Home / Attualità / I voltagabbana. E se li minacciassero?

I voltagabbana. E se li minacciassero?

DI MASSIMO BORDIN

micidial.it

Questo pezzo è ironico e vietato ai cretini. Dunque, non leggetelo. Inoltre, essendo ironico, è tutta fuffa, ricco di suggestioni non comprovate. Insomma, dai, siccome non avete senso dell’umorismo, evitatelo.

Fatta la doverosa premessa, andiamo all’allegra ipotesi bufalara. Tutto parte da una riflessione facebookiana di qualche tempo fa che riguardava la possibilità che la piattaforma Rousseau non potesse esprimere la reale posizione politica degli iscritti al Movimento 5 Stelle, ipotizzando dunque la sua “manipolabilità”. Ovviamente è venuto giù il mondo. Gente che non mi ha mai cagato di pezza si è messa a pontificare facendo finta di non sapere chi sia io e quanto mi sia speso negli anni per alcune tematiche care al movimento. In sostanza, qualcuno ha approfittato del momento politico teso per darmi del complottista. Tuttavia, la polemica mi ha fatto riflettere sui voltagabbana, cioè su quelle figure che cambiano opinione facilmente. In Italia ne abbiamo una collezione forse unica al mondo, soprattutto in campo politico. La base del movimento, a quanto posso constatare discutendo con le persone, non mi sembra affatto aver cambiato idea. Si tratta di un elettorato molto interclassista, che nel corso degli anni ha appoggiato Beppe Grillo e Casaleggio soprattutto per dare uno schiaffo alla politica tradizionale. In altri termini, l’elettorato 5stelle è composto da operai, impiegati, imprenditori accomunati dalla contestazione del sistema. Chi a marzo 2018 ha votato movimento e lega lo ha fatto perchè contrario alla politica del governo precedente, guidato da un partito – il PD – a torto o a ragione considerato la quintessenza del “sistema”. Credo che, almeno su questo, non ci siano dubbi.

Ai primi di agosto di quest’anno, però, è cambiato tutto. Il padre spirituale del movimento, Beppe Grillo, ha cominciato a parlare di “barbari”. “Non possiamo lasciare il paese ai barbari”, ha detto. I più attenti avevano subito notato che lo scongelamento di Grillo non sembrava essere casuale. Se n’era stato zitto per mesi; anzi, per anni, e poi se ne esce con questa bomba? A farla detonare ci aveva pensato poche ore prima Matteo Salvini, accendendo la miccia del voto. Fu così che i leaders del movimento, con Grillo alla loro testa, si defilarono dal governo formandone un’altro proprio col PD. E siamo alla cronaca di questi giorni.

Dunque, a far cadere il governo non c’ha pensato la piattaforma Rousseau, nè lo spread, ma Salvini (prima) e Grillo (poco dopo), direi a parimerito. La tempistica di Grillo, però, mi ha fatto molto riflettere. Sennò, che complottista sarei? Grillo ha risposto a Salvini subito, un tempo si sarebbe detto “a stretto giro di posta”. Eppoi, questa è la cosa più curiosa, all’attacco di Salvini ha risposto LUI, e non la base appositamente interpellata, o il leader ufficiale del movimento Luigi Di Maio, o l’homo novus Giuseppe Conte. No no, ha risposto proprio LUI, Grillo, che si era messo nel freezer da mesi e che dentro al partito non ricopre alcun incarico ufficiale.

L’articolo sul blog dove parla dei barbari, però, non sembrava preparato da tempo. Questo no, ma da giorni forse si, se è vero che a fine luglio una modella svedese aveva fatto partire le indagini a carico del figlio di Beppe Grillo, Ciro, per violenza sessuale di gruppo. La coincidenza (è ovvio che si tratti di coincidenza) mi ha fatto tornare alla mente un’altra coincidenza. Era l’estate del 2011 e Silvio Berlusconi sembrava saldamente ancorato alla sua poltrona di Presidente del Consiglio, forte del mandato degli elettori e sprezzante nei confronti della crisi (“i ristoranti sono pieni”) e dello spread. Quand’ecco che… Quand’ecco che iniziano le vendite furibone delle società in Borsa della famiglia Berlusconi. Ogni giorno, milioni di euro bruciati e le quotazioni tutte di un colpo vanno a finire sotto i tacchi. Puf, come per magia, Berlusconi fece un passo indietro e arrivò LEUROPA, sotto il loden rassicurante di Mario Monti.

Ora Grillo si rifà vivo proprio quando il figlio è sotto attacco giudiziario, e per un reato gravissimo come lo stupro di gruppo, secondo le accuse a quanto pare consumato nella villa di Grillo a Porto Cervo (chi di voi ambientalisti non ha uno straccio di villa aPorto Cervo?). Io non posso neanche pisciare in giardino di notte che un’ora dopo lo sa tutta la città, ma l’opinione pubblica italiana è stata informata di indagini sul figlio di Grillo solo ora, e non ai primi di agosto.

Cosa voglio dire con questo?

NIENTE!!!

MA SAPETE CHE VUOL DIRE NIENTE DI NIENTE DI NIENTE?

L’ho detto sopra: è un post ironico, divertente, ahahaha. Siamo sulla scia del complottismo che va tanto di moda di questi tempi. Che ridere! Piaciuta la satira? Faccio un meme? Sono davvero spassoso.

(Anch’io tengo famiglia)

 

Massimo Bordin

Fonte: http://micidial.it

Link: http://micidial.it/2019/09/i-voltagabbana-e-se-li-minacciassero/

9.09.2019

Pubblicato da Davide

21 Commenti

  1. I dettagli della vicenda del figlio di Grillo non sono conosciuti.Commento il fatto che la vicenda e’ stata tenuta nascosta, piu’ di un mese per ragioni ovvie.Se Grillo invece di trattare con PD, trattasse per la formazione di un governo contro Europa, i media meanstream del sistema avrebero mantenuto il silenzio del fatto?(lo mantengono tutt’ora) .Ho fortissimi dubbi.

  2. Quindi Salvini ha basato la sua decisione sul post di Grillo dato che lui prima aveva fatto saltare il governo. Ora mi e’ chiaro

  3. dovremmo noi tutti minacciarli PRIMA di dar loro il voto!

  4. Ma, allora…Gombloddooooo!!!!

  5. Ieri sera dalla Gruber De Benedetti ha vuotato il sacco e ha detto che Zingaretti è stato sottoposto a pressioni da Francoforte, Berlino, Vaticano e ambasciata americana. È molto probabile che anche Grillo, come fondatore del movimento sia stato sottoposto a pressioni dirette, non c’è solo il problema del figlio. La cifra di quasi 80% degli iscritti alla piattaforma Rousseau favorevoli al nuovo governo mi sembra piuttosto sospetta.

  6. Al netto della satira, ben prima che il M5S salisse al potere dicevo che tutta la questione si giocava sul MUOS. Poi sulla TAV. sui VAX, sull’euro. Fallita la missione MUOS non restava che far fallire anche tutte le altre. Un po’ come è avvenuto in Grecia con Syriza, no? I padroni del vapore hanno capito come manovrare i capopopolo e costoro si guardano bene dal contrastarli. Nonostante siano molto distanti dalle mie preferenze politiche, le Brigate Rosse sono da ammirare per quanto sapevano sacrificarsi per un ideale. Questi per gli ideali sanno solo venderli. All’offerente unico, ovviamente.

  7. Non solo Grillo, ma ovviamente anche Salvini potrebbe aver subito la sua parte di pressioni, minacce, e nello stesso tempo anche magari promesse di una qualche forma di soddisfazione in carriera, visto che a differenza di Grillo, lui è tuttora attivo in politica, con prospettive future che certo Grillo non ha. Non dimentichiamo che se il PD non è morto, anche se molti hanno creduto che potesse accadere, è anche perché una parte non trascurabile degli italiani non vuole abbandonare l’Europa e ritiene il PD la migliore opzione affinché ciò non accada. Vedremo cosa farà questo governo, ma anche se dovesse fallire totalmente con l’Europa, quelli che verranno dopo già da ora non sembrano per niente bramosi di rompere, alla faccia del sovranismo.

  8. Gli stati, ed i regimi politici che li sostengono, sono fondati sulla ‘legittimità’. Nel medioevo era legittimità dinastica, da cui le lotte oggi incomprensibili circa pretese fondate sulle origini del lignaggio a ciò utile. Nell’epoca moderna la legittimità si presenta come diritto fondato sul metodo democratico elettivo, per la forma, e per il contenuto sul ‘dirittoumanismo’, ovvero sull’assenza di coercizione circa i diritti dei singoli cittadini, sia nell’esercizio del voto sia più in generale sulle loro libertà civili ( da cui le molte sfaccettature del termine ‘liberismo’, in sè già polimorfo ): in altri termini, l’esito del voto costituisce la legittimazione al governo. La domanda che ci si può porre oggi è: la repubblica italiana ha perso legittimità avendo istituito a metodo politico l’ investitura esterna al posto del metodo elettivo come è avvenuto negli ultimi anni ? In altri termini, da Napolitano in avanti è stato detto e praticato un metodo per cui le elezioni, indice della volontà popolare, sono considerate secondarie rispetto a più ampie compatibilità politiche derivanti da esigenze internazionali. Se quello che ho sommariamente indicato è attendibile, ne risulta che OGGI i fondamenti della legittimità della repubblica italiana post ’45 sono caduti. Normalmente occorre del tempo prima che questo si riverberi in una nuova definizione formale delle origini del potere politico: e la storia indica, oltrechè nella ‘ruota’ storica delle forme di governo, che questo avviene quasi sempre con la violenza. Questa, più che essere levatrice della storia, è il becchino delle forme passate di governo ed insieme il contraddittorio desiderio di un ripristino di condizioni ottimali proiettate in un passato idealizzato, mero desiderio retrospettivo. Penso che manchi la coscienza della fase terminale, piena di possibilità ed insieme di pericoli, in cui versa oggi la repubblica italiana. Il reset è alle porte e manca solo un elemento per il suo inizio: a chi sarà imputabile la responsabilità degli avvenimenti che si produrranno.

  9. seguite i soldi ,quelli veri (black rock-state street-Vanguard)

  10. Ma dai siamo seri! Quattro ragazzotti di buona famiglia con villa a porto cervo di papà che vanno in discoteca e che ne escono fuori con una (già qui qualcosa non quadra, ai miei tempi se avessimo avuto quelle possibilità saremmo usciti almeno con 12 pacchione, anche se le donne, ancora puntavano alla verginità sino all’altare) dicevo una sola “modella” ( nelle discoteche di Briatore, le chiamo così), che con quattro svertebrati, và nella villa di papà (probabilmente invitata da uno di loro, furbamente, a vedere la collezione di uccelli di Grillo- noto ornitologo) e subisce acconsenziente violenza sessuale (ma se ne accorge solo finete le ferie) e salta fuori pure un filmato dell’orgettina- il tutto per ricattare Grillo (che al più rischiava di staccare un’assegno alla “modella” di qualche migliaio di euro) ma siete proprio complottisti irrecuperabili.
    Piuttosto parliamo di cose serie, la storia di droga, alcol, transessuale, richiesta di riscatto di Lapo Elkann come è andata a finire ?

  11. vorrei lanciare una provocazione ,facciamo una ipotesi :
    1)prima o poi si tornera alle urne ,la Lega con o senza salvini prende la maggioranza insieme a FDI meloni o no , diciamo che i due gruppi rimangano delle stesse idee odierne ,e che il berlusca non sia influente FI ,quindi i due lega/fdi abbiano la maggioranza assoluta .
    cosa succederebbe nel paese????
    chi sono attualmente le 5 colonne all interno di lega e fdi che assicureranno che non si faccia quello che questi due schieramenti vorrebbero fare?
    riuscite ad oggi ad individuarli?perche e` ovvio che si sta gia infiltrando delle 5 colonne all interno di un partito che rischia di prendere il 35/40% dei consensi

  12. beh io non mi stupirei se ci fosse la connessione ironicamente ipotizzata nell’articolo. Quello che mi lascia perplesso e’ l’equazione M5S-Lega governo anti-establishement Vs M5S-PD governo del sistema. Per storia e azioni politiche Lega e PD sono entrambi partiti perfettamente funzionali la sistema. Entrambi liberisti sebbene con sfumature un po diverse sulla relazione da tenere con la UE. Io davvero non capisco tutto questo dibattito sul ‘tradimento’, il ritorno all’ovile etc.

  13. La firma di Grillo sul ‘Patto sulla scienza’ era altro momento che mi ha fatto pensare a possibile ricattato. Per chi conosce le sue uscite in passato sulla questione Big Farma e vaccini non poteva che restare con la bocca splancata.

  14. negli anni 60/70 non si poteva uscire dal seminato e quando qualcuno ci ha provato sono saltate banche, treni e tanti morti ammazzati, ma tutto sotto controllo, Moro ha fatto la fine che Kissinger gli aveva annunciato e lo status quo riportato a livelli di normalità
    oggi si lavora molto piu’ raffinatamente, con la finanza ed i ricatti sembra che almeno i morti li stiano evitando.
    Rimane il fatto che da ragazzo guardavo i film di 007 e la SPECTRE mi sembrava una barzelletta.
    Oggi mi sembra quasi che si viva in un Truman show ..
    Spero di sbagliarmi

  15. per continuare con la fanta_ironia, chissà se a Salvini è stato ricordato che in ottobre “festeggiano” il decennale della morte di Jörg Haider?

  16. Ma che debba esser successo qualcosa é abbastanza plausibile. Francamente tutto questo mi da solo un enorme senso di vuoto.

  17. A riprova che a pensare male bla bla bla sul sito del corriere la notizia è data ma con pochissima enfasi e quasi di sfuggita. Ricordo invece molta più importanza data a quella riferita all’ incidente di Grillo in cui morì una donna anni fa.

  18. Lo dicevo che era un Gomblottone…mi chiedevo anch’io come mai???!!!111(LOL)

    Proprio 2 giorni fa commentavo ironicamente..ovvio…tutti teniamo famiglia:)

    -Fine Luglio 2019 il Ministro dell’Interno nonchè vice premier e alleato
    di governo del Ms5, viene a sapere di una denuncia nei confronti del
    figlio di Grillo dalla procura di Milano.
    -Agosto 2019 lo stesso Ministro dell’ interno fa cadere il Governo
    -Passano le ore…e il Capitone sfiducia la sua stessa sfiducia(LOL)
    -Passano alcuni giorni ed il Governo è caduto per un complotto PD-Bruxelles-Macron-Renzie-Conte-Merkel.
    -Settembre 2019 arriva il governo Conte2…pochi giorni dopo inizia a circolare la notizia sul
    figlio di Grillo…Mmmhhh…..Gomblottone all’ orizzonte??
    Ma poi Salvini fidanzato da aprile 2019 con la figlia di Verdini??il complotto dei Mattei??LOL

    p.s.: facciamo un pò d’ironia in tempi di profonda tristezza, ma la realtà è un incredibile teatrino di maschere carnevalesche.

  19. C’è sempre una ipotesi a sostenere ciò che vorremmo fosse ma ci vorrebbero delle prove, io vedo che il cialtrone sta lì a far propaganda di gadget elettronici e altre amenità commercializzabili che naturalmente potranno far parte dell’internet delle cose, quindi 5G e ha completamente perso di vista i problemi sociali più importanti.
    Se fosse vero che il suo movimento è nato in buona fede vuoi che adesso in seguito a presunte minacce lui cambi completamente verso politico diventando Renzi bis?
    Assurdo! Anche un uomo di merda si ritirerebbe piuttosto che perdere faccia é dignità. Un uomo vero continuerebbe la lotta facendosi molti alleati.
    Credere ad uno che fa parte del circo VIP che casualmente é diventato leader di un Movimento grazie anche alla sua notorietà oltre che a tutti i suoi bei discorsi socio politici ora dimenticati non è segno di particolare acume politico.

  20. Ora…da persona ignorante quale mi reputo, ovviamente non ho capito il post sopra citato quindi mi accingerò a commentarlo da persona semplice …io credo che alcuni ideali vadano oltre anche la vita stessa figuriamoci se soppesati ad una presunta accusa di stupro, ci sono persone che hanno dato la vita per la patria, persone che l’hanno data per fomentare rivoluzioni popolari contro il sistema e tanti altri fulgidi esempi di integrità e coerenza che la storia ci consegna, per cui una marcia indietro su tutto quello detto in anni di propaganda non è per me scusabile se non con una malafede premeditata! Ovviamente questo è il mio soggettivo punto di vista e ripeto da persona semplice che analizza i fatti in accadimento!

Lascia un commento