagna di disinformazione attualmente in corso.

Chi sta diffondendo la disinformazione?

Esaminando attentamente le radici di questa crociata di disinformazione, è chiaro che gli attivisti anti iraniani con base in Occidente hanno iniziato a diffondere menzogne sui social network, e i primi articoli sui media sono stati pubblicati da gruppi di propaganda che operano con il pretesto dei “diritti umani”.

Tra questi ultimi, spiccano Hengaw, un’organizzazione con sede in Norvegia nota per i suoi tentativi di provocare conflitti etnici nel Kurdistan iraniano, e l’Independent Center for Human Rights in Iran (ICHRI), con sede negli Stati Uniti, di analoga natura.

Entrambe le organizzazioni hanno affermato che Armita è stata “duramente picchiata” e le loro false affermazioni sono state immediatamente citate e amplificate da grandi e piccoli media occidentali.

Anche organizzazioni sioniste come UN Watch, il suo direttore Hillel Neuer e altri individui, come il giornalista pro-Israele di Fox News Trey Yingst, hanno contribuito ad alimentare le fondamenta di questa disinformazione.

La cosiddetta “opposizione” iraniana con sede in Occidente ha trovato la materia prima da sfruttare per i suoi scopi nefasti. Si sono riversati sui social media e l’hanno amplificata vigorosamente, senza nemmeno sapere chi fosse Armita e cosa le fosse successo esattamente.

L’amplificazione della bufala sui social network è stata fatta con l’aiuto di una grande quantità di bot e di falsi profili programmati, che solamente nei primi due giorni sulla piattaforma X (ex Twitter) hanno pompato gli hashtag con il nome di Armita a 300.000.

Utilizzando le fonti sopra citate, gli articoli di disinformazione in lingua persiana hanno iniziato ad essere diffusi da un noto gruppo di media di propaganda sotto il controllo dei regimi americano e britannico, ossia BBC Persian, Iran International, IranWire, Radio Farda e VOA News.

Gli articoli in lingua inglese sono stati pubblicati per la prima volta dal Guardian del Regno Unito e da DW della Germania, entrambi con titoli sensazionali sul pestaggio, seguiti da un’ondata di articoli in altri media occidentali.

Le false accuse contro le autorità iraniane sono state mosse anche ad alto livello politico, da funzionari tedeschi e americani, che non hanno mai perso l’occasione di trarre profitto da tali campagne.

Per prima cosa, il Ministro degli Affari Esteri tedesco, Annalena Baerbock, ha definito il caso “insopportabile”. È stata seguita da Abram Paley, l’inviato speciale degli Stati Uniti per l’Iran, che si è detto “scioccato” dall’incidente.

L’intero caso di Armita Geravand ricorda molto da vicino il caso di Masha Amini dello scorso anno, poiché entrambi sono iniziati con accuse infondate e una massiccia campagna di propaganda.

In entrambi i casi, i media occidentali e i regimi occidentali si sono schierati contro la Repubblica Islamica dell’Iran. Nel caso di Mahsa Amini, la verità ha prevalso. E ciò accadrà anche per il caso di Armita.

presstv.ir

05.10.2023

Fonte: https://www.presstv.ir/Detail/2023/10/05/712147/Iran-Armita-Geravand-case-Western-propaganda

Traduzione a cura della Redazione di ComeDonChisciotte.org

ISCRIVETEVI AI NOSTRI CANALI
CANALE YOUTUBE: https://www.youtube.com/@ComeDonChisciotte2003
CANALE RUMBLE: https://rumble.com/user/comedonchisciotte
CANALE ODYSEE: https://odysee.com/@ComeDonChisciotte2003

CANALI UFFICIALI TELEGRAM:
Principale - https://t.me/comedonchisciotteorg
Notizie - https://t.me/comedonchisciotte_notizie
Salute - https://t.me/CDCPiuSalute
Video - https://t.me/comedonchisciotte_video

CANALE UFFICIALE WHATSAPP:
Principale - ComeDonChisciotte.org

Potrebbe piacerti anche
Notifica di
8 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
8
0
È il momento di condividere le tue opinionix